AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Capdepera a Maiorca

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Minorca] [Maiorca] [Ibiza] [Formentera] [Cabrera] [Pagina d'inizio] [Baleari] [Via Gallica]
Rubriche[Foto] [Presentazione] [Situazione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
La città di Capdepera a Maiorca - Capdepera vista dal castello. Clicca per ingrandire l'immagine.
La città di Capdepera a Maiorca - Scudo della città (autore Josep López Arias). Clicca per ingrandire l'immagine.Capdepera è una piccola cittadina nella costa nord-orientale dell'isola di Maiorca ; La città ha circa 3200 abitanti.

La città di Capdepera a Maiorca - La costa nord-est vista dal castello. Clicca per ingrandire l'immagine. Capdepera è anche il capoluogo di un comune di piccola superficie (circa 55 km²), ma ha una linea costiera di 30 km di lunghezza. La costa, molto frastagliata ha scogliere e numerose insenature poco profonde - spiagge sabbiose e acque cristalline - casa per le località molto popolare con i turisti : Cala Mesquida, Cala Ratjada, Cala Gat, Son Moll, Sa Pedruscada, Es Carregador, Font de Sa Cala e Canyamel.

Capdepera è una città storica, fondata nel 1300 come borgo fortificato. Questa storia rimane la principale attrazione della città, il castello di Capdepera che domina la città del lato del nord.

EtimologiaEtimologia e toponomastica
Sulle carte romane di navigazione il capo roccioso della Punta de Capdepera è stato chiamato “Caput Petrae„ (“testa di pietra„). Questo nome latino deriva dal nome Capdepera che significa letteralmente “testa di pera„.

Il primo documento scritto in cui compare il toponimo “Cap de La Pera„ (villaggio di Capdepera) è la cronaca di re Jaume I, il “Llibre dels Feyts„ (Libro dei fatti), più precisamente nella cronaca che riferisce la resa dei Mori di Menorca a Capdepera.

Gli abitanti di Capdepera sono chiamati nella lingua di Maiorca, Gabellin, e residente, Gabellina. Questo nome è probabilmente legato all'attività di importanti contrabbando nella regione di Capdepera : la tassa sul sale è stata la tassa sul sale e altri beni (tabacco, caffè e così via).

SituazioneSituazione

Situazione della città di Capdepera (autore Joan M. Borras). Clicca per ingrandire l'immagine.
Il comune di Capdepera si trova all'estremità orientale della contea di Levante (Comarca de Llevant) ; è anche il comune più all'est dell'isola di Maiorca. Confina con due comuni, anche appartenenti alla Contea di Levante, Artà e Son Servera. Fino al 1858, questi tre comuni erano un'unica entità amministrativa, il comune di Artà.

Il confine a nord con il comune di Artà comincia la costa tra le baie di Cala Mesquida e Cala Torta, poi passa ad ovest dal crinale di una parte rocciosa delle Serres de Llevant, che sale a 386 metri di Puig des Racó.

Il confine meridionale con il comune di Son Servera attraverso la cresta della Serra de Son Jordi, che culmina a 316 m al Puig de Son Jordi.

La città di Capdepera è approssimativamente nel centro della città, a 3 km dalla costa.

Capdepera è la capolinea della strada principale, la Ma-15, che attraversa l'isola di Maiorca attraverso Manacor e Artà. Capdepera è distante 80 km da Palma de Majorca, 27 km da Manacor, e solo 8.5 km da Artà.

VisiteVisite

La città di Capdepera a Maiorca - Mappa della città. Clicca per ingrandire l'immagine.La città di Capdepera a Maiorca - La costa sud-est vista dal castello. Clicca per ingrandire l'immagine.
ChiesaLa chiesa di San Bartolomeo (Església de Sant Bartomeu / Iglesia de San Bartolomé)
San Bartolomeo, patrono di Capdepera si celebra il 24 agosto.
La città di Capdepera a Maiorca - La chiesa di San Batolomeo (Sant Bartomeu). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
CastelloCastello di Capdepera
Castello di Capdepera è il nucleo storico della città.

Andare al Castello di Capdepera

TorreLa Torre di Canyamel
Un altro edificio importante è la Torre di Capdepera Canyamel, di origine musulmana, e unico per la sua piazza.

Vai alla Torre di Canyamel.

SpiaggiaLe Spiagge di CapdeperaMeteorologiaMeteo e previsioni
I 30 km di costa sono una successione di piccole insenature rocciose, lunghe spiagge di sabbia bianca e alte scogliere.

