AlbanieAllemagneAngleterreArméniePays basqueBiélorussieBulgarieCatalogneCroatieDanemarkEspagneEstonieFinlandeFranceGalicePays de GallesGéorgieGrèceHongrieIrlandeIslandeItalieEmpire romainLettonieLithuanieMacédoineMalteNorvègePays-BasPolognePortugalRoumanieRussieSerbieSlovaquieSlovénieSuèdeTchéquieUkraïne
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Garachico a Tenerife

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Fuerteventura] [Gran Canaria] [La Gomera] [La Palma] [Lanzarote] [Teneriffa] [El Hierro] [Pagina d’inizio] [Canarie] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
La città di Garachico a Tenerife. Armi della città di Garachico (autore Jerbez). Clicca per ingrandire l'immagine.La storica città di Garachico una volta era il principale porto di Tenerife. Imbarcandosi zucchero e vino di produzione dell’isola per i principali porti d’Europa e d’America.

La città di Garachico a Tenerife. Visto dalla montagna. Clicca per ingrandire l'immagine.La città fu completamente distrutta nel 1706 durante l’eruzione del vulcano Trevejo. Dopo quel fatidico giorno, lei riappare dalle sue ceneri e vi presentiamo oggi il suo fascino attraverso un’architettura straordinaria. La città e il porto di Garachico custodiscono gelosamente le orme del loro glorioso passato ricco di grandi case, conventi e chiese. Non solo è possibile contemplare chiese e monasteri, ma anche una serie di molto eleganti case originali con ampi cortili interni, facciate straordinarie e ingressi bui che li rendono assolutamente notevole.

La città di Garachico a Tenerife. Una viuzza. Clicca per ingrandire l'immagine.Garachico ha sempre preso cura del suo ambiente e in qualsiasi momento, protetto i suoi aspetti culturali. Nel 1980 la città ha ricevuto dal Re di Spagna Juan Carlos I, la Medaglia d’Oro delle Belle Arti per la cura per il suo patrimonio artistico e storico, e le sue vie, piazze e giardini. Garachico ha ricevuto altri premi e altri premi nazionali.

La città è stata anche classificata «di interesse culturale» nel «complesso storico» da parte del governo delle Canarie nel marzo 1994. Unesco sta attualmente valutando la sua candidatura come Patrimonio Culturale dell’Umanità.

Celebrazioni di San Roque sono una buona scusa per visitare e conoscere la città. Queste feste, dichiarata di interesse turistico nazionale, danno luogo ad un pellegrinaggio popolare nel mese di agosto.

PosizionePosizione

La città di Garachico a Tenerife. Posizione di Garachico a Tenerife (autore Jerbez). Clicca per ingrandire l'immagine.Garachico si trova a nord dell’isola di Tenerife, 66 km su strada da Santa Cruz de Tenerife e 34 ovest di Puerto de la Cruz. Con una superficie di 29, 28 km², ad un’altitudine di 10 m, con una popolazione di 5756 abitanti.

Coordonnées : latitude 28.372069 N; longitude 16.76518 O

VisiteVisite

MonasteroIl monastero San Francesco d’Assisi (Convento de San Francisco de Asis)
Monastero di San Francesco d’Assisi e la chiesa francescana di Nuestra Señora de Los Ángeles è stata fondata dai genovesi Cristóbal de Ponte e Ana de Vergara nel 1524. È il più antico di cinque monasteri costruiti in città.

La città di Garachico a Tenerife. L'ex convento di San Francisco. Clicca per ingrandire l'immagine.Si può vedere sulle sue prime due portali in pietra.

La città di Garachico a Tenerife. L'ex scala convento di San Francisco. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il monastero ha un piano a cui si accede da un’ampia scala in pietra monumentale con soffitto a cassettoni mudejar. I pilastri di balconi in legno sono notevoli.

