AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, premete su questo legame per fare apparire i frammenti.
Ricerca personalizzata

La città di Alcúdia a Maiorca - Le rovine romane di Pollentia

[Argomento sopra] [Argomento seguente] [Minorca] [Maiorca] [Ibiza] [Formentera] [Cabrera] [Accoglienza] [Site Home] [Via Gallica]
Rubriche[Foto] [Presentazione] [Situazione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
Le rovine romane di Pollentia sono il più importante sito archeologico di epoca romana al isola di Maiorca, e l'unico che può essere visitato. La città romana fu fondata nel I secolo aC e fu la capitale di Maiorca e tutte le isole Baleari durante la dominazione romana.

Il sito archeologico si trova alla periferia della città di Alcúdia, nella contea di Raiguer, a nord di Maiorca.

EtimologiaEtimologia e toponomastica
Il nome di Pollentia latina che significa “potente„ ; dell'aggettivo “pollens„, forte, potente ; del verbo “pollere„, essere forte. Il nome di Pollentia fu dato alla città dal suo fondatore, il console romano Quintus Caecilius Metellus.
Dopo un incendio nel terzo secolo dC, e dopo l'invasione dei Vandali nel V secolo, una parte della popolazione ha lasciato la città e andò a fondare una nuova colonia prese il nome Pollentia ed è ora chiamato Pollença. Ciò ha causato confusione per diversi secoli come la posizione di Pollentia.

Durante l'occupazione musulmana, la città romana - che era poco più che un ricordo - è stato nominato Bullansa.

In catalano spagnolo Pollentia scrive Pol·lèntia.

SituazioneSituazione

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Situazione delle rovine romane vicino alla chiesa di San Giacomo (autore Olaf Tausch) - Clicca per ingrandire l'immagine
La colonia romana fondata Pollentia una posizione strategica sull'istmo della penisola che separa le due grandi baie di Alcúdia e Pollença, vicino lo stretto tra l'isola di Maiorca l'isola di Minorca. Entrambe le baie sono protette dai venti prevalenti da nord-ovest dai monti della penisola di Cap de Formentor e fornire ottimo riparo. Questa posizione permetteva a Pollentia di controllare le strade marittime del Mediterraneo occidentale che collegano Roma e l'Italia alle province romane della Hispania.

La città romana di Pollentia aveva due porti, uno situato a nord della baia di Pollença e l'altra, il porto più grande delle due porte, che si trova a sud della città, lungo il porto esistente di Alcúdia, Port Alcúdia. Entrambe le porte sapevano un'importante attività commerciale.

Le poche rovine di Pollentia è al di fuori delle mura medievali della moderna Alcúdia, di fronte alla chiesa di San Giacomo (Església de Sant Jaume).

VisiteVisite

Antico sitoLa città romana di Pollentia
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Piano generale delle rovine - Clicca per ingrandire l'immagineLa città romana di Pollentia fu fondata nel secondo quarto del I secolo aC. Al suo apice Pollentia aveva almeno 300 m da est a ovest e 600 m da nord a sud, che copre una superficie di 18 ettari. Quindi era una colonia di media importanza in termini di dimensioni, rispetto a altre colonie della Spagna romana (Hispania), che ha avuto i seguenti settori : Barcinum (Barcellona), 13 ettari ; Dertosa (Tortosa) 12 ha ; Ilici (Elche), 12 ha ; Lucentum (Alicante), 10-14 ettari ; Emporion (Ampurias), 21 ettari ; Tarraco (Tarragona), 70 ettari ; Emerita (Mérida), 100 ettari ; Corduba (Cordova) 70 ha Caesar Augusta (Saragozza), 50 ha.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Piccola ferma sul sito di Pollentia - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)Quasi tutte le pietre del sito sono stati saccheggiati dal popolo nel corso dei secoli, e non è più possibile discernere il layout della antica capitale. Nel 1963, il governo spagnolo ha dichiarato protetto terreno sito archeologico che copre la città romana : nessun edificio può ora essere fatto. Nel 1973, lo Stato ha iniziato il processo di espropriazione e comprato singoli campi ; lontano diciotto immobili sono stati acquistati dallo Stato ; solo sei sono ancora di proprietà privata.

La visita comincia al nord con le rovine della zona d'abitazione di “Sa Portella„, soprattutto da parte del cosiddetto case di “Testa di Bronzo„ e di “Due Tesori„ scavati 1957-1962 ; 200 m a sud si trova i resti del foro, che è stato oggetto di una campagna di scavi nei primi anni 1980 ; vi scoprirono i fondamenti della civile e religiosa, l'edificio più importante è il tempio dedicato alla triade Giove, Giunone e Minerva. Alla periferia sud della città visitiamo il piccolo anfiteatro romano degli inizi del I secolo aC.

Dopo la visita al sito archeologico, si può visitare il Museo Monografico di Pollentia, situato nelle vicinanze, che ha la maggior parte degli oggetti scoperti Pollentia.

QuartiereLa zona d'abitazione di Sa Portella (Barri Residencial de Sa Portella / Barrio Residencial de Sa Portella)
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Piano del quartiere di Sa Portella - Clicca per ingrandire l'immagineLe rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Piano del quartiere di Sa Portella - Clicca per ingrandire l'immagineLa zona residenziale di Sa Portella è situata nell'estremo nord della città romana di Pollentia. Ne consegue la tipica pianta della città romana con due strade principali perpendicolari che si intersecano ad angolo retto, caseggiati (insulae) : il cardo, orientato nord-sud, chiamati Carrer Nord-Sud, e il decumanus formando est-ovest, chiamato Carrer Porticat (strada del portico), una strada colonnata.

Scavi - tra il 1957 e il 1961 - hanno portato alla luce i resti di tre case su entrambi i lati di questi canali : nord-est, la casa meglio conservata, la casa di Due Tesori ; sud-est, la Casa della Testa di Bronzo, in gran parte ridotto ; nord-ovest, la casa di nord-ovest, amputato dalla costruzione di un muro difensivo ; sud-ovest era quello di trovare una quarta casa è completamente scomparso.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Piano di Sa Portella - Clicca per ingrandire l'immagineLe rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Il Carrer Porticat (decumano) e la Casa nordoccidentale (autore Olaf Tausch) - Clicca per ingrandire l'immagineIl quartiere di Sa Portella stato costruito durante il periodo repubblicano di Roma, ma è stato rinnovato durante il periodo imperiale (fine I secolo aC - I secolo dC), all'altezza della città di Pollentia. Nel terzo secolo, un muro fortificato è stato costruito intorno al nucleo della sua Portella ; parte della parete è ancora visibile.

Sa Portella era un quartiere residenziale patrizio ; altre case, più umile, erano vicini al forum o in altre parti della città di Pollentia. A sud di Sa Portella era una quarta casa, conosciuta come la Casa della Polimnia.

La città di Pollentia non aveva fortificazioni ; per la sua protezione è invocata la sua posizione sull'isola e la sua distanza dal mare, a 1.5 km dalla baia di Alcúdia ea 2,5 km dalla baia di Pollença. Non è stato fino alla fine del III secolo dC un muro difensivo fu costruito intorno al quartiere di Sa Portella nell'angolo nord-ovest della città.

Il muro era costituito da due muri di pietre di grandi dimensioni, il cui intervallo era pieno di piccole pietre e terra. La parete esterna è composta da nove strati di pietre, disposte irregolarmente. Una sezione della parete è mantenuto ; ha una lunghezza di centinaia di metri e non include una porta o girare ; muro taglia in due la Casa di nord-ovest, che indica che il muro è stato costruito per proteggere solo una piccola enclave della città ; fuori le mura erano molte case vuote. I tentativi di scoprire i resti del muro in campi situati a sud di Sa Portella non hanno avuto successo.

Durante la crisi del III secolo la popolazione della città si ritirò in questa piccola enclave, suggerendo un calo della popolazione di Pollentia. Il muro non ha impedito alla città di essere preso e distrutto dai Vandali.

CasaLa casa dei Due Tesori (Casa dels Dos Tresors / Casa de los Dos Tesoros)
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Sesterce romano dell'epoca di Traiano Decio - Clicca per ingrandire l'immagineLe rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Piano della Casa dei Due Treasures - Clicca per ingrandire l'immagineLa prima casa incontrati durante la visita è la Casa di Due Tesori, che si trova a nord del quartiere di Sa Portella. Si trova a nord della casa della Testa di bronzo cui è separata dal via del Portico, il decumanus romano, 3,75 m di larghezza.

La Casa dei Due Tesori deve il suo nome alla scoperta di due pezzi di tesori scoperti denaro in due stanze diverse della casa durante gli scavi tra il 1958 e il 1960. Il primo tesoro comprende monete del III secolo dC : diciotto monete, tra cui denari effigie dell'imperatore Caracalla (188 dC - 217 dC) fino sesterzi (249-251) per l'effigie dell'imperatore Traiano Decio (Traianus Decius) (201 dC - 251 dC). Date il secondo tesoro dalla fine del IV secolo dC. Questi tesori sono stati probabilmente nascosti in tempi di grande pericolo.

La Casa dei Due Tesori è la meglio conservata delle tre case (domus) scoperti a Sa Portella. Oltre alle due serie di monete, la ricerca ha prodotto molti materiali archeologici e il suo stato permesso di distinguere le diverse parti della sua struttura.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - La facciata della Casa di due tesori sulla decumano (autore Olaf Tausch) - Clicca per ingrandire l'immagineSi tratta di un edificio rettangolare, 20 metri di lunghezza in asse nord-sud e 22,50 m di larghezza in direzione est-ovest, che copre una superficie di 450 m². La casa aveva una base in pietra arenaria (marès) articolato con malta e pareti in mattoni di argilla ; lei deve avere pavimenti a mosaico e colori stucco sulle pareti.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - La Casa delle Due Tesori nel quartiere di Sa Portella - Clicca per ingrandire l'immagineLe rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - L'atrio della casa di due tesori (autore Frank Vincentz) - Clicca per ingrandire l'immagineLa casa aveva il piano tipico della domus romana : è stato organizzato attorno a un cortile, l'atrium centrale. La sua facciata principale a sud, si apriva sulla strada del Portico (Carrer Porticat / Calle Porticada) da un portico (chiamato ostium) ; colonne che sostenevano il portico sono state mantenute. Un portico che corre lungo la parte anteriore della casa.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Il impluvium della Casa dei Due tesori del quartiere di Sa Portella (autore Olaf Tausch) - Clicca per ingrandire l'immagineDal portico, vestibolo (vestibulum) ha portato l'atrium ; L'accesso a questo spazio in casa c'era di solito piccoli altari e rappresentazioni di divinità protettrici della casa. l'atrium - 7 x 4m - è stato coperto con un compluvium che ha raccolto l'acqua piovana nel impluvium circondato da quattro colonne (rettificati da un recente restauro) ; c'era un'apertura nel centro per far entrare luce.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - La parte posteriore della casa due tesori nel quartiere di Sa Portella - Clicca per ingrandire l'immagineDieci pezzi erano disposte intorno all'atrium ; ogni pezzo ha una funzione specifica :

  • in pieno centro, di fronte al municipio, è stato il tablinum, dove il padrone di casa (dominus) di lavoro e accoglienza dei visitatori ;
  • sulla sinistra, nord-ovest, una vasta triclinum o sala da pranzo (il triclinum è stato diviso in quattro parti in un momento successivo) ; piatti della triclinum indossano nomi diversi a seconda del suo utilizzo : vasa escaria per cibo, vasa potoria per bere, e vasa ministeria per il servizio ; ma spesso i romani mangiavano fuori nell'atrium ;
  • Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Le Cabine dell'ala sinistra della Casa di due tesori, vista dal cardo (autore Olaf Tausch) - Clicca per ingrandire l'immagineLe rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Atrium e cubicoli dell'ala destra della Casa dei Due Tesori nel quartiere di Sa Portella - Clicca per ingrandire l'immaginesui lati dell'atrium era parti più intime, le cubicula (un cubicolum era una camera) e le lavatoria o bagni ;
  • sono state identificate altre parti : la cucina (culina) e una dispensa (despensa) dove venivano conservate le disposizioni in anfore. Piatti utilizzati in culina, composto da utensili utilizzati per la cottura, la preparazione dei cibi e la pulizia, è stato chiamato vasa coquinaria.

Camere - abbastanza grandi - erano sulla destra della casa (ala), nessuna comunicazione con il resto della casa ; è stato raggiunto dalla strada che correva lungo l'isola ad est ; a partire da materiali che sono stati scoperti, uno deve essere un negozio (taberna), probabilmente affittato dal proprietario della casa.

La Casa dels Dos Tresors è stato costruito nel primo secolo dC, ai tempi dell'imperatore Augusto ; nel corso dei secoli, ha subito diverse ristrutturazioni. La casa ha subito danni durante il terzo quarto del III secolo, e vissuto l'occupazione irregolare fino alla fine del quarto secolo o all'inizio del V secolo dC.

CasaLa Casa della Testa di Bronzo (Casa del Cap de Bronze / Casa de la Cabeza de Bronce)
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Testa di ragazza in bronzo - Clicca per ingrandire l'immagineLa seconda casa che incontriamo è della Casa della Testa di bronzo ; si trova a sud della Casa dei Due Tesori nello stesso blocco (insula), ma dall'altro lato della strada del Portico (Carrer Porticat / Calle Porticada), il decumanus della città romana.

La casa deve il suo nome alla scoperta di una testa in bronzo di una giovane ragazza (Cap de Nina / Cabeza de Niña) ; questa testa di bronzo è stato scoperto in un mucchio di spazzatura in una stanza a nord della casa. Questa piccola testa - 14,4 centimetri - è datato II secolo dC ; è esposto al Museo Monografico di Pollentia.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - della Casa Testa Bronze (autore Olaf Tausch) - Clicca per ingrandire l'immagineLa casa della Testa di Bronzo è stata parzialmente amputata da un progetto di costruzione incompiuta in Alcúdia, una stazione ferroviaria terminale della Palma a Inca nel 1936. La parte meridionale di questa magnifica casa è scomparso solo otto pezzi, disposti intorno ad una corte peristilio di dieci colonne sono in buone condizioni abbastanza da cercare. La casa comprende anche due negozi (tabernae) ; una faccia per la strada Nord-Sud (Carrer Nord-Sud / Calle Norte-Sur) e l'altra sulla strada lungo il lato est dell'insula.

Gli archeologi datano la costruzione della Casa della Testa di Bronzo metà del primo secolo aC, in epoca repubblicana ; è stato ristrutturato nel pieno della città urbana, il periodo imperiale (fine I secolo aC - I secolo dC) ; continuò ad essere occupata fino al IV secolo dC, quando fu abbandonato dopo un incendio.

CasaLa casa nordoccidentale (Casa Nord-oest / Casa Noroeste)
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - La Casa del nord-ovest, nel quartiere di Sa Portella - Clicca per ingrandire l'immagineA ovest del cardo, l'altro lato della strada Nord-Sud, di fronte alla Casa dei Due Tesori, era una terza casa, chiamata Casa di nord-ovest. Era una casa in stile atrium con sei stanze a nord dell'atrium ; centro dell'atrium era un impluvium a colonne ; a nord della casa erano due piccoli negozi (tabernae) che si affaccia sulla strada Nord-Sud.

Le tre case di Sa Portella, e la casa nordoccidentale è uno i cui resti sono meno ben conservati ; Infatti, la casa è stata amputata dalla costruzione di un muro difensivo nell'ultimo quarto del III secolo dC ; parte del muro, 5 m di larghezza, è stato costruito sulle fondamenta della casa, tagliandolo in due da un passaggio ad ovest del impluvium e dietro la parete posteriore dei due negozi. C'è solo un frammento del muro a questo punto.

CasaLa Casa di Polimnia
La Casa di Polimnia trova a sud di Sa Portella. Prende il nome da un murale che sarebbe stato rilevato una rappresentazione della musa Polimnia, una delle muse della poesia. Questa casa è in attesa di restauro e non è visitabile.
SpazioIl Forum (Fòrum / Foro)
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Mappa del Forum - Clicca per ingrandire l'immagineIl Foro era il centro della vita pubblica romana di una città in cui esercitano attività politiche, amministrative e religiose. Il Foro di Pollentia si trova a circa 200 metri a sud-est della zona residenziale di Sa Portella e 400 metri a nord del teatro romano. Scavi precedenti avevano scoperto una serie di oggetti per suggerire che il forum della città era in questo luogo, noto come struttura Ca'n Reynés in un posto chiamato Camp d'en França.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Piedistallo della statua di Lucius Vibius (autore JA Baeyens) - Clicca per ingrandire l'immagine in Panoramio (nuova unghia)Così, un motto, inciso sul piedistallo onorario stele - alta 94 centimetri, larga 59 centimetri e spessa 54 centimetri - marmo bianco, è stato scoperto 19 novembre 1862 sulla base di Camp d'en França :

L[UCIO] VIBIO L[UCII] FIL[IO] VEL[INA TRIBU] NIGELLIONI AEDIL[I] IIVIRO BIS MARITO OPTIMO SUO MANLIA FABIANA UXOR ET VIBI MANLIANI FIL[II] NOMINE SUA PECUNIA POSUIT L[OCUS] D[ATUS] D[ECRETO] D[ECURIONUM]

“Per Lucius Vibius Lucius della tribù Velina dei Nigellius, edile e duumviro per il suo eccellente marito, la moglie Manlia Fabiana e per conto del figlio Vibius Manlianus con il suo denaro è stato eretto, dove è dato per decreto decurioni „.

CIBal # 27 (Corpus de las inscripciones baleáricas hasta la dominación árabe).

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Forum - Clicca per ingrandire l'immagineLa struttura Ca'n Reynés fu acquistata dal Governo, e nel 1980, ha iniziato gli scavi Forum di Pollentia. Le fondamenta scoperta di edifici pubblici e iscrizioni frammenti confermato che questo era il forum, il cuore della vita della città romana. Sono stati individuati i resti di diversi edifici : il tempio principale costruito sul modello del Campidoglio di Roma, due minori dedicati a divinità sconosciute santuari, un portico dietro la quale erano negozi (tabernae), un edificio che può competere con la curia e cetera. Abbiamo anche trovato molte iscrizioni onorarie, alcune delle quali sono ora esposti al Museo Monografico di Pollentia.

La costruzione del forum è iniziata intorno agli inizi del secolo I aC ; il Campidoglio e negozi a ovest sono stati i primi edifici. Quattro anni più tardi, l'area del foro fu distrutta da un grande incendio nel tardo terzo secolo dC, intorno all'anno 270-280, ma ha continuato, a quanto pare, da utilizzare nel quarto secolo. Nel mezzo delle fortificazioni del quinto secolo è stato costruito, che ha usato le pietre dei vecchi edifici. Durante il Medioevo, l'area del foro era stato abbandonato e servita vasta necropoli.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Tentativo di ricostituzione del forum- Clicca per ingrandire l'immagineç Tentativo di ricostruire forum nel V secolo dC, con il fortificata in basso.

Il sito forum è stato aperto al pubblico nel 2002, ma gli scavi archeologici continuano durante i mesi estivi, e possiamo vedere ora protetto dalle intemperie per aree Teli ; alcune vestigia scoperte edifici sono stati consolidati con cemento per impedire un'ulteriore erosione.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Pozzo sul forum - Clicca per ingrandire l'immagineLe rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Pozzo sul forum - Clicca per ingrandire l'immagine
Tempio anticoIl Campidoglio (Capitoli / Capitolino)
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Il Campidoglio (autore Frank Vincentz) - Clicca per ingrandire l'immagineL'edificio principale sul forum di Pollentia era il Campidoglio, che era nel mezzo del lato nord della piazza.

La maggior parte dei blocchi di pietra del Campidoglio sono stati rubati per il riutilizzo : le rovine del tempio scoperto conservano solo il podio, le fondamenta del muro nord, e parti delle pareti est e ovest, e le fondamenta di cellae tre colonne del pronao. Le pareti erano fatte di mattoni di argilla, montati sopra fondazioni in pietra arenaria. L'architrave e il tetto erano di legno. Il podio del tempio era di circa 23 m per 17 m.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Tentativo di ricostituzione dei Campidogli - Clicca per ingrandire l'immagineQuesti resti sono sufficienti per ricostruire il piano generale dell'edificio. Il Campidoglio di Pollentia era un tempio a tre celle (cellae) può essere dedicato a Giove (cella di centro, più grande) e Giunone e Minerva (cellae di lato), classica Triade Capitolina. Il cellae sono state precedute da un vestibolo (nartece) doppio colonnato, un colonnato di quattro colonne di fronte, e un colonnato di due colonne dietro. Sul lato sud (anteriore) pareti laterali sono più larghe, lasciando uno spazio in cui avrebbe potuto essere una scala.

ç Tentativo di ricostituzione del Campidoglio, i piccoli negozi tempio I e insulari in occidente, nel primo secolo dC.

Il Campidoglio di Pollentia datato I secolo dC, anche se la sua disposizione un po 'arcaico per questo tempo. Ha iniziato a cadere in rovina nel terzo secolo, ma cellae forse rimase in uso nel IV secolo.

Va notato che nessun precoce tomba cristiana è stata scavata nella zona del Campidoglio, mentre c'erano file di tombe sud, est e nord del tempio.

Tempio anticoIl Tempietto io, l' indirizzo e Tempietto II e 'Edicola
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Mappa del piccolo tempio 1 - Clicca per ingrandire l'immagineLe rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Mappa del piccolo tempio 2 - Clicca per ingrandire l'immagineA 4 m ad est del Campidoglio era un edificio rettangolare - 10 m in direzione nord-sud e 6,5 m in direzione est-ovest. Questa costruzione è considerato un piccolo tempio dedicato a un dio sconosciuto, indicato come il tempietto io, ma avrebbe potuto anche essere la base di una statua equestre, perché una testa di cavallo in bronzo e la mano di bronzo sono stati scoperti nel 1927. Rimane solo la parte inferiore della fondazione ; nella sua parete ovest si può vedere la tecnica di riempimento.

Nelle vicinanze è stata trovata una decorazione vegetale cresta arenaria.

Vicino a questo edificio sono stati scoperti frammenti di una iscrizione dedicatoria :

AVG[VSTI] LEG[ATUS] PRO PR[AETORE] F[ACIENDUM] C[VRAVIT] […]RO LEG[…] DEDICAVIT

(Il legato di Augusto come pretore ha eretto…)

Petit ha chiamato l'edificio del Tempio II è 8,70 m a sud di Tempio I Piccolo. Si tratta di un edificio rettangolare orientato est-ovest ; ha una modanatura di base di circa 40 cm sui lati sud e est dell'edificio.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Il riparo del forum (autore JA Baeyens) - Clicca per ingrandire l'immagine in Panoramio (nuova unghia)Sud-ovest del Campidoglio sono due basi di statue e la base di un edificio rettangolare - 5,40 m per 3,50 m.

Questa costruzione è interessante in quanto è l'unica struttura del sito i cui lati sono orientati ai punti cardinali, mentre la mappa della città è orientata a sud-est a nord-nord-est.

Gli archeologi suggeriscono che questo edificio è stato l'ex altare della città, istituito presso la sua creazione. Se questo è il caso, questo altare è l'edificio più antico sul forum.

Un'altra ipotesi è che sarebbe un auguraculum, un tempio dove gli àuguri fatto le loro previsioni osservando il cielo e gli uccelli ; l'effetto auguracula sono state orientate secondo i punti cardinali.

NegozioI negozi del Forum
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - L'ovest del forum, la via a portico (Carrer Porticat) Forum e negozi forum occidentale - Clicca per ingrandire l'immagineSul lato ovest del forum, vi era un mercante e il quartiere artigiano, separato dalla piazza pubblica da un via a portico (Carrer Porticat), che ci sono alcune basi di colonna. Quattro negozi (tabernae) - Due nord-ovest e due a sud-ovest - erano di fronte al Campidoglio, sul lato opposto della strada. Descrive l'uso di questi edifici come negozi da oggetti che sono stati scoperti : ad esempio, nel terzo negozio, gli archeologi hanno trovato un set completo di peso scala in pietra.

Scoperto una scala tra i due negozi in nord e sud due negozi indica che si stava costruendo un pavimento. Ogni negozio ha avuto un ampio ingresso dal portico del foro ; fatta eccezione per il secondo negozio soglie nord negozi sono stati scavati per ricevere una porta di legno.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Isola di negozi a nord del foro (autore Frank Vincentz) - Clicca per ingrandire l'immagineL'inizio della costruzione di questi negozi date di epoca repubblicana, alla fine del II secolo aC, e il loro uso durò fino al III secolo dC, quando ci fu un terribile incendio che potrebbe essere la causa l'abbandono del forum.

Altri negozi e laboratori erano nelle strade (Carrer Oest) che si trova nella parte posteriore dei quattro negozi. Negozi sud-ovest era una grande pavimentazione, ha dichiarato : “opus sectile„ (intarsiatura di pietre), a circa 8 m per 7,50 m. Le pareti in pietra che circondano questa pavimentazione sono stati tutti rubati, ed è difficile sapere come è stata costruita ; Forse la curia.

A nord del Campidoglio era una grande strada, e sul lato nord della strada, c'era un altro gruppo di negozi. Solo uno di questi negozi e parte di un altro sono stati cercati. Tra queste imprese e il tempio, c'è stata una massiccia torre rettangolare costruita con blocchi di reimpiego, molti dei quali potrebbero venire dal Campidoglio. La torre faceva parte di un sistema di fortificazione che è stato avviato, ma forse mai completato, e gli archeologi hanno provvisoriamente datato alla fine del V secolo.

BastioneIl recinto rinforzato (Recinte Fortificat / Recinto fortificato)
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Piano del recinto rinforzato tardivo - Clicca per ingrandire l'immagineDal V secolo dC, fu costruito a nord dei negozi dell'isola e ad ovest del Campidoglio, un recinto difensivo. La sezione identificati fino ad oggi si estende su una superficie di circa 50 m di lunghezza, in direzione est-ovest e 45 m di larghezza.

Il muro è costituito da due muri di blocchi di pietra scavate bene, alcuni riciclati da edifici precedenti. In alcuni tratti il muro invade sulle strutture esistenti, come i muri della facciata nord del blocco di negozi ovest del forum, o sulla parete nord del Campidoglio.

Sul lato nord del muro si erge una torre rettangolare massiccio, con tre lati ben definiti (est, nord e ovest). Il lato nord della torre è di circa 4,80 m di lunghezza, mentre i lati est e ovest misurano circa 3,20 m.

TeatroIl Teatro Romano (Teatre Romà / Teatro Romano)
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Il Teatro Romano - Clicca per ingrandire l'immagineLe rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Il Teatro Romano - Clicca per ingrandire l'immagineIl teatro romano di Pollentia è di 400 metri a sud est di forum, a circa 600 metri dall'ingresso del sito di Pollentia (10 min a piedi). Il teatro era probabilmente nella periferia di Pollentia - al di fuori della zona d'insediamento della città romana - ma era situato in una splendida posizione tra la baia di Alcúdia, a est, e la baia di Pollença, nel ovest, sul collo dell'istmo della penisola chiamata Capo della Pineta (Cap des Pinar) ; dagli spalti avevamo una vista sul mare, e il teatro era probabilmente visibile dal mare

Il teatro è stato scavato sul pendio di una collina, sfruttando la topografia naturale per ridurre al minimo lo scavo della roccia. La sua costruzione è databile alla fine del I secolo aC o all'inizio del I secolo dC, probabilmente durante il regno dell'imperatore Augusto. È il più piccolo di venti teatri romani ad essere sopravvissuto in Spagna.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Stele commemorative degli scavi (autore Olaf Tausch) - Clicca per ingrandire l'immagineLe rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Mappa del teatro romano - Clicca per ingrandire l'immagineFino scavi, dal 1953, da la fondazione Bryant, gli studiosi pensavano che fosse un anfiteatro, vale a dire, un teatro greco.

Gli scavi ha permesso di rivelare la sua struttura, che comprende i tre elementi fondamentali di un teatro romano, un po 'diverso teatro greco : i passi (cavea e proedria) piano semi-circolare per il pubblico in generale ; orchestra (orchestra), che è anche semi-circolare di alti magistrati ; la scena (scaena) rettangolare occupata dagli attori. Gli oggetti rinvenuti dagli scavi si riferiscono a questo mondo giocoso di maschere teatrali o un segno che permette di accedere alle rappresentazioni.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Il Teatro Romano - Clicca per ingrandire l'immagineLe rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - La posizione del palcoscenico del teatro romano (autore Olaf Tausch) - Clicca per ingrandire l'immagineLa scena (scaena) e proscenio (proscenium), rettangolare, ci sono solo cinque fori rettangolari che sono stati inseriti pali di legno che li sostenevano. La scena è stata un po 'elevato rispetto all'orchestra ; un permesso di lavoro di montaggio dell'orchestra sul proscenio e il palco.

L'orchestra (orchestra) era situato tra le tribune e il palco ; è stato per alti magistrati. L'orchestra era di forma semicircolare - con un diametro di 9,50 m (28 piedi romani 30 cm).

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Teatro di Pollentia (autore Olaf Tausch) - Clicca per ingrandire l'immagineLa cavea consisteva di undici gradini, divisi tra :
  • cavea prima, più vicina al palco per i notabili ;
  • la cavea media nel mezzo, in genere per gli uomini ;
  • summa cavea, che si trova nella parte superiore, per donne e bambini.

Prima cavea consisteva di tre file di sedili con schienali ; la prima fila è stata fatta di macigni, gli altri due scavate nella roccia ; prima cavea è stato separato dagli altri stand da un ambulacro (praecinctio) di larghezza 1, 20 m. La cavea era divisa in quattro settori, o zeppe (cunei) da tre scale radiali che davano accesso alle gradinate. È possibile che baldacchino proteggere il pubblico dal sole o dalla pioggia.

Il teatro romano di Pollentia era una struttura di modeste dimensioni, adattato alla popolazione della città : gli stand erano 16 m (54 piedi romani) raggio. Assumendo una sede tenutasi 40-50 cm di larghezza, si stima che il teatro poteva ospitare 600 a 800 persone sedute.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Teatro di Pollentia (autore Olaf Tausch) - Clicca per ingrandire l'immagineLe rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Tombe al teatro romano - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)Il teatro è stato abbandonato nel IV secolo dC, quando la città fu invasa dai Vandali. È stato poi utilizzato fino alla fine dell'impero romano, come necropoli tombe trapezoidali sono stati scolpiti nella roccia nel punto della scena e le gradinate superiori.
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Grotta scavata sotto il teatro romano - Clicca per ingrandire l'immagineLe rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Grotta scavata sotto il teatro romano - Clicca per ingrandire l'immagineDietro le gradinate notiamo una grotta : la data grotta del tempo pretalaiotica e servita come luogo di sepoltura.

Dopo la fine dell'Impero Romano, è servito come una stalla ; ai lati si possono vedere le depressioni scavate nella roccia ; i fori nel soffitto - per far entrare la luce - risalgono a questo periodo.

MuseoIl Museo Monografico di Pollentia (Museu monogràfic de Poŀlèntia / Museo Monogràfico de Pollentia)
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Il museo monografico di Pollentia (autore JA Baeyens) - Clicca per ingrandire l'immagine in Panoramio (nuova unghia)Il Museo Monografico di Pollentia è installato dal 1987 in un ospedale militare medievale (S'Hospitalet) costruito da Jaume II nei primi anni del XIV secolo (1301), che si trova nel quartiere di San Giacomo, nel centro storico di Alcúdia. Si tratta di una divisione del Museo di Mallorca, ma è gestita dal Consorzio della città romana di Pollentia (Consorci de la Ciutat Romana de Poŀlèntia). “Monografico„ significa che si è dedicato esclusivamente alla città romana di Pollentia. È stato creato per riunire le scoperte archeologiche fatte a Pollentia, soprattutto a partire dal 1926 ; La maggior parte dei reperti risalgono al primo secolo al II secolo dC, il periodo di picco della città romana.

Nel 2006, il museo è stato riorganizzato in due temi : la vita pubblica Pollentia e la vita privata.

Il pubblico dominio è diviso in tre aree : la vita civica sul forum, intrattenimento e il mondo funerale.

Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Torso di generale romano al museo di Pollentia - Clicca per ingrandire l'immagineVita civile è illustrato da grandi sculture in marmo bianco del forum, iscrizioni o elementi architettonici. Tra le sculture si può vedere Torso (Thoracato) la scultura di un generale o di un imperatore che indossa un'armatura militare, decorata con un motivo mitologico, e paludamentum (mantello militare) ; un busto dell'imperatore Augusto, il capo coperto, scoperto nel XVII secolo ; una copia del primo secolo dC, l'Eros di Lisippo di Sicione (Lisippo) o di una matrona romana. Un bel bronzo ragazza testa (II secolo dC) proviene dalla Casa della Testa di Bronzo a Sa Portella.

Iscrizioni su bronzo particolare interesse : una tabula patronatus, risalente al 10 aC, scoperto nel 1951 a Pollença, che è un documento giuridico attraverso il quale la città di Bocchoris (o Bocchorum), una città - vicino al già esistente porto Pollensa - Precedente all'occupazione romana e federato con Roma, riconosce la sua sudditanza al console romano Marcus Crassus ; un altro patronatus tabula, risalente all'anno 6 dC, scoperto nel 1765, che riconosce Bocchoris Marcus Atilius come il suo capo ; terza voce è un elogio funereo di un lottatore di pancrace di Pollentia, Cornelius Atticus.

Le prestazioni sono illustrate da più maschere teatrali ; il mondo funerario di oggetti funerari preziosi.

Tutela degli abitanti di Pollentia è illustrato da collezioni di oggetti di uso quotidiano : utensili da cucina, lucerne, vasi, anfore, stoviglie e tavolo da cucina, vasi in bronzo ; monete di epoche diverse, gioielli, oggetti in vetro, oggetti usati nella tessitura, articoli da pesca, giochi, e persino strumenti chirurgici. Ci sono anche oggetti religiosi usati nel culto domestico.

ConoscenzaStoria, geografia, arte, tradizioni, flora…

StoriaStoria
Eletto console nel 123 aC, Quintus Caecilius Metellus iniziato lo stesso anno la conquista delle Isole Baleari per fermare la pirateria che ha operato dalle isole di Maiorca e Minorca. Baleari resistito alla conquista romana per quasi 75 anni, quando la Spagna continentale (Hispania), fu conquistata nel 206 aC.
Secondo Livio, il console avrebbe coperto le sue navi pelli di resistere lanciando pietre famose frombolieri Baleari. Dopo questa conquista nel 121 aC, fu un trionfo a Roma e ha aggiunto al suo nome il soprannome (agnomen) di Baliaricus o Balearicus. Le Isole Baleari furono annessi all'impero romano e inseriti in provincia di Hispania Citeriore (Hispania Citerior).

Quintus Caecilius Metellus Balearicus 3000 ha portato Romano e coloni iberica dalla Spagna continentale e, forse, l'Italia, e si stabilirono nelle colonie Pollentia (il “Potente„) al nord, e Palmaria (riferendosi le palme del suo trionfo) nel sud, l'attuale Palma ; ogni colonia ha ricevuto 1.500 coloni. Secondo lo storico del primo secolo dC, Pomponius Mela, Pollentia divenne la capitale di Maiorca e Isole Baleari, grazie alla sua posizione strategica sulle rotte marittime.

Tuttavia, il Pollentia colonia era in un primo momento un accampamento romano incaricato di mantenere la pace sull'isola. Le scoperte archeologiche fanno pensare che non ci siano comunità strutturate prima del secondo quarto del secolo I aC. La colonia è situato a 10 km a sud est della città di aborigeni Bocchorum (nei pressi dell'odierna Port de Pollença).

Pollentia solo è diventata una vera e propria città romana tra il 80 e il 60 aC, probabilmente intorno al 70 aC, vale a dire 50 anni dopo la conquista romana. Il nipote del fondatore Quintus Caecilius Metellus Balearicus, Quintus Caecilius Metellus Pius, senza dubbio contribuito alla trasformazione di Pollentia citati nella installazione di Maiorca nuovi coloni, veterani romani del suo esercito dopo la vittoria nella guerra contro Sertorius (80-71 aC). La città di Pollentia è stato progettato come molti altri insediamenti romani : una piazza pubblica al centro, il forum, con i templi e le vie commerciali con negozi (tabernae), e un teatro. Le case rettangolari abitazione comprendeva un cortile (atrio), sono state decorate con marmi, stucchi e mosaici erano le fogne e acqua corrente. