AlbanieAllemagneAngleterreArméniePays basqueBiélorussieBulgarieCatalogneCroatieDanemarkEspagneEstonieFinlandeFranceGalicePays de GallesGéorgieGrèceHongrieIrlandeIslandeItalieEmpire romainLettonieLithuanieMacédoineMalteNorvègePays-BasPolognePortugalRoumanieRussieSerbieSlovaquieSlovénieSuèdeTchéquieUkraïne
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Fuerteventura] [Gran Canaria] [La Gomera] [La Palma] [Lanzarote] [Teneriffa] [El Hierro] [Pagina d’inizio] [Canarie] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
Ajuy è un piccolo villaggio di pescatori di un centinaio di abitanti, situata nella costa sud-ovest dell’isola di Fuerteventura. La città è più noto monumento naturale d’Ajuy, un’area naturale protetta di interesse geologico che ha le più antiche rocce di Fuerteventura e le isole Canarie, tra cui le grotte.

Il villaggio ha anche una spiaggia di sabbia nera, particolarmente popolare con majoreros, gli abitanti canarini dell’isola.

EtimologiaEtimologia e toponomastica
Il toponimo Ajuy, a volte scritto Ajuí, precede la conquista normanna.

Spesso confuso Ajuy con Puerto de la Peña; in realtà Puerto de la Peña è un piccolo porto sulla baia Caleta Negra, a 500 metri a nord d’Ajuy. E ’a Puerto de la Peña sarebbe atterrato i Normanni Jean de Béthencourt e Gadifer de La Salle è venuto a conquistare l’isola di Fuerteventura.

PosizionePosizione

Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. Posizione del villaggio (autore Hansueli Krapf). Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio d’Ajuy si trova alla foce di due gole che convergono al villaggio e aprono una breccia nella roccia che delimita la costa occidentale dell’isola: il Barranco de Ajuy, a nord del villaggio ed il Barranco del Aulagar sud. L’altitudine media del paese è di 16 metri. La regione Ajuy è una zona di calanchi separate da colline, fatta eccezione per la piccola pianura Tablero de Comisianes.

Il Barranco de Ajuy diventa monte Barranco de Mal Paso ed il Barranco de las Peñitas che raggiunge il villaggio di Vega de Río Palmas. E ’attraverso questo percorso che Jean de Béthencourt entrò la terra Fuerteventura per fondare la sua capitale a Betancuria.

Ajuy fa parte del comune di Pájara cui capitale si trova a 9 km a sud est d’Ajuy. Dal momento che Pájara viene raggiunto Ajuy - 15 minuti - per la strada FV-621 che attraversa una montagna prima di scendere verso la costa ovest da una piccola valle, tamerici e palme piantate, che è il Barranco de Ajuy. Ajuy si trova all’interno del Parco Rurale di Betancuria.

All’ingresso del paese d’Ajuy è un piccolo palmeto, dietro la quale c’è un ampio parcheggio; si può proseguire a piedi al centro del paese.

VisiteVisite

VillaggioIl villaggio d’Ajuy
Ajuy è costituito da poche case di pescatori, alcuni dei quali sono stati convertiti in strutture relativamente semplici; ma la posizione non include un hotel. Presso la spiaggia due ristoranti servono il pescato del giorno; Altri due ristoranti si trovano all’interno del villaggio.

Nel corso del ventesimo secolo la popolazione sparsa nella zona sussisteva per l’agricoltura, l’agricoltura e la pesca, quest’ultimo limitato dallo stato del mare. E ’stato solo nel 1986 il paese ha ricevuto elettricità e acqua corrente.

SpiaggiaLa spiaggia d’Ajuy (Playa de Ajuy)CalaLa Cala Nera (Caleta Negra)PortoIl porto di Puerto de la Peña
La spiaggia d’Ajuy è soprannominata «la spiaggia dei morti» (Playa de los Muertos) causa correnti pericolose della costa, spesso riportare a questa spiaggia ’corpi annegati; la spiaggia nera Ajuy sottolinea solo questo carattere fatale. La leggenda vuole che anche questo soprannome deriva i numerosi attacchi dei pirati assetati di sangue che vi si svolgevano, perché i pirati utilizzato le grotte d’Ajuy come riferimento e come deposito.

