AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, premete su questo legame per fare apparire i frammenti.
Ricerca personalizzata

L'isola di Cabrera a Maiorca

[Argomento precedente] [Argomento sopra] [Argomento seguente] [Minorca] [Maiorca] [Ibiza] [Formentera] [Cabrera] [Accoglienza] [Site Home] [Via Gallica]
Rubriche[Foto] [Presentazione] [Situazione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
L'isola di Cabrera (Illa de Cabrera / Isla de Cabrera) è la più grande isola dell'arcipelago di Cabrera, Cabrera è essa stessa parte del arcipelago delle Isole Baleari e si trova a sud di Maiorca, la più grande delle isole Baleari, dipende amministrativamente la capitale di Maiorca e Palma de Mallorca.
Dal 1916 l'isola di Cabrera apparteneva al Ministero della guerra di Spagna, ed è stato talvolta usato come un campo di manovra, ma la presenza militare ha evitato Cabrera per essere invasa da turisti e ha contribuito a preservare il suo ecosistema unico.

Dal 1991, l'arcipelago di Cabrera è diventato un parco nazionale terrestre e marittimo, divieto di costruire ; Cabrera Island è la più piccola isola abitata delle Isole Baleari ed ha solo la popolazione residua e una piccola guarnigione militare. Hanno bisogno di autorizzazione da parte delle autorità militari di rimanere al di là di un giorno.

EtimologiaEtimologia e toponomastica
Il nome di Cabrera (“capraio„) proviene dalla grande popolazione di capre che vi abitò fin dai tempi antichi. I Romani chiamavano se stessi la “Capraia„, lo stesso nome come l'isola di Capri nel Golfo di Napoli in Italia nell'isola. La popolazione di capra è stato rimosso dall'isola nel XX secolo, perché le capre hanno impedito lo sviluppo di qualsiasi vegetazione, pascolo piantine.

SituazioneSituazione

L'isola di Cabrera a Maiorca - Mappa dell'arcipelago - Clicca per ingrandire l'immagine
L'isola di Maiorca Cabrera - Cabrera vista da Colonia de Sant Jordi - Clicca per ingrandire l'immagineL'arcipelago di Cabrera è separato dal Mallorca per il canale di Cabrera, largo 5 miglia nautiche. La isola di Cabrera è situata circa a 16 km della punta del sud-est di Maiorca, il Capo di Ses Salines.

Tuttavia Cabrera appartiene al comune di Palma distanza di circa 50 km. Cabrera lungo dipendeva dalla parrocchia di Santa Croce, nel quartiere di Santa Caterina (Santa Catalina), il quartiere dei pescatori di Palma.

Il porto di Cabrera è di circa 20 chilometri (10 miglia nautiche) dal porto di Colonia de Sant Jordi, il porto più vicino che serve l'arcipelago.

Coordinate del porto di Cabrera : latitudine 39° 08' 43" N, longitudine 2° 56' 13" E

VisiteVisite

IsolaL'isola di Cabrera
L'isola di Cabrera a Maiorca - Rilievo mappa dell'arcipelago - Clicca per ingrandire l'immagineLa isola di Cabrera è la più grande delle diciannove isole e isolette che compongono l'arcipelago di Cabrera e ha una lunghezza massima di 5,53 km in direzione nord-sud da Capo Ventós, nord-est fino alla Punta de n'Ensiola, sud-ovest e ha una larghezza massima di 5,29 km in direzione est-ovest, dal Capo de Llebeig, nord-ovest di Capo dello Imperialet, sud-est. Ha una superficie di 15,69 km², e la lunghezza delle sue coste è 38,3 km. Cabrera è la quinta isola più grande delle Isole Baleari (dopo Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera) e la più grande isola disabitata del Mediterraneo.

L'isola di Cabrera a Maiorca - La Grotta Azzurra - Clicca per ingrandire l'immagineQuesta costa è molto frastagliata, quindi la costa Cabrera rappresenta il 3% della costa delle Isole Baleari, mentre la sua area rappresenta solo lo 0,2% della superficie delle Isole Baleari. Questo litorale ha belle scogliere, promontori imponenti, rocce costiere, profonde insenature, diverse grotte di grande bellezza e spiagge di sabbia come le tre spiagge pubbliche della baia del porto (Sa Platgeta, Platga d'Es Pagès e S'Empalmador), dove a volte è possibile attraversare la famiglia reale spagnola.