La città di Garachico a Tenerife. L'ex scala convento di San Francisco. Clicca per ingrandire l'immagine.La città di Garachico a Tenerife. L'ex scala convento di San Francisco. Clicca per ingrandire l'immagine.La città di Garachico a Tenerife. L'ex scala convento di San Francisco. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il monastero ha un patio e un chiostro di legno di pino delle Canarie che si distinguono per i loro balconi e doccioni di lavoro ordinate e colonne. Al centro del chiostro acqua caraffa filtrante.
La città di Garachico a Tenerife. Ex San Francisco chiostri del convento. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La città di Garachico a Tenerife. Ex San Francisco chiostri del convento. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La città di Garachico a Tenerife. Ex San Francisco chiostri del convento. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La città di Garachico a Tenerife. Ex San Francisco chiostri del convento. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La città di Garachico a Tenerife. Ex San Francisco chiostri del convento. Clicca per ingrandire l'immagine.La città di Garachico a Tenerife. Ex San Francisco chiostri del convento. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La città di Garachico a Tenerife. Ex San Francisco chiostri del convento. Clicca per ingrandire l'immagine.La città di Garachico a Tenerife. Ex San Francisco chiostri del convento. Clicca per ingrandire l'immagine.La città di Garachico a Tenerife. Ex San Francisco chiostri del convento. Clicca per ingrandire l'immagine.
La città di Garachico a Tenerife. Ex San Francisco chiostri del convento. Clicca per ingrandire l'immagine.La città di Garachico a Tenerife. Ex San Francisco chiostri del convento. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
L’ex convento di San Francesco d’Assisi è stata recentemente restaurata dalla Direzione Generale delle Belle Arti e un museo.

Questo è dove è ora la Casa della Cultura, che ospita la biblioteca comunale, gli archivi comunali, il Museo di Scienze Naturali, il Museo di Storia Locale e una sala espositiva.

Orari di visita: lunedì a venerdì dalle 10 ore alle 19 ore - sabato dalle 10 ore alle 15 ore.

Quota di iscrizione: 1 €.

ChiesaLa chiesa di Nostra Signora degli Angeli (Iglesia de Nuestra Señora de Los Ángeles)
La città di Garachico a Tenerife. Chiesa. Clicca per ingrandire l'immagine.La chiesa francescana di Nostra Signora degli Angeli ha un elegante ed austera facciata ed è a croce latina. Ha una sola navata, anche se vi è una cappella sul lato - la Capilla de la Vera Cruz - la stessa dimensione. Ha una ricca decorazione tradizionale mudejar (influenza araba), un mudejar ottagonale soffitto a cassettoni nella cappella principale. In esso sono immagini di Cristo del Salud (Salute). La pala dell’altare maggiore si distingue per la statua di Nuestra Señora de la Luz, una delle più antiche statue di Garachico, trovata da un barcaiolo nel 1525 sulla costa sud dell’isola.

La chiesa è costruita contro l’ex monastero che era la cappella.

All’interno è stato costruito un museo sulla storia turbolenta della città, le catastrofi naturali e conflitti tra i popoli.

Visite: lunedì a venerdì, dalle 10 ore alle 10 ore; sabato e domenica dalle 10 ore alle 15 ore.

La città di Garachico a Tenerife. Chiesa della Madonna degli Angeli. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La città di Garachico a Tenerife. Chiesa della Madonna degli Angeli. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
MunicipioIl Municipio (Ayuntamiento)
La città di Garachico a Tenerife. Municipio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il municipio si trova proprio accanto al vecchio convento di San Francisco (Casa della cultura) con le sue facciate neoclassiche. Si può ammirare l’arredamento interno della sala plenaria.
MonasteroIl monastero San Domenico (Convento de Santo Domingo)
Il monastero di San Domenico di Guzman, o monastero delle sette balconi, è stata fondata da Nicolás Esteban de Ponte y Cuevas nel 1601.

Il monastero si distingue per i suoi sette balconi poggianti su mensole a forma di bulbo.

La chiesa del monastero fu costruito al posto del vecchio eremo di San Sebastián ed è stata risparmiata dalla eruzione vulcanica del 1706 a causa della sua posizione privilegiata.

L’episodio di «desamortización de Mendizábal» nel convento del XIX secolo espropriato di gran parte del suo patrimonio.

L’ingresso del monastero conduce oggi in ospedale - «Ospizio Hospital residencia de Ancianos».

La cappella è stata ricostruita in modo da accogliere l’Auditorium e il Museo d’Arte Contemporanea.

Il monastero San Domenico si trova su un’altura che si può vedere quando si arriva a Icod de los Vinos .

Orari di visita: dal lunedì al Venerdì dalle 10 ore alle 13 ore e dalle 16 ore alle 18 ore.

