AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Algaida a Maiorca

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Minorca] [Maiorca] [Ibiza] [Formentera] [Cabrera] [Pagina d'inizio] [Baleari] [Via Gallica]
Rubriche[Foto] [Presentazione] [Situazione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
La città di Algaida a Maiorca - Algaida vista da Puig de Randa (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Algaida è un centro agricolo - piuttosto pittoresco - centro dell'isola di Maiorca ; la piccola cittadina di circa 2700 abitanti. Con una superficie di circa 90 km², il comune di Algaida è la più grande città nella Contea della Pla de Mallorca, per una popolazione di 5300 abitanti. Oltre alla città di Algaida, il comune comprende le località di Pina e di Randa.

Il villaggio di Algaida è principalmente conosciuto per la sua fabbrica di vetro soffiato.

EtimologiaEtimologia e toponomastica
La città di Algaida si trova alla posizione di una vecchia azienda agricola (alqueria) moresca. Il nome, di origine araba, che significa “foresta„, probabilmente riferendosi alla grande foresta di Randa situato a sud di Algaida. Un'altra etimologia araba - probabilmente fantasiosa - vuole che il nome deriva dalla parola “al-Qaeda„, la “base„, lo stesso nome del movimento terroristico di Al Qaeda che è diventato noto nei primi anni del ventunesimo secolo.

I residenti di Algaida sono chiamati algaidi per gli uomini e algaidina per le donne.

SituazioneSituazione

La città di Algaida Maiorca - Situazione del comune di Algaida a Maiorca (autore Joan M. Borras). Clicca per ingrandire l'immagine.
La Città di Algaida si trova vicino al centro geografico della isola di Maiorca nella pianura che occupa il centro dell'isola, Es Pla de Mallorca.

Il comune di Algaida fa parte della Contea della Pla de Mallorca. Confina con altri cinque comuni della Pla de Mallorca : Santa Eugenia al nord-ovest, Sencelles al nord, Lloret de Vistalegre al nord-est, Montuïri all'est e Llucmajor, al sud ; al sud-ovest e all'ovest, Algaida confina con la città e la contea di Palma de Mallorca.

La città di Algaida a Maiorca - Algaida vista da Puig de Randa (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Il rilievo della città è abbastanza pianeggiante, tranne nel sud-est, in particolare collinare, con sei punte di Randa che comprende i monti di Randa (543 m) di Son Reus (501 m) di Son Roig (420 m) di Galdent, di Son Redó e d'En Bord. Il Puig de Randa è famoso soprattutto per i tre santuari isolati ivi : Gràcia, Sant Honorat e Cura.

Il nord-ovest della città comprende terreni molto frammentato principalmente dedicato alla coltivazione di mandorli e fichi ; nord-est intorno Pina, ha abbastanza terra ricca adatto alla coltivazione di cereali e viti.

Algaida è distante 25 km da Palma de Mallorca ; è un po 'lontano dalla strada principale che collega Ma-15 Palma a Manacor, poi Artà.

VisiteVisite

ChiesaLa Chiesa di Nostra Signora della Pace (Església Mare de Déu de la Pau / Iglesia de la Madre de Dios de la Paz)
La Chiesa di Nostra Signora della Pace si trova sul dominio della vecchia azienda agricola (possessió) di Castellitx, circa 3 km a sud est di Algaida e 3 km a nord est di Randa. Castellitx è stato uno dei primi luoghi di ripopolamento cristiana dopo la riconquista di Maiorca nel 1229 : è stata la prima volta nel 1232 ; la città era situata al crocevia di antichi percorsi che collegano le contee di Pla e di Llevant, e dovrebbe essere un centro importante. Nel 1248, Castellitx è citato in una bolla di papa Innocenzo IV, come una parrocchia dedicata ai Santi Pietro e Paolo. Nel 1300, la città è designata come città reale sotto gli ordini di Jaume II di Maiorca.

Alla fine del XIII secolo, la popolazione che è stato precedentemente dispersa su una vasta area, cominciò a raccogliere attorno alle grandi aziende. Nel XIV secolo, alqueria Algaida divenne il centro principale della popolazione, e di Pina e Randa, tra gli altri, divenne località secondarie ; Fino al XV secolo, Castellitx ancora rimase la capitale della corrente di centro comune Algaida e religioso della parrocchia ; ma intorno al 1410, Algaida divenne il capoluogo e la chiesa Algaida divenne la chiesa parrocchiale.

