AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, premete su questo legame per fare apparire i frammenti.
Ricerca personalizzata

La città di Bunyola a Maiorca - La finca Raixa

[Argomento precedente] [Argomento sopra] [Argomento seguente] [Minorca] [Maiorca] [Ibiza] [Formentera] [Cabrera] [Accoglienza] [Site Home] [Via Gallica]
Rubriche[Foto] [Presentazione] [Situazione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
La finca Raixa a Maiorca - L'aranceto - Clicca per ingrandire l'immagine
La finca Raixa a Maiorca - Il maniero - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa (pronunciato “ra-isha„) contiene una vecchia casa di Maiorca e uno dei più bei giardini della isola di Maiorca. Si tratta di un pezzo di storia dell 'isola di Maiorca, che si estende dal XV al XIX secolo.

La finca Raixa a Maiorca - La loggia del maniero - Clicca per ingrandire l'immagineLa casa è un antico palazzo arabo ristrutturato nel XVIII secolo.

Dopo la riconquista di Maiorca da parte dei catalani nel XIII secolo, il demanio di Raixa (possessió de Raixa) ha avuto diversi proprietari, come Zaforteza-Tagamanent, fino alla sua acquisizione da parte della famiglia Despuig.

Il restauro più importante della casa è stata condotta dal cardinale Antoni Despuig i Dameto (1745-1813), figlio del terzo conte di Montenegro, trasformato l'edificio in un bellissimo palazzo in stile italiano classico abitazioni al piano terra di un importante collezione di opere d'arte.

SituazioneSituazione

La finca Raixa a Maiorca - Il serbatoio - Clicca per ingrandire l'immagine
La finca Raixa è fuori della piccola cittadina di Bunyola, a pochi chilometri sulla strada di Palma de Mallorca.

Coordinate geografiche : 39° 40' 50" N ; 2° 40' 23" E

VisiteVisite

Sa Finca La Raixa
La finca Raixa a Maiorca - Il portale d'ingresso della tenuta - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)La finca Raixa a Maiorca - L'aranceto - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)La tenuta è aperta al pubblico che può visitare al di fuori del maniero, l'accesso e bassi giardini, cortile, cappella, loggia e ampi giardini serbatoio.
La tenuta
La finca Raixa a Maiorca - L'aranceto - Clicca per ingrandire l'immagineLa tenuta della Raixa si estende su 520.000 m² (52 ettari). Gli edifici occupano 4500 metri quadrati e il resto è occupato da vari giardini, terreni agricoli e boschi.

La finca Raixa a Maiorca - La tenuta - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)Il centro del campo è un gruppo di case, che sono sempre citati al plurale perché includono diversi edifici. Le “cases de possessió„ comprendono diversi tipi di edifici in base alla loro posizione geografica e la specializzazione della produzione. C'è la casa principale e gli operai agricoli e quartieri, accanto a loro, una serie di edifici accessori direttamente legati all'uso agricolo della zona : stalle, mulino olio d'oliva, olio di negozi dispensa, e così via.

La finca Raixa a Maiorca - La tenuta - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - L'aranceto - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)La finca Raixa a Maiorca - La tenuta - Clicca per ingrandire l'immagine
VillaIl maniero
La finca Raixa a Maiorca - L'ingresso alla villa - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - Il maniero - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - Il maniero - Clicca per ingrandire l'immagine
La finca Raixa a Maiorca - Il maniero - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - Il maniero - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - Il maniero - Clicca per ingrandire l'immagine
Il piano terraIl Primo PianoIl Secondo Piano
1 - Portal forá ; 2 - Clastra principale ; 5 - Camera ; 6 - Cappella ; 8 - Ingresso ; 9 - Sala da pranzo dei padroni ; 10 - Cucina dei padroni ; 11 - Camera da letto del Cardinale ; 14 - Archivi ; 15 - Quartieri domestici ; 16 - Negozio ; 17 - Stabile ; 18 - Attrezzature per animali ; 19 - Fienile ; 20 - Dispensa ; 21 - Cucina domestica ; 22 - Porcile (sty) ; 23 - Pollaio ; 24 - Magazzino utensili ; 25 - Capannone a serbatoi ; 26 - Clastra di lavori ; 27 - Frantoio ; 28 - Olio di negozio ; 30 - Dormitorio domestico ; 31 - Negozio ; 32 - Grande bacino
La finca Raixa a Maiorca - Il piano del pianoterra del palazzo - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - Il piano del primo piano del palazzo - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - Il piano del secondo piano del maniero - Clicca per ingrandire l'immagine
La Clastra
La parte più tipica dei manieri di agricoltura è la “clastra„, un patio che comunica con i vari edifici che compongono il complesso architettonico. Generalmente, “clastras„ tendono ad essere chiuso su tre o quattro lati con accesso attraverso un grande portale ad arco, noto come “portal forà„, che porta alla sala d'ingresso.