L'isola di Cabrera a Maiorca - Cala Santa Maria - Clicca per ingrandire l'immagineIl territorio dell'isola è piuttosto pianeggiante, ma con tre catene parallele di colline che si stagliano nell'isola nel nord-ovest / sud-est, e profonde insenature separate :
  • L'isola di Cabrera a Maiorca - La Cala Es Port - Clicca per ingrandire l'immagineil primo di questi canali è più forte : si comincia al Capo di Llebeig alla fine a nord ovest di Cabrera, e termina presso l'isoladi l'Imperialet a sud-est. Questa catena comprende le colline più alte dell'isola, con Na Picamosques (172 m), e Penyal Blanc (“Roccia bianca„) (161 m). Al sud-ovest di questa catena è la Serra de Figueres, che finisce imponendo scogliere nella regione di Na Picamosques e Capo Rosso (Cap Vermell / Cabo Rojo), nella punta sud-ovest estremo è Punta de l'Enciola e il faro, con scogliere di 99 m di altezza, all'estremità meridionale della stringa termina con l'isola S'Estell de Fora. Sul nord-est della catena, sono solo terreni poco fertili Cabrera, noto sotto il nome di “Sa Vinya„ e “Ses quatre quarterades„. Al nord-ovest, la prima catena è separata dalla Baia della seconda catena porto di Cabrera.
  • L'isola di Cabrera a Maiorca - La cala Santa Maria - Clicca per ingrandire l'immagineL'isola di Cabrera a Maiorca - La cala Es Port e Capo Llebeig - Clicca per ingrandire l'immaginela seconda catena di colline comincia a Punta des Revellar, nord-ovest e termina a Punta des Codolar e Illa de ses Bledes, sud-est. Le sue colline sono più piccoli in altezza rispetto alla prima corda, con un picco come Na Bella Miranda (158 m). Alla fine a nord ovest di questa catena di colline è l'imponente castello di Cabrera. Al nord-ovest questa seconda catena è separato dal terzo da la cala profonda Cala Santa Maria - dove la famosa Cova Blava (“Grotta Azzurra„) e sud-est dal torrente di Olla (il “vaso„).
  • L'isola di Cabrera a Maiorca - La Punta de sa Corda - Clicca per ingrandire l'immagineil terzo di queste catene di colline inizia a Capo des Morobutí all'estremità nord dell'isola, e termina a Capo Ventós (il “Capo dei Venti„), all'estremità orientale. È il più piccolo dei tre allineamenti, ma ancora raggiunto altezze impressionanti nei pressi di Capo Ventós, con un'altitudine di circa 150 metri, e scogliere a 120 metri di altezza.

Numerosi sentieri permettono ai visitatori di scoprire questi paesaggi, tra cui il Castello di Cabrera, uno degli faro o quello che si è unito alla grotta Cova Blanca. L'ecosistema è estremamente fragile, alcuni di questi percorsi devono essere accompagnati da una guida o chiedere l'autorizzazione alle autorità del parco, come ad esempio percorsi di Faro de l'Enciola (4 ore di cammino) la parte meridionale della Serra de Ses Figueres (2 ore e mezzo) o il punto più alto dell'isola, il Picamosques (03 :00).

PortoIl porto di Cabrera
L'isola di Cabrera a Maiorca - La cala Es Port - Clicca per ingrandire l'immagineL'isola di Cabrera e grandi isole dell'arcipelago di Cabrera sono stati visitati da grandi civiltà del Mediterraneo : Fenici, Cartaginesi, Romani e Bizantini.

L'isola di Cabrera a Maiorca - Porto di Cabrera - Clicca per ingrandire l'immagineVela, soggetta ai capricci delle correnti e dei venti, è stato in gran parte limitato a una serie di strade specifici. Alcuni di questi percorsi passato molto vicino l'arcipelago di Cabrera e sono stati tra i più preso in prestito dai navigatori più vecchi. È stata la prima via mare dal stretto che separa la Sicilia da Cartagine, passato attraverso il sud della Sardegna e il sud delle Isole Baleari, e lungo la costa sud della penisola iberica, è stato quello di Stretto di Gibilterra. Un altro itinerario est-ovest di trasporto che era molto importante, lasciando la penisola italiana, ha attraversato lo Stretto di Bonifacio, poi di nuovo dal sud delle Isole Baleari a sud della penisola iberica, raggiungendo Gibilterra. Questa seconda unità potrebbe anche essere noleggiato in direzione inversa. Pertanto, quando i marinai passavano a sud delle Isole Baleari, tutte le isole dell'arcipelago di Cabrera è stato un ottimo punto di riferimento per la navigazione. Inoltre, su alcuni nord-sud o sud-nord dal centro delle rotte del Mediterraneo occidentale, si potrebbe anche vedere la sub-arcipelago e chiamando al suo porto.

L'isola di Cabrera a Maiorca - Case porto di Cabrera (autore loadmaster_b707) - Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia)L'isola di Cabrera a Maiorca - Porto di Cabrera - Clicca per ingrandire l'immagineIl porto di Cabrera è un porto in acque profonde naturale, uno dei migliori porti del Mediterraneo, al riparo da tutti i venti. Cabrera ha incontrato le condizioni ideali per una sosta. Ciò è dovuto principalmente a due fattori : la presenza di acqua potabile per tutto l'anno e il suo porto, situato, protetto dai venti e dalle tempeste e si distingue per una grande pescaggio. Inoltre, è stato anche possibile utilizzare il legno nella regione e godere delle risorse alimentari fornite dagli animali sull'isola - principalmente capre - circolano liberamente sull'isola, o l'abbondante pesce locale.

L'unica difficoltà per i navigatori che ha deciso di passare attraverso l'arcipelago di Cabrera, era, come dice Plinio, il pericolo delle sue acque. Vogliamo che il maggior numero di imbarcazioni si è arenata nei pressi del porto, compresi cartaginese e romana per la prova.

