AlbanieAllemagneAngleterreArméniePays basqueBiélorussieBulgarieCatalogneCroatieDanemarkEspagneEstonieFinlandeFranceGalicePays de GallesGéorgieGrèceHongrieIrlandeIslandeItalieEmpire romainLettonieLithuanieMacédoineMalteNorvègePays-BasPolognePortugalRoumanieRussieSerbieSlovaquieSlovénieSuèdeTchéquieUkraïne
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

L'isola di Lobos a Fuerteventura

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Fuerteventura] [Gran Canaria] [La Gomera] [La Palma] [Lanzarote] [Teneriffa] [El Hierro] [Pagina d’inizio] [Canarie] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generaleEtimologiaEtimologia e toponomastica
L'isola di Lobos a Fuerteventura. Lobos vista dallo Stretto Bocayna. Clicca per ingrandire l'immagine.La Isla de Lobos («Isola dei lupi») è un’isola nell’Oceano Atlantico a nord-est del dell’isola di Fuerteventura nelle Isole Canarie. Questa piccola isola quasi disabitata - ufficialmente 4 abitanti - è completamente protetto da un parco naturale, il Parco Naturale dell’isola di Lobos (Parque Natural del Islote de Lobos).L’Isola dei Lupi (Isla de Lobos o Isla de los Lobos) è chiamato per la grande popolazione di foca monaca del Mediterraneo (Monachus monachus), che vi abitarono fino al XV secolo, e gli abitanti popolarmente chiamato «lobos marinos» (spigola). A causa delle sue piccole dimensioni e il fatto che è disabitata, i Isla de Lobos è talvolta chiamato Islote de Lobos («Isola dei lupi»).

PosizionePosizione

L'isola di Lobos a Fuerteventura. La vista isola da Corralejo. Clicca per ingrandire l'immagine.L’isola di Lobos si trova nello Stretto di Bocaina (Estrecho de la Bocaina) che separa l’isola di Fuerteventura dell’isola di Lanzarote. La Isla de Lobos è chiaramente visibile dal porto di Corralejo; la distanza tra la Punta de Tivas - a sud est di Corralejo - e Lobos è solo 1,8 km (un miglio marine). Il canale separa Fuerteventura a Lobos è comunemente chiamato El Río (fiume); la sua profondità non supera i 30 metri, ma le correnti marine sono potenti; questo è un paradiso per i subacquei. Porto di Corralejo al piccolo porto dell’isola di Lobos (El Puertito) la distanza è di 4 km.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. Lanzarote vista da Lobos. Clicca per ingrandire l'immagine.La distanza tra Lobos e Lanzarote (Punta del Papagayo) è di 8 km.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. lavica piega. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L’isola di Lobos è un’isola vulcanica con una superficie di 4,7 km² e un perimetro di 13,7 km. Il suo punto più alto è il vulcano di La Caldera, che sorge a 127 m; ci sono altri vulcani più piccoli. L’età dell’isola di Lobos è stimato tra 6.000 e 8.000 anni. Il paesaggio dell’isola è sterile.

Amministrativamente l’isola di Lobos fa parte del comune di La Oliva.

VisiteVisite

IsolaL’isolotto di lupi (Islote de los Lobos)
L'isola di Lobos a Fuerteventura. la mappa dell'isola. Clicca per ingrandire l'immagine.La visita per l’isola di Los Lobos può essere fatto in un giorno o mezza giornata: la prima navetta regolare arrivati ​​circa 10:00 30; l’ultima navetta di ritorno da 17 ore. L’isola è un’area naturale protetta: accesso limitato alle aree riservate e una serie di sentieri, contrassegnati con segnaletica direzionale. La visita è a piedi: i veicoli a motore sono vietate sull’isola. Campeggio - una volta sola - non sono ammessi sull’isola.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. South Coast. Clicca per ingrandire l'immagine.La navetta dal porto di Corralejo è atterrato visitatori sul molo (El Muelle) a sud dell’isola, vicino al villaggio d’El Puertito. Possiamo iniziare visitando il Centro d’Accoglienza («Centro de Interpretación») che fornisce informazioni sulla geologia, la flora e la fauna di Los Lobos.