Es Carregador è una delle insenature che festone della costa di Capdepera e da cui si apre la baia di Cala Rajada. Ecco utilizzare ancora i vecchi “escars„ piccole opere murarie dove i pescatori sistemano i loro attrezzi di lavoro. Cala Molto, N'Aladern, Caleta de Sa Pedruscada e Cova dels Alberdans sono alcune altre incantevoli calette che costellano queste acque.

La città di Capdepera a Maiorca - Mappa della stazione di Font de sa Cala. Clicca per ingrandire l'immagine.I due più grande e famosa del territorio comunale di spiagge di sabbia bianca sono quelle di Cala Agulla e Cala Mesquida. Il primo si trova a soli quindici minuti a piedi dal centro di Cala Ratjada e le seconde 8 km di distanza.

In aggiunta a queste due bellissime spiagge, quelle di Canyamel, Font de Sa Cala, Cala Gat e Son Moll offrono anche ampi tratti di sabbia per godere a fondo del sole, del mare e vari sport da spiaggia.

Tra le scogliere, si distinguono quelle del Capdepera ammiraglia, ma anche quelli di Cap Vermell, così chiamato per il colore rossastro.

EscursioneLe escursioni ad Capdepera
Capdepera offre alcuni sentieri ben segnalati ; schede informative con dettagli degli itinerari da seguire sono disponibili presso il centro di informazioni turistiche.
  • Di Capdepera alla tenura di S'Heretat.
  • Di Sa Font de Sa Cala a Coma de Sa Tortuga attraverso una zona naturale protetta.
  • Di Capdepera alla Talaia de Son Jaumell.
  • Del Porto alla Torre Esbucada, itinerario bordando il porto di Cala Rajada fino al Faro di Capdepera.
  • Visita della zona umida della Torrent de Canyamel e le Grotte di S'Ermita.

ConoscenzaStoria, geografia, arte, tradizioni, flora…

StoriaStoria
Il Trattato di Capdepera (Tractat de Capdepera / Tratado de Capdepera)
Nel giugno del 1231, due anni dopo la conquista di Maiorca, il re Jaume ho visitato il Capo di Pera, accompagnato da un corteo di cavalieri, con l'intenzione di conquistare il dell'isola di Minorca, ancora nelle mani dei Mori, per la Corona d'Aragona. Tuttavia Jaume bisogno di tutta la sua forza per la conquista di Valencia e ha rinunciato Menorca prendere con la forza. Egli ha preferito ricorrere ad uno stratagemma di intimidazione racconta nella sua cronaca, il “Llibre dels feits del rei en Jacme„ (“Libro degli Atti del re Giacomo„) :
“Quel giorno, al tramonto, abbiamo raggiunto il Capo di Pera, che è in vista di Minorca. Abbiamo chiamato tutte le nostre persone e le loro ordonnâmes illuminazione fuochi in più di 300 sedi nel sottobosco qua e là per dare l'impressione che un intero esercito accampato lì. E quando i Saraceni visto questo, hanno mandato due anziani imparano dai nostri messaggeri, e hanno detto loro che era l'esercito del Re Jaume, che si apprestava a invadere Minorca".

La delegazione per andare a Menorca per il colloquio è stata fatta del Maestro dei Templari di Maiorca, Fray Ramón de Serra, del Cavaliere Berenguer de Santa Eugenia e di Don Pere Maça, Signore di Sangarrén.

Fuochi, che potrebbero essere visti da Menorca sono stati ripetuti per diverse notti dal 12 al 17 giugno 1231, fino a che i Mori accettavano di firmare un trattato.

La città di Capdepera a Maiorca - Il trattato di Capdepera. Clicca per ingrandire l'immagine.Il trattato, noto come trattato di Capdepera è stato firmato 17 giugno 1231 a Torre d'en Miquel Nunis che fu poi incorporata nel castello di Capdepera. Il trattato di Capdepera è stato concluso tra il re Jaume I d'Aragona e il Qadi di Minorca (Manūrqa), Abu Abd Allah Muhammad ; ha permesso Mori per mantenere il loro dominio a Minorca soggette a riconoscere la sovranità della Corona d'Aragona, di pagare un tributo annuo in natura, e permettono di sollevare una volta l'anno, i colori del Regno di Aragona sul Castello di Medina Manūrqa (Ciutadella).

Tra i firmatari musulmani erano Abu Uthman Said ibn Hakam al-Qurashi che ha rovesciato Abu Abd Allah Muhammad da un colpo di stato nel 1234. Egli regnò fino alla sua morte in Minorca nel 1282.

Dopo la morte di Jaume I, il destinatario del tributo era Jaume II di Maiorca.

Il trattato è stato applicato fino alla conquista di Minorca nel 1287.

Il Trattato di Capdepera è considerato il più antico trattato di pace è mantenuta. L'originale del trattato è la Biblioteca Nazionale di Francia a Parigi.

Trattato di Capdepera tra Giacomo I d'Aragona ed i musulmani di Menorca, il 17 giugno 1231
In nomine creatoris Ego alfaqui aboabdille mafomet filius de alfaqui abolanca aly abineixem alcady et alcaid insulea minoricarum per me et per omnes senes et sapientes et per totum populum et habitatores insule supradicte, presentes et futuros habito concilio et volúntate omnium et presentibus alfaqui abolacan aly fratre meo et alfaqui aboacmen abenhacam et alfaqui aboabdille abenmomanna et alcaid abemodien abnalhaçan et alfaqui aboaly abenmoanna et aboabdille abenugaciç et abealbeç ibnap adulcarim et abulabez ibnabenxini et abuasmen abenxairon et haron abenresch et mucatrif abingagen et mahomad abingaqum et mahomad abenbaear et huçayn ibnalfi et mahomad abencaida et aly abenyahex concedimus et recipimus in dominum naturalem et propium vos dominum Iacobum regem aragonum et regni mayoricarum comitem barchinone et dominum montepesulani et heredes vestros tenentes regnum maioricarum et nos facientes vobis homagia fidelitates et iuramenta defeximus nos et renunciamus omnibus dominacionibus convenienciis et fidelitatibus et iuramentis que usque in hunc diem fecerimus alieui persone et per recognicionem dominationis vestre et fidelitatis qua vobis tenetur et tenebimur damus concedimus et liberamus vobis in presenti potestatem castri de minoricis ita quod signum vestrum sive vexillum ponatur per manus quinque personarum vestrarum in sumitate castri et clamatur alta voce ab ipsis personis vestris nomen et dominium vestrum et hoc facto reddatur castrum alfaqui qui mo do est ibi vel illi qui ibi erit substitutus per nos et per vos confirmatus quam potestatem promittimus vobis dare et liberare vel mandatario vestro sine contradicto singulis annis semel in anno quando cumque vos volueritis set ille persone reddito castro alfaqui ut dictum est statim repatriare teneantur. Ad mayorem etiam recognitionem vestre dominationis promittimus vobis et heredibus vestris uel mandatariis vestris dare singulis annis nonagentos almudinos ordei et centum tritici. In unoquoque scilicet almudino contineantur centum almudes de mut abohag quos persolvemus in festo sancti Iohannis mensis iunii de collecta uniuscuiusque anni et centum cabecas inter boves et vacas qui sint de duobus annis usque ad sex et trescentes cabecas inter capras et capronos et ducentes cabegas inter moltones et oves et duo quintaria de mantega et habest in quolibet quintario quatuor pesas et bestiarium detur nuncio vestro singulis annis in mense marcii in litore maris ante almudainam de portu minoricarum quibus traditis mandatario vestro ipse de cetero sus sumptibus et expensis custodiat supradicta.

Item promittimus vos et homines vestros et res eorum iuvare et deffendere bona fide toto posse contra omnes homines et facere pro vobis et pro mandato vestro pacem et guerram infra insulam nostram tamen nec recipiemus aliquem cursarium uel inimicum vestrum in terra uel mari. Item si aliquod lignum christianorem incurreret naufragium in insula minoricarum promittimus omnia bona illa colligere et servare et reddere domino suo vero uel vobis vobis nisi dominus verus inveniretur. Et si forte esset lignum sarracenorum bona illa possimus retinera et illa ponere in opere castri. Et eodem modo fiat si lignum nostrum de minoricis deveniret in aliquo loco dominacionis vestre. Item promittimus quod si captivus aliquis exiret uel fugeret de regno maioricarum et veniret ad minoricas quod rettamus illum nisi erit speciali de insula minoricarum set de alio loco non teneamur. Item omnes quintas lignorum hominum terre vestre concedimus vobis quod eas habeatis set de aliis hominibus qui non fuerint de dominacione vestra habeatis vos medietatem et nos aliam mediatatem ad opus castri. Que euinte colligantur per manum alfaqui qui est ibi modo et erit post ipsum.