Castello forteCastello di Cabrera (Castell de Cabrera / Castillo de Cabrera)
L'isola di Maiorca Cabrera - Castello di Cabrera - Clicca per ingrandire l'immagineDopo la conquista catalana di Maiorca, nel 1229, Jaume I attribuito l'isola di Cabrera al vescovo di Tarragona, che ha trasmesso il suo usufrutto di un cavaliere in cambio di una rendita. La maggior parte di questi primi signori - come Bernat de Claramunt, Guillem Huguet e Pere de Malbosc - sono noti dalla letteratura : era nobile vivere a Palma e gestito Cabrera, come tutte le altre proprietà o beni di Maiorca. I signori di Cabrera aveva il diritto di affittare pascoli per il bestiame portati da Maiorca e la terra per piantare viti, così come il diritto di pescare, avevano il monopolio dei trasporti e quella della taverna, e non operare direttamente i falchi di riserva signorili.

L'isola di Maiorca Cabrera - Castello di Cabrera - Clicca per ingrandire l'immagineTuttavia, durante i secoli XIII e XIV, dopo la sconfitta musulmana, l'isola di Cabrera e il suo porto naturale è stato utilizzato come base per attacchi contro la costa di Maiorca da parte dei pirati barbareschi. Pirati moreschi - la popolazione chiamata “amorros„ - ancoravano le loro navi nella baia di Cabrera durante il giorno e attraversato il canale di Cabrera durante la notte per attaccare i porti e villaggi di Maiorca, gli pirati utilizzato anche il porto di Cabrera come base per intercettare le navi mercantili diretti verso la baia di Palma o emerse, comprese le navi che riforniscono Maiorca frumento Sicilia.

L'isola di Cabrera a Maiorca - La Punta de sa Creueta e il Castello di Cabrera - Clicca per ingrandire l'immagineAlla fine del XIV secolo, un signore di Cabrera, Guillem Saragossa, costruì una torre sul promontorio roccioso che domina il porto, una piccola guarnigione di guardie poteva avvertire gli abitanti della costa sud di Maiorca imminente un attacco, utilizzando i segnali di fuoco e fumo. La torre fortificata fu costruita sul “Puig d'Es Castell„, 72 m sopra il livello del mare, e da lì dominato Es Port, Capo Punta de Sa Creueta e Capo Llebeig che chiudono la bocca di porto. Il primo documento che menziona l'esistenza di un castello Cabrera datato 1407.

L'isola di Maiorca Cabrera - Castello di Cabrera - Clicca per ingrandire l'immagineNel corso del XVI secolo, l'importanza difensiva dell'arcipelago di Cabrera è stato aumentato perché le isole Baleari è diventato un confine geografico tra i due nemici della monarchia spagnola della Casa d'Austria, da un lato, l'Impero ottomano, che controllava l'Algeria dal 1529 e anche la Francia. Nel 1542, l'alleanza franco-turca è stato firmato contro Carlo V (Carlo I di Spagna), imperatore del Sacro Romano Impero. Di conseguenza, non si potrebbe parlare di attacchi da parte di pirati o corsari contro il popolo della costa di Maiorca e Minorca, ma veri e propri atti di guerra rivestito la minaccia di conquista e occupazione delle Isole Baleari. Castello di Cabrera fu ampliato e rafforzato. Gli attacchi dei Turchi - come la popolazione continua a chiamare “Amoros„ - contro Cabrera erano allora molti di continuare : tra gli attacchi più conosciuti, troviamo che il corsaro Barbarossa nel 1531, e quella di Dragut nel 1550. Queste incursioni debouched invariabilmente catturare e riduzione in schiavitù della guarnigione, e lo smantellamento e la distruzione del castello che ha reso inutile ogni successiva ricostruzione, perché era solo svuotare le casse dell'Università di Palma - diventare proprietario Archipelago - e quelle del Regno di Maiorca. Così, le autorità di Palma rifiutato di costruire una torre di guardia sulla collina più alta di Cabrera in un momento in cui tali torri sono state costruite in tutto il isola di Maiorca. La minaccia dei pirati diminuita dopo la sconfitta della flotta ottomana sconfitti dalla Lega Santa nella battaglia di Lepanto, al largo delle coste della Grecia, nel 1571.

L'isola di Cabrera a Maiorca - Sala di guardia Castello di Cabrera - Clicca per ingrandire l'immagineL'isola di Cabrera a Maiorca - Iscrizione del prigioniero Fleury Castello di Cabrera - Clicca per ingrandire l'immagineNel 1663, la famiglia Sureda divenne proprietario dell'isola e costruito il esagonale castello a tre piani, che vediamo oggi. Nel XIX secolo, il castello è stato utilizzato per qualche tempo in prigione per ufficiali subalterni dell'esercito francese napoleonico che era stato catturato nella battaglia di Bailen, poi utilizzato come ospedale per i detenuti colpiti dalla carestia e la malattia.

Isola Conillera sua vista dal castello - Clicca per ingrandire l'immagineL'isola di Cabrera a Maiorca - Costa vista dal castello - Clicca per ingrandire l'immagineNel 1982, il castello è stato restaurato e gli elementi che non appartengono alla progettazione di base sono stati rimossi.