Se uno va in giro per l’isola in senso antiorario un orologio - a partire sulla destra - ci siamo subito incontriamo la frazione d’El Puertito; se si intende pranzo sull’isola, è meglio prenotare un pasto - all’arrivo - al unico ristorante dell’isola.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. L'isola ha visto il faro Martiño. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Di fronte a El Puertito si può vedere la baia Caleta de la Rasca; dopo aver lasciato il borgo ci si avvicina alla zona di Las Lagunitas. E poi dirige - in direzione nord - verso Punta Martiño dove sorge il faro Martiño. Il percorso di ritorno passa vicino al Caleta de la Madera (Cala del legno) e poi proseguire verso la montagna di La Caldera: dal modo in cui molti sentieri permettono salendo fino alla cima del vulcano.

Ritornando del vulcano di La Caldera si attraversa lo malpaís, alla vegetazione rada di euforbias balsamiferas (Euphorbia balsamifera) (tabaiba dulce), quindi si bordano le vecchie saline prima di arrivare vicino alla spiaggia di La Caleta, una spiaggia alle acque turchesi apprezzata dei surfisti. Prima di lasciare l’isola, si può nuotare sulla Playa de la Concha (Spiaggia della Conchiglia), una spiaggia di sabbia riparata in profondità in un torrente.

Parco naturaleIl parco naturale dell’isola di Los Lobos
L'isola di Lobos a Fuerteventura. pannello informativo del Parco Naturale. Clicca per ingrandire l'immagine.L’isola disabitata di Lobos comprende preziosi habitat, è rimasto nel suo stato naturale, che cresce di circa 142 specie di piante, molte delle quali endemiche Macaronesia, le isole Canarie o anche questa isola. L’isola è anche un habitat per molte specie di uccelli marinai, tra cui gli uccelli migratori.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. Natural Park Mappa. Clicca per ingrandire l'immagine.Il valore ecologico dell’isola ha portato nel 1982 alla sua protezione come riserva naturale, incluso tutto il Parco Naturale Dune di Corralejo e l’isola di Los Lobos. Nel 1994, le dune di Corralejo e l’isola di Los Lobos sono stati separati in due distinti parco naturale. Il Parque Natural del Islote de Lobos è anche una zona di protezione speciale per gli uccelli (ZEPA). Il fondale è una zona di riserva sottomarina e contiene ecologicamente ricchi: è vietato pescare lì.

L’isolotto di Lobos è diviso in diverse aree: aree che possono essere utilizzati dal pubblico in generale e di quelli designati come riserva e dove non possiamo penetrare.

ZUG: area di uso generale (in rosa sulla pianta); ZUM: Zona uso moderato (verde chiaro); ZUR: Area riservata (verde scuro); ZE: zona di esclusione (blu) è