La città di Algaida Maiorca - La Cappella di Castellitx de la Pau  (autore GMA). Clicca per ingrandire l'immagine.Església de la Mare de Déu de la Pau data della fondazione della città di Castellitx al XIII secolo. L'edificio è circondato da un giardino, che un tempo era un cimitero, e racchiuso da un muro con due aperture. La Chiesa di Nostra Signora della Pace è costituito da una sola navata con tre sezioni, separate da archi a sesto acuto, e un cuscino ; la navata centrale è coperta da un tetto a capanna. Un quarto corpo d'edificio, che sembra risalire al XVI secolo, è attaccato sul lato destro della chiesa. L'accesso al portale della chiesa, che si trova a ovest da un portico, di forma quadrata, sostenuto da una doppia colonna ottagonale. Questo portale è ad arco in stile romanico-bizantino ed ha una decorazione a forma di diamanti.

All'interno della chiesa, nel coro, è possibile vedere l'immagine di Nostra Signora della Pace (Mare de Déu de la Pau) ; si tratta di una scultura policroma gotica, risalente al 1430. La Vergine è raffigurata seduta, tiene un globo nella mano destra e al ginocchio sinistro, tenendo il bambino Gesù, a lui, un globo nella mano destra. La statua di Nostra Signora della Pace è stato restaurato più volte, l'ultima nel 1976.

Pala d'altare gotica (XIV-XV secolo) che rappresentano gli apostoli Pietro e Paolo - che è stato originariamente dedicata la parrocchia - che era nella chiesa di Nostra Signora della Pace è ora in mostra in una cappella della chiesa di Algaida.

La statua di Nostra Signora della Pace è adorato, e la Ermita de la Pau è stata, fin dal XVI secolo, un luogo di pellegrinaggio dove le persone andavano quando i raccolti sono stati minacciati dalla siccità e parassiti. La tradizione vuole che Ramon Llull è venuto a pregare a Castellitx davanti all'effigie mariana che c'era davanti alla statua attuale. Il pellegrinaggio a Castellitx avviene sempre oggi, il primo martedì dopo Pasqua.

MuseoIl Museo del Vetro (Museu del Vidre / Museo del Vidrio)
La Can Gordiola il laboratorio di vetreria di famiglia Gordiola, si trova sulla strada Ma-15, a 19 km da Palma, poco prima di arrivare al bivio per Algaida ; la Can Gordiola sembra un castello, ma risale al 1960. Questa fabbrica di vetro è la più antica di Maiorca : è stato creato nel 1719 ; più tardi, la famiglia ha inviato un suo figlio, Bernardo Gordiola a Venezia per studiare l'arte del vetro veneziano. Nel 1790, la fabbrica Gordiola ha fornito la Casa Reale di Spagna e famiglie nobili d'Europa.

La città di Algaida Maiorca - Il Museo del Vetro Can Gordiola (autore Bert N.). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Nella grande officina sotto il baldacchino, si possono osservare i vetrai al lavoro e assistere ad una dimostrazione di come vetro soffiato artistico : tutti i tipi di pentole, vasi o figurine piccoli animali luminosi dalla massa viscosa vetro. Guide spiegano le tecniche utilizzate : fusione di silice, soda e calce ad una temperatura di 1100 °C.

Al primo piano si trova il Museo del Vetro, dove sono esposti oggetti in vetro provenienti da tutto il mondo. Per sette generazioni, la famiglia ha accumulato una straordinaria collezione di oggetti di vetro, ora esposte in una cinquantina di finestre, ognuna dedicata a un tema o un determinato paese.