Oggi il castello è visite guidate parte dell'isola ed è una delle sue principali attrazioni : dopo 20-30 minuti a piedi su un percorso che si snoda sul promontorio dove il castello è costruito, è premiato con una splendida vista sulla baia di Es Port.

Antico sitoIl Sito Archeologico di Ses Figueres
L'isola di Cabrera a Maiorca - Mappa sito archeologico dei suoi Figueretes - Clicca per ingrandire l'immagineIl sito del Pla de Ses Figueres è uno dei siti archeologici più importanti delle Isole Baleari : combina diverse rare testimonianze del passato Cabrera, raggruppati in tre scavati dagli archeologi provenienti da zone Palma :
  • sud-ovest del deposito, sulla costa vicino a Sa Platgeta, sono i resti di un pesce laboratorio salatura, risalente al tempo dell'impero romano (sesto e settimo secolo), possiamo vedere lì una dozzina di vasche scavate nella roccia o pietra giunti con malta, che sono stati utilizzati per la produzione di prodotti a base di carne.
  • a nord ci sono i resti delle baracche dei prigionieri francesi dell'esercito napoleonico ;
  • nord-est, a circa 150 metri dalla riva, sono i resti delle necropoli di un monastero bizantino e le rovine di quello che potrebbe essere un laboratorio di produzione di viola, usato per la tintura, in particolare la tintura delle toghe romane.
RovineLe rovine dei baraccamenti dei prigionieri francesi
Nel 1806, Napoleone ha dichiarato il blocco continentale, vale a dire il divieto di importazioni britanniche in Europa, solo il Portogallo ha rifiutato di rispettare e ha continuato a commerciare con la Gran Bretagna. Dopo la Spagna e la Francia hanno firmato il trattato di Fontainebleau, Napoleone ha risposto con l'invio di tre eserciti al Portogallo, attraverso la Spagna. Con questo trattato, il primo ministro spagnolo, Manuel de Godoy, sperava di cogliere il Portogallo e la sua flotta, ma è stato ingannato da Napoleone e le truppe francesi rimasti in Spagna, il re di Spagna, Carlo IV, è stato costretto ad abdicare ed è stato sostituito dal fratello di Napoleone, Giuseppe Bonaparte.

L'isola di Cabrera a Maiorca - La resa di Bailen, José Casado del Alisal pittura, 1864 - Clicca per ingrandire l'immagine2 mag 1808 (“el Dos de Mayo„), la rivolta popolare di Madrid contro l'occupazione francese, fu brutalmente repressa e centinaia di persone sono state giustiziate. Così iniziò la guerra d'indipendenza, conosciuta anche come la guerra contro i francesi (1808-1814). Una delle prime battaglie hanno avuto luogo 19 luglio 1808 in Bailen, nel sud della Spagna, l'esercito francese del generale Dupont de l'Étang fu sconfitto dalle truppe spagnole di General Castaños.

Dei 21.000 soldati e ufficiali coinvolti francesi, circa 18.000 furono fatti prigionieri. 22 luglio 1808, è stato firmato un accordo per cedere Andújar, l'accordo prevedeva che i prigionieri francesi dovevano essere tornato in Francia da Cadice a bordo di navi inglesi, che non è stato rispettato : Inglese, alleati spagnoli, ha rifiutato di il ripristino di un esercito che potrebbe rafforzare le fila nemiche. Solo gli ufficiali di alto rango, come Dupont, sono stati rimandati in Francia, dove hanno subito l'ira di Napoleone, che ha visto la capitolazione di Bailen come una capitolazione codarda, il generale Dupont è stato arrestato al suo arrivo a Tolone, 21 settembre 1808 e rimosso nel 1812. Gli altri prigionieri furono portati a Sanlúcar de Barrameda nei pressi di Cadice e stipati in carcasse (navi prigione) - in condizioni squallide - durante l'inverno 1808-1809, in attesa di decidere il loro destino. Ma una febbre epidemica causata tale scompiglio tra i prigionieri che il governatore militare di Cadice, temendo che la città potrebbe essere infestata, ha deciso di deportare i sopravvissuti nelle isole : 4000 prigionieri sono stati inviati alle isole Canarie, dove si fondono la popolazione.

Gli altri prigionieri - circa 9.000 - erano per la isole Baleari, dove dovevano essere divisi tra Maiorca, Minorca e Ibiza. Il loro viaggio è iniziato 9 aprile 1809, dalla baia di Cadice, navi da trasporto scortati da navi da guerra nello Stretto di Gibilterra nel Mediterraneo. Il viaggio è stato faticoso a causa della sua durata (4 mesi in mare), il sovraffollamento e le tempeste ; diffusione dissenteria a bordo. Quando finalmente arrivarono le navi nella baia di Palma, le autorità cittadine hanno rifiutato di lasciarli venire a riva, spaventato dalla possibilità di rivolte o diffusione della malattia. Anche dopo che i prigionieri avevano trascorso un sacco di tempo in isolamento all'ospedale di Port Mahon a Minorca, solo alti ufficiali sono stati autorizzati a sbarcare a Palma, sottufficiali, sottufficiali e soldati sono stati sbarcati Cabrera.