Et nos Iacobus rex predictus per nos et nostros heredes et nostras homines promittimus vos omnes habitatores minoricarum et singulos defendere et salvare et omnia bona vestra in terra et mari. Et per gratiam specialem et honorem quam vobis volumus facere concedimus vobis quod nullus christianus uel ludeus possit habitaTe continue in insula minoricarum nisi esset de voluntate vestra. Et propter hoc concedimus et confirmamus pro alfaqui super vos in nostro loco venerabilem et legalem alfaqui qui modo est ibi nomine aboabdille abenixem ut sit alfaqui in tota vita sua. Et post obitum eius liceat vobis eligere alfaqui de vobis aliis quern volueritis et sint semper alfaqui et alcayd et alcadi et almoxariff de vobis. Et quando eligeritis alfaqui facialis nobis scire per vestrum nuncium et literas causa ut confirmemus ipsum. Et nos debemus mitere nuncium nostrum tunc qui accipiat iuramentum ab illo ut servet nobis omnia supradicta. Et si forte inter vos non eoncordabitis de eleccione nos possimus eligere per alcayd de unum de vobis et constituere cum consilio senium vestrorum.

Item concedimus et donamus vobis quod quandocumque aliquis uel aliqui vestrum venire volueritis in loco quolibet terre nostre causa negociandi sitis salvi et securi et franqui et liberi de pedatico et de leçda et de omni demands que possit fieri causa mercaterie. Item concedimus vobis quod quandocumque ligna sarracenorum causa negociandi venerint ad minoricas dum ibi in terra uel in portu fuerint non capiantur a nobis uel graventur nec ab hominibus nostris Sed exito de portu non teneamur inde. Item concedimus quod quilibet habitator minoricarum cum voluntate de alfaqui qui ibi fuerit possit se transfferre ad morandum ubi voluerit in terra sarracenorum uel christianorum. Et si venerit ad mayoricas quod sit de furo aliorum sarracenorum qui fuerint de illa partida in qua venerit. Item promittimus quod si eventu gencium uel inimicorum auxilium vobis fuerit necessarium quod quando vestrum nuncium habebimus succurems vobis et faciemus vobis auxilium et deffenderemus vos sicut nostros homines proprios. Et quandocumque illum nuncium vos destinare oporteruit pro sucursu exigendo et fuerit apud mayoricas quod ille qui teneat nostrum locum guidet illum et ducat illum ad nos salvum at securum. Denique promittimus quod si aliquis hominum nostrorum ceperit sarracenum habitatorem minoricarum uel in loco aliquo terra nostre de cetero fuerit captivatus redderemus illum absolutum et liberum cum omnibus rebus suis.

Io, il Alfaqui Aboabdille Mafomet, figlio di Alfaqui Abolança Aly Abineixem alcady Alcaid e l'isola di Minorca, a mio nome e per conto di tutti gli ex e gli studiosi, e per tutte le persone e gli abitanti del presente dell'isola suddetta e il futuro, e dopo aver preso consiglio con l'accordo di tutti, in presenza di mio fratello Ali Alfaqui Abolaçan di Alfaqui Aboaçmen Abenhacam di Valfaqui Aboabdille Abenmomanna di Alcaid Abemodien Abnalhaçan di Alfaqui Aboali Abenmoanna, di Aboabdille Abenugaçic, di Abealbeç ibnap Adulcarim, di Abulabez Ibnabenxini, di Abuasmen Abenxairon (più altri sette nomi), accetta di ricevere, Giacomo Signore, re di Aragona e il regno di Maiorca, conte di Barcellona e Signore di Montpellier, e la vostra titolari eredi del regno di Maiorca, come Lord naturale e corretto. A pagamento si omaggi e giuramenti di fedeltà, abbiamo disfare e decliniamo ogni regola, accordo, e giuramento di lealtà che abbiamo potuto prestare fino ad oggi nessuno. In riconoscimento del suo dominio e lealtà a cui si sono tenuti, vi diamo, e ora concediamo fornire potestas Castello di Menorca, in modo che il vostro segno o un banner verranno posizionati nelle mani di cinque del La gente nel punto più alto del castello, e saranno proclamati a voce alta dalle stesse persone il tuo nome e il dominio, e che è, che il castello è fatto per Alfaqui trovato lì ora, o chi Ci saranno confermati da voi per il nostro sito. Questo potestas, ci promettono di dare e fornire a voi o il vostro agente, senza opposizione, una volta all'anno, quando vuoi, ma queste persone sono tenuti a segnalare immediatamente al castello e Alfaqui è stato detto. Per un migliore riconoscimento del vostro dominio, promettiamo di dare ulteriore anno a te e ai tuoi successori 900 almuts orzo e frumento… 100 centinaio di capi di bestiame e vacche da due a sei anni trecento capre, duecento pecore e pecore e due quintali di burro…

Vi promettiamo anche difendere te e il tuo popolo e la loro proprietà in buona fede e con tutto il nostro potere contro ogni uomo, e il nostro nome e la tua pace dell'ordine e della guerra nella nostra isola, senza ricevere né Corsair nemico a voi su terra e mare Se una nave cristiana naufraga sull'isola di Minorca, ci impegniamo a raccogliere e conservare la proprietà che avrebbe trovato e rendere il suo proprietario e, anche se si esso non può essere identificato. Se si tratta di una nave musulmana, siamo in grado di mantenere la proprietà e la usiamo per il lavoro del castello. E lui va lo stesso per le navi a Minorca mette il dominio. Promettiamo anche che se qualsiasi lotto o prigioniero fugge il regno di Maiorca e Minorca arriva, ce la faremo a meno che non è un nativo di Minorca. Allo stesso modo ammettere che si hanno i vasi Quintas appartenenti agli uomini della vostra terra, ma per quanto riguarda gli uomini che non appartengono al dominio, che si ha la metà, e l'altro per noi lavori del castello. Questi Quintas vengono percepiti attraverso l'ufficio Alfaqui.

E noi, il suddetto re Giacomo, per noi, i nostri eredi e dei nostri uomini, noi promettiamo ognuno degli abitanti di Minorca per difendere se stessi e la vostra proprietà e di tutta la terra e il mare, e da speciali grazia e onore noi vogliamo che tu faccia, non cristiano o Ebreo non possono risiedere ininterrottamente nell'isola di Minorca altrimenti con il vostro consenso. E a causa di questo ci concediamo e confermiamo come Alfaqui con autorità su di voi al nostro posto, il Alfaqui venerabile e giuridico attualmente esistente denominato Aboabdille Abenixem essere Alfaqui sua vita. E dopo la sua morte, che si essere consentito di scegliere da voi Alfaqui si desidera, e il Alfaqui il Alcaid, al-Qadi e almoxerif sempre essere presa da voi. E quando si sceglie un Alfaqui, tu sai abbiamo inviato una lettera, in modo che lo confermiamo. Vi invieremo un inviato che riceve il suo giuramento ad osservare tutte le cose di cui sopra. E se è successo che non ti accordiez su questa scelta, possiamo scegliere uno di voi a Alcaid e stabilire un accordo con il tuo ex.

Concediamo a voi e vi diamo inoltre che quando uno o alcuni di voi vogliono venire in ogni luogo della nostra terra per fare affari, sei il suono, sicuro e libero da qualsiasi leude pedaggio e qualsiasi domanda dovuto al commercio. Ci concediamo anche che quando le navi saracene vengono a Minorca al commercio, non sono catturati da noi o in terra o in porto, o dai nostri uomini, senza impegno per noi Una volta fuori dal porto. Noi concediamo che ogni abitante di Minorca con l'accordo dei dazi Yalfaqui, può essere trasferito ad abitare dove vuole nella terra dei Saraceni e Cristiani. E se viene a Maiorca, che in virtù del diritto (fuero) altro Saraceni, che sarà nella regione da dove viene. Infine, promettiamo che se qualcuno vuole i nostri uomini abitanti di Minorca un saraceno o se qualsiasi prigioniero ovunque la nostra terra, ci sarà lui la sua libertà con tutti i suoi averi fare.

Datum apud capud Petre. XV kls. iulii, anno Domini Millesimo CC tricesimo primo.

Signum Iacobi Dei gratia regis aragonum et regni mayoricarum, comitis Barellinone et domini Montispesulani.

Huius rei testes sunt : F. prepositus tarrachonensis ; frater R. de Serra, comendator domus Templi Mayoricarum ; frater R. de Pelarrava ; frater Bn. de Altaripa ; B. de Sancta Eugenia ; B. de Foxa ; Cainarius ; G. R. de Pavo ; Assalitus de Guai ; Sancius de Orta ; P. Maca ; Garcia de Orta ; Dompnus Ladro ; Lupus Ex. de Lucia.

Signum Guilelmi Scribe qui mandato domini regis et predietorum sarracenorum liane cartam scribi fecit loco die et anno prefixis.