La “clastra„ di Raixa ha un forte carattere rurale e la sua caratteristica più notevole è il portico che è stato costruito nei primi anni del XVI secolo. La “clastra„ fornisce l'accesso alla casa dei Padroni, nei quartieri operai agricoli e dei più importanti edifici ausiliari.

La finca Raixa a Maiorca - La clastra o cortile - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)La finca Raixa a Maiorca - La clastra o cortile - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - La clastra o cortile - Clicca per ingrandire l'immagine
CasaLa casa dei Padroni (Casa dels Senyors)
La finca Raixa a Maiorca - La sala da pranzo dei Patroni - Clicca per ingrandire l'immagineA Maiorca, parti abitate dai proprietari, quando stavano nella zona sono stati chiamati “cases dels senyors. La casa dei Padroni si trova al primo piano ed è separata dalla stanze della servitù, ma è collegato a tutti gli edifici della zona attraverso la “clastra„. La Casa dels senyors occupa l'ala nord, est e sud dell'edificio.

La casa dei Padroni ha subito varie trasformazioni nel corso dei secoli, arredamento e mobili sono adattati agli stili del momento. Tuttavia, questi palazzi non hanno mai raggiunto il lusso e la raffinatezza del “patio„ di Palma, in particolare quelle di proprietà della nobiltà.

La finca Raixa a Maiorca - La cucina dei Patroni - Clicca per ingrandire l'immagineAnche se la disposizione è cambiata nel corso degli anni, durante il periodo di maggior splendore della Raixa del XVIII secolo, la casa composta da varie stanze e camere da letto, una sala da pranzo principale, una personale di sala e una cucina al primo piano per la famiglia del proprietario (“cuina dels senyors„).

La finca Raixa a Maiorca - La cucina dei Patroni - Clicca per ingrandire l'immagineL'ingresso alla “casa dels senyors„ sala hanno portato a vari spazi domestici come la cucina, armadi e vari dispensa piatto. Ha lavorato anche come accesso ai quarti private della famiglia.

LoggiaLa Loggia
La vista sui giardini bassi dalla loggia alla italiana è bellissima.
La finca Raixa a Maiorca - La loggia del maniero - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - La loggia del maniero - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)
La finca Raixa a Maiorca - La loggia del maniero - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)La finca Raixa a Maiorca - La loggia del maniero - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)La finca Raixa a Maiorca - La loggia del maniero - Clicca per ingrandire l'immagine
I quarti dei domestici
Le servitù e dei lavoratori, nonché le officine, occupavano l'ala ovest dell'edificio. Il piano terra contiene una cucina per i lavoratori domestici e di dominio (“cuina dels amos„). I dipendenti sono stati alloggiati nel seminterrato.
Fabbricati agricoli
La finca Raixa a Maiorca - Il frantoio (autore Chixoy) - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - Il frantoio - Clicca per ingrandire l'immagine
Giardino ornamentaleI Giardini
La Raixa è rinomata per i suoi giardini eccezionali. Nel XVIII secolo Raixa già incluso aree verdi, ma i famosi giardini della zona risalgono al XIX secolo.

Dopo un progetto molto ambizioso, progettata dall'architetto spagnolo Eusebio Maria de Ibarreche il cardinale Despuig assunto l'architetto italiano Giovanni Lazzarini, che ha sviluppato un progetto su larga scala nel 1802 per una serie di giardini neoclassici. I vincoli finanziari e la mancanza di acqua fatti che né l'uno né l'altro di questi progetti sono stati intrapresi.

