AlbanieAllemagneAngleterreArméniePays basqueBiélorussieBulgarieCatalogneCroatieDanemarkEspagneEstonieFinlandeFranceGalicePays de GallesGéorgieGrèceHongrieIrlandeIslandeItalieEmpire romainLettonieLithuanieMacédoineMalteNorvègePays-BasPolognePortugalRoumanieRussieSerbieSlovaquieSlovénieSuèdeTchéquieUkraïne
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura

[Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Fuerteventura] [Gran Canaria] [La Gomera] [La Palma] [Lanzarote] [Teneriffa] [El Hierro] [Pagina d’inizio] [Canarie] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. il Pico de la Zarza (autore Dreizung). Clicca per ingrandire l'immagine.Il parco naturale di Jandía (Parque Natural de Jandía) è uno spazio protetto che copre quasi la totalità delle penisole di Jandía (Peninsula de Jandía) e dell’istmo che collega le penisole al sud-ovest dell’isola di Fuerteventura. Solo la fascia costiera del sud-est e sud-ovest della penisola sono al di fuori del parco; si è urbanizzato aree dedicate quasi esclusivamente al turismo con le località di Costa Calma e Morro del Jable.

Il Parco Naturale di Jandía comprende principalmente una zona montuosa di origine vulcanica confina a nord-ovest da spiagge di sabbia bianca che si estendono per diversi decine di chilometri; il resto del litorale è costituito da promontori e scogliere rocciose, intervallate da spiagge più piccole.

In questi paesaggi aridi - e praticamente intatto - spinge una vegetazione rara ma notevole, costituito da specie endemiche, spesso; la zona è anche il terreno fertile per numerose specie di uccelli. Per queste ragioni - e anche a causa della minaccia rappresentata dal turismo di massa che emerge - la zona è stata dichiarata parco naturale nel 1987.

Il parco si trova interamente all’interno del territorio del comune di Pájara. Il Parco è - ancora oggi - quasi deserta: le uniche due località, situate all’interno del parco, sono frazioni di pescatori e agricoltori: Cofete, nord-ovest della quasi isola, e Puertito de la Cruz, nel sud-ovest.

PosizionePosizione

Il Parco Naturale Regionale Jandía si trova nel sud-ovest dell’isola di Fuerteventura. Il parco comprende la maggior parte dell’istmo di La Pared (Istmo de La Pared, la «istmo del Muro»), che si trova immediatamente a sud del villaggio dello stesso nome.

Si può raggiungere Jandía in auto attraverso la strada costiera FV-2 da Puerto del Rosario, o la strada FV-605, se solo Pájara. La strada FV-2 serve le località di Costa Calma, Esquinzo, Jandía Playa e Morro del Jable, che è il capolinea della strada FV-2.

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. La Gran Valle (autore Norbert Nagel). Clicca per ingrandire l'immagine.Dopo Morro Jable dei tracciati di terra e pietre permette di entrare nel parco naturale e raggiungere la punta occidentale quasi dell’isola, la Punta de Jandía; poca prima della Punta de Jandía, al livello del paesello di Puertito de la Cruz, una giunzione sulla destra permette di raggiungere la Punta Pesebre, bordando la vecchia pista d’atterraggio che Gustav Winter aveva fatto costruire alla punta quasi dell’isola.

A metà strada la pista di Punta de Jandía, una pista a destra e attraversa la cresta delle montagne verso Cofete, sulla costa nord-occidentale della quasi isola, poi giù per le enormi spiagge deserte Playa de Cofete e Playa de Barlovento.

E ’meglio avere un veicolo fuoristrada di prendere queste tracce, in particolare quella di Cofete, molto sinuosa e talvolta in cattive condizioni.