VillaggioLa frazione d’El Puertito
Dal pianerottolo un sentiero a destra verso la frazione d’El Puertito, lungo la baia Caleta de la Rasca. Questo è il minimo settore protetta dell’isola colpiti dalle costruzioni relativi alle attività di pesca. Alcune case ancora utilizzati come case di fine settimana per i pescatori.
L'isola di Lobos a Fuerteventura. Il molo di El Puertito. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. Il borgo di Puertito. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. El Puertito visto dalla caldera. Clicca per ingrandire l'immagine.
L'isola di Lobos a Fuerteventura. La Caleta di Rasca. Clicca per ingrandire l'immagine.L'isola di Lobos a Fuerteventura. La Caleta di Rasca. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. La Caleta di Rasca. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Los Roques del Puertito
L'isola los Lobos a Fuerteventura. Los Roques del Puertito. Clicca per ingrandire l'immagine.L'isola los Lobos a Fuerteventura. Los Roques del Puertito. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola los Lobos a Fuerteventura. Los Roques del Puertito. Clicca per ingrandire l'immagine.
LagunaLe piccole lagune (Las Lagunitas)
L'isola di Lobos a Fuerteventura. Vulcano secondario. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).A ovest dell’isola, il percorso raggiunge presto una zona di terra salina, sausuires (saladares) denominato Las Lagunitas, o Las Lagunillas, una zona periodicamente inondata da acqua di mare durante l’alta marea. Si tratta di un’area di grande interesse scientifico in cui salinizzazione ha permesso lo sviluppo di una vegetazione sale tollerante; la parte costiera è zona di esclusione.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. Saladelle foglie ovali (Limonium ovalifolium). Clicca per ingrandire l'immagine.In Lagunitas può essere osservato statice foglie ovali o foglie ovali Saladelle Canarie (Limonium ovalifolium subspecies canariense [Pignatti]) (siempreviva de la laguna). Questa pianta rigorosamente alofila è endemica fortemente limitato: le popolazioni solo conosciute si trovano sull’isola di Lobos. E ’una pianta sempreverde; Le foglie sono disposte in una forma rosetta e spatola; infiorescenza ramificata nella metà superiore; piccoli fiori blu con brattee vistose, sono raggruppati sulla pannocchia.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. viste Las Lagunitas di Punta Mantequilla. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. Las Lagunitas. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. Las Lagunitas. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Tre piccoli vulcani, Las Tres Hermanas, segnando la fine del saladar di Las Lagunitas.
L'isola di Lobos a Fuerteventura. Las Tres Hermanas. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. Las Tres Hermanas. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
FaroIl faro Martiño (Faro de Martiño)
L'isola di Lobos a Fuerteventura. La costa occidentale dell'isola. Clicca per ingrandire l'immagine.A metà strada attraverso il circuito, sulla punta settentrionale dell’isola, la Punta Martiño, si erge il faro Lobos (Faro de Lobos) o faro Martiño. Questo faro è stato costruito durante la seconda metà del XIX secolo, intorno al 1863, dall’ingegnere Juan León y Castillo in un design neoclassico, ma con elementi Canarie tipici come il patio centrale.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. Faro Martiño. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il faro è stato il primo luogo di residenza permanente sull’isola di Lobos con i servizi necessari per la vita quotidiana, come un forno, lavanderia, giardino, terreni agricoli e serbatoi per immagazzinare l’acqua di pioggia. Questi serbatoi (aljibes) erano molto importanti perché erano l’approvvigionamento di acqua potabile solo dell’isola; sono stati sepolti e rivestito con calce e malta per sigillare.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. Faro Martiño. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il faro è stato abitato fino al 1968 da un guardiano del faro, Antonio Hernández Páez, soprannominato Antoñito el Farero, e la sua famiglia. A quel tempo il faro è stato automatizzato.

In questo faro è nato nel 1903, il poeta e artista Josefina Plá che in seguito ha vissuto in Paraguay e morto nel 1999; una lapide ricorda la sua memoria.

«A Josefina Plá :
Quien nunca olvidó que era canaria, y para más majorera.
Por ella supimos que se pueden cambiar sombras por sueños.
»
L'isola di Lobos a Fuerteventura. Targa commemorativa presso il faro Josefina Plá Martiño. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
«A Josefina Plá:
Chi non ha mai dimenticato che era Canarie, e più Majorera.
Grazie a lei, abbiamo appreso che le ombre possono trasformarsi in sogni.»
L'isola di Lobos a Fuerteventura. Lanzarote vista dal faro. Clicca per ingrandire l'immagine.L'isola di Lobos a Fuerteventura. montagna La Hacha Grande a Lanzarote per Lobos. Clicca per ingrandire l'immagine.Dal momento che il faro Martiño vediamo la costa sud dell’isola di Lanzarote e la località di Playa Blanca.
Nei pressi del faro sono terreno salato (saladar del faro), allagato periodicamente, ma meno di quelli di Las Lagunitas.
L'isola di Lobos a Fuerteventura. Il Saladar del faro. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. Il Saladar del faro. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. Il Saladar del faro. Clicca per ingrandire l'immagine.
I Los Lobos a Fuerteventura. Faro Martiño visto dalla caldera. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. La costa nord-ovest. Clicca per ingrandire l'immagine.Dal faro di nuovo il circuito verso sud alla Montaña La Caldera. Sulla strada giusta passa da due torrenti, il Caleta del Vino e Caleta de la Madera.
L'isola di Lobos a Fuerteventura. L'isola ha visto il faro Martiño. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. La Caleta del Vino. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. Hornito (degassamento cono). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Vulcano strombolianaLa montagna di La Caldera
L'isola di Lobos a Fuerteventura. La Caldera. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. La Caldera. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La montagna di La Caldera è la vetta più alta dell’isola di Lobos, con 127 m di altitudine. Questo vulcano è l’estensione della catena di vulcani - orientata sud-ovest a nord-est - nord di Fuerteventura, che comprende il Calderon Hondo e Bayuyo.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. La parte superiore della caldera. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La parte superiore della Caldera si trova nella zona di esclusione, ed è - in linea di principio - necessità di chiedere al Centro de Interpretación permesso di scalare la montagna; ma - in pratica - non importa a nessuno.