Infine, è stato deciso nel 1807 di optare per un piano più modesto, sulla base di una rilettura del progetto elaborato dal Italiano Lazzarini, sotto la direzione del capomastro Tomàs Abrines.

I giardini sono stati costruiti in tre fasi. Durante la prima fase la grande piscina è stata costruita, e giardini di Apollo e bassi giardini, vicino alla facciata sud del palazzo, sono stati sviluppati anche.

Più tardi, il lavoro iniziato nella parte superiore dei giardini, noto come “Sa Muntanyeta„ deselezionando la terra ad est ed erigendo rovine imitazione e strutture pittoresche che sono tipici di romantici giardini gruppi.

Durante la terza fase, il campo ha ricevuto un nuovo accesso carraio ed elevati giardini sono state estese per coprire l'intero lato sud della collina.

Piccole aggiunte sono state successivamente fatte da conteggi successivi del Montenegro e l'ultimo proprietario di Raixa, Antoni Jaume Nadal. I giardini sono divisi in accesso, alte e basse giardini giardini giardini.

Giardino ornamentaleGiardini di accesso
La finca Raixa a Maiorca - Finca Raixa a Maiorca - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - I giardini di accesso - Clicca per ingrandire l'immagineGiardini di accesso sono coperti da una grande terrazza belvedere, cui si accede attraverso un portale in stile medievale con torri merlate.

La finca Raixa a Maiorca - I giardini di accesso - Clicca per ingrandire l'immagine

La finca Raixa a Maiorca - I giardini di accesso - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - I giardini di accesso - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - I giardini di accesso - Clicca per ingrandire l'immagine
Giardino ornamentaleI Giardini inferiori
La finca Raixa a Maiorca - Finca Raixa a Maiorca - Clicca per ingrandire l'immagineI giardini bassi sono stati i primi ad essere sviluppato ; sono concentrati sulla loggia dieci arcate della facciata e mescolare una grande varietà di alberi sempreverdi (cipresso ecc) con materiale vegetale geometrica.
La finca Raixa a Maiorca - I giardini bassi - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - I giardini bassi - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - I giardini bassi - Clicca per ingrandire l'immagine
Giardino ornamentaleI giardini alti
La finca Raixa a Maiorca - Scala barocca della finca Raixa - Clicca per ingrandire l'immagineI giardini alti sono costruiti su una collina. I primi sette terrazze sono serviti da una scala monumentale al grande stagno (96 x 18 metri), la “Casa delle Bambole„ e “Casa dei Bagni„.

Scalone barocco per meno grandioso, circondato da numerose statue e visibile in mezzo a una vegetazione lussureggiante, è stato replicato in molti dipinti di pittori di Maiorca.

La finca Raixa a Maiorca - I giardini alti nel 20esimo secolo - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - I giardini alti durante il restauro - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)Raixa la finca a Mallorca - Una scala dei giardini alti - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)
Sa Muntanyeta
La finca Raixa a Maiorca - Cappella - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - Il padiglione moresco - Clicca per ingrandire l'immagineLa parte più alta, ha chiamato Sa Muntanyeta include un percorso lungo il quale il visitatore incontra romantico percorso costruzioni : una grotta, una vista dall'alto di una casa, una cappella e un tempio neoclassico coronamento della vetta.
BacinoIl Serbatoio
La finca Raixa a Maiorca - Bacino - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)Nel 1753, il conte Ramon Despuig i Cotoner aveva commesso ingegnere militare Francisco Ricaud de Tirgalle per costruire un serbatoio enorme (aljibe) 100 m di lunghezza per aumentare la disponibilità di acqua nel campo. Nel XIX secolo il grande bacino è stata costruita da questa aljibe.

La tenuta della Raixa è bagnata dal torrente della “Font des Coster„, ma questo flusso non fornisce abbastanza acqua per espandere i vigneti e uliveti per fare campo redditizio. Nel 1807, il flusso “des Polls„ è stata affittata per la vicina tenuta di Pastorix e l'acqua è stata portata a Raixa da una linea di tre km lungo.