Fino all'arrivo dei prigionieri francesi nel 1909, l'isola di Cabrera si spopolò e aveva riflesso il cardinale Despuig alla fine del XVIII secolo. Giovani ufficiali sono state presentate nel castello, ma uniti senior Maiorca poco dopo gli ufficiali, soldati semplici hanno creato una città di fortuna sul lato sud della baia. A parte un paio di conigli e capre, le creature viventi erano solo lucertole e un asino che chiamavano Robinson, che divenne la mascotte dei prigionieri. Inoltre, vi era sull'isola unica fonte di acqua potabile.

L'isola di Cabrera a Maiorca - Rovine dei baraccamenti dei prigionieri francesi - Clicca per ingrandire l'immagineLa fornitura di prigionieri cibo e acqua aveva Maiorca ogni quattro giorni, con il minimo di cibo per sopravvivere fino alla prossima consegna. Un problema si è verificato quando, a causa di tempeste nel canale che separa l'isola di Cabrera de Mallorca, l'invio è stato ritardato, ha trascorso una settimana senza l'invio di prigionieri per l'isola. Quando la nave di approvvigionamento finalmente arrivato, prigionieri, furioso nei confronti di fornitori, tentarono di impadronirsi della nave. Il tentativo fallì, ma i fornitori rifiutato di tornare. Sostituzione del fornitore ha fino a tre mesi e che ha causato una carestia tra i prigionieri francesi. Robinson fu presto mangiare il culo, e la fauna selvatica, ma anche prigionieri mangiato piante, molte delle quali si sono rivelati tossici. Venne l'inverno, ed i venti e la pioggia cadde su i piccoli rifugi, che sono stati finalmente spazzati via da un'alluvione. Molti uomini ceduto alla malattia e malnutrizione. Nelle situazioni più estreme, alcuni sono venuti a sopravvivere, a praticare la coprofagia e cannibalismo.

L'isola di Cabrera a Maiorca - Le rovine della caserma dei prigionieri francesi - Clicca per ingrandire l'immagineTuttavia, i detenuti ammorbidito le loro condizioni di cattività imponendo una certa organizzazione e impegnati in varie attività, come la realizzazione di artigianato Sabina legno o di bosso (nel caso di un famoso gioco di proprietà di scacchi della famiglia Quetglas o domestico legno famiglia Feliu), cesti, canna o vari strumenti metallici, ma anche seminato diverse colture (patate, fagioli) e allevati animali (ratti) per la loro sussistenza, hanno costruito e vissuto in piccole case e coloro che sono stati istruiti altri studiosi, hanno rappresentato le parti in un teatro costruito in una grotta che si affaccia sul porto, e così via.

Nel corso del tempo, i prigionieri hanno creato un mercato interno in cui il fagiolo è stato il cambio valuta e un secondo mercato di scambio con Maiorca, alla quale esportare gran parte della loro produzione in cambio di materie prime e utensili diverse. La maggior parte di queste attività perfettamente descritta nelle memorie dei prigionieri che sono sopravvissuti sono stati confermati dagli scavi archeologici effettuati nel 2003 su un gruppo di case situate nei prigionieri francesi pianura Ses Figueres. Oltre a strutture architettoniche, è stato trovato là resti di metalli fusi, vasi di ceramica (pentole, padelle), fagioli carbonizzati molto ben conservati e bottoni e fibbie uniformi. Il castello è stato trasformato in un ospedale e ha ricevuto un gran numero di pazienti.

L'isola di Cabrera a Maiorca - Le rovine della caserma dei prigionieri francesi - Clicca per ingrandire l'immagineNel frattempo le autorità spagnole non hanno fatto nulla, se è ancora versando più prigionieri sull'isola, altri 3.000 in più di sei anni. Napoleone - che non aveva mai accettato la resa di Baylen che considerava una vergognosa capitolazione - rifiutata L'isola di Cabrera a Maiorca - Le rovine della caserma dei prigionieri francesi - Clicca per ingrandire l'immaginenegoziare il rilascio dei prigionieri.

La cattività prese fine nel maggio 1814 - appena dopo l'abdicazione di Napoleone nell'aprile del 1814 - con la firma dell'armistizio tra la Francia e gli Alleati. Sotto il primo restauro, il generale Dupont è stato nominato ministro della guerra di Luigi XVIII : egli non ha dimenticato gli uomini che avevano combattuto in Spagna sotto il suo comando. I seguenti mese due convogli, che battono la bandiera bianca della monarchia in Francia 3700 uomini rimpatriati direttamente da Cabrera.

Responsabile di rimpatriare i superstiti, il sottotenente di vascello Louis Pujol lasciato una testimonianza toccante drammatiche condizioni di vita che vi si trovano.