ManieroLa residenza del marchese de La Quinta Roja (Casa de los Marqueses de la Quinta Roja)
La città di Garachico a Tenerife. Casa del marchese de La Quinta Roja. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).I resti del marchese di Quinta Roja risale al XVI secolo, anche se non sappiamo con precisione la data di costruzione, irreggimentato nel XVII secolo dal primo marchese Cristóbal de Ponte y Llarena.

L’edificio attuale del XVIII secolo come residenza precedente fu quasi completamente distrutta dall’eruzione del 1706. E ’stato ricostruito sugli stessi piani del primo.

L’edificio si distingue per le porte di pino delle Canarie e la sua Mirador con il suo bifore mudejar.

Attualmente si tratta di un hotel rurale, che è un buon esempio di architettura tradizionale domestica del barocco dell’isola.

Indirizzo: Rotonda San Francisco.

ManieroLa residenza del marchese di Villafuerte (Casa de los Marqueses de Villafuerte)
I resti del marchese di Villafuerte è un edificio risalente al XVII secolo, in stile canarino puro che si distingue per i suoi balconi con persiane e finestre sbarrate. ci sono conservati gli archivi di interesse storico.

Indirizzo: Via Santo Domingo (vicino all’ex convento di Santo Domingo)

CappellaLa cappella di San Rocco (Ermita de San Roque)
Eremo solitario del XVI secolo, ma è difficile sapere esattamente quando è stata questa chiesa di grande semplicità. La sua facciata ha due campanile e ospita la statua di San Roque. La venerazione di questo Santo è legato alla gioia della popolazione di essere sfuggito un’epidemia di peste bubbonica che aveva imperversato in Garachico per cinque anni e si è conclusa nel 1606.

L’eremo di San Roque è stata ricostruita nel 1736. E ’l’ingresso alla città sulla strada che proviene da Icod de los Vinos.

La Festa di San Roque, dichiarata di interesse turistico, si celebra ogni anno il 16 agosto. I festeggiamenti di San Roque sono tra i più popolari dell’isola.

ChiesaLa chiesa di Santa Anna (Iglesia de Santa Ana)
La città di Garachico a Tenerife. Piazza. Clicca per ingrandire l'immagine.La chiesa parrocchiale di Santa Anna (Iglesia Matriz de Santa Ana) è una bella chiesa del XVI secolo situato vicino alla Plaza de la Libertad.

Questo splendido edificio religioso è stato fondato da Cristóbal de Ponte nel 1520. Il lavoro in pietra è stata completata nel 1541. La torre e la facciata, molto elegante mix di elementi platereschi con quelli del Rinascimento.

La città di Garachico a Tenerife. Porte, Chiesa di Sant'Anna. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Nonostante i piccoli cambiamenti che ha subito nel corso degli anni, possiamo ammirare le sue belle porte e la torre molto bianco.

L’interno, diviso in tre navate, si distingue per la distribuzione armoniosa di archi e colonne e le numerose cappelle laterali con altari, ma anche dal soffitto a cassettoni mudejar. Nel santuario, un classico case tabernacolo la statua dello scultore di Siviglia, Martín de Andújar (prima metà del XVIII secolo), El Crucificado. Su ogni lato del tabernacolo, ci sono statue di Santa Ana, il santo patrono di Garachico, e San Joaquín scultore del Gran Canaria José Luján Pérez (1756-1815). Ospita gioielli come il Cristo de la Misericordia, portato dal Messico nel 1578, il fonte battesimale e l’altare della pala.

Anche se è stato gravemente danneggiato dall’eruzione vulcanica del 1706 viene riutilizzato cementi sua ricostruzione tra il 1714 e il 1721. La chiesa è stata restaurata nel 1990.

La città di Garachico a Tenerife. Chiesa di Santa Ana. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La città di Garachico a Tenerife. Chiesa di Santa Ana. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La città di Garachico a Tenerife. Porte, Chiesa di Sant'Anna. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
FortezzaIl castello di San Michele (Castillo de San Miguel)
Il Castillo de San Miguel è una fortezza del XVI secolo la cui fondazione risale al 25 luglio 1575. E ’infatti in questo periodo che Filippo II autorizzata dal regio decreto l’allora sindaco della città di Garachico, che fu poi «regidor» di Tenerife (sorta di consigliere comunale), Fabian Viña Negrón, per iniziare la costruita per proteggere la città dagli invasori e pirati.