VisiteVisite

PenisolaLa penisola di Jandía
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. La Punta Jandía. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. strati geologici della Punta de Guadalupe a La Pared (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.La penisola di Jandía era originariamente un’isola separata vulcanica - ma contemporaneo - il resto dell’isola di Fuerteventura, a sua volta formato da diversi vulcani saldati insieme. Il vulcano Jandía è stato separato da Fuerteventura da un braccio di mare che le eruzioni vulcaniche ulteriormente riempito fino a formare l’istmo di La Pared che collega oggi Jandía a Fuerteventura. Al suo apice - ci sono 14 o 15 milioni di anni - Isola Jandía era di raggiungere un diametro di 26 km e una altitudine di 1500 m; questo corrisponderebbe ad una superficie di circa 530 km², cioè un’isola più grande La Gomera. L’ultima eruzione del vulcano Jandía ha causato un crollo di gran parte dell’edificio vulcanico nell’Oceano Atlantico.
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Mappa del Parco Naturale. Clicca per ingrandire l'immagine.Quest’eventi geologici si leggono nei paesaggi di Jandía: le penisole presentano la forma di un grande arco montagnoso: è la parte della caldera che è sopravvissuta al crollo; la costa nordoccidentale — tipicamente lo Arco de Cofete — con le sue scogliere brusche che cadono verso il mare, corrisponde al cratere della caldera; il massimo centrale corrisponde al bordo della caldera, con, come culmine del massimo, lo Pico de la Zarza; le pendenze più morbide delle coste del sud-est e del sud-ovest corrisponde alle pendenze del vulcano, solcate di colate vulcaniche. Questi flussi di lava hanno creato creste (nome cuchillos, «coltelli»), separati da valli rocciose a forma di «U», o gole, barrancos.

A ovest, i promontori di Punta de Jandía e Punta Pesebre marchio dove il bordo della caldera si affonda nel mare.

A est - dalla Valle del Pecenescal - questi flussi vulcanici lasciano il posto al paesaggio di dune del istmo di La Pared, da cui emergono solo poche colline quasi sepolti sotto le sabbie.

Parco naturaleIl Parco Naturale di Jandía (Parque Natural de Jandía)
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Euphorbia handiensis (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Oltre al suo interesse paesaggistico e geomorfologico, la penisola di Jandia contiene specie vegetali endemiche, alcune delle quali in via di estinzione, così come le specie animali minacciate come il ubara otarda (Chlamydotis undulata). E ’per queste ragioni che una gran parte della penisola è stata dichiarata riserva naturale nel 1987, classifica come il Parco Naturale (Parque natural de Jandía). Questo spazio è stato anche dichiarato «zona di protezione speciale per gli uccelli» (ZEPA).

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Capre rilasciati. Clicca per ingrandire l'immagine.Parco Naturale Jandía occupa una superficie di 144 km² sui 200 km² di quasi dell’isola. Sole sono escluse dal parco naturale delle bande costiere già urbanizzate, situate attorno a Costa Calma e di Morro del Jable; tuttavia la zona dei prati salati dello Saladar de Jandía a Morro Jable è anche oggetto di una misura di protezione.

Molte recinzioni sono state messe in atto - in particolare intorno al grande parco eolico nel istmo di La Pared e la dorsale centrale intorno al Pico de la Zarza - per preservare la vegetazione, spesso endemica, le capre voracità.

IstmoL’istmo di La Pared (Istmo de La Pared)
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. L'istmo di La Pared (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.L’istmo di La Pared è la stretta striscia di terra - off 4 a 5 km e una superficie di 45 km² - tra Jandía a Fuerteventura; questa è la parte più stretta dell’isola.

Si è creduto a lungo che quest’istmo costituisse la frontiera tra i due regni indigeni che preesistevano alla conquista di Fuerteventura da parte dei Normanni Jean de Béthencourt e Gadifer de La Salle: il regno di Maxorata, al nord, ed il regno di Jandía, al sud. Questo è ciò che si è guadagnato il nome di «la pared» (il muro) per l’istmo e il villaggio vicino. In realtà, gli storici ritengono che il confine è andato a 20 km più a nord, lungo una linea che va da Ajuy a Salinas del Carmen.

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. precipizio di Pecenescal. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Lo istmo del Pared è soprattutto coperto da sabbia portata di Sahara marocchina dai venti di è quando si produce il fenomeno dello scirocco ( chergui marocchino), anche se i venti dominanti sono i venti d’ovest; questa sabbia bionda ha anche formato le spiagge splendide di cui approfitta la stazione balneare di Costa Calma, le spiagge conosciute sotto il nome di Playas de Sotavento di Jandía («le spiagge sotto il vento»). Il vento inoltre fornisce energia alla stazione con un enorme parco eolico cinquanta torri eoliche poste sull’istmo.

Questo paesaggio di dune lascia il posto alle prime montagne che circondano la valle Pecenescal (Barranco del Pecenescal), con le montagne Loma Negra (335 m) e El Paso (253 m).

Vulcano strombolianaIl massiccio di Jandía (Macizo de Jandía)
Il massiccio di Jandía si alza gradualmente con una successione di colate vulcaniche (cuchillos) separato da valli e burroni, fino al culmine delle penisole — e dell’isola — lo Pico de la Zarza («Picco della Mora»), o Pico de Jandía, a 807 metri, con il picco allega nominato dagli abitanti Las Orejas de Asno («gli orecchi d’asino»). picchi vicini sono il Pico de la Palma (744 m) a ovest, e il Pico de Mocán (801 m) a nord-est.

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. il Pico de la Zarza (autore Norbert Nagel). Clicca per ingrandire l'immagine.Il massiccio di Jandía è il residuo di un stratovulcano emerse dal mare ci sono 21 milioni di anni, la parte nord-occidentale del cratere crollato in mare ci sono circa 12-14.000.000 anni e foglie oggi questo massiccio de Jandía mezzaluna. Il bordo nord-occidentale del Pico de la Zarza scende ripidamente verso la pianura costiera di Cofete, mentre piste est e sud-ovest sono più morbide. Nelle montagne del Jandía trovato il materiale più antico che costituisce la base dell’isola di Fuerteventura, tra cui sedimenti marini del Mesozoico, prima della formazione dell’arcipelago; dal burrone Amanay e al Picco di Jandía dominano i materiali del Miocene vulcanica corrispondente alla prima fase. Il massiccio è coperto - in particolare nella zona di Vigocho - un ghiaia vulcanica, denominata localmente il «jable», che è una specie di pozzolana.

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. la vetta del Pico de la Zarza (autore Dreizung). Clicca per ingrandire l'immagine.È possibile visitare il massiccio di Jandía a piedi, alla partenza di Morro del Jable; la via d’escursione PR FV 54 conduce allo Pico de la Zarza, o Pico de Jandía, il culmine dell’isola di Fuerteventura, a 807 m. Il punto di partenza per questo percorso è la località turistica di Jandía Playa, quartiere di Morro del Jable, intorno al centro commerciale Ventura. Il sentiero - ben segnalato - inizia nei pressi del lungomare e portato al picco della Degollada de Vinámar e, infine, al Pico de la Zarza, dopo una camminata di 7,5 km e un dislivello di quasi 800 metri. Questa escursione dovrebbe essere effettuato solo con il bel tempo perché i venti possono essere forti e molto fresca nella parte superiore di Jandía, e il vertice avvolta nella nebulosa.

Il massiccio di Jandía si abbassa a ovest, ma con alte vette come Pico Fraile (689 m), nella valle del Gran Valle dove la pista passa portando a Cofete. In pista Cofete, il punto di vista del Mirador Degollada Agua Oveja («Belvedere Colata Acqua Pecora …»), 230 m sul livello del mare, offre una magnifica vista sulle spiagge di Cofete e Barlovento, con una superficie coperta e di un pannello informazioni.