“Nulla di che parlava romanzieri avvicinano la realtà orribile che ho davanti a me„

Cabrera è stato il primo campo di concentramento della storia, dove quasi 12.000 uomini vivevano per cinque anni in condizioni disumane. Circa 5.000 di questi uomini - quasi il 40% - erano morti durante la detenzione e sono stati sepolti in tombe senza nome. Il desiderio delle autorità spagnole, con la complicità del governo britannico, non era solo per renderli innocui, ma anche per sterminare una morte lenta. Le dure condizioni di prigionia sono stati descritti da alcuni dei sopravvissuti nei loro ricordi, tra i quali i più famosi sono quelli di Wagré, Gille e Ducor. Nel 1847, il principe di Joinville, figlio di Luigi Filippo I, eretto un monumento ai morti Cabrera francese.

In un romanzo storico “I prigionieri di Cabrera„, pubblicato nell'aprile 2009 dalla Presses de la Cité, Michel Peyramaure descrive i prigionieri dimenticati del Calvario napoleonica.

CimiteroLa necropoli bizantina
“Poiché siamo consapevoli del fatto che i monaci del monastero che si trova sull'isola di Capria, situato vicino alla Maiorica, che è anche un'isola, colorate la loro vita con vari reati, il che dimostra che più che servono Dio, combattono - e ci confessano con le lacrime - al servizio dell'antico nemico [Satana]„.

Gregorio - Epistole XIII (intorno all'anno 603)

La lettera di papa Gregorio Magno, scritta intorno al 603 dC, mostra inequivocabilmente la presenza di una comunità monastica nell'arcipelago di Cabrera nel tempo della dominazione bizantina delle Baleari. Il Papa condanna il comportamento dei monaci e invia un “difensore„ per cercare di riportare l'ordine. Interpretazioni relative alla denuncia di questo cattivo comportamento monaci Cabrera sono numerosi : la pratica della pirateria, l'eresia, il comportamento omosessuale, il rifiuto della supremazia papale o linee guida, et cetera. Purtroppo, il documento citato non è abbastanza esplicito per essere sicuri dei motivi per intervento papale, anche se è ovvio che Gregorio Magno tentativi di controllare e regolare gran parte dello stato monastico del West.

L'isola di Cabrera a Maiorca - La necropoli bizantina - Clicca per ingrandire l'immagineL'istituzione di questi monaci dell'arcipelago di Cabrera è parte dell'ideologia del primo stato monastico cristiano, che sostiene una distanza dal mondo urbano, per sfuggire ai suoi vizi ed essere in grado di vivere molto più cristiana e quindi vicino a Dio. Questo è il motivo per cui le piccole isole sono il luogo ideale per installare gruppi di monaci che occupano tante piccole isole in tutto il Mediterraneo occidentale e l'Atlantico, in particolare quelle situate vicino a strade navigazione.

Questi monaci hanno l'ambizione di condurre una vita modesta, lontano dal trambusto della società civile, dedicata al lavoro e alla preghiera. Tuttavia, hanno anche un ruolo evangelizzatrice, che permette loro di mantenere il contatto con le popolazioni confinanti o marinai di passaggio, che permette loro di praticare il commercio, ricevono regali o donazioni, in particolare per promuovere nuove vocazioni al fine di garantire la continuità della loro comunità.

L'isola di Cabrera a Maiorca - La necropoli bizantina - Clicca per ingrandire l'immagineAttraverso il lavoro di prospezione e di scavi archeologici, si è constatato che l'arcipelago di Cabrera, ci sono una serie di campi che sembrano essere strettamente legata alla comunità monastica. Tutti hanno abbondanti materiali ceramici che possono essere tra il quinto e il settimo secolo dC, alcuni dei quali chiaramente riferimento alla cultura cristiana.

Il principale campo di ceramica, per estensione e l'abbondanza, è la pianura Ses Figueres, che si trova nella parte inferiore del porto di Cabrera. Questo è il motivo sembra essere il luogo dove era il monastero dove la maggior parte dei monaci vivevano. I resti raccolti durante gli scavi, e il fatto che i quattro corpi ritrovati nelle tombe scoperte nella zona sono quelli dei maschi adulti, suggerendo che queste sono le tombe di quattro dei monaci del VII secolo dC.

Cimitero monastero bizantino vicino ai resti del campo di prigionieri francesi.

MuseoIl Museo Etnografico Es Celler
Dal 1891, la famiglia Feliu divenne proprietario di quasi tutta l'isola di Cabrera, rimarrà fino al 1916, quando fu espropriato a favore dell'esercito. Jacint Feliu piantato viti, carrubi, mandorli e fichi e anche come foraggio lupinella, perché anche introdotto mucche, pecore e capre. C'era a quel tempo un sacco di soldi da fare nella produzione di vino in quanto la fillossera aveva distrutto i vigneti francesi e vini di Maiorca ha raggiunto prezzi elevati, perché, per la sua posizione insulare, Maiorca è stato protetto dall'epidemia. Tuttavia l'epidemia di fillossera poi raggiungere Cabrera.

L'isola di Cabrera a Maiorca - Museo Etnografico Es Celler - Clicca per ingrandire l'immagineQuesto sfortunato business rimane la casa di Feliu, Villa Cristina, nel porto, e la cantina costruita da Feliu a produrre vino, chiamato “Es Celler„ (cantina). Dopo l'isola del Parco Nazionale di Cabrera è stato dichiarato nel 1991, la cantina è stata restaurata nel 1994 e trasformato per ospitare un museo di etnografia.