L’edificio si sviluppa su 2 anni, e ha invitato Francés de Álava (Ambasciatore della Spagna) per i piani. Si tratta di un edificio interamente in pietra nella base quadrata che occupa 6.000 mq 20.000 il terreno su cui è stato eretto, con torri alte oltre 16 metri.

La porta d’entrata presenta diverse armi: al mezzo si trova lo scudo principale e più piacevolmente scolpito, dove appaiono le armi araldiche dell’imperatore Carlo I di Spagna e V di Germania, che erano anche quelle di suo figlio Filippo II. È circondato da quello del governatore Álvarez de Fonseca e probabilmente quello deteriorato dal tempo della famiglia Viña Negrón a destra e quello di Tenerife e della famiglia del Hoyo sulla sinistra.

Nel parco adiacente le due pistole puntate con orgoglio verso il mare continuerà a mostrare il passato del prestigio della città.

L’eruzione del vulcano Garachico nel 1706 distrusse gran parte Garachico ma il castello San Miguel è sopravvissuto.

Oggi l’edificio, molto ben conservato, appartiene alla città di Garachico che ha installato un centro di informazione lì sul patrimonio (aperto dalle 10 alle 18); troviamo la storia dei luoghi e una sezione più interattiva su feste e manifestazioni locali. L’edificio ospita regolarmente mostre molto interessanti circa la storia della città, ma anche la flora e la fauna della regione. Il pubblico potrà anche scoprire mostre temporanee di arte contemporanea e classica, in entrambe le camere a volta del palazzo.

Il castillo de San Miguel si affaccia sul mare.

Indirizzo: av. di Tomé Cano.

PiazzaPlaza Juan Gonzalez de La Torre
(Vecchia piazza «Puerta de Tierra»)

Il parco del vecchio Puerta de Tierra ha anticamera al posto di Juan González de la Torre. Questa piazza ha mantenuto la sua struttura in pietra che ha permesso di controllare meglio il viavai di passeggeri e merci nel porto. Risale ai primi giorni del porto di Garachico.

Trovato in una vecchia giardini stampa che appartenevano alla Hacienda di San Juan Degollado. Con il busto di Rafael Alberti, è stato creato in questo angolo piazza dei poeti («Rincón de los Poetas»).

La Puerta de la Tierra, scavata nella lava, in passato ha dato accesso al porto.

Indirizzo: accanto al castello di San Miguel.

PiazzaLa Piazza della Libertà (Plaza de La Libertad)
La Piazza della Libertà è composto da giardini e un padiglione costruito nel 1912, che ospita un chiosco nel suo piano terra. C’è anche un monumento al venezuelano Simon Bolivar, il primo ad essere costruito in Spagna, che ha lo scultore Juan Jaén Díaz e che è stato inaugurato nel 1970.

Il Venezuela ha infatti accolto molti immigrati provenienti da Garachico e questa città è nato molti degli antenati degli abitanti di questo paese sudamericano.

ManieroCasa de Piedra o Casa de los Condes de La Gomera
Il Palazzo dei Conti di La Gomera, o Casa de Piedra («casa di pietra» si trova di fronte al posto di La Libertad, la costruzione di questo palazzo da grandi scalpellini delle Canarie ha iniziato alla fine del Cinquecento e si è conclusa nella seconda metà del XVII secolo (1666).

I suoi primi proprietari appartenevano alla famiglia Ponte, ma poi divenne proprietà dei Conti di La Gomera, con il matrimonio di membri di queste due famiglie.

Dobbiamo questo palazzo per scalpellini dell’isola di Gran Canaria, Luis e Diego Báez Marichal che erano sotto gli ordini del capomastro Antonio Pérez. E ’stata devastata dall’eruzione vulcanica del 1706 e doveva essere ricostruito.

La prima facciata edificio principale è ancora nello stato con il suo portale centrale e le sue pareti con colonne corinzie, coronate da capitelli e fregi con simmetria ordinata. Il secondo edificio principale della facciata e degli interni del palazzo sono stati restaurati negli ultimi anni.

ManieroIl palazzo del Marchese d’Adeje
architettura canaria del XVII secolo, con i suoi balconi pensili e griglie alle finestre.
ManieroCasa de Ponte
I resti della famiglia Ponte è stato costruito da Cristóbal de Ponte ed è stato ricostruito nel XVIII secolo.