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. La massiccia Jandía. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Barranco de Munguia. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. La massiccia Jandía. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
CostaLa costa sud-est della penisola di Jandía
La costa del sud-est di Jandía è la costa «sotto il vento» (sotavento), protetta dei venti d’ovest dal massimo montagnoso del massiccio di Jandía; questa parte delle penisole non fa parte del parco naturale; è stata scoperta dal turismo dalla fine degli anni 1970, e stazioni balneari vi sono nato: Costa Calma, sull’istmo di La Pared, Esquinzo e Jandía Playa che godono di bellissime spiagge di sabbia e venti favorevoli per la pratica del windsurf e kite surf. La clientela di queste stazioni è principalmente tedeschi e scandinavi.
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Loma Negra e El Paso Monti. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. precipizio di Pecenescal. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Monte Loma Negra. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
CostaLa costa sud-ovest della penisola di Jandía
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Puertito de la Cruz. Clicca per ingrandire l'immagine.La costa sud-occidentale è in gran parte trova al di fuori del parco naturale, anche se solo l’area intorno a Morro del Jable è ormai urbanizzata. E ’vero che al di là del nuovo porto di Morro Jable la costa di questo più belle spiagge di sabbia; ritroviamo le piacevoli spiagge - ma piccolo - una decina di chilometri a ovest di Morro Jable: la Playa de Juan Gómez e Playa de las Pilas che sono all’interno del Parco. Per arrivarci è necessario utilizzare la strada sterrata e pietre che conducono alla Punta de Jandía; queste spiagge sono spesso deserte.

Dopo la spiaggia Las Pilas è una grotta naturale, la Cueva de la Negra.

CapoLa punta occidentale della penisola di Jandía
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. La Punta Jandía. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il tracciato pietroso che viene da Morro del Jable si separa in due un chilometro prima di arrivare alla Punta de Jandía, al livello del paesello di Puertito de la Cruz; il ramo di sinistra conduce fino alla punta ed al faro di Jandía, mentre il ramo di destra permette di dirigersi verso la Punta Pesebre al nord.

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Puertito de la Cruz visto da Punta de Jandia. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Puertito de la Cruz è una frazione di pescatori, roulotte fatiscenti e seconde case, dove alcuni residenti di Morro del Jable vengono a trascorrere il fine settimana lontano dal trambusto della località turistica. Le piccole strutture portuali sono state completate su iniziativa dell’imprenditore tedesco Gustav Winter, che ha avuto la concessione di quasi tutta la penisola di Jandía nel 1950-1960. Due piccoli ristoranti (il ristorante Punta de Jandía e il ristorante El Caletón), situato sulla spiaggia, servono pesce alla griglia o zuppa di pesce appena pescato.

Nella prima quindicina di settembre il Festival Octopus (Fiesta del Pulpito).

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Faro di Jandia. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. La Punta Jandía. Clicca per ingrandire l'immagine.La Punta de Jandía isola de Fuerteventura; il cammino di grande escursione GR. 131 di Fuerteventura vi giunge dopo avere attraversato tutta l’isola nella sua lunghezza da Corralejo, su una distanza di 154 km. La Punta de Jandía è un roccioso promontorio battuto venti dove il nuoto è pericoloso.

Al Punta de Jandía è il faro di Jandía (Faro de Jandía) 1884. alimentata elettricamente da pannelli solari e una torre turbina eolica. Il faro ospita il centro del Parco Naturale del visitatore Jandía e una piccola caffetteria, ma che non è aperto tutto l’anno. Dalla Punta di Jandía, è possibile vedere una giornata limpida la costa di Gran Canaria.

Dal momento che Puertito de la Cruz di un brano - abbastanza duro - per arrivare alla punta nord-occidentale dell’isola vicino alla Punta Pesebre («Punta Mangiatoia»), una distanza di circa 4,5 km.

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. La spiaggia di Ojos (autore Balou46). Clicca per ingrandire l'immagine.A metà strada si può accedere ad una piccola spiaggia spesso deserta, la Playa de Ojos, accessibile da una scala in legno. Sulla destra della strada sterrata si può vedere la pista di un aeroporto abbandonato che era stato progettato da Gustav Winter. La Punta Pesebre ha ripide scogliere con onde atlantiche; è le pareti della caldera del vulcano Jandía cadere nell’oceano.

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Caleta de la Madera (autore Peloba). Clicca per ingrandire l'immagine in Panoramio (nuova unghia).Questo paesaggio geologico è ancora più spettacolare in Caleta de la Madera («baia della tavola») a pochi chilometri a est di Punta Pesebre. Seguendo la costa da Punta Pesebre, ha raggiunto - in mezz’ora a piedi - una piccola collina con una splendida vista del Caleta de la Madera e la costa nord-occidentale della penisola Jandía.