Situato a poche centinaia di metri (20 minuti a piedi) dal porto di Cabrera, il Museo ospita la mostra “L'uomo e la natura Cabrera 'che presenta manifesti raffiguranti la storia dell'isola, etnografia e ambiente naturale dell'arcipelago, e bric-à-brac di reperti archeologici recuperati in tutto l'arcipelago e le acque circostanti. Accanto al museo è un giardino botanico - mal tenuta - che ha 72 specie native per l'isola di piante Cabrera.

MemorialeMemorial di prigionieri di guerra francesi
L'isola di Maiorca Cabrera - Il memoriale dedicati ai prigionieri francesi - Clicca per ingrandire l'immagineNel giugno 1847, il vice-ammiraglio principe di Joinville, terzo figlio di re Luigi Filippo, era nel Mediterraneo, nella baia di Palma a bordo della sua nave, la “Pluto„, a poca distanza dall'isola di Cabrera, il nome colpito il giovane principe, si chiese se non fosse stato su questa isola, che dopo la capitolazione di Bailen nel 1808, poveri soldati francesi sono stati trasportati dagli spagnoli, ha anche imparato che da lungo l'isola, abbiamo potuto vedere finora ossa umane sbiancate dal tempo ordinò di procedere all'ancoraggio dell'isola. Gli ufficiali ed equipaggio, guidato da uno spagnolo che aveva assistito alla lenta morte dei prigionieri, mietuto una grande quantità di ossa che giacevano sparsi nell'isola. Sopra l'ossario, che disegnare un obelisco di granito con la scritta :
“In memoria dei morti francese Cabrera, lo squadrone di evoluzione nel 1847, commissionato da Sua Altezza Reale il principe di Joinville„

Il memoriale si trova in un bosco, un po 'ad ovest del Museo Etnografico, mal tenuta e presqu'indéchiffrable, suo mal testimoniano che né le autorità spagnole né le autorità francesi, sono orgoglioso di questo drammatico episodio e ingloriosa l'avventura napoleonica.

L'isola di Maiorca Cabrera - Il memoriale dedicati ai prigionieri francesi - Clicca per ingrandire l'immagineL'isola di Maiorca Cabrera - Il memoriale dedicati ai prigionieri francesi - Clicca per ingrandire l'immagineL'isola di Maiorca Cabrera - Il memoriale dedicati ai prigionieri francesi - Clicca per ingrandire l'immagine
FaroIl Faro de N'Enciola
L'isola di Cabrera a Maiorca - Faro di n'Enciola (autore J. Goma) - Clicca per ingrandire l'immagineLa metà del XIX secolo, nel 1864, un progetto faro sulla punta di N'Enciola è stato progettato da Emili Pou, il primo passo nello sviluppo è stata la costruzione della strada dal molo alla cima della punta N'Ensiola, che doveva essere utilizzato per il trasporto di materiali da costruzione. Poi inizia la costruzione del palazzo, visto il percorso poi completato da una nuova sezione tra il faro e il porto di Cabrera. Il lavoro è stato completato nel 1868 e il faro N'Enciola ha iniziato a lavorare 15 agosto, 1870.

Un sentiero conduce al faro N'Ensiola (durata : 4 ore), ma ci vuole un permesso per visitare il faro.

Sotto il faro, Es Cocó de l'Ancai c'è un grande buco dove, fino a poco tempo, il sale è stato raccolto. A “cocó„ è un buco nel mare dove il sale del mare si deposita.

GrottaGrotta Azzurra (Cova Blava / Cueva Azul)
L'isola di Cabrera a Maiorca - La Grotta Azzurra - Clicca per ingrandire l'immagineLa Grotta Azzurra si trova sulla costa orientale della baia di Cala Santa Maria, nei pressi della Punta de Cala Santa Maria, a nord dell'isola di Cabrera. La Grotta Azzurra è di circa 160 m di profondità, largo 50 metri e alto 20 metri, è una grotta scavata dal mare nella roccia calcarea dell'isola.

L'isola di Cabrera a Maiorca - La Grotta Azzurra - Clicca per ingrandire l'immagineCova Blava deve il suo nome alle acque del colore blu profondo che si riflette sul soffitto della grotta, il colore dell'acqua è dovuto alla riflessione della luce sul fondo sabbioso. Questo è in analogia con la famosa Grotta Azzurra (Gruta Azul) sull'isola di Capri (che, per i Romani, chiamato anche Capraia come l'isola di Cabrera).

L'isola di Cabrera a Maiorca - La Grotta Azzurra - Clicca per ingrandire l'immagineL'ingresso della grotta è orientata a nord-ovest : è il sole pomeridiano illumina la caverna. Quindi, per ricambiare la visita a Cabrera che barche tour fermano alla Cova Blava, per permettere ai turisti di ammirare il fenomeno e, a volte, a fare un bagno a pochi minuti nelle sue acque azzurre.

