AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, premete su questo legame per fare apparire i frammenti.
Ricerca personalizzata

La città di Inca a Maiorca

[Argomento precedente] [Argomento sopra] [Argomento seguente] [Minorca] [Maiorca] [Ibiza] [Formentera] [Cabrera] [Accoglienza] [Site Home] [Via Gallica]
Rubriche[Foto] [Presentazione] [Situazione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
Inca è una città industriale situata nella pianura dell'isola di Maiorca ; con una popolazione di circa 30.000 abitanti, la città di Inca è la terza più grande città sull'isola dopo Palma e Manacor. Amministrativamente Inca fa parte della Contea del Raiguer di cui è la città principale e - ufficiosamente - la capitale.

Inca è una città industriale la cui specialità è l'industria del cuoio, in particolare la scarpa. La città è abbastanza noioso e poco attraente per il turismo ; si anima un po 'il giovedi, giorno di mercato, e per la del Fiera Buona giovedi (Dijous Bo), quando orde di turisti che vengono scaricati da allenatori agenzie di viaggio.

EtimologiaEtimologia e toponomastica
Il toponimo di Inca sembra derivare dal nome della località sotto l'occupazione moresca, “Inkan„. Inkan significherebbe “collina„ in lingua berbera. Inca era allora la sede di uno dei dodici distretti della Maiorca musulmana, la “Juz„ di Inkan, che comprendeva Inca, Mancor de la Vall, Selva, Campanet, Búger e Sa Pobla. Inkan aveva un mercato e una moschea.

SituazioneSituazione

MeteorologiaMeteo e previsioni
La città di Inca é situata nel centro ovest dell'isola di Maiorca, ai piedi della montagna della Serra de Tramuntana. L'altitudine media del comune è di 130 m.

La città di Inca a Maiorca - Scudo della città (autore Joan M. Boras) - Clicca per ingrandire l'immagineLa città è quasi a metà strada tra Palma di Maiorca, a 35 km a sud ovest (circa 30 minuti in auto) e Alcúdia, 24 km a nord-est.

La città di Inca confina con i comuni di Binissalem, Lloseta, Selva, Campanet, Buger, Sa Pobla, Llubí, Sineu, Costitx e Sencelles.

VisiteVisite

La città di Inca a Maiorca - Inca vista da Santa Magdalena - Clicca per ingrandire l'immagineI viaggiatori che transitano da Palma a Alcúdia dall'autostrada Ma-13 non sono affatto tentati di fare una deviazione da inca per visitare la città : Inca appare come una città tentacolare, industriosa e polverosa, bloccata dalla circolazione automobile.

La città non ha, infatti, un gran numero di monumenti storici ; tuttavia, ha, negli ultimi anni, gli sforzi per evidenziare il suo centro storico, che vieta il traffico in alcune strade e la ristrutturazione di vecchie case. Questo permette piacevoli passeggiate lungo il Carrer Major alla Plaça de Santa Maria la Major, dove si trova la chiesa parrocchiale omonima, ma anche alcune terrazze dei caffè abbastanza tranquilla.

Il centro storico ha anche un paio di palazzi, facilmente riconoscibili dai loro archi in ingresso in pietra. È anche in questa zona che possiamo scoprire i “cellers„, ristoranti tipici, situati in antiche cantine, che propongono una cucina tradizionale di Maiorca.

ChiesaLa Chiesa di Santa Maria Maggiore (Església de Santa Maria la Major / Iglesia de Santa Maria la Mayor)
La città di Inca a Maiorca - La chiesa di Santa Maria Maggiore (autrice Maria Rosa Ferré) - Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia)La chiesa parrocchiale di Santa Maria Maggiore di Inca è stata costruita dal XVIII al XIX secolo, per sostituire la precedente chiesa di Santa Maria demolita nel 1706. La prima chiesa di Santa Maria è stata costruita su questo sito nel XIII secolo, dal 1248, poco dopo la conquista catalana dell'isola di Majorca nel 1229 ; la chiesa fu costruita sul luogo della moschea che esisteva in Inca durante l'occupazione musulmana. Una seconda chiesa fu costruita nella seconda metà del XVI secolo al XVII secolo.