La finca Raixa a Maiorca - Bacino - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - Il serbatoio - Clicca per ingrandire l'immagineLa finca Raixa a Maiorca - Il serbatoio - Clicca per ingrandire l'immagine
La finca Raixa a Maiorca - Bacino - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)La finca Raixa a Maiorca - Bacino - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)La finca Raixa a Maiorca - Bacino - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)

ConoscenzaStoria, geografia, arte, tradizioni, flora…

StoriaStoria
Le origini del Dominio di Raixa
Ci sono molte ipotesi per quanto riguarda le origini del demanio di Raixa, ma la spiegazione più probabile è che, durante la dominazione araba dell'isola, queste terre facevano parte di una grande tenuta, o “alquería„, noto come nome Biniatzar, che è ora il nome di un campo nelle vicinanze.
L'acqua è una risorsa scarsa a Maiorca, ed è stato, in tutta la storia dell'isola, un fattore chiave nella scelta degli insediamenti. Inoltre, le migliori aree agricole dell'isola si trovano vicino pozzi o sorgenti. La finca Raixa è un buon esempio per l'abbondanza di acqua - che riflette ancora la sua grande piscina - e la fertilità della terra di questa posizione privilegiata ai piedi della Serra de Tramuntana, i Mori fondato la fattoria di Araixa, da cui il nome attuale della finca Raixa.

L'area rimase sotto il dominio arabo per 300 anni.

Prime proprietari
Nel XIII secolo, dopo la riconquista cristiana di Maiorca (1229-1231), il re Jaume I, detto Jaume il Conquistatore, divise l'isola tra i suoi sostenitori e ha incoraggiato la sua densità. Il terreno dove ora sorge la finca Raixa sono stati assegnati, così come altri paesi, al secondo zio di Jaume I, Nunyo Sanç che ha, a sua volta, divisa tra i vari vassalli. La Araixa campo è stato dato al conte Ampuries, Don Ponce Hugo, 11 Maggio 1234.

La prima storica data Raixa dati dalla fine del XV secolo, quando la proprietà apparteneva a Safortesa-Tagamanents, una nobile famiglia di Maiorca che è stato spento. Non sappiamo che cosa era come l'edificio medievale, ma un lavoro importante dal 1512 confermiamo la semplicità della casa originale.

Dal XVI secolo ci fu, nella nobiltà, un lungo processo di accumulazione della terra, che ha portato alla creazione di latifondi di successo, che, a Maiorca, sono chiamati “beni„ (possesió). Raixa è diventato uno di quei “beni„. Ma nel XVI secolo, i proprietari di Raixa sono stati coinvolti nella rivolta delle Germanies de Mallorca (Confraternite di Maiorca), una lotta tra artigiani ribelli e sostenitori della corona, che ha avuto luogo tra il 1521 e il 1523 ; l'area ei suoi edifici sono stati attaccati e bruciati. Raixa ma fu ricostruita nel secolo successivo, la famiglia ha subito un grave declino e fu costretto a vendere la sua proprietà al primo conte di Montenegro e Montoro, Ramon Despuig i Rocaberti (1633-1681), 18 giu 1660.

La famiglia Despuig
La finca Raixa a Maiorca - Le braccia della famiglia Despuig - Clicca per ingrandire l'immagineLa famiglia Despuig acquistò la tenuta di Raixa a causa della sua produttività, soprattutto per quanto riguarda l'olio d'oliva. Durante il periodo del primo conte di Montenegro, fabbricati agricoli sono stati migliorati, gli ulivi sono stati piantati, il frantoio è stato ampliato e altro mulino è stato costruito.

Nel XVIII secolo la casa fu ampliata in varie opere. Documenti storici dimostrano che si trattava di un maniero rurale ben attrezzate e arredate per soddisfare, secondo i gusti barocchi. L'esistenza di entrambi i frutteti di approvazione, conosciuti sotto il nome di “Hort de les Llimoneres„ (Giardino di limone) e “Hort de la Gruta„ (Giardino della Grotta) confermano che tali aree non sono stati solo di Maiorca centri agricoli, ma anche case temporanee dove i proprietari potevano godersi la natura.