L'isola di Cabrera a Maiorca - La Grotta Azzurra - Clicca per ingrandire l'immagineL'isola di Cabrera a Maiorca - La Grotta Azzurra - Clicca per ingrandire l'immagineL'isola di Cabrera a Maiorca - La Grotta Azzurra - Clicca per ingrandire l'immagine

InformazioniInformazioni pratiche

Il Centro Visitatori del Parco Nazionale di Cabrera
L'isola di Cabrera essere unbuildable, il Parco Nazionale Visitor Center si trova a Colonia de Sant Jordi.
Escursione in mareL'accesso Cabrera
L'arcipelago di Cabrera è un Parco Nazionale e, inoltre, una zona militare, l'accesso all'isola di Cabrera è regolamentata. Cabrera è visitabile solo durante il giorno : è vietato passare la notte. È possibile attraccare con una barca privata solo dopo aver ottenuto l'autorizzazione da parte dell'amministrazione del Parco Nazionale, e solo nel porto di Cabrera (Es Port), il numero di navi non può superare il 50 al giorno, la durata della ormeggio è limitato : una notte in luglio e agosto per due notti in giugno e settembre, e fino a sette notti il resto dell'anno. Allo stesso modo immersioni possono essere effettuate senza un permesso, ma lo snorkeling può essere fatto sulle spiagge. Pesca, tra cui la pesca subacquea è vietata (ma le violazioni sono regolarmente registrata).

Così quasi tutti i visitatori vengono a Cabrera per imbarcazioni turistiche, ma al fine di preservare l'ecosistema, solo 200 persone al giorno (300 in agosto) sono autorizzati a visitare questa zona molto naturale protetta ; è quindi consigliabile prenotare il biglietto almeno un giorno di anticipo.

La maggior parte delle barche tour partono da Colonia de Sant Jordi, a poco più di 10 miglia nautiche da Cabrera (circa 30 minuti), alcuni partono da Porto Petro, nei pressi di Cala d'Or (incrocio 75 minuti). A Colonia due aziende offrono diversi tipi di visita : “Marcabrera„ la società “Excursions a Cabrera„ e la società Prezzi - piuttosto alto - includono l'ingresso nella Legge Parco Nazionale.

Escursioni arrivano al piccolo porto di Cabrera, dove c'è un piccolo parco nazionale di Information Office, bagni pubblici, un piccolo caffè (la “mensa pescatore„) e un rifugio spazio picnic. Parco Nazionale Guide sono una breve presentazione dell'isola e le regole di condotta.

Escursioni a Cabrera
L'isola di Maiorca Cabrera - Opuscolo di escursioni a Cabrera - Clicca per ingrandire l'immagineL'isola di Cabrera a Maiorca - Itinerari Escursioni a Cabrera - Clicca per ingrandire l'immagineExcursions a Cabrera„ offre quattro diversi percorsi : “Fast„ (3 ore, 38 € / 42 € in alta stagione), “Express„ (visita Cabrera, 37 € / 40 € in alta stagione), “Classic„ (giorno Cabrera, 10 alle ore 17 35 € / 40 € in alta stagione), “Premium„ (tour dell'arcipelago e giorno Cabrera, 43 € / 48 € in alta stagione). Il viaggio più lungo alla scoperta di numerose piccole isole abitate da uccelli prima di arrivare a Cabrera.

Tour da maggio a ottobre.

La vendita dei biglietti : Carrer Gabriel Roca s / n - Porto di Colonia de Sant Jordi

Telefono : 00 34 971 649 034

Email : info@excursionsacabrera.es

Sito sul web : www.excursionsacabrera.es

MarCabrera
MarCabrera offre cinque diversi circuiti con barche veloci.

Carrer Gabriel Roca, 20

Telefono : 00 34 971 656 403

Sito sul web : www.marcabrera.com

RistoranteRistoranti
C'è un piccolo bar nel porto di Cabrera, compagnie turistiche offrono snack da mangiare a bordo o fare un pic-nic (circa 7 €).

Altri temiAltri temi

Filiazione dell'argomento
Isole Baleari > Maiorca > Contea del Migjorn > Isola di Cabrera
Argomenti più dettagliate
L'isola di Cabrera a Maiorca - Il Parco Nazionale
La flora dell'isola di Cabrera a Maiorca
La fauna dell'isola di Cabrera a Maiorca
Argomenti vicini
La città di Felanitx a Maiorca
La città di Santanyí a Maiorca
La città di Ses Salines a Maiorca
L'isola di Cabrera a Maiorca
La città di Campos a Maiorca
La città di Llucmajor a Maiorca
Argomenti più ampi
Accoglienza
Mappa interattiva dell'isola di Maiorca
L'isola di Maiorca - Brochure OET
L'isola di Maiorca - Brochure delle escursioni
L'isola di Maiorca - Brochure delle strade dell'artigianato
L'isola di Maiorca - Brochure gastronomia
L'isola di Maiorca - Mappa di transito
L'isola di Maiorca nelle isole Baleari - Storia
La contea di Palma di Maiorca
La contea della Serra de Tramuntana a Maiorca
La contea del Raiguer a Maiorca
La contea della Pianura di Maiorca (Pla de Mallorca / Llanura de Mallorca)
La contea del Levante (Llevant) a Maiorca
La contea del Mezzogiorno (Migjorn) a Maiorca
Argomento precedente ] [ Argomento sopra ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, premete su questo legame per fare apparire i frammenti.