La costruzione della chiesa attuale di Santa Maria Maggiore durò oltre 180 anni e fu completata soltanto nel 1893 ; il suo architetto fu Maestro Jaume Blanquer.

La chiesa di Santa Maria la Major è una chiesa di stile barocco di Maiorca tipico, con una facciata piuttosto sobria, trafitto con una rosa e aperto da un cancello in stile neoclassico, senza decorazione, sormontato da un secondo oculo minore. Sul lato destro si erge il campanile, risalente al XVI e XVII secolo, si affaccia sulla Plaza de Santa Maria la Major delimitato da un'elegante galleria.

L'interno della chiesa conserva numerose opere, tra cui una pittura gotica su pannello che rappresenta la Vergine, opera del XIV secolo da Joan Daurer (1373). Questa pittura - la più vecchia pittura di Maiorca - è visibile vicino al battistero.

Altra opera notevole è la statua di Santa Maria Maggiore, scolpita dallo scultore piccardo Pierre de Saint-Jean (Pere de Sant Joan), alla fine del XIV secolo o all'inizio del XV secolo.

Si possono anche vedere pale di altare notevoli del Rinascimento : la pala di altare del “Nome di Gesù„ (retaule del Nom de Jesús) di 1587, opera di Gaspar Homs, e la pala di “San Pietro„ (retaule de Sant Pere) dal XVI e il XVII secolo ; e pale d'altare barocche : la pala d'altare del “Santo Cristo„ (retaule de Sant Crist) del 1667 e la pala di “San Sebastiano„ (retaule de Sant Sebastià) del XVII secolo.

MonasteroMonastero di San Francesco (Claustre de Sant Francesc / Convento de San Francisco)
La costruzione del convento francescano di Inca iniziata nella prima metà del XIV secolo, ma gli edifici attuali - di stile barocco - risalente alla fine del Settecento e gli inizi dell'Ottocento.

Il chiostro del monastero è quadrato ; è circondato da un portico di sette archi in pieno curva sui quattro lati ; in mezzo al chiostro si trova un pozzo di stile barocco del XVIII secolo (1747).

La chiesa di Sant Francesc è un edificio allo stile spogliato, con solo una facciata ornata da un grande rosone e di grandi volute al vertice. L'interno è a navata unica divisa in sei sezioni, con cappelle laterali.

La chiesa contiene un tesoro : una statua della “Madonna della Grazie„ del XVI secolo dallo scultore e pittore Gabriel Moger, la Mare de Déu de Gràcia. È anche possibile vedere una pala d'altare rinascimentale, la pala d'altare della “Immacolata Concezione„ (retaule de la Puríssima Concepció) dei secoli XVI e XVII, così come una somiglianza della “Madonna della Speranza„ (Mare de Déu de l’Esperança) del XVII secolo.

Il monastero di Sant Francesc si trova a sud della chiesa di Santa Maria Maggiore alla fine della Carrer de Sant Francesc, tra la Carrer del Vent e la Carrer Blanquerna.

MonasteroMonastero di San Domenico (Convent de Sant Domingo / Convento de Santo Domingo)
La città di Inca a Maiorca - Il monastero domenicano (autore kaerukh) - Clicca per ingrandire l'immagine in Panoramio (nuova unghia)Il monastero domenicano fu fondato a Inca agli inizi del XVII secolo, nel 1604. Gli edifici sono nello stile barocco dell'epoca, ma è un barocco molto spoglio ; e la facciata della chiesa di Sant Domingo, costruita 1664-1689 è quasi liscia, senza i soliti ornamenti barocchi come statue, ma solo con un rosone gotico ; la porta è fiancheggiata da due lesene scanalate con capitelli ionici, che sostengono una trabeazione sormontata da una nicchia ; in questa nicchia è una statua della Vergine Maria che dà il rosario a San Domenico.