La città di Algaida Maiorca - Il Museo Gordiola (autore portrobin1). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).La produzione iniziale di Gordiolas dei primi del XVIII secolo sono esposti : brocche di verde spumoso, contenenti entrambe le vele e le bolle d'aria intrappolate. Riscaldato con legno e forni a carbone inizi, di forma cilindrica, aveva buchi attraverso i quali gli oggetti che vengono realizzati possono essere ruotati. Con una tecnica così limitato, era impossibile mantenere una temperatura elevata costante, in modo che il vetro non può essere chiarito o controllata suoi ultimi bolle d'aria. Consapevole di queste carenze, il prossimo in linea Gordiola, Bernardo Gordiola, ha trascorso anni a Venezia, tra cui studenti i principali vetrai tecnici del periodo ; il risultato di ciò che ha appreso può essere visto nella stessa finestra. Ha sviluppato brocche stile maiorchino, decorati di laticinos, strisce di vetro avvolto intorno all'oggetto al modo veneziano ; e, in generale, ha migliorato la qualità del vetro. Tra i prodotti successivi Gordiolas articoli dominano ristorazione bottiglie, vasi, brocche e bicchieri in una varietà di colori, tra cui verde rimane il più caratteristico.

Ma la produzione di oggetti di vetro Gordiola è solo una parte della collezione : le altre finestre sono dotate di pezzi provenienti da tutte le parti del mondo, a cominciare da scoperte archeologiche della Grecia classica, il Nilo e l'Eufrate. C'è anche un esempio squisito di oggetti di vetro dalle origini dell'Islam, vetro opalescente spagnolo e cinese, e bellissimi vasi veneziani risalenti ai secoli XVII e XVIII. La maggior parte dei pezzi moderni includono tagli in Germania e Austria, gli oggetti di culto in Polonia, il cristallo tradizionale Caithness di Scozia, e una miscela incredibile di Art Nouveau in vetro Norvegia. Il museo espone anche oggetti decorativi da culture dove il vetro era sconosciuto : una collezione eclettica di pre-colombiana ha lavorato in argilla, quarzo e ossidiana e figure zoomorfe di basalto e le caratteristiche antropomorfe del Sahara.

Visitare il Museo del Vetro :

Can Gordiola prima Algaida sulla strada che da Palma a Manacor.

Orario estivo (aprile-ottobre) : dalle 9 alle 20 di sera ; domenica e festivi fino alle 13.

Orario invernale (da novembre a marzo) : dalle 9 alle 13:30 e dalle 15 alle 19 ; domenica e festivi fino alle 13.

Prezzi d'ingresso : gratuito.

Al negozio, accanto a oggetti kitsch, è possibile acquistare un paio di parti di cosmetici con colori perfetti, come lampadari tradizionale vetro colorato stile maiorchino.

Telefono : 00 34 971 665 046

SculturaIl Toro di Algaida
In un genere più laica, si può vedere sulla destra, a pochi chilometri dopo Algaida in direzione di Manacor, una scultura di un toro. Questa scultura era originariamente una pubblicità per una marca di alcolici distilleria Osborne in Andalusia, che aveva disseminato in tutta la Spagna tali sculture. Il toro di Algaida, originariamente nero, è regolarmente bersaglio di autonomia o di deviazioni pseudo-artistica.
DanzaIl Cossiers di Algaida
Il Cossiers d'Algaida sono un gruppo di danzatori la cui origine precisa non è nota, ma la somiglianza dei Cossiers de Montuïri suggerisce una stretta relazione tra i due gruppi. La parola “cossier„ sarebbe mozarabico origine e significa “corridore„ ; le Cossiers attuali accompagnato la processione della festa medievale del Corpus Christi. Successivamente sono tradizionalmente partecipato a feste di paese : la Festa di San Onorato (Sant Honorat), il santo patrono della città, e la Festa di San Giacomo (Sant Jaume).

La città di Algaida Maiorca - Il Cossiers di Algaida (autore Julia Kleiner). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Il gruppo dei Cossiers d'Algaida è composto da sei ballerini, chiamati “Cossiers„, della signora e del diavolo.

  • I Cossiers indossano un cappello a forma di tegola di paglia - giallo, verde o rosso - decorato con nastri, fiori e immagini di santi. Indossano un mantello, decorato con nastri bianchi e immagini di santi su una camicia bianca ; un'ampia gonna dello stesso colore del cappello, su una vasta pantaloni bianchi ; calze bianche ornate con campane ; essi sono calzati con sandali bianchi. In mani, Cossiers tenere sciarpe e ramoscelli di mirto in inverno, in estate il basilico.
  • La signora (dama) che indossa un cappello a tesa larga bianco, indossando un nastro rosso, una camicetta bianca decorata con immagini di santi, una lunga gonna decorata con nastri. La signora, una volta è stato interpretato da un uomo.
  • Il diavolo (dimoni) indossa un abito nero con decorazioni rosse e bianche che evocano le fiamme dell'inferno ; indossa una maschera con le corna e in possesso di un bastone di legno in mano.