Su una altezza dietro la Caleta de la Madera è il sito di Las Talahijas, un antico borgo situato aborigena 189 m sul livello del mare, il che porta molti sentieri tortuosi.

CostaLa costa nord-occidentale della penisola di Jandía
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Spiaggia Barlovento (autore Travelpix). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. la Cofete Surf Beach (autore Hansueli Krapf). Clicca per ingrandire l'immagine.La costa nord ovest di Jandía è costituito dai resti della parte meridionale della caldera del vulcano Jandía; altre parti della caldera hanno affondato nell’oceano. Le scogliere vulcaniche cadono bruscamente dal bordo della caldera alla ciotola del cratere che si presenta come una vasta pianura in ordine crescente (Arco de Cofete) allineati con enormi spiagge di sabbia bianca che si estende 10 km: spiagge Cofete e Barlovento («al vento»).

Questa costa è infatti esposto ai venti prevalenti da ovest e le correnti oceaniche, rendendo il nuoto pericoloso, ma la gioia dei surfisti che hanno il coraggio di raggiungere finora.

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Il Barlovento spiaggia di Jandía (autore Dreizung). Clicca per ingrandire l'immagine.Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. L'arco di Cofete (autore Mark Eckert). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).L’accesso alla sola località della costa nordoccidentale, Cofete, è difficile: si fa, da Morro del Jable, con un tracciato pietroso che supera il massimo vulcanico; un veicolo fuoristrada è fortemente raccomandato per esplorare la Playa de Barlovento e le spiagge circostanti. Questa inaccessibilità ha conservato tuttavia questo sviluppo turistico costa selvaggia.

Cofete è una frazione di agricoltori e allevatori, con poche case e un ristorante. Sopra il paese, ai piedi del Pico de la Zarza, è una curiosità: una grande villa isolata che sembra per monitorare la costa, il Villa Winter.

FloraLa flora di Jandía
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. eroso Heliotrope (Heliotropium erosum) sulla spiaggia di Cofete (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.La flora di Jandía comprende molte specie endemiche o specie protette come la viperina arbustive di Jandía (Echium handiense) (tajinaste azul de Jandía) a fiori blu, la margherita di Winter (Argyranthemum winteri) (magarza de Winter), dedicata a Gustav Winter, ai fiori bianchi e gialli ed il buplèvre di Jandía (Bupleurum handiense) alle foglie verde chiaro ed alle inflorescenze gialle.

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Asterisk setosa (Astericus sericeus) (autore Dreizung). Clicca per ingrandire l'immagine.Nelle vicinanze di Pico de la Zarza incontrato l’asterisco setosa (Asteriscus sericeus), noto anche come «setosa stella d’oro» foglia senecio oleandro (Senecio kleinia synonymus Kleinia neriifolia) e semprevivo Bethencourt (Aichryson bethencourtianum).

Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Euphorbia handiensis (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Ma il simbolo di Jandía è certamente euforbia di Jandía (Euphorbia handiensis) (cardón de Jandía), una specie di cactus che cresce solo in queste parti.

Sull’istmo di La Pared sviluppa una flora molto speciale perché pastori pascolano le loro capre, cresce soprattutto la launea albero (Launaea arborescens) non è sensibile ai mangimi. Tuttavia, dopo le prime piogge invernali, sgorgano in tutto le minuscole piante da fiore per pavimenti che sono sopravvissuti nella stagione secca come semi.

