AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, premete su questo legame per fare apparire i frammenti.
Ricerca personalizzata

L'isola di Maiorca nelle isole Baleari - Storia

[Argomento precedente] [Argomento sopra] [Argomento seguente] [Minorca] [Maiorca] [Ibiza] [Formentera] [Cabrera] [Accoglienza] [Site Home] [Via Gallica]
Rubriche[Foto] [Presentazione] [Situazione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

ConoscenzaStoria, geografia, arte, tradizioni, flora…

StoriaStoria
La posizione del Maiorca nel Mediterraneo occidentale era - a volte - un elemento chiave nelle macchinazioni del potere, ma l'isola era raramente al centro di importanti questioni europee. Tuttavia, l'isola ha avuto la sua quota di invasioni, guerre, carestie e prosperità.
Il talaiotico tempi
Disegno ipotetico di un frondista baleari (autore Johnny Shumate) - Clicca per ingrandire l'immagineIntorno al 1200 aC, la gente, probabilmente dall'Asia Minore si stabilirono a Maiorca e Minorca. Queste persone sono ora noti come popoli talaiotici, a causa delle costruzioni di torri di guardia che hanno lasciato forma, e che si chiama talayot (talaiot in catalano), la parola araba “Tala'i che significa “torre di guardia.

I più comuni erano talayots circolari, che potrebbero raggiungere una altezza di 6 metri e aveva due piani. Il loro scopo è incerto simbolo del potere di un capo locale, luogo di sepoltura, magazzino, torre di difesa, edificio religioso? C'erano almeno 200 villaggi talaiotici in tutta l'isola di Maiorca, la più grande delle quali erano nel sud e sud-est dell'isola. Semplici oggetti in ceramica e bronzo (spade, asce, collane), sono stati trovati in questi siti.

Contatti di persone talaiotici con il mondo esterno venuto dal commercianti greci e fenici. I Cartaginesi cercarono di localizzare a Maiorca, ma fallito, ma sono riusciti a arruolarsi come mercenari popoli talaiotici. Questi guerrieri erano dotati all'uso della fionda sono stati nominati Isole (di una parola greca vecchia che significa "gettare"), e quindi i loro isole di origine presero il nome di Isole Baleari.

Negli eserciti cartaginesi, i combattenti Baleari gettarono le raffiche nemiche di proiettili da 4 cm a 6 cm, ovale, prima che la fanteria cartaginese andato all'assalto. La Baleari usato anche spade corte a combattere in un combattimento corpo a corpo, ma erano praticamente nessuna protezione. Erano presenti alla vittoria cartaginese sopra i greci in Sicilia nel V secolo aC e anche nelle guerre puniche contro Roma.

I Romani si stabilirono in Spagna ed i Cartaginesi furono sconfitti in fondo della seconda guerra punica. Maestri del Mediterraneo occidentale indiscusso, i romani potevano ignorare Maiorca e Minorca, ma le due isole divennero basi di pirateria contro le navi mercantili dell'Impero. Roma non poteva permettersi questo.

La conquista romana della Baleari
Nell'anno 123 aC, il generale romano Quintus Caecilius Metellus conquistò le isole Baleari. Avendo conoscenza che i guerrieri dell'isola erano in grado di lanciare pesanti pietre contro la linea di galleggiamento delle sue navi e li affondano, Metello aveva coperto le sue navi pelli cuoio pesanti, inventando le prime corazzate. Disorientati dalla loro incapacità di infliggere gravi danni, guerrieri Baleari erano fuggiti nell'entroterra prima che gli uomini che avanzavano Metello. Si ritiene che i romani sbarcarono sull'isola di Maiorca, nella zona di Platja des Trenc a sud dell'isola.

