AlbanieAllemagneAngleterreArméniePays basqueBiélorussieBulgarieCatalogneCroatieDanemarkEspagneEstonieFinlandeFranceGalicePays de GallesGéorgieGrèceHongrieIrlandeIslandeItalieEmpire romainLettonieLithuanieMacédoineMalteNorvègePays-BasPolognePortugalRoumanieRussieSerbieSlovaquieSlovénieSuèdeTchéquieUkraïne
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Fuerteventura] [Gran Canaria] [La Gomera] [La Palma] [Lanzarote] [Teneriffa] [El Hierro] [Pagina d’inizio] [Canarie] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generaleEtimologiaEtimologia e toponomastica
Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. ingresso al parco. Clicca per ingrandire l'immagine.Il Parco Nazionale Timanfaya (Parque Nacional de Timanfaya) a Lanzarote è una riserva naturale che protegge il cuore della principale zona vulcanica dell’isola, che comprende più di 25 vulcani, la più recente dell’isola, è emersa tra il 1730 e il il 1736 e nel 1824. Il Montañas de Timanfaya anche chiamato Montañas del Fuego (Montagne del Fuoco).

L’attività vulcanica è ancora evidente nel centro dell’area alla Islote de Hilario, dove si può osservare il fuoco spontaneo di cespugli messi in un foro di debole profondità nel suolo.

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. La Montaña del Fuego nel Parco Nazionale di Timanfaya (autore Ufficio Turismo delle Canarie). Clicca per ingrandire l'immagine.Le montagne di Timanfaya prende il nome dal nome del villaggio di Timanfaya, a volte scritto Chimanfaya, che è stato uno dei dieci villaggi sepolti sotto la lava, scorie e pozzolana vulcanica nel XVIII secolo.

Nella lingua guanche nativi di Lanzarote, Timanfaya significa Montagna di fuoco, la zona è una zona vulcanica molto più vecchio nel XVIII secolo.

PosizionePosizione

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Il Timanfaya Parco Guanapay visto dal vulcano in Teguise. Clicca per ingrandire l'immagine.Il Parco Nazionale Timanfaya si trova nel sud-ovest dell’isola di Lanzarote. Si estende dal bordo della città di Yaiza su per la montagna Montaña de Timanfaya. Il parco è diviso tra i comuni di Yaiza e Tinajo.

Nord, est e sud, il Parco Nazionale è circondato dal Parco Naturale dei Vulcani (Parque Natural de Los Volcanes); ovest del parco Timanfaya è limitata dalla costa.

L’accesso al parco Timanfaya sono sulla strada LZ-67 che collega le città di Yaiza e Mancha Blanca; la strada invade un po ’all’angolo sud-est del Parco Nazionale. LZ-67 attraversa un malpaís («Cattive terre») coperto con scorie vulcaniche, da cui emergono i trenta coni vulcanici di Montañas del Fuego, il più alto vulcano Timanfaya (510 m).

Lasciando Yaiza in direzione nord si nota prima a sinistra - dopo 4 km - un parcheggio sterrato, con un piccolo edificio: la stazione di cammelli (Echadero de los Camellos) da dove partono escursioni a dorso di cammello.

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. L'ingresso al Parco Nazionale. Clicca per ingrandire l'immagine.2 km più lontano la strada LZ-602 prende sulla sinistra, in un luogo chiamato El Taro, e si dirige verso lo Islote de Hilario dove si trova grandi parcheggi, come pure il ristorante panoramico El Diablo. Il vulcano Strada (Ruta de Los Volcanes) non può essere fatta con auto privata; è necessario lasciare l’auto nel parcheggio e utilizzare un bus parco tour (incluso nel all’ingresso del parco nazionale).

Se continuiamo sulla strada LZ-67, a 4 km dopo l’incrocio con la LZ-602, si trova a sinistra il Centro Visitatori del Parco Nazionale Timanfaya (Centro de Visitantes) che è solo 2 km Mancha Blanca.