L'interno è a navata unica divisa in cinque sezioni e coperta con volta a botte, con abside rettangolare e laterale in ciascuna sezione delle cappelle della navata ; queste cappelle, archi aperti e coperti da volte a botte, contengono opere d'arte di grande valore :

  • la Cappella del Rosario (Capella del Roser), la cui costruzione iniziò nel 1666, è la quinta cappella a sinistra entrando ; è coperta con volta a botte. La Cappella del Rosario contiene una notevole pala d'altare barocca, anche se un po 'sovraccarica angeli, fiori e frutti ; la pala della “Madonna del Rosario„ risale al XVI secolo e proviene dalla parrocchia di Santa Maria Maggiore. È l'opera di Gaspar Homs, uno dei più importanti pittori del Quattrocento maiorchino, che può essere definito come manierista. Il pannello centrale della pala d'altare raffigurante la Vergine Maria dando il rosario a San Domenico e Santa Caterina da Siena ; attorno al tavolo centrale vengono visualizzati i quindici misteri del rosario. Nella parte centrale del vertice, vediamo la figura di Dio Padre circondato da nuvole e lo Spirito Santo rappresentato da una colomba. Interessanti colonne tortili decorate con uva e foglie di vite incorniciano l'immagine del santo predicatore. Ai lati, ci sono immagini di San Bartolomeo (con il simbolo del suo martirio il coltello con il quale è stato scorticato vivo), e San Matteo, anche con una lancia che simboleggia il suo martirio. Nella parte superiore dell'altare è la figura di Santa Barbara, incorniciato da piccole colonne tortili, colorato, pieno di fiori e frutta. Nella predella, possiamo vedere, in mezzo, l'apparizione della Vergine Maria a San Domenico e ai lati, San Abdon e Santo Senén, i santi patroni della città di Inca, e San Cristoforo con il Bambino Gesù.
  • la cappella di San Vincenzo Ferrer (Capella de Sant Vicenç Ferrer) - la terza cappella a sinistra appena si entra - è decorata con una pala d'altare del 1676, anche in stile barocco. Il pannello centrale della Pala mostra il fratello Vicenç Ferrer in vestito domenicano che predica ad Inca ; Vincenzo Ferrer aveva consegnato quattro prediche ad Inca nel mese di ottobre 1413.
  • un altra pala di altare barocca è la pala di altare delle Anime (retaule de les Ànimes), del XVII secolo. La pala d'altare delle anime, più piccole rispetto alle prime due, è nella prima cappella a destra. Nella nicchia centrale è un Santo Cristo, e sui lati, le immagini di San Cosma e San Damiano e, soprattutto, un santo domenicano. In una piccola conca della predella, vi è una scultura della Pietà, scultura policroma della fine del XVII secolo.

La città di Inca a Maiorca - Il monastero domenicano (autore kaerukh) - Clicca per ingrandire l'immagine in Panoramio (nuova unghia)Accanto alla chiesa di Sant Domingo è il chiostro, costruito nella prima metà del XVIII secolo (1730). Questo splendido chiostro è quadrato, con sui quattro lati delle gallerie chiuse da sette archi appiattiti, in impugnature di canestro, sostenuto su colonne di pietra a capitali ionici. Le quattro gallerie sono coperte da un soffitto con travi a vista, con, ad ogni angolo, una volta di bordo.

Nel 1835, i Domenicani furono espulsi dal governo anticlericale del massone Mendizabal. Da quella data, il Monastero di Sant Domènec sperimentato vari usi : è stato utilizzato come prigione, e l'elegante chiostro è stato anche utilizzato come arena per corride. Oggi ospita i servizi comunali, la biblioteca pubblica ed una sala d'esposizione.

Il monastero di Sant Domingo è all'inizio degli Avinguda de les Germanies.

MonasteroIl monastero di San Bartolomeo (Convent de Sant Bartomeu / Convento de San Bartolomé)
Il convento de Sant Bartomeu sorge su una collina alla periferia nord-ovest della città di Inca : dalla chiesa di Santa Maria Maggiore semplicemente montare il Carrer de Sa Font, quindi Carrer des Monges (via delle religiose) ; Il monastero si trova dopo 500 metri, in cima alla Carrer des Monges al numero 129.