Le danze dei Cossiers sono generalmente accompagnate dal suono dei pifferi e dei tamburelli.

VillaggioIl Villaggio di Pina
In Pina, è possibile visitare la chiesa dei Santi Cosma e Damiano (Sants Cosme i Damià). Ha sostituito una chiesa 1838 del XVII secolo. La sacrestia conserva un altare che rappresenta una della scrittura santa e l'altra con una scatola di medicine. Nella chiesa sono rappresentati sotto forma di statue lignee risalenti al secolo scorso. Ed essi appaiono come intercessori con la Vergine sul foglio “goigs„ stampati, questi tipici canti catalani, cantati in loro onore :
“… Sant Cosme i Sant Damiá De tot mal lliberau-nos…„.

ConoscenzaStoria, geografia, arte, tradizioni, flora…

StoriaStoria
Sotto l'occupazione musulmana, il territorio dell'attuale comune di Algaida faceva parte di una grande regione amministrativa conosciuta come “Juz„ di Muntuy. Questa “juz„ comprendeva le città di Algaida, di Campos, di Llucmajor, di Montuïri di Santanyí e di Ses Salines. La popolazione musulmana non vivono nei centri abitati di grandi dimensioni, come li conosciamo oggi ; è stato installato intorno fattorie, chiamata “alqueria„ o “rafal„, che sono stati costruiti su terre più fertili, con sorgenti d'acqua nelle vicinanze. Questi insediamenti sarebbero in seguito diventati i villaggi di Randa, Pina e Algaida.
I mori costruito un impianto di irrigazione per migliorare la fertilità del suolo, come testimoniano i numerosi pozzi, cisterne e “qanats„ (tubi) del paese. Il “qanat„ (acquedotto) di Son Reus a Randa è tra le più notevoli di tali infrastrutture : si estende sottoterra per circa 300 metri ; questo è l'acquedotto sotterraneo più lungo di Maiorca.

Dopo la conquista catalana nel 1229, le terre furono concesse Algaida re Jaume I di Aragona e rimasero per un certo tempo nel dominio reale ; Il re poi distribuito ai suoi seguaci : i alqueria di Punxuat è stato dato al principe Pietro del Portogallo ; La montagna di Randa e la alqueria di Rufassa sono stati dati ai Cavalieri Templari, e dopo la caduta dei Templari tornarono dell'Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme.

InformazioniInformazioni pratiche

RistoranteRistoranti
La regione di Algaida è rinomata per la sua cucina tipica di Maiorca e ha una dozzina di ristoranti. I ristoranti più famosi sono il ristorante Es Reco de Randa Randa, con sede in una casa padronale di Maiorca e il ristorante Es 4 Vents a Algaida, che si trova a un bivio sulla strada per Manacor.

Altri temiAltri temi

Filiazione dell'argomento
Isole Baleari > Maiorca > Contea della Pla de Mallorca > Algaida
Argomenti più dettagliate
Il villaggio di Randa a Maiorca
Argomenti vicini
La contea della Pianura di Maiorca - Opuscolo delle attrazioni
La città di Muro a Maiorca
La città di Santa Margalida a Maiorca
La città di Petra a Maiorca
La città di Vilafranca de Bonany a Maiorca
La città di Sant Joan a Maiorca
La città di Porreres a Maiorca
La città di Algaida a Maiorca
La città di Sineu a Maiorca
Argomenti più ampi
Inizio
Mappa interattiva dell'isola di Maiorca
L'isola di Maiorca - Brochure OET
L'isola di Maiorca - Brochure delle escursioni
L'isola di Maiorca - Brochure delle strade dell'artigianato
L'isola di Maiorca - Brochure gastronomia
L'isola di Maiorca - Mappa di transito
L'isola di Maiorca nelle isole Baleari - Storia
La contea di Palma di Maiorca
La contea della Serra de Tramuntana a Maiorca
La contea del Raiguer a Maiorca
La contea della Pianura di Maiorca (Pla de Mallorca / Llanura de Mallorca)
La contea del Levante (Llevant) a Maiorca
La contea del Mezzogiorno (Migjorn) a Maiorca
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.