La spiaggia Ajuy si trova tra Barranco del Aulagar e il punto di vista d’Ajuy. Si tratta di una spiaggia di sabbia scura, quasi nera quando sono bagnati, con alcune aree di ghiaia; la spiaggia è lunga 300 metri e larga 40 metri. La spiaggia d’Ajuy è una spiaggia bella ma non molto adatto per il nuoto a causa delle forti correnti possono causare nuotatori in mare. In estate, la spiaggia dei morti è di solito monitorato dalle 10 alle ore 17; un pannello di informazioni indicano se è consentito nuotare: una bandiera rossa o nera significa che il nuoto può essere fatale.

Lungo la costa del Caleta Negra sono molte grotte, la più importante e più visitata è 600 m sul lato nord del torrente.Puerto de la Peña è un piccolo porto di pescatori sulla baia Caleta Negra; barche da pesca ancorate nella baia sarà uscire in mare durante la stagione estiva, da maggio a ottobre.

È a Puerto del Peña, nel 1402, che scaricarono i conquistatori normanni Jean de Béthencourt e Gadifer della Salle che penetrarono all’interno delle terre con lo Barranco di Las Peñitas e fondarono la loro capitale a Béthencourie (Betancuria); Puerto de la Peña divenne il porto di Betancuria. Il porto serviva come luogo di esportazione di grano e bestiame dall’isola di Fuerteventura al mercato nazionale o addirittura della Bassa Andalusia e l’isola di Madera, come indicato nel verbale degli accordi Cabildo de Fuerteventura.

Nel XIX secolo, il porto ha perso la sua importanza a favore di Puerto de Cabras, ha nominato oggi Puerto del Rosario, la capitale dell’isola di Fuerteventura.

Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. Playa de los Muertos (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. Caleta Negra Creek (autore Wollex). Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. Coste de Fuerteventura nei pressi Ajuy. Clicca per ingrandire l'immagine.
Parco naturaleIl Monumento Naturale d’Ajuí (Monumento Natural de Ajuí)
Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. Mappa Monumento Naturale (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Il Monumento Naturale d’Ajuí è un’area naturale protetta situata a nord del villaggio d’Ajuy. L’area protetta si estende su 31,8 ettari dal Barranco de Ajuy a nord della cala di Caleta Negra. Ospita un deposito di molto vecchi materiali, che sono presenti nei sedimenti oceanici e fossili di animali marini estinti oggi. Questo eccezionale interesse scientifico giustifica la classificazione di questa zona come un monumento naturale nel 1994; è anche classificata come zona di protezione speciale per gli uccelli (ZEPA). Monumento Naturale d’Ajuy si trova all’interno del Parco Rurale di Betancuria.

Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. Monumento Naturale di Ajuy (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Il principale vantaggio di questa area naturale è le rocce più antiche delle Isole Canarie appaiono in superficie e raccontano l’origine e la formazione di Fuerteventura, ci sono oltre 100 milioni di anni, quando i continenti americani e africani s ’ non erano ancora separati. Sono frammenti della placca continentale africana che si può osservare in Ajuy.

L’accesso al monumento naturale era libero per 100 milioni di anni, ma, nel 2013, la società «Parajes naturales de Ajuy» istituito visita guidata illegalmente delle grotte d’Ajuy percorsi di accesso e, al prezzo di 7 euro. Questo esercizio privato di un monumento naturale è stato regolarizzato nel 2014 dal Ministero dell’Ambiente (Ministerio de Medio Ambiente).

Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. Geologia Monumento Naturale di Ajuy (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Sul sito, pannelli esplicativi trilingue commentano il paesaggio geologico Monumento Naturale d’Ajuí :
  1. Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. Sedimenti calcarei (autore Balou46). Clicca per ingrandire l'immagine.1 (in rosso) - lo strato inferiore è il complesso basale (complejo basal) formato di sedimenti oceanici, di depositi e di lava vulcanici, attraversati da argini invadente e rocce plutoniche. Le rocce più antiche sono phtanites, sedimenti del Cretaceo Giurassico (ci sono oltre 100 milioni di anni fa), che sono state sollevate dal fondo dell’oceano da eruzioni vulcaniche che hanno formato l’isola di Fuerteventura, che costituiscono i materiali più antichi nelle isole Canarie. Questo tipo di roccia è visibile solo in pochi luoghi al mondo.
  2. 2 (colore giallo) - una gamma che è stato più di 14 metri al di sopra del livello del mare in corso, con fossili di un’età di circa 5 milioni di anni; riflette l’abbassamento del livello del mare, dal momento che il Pliocene.
  3. 3 (arancione) - un Pliocene flusso di origine vulcanica (5 a 2,5 milioni di anni fa), formato da lave basaltiche con cuscino vulcano Morro Valdés a Betancuria.
  4. 4 (verde) - depositi alluvionali, frammenti di roccia trasportati dal deflusso dall’entroterra verso la spiaggia.
  5. Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. Dune fossili (autore Balou46). Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. Dune fossili (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.5 (in blu) - delle dune del pliocene fossilizzate: calcarenite (miscugli di calcare e di sabbia) formate da resti fossili di conchiglie e di alghe, indicatori dell’esistenza di un clima più caldo.

Lo strato inferiore è costituito da un calcare considerato particolarmente puro ed è stata una partecipazione a partire dal XV secolo, con l’esportazione di calcare e produzione di calce viva. Lime è stato prodotto da un banco calcareo - che si trova a circa 15 metri sul livello del mare - e si estende lungo la costa occidentale di Fuerteventura. Il calcare è stato trasportato dalle cave alle fornaci da calce, sugli asini e cammelli.

Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. forni da calce (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.E ’alla fine del XIX alla metà del ventesimo secolo, secolo l’industria della calce fiorì con la produzione di forni industriali per la produzione di calce. Prova di ciò è la presenza di circa 400 forni distribuiti in tutta l’isola; si può vedere una vecchia fornace di calce vicino al punto di vista d’Ajuy. Alla fine dello XIX secolo calce era spedito da Puerto de la Peña verso gli altri isole delle Canarie; la calce prodotta era trasportata da barca dalla spiaggia d’Ajuí fino alle navi ancorate agli imbarcaderi d’El Cantil (il dirupo) e della grotta nera (Cueva Negra), quindi esportata. La Hornos de Cal (forni a calce o forni a calce), la Casa de la Aduana (Casa della Dogana), la Rampa e Túnel sono vestigia di questa industria. Il tunnel attraverso la roccia tra il Puerto de la Peña e il Barranco de Ajuy; suo ingresso è visibile all’inizio della gola, nella parte posteriore della gamma d’Ajuy.

Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. forni da calce Piano (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Calcare potrebbe essere riscaldato mediante due metodi:

  • attraverso forni domestici calce o forni a calce forni intermittenti generazione, che ha utilizzato come combustibile ginestre, tamerici e sottobosco. Questi forni erano ancora accesi due giorni e due notti per convertire calcare in calce;
  • mediante forni da calce industriali: forni di produzione continua, con l’uso del carbone come combustibile.

Lime è stata utilizzata per imbiancare le pareti, per fare malte e calcestruzzi, mescolato con canaloni di sabbia, intonaci per esterni di case e la costruzione di cisterne, serbatoi, pareti, fognature, ecc

Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. strati di origine vulcanica (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. strati di origine vulcanica (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Roccia vulcanica, sienite, è stato esportato anche per essere utilizzato nella fabbricazione di pavimentazione pietre; si può ancora vedere un esempio nella via Calle de Vegueta a Las Palmas de Gran Canaria.

GrottaLe grotte d’Ajuy (Cuevas de Ajuy)
Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. La grotta principale Ajuy (autore Wollex). Clicca per ingrandire l'immagine.Diverse grotte sono sparsi intorno al bordo della Caleta Negra; Queste grotte naturali sono il risultato di erosione eolica e marina di rocce tenere incluse nelle rocce vulcaniche che circondano la baia. Queste grotte, una volta serviti gli hacker per memorizzare il loro bottino; una delle cave servito come magazzino per l’industria della calce.

Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. Grotte sulla Caleta Negra (autore Hansueli Krapf). Clicca per ingrandire l'immagine.Visita alle grotte è attraverso un percorso che inizia con un disco in alto a destra della spiaggia d’Ajuy, alla foce del Barranco de Ajuy. Questa strada è stata utilizzata fino alla metà del XX secolo per lo sfruttamento di calcare ed esportazione di calcare e calce ad altre isole Canarie. Questo è un abbastanza ampio, ma sassoso sentiero, ed è meglio per portare buone scarpe di viaggiare i 1,5 km di questa passeggiata (30 minuti andata e ritorno). Dal 2013 visitando le grotte d’Ajuy paga; Si tratta di una visita guidata.

Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. La grotta principale Ajuy (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.La strada passa prima dune fossili e ha raggiunto una fornace di calce, con le sue caserme operative. Lungo la strada incontrano diversi punti di vista da cui si ha una bella vista della spiaggia e il villaggio d’Ajuy e la baia Caleta Negra, che sono barche da pesca ancorate; giornata limpida, è anche possibile vedere - a sud - la Punta de Jandía. La strada poi segue il bordo delle scogliere vulcaniche di Caleta Negra, alcune delle quali possono raggiungere un’altezza di 40 metri. la più grande delle cave viene raggiunto dove si può scendere - attenzione - con una rampa e una serie di passi rudimentali.

ConoscenzeStoria, geografia, arte, tradizioni, flora …

TradizioneTradizioni
Vigilia di San Giovanni (Fiestas de San Juan), circa il 24 Giugno: festa per diversi giorni in onore di San Giovanni Battista. processione di barche, giochi, musica, folklore e gara di pesca per bambini e adulti. Nella notte dei fuochi del solstizio d’estate in fiamme sulla spiaggia e fuochi d’artificio vengono sparati dal mare.

Informazioni praticheInformazioni pratiche

MeteorologiaMeteo e previsioni
RistoranteRistoranti
Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura. il ristorante Jaula de Oro (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Ajuy offre alcuni ristoranti di pesce, due delle quali si affacciano sulla spiaggia di sabbia nera: La Jaula de Oro e Cuevas de Ajuí.

Il ristorante di famiglia e il bar Jaula de Oro (il Carcere d’Oro) ha una terrazza coperta con vista sul mare e un bar poco illuminato. Esso offre una vasta selezione di pesce fresco e frutti di mare durante la stagione di pesca, porzioni abbondanti, prezzi ragionevoli e un servizio cortese ed efficiente.

Indirizzo: Calle Gallegada / Avenida de los Barqueros

Orario: aperto tutti i giorni, dalle 9 ore 45 alle18 ore.

Piatti principali da 8 a 12 €.

Telefono: 00 34 928 161 594

Il ristorante Cuevas de Ajuy ha una terrazza ombreggiata con vista sulla spiaggia. Si tratta di un ristorante popolare in majoreros.

Indirizzo: Calle Gallegada

Orario: tutti i giorni, dalle 9 ore alle 18 ore.

Piatti principali da € 6.

Telefono: 00 34 928 161 720

Il ristorante Puerto de la Peña, o Casa Pepín, propone specialità di pesce, piatti tipici dell’isola come il capretto al forno e dolci ricchi.

Indirizzo: Calle Del Puerto Azul, 4

Telefono: 00 34 928 161 468

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Canarie > Fuerteventura > Pájara > Ajuí
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura
Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura
Il villaggio di La Lajita e l'Oasis Park a Fuerteventura
Il villaggio di Costa Calma a Fuerteventura
Il villaggio di Morro del Jable a Fuerteventura
Il villaggio di Cofete e la villa Winter a Fuerteventura
Il villaggio di La Pared a Fuerteventura.
Il villaggio di Cardón a Fuerteventura
Argomenti più ampi
Accoglienza
Carta interattiva dell'isola di Fuerteventura
La città di La Oliva a Fuerteventura
La città di Puerto del Rosario a Fuerteventura
La città d'Antigua a Fuerteventura
La città di Tuineje a Fuerteventura
La città di Pájara a Fuerteventura
La città di Betancuria a Fuerteventura
La flora e la fauna dell'isola di Fuerteventura
L'isola di Fuerteventura - Opuscolo dell'UT

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.