La salita alla cima dura circa 20 minuti; è abbastanza difficile, perché il lato è ripida e scala approssimativa è in cattive condizioni. Il bordo stretto del cratere sguardo in basso, verso la metà inferiore è invasa dal mare e formano la Caleta del Palo: l’eruzione ha infatti distrutto la parte nord-ovest del cono vulcanico, che è crollata in mare.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. La Caldera vista faro Martiño. Clicca per ingrandire l'immagine.Per lo sguardo est si estende fino al faro Martiño poi a Lanzarote. pendici sud del vulcano formano il Malpaís verso El Puertito. Nel sud-ovest vediamo il Parco dune di Corralejo delimitato da Playas Grandes. A ovest, la località di Corralejo.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. vista La Caldera da Corralejo. Clicca per ingrandire l'immagine.L'isola di Lobos a Fuerteventura. La parte superiore della caldera. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. La parte superiore della caldera. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Le cattive terre (Malpaís)
Scendendo il vulcano attraversare il Malpaís (Cattive terre orientale), una zona di lavaggio e basaltico cenere vulcanica che danno al paesaggio un aspetto ruvido. Il Malpaís emergono alcuni coni di degasaggio fatti di scorie, nominato hornitos. Altri hornitos può essere visto di fronte al mare, dove sono stati parzialmente smantellate dall’erosione del mare.
L'isola di Lobos a Fuerteventura. Il Malpais. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. Il Malpais. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. Flusso di lava della caldera. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
SpiaggiaLe spiagge
Dopo il Malpaís il percorso affronta una zona pianeggiante; sulla destra si possono vedere i resti di saline dismesse e la spiaggia di La Caleta, una spiaggia ventosa popolare tra i surfisti.

Poi il sentiero sale verso la parte posteriore della spiaggia di La Concha («Spiaggia della Conchiglia»), mascherato da basse dune, in fondo a una piccola baia. La Playa de La Concha, noto anche come Playa de La Calera è una spiaggia di sabbia fine e dorata, e al riparo dalle onde da un promontorio roccioso a forma di mezzaluna, il Paso de la Orchilla. Le acque calme rendono possibile il nuoto.

Vicino alla spiaggia di La Concha è una statua di Josefina Plá.

La strada prosegue poi al molo della navetta marittima.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. L'isola di Lobos a Fuerteventura (Canarie Ufficio del turismo di autore). Clicca per ingrandire l'immagine.L'isola di Lobos a Fuerteventura. ex saline. Clicca per ingrandire l'immagine.L'isola di Lobos a Fuerteventura. spiaggia La Concha. Clicca per ingrandire l'immagine.
FloraLa flora dell’isola di Lobos
La distribuzione delle specie vegetali è fortemente influenzata dal tipo di substrato su cui crescono e l’influenza marine più o meno. Si distinguono quattro principali aree di coltivazione, ma ci sono molte specie di piante che si trovano in più di un supporto.
  • L'isola di Lobos a Fuerteventura. Traganum Moquin (Traganum moquinii). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).I sausuires (saladares): il tipo di vegetazione che cresce in questo mezzo è strettamente halophile. Appare in zone basse situati vicino alla costa e regolarmente invaso da alte maree. Distinguiamo statice foglie ovali (Limonium ovalifolium subspecies canariense) (siempreviva de Lobos), specie endemiche con una distribuzione molto limitata, dal momento che la popolazione di Lobos sembrano essere l’unica delle isole Canarie. Inoltre, l’ambiente è caratterizzata principalmente da specie della famiglia Chenopodiaceae, come il traganum de Moquin (Traganum moquinii) (balancón), il Chenoleoides tomentosa, la salicornia perenne (Sarcocornia perennis) (avendo qui una delle più grandi popolazioni arcipelago), la frankenia laevis (Frankenia laevis) (tomillo sapo), il Atriplex raccapricciante (Atriplex glauca), l’atriplex halime (Atriplex halimus) (saladillos) etc. I bordi delle sausuires - non allagato regolarmente - hanno una vegetazione di transizione con le zone di sabbia o di cattive terre.
  • bacini di argilla: i bacini di argilla sono depressioni con accumuli di materiali argillosi limosi, che sono più comuni nella parte meridionale dell’isola. accumulo di acqua si verifica lì durante la stagione delle piogge e le infiltrazioni di nuovo lì Marine. Questo terreno di coltura è caratterizzata dalla presenza di specie dense, comune anche a quelli di sausuires, tra i quali sono specie come la vera soda (Suaeda vera) (matomoro), la Salsola divaricata, la launea albero (Launaea arborescens), il Limonium tuberculatum, la Chenoleoides tomentosa, la Salsola tetrandra, l’euforbia balsamifera (Euphorbia balsamifera) (tabaiba dulce) e la Sarcocornia fruticosa. composizione floristica varia a seconda del contenuto di umidità e salinità del suolo. Il Sarcocornia fruticosa è rara nelle isole Canarie ed è anche raro qui, in modo che appare solo in bacini umidi. Il Limonium tuberculatum è una specie rara nelle isole Canarie, la più grande popolazione si trova in Lobos.
L'isola di Lobos a Fuerteventura. tubercolati Statice (Limonium tuberculatum). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. tubercolati Statice (Limonium tuberculatum) e steli di salicornia glauca (Arthrocnemum macrostachyum). Clicca per ingrandire l'immagine.
  • L'isola di Lobos a Fuerteventura. Vegetazione. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Le zone sabbiose costiere e dall’interno: in zone sabbiose vivono piante resistenti al sale, i più rappresentativi sono la Salsola vermiculata, la fabagelle di Desfontaines (Zygophyllum fontanesii) (uvilla de mar), la frankenia a foglie di brughiera (Frankenia ericifolia), la Polycarpaea nivea (lengua de pájaro), il Limonium tuberculatum, il Limonium papillatum e il Atriplex halimus. Quest’ultimo è presente solo sul lato, mentre le altre specie anche ad essi. Si può notare la presenza di lotus di Lanzarote (Lotus lancerottense) in alcune parti della costa, e disperse popolazioni di Euphorbia balsamifera e Lycium intricatum.
L'isola di Lobos a Fuerteventura. sisal Agave (Agave sisalana). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'isola di Lobos a Fuerteventura. sisal Agave (Agave sisalana). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
L'isola di Lobos a Fuerteventura. Fabagelle di Desfontaines (Zygophyllum fontanesii). Clicca per ingrandire l'immagine.L'isola di Lobos a Fuerteventura. Fabagelle di Desfontaines (Zygophyllum fontanesii). Clicca per ingrandire l'immagine.L'isola di Lobos a Fuerteventura. Fabagelle di Desfontaines (Zygophyllum fontanesii). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
  • L'isola di Lobos a Fuerteventura. balsamifère euforbia (Euphorbia balsamifera). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).le cattive terre (malpaíses): la isola di Lobos è coperto, nelle sue parti centrale e Sud-Est, da colate di basalto recenti che costituiscono uno malpaís discontinuo sparsi di piccole targhe di sabbia e d’argilla. La vegetazione delle cattive terre è costituita principalmente della Euphorbia balsamifera e Suaeda vera, ma anche il arborescens Launaea, Lycium intrincatum di Kleinia neriifolia di Euphorbia regis-jubae e di tanto in tanto delle arborescens asparagi e Phagnalon roccia.
L'isola di Lobos a Fuerteventura. balsamifère euforbia (Euphorbia balsamifera). Clicca per ingrandire l'immagine.L'isola di Lobos a Fuerteventura. balsamifère euforbia (Euphorbia balsamifera). Clicca per ingrandire l'immagine.L'isola di Lobos a Fuerteventura. balsamifère euforbia (Euphorbia balsamifera). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
FaunaLa fauna dell’isola di Lobos
Sulla isola di Lobos è stato registrato 21 specie costrutrici di nidi, benché alcune, come la aquila pescatrice (Pandion haliaetus) ed il falcone di barbarie (Falco pelegrinoides), siano considerate estinte nella isola, e di altre — come il barbagianni (Tyto alba), la sterna pierregarin (Sterna hirundo) (charrán común) e l’avvoltoio percnoptère (Neophron percnopterus majorensis) (guirre) — sono molto rari.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. di Berthelot Pipit (Anthus berthelotii) il faro Martiño. Clicca per ingrandire l'immagine.Allevamento uccelli nidificano in Lobos in diverse parti dell’isola. Così, mentre trampolieri preferiscono essere vicino alla costa e gli uccelli passeriformi steppa abbondano all’interno. Quest’ultimi comprendono specie come la silvia ad occhiali (Sylvia conspicillata), la averla piccola scorticatore (Lanius excubitor), l’upupa (Upupa epops), il roselin githagine (Bucanetes githagineus), la pispola di Berthelot (Anthus berthelotii), la pernice gambra (Alectoris barbara) e l’otarda houbara (Chlamydotis undulata fuertaventurae) fra cui la presenza sempre sporadica e limitata, è stato osservato in alcune occasioni nella zona sabbiosa del nord della isola.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. Colony gabbiani zampe. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).aree di nidificazione per gli uccelli marini e rapaci sono le Caldera, scogliere, rocce e hornitos. Le specie più comuni sono il puffino di Scopoli (Calonectris diomedea) (pardela cenicienta ou pardela grande), il piccolo puffino (Puffinus assimilis), il pétrel di Bulwer (Bulweria bulwerii), lo océanite sbraita (Hydrobates pelagicus), lo océanite De Castro (Oceanodroma castro) e la gavina (Larus michahellis subspecies atlantis) (gaviota argéntea). Di solito, queste specie non rimangono più di 3 o 4 mesi sull’isola, e il più delle volte da periodi alternati. Tra i rapaci sono stati osservati come nidificazione sull’isola, il gheppio (Falco tinnunculus), il barbagianni (Tyto alba) (ultima osservazione nel 1988) e il capovaccaio (guirre) (ultima osservazione nel 1992). Inoltre, sappiamo che un vecchio nido falco pescatore in Roque Cercado.