Se non si dispone di una macchina, si può venire in autobus per Mancha Blanca con la linea n° 16 che collega la capitale, Arrecife, in Tinajo e La Santa. Possiamo quindi andare a piedi al Centro Visitatori lungo l’autostrada LZ-67 (meno di 30 minuti a piedi). Tuttavia, la maggior parte dei visitatori vengono al parco per escursioni in autobus che parte ogni località di vacanza sull’isola.

VisiteVisite

Vulcano strombolianaLa montagna di fuoco (Montañas del Fuego)
Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Montanas del Fuoco modello di. Clicca per ingrandire l'immagine.Il Montañas del Fuego sono il cuore del Parco Nazionale Timanfaya. Sono nati eruzioni che si sono verificati dal 1 ° settembre 1730 e il 16 aprile 1736 e poi nel 1824, allineati con il nord-est - sud-ovest della spaccatura vulcanica che attraversa Lanzarote.

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. I punti di vista del fuoco montagne dalla Islote de Hilario. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).I vulcani che compongono il Parco Nazionale di Timanfaya sono hawaiana genere: i vulcani di questo tipo formano grandi colonne di cenere durante l’eruzione e dei loro componenti, lapilli e pozzolana, spinto dal vento, hanno coperto vaste aree e alle pendici dei crateri più antichi. Questo esteso coperto dalla pioggia di cenere è ora chiamato Valle de la Tranquilidad (Valle della Pace).

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. I punti di vista Montanas del Fuego dall'ingresso del parco. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Queste eruzioni hanno creato un aspetto lunare paesaggio, totalmente inospitale, che è diventato il simbolo dell’isola di Lanzarote. I numerosi vulcani imponenti, lava con forme bizzarre e campi di scorie enormi, a volte tendente al rosso, a volte nerastro, offrono uno spettacolo affascinante.

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Hornito. Clicca per ingrandire l'immagine.Il centro del rash è stato situato Maciso del Fuego (Massiccio del Fuoco) alto 525 m. Questo vulcano è ora coperto da ceneri e scorie eruzioni del XVIII secolo, ma è stato accertato che il fianco posteriore del vulcano, che si irradia ancora un sacco di calore, si compone di molto vecchio lava. I numerosi file di piccole camini (hornitos) e vulcani «parassiti» (così chiamato perché si sono formate ai piedi del colosso centrale) sono interessanti da osservare.

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Clicca per ingrandire l'immagine.Situato ad est del Montañas del Fuego, l’imponente cratere del Caldera del Corazoncillo, la più grande esplosione cratere di Lanzarote, dispone di una caldera con una profondità di 100 m. E ’la lava del vulcano che seppellì il villaggio di Timanfaya.

Carta dei vulcani Lanzarote: www.cabildodelanzarote.com/informacion/geografico/volcanes3.swf

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Clicca per ingrandire l'immagine.Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. vista Caldera Blanca dalla Islote de Hilario. Clicca per ingrandire l'immagine.Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. vista Caldera Blanca dalla Islote de Hilario. Clicca per ingrandire l'immagine.
Parco nazionaleIl Parco Nazionale di Timanfaya (Parque Nacional de Timanfaya)
Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Mappa Parco Nazionale. Clicca per ingrandire l'immagine.Per proteggere questo contesto geomorfologico unico, un Parco Nazionale è stato istituito nel 1974. Il Parco Nazionale Timanfaya copre solo 51 km² (5.100 ettari), solo circa un quarto del territorio interessato dalle eruzioni vulcaniche del XVIII secolo (182 km²). I confini del parco sono contrassegnate con un emblema che rappresenta un diavolo («El Diablo»).

Il parco ha il più alto livello possibile di protezione per un’area naturale: A causa della fragilità del suolo, vagare liberamente il parco non è consentito, in quanto ciò potrebbe lasciare impronte che rimangono visibili per anni. Si può visitare il Parco quel bus. Le uniche eccezioni sono due passeggiate accompagnate dal personale del parco.

Con due milioni di visitatori all’anno, il Parco del Timanfaya è il secondo parco nazionale più visitato in Spagna (dopo il Parco Nazionale del Teide a Tenerife). È la più grande attrazione turistica a Lanzarote.