Metello portato a Iberia 3000 veterani e ha fondato due campi militari nel solito stile romano, con l'intersezione di due strade principali : il cardo maximus e il decumanus maximus. Questi campi erano conosciuti come Palmeria o Palma e Pollentia, che divenne rapidamente le principali città di Maiorca. Pollentia, perfettamente situato nel nord-est dell'isola, tra due baie di Pollença e Alcúdia, era il più vecchio dei due colonie.

Questi coloni vivevano insieme - a quanto pare pacificamente - con la popolazione in crescita talaiotico in declino perché nessuna sollevazione della popolazione indigena contro la dominazione di Roma è stato segnalato. Con l'introduzione del latino come lingua dell'amministrazione, Mallorca romanizzata nel corso degli anni fino dell'era cristiana. Incorporata nell'Impero Romano, e quindi la sua cultura e delle sue infrastrutture, e sfruttando la posizione ideale delle Isole Baleari su diverse rotte commerciali, l'economia di Maiorca prosperò.

Quando l'impero romano crollò, Maiorca fu occupata dai Vandali e Bizantini.

La conquista del Moro Baleari
Dal 707 dC, Maiorca aveva subito un primo atterraggio e saccheggi da parte del figlio maggiore di Musa ibn Nusair, il governatore del califfato omayyade nel Nord Africa.

Nel 711, dopo la battaglia di Guadalete, il regno visigoto di Spagna cedette all'assalto dei Mori, guidati dal generale berbero Tarik, che continuò la conquista della penisola iberica, a nome del califfato degli Omayyadi a Damasco, in Siria. Tutta la penisola cadde sotto la dominazione moresca in nome di Al Andalus, ad eccezione di una regione stretta lungo la costa atlantica (nord-ovest), le Isole Baleari sono stati isolati e cadde in una crisi economica e demografica.

Tuttavia Maiorca non fu conquistata dagli arabi prima del X secolo il governatore del califfato omayyade nel Nord Africa, Hicham El Khaoulani arrivò per la prima volta a Maiorca quando le sue navi sono state dirottate verso l'isola da una tempesta, quando è andato alla Mecca. Dopo di che, ha molestato l'isola da molte incursioni fino a convincere l'emiro di Cordoba conquista ; emiro nominato capitano di una flotta di invasione che ha preso l' arcipelago delle Baleari alla fine del dell'anno 903. Hicham El Khaoulani è stato eletto dal popolo come governatore di Maiorca e l'arcipelago delle Baleari, la sua elezione è stata approvata dal califfo Abd al-Rahman III poco dopo. Hicham El Khaoulani è stato il primo wali della dinastia musulmana degli Omayyadi delle Isole Baleari, che entrò a far parte dell'Emirato di Cordova in Al-Andalus.

La città di Maiorca è stato nominato Medina Mayurca, i mori costruito lì il Palazzo Almudaina, moschee e bagni pubblici, la realizzazione che ha preso la maggior parte del tempo era il porto, che divenne un importante centro commerciale del Mediterraneo occidentale. Baleari è diventato un rifugio per i pirati saraceni che hanno attaccato navi cristiane nel Mediterraneo occidentale, che ostacolava il commercio tra i porti commerciali di Pisa, Genova, Barcellona e Marsiglia. Le principali risorse finanziarie dei Mori vennero Maiorca saccheggiare raid contro le terre cristiane, il controllo del commercio marittimo e di omaggio che le comunità agricole Mallorca ha dovuto pagare al Emir.

Storia di Maiorca - Divisione amministrativa di Maiorca sotto la dominazione moresca (autore Lliura) - Clicca per ingrandire l'immagineI mori introdotto nelle Isole Baleari una serie di nuove colture : carciofi, riso e zafferano, mentre terrazze (marjada) sono stati costruiti in montagna per allargare l'area di terra arabile, sistemi di irrigazione, chiamati qanat sono stati creati.

Nel 1116 una nuova era è iniziata nel Mallorca, quando gli Almoravidi - una tribù berbera del Marocco - ha preso il controllo dell'isola dalla Spagna continentale. Baleari ha raggiunto nuove vette nella prosperità, in particolare sotto il regno di Ishaq Wali, che regnò 1152-1185. Ma i guai non erano lontani : marocchino almohade tribù guerriera sbarcato in Spagna, rovesciando tutto sul suo cammino. Una bagarre per le Isole Baleari era inevitabile e, nel 1203, gli Almohadi ha preso il controllo totale di tutto l'arcipelago.

Non c'è dubbio che tutte queste lotte interne tra le fazioni musulmane, non era passato inosservato in Spagna cristiana, dove la Reconquista aveva preso slancio dopo la sconfitta dell'esercito almohade nella battaglia di Las Navas de Tolosa nel 1212. Nel 1250 le armate cristiane di Ferdinando III di Castiglia (canonizzato come San Ferdinando) ripresi Valencia, Extremadura, Cordoba e Siviglia per conto di Castiglia, gli ultimi musulmani furono espulsi dal Portogallo. In un tale contesto, non sorprende che il piano dovrebbe essere progettato per prendere parte anche le Isole Baleari, soprattutto Maiorca ha continuato ad essere una base importante di pirateria che hanno ostacolato gravemente il commercio marittimo cristiana.

Riconquista catalano di Maiorca
Nel 1114 una crociata pisano-catalano aveva conquistato Maiorca, ma l'anno successivo, l'isola era stata presa in consegna dai Mori.

Storia di Maiorca - Mappa della riconquista di Maiorca da Jaume I - Clicca per ingrandire l'immagineJaume I (1208-1276), il re energetico di Aragona e Catalogna, all'età di soli 21, avevo promesso di prendere le Isole Baleari e terminare i pirati moreschi. 5 settembre 1229, 155 navi, che trasportano 1.500 cavalieri e 15.000 fanti, salpò nei porti catalani di Barcellona, Tarragona e Salou e impostare Mallorca vela. Giacomo I - più tardi soprannominato il Conquistatore (Jaume I el Conqueridor) - atterrato a Santa Ponsa e dopo due schermaglie veloci, marciò su Medina Mayurka, a cui pose l'assedio. Infine, il 31 dicembre, le truppe cristiane hanno sfondato le difese e si precipitò verso la città, depredando senza pietà. Durante i mesi successivi, Jaume I perseguito il nemico in tutta l'isola, ma la resistenza è bassa. Il resto delle Isole Baleari è caduto dopo : Ibiza nel 1235 e Minorca nel 1287, durante una feroce campagna, durante il regno di Alfonso III d'Aragona.

Storia di Maiorca - Mappa di Maiorca dopo la Riconquista - Clicca per ingrandire l'immagineUna volta completata la conquista di Maiorca, Jaume I proceduto alla distribuzione della terra tra i suoi luogotenenti e alleati. I alquerias (fattorie) Mori, i rafals (frazioni) e villaggi sono stati consegnati ai loro nuovi padroni (senyors). Molti nomi sono stati cambiati, ma molte comunità mantenuto il loro nome arabo. Molti luoghi hanno preso il nome del loro nuovo signore, preceduto dalla particella possessivo “Son„ o “Sa„. Jaume I annotato la distribuzione della terra nel “Llibre del Repartiment„ Libro di distribuzione.

Tra le priorità Jaume c'è stato un rapido programma di costruire chiese, la cristianizzazione della popolazione locale ei coloni invio di Catalogna - in particolare nei pressi della città di Girona. Durante il primo secolo dopo la conquista, la Ciutat (Città), Palma, ospitava la maggioranza della popolazione dell'isola. La Part Forana (“in parte al di fuori della Ciutat) è stato diviso in 14 distretti, ma tutto il potere a Maiorca era concentrato in la Ciutat. Sotto l'autorità del re, il quotidiano governativo è stato fornito da sei assessori, o “giudici. Nel 1382 (alcune fonti dicono nel 1447) è stato introdotto un nuovo sistema di governo dell'isola, denominato “Sac i Sort„ (Borsa i Sorte). In altre parole, i nomi dei sei candidati da nominare assessori per i prossimi 12 mesi sono stati selezionati casualmente quattro borse. Questo sistema rimarrebbe più o meno in uso fino al 1715.

Coloni cristiani catalani imporre la loro religione, la loro lingua e costumi per l'isola, e la maggior parte della popolazione musulmana era schiavo. Quelli che non erano fuggiti, né accettato questo destino, ha avuto un solo vero scelta : rinunciare all'Islam.

Nella Part Forana aziende sono stati designati come possessi (possessio) ed erano il fondamento dell'economia agricola che l'isola era in gran parte dipendono. Le aree sono state gestite da “Amos„ veri ai loro padroni nobili manager - spesso mancanti - e spesso erano loro stessi agricoltori benestanti. Hanno usato missatges (lavoro agricolo permanente) e jornalers (braccianti), che, come l'altra, di solito vivono al limite della povertà. Spesso, i piccoli agricoltori sono stati in grado di sbarcare il lunario, si arrese loro proprietà per le aree più importanti e divennero jornalers.

Il Regno di Maiorca
Storia di Maiorca - Incoronazione di Giacomo II - Clicca per ingrandire l'immagineAlla morte di re Jaume I nel 1276, il Regno di Aragona è stato diviso tra suo figlio due superstiti : il figlio maggiore, Pere II divenne re di Aragona e Valencia e conte di Barcellona in Catalogna, mentre il più giovane, Jaume II divenne re di Maiorca indipendente, conte di Rossiglione (Rosselló), conte di Cerdanya (Cerdanya) e Signore di Montpellier (Montpeller), la sua capitale era a Perpignan (Perpinyà) in Roussillon.

Storia di Maiorca - Tomba di Re Sancho I di Maiorca a Cattedrale di Perpignan (autore Josep Relalias) - Clicca per ingrandire l'immagineTuttavia, Pere II si considerava il legittimo erede di tutto il regno di Jaume I. Nel 1285, il figlio di Pere II, Alphonse, ha preso Maiorca - prima di riuscire a suo padre come re d'Aragona nel 1291, sotto il nome di Alfons II el Franc. Nel 1295, Jaume II d'Aragona, chiamato Jaume II el Just, fratello e successore di Alfonso II, diede l'isola a suo zio Giacomo II di Maiorca, che potrebbe pronunciarsi di nuovo a Maiorca, fino alla sua morte nel 1311.

I successori di Jaume II erano il suo figlio più giovane Sanç I, poi, nel 1324, il nipote di Sancho, Jaume III. Giacomo III de Mallorca è stato estromesso da Pere III d'Aragona nel 1343 e fu costretto all'esilio a Perpignan. Sei anni più tardi, cercò di riprendersi il suo regno atterrando a Maiorca, ma fu sconfitto e ucciso dal fratello re Pietro IV d'Aragona, nella battaglia di Llucmajor, 25 ottobre 1349. Il regno di Maiorca è ora collegato alla Corona d'Aragona, ma ha mantenuto un alto grado di autonomia.

Maiorca nella Corona d'Aragona
Il destino di Maiorca, e in particolare quella di Palma, così ha seguito da vicino quella di Barcellona, sede catalana della Corona d'Aragona e centro di commercio marittimo. La metà del XV secolo, le due città sono stati tra i più fiorenti del Mediterraneo. Palma aveva circa 35 consolati e rappresentanze commerciali sparsi in tutto il Mediterraneo. Comunità mercantile in città possedeva una flotta mercantile di 400 navi e case mercantili medievali, Sa Llotja era un vivace centro commerciale.