FaunaLa fauna di Jandía
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Spatole (Platalea leucorodia) a Risco del Paso (autore Hansueli Krapf). Clicca per ingrandire l'immagine.Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Fratino (Charadrius alexandrinus) a Risco del Paso (autore Hansueli Krapf). Clicca per ingrandire l'immagine.L’animale simbolo di Jandía è l’otarda houbara (Chlamydotis undulata) presente nel parco naturale, ma si incontra quasi 30 specie di uccelli che svernano o che nidificano come lo gravelot a collana interrotta (Charadrius alexandrinus) (chorlitejo patinegro), il corriere piccolo (Charadrius dubius) (chorlitejo), il falcone gheppio delle Canarie (Falco tinnunculus canariensis) (cernícalo vulgar), la trappola delle isole Canarie (Saxicola dacotiae), la poiana variabile (Buteo buteo) o un altro uccello rappresentativo dell’isola, l’avvoltoio percnoptère di Fuerteventura (Neophron percnopterus majorensis) (guirre majorero), che trova rifugio nelle rocce ripide e le scogliere.
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Piovanello pancianera (Calidris alpina) in Risco del Paso (autore Hansueli Krapf). Clicca per ingrandire l'immagine.Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Isole Canarie Stonechat (Saxicola dacotiae) (autore Frank Vassen). Clicca per ingrandire l'immagine.Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Garzetta (Egretta garzetta) a Risco del Paso (autore Hansueli Krapf). Clicca per ingrandire l'immagine.
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Lizard Galliota atlantica a Cofete (autore Norbert Nagel). Clicca per ingrandire l'immagine.Incontriamo tre specie di rettili terrestri endemica lucertola orientali Isole Canarie, il chalcides in molte scale (Chalcides simonyi) (lisneja). La tartaruga liuto (Dermochelys coriacea) (tortuga laúd) e la tartaruga verde (Chelonia mydas) (tortuga verde) frequentano le spiagge di Jandía; la tartaruga caretta (Caretta caretta) (tortuga boba) è in corso di nuova introduzione. Nelle proprie acque si trova anche una grande quantità di cetacei riproduttori come il grande delfino (Tursiops truncatus) (delfín mular), il delfino di Risso (Grampus griseus) (calderón gris) e varie specie di capodogli fra cui grande il capodoglio (Physeter macrocephalus).

ConoscenzeStoria, geografia, arte, tradizioni, flora …

StoriaStoria
La penisola di Jandía è l’unica parte dell’isola di Fuerteventura, che è rimasto - fino a poco tempo - sotto il controllo dei signori feudali. Questi signori hanno lasciato le loro terre nelle mani di manager che gestivano la penisola. Gustav Winter fu probabilmente l’ultimo di loro; Winter segnò la separazione delle penisole mediante la costruzione di una chiusura di due metri di cima che si estendeva attraverso tutto l’istmo di La Pared, non molto lontano dal vecchio muro che separava Jandía del resto dell’isola.

Informazioni praticheInformazioni pratiche

ReceptionIl Centro dei Visitatori del Parco Naturale di Jandía
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura. Faro di Punta de Jandia. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).C’è un centro del Parco Naturale del visitatore Jandía (Centro de Interpretación del Parque Natural de Jandía), che si trova nel faro Jandía nella punta sud-ovest dell’isola quasi. Il centro fornisce spiegazioni sulla geologia, la flora e la fauna di Jandía. Sul soffitto pende un scheletro di balenottera comune (Balaenoptera physalus) 6 m di lunghezza.

Orari di visita: dal martedì al sabato, dalle 10 ore alle 18 ore (il centro di interpretazione sembra essere temporaneamente chiuso).

Ingresso gratuito.

Telefono: 00 34 928 858 998

MeteorologiaMeteo e previsioni

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Canarie > Fuerteventura > Parco Naturale di Jandía
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Il Parco Naturale di Jandía a Fuerteventura
Il villaggio e il monumento naturale de Ajuy a Fuerteventura
Il villaggio di La Lajita e l'Oasis Park a Fuerteventura
Il villaggio di Costa Calma a Fuerteventura
Il villaggio di Morro del Jable a Fuerteventura
Il villaggio di Cofete e la villa Winter a Fuerteventura
Il villaggio di La Pared a Fuerteventura.
Il villaggio di Cardón a Fuerteventura
Argomenti più ampi
Accoglienza
Carta interattiva dell'isola di Fuerteventura
La città di La Oliva a Fuerteventura
La città di Puerto del Rosario a Fuerteventura
La città d'Antigua a Fuerteventura
La città di Tuineje a Fuerteventura
La città di Pájara a Fuerteventura
La città di Betancuria a Fuerteventura
La flora e la fauna dell'isola di Fuerteventura
L'isola di Fuerteventura - Opuscolo dell'UT

[Argomento ascendente] [Argomento seguente]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.