L'isola di Lobos a Fuerteventura. Gabbiano reale. Clicca per ingrandire l'immagine.Gli uccelli migratori occupano le pianure costiere dove c’è una grande concentrazione di prodotti alimentari; la zona più frequentata è la zona che si estende dalla Playa de la Concha a Los Toscones e Las Lagunitas. Tra gli uccelli migratori minacciati Lobos includono del falco della regina (Falco eleonorae) e sterna comune (Sterna hirundo). Le principali minacce per queste specie sono, tra gli altri, il bracconaggio, la predazione da gatti selvatici (gatto una campagna è stata effettuata nel settembre 1992), la distruzione degli habitat, ecc

Ci sono così più di 15 specie che svernano e migrarici che si raccolgono sulla isola ma che non nidificano sulla isola: pivieri, piro-piro, tournepierres, chiurlo, aironi, aironi bianchi e spatole, in particolare il piovanello sanderling (Calidris alba), il piro-piro variabile (Calidris alpina), il piviere a collana interrotta (Charadrius alexandrinus), il cavaliere critico (Tringa nebularia), il rondone pallido (Apus pallidus), il rondone unicolore (Apus unicolor).

FocaLa foca monaca
L'isola di Lobos a Fuerteventura. foche monache in Los Lobos (ricostituzione acquerello). Clicca per ingrandire l'immagine.L’isolotto di Lobos è chiamato per la popolazione abbondante di foca monaca del Mediterraneo (Monachus monachus) che vi abitano. Queste guarnizioni sono chiamati foche monache a causa del grasso visibile sui loro declino colli, suggerendo il cappuccio tirato monaci. Queste foche monache (focas monjes del Mediterráneo) sono stati soprannominati «lobos marinos» (spigola) da parte della popolazione a causa delle loro grida lamentose che evocano i lupi. La foca monaca ha vissuto tutti arcipelaghi della Macaronesia (Canarie, Madeira, Azzorre e Capo Verde) e gran parte della costa atlantica dell’Africa, dal Marocco alla Mauritania.