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. L'ingresso al Parco Nazionale. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. vista La Montaña de Mazo dall'ingresso del parco. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. I punti di vista del fuoco montagne dalla Islote de Hilario. Clicca per ingrandire l'immagine.
Vulcano strombolianaL’isolotto di Ilario (Islote de Hilario)
Dalla strada LZ-67, di Yaiza in Mancha Blanca, la piccola strada LZ-602 porta a 2 km - Dopo il casello di entrata - fino a quando il Islote de Hilario; ci sono un parcheggio, un ristorante panoramico e un negozio di souvenir.

L’isola di Ilario è una collina vulcanica che sembra emergere dal mare di scorie vulcaniche attorno ad esso, come un’isola in mezzo all’oceano. Si dice che questo luogo prende il nome da un eremita di nome Hilario, che ha vissuto 50 anni con il suo dromedario (anche se questo animale non ha tale longevità). Hilario avrebbe piantato un albero di fico che non ha mai dato frutti perché «fiori non potrebbero alimentare la fiamma». Come promemoria di questa storia, un albero di fico e di cammelli morti ossa sono mostrati in una finestra del ristorante panoramico «El Diablo», che César Manrique aveva costruito in questa posizione. Il Islote de Hilario è anche il nome Tinecheide, che significa «Monte dell’inferno» nella lingua nativi guanche.

Il Centro Visitatori Islote de Hilario è stato progettato da César Manrique e costruito dall’architetto Eduardo Cáceres; è stato completato nel 1970. Si tratta di un edificio circolare pietre di basalto nerastre, con grandi finestre.

L’isolotto di Ilario è un cono vulcanico più vecchio dei vulcani circostanti, le cui proiezioni hanno formato il mare di scorie che circonda l’isola; Tuttavia, il Islote de Hilario è uno dei luoghi più caldi nel Parco Nazionale Timanfaya. Per dimostrare le manifestazioni spettacolari vengono presentati ai turisti:

  • pozzolana di ghiaia, estratti di suolo, sono messi nelle mani di visitatori che non li possono tenere in mano;
  • Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. cespugli combustione spontanea. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. cespugli combustione spontanea. Clicca per ingrandire l'immagine.sterpaglie secche sono messe in un foro poco profondo scavato nel suolo vulcanico: si infiammano spontaneamente dopo alcuni secondi, alla grande gioia degli ospiti;
  • Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Geyser. Clicca per ingrandire l'immagine.Più ancora spettacolare: acqua viene versato in tubo di ferro conficcati nel terreno fino ad una profondità di 12 metri: dopo 3 secondi un getto di vapore rumorosamente scoppiato alta diversi metri di tubo come un geyser artificiale che spaventa il pubblico;
    Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. tubi per geyser artificiale. Clicca per ingrandire l'immagine.cette attrazione è un’idea di Jesús Soto, un collaboratore di César Manrique, che aveva osservato, durante la costruzione del ristorante, che gli operai versavano l’acqua sui loro martelli pneumatici per raffreddarli; sceglie un punto particolarmente caldo, vi inserì un condotto di dodici metri e causò «un geyser».
Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. geyser artificiale in Islote de Hilario. Clicca per ingrandire l'immagine.Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. geyser artificiale in Islote de Hilario. Clicca per ingrandire l'immagine.Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. geyser artificiale in Islote de Hilario. Clicca per ingrandire l'immagine.
  • Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Barbecue su un vulcano. Clicca per ingrandire l'immagine.nel ristorante El Diablo, un pozzo, scavato nel suolo e copertura di una griglia, funge da griglia naturale dove sono cucinati grigliate di carne, coscie di pollo o filetti di pesce.
La temperatura del suolo in questa posizione infatti raggiunto 140 °C a pochi centimetri dalla superficie; va fino a 400 °C per 6 metri di profondità e 600 °C a 10 o 12 metri. Questo calore intenso da una camera magmatica a 4 km dalla superficie, dimostrando l’attività vulcanica continua in questo settore. Tuttavia, l’area non presenta pericolo - corrente - sebbene un odore di zolfo nell’aria.

Dal parcheggio partono i bus del Parco Nazionale che visitano la Ruta de Los Volcanes.