Tra gli elementi più significativi della sua architettura, è da menzionare la sua grande torre che ha consentito di monitorare il traffico delle navi che entrano nel porto. Questa casa è anche distinta per il suo frontone con sei grandi finestre e scala in pietra. La casa conserva molti mobili di pregio e porcellane e dipinti risalenti al XVII e XVIII secolo.

E ’l’attuale hotel San Roque.

Indirizzo: Via Estebán de Ponte, 34.

MonasteroIl monastero di San Giuliano (Convento de San Julian)
L’ex convento agostiniano San Giuliano risale al XVII secolo e fu più volte devastato da un incendio. E ’stata anche una scuola latina dal 1640 fino alla sua scomparsa nel XIX secolo.

Orario visite: casa di proprietà di un individuo.

Indirizzo: Via Estebán de Ponte, 31

CappellaLa cappella della Madonna dei Re (Ermita de Nuestra Señora de Los Reyes)
La cappella della Madonna dei Re si trova sulle alture della città, vicino al posto di Juan Gónzalez de la Torre. La prima testimonianza scritta della sua esistenza risalgono al 1586, ma doveva essere ricostruita nel XVII secolo dopo l’eruzione vulcanica del 1706.

Troviamo in questo semplice anonima statua eremo seicentesco di Nuestra Señora de los Reyes accompagnato dai Magi e diversi dipinti ad olio.

ManieroHacienda El Lamero
I fondatori di questa proprietà apparteneva alla famiglia Gallegos. La proprietà passò poi alla famiglia d’El Hoyo. La sua costruzione risale alla prima metà del XVII secolo (1636), ma fu parzialmente distrutta dall’eruzione del 1706.

Ha una bella scala in pietra e balconi.

La hacienda ha al suo interno una cappella dedicata a San Antonio de Padua (Sant’Antonio da Padova), costruita nel 1633 da Alonso de Ponte y Jiménez.

Indirizzo: vicino alla strada di Santo Domingo.

ManieroHacienda de La Quinta Roja
Andando verso Los Silos, una volta fuori dal centro della città, che si trova in una banana una vasta area conosciuta come la casa della Quinta Roja, risalente alla prima metà del XVII secolo (1620) e ha non colpiti dall’eruzione vulcanica. Si distingue per il suo soffitto a cassettoni mudejar e la sua cappella piccola risalente al 1620, conosciuto come l’Eremo di San Cristóbal.
CappellaErmita de San Juan del Reparo
Eremo del XVII secolo.
MonasteroIl convento delle Suore dell’Immacolata Concezione e delle Francescane
Questo convento di clausura è dedicata a San Pedro Apóstol e San Cristóbal. Il primo edificio del monastero, risalente al 1643 fu distrutta dall’eruzione del 1706 e quello che è stato lasciato da un grande fuoco tre anni dopo, nel 1709.

E ’stato ricostruito 40 anni dopo, nel 1749, grazie al Vescovo Guillén e il nuovo monastero è stato aperto lo stesso anno. Si distingue per le sue bifore da un lato, e attraverso la finestra e la pala dell’altare maggiore del XVIII secolo.

La cappella, con una sola navata e mudejar ispirazione, è presieduto dalla statua di Nuestra Señora de la Concepción, una statua del primo Ottocento è venuto da Siviglia, che si trova nella nicchia centrale della pala d’altare lui datazione dalla prima metà del XVIII secolo.

Si trova nella statua coro di Nuestra Señora de La Luz, che, secondo la tradizione, sarebbe apparsa nei campi di scorie, il Malpaís de Isora (Guía de Isora) nel 1570. Questa statua è stata venerata per molto tempo sia da Garachico e Guía de Isora. Per vedere la statua di San Diego del Alcalá (XVII secolo), lo scultore Matíanez Montañez.

Gli orari di visita: solo la cappella può essere visitata.

Indirizzo: Via Estebán de Ponte.

StatuaIl monumento all’emigrante canarino
Questo monumento si trova nei pressi del porto nella zona denominata Risco Partido e vicino alla strada per Los Silos.

Fu eretto nel 1990 dall’associazione Chicharros Mensajeros. Lo dobbiamo ai scultore Fernando Garcíarramos.

Il luogo è anche una magnifica posizione panoramica che offre una splendida vista sulla città e il suo porto e il flusso di lava dall’eruzione del 1706.

Indirizzo: vicino al porto.

Mulino ad acquaI vecchi mulini ad acqua
I vecchi mulini sono conosciuti con questo nome perché segnato il punto finale di un insieme di edifici collegati da un canale di acqua e aveva operato per azionare le parti della macchina.

Indirizzo: Avenida Marítima.

C’è un altro mulino vicino alla strada di Santo Domingo.

ChiesaLa chiesa di San Pietro di Daute (Iglesia de San Pedro de Daute)
La prima chiesa di Garachico è stato quello di San Pedro (San Pietro), che probabilmente esisteva prima del 1500; Vescovo Arce è stata eretta in parrocchia nel 1514.

Esso contiene una statua di San Pedro Apóstol della scuola canarino e una lampada d’argento bello.

Questo eremo si trova al di fuori della città, nella frazione di San Pedro de Daute. Per arrivarci, si prende la strada che va vicino al porto.

Indirizzo: frazione di San Pedro de Daute.

CappellaLe cappelle
La cappella di Nuestra Señora del Carmen ha un bellissimo altare barocco e una statua della Madonna risalente al XVII secolo, venerato dai pescatori.

La cappella del Cristo de la Misericordia ospita uno della statua più venerata di Garachico, un Cristo che viene dal Messico e che è stato realizzato con pasta di mais dagli indiani di Michoacán. Dal momento che la metà del XVII secolo, le feste lustrali si svolgono in suo onore. Si può ammirare l’altare tre dipinti del XVII secolo.

Da vedere anche la pala d’altare della Cappella d’El Santísimo con la statua di San Francisco (inizi del XVII) e un ostensorio processionale del XVI secolo proveniente dal convento di Santa Clara, ora scomparso.

CostaLa costa
Garachico ha anche una bella costa, lungo sei chilometri, dove le calette di sabbia vulcanica al riparo dalla lava carbonizzato ne fanno una meraviglia della natura. Garachico era il porto più attivo di Tenerife prima della sua parziale distruzione durante l’eruzione vulcanica del 1706.

braccio di lava che ha raggiunto il mare ora costituiscono El Caletón, su una superficie di piscine naturali sulla costa.

I vecchi falesie costiere, o «acantilado costero», che copre i comuni limitrofi, è un sito protetto a causa del suo grande valore naturale. Accanto al suo aspetto drammatico, riunisce molte specie di flora e fauna.

MontagnaLa montagna
Il parco naturale della corona forestale copre le colline sopra la città. Ospita una vasta pineta e comprende la zona interessata dai flussi di lava dalla eruzione del 1706.
La roccia di Garachico ( Roccia Roque de Garachico)
La città di Garachico a Tenerife. Roque de Garachico. Clicca per ingrandire l'immagine.La roccia chiamata Roque de Garachico, testimoniare il declino della costa, è noto per possedere sia un piano basale vegetativo e di fornire rifugio per molti uccelli marini.

ConoscenzeStoria, geografia, arte, tradizioni, flora …

StoriaStoria
La fondazione di Garachico
La fondazione di Garachico data di 1496, appena dopo la conquista di Tenerife, data nella quale lo Adelantado (leader politico e soldato dell’epoca) Fernandez de Lugo cedé ampie zone di terreno in questo luogo a tre banchieri di Genova Cristóbal de Ponte, Viña e Interina che possono essere considerati come i fondatori della città d’oggi. Essi prosperarono rapidamente, in particolare attraverso la coltivazione della canna da zucchero e la sua esportazione, così come la produzione di vini Icod, e grazie all’eccellente gestire il suo porto, per la cui difesa il castello di San Miguel è stato costruito.
Durante il XVI e XVII secolo Garachico divenne il porto più importante dell’isola. La prosperità era tale che pavimentazione stradale è stato sostituito con il marmo.

Nel XVI secolo furono fondate conventi di Francescani, domenicani e Agostiniani, quest’ultimo con il college.

Nel 1646 un centinaio di persone sono state uccise e quaranta barche sono state affondate nel corso di una frana.

La distruzione nel 1706
Garachico era la capitale commerciale di Tenerife, fino a quando nel 1706 l’eruzione di un cratere secondario di Teide, il vulcano Las Arenas Negras o Garachico, l’unico dei sei eruzioni storiche dell’isola, ha distrutto un gran parte dei terreni agricoli e la porta.

Non ci sono stati morti, ma la città era coperta in gran parte dalla lava, vigneto confinante è stato distrutto e il porto di grande importanza commerciale, è stato riempito dalla lava, determinando la fine della prosperità della città. Dopo questo episodio i mercanti si trasferì a Puerto de la Cruz e La Laguna (Santa Cruz).