Quando, all’inizio del XV secolo (1402) i conquistatori normanni, guidati da Gadifer de La Salle, è rimasto sull’isola di Lobos per preparare la conquista di Fuerteventura hanno fornirono uccisione delle foche per il cibo e per fare le scarpe con la loro pelle. Fino a quando le foche monache secolo XIX furono massacrati dai pescatori perché pensavano loro voracità ridotto le risorse ittiche nelle acque circostanti: ognuno di questi animali ha infatti bisogno di 30 a 40 kg di pesce al giorno. I sigilli erano anche una fonte di carne, grasso e pelle. Come risultato di questa caccia, le specie scomparse dall’isola e la sua presenza non è occasionale.

Oggi, l’Atlantico ha solo due colonie stanziali: uno a Capo Blanco, al confine del Sahara occidentale e la Mauritania, il secondo sulle isole Desertas, a sud est di Madeira. Nel Mediterraneo, la specie sopravvive solo nel Mar Egeo e, in misura minore, sulla costa del Nord Africa. Non adesso che vanta che meno di 400 rappresentanti, la specie è in pericolo. Il caso dei sopravvissuti sono ora protetti, e non vi è un progetto di reintroduzione della foca monaca in Lobos, nonostante l’opposizione dei pescatori.

Informazioni praticheInformazioni pratiche

Informazioni utiliInformazioni utili
Dal porto turistico di Corralejo (Muelle deportivo de Corralejo) diversi provider offrono escursioni per l’isola di Lobos.

5-7 traversata al giorno a seconda della stagione, tra le 10 ore e le 16 ore 30. Ultimo rientro alle ore 17. Attraversando il tempo: 15 minuti.

Prezzo: circa 15 € di ritorno; bambini € 7,50.

La vendita dei biglietti al chiosco sul Paseo Marítimo, nei pressi della Pescadería.

Telefono: 00 34 619 307 949, 00 34 646 531 068 o 00 34 699 687 294

Sito sulla «Tela»: www.excursionesmaritimaslobos.com

MeteorologiaMeteo e previsioni
CampeggioCampeggio
Il campeggio era precedentemente consentita per un massimo di 3 notti in una posizione unica dell’isola, denominato «La Carpinteria», che si trova tra il molo e la frazione d’El Puertito, libero, ma senza alcuna attrezzatura. Si doveva chiedere il permesso dalla agenzia dell’ambiente (Oficina de Medio Ambiente) di Cabildo de Fuerteventura (telefono: 00 34 928 862 300).
RistoranteRistoranti
Ristorante Chiringuito
C’è un ristorante in El Puertito, il Chiringuito, gestito dai discendenti dell’ultimo guardiano del faro, Antoñito el Farero. I pasti devono essere prenotati prima di mezzogiorno.

Paella e pesce pesce alla griglia.

Piatto da 9 €.

Ore: dalle 11 ore alle 14 ore. Panini (bocadillos) sono disponibili al di fuori di questi orari.

Telefono: 00 34 609 067 946

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Canarie > Fuerteventura > La Oliva > Isola di Los Lobos
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
La Casa de los Coroneles a La Oliva a Fuerteventura
Il villaggio di Villaverde a Fuerteventura
Il villaggio di Corralejo a Fuerteventura
Il Parco Naturale delle Dune di Corralejo a Fuerteventura
Il villaggio di Tindaya a Fuerteventura
Il villaggio di Vallebrón a Fuerteventura
Il villaggio di Lajares a Fuerteventura
Il villaggio d'El Cotillo a Fuerteventura
L'isola di Lobos a Fuerteventura
Argomenti più ampi
Accoglienza
Carta interattiva dell'isola di Fuerteventura
La città di La Oliva a Fuerteventura
La città di Puerto del Rosario a Fuerteventura
La città d'Antigua a Fuerteventura
La città di Tuineje a Fuerteventura
La città di Pájara a Fuerteventura
La città di Betancuria a Fuerteventura
La flora e la fauna dell'isola di Fuerteventura
L'isola di Fuerteventura - Opuscolo dell'UT

[Argomento precedente] [Argomento ascendente]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.