Signum Petri Mercerii notarii publici Maioricarum, testis. Signum Michelis Rotlandi notar publici Maoricarum testis.

Nos Poncius Dei gratis maioricensis episcopus notum facimus universes hoc presens transcriptum sive transsumptum fuisse sumptum per manum lacobi Mercerii publici Maioricarum notarii de quodam instrumento sigillato sigillo dependenti bone memorie domini lacobi Dei gratia regis aragonum et secundum morem morem et formam qui et que consuevit servari in civitate Maioricarum in transcrìbendo instrumentis de suis origenalibus et quod tanta fides consuevit adhiberi sumptis seu transcriptis sicut origenalibus suis. dum cum sint scripta et transcripta secundum dictum morem et secundum sollempnitatem per quam presens transcriptum de dicto orìgenali et quod Petrus Mercerii et Michelis Rotlandi de quibus in presenti causa fit mentìo et in ipsa subsignantur et etiam Iacobus Mercerii qui hoc transcriptum scripsit et etiam subsignavit erant et (fuerunt) notarii publici Maioricarum et officio notaris publice utebantur anno et die quibus subscripserunt et subsignaverunt, in quorum testimonium nostrum sìgillum cereum presenti carte seu transcripto duximus apendendum.

Signum Iacobi Mercerii notarii publici Maioricarum qui hoc translatum scripsit et cum originali instrumento comprobavit et clausit XVIII° kalendas marcii anno Domìni Millesimo CC° LXXX° primo eum raso et emendato in lines XIIII ubi dicitur pro et in linea XVIII ubi dicitur Minoricas.

Dato Capdepera 15 calende di luglio, l'anno del Signore 1231. Signum di Giacomo per la grazia di Dio, re di Aragona e il regno di Maiorca, conte di Barcellona e Signore di Montpellier.

Testimone di questo atto : F. Preposito Tarragona ; Fratello R. Serra comandante della casa del Tempio di Maiorca ; Fratello di R. Pelarrava ; Fratello B. Altaripa ; B. Sancta Eugenia ; B. Foxa ; Cainarius ; GR Pavo ; Assalitus di Gudal ; Sancius Orta ; P. Maca ; Garcia de Orta ; Domnus Ladro ; Lupus Ex Lucia. Signum Guillem Scriba, che per ordine del re e dei suddetti Saraceni ha fatto scrivere questa Carta nel luogo, giorno e anno sopra indicato.

Miquel Barceló, “El tractat de Capdepera de 17 de juny de 1231 entre Jaume I i Abu 'Abd Allah Muhammad de Manûrqa.Sobre la funcion social i politica dels fuqahâ' " in Sobre Mayùrqa, Quaderns de Ca la Gran Cristiana /2-1984, Palma de Mallorca, 1984, p. 82-84 (originale : BN Parigi, Ms. Latino 9261).

Traduzione in Nazione d'islam e mondo latino. Xe-XIII secolo. Testi e documenti, UMR 5648, Lione 2000 doc.70

Altri temiAltri temi

Filiazione dell'argomento
Isole Baleari > Maiorca > Contea del Llevant > Capdepera
Argomenti più dettagliate
La città di Capdepera a Maiorca - Il castello
Il villaggio di Cala Mesquida a Maiorca
Il villaggio di Cala Rajada (Cala Ratjada) a Maiorca
Il villaggio di Canyamel a Maiorca
Argomenti vicini
La città di Artà a Maiorca
Il parco naturale della penisola del Llevant a Maiorca
La città di Capdepera a Maiorca
La città di Son Servera a Maiorca
La città di Sant Llorenç des Cardassar a Maiorca
La città di Manacor a Maiorca
Argomenti più ampi
Inizio
Mappa interattiva dell'isola di Maiorca
L'isola di Maiorca - Brochure OET
L'isola di Maiorca - Brochure delle escursioni
L'isola di Maiorca - Brochure delle strade dell'artigianato
L'isola di Maiorca - Brochure gastronomia
L'isola di Maiorca - Mappa di transito
L'isola di Maiorca nelle isole Baleari - Storia
La contea di Palma di Maiorca
La contea della Serra de Tramuntana a Maiorca
La contea del Raiguer a Maiorca
La contea della Pianura di Maiorca (Pla de Mallorca / Llanura de Mallorca)
La contea del Levante (Llevant) a Maiorca
La contea del Mezzogiorno (Migjorn) a Maiorca
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.