La città di Inca a Maiorca - Pozzo del chiostro del monastero di San Bartolomeo (autore Kaerukh) - Clicca per ingrandire l'immagineIl monastero di San Bartolomeo appartiene all'Ordine degli Eremiti di S. Girolamo, ed è stata fondata agli inizi del XVI secolo, nel 1534. Gli edifici attuali risalgono alla fine del XVII secolo (1667-1702) e sono nello stile barocco dell'epoca. Il portale con arco a tutto sesto dà accesso ad un elegante chiostro con un vecchio bagolaro e un pozzo. La chiesa è a navata unica divisa in quattro sezioni, e piccole cappelle laterali. Il monastero dispone anche di un ampio giardino.

Il piccolo museo del monastero di San Bartolomeo conserva importanti opere d'arte : il “Santo Cristo del Sangue„ (Sant Crist de la Sang), del XIV secolo o del XV secolo ; le pale d'altare barocche della “Madonna della candela„ (retaule de la Mare de Déu del Candeler) e la “Sacra Famiglia„ (retaule de la Sagrada Família) del XVII secolo ; due tavole gotiche di Pere Terrencs del XV secolo e preziosi dipinti da Llopis e figlio, del XVI secolo.

Le suore (Monges de Sant Jeroni), ora numerazione quindici, sono monache contemplative ; producono i migliori “congrets„ biscotti tipici di farina, zucchero e uova.
Il Memorial di Sa Pota del Rei
La città di Inca a Maiorca - Sa Pota del Rei (autore selvatgi) - Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia)Il memoriale di Sa Pota del Rei (la gamba [del cavallo] del re) commemora la storia della conquista di Maiorca, menzionato nel “Llibre dels fets„ (libro dei fatti), l'autobiografia di Jaume I.

Un gruppo di Mori, guidati dal loro capo di nome Xuaip, erano trincerati tra le montagne della Serra de Tramuntana e terrorizzato i nuovi coloni cristiani attorno ad Inca. Il Re Jaume I il Conquistatore venne personalmente a risolvere il problema ; ma, seguendo un gruppo di questi predoni, il cavallo del re scivolò sulla roccia bagnata e lasciò una scanalatura sotto forma di zoccolo. Il re si rettificò subito e tagliò in parti i predoni, di cui è detto che i più grandi pezzi che ne restarono erano gli orecchi.

Esso può essere visto sulla roccia vicino al memoriale, una traccia come il segno di zoccolo di un cavallo. Abbiamo raggiunto il memoriale continua Carrer des Monges dopo il monastero di San Bartolomeo, poi girare a destra in Carrer dels Molins (Via dei Mulini) ; Il memoriale di Sa Pota del Rei si trova alla fine della strada, nel parco pubblico del Serral de ses Monges.

Il sito offre una splendida vista della Serra de Tramuntana.

CappellaOratorio di Santa Maddalena (Ermita de Santa Magdalena)
La città di Inca a Maiorca - La cappella di Santa Magdalena - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)La cappella di Santa Maddalena è una piccola cappella medievale sulla cima del Puig de Santa Magdalena, a volte chiamato Puig d'Inca, situato a 6 km a nord est di Inca.

La città di Inca a Maiorca - La cappella di Santa Magdalena - Clicca per ingrandire l'immaginePer raggiungere la cappella di Santa Maddalena dal Inca, si può prendere la strada di Ma-13 verso Alcúdia, poi girare a destra lungo una stradina che sale fino alla cima della collina a 305 m di altitudine.

La costruzione della Ermita de Santa Magdalena risale al XIV secolo ; l'edificio originale era gotica, ma è stata ricostruita ed ampliata da. Ha una facciata molto semplice con un arco a tutto sesto portale e un rosone ; la facciata è sormontata da un campanile. All'interno, la navata centrale è divisa in quattro sezioni da archi diaframma ; la navata centrale è coperta da un soffitto a cassettoni in legno.

La città di Inca a Maiorca - Azulejo dell'eremo di Santa Magdalena - Clicca per ingrandire l'immagineSanta Magdalena è un importante luogo di pellegrinaggio annuale che si svolge la Domenica dopo Pasqua, chiamato a Mallorca “Diumenge de l'Àngel„ (domenica dell'angelo). La Ermita ha un ospizio per i pellegrini.

La città di Inca a Maiorca - Campanet e Búger visti da Santa Magdalena - Clicca per ingrandire l'immagineLa terrazza della parte superiore del Puig de Santa Magdalena offre una vista panoramica di quasi tutta l'isola :

  • La città di Inca a Maiorca - Inca vista da Santa Magdalena - Clicca per ingrandire l'immagineal nord, la vista si estende fino alle baie di Alcúdia e di Pollença ;
  • all'ovest, sulla Serra de Tramuntana ;
  • al sud-ovest dal ristorante, il monte domina la città di Inca ;
  • solo la vista ad est è ostacolata dagli edifici dell'oratoria e la vegetazione.

ConoscenzaStoria, geografia, arte, tradizioni, flora…

StoriaStoria
Al tempo dell'Impero Romano, Inca era una città di tappa importante sulla grande strada che collega le due principali colonie dell'isola di Maiorca : Pollentia, al nord-est, vicino l'attuale città di Alcúdia e Palmera, al sud-ovest, oggi Palma.
Dopo l'invasione araba nel 902, Inca divenne un importante centro commerciale e la capitale di un distretto.

Inca conobbe un importante sviluppo industriale e commerciale nel XIX secolo, in particolare con lo sviluppo del settore calzaturiero.

ArtigianatoArtigianato
La città di Inca a Maiorca - Il memoriale dei ciabattini - Clicca per ingrandire l'immagine
L'industria calzaturiera
La regione del Raiguer, Alaro, Lloseta, Selva, ma soprattutto Inca, è il centro della scarpa e della pelletteria a Mallorca. Questa tradizione di cuoio lavorano risale ai primi anni della conquista di Maiorca : i primi laboratori sono stati creati nella regione Inca dal 1240.

Nel XIV secolo, due tipi di laboratori coabitavano e si completavano, quelli dei conciatori che trasformavano le pelli gregge di cuoio trattato e tinto, e quelli dei ciabattini che fabbricavano le scarpe. Dal XVI secolo, però, nasconde meglio ha cominciato ad essere importati dal Nuovo Mondo, e molti conciatori hanno dovuto interrompere la loro attività. Nel XVII secolo, nel 1652, un focolaio di peste bubbonica colpì la città di Inca, 2.000 persone sono morte nel 5000 pochi mesi ; è stato un duro colpo per il mestiere di scarpa.

Non è stato fino alla metà del XIX secolo che la fabbricazione di scarpe conobbe una rinascita e diventò una vera industria, grazie alla razionalizzazione delle tecniche ed alla meccanizzazione della fabbricazione, in particolare con l'uso di macchine a vapore ; ma queste trasformazioni misero alla disoccupazione numerosi ciabattini.

L'arrivo della ferrovia a Inca nel 1875, ha facilitato la spedizione di una maggiore produzione di Palma, dove è stato poi esportato nella penisola e nelle colonie. La perdita di queste colonie, dopo la guerra con gli Stati Uniti nel 1898, ha colpito duramente il commercio di scarpe, e ci volle del tempo prima che i nuovi mercati sono stati trovati in Europa.

Inca possiede un museo della scarpa, installato in una vecchia caserma della città, situata dell'altro lato della ferrovia, Avinguda del General Luque, sulla sinistra della strada dopo essere passati sotto il ponte della ferrovia. Si può vedere un'esposizione di macchine e di oggetti legati all'industria calzaturiera. Nei centri si trova un memoriale dedicato ai ciabattini di Inca.

InformazioniInformazioni pratiche

Ufficio di turismoL'Ufficio di Turismo
L'ufficio turistico Inca si trova al piano terra del Municipio (Ajuntament).

Indirizzo : Plaça d'Espanya, 1

Telefono : 00 34 971 880 105

MercatoMercato e Fiera di Inca
Il mercato del giovedi in Inca è uno dei più immagazzinati dell'isola di Maiorca, con il mercato Mercoledì a Sineu. Il Mercat si svolge nelle vie del centro. Vi si trovano i prodotti agricoli ed artigianali della regione del Raiguer (pelletteria…), ma anche - sempre più - oggetti ricordo, chincaglieria e altri gingilli alle folle sversati auto agenzie di viaggio per l'opportunità di mercato.

La Fiera di Inca (Fira d'Inca) si tiene una volta l'anno, il giorno di “Dijous Bo„ (Buono Giovedì), il quarto giovedi dopo la Domenica dopo la festa di San Luca (18 ottobre)… in generale il terzo giovedì di novembre. La vigilia di Dijous Bo avviene il Dimecres Bo (Buono Mercoledì), in cui si tengono concerti e altri eventi culturali e di festa, e si conclude con uno spettacolo pirotecnico. La Fira di Inca attira più di 100.000 visitatori.

NegozioI negozi
Molti produttori di scarpe, installati nella regione Inca dal XIX secolo, hanno negozi a Inca o negozi di fabbriche alla periferia della città. La scelta degli articoli è interessante, ma i prezzi nei negozi non sono molto inferiori a quelli di Palma ; i prezzi sono più interessanti nei depositi di fabbrica.

Camper, una marca di scarpe di Maiorca conosciuto a livello internazionale ha un negozio di fabbrica nella zona industriale :

Indirizzo : Poligon Industrial s / n

Orario : dalle ore 10 alle ore 20:30, dal lunedì al sabato

Telefono : 00 34 902 364 598

Sito sul web : www.camper.com

Farrutx :

Indirizzo : Poligon Industrial, 2

Telefono : 00 34 971 659 289

Sito sul web : www.farrutx.com

Ballco : Indirizzo : Carrer de Vicente Ensenat, 87 ; Telefono : 00 34 971 500 810 ; Sito sul web : www.ballco.com

Barrats : Indirizzo : Avinguda del General Luque, 480 ; Telefono : 00 34 971 500 803 ; Sito sul web : www.barrats1890.com

Carmina : Indirizzo : Avinguda de Jaume II s / n ; Telefono : 00 34 971 880 938 ; Sito sul web : www.carminashoemaker.com

Lottusse : Indirizzo : Avinguda de Jaume II s / n ; Telefono : 00 34 971 507 988 ; Sito sul web : www.lottusse.com

Munper : Indirizzo : Avinguda de Jaume II s / n ; Telefono : 00 34 971 881 000 ; Sito sul web : www.munper.com

Yanko : Indirizzo : Carrer de Binissalem, 51 ; Telefono : 00 34 971 507 595 ; Sito sul web : www.yanko.com

TrenoTrasporti ferroviari
Inca è ben servita dal sistema ferroviario : treni che collegano Palma a Manacor o Sa Pobla fare una sosta ad Inca.

Partenze : un treno ogni ora da Palma a Inca ; Un treno ogni ora da Inca a Manacor e Inca a Sa Pobla

Prezzo : andare semplice per Palma, a circa 5 €

Telefono : 00 34 971 752 245

PullmanAutotrasporto
Una piccola stazione degli autobus si trova di fronte alla stazione ferroviaria. Molte linee di autobus che collegano Palma a Alcúdia, Cala Millor o Pollença fare una sosta a Inca.
RistoranteRistoranti
Le Cantine (Cellers)
Inca è famosa per le sue cantine (Cellers), dove i vini erano alti nel momento in cui la regione produceva vino dal XVII secolo al XIX secolo ; ma l'epidemia di fillossera distrusse la vigna alla fine del del XIX secolo, e i cellers furono trasformati in ristoranti.
Della loro funzione d'origine i cellers hanno conservato alcune caratteristiche : sono generalmente cantine in scantinato - per conservare il vino a temperatura fresca e costante - glasse di un alto soffitto alle travi a vista e fornite di grandi barili, in legno d'ulivo e sonato di quercia, che fungono oggi da decorazione.

I cellers, situati in alcuni degli edifici più antichi della città, che serve piatti tradizionali di Maiorca come “sopes mallorquines„ (zuppe di Maiorca), il “tombet„ (una tipo di ratatouille) e “gató d'ametlles„ (dolce alle mandorle).

Celler Can Ripoll
La Can Ripoll è l'ex residenza della famiglia Ripoll, ricchi proprietari terrieri e proprietari di vigneti di Inca ; l'edificio, in stile barocco, risale al XVII secolo, ma fu ricostruita nel XVIII secolo. Ha una torre e una grondaia intagliato.

Accanto alla Can Ripoll è il Celler Can Ripoll, che era la cantina del palazzo ; è una cantina immensa coperta di un alto soffitto di travi che riposano su arcate di pietra in piena curva. La cantina è abbastanza profonda ed occorre scendere una scala per raggiungere la sala del ristorante ; questa sala dispone di tavole rustiche in legno, disposte dinanzi a barili giganteschi di quercia che sono presunti avere oltre 200 anni. La cantina dispone anche di una terrazza nel cortile.

I pasti sono abbondanti e preparate con prodotti freschi dal mercato ; i piatti sono della cucina tradizionale di Maiorca : maialino da latte, cervella di agnello, pesce fresco, melanzane, zuppa di fagioli, paella e tapas corso.

Il Celler Can Ripoll si trova nel centro della città, ad ovest della chiesa di Santa Maria Maggiore, Carrer de Jaume Armengol, al numero 4.

Orario : dal lunedì al sabato, dalle ore 09:30 alle ore 16 e dalle 19:30 alle 23:30.

Prezzo : dai 20 ai 25 €.

Telefono : 00 34 971 500 024

Celler Sa Travessa
Questa cantina cinquecentesca è nella stessa categoria come il Celler Can Ripoll. A destra della porta d'entrata si trova l'unica finestra Rinascimento conservato nelle vie di Inca. Una scala permette di scendere nella cantina alle travi a vista e decorata di barili di vino.

Indirizzo : Carrer de la Pau, 16

Orario : dal lunedì al giovedi, dalle ore 12:30 alle ore 16 e dalle 19 alle 23.

Prezzo : da 20 a 30 €.

Telefono : 00 34 971 500 049

Celler Can Amer
Questa cantina è installata nella cantina del vecchio palazzo privato della famiglia Amer. La sala da pranzo è circondato da grandi botti di vino e coperto con travi sostenute da solidi pilastri di pietra arenaria.

Specialità : maialino, spalla d'agnello farcita di melanzana e di sobrasada, candito di merluzzo all'olio d'oliva.

Indirizzo : Carrer de la Pau, 39

Orario : lunedì a venerdì, dalle ore 13 alle ore 16 e dalle ore 19:30 alle ore 23.

Prezzo ; circa 25 o 30 €.

Telefono : 00 34 971 501 261

Sito sul web : www.celler-canamer.es

Altri temiAltri temi

Filiazione dell'argomento
Isole Baleari > Maiorca > Contea del Raiguer > Inca
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
La città di Alcúdia a Maiorca
La città di Selva a Maiorca
La città di Campanet a Maiorca
La città di Búger a Maiorca
La città di Sa Pobla a Maiorca
La città di Inca a Maiorca
La città di Binissalem a Maiorca
La città di Alaró a Maiorca
Argomenti più ampi
Accoglienza
Mappa interattiva dell'isola di Maiorca
L'isola di Maiorca - Brochure OET
L'isola di Maiorca - Brochure delle escursioni
L'isola di Maiorca - Brochure delle strade dell'artigianato
L'isola di Maiorca - Brochure gastronomia
L'isola di Maiorca - Mappa di transito
L'isola di Maiorca nelle isole Baleari - Storia
La contea di Palma di Maiorca
La contea della Serra de Tramuntana a Maiorca
La contea del Raiguer a Maiorca
La contea della Pianura di Maiorca (Pla de Mallorca / Llanura de Mallorca)
La contea del Levante (Llevant) a Maiorca
La contea del Mezzogiorno (Migjorn) a Maiorca
Argomento precedente ] [ Argomento sopra ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, premete su questo legame per fare apparire i frammenti.