AlbanieAllemagneAngleterreArméniePays basqueBiélorussieBulgarieCatalogneCroatieDanemarkEspagneEstonieFinlandeFranceGalicePays de GallesGéorgieGrèceHongrieIrlandeIslandeItalieEmpire romainLettonieLithuanieMacédoineMalteNorvègePays-BasPolognePortugalRoumanieRussieSerbieSlovaquieSlovénieSuèdeTchéquieUkraïne
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

Il villaggio di Tahíche e la Fondazione César Manrique a Lanzarote

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Fuerteventura] [Gran Canaria] [La Gomera] [La Palma] [Lanzarote] [Teneriffa] [El Hierro] [Pagina d’inizio] [Canarie] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
Tahíche è una città sud-est dell’isola di Lanzarote. Originariamente borgo agricolo, la sua vicinanza alla capitale dell’isola, Arrecife, realizzato - in parte - a Tahíche una comunità camera da letto: la maggior parte dei suoi abitanti - circa 4.000 - sono al lavoro per Arrecife. Tuttavia Tahíche fa parte del comune di Teguise. Anche sul territorio di Tahíche una scuola del turismo e del centro penitenziario di Lanzarote, che si trova nel sud-est della città.

Ma Tahíche è fortunatamente conosciuto per essere il luogo in cui l’artista e architetto César Manrique costruito la sua casa, che è ora la sede della Fondazione César Manrique. Nel 1992, Manrique è stato ucciso in Tahíche in un incidente stradale, nei pressi della sua Fondazione.

VisiteVisite

VillaInizio di César Manrique
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. I campi di lava intorno alla casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.César Manrique è tornato a vivere nella sua isola natale nel 1966, dopo quasi venti anni in Spagna continentale e due anni di vivere a New York, 1964-1966. Camminando con l’auto nei pressi di Tahíche con un amico di famiglia, José Ramírez CerdáPepín » Ramírez), ha notato i rami verdi di un albero di fico aderenza di un campo di lava nera inospitale e ha chiesto al conducente di s fermarsi per esaminare il posto. Manrique ha scoperto che il fico è stato spinto all’interno di una cavità vulcanica formata nella lava da una bolla di gas e il cui tetto era crollato; Ha anche scoperto altre quattro bolle nelle vicinanze. Questo campo di lava viene da eruzioni del XVIII secolo, tra il 1730 e il 1736 abbastanza dispositivi remoti eruzioni vulcaniche di Montañas del Fuego che sono nati in quel momento.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Bougainvillea all'ingresso della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Poco dopo, César Manrique ha detto Pepín Ramírez che era stava per costruire la sua casa, Pepín Ramírez ha risposto, scuotendo la testa incomprensione. Il proprietario del terreno ha mostrato la stessa mancanza di comprensione da rifiutare qualsiasi pagamento per l’acquisto di questo terreno inospitale; ha anche detto César Manrique a prendere tutta la terra che voleva.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Ingresso alla casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Inizio di César Manrique è stata completata nel 1968: l’artista, il cui «credo» è stato l’integrazione di arte nella natura (Arte-Naturaleza), era riuscito a creare un insieme armonioso che unisce senza intoppi, la formazioni di lava e costruzioni artificiali. César Manrique chiamato la sua casa Taro de Tahíche (Capanna di Tahíche); un taro è capanna di un pastore in pietra a secco.

I cinque cavità vulcaniche erano collegate da cunicoli e trasformati in salotti, mentre gli edifici di superficie si sono ispirati l’architettura tradizionale di Lanzarote, costruire le forme cubiche, ma con tocchi contemporanei come grande camere, ampie finestre e terrazze.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Cortile interno della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Le pareti, bianche, contrastano drammaticamente con la lava basaltica scura. Questo rimane stravagante, unico, è apparso in quasi tutte le riviste di architettura e stile di vita nazionale e internazionale.

César Manrique ha vissuto in Taro de Tahíche 1968-1988; in quella data si trasferisce a Haría per non essere disturbato nel suo lavoro da parte dei visitatori alla sua fondazione. Inizio di César Manrique merita una visita a prescindere dalle mostre d’arte Fondazione moderni.

Gli edifici di superficie della casa
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Malesia Banyan (Ficus microcarpa). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Pianta della Fondazione César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Una volta attraversato il cancello d’ingresso di proprietà, le prime costruzioni che il visitatore vede alla sua sinistra sono i locali dove il personale residente che si occupava della casa di César Manrique; questi edifici sono ora utilizzati come uffici della Fondazione.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Bougainvillea all'ingresso della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Poco dopo l’ingresso della proprietà si può vedere sulla sinistra, un grande banyan di Malaysia (Ficus microcarpa) piantato da César Manrique nei primi anni 1980.

L’ingresso alla casa è attraverso una porta sormontata da un magnifico bouganville, che si apre su un piccolo cortile piantato con cactus e euforbie.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La bolla bianca (bubble Blanca) nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Cortile interno della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Nel cortile si può vedere l’apertura di un bolle basamento vulcanico (burbuja blanca) che supera la cima di un albero di palma; notiamo anche lì le ossa di animali che sono stati scoperti in recessi vulcaniche del piano interrato al momento della costruzione. Questo approccio è tipico di César Manrique spesso incorporati negli elementi decorativi rinvenuti in loco.
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. I campi di lava visto dall'interno della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Dal momento che tale giudice si entra nel grande salone della casa (n° 1 sulla pianta), tra i quali si segnala una cupola di vetro che copre l’apertura del rosso vulcanico seminterrato bolla (burbuja roja); questa cupola ha portato alla luce di un albero morto oggi. Accanto alla cupola è la scala a chiocciola che era - al momento - l’unico modo per accedere cavità sotterranee. Questo soggiorno è illuminato da grandi finestre con vista sul campo di lava. Il soggiorno è stato trasformato in una stanza della collezione privata d’esposizione (Colección particular) di César Manrique.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Terrazza della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).A sinistra del salotto era una stanza (n° 2 sulla pianta) è ora la sala d’esposizione «Espacios» dove si possono vedere i progetti e le fotografie di alcune opere d’arte pubblico di César Manrique. Dal soggiorno si può accedere ad una terrazza di fronte al soggiorno, che offre un ampio panorama del campo di lava in cui è stata costruita la casa, e una vista giù nel jameo in cui è stata costruita la piscina.

Sulla destra del soggiorno era la camera da letto di César Manrique (n° 3 sulla pianta) che è stato convertito in schizzi sala espositiva («Bocetos»), dove si possono vedere alcuni dei suoi disegni, appunti, schizzi per pitture murali, sculture, ceramiche e disegni.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. L'accesso al seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il livello superiore della casa comprende anche una camera per gli ospiti, una cucina - in cui è esposto oggi l’opera grafica di Manrique - e un bagno con abbondante vegetazione.

Dal momento che la vecchia camera da letto (n° 3 sulla pianta) può uscire in un cortile (n° 4 sulla pianta), dove una rampa di scale in rocce basaltiche che conduce alle camere a convertito cavità sotterranee. Questa rampa è stata aggiunta durante la trasformazione della casa in un museo per facilitare il movimento dei visitatori.

Lo scantinato della casa
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. L'accesso al seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Mappa del seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. accesso Tunnel al toro bianco nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il piano interrato della casa si compone di cinque cavità vulcaniche: quattro bolle di gas - circa 5 metri di diametro - lasciate dalla lava e tubo vulcanica il cui tetto è crollato (jameo), dove oggi è la piscina.

César Manrique stava scavando tunnel nella lava basaltica per collegare i cinque cavità. I quattro bolle sono arredate semplicemente in stile contemporaneo alla fine del 1960, con sedili in pelle il colore dà il nome a ciascuna delle bolle; il pavimento e le pareti sono bianche e formano un forte contrasto con le volte oscure.

L’accesso alla prima cavità vulcanica attraverso la rampa e attraverso un tunnel scavato nella lava e imbiancata.

La bolla bianca (burbuja blanca) (n° 5 sulla pianta) è arredata con mobili bianchi; il centro della camera è una palma cui cresta si estende fuori nel piccolo cortile all’ingresso della casa.
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La bolla bianca (bubble Blanca) nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La bolla bianca (bubble Blanca) nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La bolla bianca (bubble Blanca) nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.
Della bolla bianca un tunnel conduce alla bolla rossa (burbuja roja) (n° 6 sulla pianta), che si trova al di sotto del soggiorno. Al centro della stanza, un fico morti sporge in salotto; sarebbe il fico leggendaria che César Manrique aveva notato nel mezzo del campo di lava, e che ha deciso di costruire la sua casa lì. Dal soggiorno (n° 1 sulla pianta) consentito una scalinata giù nella bolla rossa; questa scala è chiusa ai visitatori. La bolla rossa servito da stanza di compensazione per trascorrere camere residenziali nel seminterrato.
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La bolla rossa (bubble Roja) nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La bolla rossa (bubble Roja) nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La bolla rossa (bubble Roja) nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La bolla nera (bolla negra) nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La bolla gialla (bubble amarilla) nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.La bolla rossa comunica con il jameo (n° 7 sulla pianta), dove la piscina, e con la bolla gialla (burbuja amarilla) (n° 9 sulla pianta). Dal momento che i tunnel bolle gialle portano alla bolla (burbuja negra) (n° 8 sulla pianta) e l’ex studio del pittore (n° 10 sulla pianta).

Il toro nero è una sala sorretta da quattro pilastri; comunica anche con la piscina.

PiscinaLa piscina
La piscina nel seminterrato della casa è stata costruita in fondo a un jameo, un tubo di lava vulcanica il cui soffitto è crollato. Questa piscina, con i colori blu e bianco, prefigura quello che César Manrique realizzato per evidenziare un altro jameo, il Jameos del Agua, nei pressi di Haría.
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La piscina della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La piscina della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La piscina nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La piscina nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. La piscina nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Barbecue della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La parte inferiore del jameo è stato piantato con una vegetazione lussureggiante, e una zona relax è stato dotato di una piccola pista da ballo, un forno e un barbecue.
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Fico nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Fico nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Fico nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Il vecchio studio del pittore
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Driveway nel seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Flusso di lava di entrare nella casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Dal momento che la bolla gialla (n° 9 sulla pianta) andiamo a quello che era il laboratorio di César Manrique (n° 10 sulla pianta). Attraverso una finestra una lingua di lava entra nella casa a sottolineare l’integrazione dell’edificio in natura.

Questo spazio è stato ampliato in apertura della Fondazione; possiamo vedere una mostra permanente delle sue opere («Raccolta Manrique »).

Giardino di cactusI giardini
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Giardino César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Giardino César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.All’uscita della ex studio ci dirigiamo verso l’uscita da una terrazza (n B sulla pianta) e poi, dopo una scala, un altro terrazzo occupato da un giardino paesaggistico da César Manrique nella trasformazione della casa Fondazione museo.
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Giardino César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Giardino César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Giardino César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.
Su una parete di questo giardino Manrique ha realizzato nel 1992, un mosaico astratto fatto di piastrelle di ceramica separati da pietre vulcaniche.
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Giardino César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Giardino César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Giardino César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.
NegozioIl negozio
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Riproduzione cellulare «Giocattolo del Viento» in vendita presso il negozio della Fondazione César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. scultura mobile «Giocattolo del Viento» (vento Giocattolo), primi anni 1970. Clicca per ingrandire l'immagine.L’ex garage della casa è stata trasformata in una caffetteria (C sulla pianta) e bar / libreria (n D sulla pianta), dove si possono acquistare souvenir, come ad esempio la riproduzione di una scultura mobile César Manrique, il giocattolo del vento (Juguete del Viento). Lasciando la casa si è di fronte con l’originale di questa scultura mobile. Questa scultura è a volte sostituito da un altro chiamato «La Energía de la Pirámide» (Il potere della piramide).

Le vendite del negozio, come i ricavi di biglietteria sono utilizzati per finanziare le arti, la cultura e l’ambiente della Fondazione César Manrique.

La Fondazione César Manrique
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Cancello d'ingresso della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.La Fondazione César Manrique è una fondazione culturale privata senza scopo di lucro, fondata nel 1982 dall’artista e una cerchia di amici; il suo scopo è di promuovere un’architettura in armonia con l’ambiente naturale.

Nel 1988 Manrique spostato al nord dell’isola, Haría, in una semplice casa tradizionale in modo da poter lavorare senza essere disturbati dai visitatori della Fondazione.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. L'accesso al seminterrato della casa di César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Dal 1988-1992 César Manrique ha curato se stesso trasformando la sua casa in un museo della Fondazione. La struttura dell’edificio è stato conservato nel suo stato originale, ma per facilitare il movimento dei visitatori, accesso al seminterrato era disposto in forma di basalto rampa esterna; Laboratorio César Manrique è stato ampliato per ricevere una raccolta delle sue opere; un giardino a terrazze è stato creato presso il laboratorio dell’artista e decorata con un mosaico realizzato da lui verso la fine del 1991 e all’inizio del 1992.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Giardino César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Nel 1992 Manrique ha donato la sua casa, Taro de Tahíche, la Fundación César Manrique e il museo è stato inaugurato ufficialmente nel marzo 1992; la casa è diventata la sede della Fondazione. Sei mesi più tardi, nel settembre 1992, l’artista è morto in un incidente stradale nei pressi del Taro de Tahíche.

La Fondazione César Manrique conserva e diffonde il lavoro dell’artista e gestisce altri siti culturali creati da lui, come il Mirador del Río o Cueva de los Verdes.

Museo d'arte modernaIl Museo d’Arte Moderna della Fondazione César Manrique
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Scultura Cesar Manrique «El triunfador» (The Triumphateur) 1989. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. scultura mobile «Giocattolo del Viento» (vento Giocattolo), primi anni 1970. Clicca per ingrandire l'immagine.Il Museo d’Arte Contemporanea della Fondazione César Manrique è stato inaugurato ufficialmente nel 1994.

Fuori, prima di entrare nella casa, si possono vedere due sculture di César Manrique, una scultura mobile «Juguete del Viento» (vento-giocattolo) e «El Triunfador» (Il trionfatore).

Nel vecchio soggiorno (n° 2 sul piano) si trova la raccolta privata d’arte contemporanea, che apparteneva a César Manrique Colección particular»), con — in alternativa — delle opere di: Eduardo Chillida, Martín Chinijo, Modest Cuixart, Gerardo Delgado, Francisco Farreras, Pedro Gonzalez, José Guerrero, Joan Miró, Manuel Mompó, Pablo Picasso, Eusebio Sempere, Antoni Tàpies

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. metallo di scultura di Cesar Manrique «Homenaje al Mar» (Omaggio al mare). Clicca per ingrandire l'immagine.Nella vecchia stanza (n° 2 sulla pianta) è la sala d’esposizione «Espacios», che mostra i piani di costruzione per opere di César Manrique, e le fotografie di alcuni della sua arte pubblica mostrando l’integrazione dell’arte in natura.

Nella vecchia camera da letto (n° 3 sulla pianta), è diventato la sala d’esposizione «Bocetos» (Schizzo), si possono vedere le note, schizzi di pitture murali, disegni, sculture e ceramiche mobile.

Parte della collezione grafica, tra cui opere di Picasso e Miró, si trova accanto all’ingresso, dove la cucina era in precedenza.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Oggetti di laboratorio César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Oggetti di laboratorio César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Nel primo studio del pittore presentata una vasta selezione di dipinti di César ManriqueColección Manrique»), che mostra l’evoluzione stilistica di César Manrique, dal momento che la sua prima opera naturalista classico al suo lavoro astratto.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Oggetti di laboratorio César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Oggetti di laboratorio César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Oggetti di laboratorio César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Seat Ibiza dipinto da César Manrique per il Motor Show di Barcellona 1987. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Seat Ibiza dipinto da César Manrique per il Motor Show di Barcellona 1987. Clicca per ingrandire l'immagine.Infine, nella terrazza-giardino, che si trova poco prima dell’uscita, si può vedere un affresco gigante da Manrique, nel 1991 e 1992, utilizzando la pietra lavica e ceramica.

Vicino la caffetteria e il negozio si trova ad affrontare un dipinto del corpo di una Seat Ibiza; questo dipinto fu commissionato per il Salone della Macchina di Barcellona nel 1987.

ConoscenzeStoria, geografia, arte, tradizioni, flora …

PersonaggiPersonaggi
César Manrique
César Manrique è nato nel 1919 a Arrecife in una famiglia di classe media ed è cresciuto nella città vecchia, in tutto il Charco de San Ginés, in seguito, si contribuirà a riabilitare. Trascorre la sua vacanza estiva nel nord dell’isola, La Caleta de Famara, un luogo che probabilmente ha ispirato il suo amore per il patrimonio naturale di Lanzarote.

All’età di 18 anni, nel 1937, César Manrique arruolato come volontario nel campo nazionalista durante la guerra civile spagnola che infuriò per un anno. Ha servito prima nel corpo di artiglieria di Ceuta e combattuta su diversi fronti nella penisola iberica.

Dopo la guerra civile ha iniziato a studiare architettura presso l’Università di San Cristóbal de La Laguna a Tenerife. Dopo due anni, nel 1942, tiene la sua prima mostra personale a Arrecife e ha lasciato le isole Canarie per entrare alla Scuola di Belle Arti di San Fernando (Escuela Superior de Bellas Artes de San Fernando) a Madrid, grazie ad un comunione della Capitaneria Generale delle Isole Canarie. César Manrique è stato concesso nel 1945, si è laureato professore di disegno e pittura.

Dal 1945-1964 César Manrique vive a Madrid. Nel 1950 ha creato pitture murali per il Parador de Turismo de Arrecife. Poi, nei primi mesi del 1950, ha fatto un soggiorno di alcuni mesi a Parigi dove è stato influenzato da Jean Dubuffet e il movimento informaliste. Nel 1953, ha fatto un primo murale non figurativo per l’aeroporto Guacimeta d’Arrecife. Nel 1954 ha partecipato alla creazione della prima galleria d ’arte non figurativa di Spagna, la Galería Fernando Fé, dove ha fatto la sua prima mostra d’arte astratta. Ha partecipato a numerose mostre in Europa e America Latina. Nel 1964 espone al Museo Guggenheim di New York, poi ha vissuto negli Stati Uniti fino al 1966.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Quote César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Nel 1966 César Manrique è tornato a vivere sulla sua isola casa di Lanzarote - dove lo sviluppo turistico è già iniziato - con l’idea di controllare questo sviluppo di salvaguardare il patrimonio naturale e culturale dell’isola. Egli è supportato in questo progetto da parte del presidente del Cabildo Insular de Lanzarote 1960-1974, José Ramírez CerdáPepín » Ramírez), che è un amico della sua famiglia. Il progetto di Manrique prevede di consentire solo lo stile ei colori degli edifici della tradizione Lanzarote, di rinunciare edifici su due piani e anche cancellare tutti i cartelloni pubblicitari sui bordi della strada. César Manrique si passeggia Isola di convincere le persone ad unirsi lo stile architettonico di Lanzarote, che mostra le fotografie di costruzioni turistiche orribili in altre isole dell’arcipelago. Il suo slogan è: «Non è qui! ».

Mentre costruire la sua casa in Tahíche, César Manrique ha intrapreso la realizzazione di arte pubblica:

Nel 1988, César Manrique ha lasciato la sua casa Taro de Tahíche e si trasferisce a Haría in una casa colonica ristrutturata da lui. Dal 1988 al 1992 ha trasformato la sua residenza in un museo per la fondazione ha creato nel 1982.

César Manrique è morto tragicamente all’età di 72, 25 settembre 1992, a seguito di un incidente stradale: la sua Jaguar ha colpito un veicolo all-terrain, all’incrocio situati vicino alla sua Fondazione, che ha denunciato bivio ripetutamente pericolosità. Trasportato in ospedale Arrecife, César Manrique è morto a 15 ore 20 di arresto cardiaco. César Manrique è stato sepolto nel cimitero di Haría. Questo incrocio è stato convertito alla rotonda; al centro della rotonda è una delle ultime opere di Manrique, una scultura in acciaio inox mobili dal 1992, dalla serie di Juguetes del Viento.

Perché César Manrique aveva fatto molti nemici in lotta contro la speculazione immobiliare, le voci corse che la sua morte non è stata casuale. Dopo la sua morte potrebbero essere osservate molte deroghe ai divieti di costruzione e regole di costruzione, in particolare in Playa Blanca, che spesso coinvolgono la corruzione delle autorità pubbliche. Tuttavia l’influenza dell’artista è chiaramente visibile quando si visita Lanzarote: lo stile architettonico tradizionale delle case bianche con porte verdi e persiane alle finestre resta la norma.

Informazioni praticheInformazioni pratiche

AutobusLinee di autobus
La linea n° 7 d’Arrecife a Maguez attraverso Teguise (7 corse al giorno), la linea di bus n° 9 d’Arrecife a Órzola, la linea n° 10 d’Arrecife a Los Valles, la linea n° 26 d’Arrecife a Ye, la linea n° 52 di La Santa a Los Valles, la linea n° 53 di La Santa a Teguise hanno quattro fermate a Tahiche, tra cui uno all’incrocio Cesar Manrique.

Orari dettagliati sul sito: www.arrecifebus.com

Orario di visitaOrario di visita
Tahíche si trova ad 8 km al nord d’Arrecife, ad 8 km al sud di Teguise, a 9 km all’ovest di Costa Teguise ed a 10 km all’est di San Bartolomé.

Fondazione César Manrique (Fundación César Manrique)

Indirizzo: Casa Taro de Tahíche («capanna di pastore de Tahíche»), Calle Jorge Luis Borges, 10; 1 km prima di Tahíche provenienti da Arrecife.

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Scultura di fronte alla Fondazione César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. acciaio inox Mobile (1992) all'intersezione di Cesar Manrique LZ-1 e LZ-34 (Fabi009 autore). Clicca per ingrandire l'immagine.Dalla fermata dell’autobus all’incrocio César Manrique - dove l’artista è stato ucciso - (intersezione autostrada LZ-1 e LZ-34 autostrada), molto riconoscibile per la grande scultura mobile di serie in acciaio inox Juguetes del Viento, nel centro della rotonda, prendere la LZ-34 in direzione di San Bartolomé; dopo 200 m si arriva alla Fondazione César Manrique.

Orario estivo (1 luglio al 31 ottobre): tutti i giorni, festivi compresi, dalle 10 ore alle 19 ore.

Orario invernale (dal 1 ° novembre al 30 giugno): lunedì al sabato, 10 alle ore 18; domenica, dalle 10 ore alle 15 ore; chiuso 1 gennaio.

Ingresso: adulti € 8; gratuito per i bambini sotto i 12 anni. Tariffe per gruppi disponibili.

Telefono: 00 34 928 843 138

Sito sulla «Tela»: www.fcmanrique.org

Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Accesso alla Fondazione César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. Prospetto informativo della Fondazione César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tahíche a Lanzarote. biglietto di ingresso alla Fondazione César Manrique. Clicca per ingrandire l'immagine.
RistoranteRistoranti
Ristorante Los Aljibes de Tahíche
Los Aljibes de Tahíche è un ristorante e una galleria d’arte progettato nel 1976 da César Manrique con l’architetto Fernando Higueras. Il luogo è stato poi riempito da serbatoi di acqua di pioggia (aljibes) abbandonati. Lo stile di Manrique è molto riconoscibile nell’architettura del luogo costruita all’interno delle mura di pietra vulcanica dei vecchi carri armati. 

Dopo un lungo periodo di chiusura, lo spazio culturale è stato riaperto nel 2005; possiamo vedere mostre temporanee. Il ristorante è stato rilevato nel 2012 da due giovani argentini: ci serve cucina canarina e cucina argentina, tra cui la carne (bistecche, capra, coniglio …) e pesce alla griglia o cotto in un forno in pietra, accompagnato prodotti vegetali sull’isola. Il ristorante offre anche torte salate, formaggi artigianali, al forno pane fresco in loco e una birra artigianale. Il ristorante ha anche una grande terrazza con tavoli e panche in legno rustico e un giardino di cactus.

Il ristorante Los Aljibes de Tahíche è sulla strada LZ-34 in direzione di Costa Teguise, a 600 metri dalla rotonda César Manrique, dove si trova una scultura gigante mobili; il ristorante è sulla strada giusta.

Indirizzo: Calle Bravo Murillo, 6

Telefono: 00 34 650 424 385

Orario: Tutti i giorni tranne giovedì, dalle 12 ore 30 alle 22 ore 30.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Canarie > Lanzarote > Costa orientale > Teguise > Tahíche
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Il castello di Santa Barbara a Teguise a Lanzarote
Il villaggio di Los Valles a Lanzarote
Il villaggio d'El Mojón a Lanzarote
Il villaggio di Guatiza a Lanzarote
Il villaggio di Nazaret e la casa di Omar Sharif a Lanzarote
Il villaggio di Tahíche e la Fondazione César Manrique a Lanzarote
Il villaggio di Costa Teguise a Lanzarote
Il villaggio di Mozaga a Lanzarote
Il villaggio di Tiagua e il Museo Agricolo El Patio a Lanzarote
Il villaggio di Sóo e la pianura d'El Jable a Lanzarote
Il villaggio di Caleta de Famara a Lanzarote
Argomenti più ampi
Accoglienza
La città d'Arrecife a Lanzarote
La città di Teguise a Lanzarote
La città di San Bartolome a Lanzarote

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.