SstradaIl vulcano Strada (Ruta de los Volcanes)
Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Tire sventrato da rocce vulcaniche. Clicca per ingrandire l'immagine.Percorso dei Vulcani è un tour alla scoperta del Parco Nazionale Timanfaya; questo circuito può essere fatta solo in autobus o autobus di proprietà del Parco o allenatori degli operatori turistici sull’isola di Lanzarote o addirittura Fuerteventura. Il prezzo del tour in autobus è compresa nel biglietto d’ingresso Parco Nazionale. La Ruta de los Volcanes è chiuso alle auto private.

Il tracciato della strada è stato progettato da César Manrique (sempre lui!) in modo che la strada non era visibile dalla spianata del Islote de Hilario, in modo da non rovinare le fotografie; Purtroppo, i bus - viaggiano in numero sulla strada - non sono, essi stessi, invisibile …

Il circuito proposto dal Parco corre a circa 14 km e dura circa 40 minuti; esso permette di vedere la parte più interessante del parco; Tuttavia, ci sono una grande varietà di paesaggi e diverse formazioni vulcaniche in tutto il parco. Gli autobus partono marrone chiaro del Parco - circa ogni mezz’ora - dal parcheggio accanto al ristorante del Islote de Hilario. Il bus fa solo una fermata, la Montaña Rajada; si deve prendere fotografie attraverso le finestre. La vista è meglio se ci si siede sul lato destro del bus.

All’inizio del viaggio è distribuito un volantino che presenta fatti e statistiche interessanti sui vari edifici vulcanici incontrati.

Il percorso presenta un paesaggio lunare alla bellezza austera ma incredibilmente colorato, tra cui:

  • il mare impressionante di scorie della Valle de la Tranquilidad («Valle della Pace»), con dune lapilli (picón);
  • crateri (calderas) diverse centinaia di metri di diametro;
  • coni di degasaggio (hornitos, «biscotti») come Manto de la Virgen («Mantello della Virgine») che prende la forma spettrale di un cappotto nero;
  • le ripide pareti di un tubo vulcanico (jameo), il cui tetto è crollato, le croci stradali;
  • alla breve fermata vicino alla Montaña Rajada (350 m), situato all’ovest degli Montañas del Fuego, si può ammirare la parte del parco nazionale che si estende fino alla costa occidentale: allineate lungo una faglia, i coni vulcanici della Caldera Rajada (164 m) («Caldaia Rossa»), il Montaña Encantada (245 m) («Montagna Incantata»), la Montaña de Pedro Perico (134 m) e la Montaña Quemada (134 m) («Montagna Bruciata»), vicino alla costa. A sud di Montaña Encantada sono ancora il Montaña de María Hernández (230 m) e Montaña Tremesana (328 m) dove è possibile visitare le escursioni accompagnati da personale del Parco.

Alla lunghezza del tragitto gli altoparlanti del pullman diffondono — in spagnolo, in tedesco ed in inglese — la prova oculare del padre Andrés Lorenzo Curbelo, curato di Yaiza all’epoca delle eruzioni, nel 1730, quindi della musica eroica di Richard Wagner o di Ludwig van Beethoven; alla fine dell’itinerario echeggia il tema furioso di «Also sprach Zarathustra» di Richard Strauss.

DromedarioPasseggiata a dorso di dromedario
Oltre al tour in autobus della Strada Vulcano, è possibile fare una breve cammello verso la Montaña de Timanfaya (510 m). La stazione di cammello (Echadero de Camellos) si trova a 2 km prima dell’ingresso del parco nel sud a Yaiza.

Il Echadero de Camellos dispone di un ampio parcheggio sterrato battuto, caffetteria, servizi igienici e un museo gratuito che può attendere fino alla prossima partenza della carovana. Questo piccolo museo (Museo de Rocas) è la fonte di Montañas del Fuego, con campioni di rocce e minerali, e una mostra sull’uso di «cammelli» sull’isola di Lanzarote. La stazione dovrebbe invece nominare Cammelli stazione (Echadero de Dromedarios) perché gli animali sono utilizzati cammelli per un urto.