La famiglia Despuig è la famiglia più rappresentativa e più importante nella storia del demanio di Raixa che possedeva da secoli. Tutti i membri di questa famiglia, il personaggio più importante è Antoni Despuig.

Il cardinale Despuig
La finca Raixa a Maiorca - La statua del Cardinale Despuig nei giardini di accesso - Clicca per ingrandire l'immagineAntoni Despuig i Dameto (1745-1813) è stato il terzo di otto figli, e il secondo figlio del terzo conte di Montenegro e quinto conte di Montoro. Ha studiato le Lettere e la Filosofia presso il Collegio dei Gesuiti di Monti-Sion e la filosofia presso l'l'Estudi Generale Lul·Lia a Palma, poi ha iniziato una carriera nella chiesa.

La finca Raixa a Maiorca - Mappa di Maiorca del cardinale Despuig (1785) - Clicca per ingrandire l'immagine Antoni Despuig era uno studioso, una curiosità enciclopedica e un uomo illuminato del suo tempo. Dal 1774-1782, ha fatto una serie di viaggi in Italia. Nel 1785, ha prodotto una mappa famosa di Maiorca, dedicato alla principessa dell'Austria Maria Luisa di Parma.

Nel 1795, Antoni Despuig è stato nominato Arcivescovo di Valencia, quindi di Siviglia.

La finca Raixa a Maiorca - Le armi del cardinale Despuig (autore Marcus Marguillier) - Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia)Già durante gli anni 1790, Antoni Despuig scrive al fratello Joan, il proprietario del Raixa riguardante la trasformazione del dominio nello stile di una villa italiana. Al momento di queste case di solito aveva giardini e una fonte privata di orgoglio e divertimento per loro museo proprietari.

Con l'aiuto di Gabino Hamilton, un antiquario scozzese, Antoni Despuig scoperto molte sculture. Nel 1796, queste sculture sono state spedite Raixa e hanno costituito la base per i suoi oggetti d'antiquariato e collezione d'arte. Impressioni raccolte in Italia abbandonati da Antoni Despuig dopo il suo ritorno nella casa di famiglia di Maiorca : nel 1797 ha trasformato la vecchia area agraria in palazzo in stile italiano circondato da giardini.

Nel 1803, Papa Pio VII lo nominò cardinale. Durante il suo soggiorno a Roma, questo uomo ha viaggiato ampiamente diffusa in Toscana e in altre regioni d'Italia, è entrato in contatto con gli artisti della capitale italiana, e ha sviluppato il suo interesse per oggetti d'antiquariato e collezioni.

Oltre alle collezioni aveva portato in Italia, il cardinale Despuig arricchisce il suo museo di Raixa tutti gli oggetti rinvenuti durante gli scavi ha fatto in materia di Raixa ; fu soprattutto i resti del periodo romano.

L'eredità di Cardinale Despuig
La finca Raixa a Maiorca - Le raccolte d'arte del cardinale Despuig all'inizio del 20 secolo - Clicca per ingrandire l'immagineAntoni Despuig era un collezionista di fama e mecenate delle arti. Oltre alle collezioni di antichità, ha arricchito il museo della Raixa con opere d'arte delle scuole italiane e spagnole. Allo stesso tempo ha accumulato una considerevole biblioteca, con più di dodici mila volumi, e anche importanti collezioni di monete e incisioni.

Nel suo testamento, il cardinale ha nominato suo fratello Joan come erede di sua proprietà e gli ha chiesto di completare il lavoro che aveva cominciato a Raixa, in particolare il museo e la biblioteca. Pochi mesi dopo la morte di Antoni Despuig suo fratello, il conte, anche morto a sua volta. L'erede della tenuta era il figlio primogenito del conte Ramon, che con il fratello, Joan Despuig Safortesa, ha fatto grandi sforzi per rendere i loro sogni uno zio realtà.

La finca Raixa a Maiorca - Il maniero di Raixa all'inizio del 20 secolo - Clicca per ingrandire l'immagineNel 1906, la finca Raixa fu acquistata dalla famiglia Jaume ; Don Antoni Jaume messi in vendita parti del museo. Nel 1918, il comune di Palma, sostenuta da una serie di istituzioni culturali dell'isola, ha chiesto al Ministro della Pubblica Istruzione e delle Belle Arti, l'eredità Despuig è stato conservato nell'isola di Maiorca, come aveva chiesto il cardinale nel suo testamento. Le opere del museo di Despuig sono stati acquistati dal Comune di Palma de Mallorca e possono attualmente essere visto Castello di Bellver nei pressi di Palma.

La Finca Raixa al XX secolo
Raixa la finca a Mallorca - Un sardo silvia nei giardini del Raixa - Clicca per ingrandire l'immagineIl valore del patrimonio del Raixa ha portato il governo autonomo delle Isole Baleari per proteggere la classifica Bene di Interesse Culturale (BIC) nel 1993.

La finca Raixa è stato acquisito nel gennaio 2002 dal ministero spagnolo dell'Ambiente e del Consiglio di Maiorca, per farne la sede dei Parchi Nazionali e un importante centro internazionale per l'ambiente.

Il maniero ha cominciato ad essere restaurata nel 2003 ; nel 2008, il restauro dell'edificio principale è stata completata. La seconda fase, che copre i giardini e gli edifici agricoli, iniziata nel 2009. I giardini continuano ad essere visitato dopo il loro restauro.

LetteraturaLetteratura
Raixa ha visto la ripresa tre film, tra cui “Delitto sotto il sole„ (Evil Under the Sun), basato sul romanzo “Les Vacances d'Hercule Poirot„ di Agatha Christie, film britannico diretto da Guy Hamilton, uscito in Francia il 21 apr 1982, con Peter Ustinov nel ruolo di Poirot, James Mason, Maggie Smith, Jane Birkin e Diana Rigg (Emma Peel in “Agente speciale„). Il film, che dovrebbe essere tenuto in Croazia, è stato girato e Raixa - per le scene del mare - la Caleta del Monaco (Caló des Monjo), circa 1,5 km a sud ovest di Peguera (Paguera) e Cala en Feliu sulla penisola di Formentor e sulla isola di Sa Dragonera.

InformazioniInformazioni pratiche

Orario di visitaOrario di visita
La finca Raixa a Maiorca - Il portale della tenuta - Clicca per ingrandire l'immagine
Visite :

Il palazzo è stato aperto al pubblico alla fine del 2009, ma nel 2011 e 2012, i giardini erano ancora chiuso al pubblico, per motivi di accesso.

Orario : sabato e domenica dalle ore 10 alle ore 14. Appuntamento dal lunedì al venerdì.

Ingresso gratuito.

Telefono : 00 34 871 947 320

Guidi da Palma a Soller, Km 12.2.

In autobus Sóller a Palma, non ci dovrebbero essere 40 minuti a piedi dalla fermata Bunyola ; con la fortuna, si può chiedere al conducente di fermarsi all'angolo Caubet (Hospital Joan March) ; la finca Raixa è allora solo 10 minuti a piedi.

Sito sul web : www.raixa.org

Altri temiAltri temi

Filiazione dell'argomento
Isole Baleari > Maiorca > Contea della Tramuntana > Bunyola > Finca Raixa
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
La città di Bunyola a Maiorca - I giardini dell'Alfabia
La città di Bunyola a Maiorca - La finca Raixa
Il villaggio di Orient a Maiorca
Argomenti più ampi
Accoglienza
La città di Sóller a Maiorca
La città di Escorca a Maiorca
La città di Andratx a Maiorca
La città di Banyalbufar a Maiorca
La città di Bunyola a Maiorca
La città di Deià a Maiorca
La città di Fornalutx a Maiorca
La città di Pollença a Maiorca
La città di Valldemossa a Maiorca
La città di Esporles a Maiorca
La città di Estellencs a Maiorca
La città di Calvià a Maiorca
Argomento precedente ] [ Argomento sopra ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, premete su questo legame per fare apparire i frammenti.