Nel 1773 ha avuto il suo primo sindaco eletto dal popolo.

Informazioni praticheInformazioni pratiche

Informazioni utiliInformazioni utili
Ufficio del turismo: Calle Esteban de Ponte, 5
AlbergoAlberghi
La Quinta Roja
La città di Garachico a Tenerife. Hotel Quinta Roja. Clicca per ingrandire l'immagine.La città di Garachico a Tenerife. Hotel Quinta Roja. Clicca per ingrandire l'immagine.Boutique hotel, il Quinta Roja è un vecchio edificio storico del XVI secolo, era la casa del marchese di La Quinta Roja poi un convento, che si trova sulla piazza della città di Garachico.
San Roque
L’antico fascino di questo antico edificio è stata conservata, ma la pianificazione interna è stato ridisegnato in uno stile contemporaneo che si riflette in alterazioni come nella scelta dei mobili. Le camere sono eleganti senza cadere in eccessi, confortevole e spaziosa. L’hotel dispone di un gran numero di opere d’arte progettate da artisti spagnoli contemporanei. Il disegno della maggior parte dei mobili è assolutamente impeccabile.

Garachico ospita l’antico porto di Tenerife, e il San Roque si trova a pochi minuti a piedi dal centro storico. Offre una vista sul mare, la campagna circostante e la cima innevata del Teide. È possibile giocare a golf, fare immersioni o pesca d’altura. Tuttavia, si avrà un altrettanto piacevole soggiorno oziare sulla piscina.

Albergo San Roque

Calle Esteban de Ponte, 32

Garachico - Isla Baja, Tenerife, Spagna

El Patio
L’Hotel Rurale El Patio si trova al piano terra di una casa, residenza della famiglia Ponte. E ’stato costruito nel 1565 in una piantagione di banane di 60 ettari ed è bagnata dal mare e lava, nel nord-ovest di Tenerife.

Il suo cortile centrale con palme e alberi secolari drago, giardini e orti ne fanno un luogo unico e speciale. Gli ospiti possono percorrere i numerosi sentieri che costeggiano la proprietà.

Alcuni giorni è possibile visitare la parte privata e la cappella della casa. A causa delle sue grandi storiche, artistiche ed ecologici, le autorità hanno classificato l’edificio come protezione.

L’hotel dispone di 26 camere, in stile rustico, con terrazzo, bagno, cassetta di sicurezza e riscaldamento. Otto di loro, chiamato tipo B, sono in un edificio separato, a soli 500 metri dalla reception.

Il ristorante offre, oltre ad una deliziosa prima colazione, piatti tipici della regione.

Altri servizi: bar, sala TV, sala giochi, sala riunioni, sauna, jacuzzi, palestra, piscina riscaldata, campo da tennis, croquet, mini golf e una piccola spiaggia.

Finca Malpais El Guincho

38450 Tenerife - Garachico (Tenerife)

Altri argomentiAltri argomenti

filiazione
Canarie > Tenerife > Costa settentrionale > Garachico
Argomenti più dettagliate
Argomenti viciniArgomenti più ampi
Il Parco Rurale di Teno a Tenerife
La città di Buenavista del Norte a Tenerife
La città di Los Silos a Tenerife
La città d'El Tanque a Tenerife
La città di Garachico a Tenerife
La città d'Icod de los Vinos a Tenerife
La città di La Guancha a Tenerife
La città di San Juan de la Rambla a Tenerife
La città di Los Realejos a Tenerife
La città di Puerto de la Cruz a Tenerife
La città di La Orotava a Tenerife
La città di Santa Úrsula a Tenerife
La città di La Victoria de Acentejo a Tenerife
La città di La Matanza de Acentejo a Tenerife
La città d'El Sauzal a Tenerife
La città di Tacoronte a Tenerife
La città di Tegueste a Tenerife
Accoglienza
Carta interattiva dell'isola di Tenerife
L'isola di Tenerife - Carta delle linee di bus (PDF)
La costa settentrionale di Tenerife
La costa orientale di Tenerife
La costa meridionale di Tenerife
La costa occidentale di Tenerife
L'interno dell'isola di Tenerife
La flora e la fauna dell'isola di Tenerife
L'isola di Tenerife - Opuscolo dell'UT (PDF)

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.