Tuttavia, non tutto è roseo : la peste colpì più volte (nel 1348, 1375, 1384, 1388, 1396, 1400, 1439, 1475, 1483 e 1503), decimando la popolazione. Nella Part Forana, i lavoratori agricoli vivevano sull'orlo della carestia e coltivazioni erano male al punto che nel 1374 le persone cadevano nelle strade, morti di fame. Rivolte localizzate frequenti, come ad esempio 1391 (lo stesso anno in cui i lavoratori arrabbiati hanno saccheggiato il quartiere ebraico di Call a Ciutat), sono stati spietatamente represse dall'esercito.

Nel 1469 con il matrimonio dei re cattolici Ferdinando d'Aragona e Isabella di Castiglia, i due regni principali della penisola iberica sono stati uniti. Maiorca è ora parte di una Spagna unita.

Sotto il regno dell'imperatore Carlo V, una maggiore shock per le classi dirigenti era la rivolta dei Germanies nel 1521, una rivolta della classe operaia urbana causato in gran parte dalle pesanti tasse richieste dalle classi inferiori. Hanno costretto il viceré a fuggire. In ottobre 1522 Carlo V (Carlo V) ha inviato l'esercito, che ha preso il controllo dell'isola fino a marzo prossimo.

Storia di Maiorca - Mappa di torri di avvistamento e di difesa - Clicca per ingrandire l'immagineNel frattempo stella commerciali Maiorca era diminuito e la costa era l'obiettivo costante di attacchi da parte di pirati nordafricani. La costruzione di torri di guardia intorno all'isola - molti dei quali sono ancora in piedi - è una testimonianza di questo problema. Il sistema di segnali e codici consisteva di collegare una serie di segnali, trasmessi da torre a torre, dal luogo di osservazione del nemico e alla città di Palma di Maiorca per organizzare difesa e di inviare aiuto a qualsiasi punto in cui è stato attaccato l'isola. I secoli XVI e XVII i segnali ottici sono stati eseguiti con il fumo di giorno e fuoco di notte.

Alcune delle più suggestive feste tradizionali Maiorca come “Moros i Cristians„ ad Pollença e “Es Firo„ in Sóller data da questo periodo. Quando il destino della Spagna sono diminuiti, dal XVII secolo, Maiorca scivolato nell'oblio provinciale. Il fatto sostenere la Casa d'Asburgo nella guerra di successione spagnola (1703-1715) non amava Maiorca dal monarca della Casa di Borbone, Filippo V, finalmente vittorioso : nel 1716 si abolì tutto privilegi e l'autonomia dell'isola.

Nel corso dei secoli XVIII e XIX, il destino di Maiorca ha seguito il resto della Spagna.

Altri temiAltri temi

Filiazione dell'argomento
Isole Baleari > Maiorca > Storia
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Mappa interattiva dell'isola di Maiorca
L'isola di Maiorca - Brochure OET
L'isola di Maiorca - Brochure delle escursioni
L'isola di Maiorca - Brochure delle strade dell'artigianato
L'isola di Maiorca - Brochure gastronomia
L'isola di Maiorca - Mappa di transito
L'isola di Maiorca nelle isole Baleari - Storia
La contea di Palma di Maiorca
La contea della Serra de Tramuntana a Maiorca
La contea del Raiguer a Maiorca
La contea della Pianura di Maiorca (Pla de Mallorca / Llanura de Mallorca)
La contea del Levante (Llevant) a Maiorca
La contea del Mezzogiorno (Migjorn) a Maiorca
Argomenti più ampi
Accoglienza
Carta interattiva delle Isole Baleari
L'arcipelago delle Isole Baleari - Brochure OET
La storia delle Baleari
La flora e la fauna delle Baleari
Informazioni turistiche sulle Baleari
L'isola di Minorca
L'isola di Maiorca
L'isola di Ibiza
L'isola di Formentera
Argomento precedente ] [ Argomento sopra ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, premete su questo legame per fare apparire i frammenti.