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. I cammelli resort. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Cammelli sono montati su entrambi i lati del rigonfiamento, due culle di legno o ferro, il cui peso deve essere ben bilanciata: il cammello aggiungi questo piccolo sacchetti di sabbia come zavorra, soprattutto quando uno di passeggero è un bambino. Ci sono fino a un centinaio di cammelli a disposizione dei turisti. Ogni cammello lavorano solo mezza giornata, poi tornò alla stalla, nei pressi di Uga.

La passeggiata su queste «navi del deserto» dura solo venti minuti attraverso i campi di scorie rossastre, e vediamo solo una piccola parte del parco nazionale, ma è stata un’esperienza eccezionale, soprattutto per i bambini: quando il cammello si alza strettamente appendere sul perché la sede ribaltamento in avanti.

Le passeggiate sono possibili tutti i giorni dalle 9 ore alle 16 ore 30 (dalle 9 ore alle 16 ore in inverno). Essi costano € 5 a persona che è pagato direttamente al cammello. Il museo è aperto solo dal lunedì al venerdì.

EscursionismoEscursioni nel Parco Nazionale di Timanfaya
L’escursionismo è vietato all’interno del Parco Nazionale Timanfaya, con l’eccezione di tre passeggiate organizzate dal Centro Visitatori e guidata da personale del Parco: la Strada Termesana, la Strada Breve del Litorale e la Strada Lunga del Litorale.

Per le visite guidate devono essere prenotate in anticipo ed è consigliabile prenotare diversi mesi di anticipo in quanto vi sono molte richieste e pochi posti (7 partecipanti per uscita). Inoltre deve confermare la sua partecipazione di due giorni prima del tour, altrimenti perde il suo posto. Possiamo cercare di approfittare del ritiro dei partecipanti iscrivendosi uno o due giorni prima di una escursione. Le prenotazioni vengono effettuate in loco o in base al numero di telefono: 00 34 928 118 042. Le passeggiate sono gratuiti e sono guidati sia in spagnolo o in inglese; deve essere più di 16 anni.

Escursioni guidate partono dal Centro visitatori; partecipanti sono guidati in minibus al punto di partenza del percorso.

L’escursione di Termesana (Ruta de Termesana) si svolge il lunedì, mercoledì e venerdì, con partenza alle ore 10; è lunga 4 km di andata e ritorno, ma dura 3 ore (tempo di trasferimento incluso) perché la guida si ferma spesso per commentare il paesaggio o la flora. L’escursione passa la Montaña Tremesana, chiamato anche Montaña de Termesana, (328 m) al confine meridionale del parco nazionale, e poi passa tra la Montaña de María Hernández e Montaña Encantada, dove si unisce le colate laviche di diversi tipi e colori molti di questi vulcani.

L’Escursione Breve del Litorale (Ruta corta del litoral) è lunga 2 km; inizia dal villaggio d’El Golfo e va fino a circa la Playa del Paso. Esso permette di osservare le scogliere costiere create dalle colate laviche del XVIII secolo, e la fauna selvatica di uccelli marini, molluschi e crostacei.

L’Escursione Lunga del Litorale (Ruta larga del litoral) si svolge un mercoledì al mese; è lunga 9 km e dura 5 a 6 ore, a causa delle difficoltà di camminare sulle scorie vulcanica, anche se il terreno è relativamente piatto; deve essere considerata fisicamente in forma e hanno un approvvigionamento sufficiente e calzature adeguate. La strada da El Golfo, a sud-ovest del Parco Nazionale e porta alla Playa de la Madera, a nord del parco, dove un sentiero permette agli escursionisti di rinnovare il Centro Visitatori.

La Strada Lunga del Litorale può anche essere fatta liberamente, come dominio pubblico costiera, 50 metri di larghezza, è stato dichiarato «zona di uso moderato»; Tuttavia, le regole di buona condotta ivi applicabile parco. Si può fare l’escursione del sud al nord, di Playa del Paso a Playa de la Madera, o in senso inverso. Se vi sentite in forma, è possibile continuare dopo la Playa de la Madera alla Playa de Chó Gregorio, a nord del Parco Naturale di Los Volcanes, ma il semplice percorso Go è 14 km, ed è meglio prevedere un mezzo di recupero al momento dell’arrivo. Se non avete voglia possiamo tornare indietro a metà strada dopo aver raggiunto la piccola spiaggia di Playa del Cochino.

Per accedere alla Playa del Paso, prendere la strada LZ-704 a El Golfo, ma, 1,5 km prima del paese, svoltare a destra su una strada sterrata (LZ-705), che va a sinistra della Montaña Quemada poi arriva, dopo 4 km, Playa del Paso dove è possibile parcheggiare.

Per accedere alla Playa de Chó Gregorio da Tinajo, prendere la strada in direzione del paesello di Tenesar, ma, dopo 4 km, non girare a destra verso Tenesar e continuare ogni diritto fino alla Playa de Chó Gregorio.

FloraLa flora
Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. La flora e la fauna del Parco. Clicca per ingrandire l'immagine.Diversamente dalla maggior parte dei parchi nazionali in tutto il mondo, il Parco di Timanfaya è quasi deserto, vegetale o animale la vita; invece, i visitatori possono vedere un paesaggio vulcanico sterile, ma sfumature colorate di nero, grigio, marrone e rosso.

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Clicca per ingrandire l'immagine.E ’stato solo molto lentamente che la vegetazione è in qualche modo riformato il Malpaís, «cattivo terreno»; ma è un processo lento a causa della mancanza di pioggia - le precipitazioni medie nel parco è di soli 120 mm all’anno.

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Clicca per ingrandire l'immagine.Possiamo ancora scoprire, qua e là, più di 180 specie di licheni, felci, piccole piante grasse e tanti piccoli arbusti spinosi (Aulaga majorera). Queste boccole sono utilizzati da personale del parco per evidenziare l’alta temperatura terra vicino al Islote de Hilario: cespugli, scavato in un buco nel terreno, accendere immediatamente.  Su vecchie lave terra non addestrati incontrato alcune concentrazioni euforbie.

ConoscenzeStoria, geografia, arte, tradizioni, flora …

StoriaStoria
Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. eruzioni cutanee Card (autore IGN). Clicca per ingrandire l'immagine.Nei primi anni del XVIII secolo, il sud-ovest di Lanzarote possedeva terreni tra i più fertili dell’isola, con molti piccoli villaggi agricoli. Per sei anni, dal 1 Settembre 1730 al 16 aprile 1736 le eruzioni vulcaniche di Montañas del Fuego coprirono la terre laviche, scorie e ceneri, seppellendo interi villaggi.

Il prete di Yaiza, padre Andrés Lorenzo Curbelo, ha lasciato un preciso testimone oculare di questi eventi; suo diario inizia:

«Il 1 ° settembre, [1730] 9:00-10:00 di notte la terra improvvisamente aperto nei pressi di Timanfaya due leghe da Yaiza. La prima notte un enorme montagna è salito dalle viscere della terra e la sua cima sfuggito fiamme che continuavano a bruciare per diciannove giorni. Pochi giorni dopo, un nuovo abisso è stato formato e un torrente di lava precipitò Timanfaya, su Rodeo e parte della Mancha Blanca. »

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Mappa di l'eruzione del 1730 dipinta nel mese di novembre 1730. Clicca per ingrandire l'immagine.Per sei anni il sole fu offuscato; dopo la catastrofe, oltre 167 km² di terre — cioè circa il quinto della superficie dell’isola (846 km²) — erano stati coperti da 48 milioni di metri cubico di materiali vulcanici, versati da una trentina di vulcani, su uno strato da 6 a 10 metri di spessore; i villaggi di Timanfaya, Los Rodeos, Mancha Blanca, Santa Catalina, Mazo, Jarretas, Tingafa, Peña de Palmas, Testeina, La Geria, Macintafe, Mozaga, Guagaro, Masdache e Iguadén come se li terreni agricoli di Maretas e di Chupaderos; 420 aziende agricole erano stati sepolti; bestiame erano stati asfissiati dai fumi tossici; puntello è stato coperto con migliaia di pesci morti, molti dei quali appartengono a specie sconosciute. Non c’era morti, ma gran parte della popolazione, infine, ha avuto altra scelta che rifugiarsi nel nord di Lanzarote o di lasciare l’isola per andare a Gran Canaria; molti altri emigrarono a Cuba o anche alla provincia di Tejas nel Vicereame del Messico, dove hanno contribuito a fondare il villaggio di San Antonio de Béxar, oggi la città di San Antonio, Texas.

Tuttavia, l’agricoltura ha preso possesso della terra periferica: colture su sabbia vulcanica, che agisce come un regolatore di sensore di umidità e di temperatura, sono ormai caratteristici di Lanzarote.

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Carta Geologica delle eruzioni del 1730-1736. Clicca per ingrandire l'immagine.L’ultima eruzione vulcanica sull’isola di Lanzarote ha avuto luogo nel 1824, dopo un lungo periodo di riposo; i dieci anni precedenti queste eruzioni erano stati punteggiato da numerosi terremoti. Le eruzioni del 1824 erano inferiori a quelli del XVII secolo. Il 31 luglio 1824, il vulcano Montaña del Clérigo Duarte eruttò; la colata di lava si estese su oltre 14 km² e, vicino a Punte del Cochino, si smaltì nel mare. Tre nuovi vulcani apparirono; il vulcano Montaña del Clérigo Duarte, anche chiamato vulcano di Tao, il Volcán Nuevo del Fuoco, o Montaña del Chinero, e il vulcano Tinguatón. La particolarità di questa eruzione è stata la fluidità della lava e le enormi colonne d’acqua bollente salata che sono stati espulsi da crateri e inondato la zona.

Il XVIII al XIX secolo, l’area dell’isola di Lanzarote è notevolmente aumentato a causa della massiccia effusione di lava sulla costa occidentale.

Parco Nazionale di Timanfaya è stato istituito nel 1974 come parco nazionale ottava in Spagna.

Informazioni praticheInformazioni pratiche

Informazioni utiliInformazioni utili
Accesso gratuito a piedi, è consentito solo sulla costa del Parco Nazionale Timanfaya, attraverso un percorso che corre lungo la riva. Le altre parti non possono essere visualizzati solo attraverso le passeggiate organizzate dalle Centro visitatori.
Orario di visitaOrario di visita
Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Mappa del Parco. Clicca per ingrandire l'immagine.Il Parco Nazionale di Timanfaya è aperto dalle 9 ore alle 17 ore 45 (alle 18 ore 45 da luglio a settembre); Ultimo ingresso è alle 17 ore (18 ore in estate).

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Il Islote de Hilario. Clicca per ingrandire l'immagine.All’ora di punta, verso le 10, a volte forma un ingorgo all’ingresso del parco a causa del numero di auto e tour operator di autobus che fanno la coda per pagare il biglietto d’ingresso nel park. E ’meglio arrivare presto, prima dell’arrivo dei bus turistici, verso le 9 ore, o nel tardo pomeriggio, dopo la partenza di autobus. Più di mezzo milione di persone visitano il parco ogni anno.

L’ultimo pullman per visitare la Via dei Vulcani dalle 17 ore (18 ore in estate); il secondo circuito è meno affollata e ha una luce migliore che mette in evidenza i colori dei vulcani.

Ingresso: adulti € 9; bambini € 4,5. Questi prezzi comprendono la visita alla Ruta de los Volcanes.

Telefono: 00 34 928 840 057

Sito sulla «Tela»: www.magrama.gob.es/es/red-parques-nacionales/nuestros-parques/timanfaya/

ReceptionIl centro visitatori (Centro de Visitantes)
Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Il Centro visitatori (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Il Centro Visitatori del Parco Nazionale Timanfaya (Centro de Visitantes e Interpretación de Mancha Blanca) si trova a 4 km a nord dell’ingresso del parco, e soli 2 km dal Mancha Blanca. Il Centro si trova sul lato sinistro della strada proprio quando il parco; E ’ospitato in un edificio dipinto di bianco che è difficile da perdere, anche se è a metà sepolto. Sullo sfondo si erge il vulcano di Caldera Blanca (458 m). Il Centro è al di fuori del parco nazionale, ma all’interno del Parco Naturale di Los Volcanes.

Inaugurato nel 1996, il Centro Visitatori ha un gran numero di informazioni educative nel campo della geologia e geodinamica, circa vulcani in generale e, in particolare, sui vulcani di Montañas del Fuego e della flora e la fauna selvatica. Il Centro implementa mezzi moderni, come presentazioni audiovisive o terminali interattivi. Il Centro de Visitantes è accessibile ai disabili.

Nel seminterrato, in una cavità nello strato di scoria vulcanica, possiamo vedere un abbastanza impressionante simulazione eruzione vulcanica che si svolge al buio e utilizza tutti i sensi, con il rombo, scoppiettante, luci rossastre che si accendono sulle pareti, fumi e vibrazioni, che danno un’idea del terrore che deve aver sentito la gente della regione nel 1730. Quando una eruzione simulata avrà luogo un annuncio è fatto dai relatori e il personale indirizza i visitatori alla «Sala del eruzione».

Il Centro ha grandi finestre attraverso le quali si possono ammirare i vulcani vicini; una passerella in legno consente di avanzare a poche decine di metri sopra i campi di scorie nerastre.

Visita il Centro Visitatori:

Indirizzo: Carretera Tinajo-Yaiza (LZ-67), Km 11,5.

Orario: tutti i giorni, dalle 9 ore alle 16 ore 30.

Ingresso: ingresso libero.

Telefono: 00 34 928 118 042

Sito sulla «Tela»: www.mma.es/parques

I visitatori del centro possono trovare le mappe dei sentieri escursionistici (Mapa de Senderos) Parco; ma è anche l’unico posto dove è possibile registrarsi per le passeggiate guidate organizzate dal Parco Nazionale.

RistoranteRistoranti
Ristorante El Diablo
Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. Il ristorante panoramico El Diablo. Clicca per ingrandire l'immagine.Il ristorante El Diablo (il Diavolo) è stato progettato da artista e architetto César Manrique. Si tratta di un ristorante panoramico, circolare, circondato da finestre: i visitatori possono godere della vista del paesaggio vulcanico, mentre a pranzo.

Il ristorante è costruito sulla cima di un edificio vulcanico che, secondo vulcanologi, ha una anomalia geotermica: temperature estremamente elevate si trovano appena sotto la superficie. Queste temperature sono causati dai gas che salgono da una camera magmatica situato diversi chilometri di profondità. Il centro di queste anomalie si trova sulla Islote de Hilario, che ha chiesto ai produttori del ristorante una sfida tecnica enorme. Jesús Soto, collaboratore di lunga data Manrique, ha sviluppato un sistema in cui potrebbe essere salvato il surriscaldamento dell’edificio: strati di cemento, argilla e roccia alternati. Solo materiali resistenti al fuoco sono stati utilizzati nella costruzione del ristorante.

Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. alla griglia su un vulcano ristorante El Diablo. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote. alla griglia su un vulcano ristorante El Diablo. Clicca per ingrandire l'immagine.Il ristorante El Diablo sfrutta questa caratteristica geotermica: utilizza una griglia situata sopra una bocca vulcanica, che sono cotti di carne e pesce filetti. La cucina non è eccezionale, ma i prezzi sono ragionevoli.

Il negozio vende una varietà di souvenir, così come molti libri interessanti.

ore del ristorante: dalle 12 ore alle 16 ore 45 (15 ore 45 in inverno).

Ore caffetteria e negozio: dalle 9 ore alle 17 ore 50 (16 ore 50 in inverno).

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Canarie > Lanzarote > Costa occidentale > Parco Nazionale di Timanfaya
Argomenti più dettagliate
Escursioni nel Parco di Timanfaya a Lanzarote
Argomenti vicini
La città di Tinajo a Lanzarote
Il Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote
Argomenti più ampi
Accoglienza
Carta interattiva dell'isola di Lanzarote
La costa settentrionale di Lanzarote
La costa orientale di Lanzarote
La costa meridionale di Lanzarote
La costa occidentale di Lanzarote
L'interno dell'isola di Lanzarote
La flora e la fauna dell'isola di Lanzarote
L'isola di Lanzarote - Opuscolo dell'UT

[Argomento precedente] [Argomento ascendente]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.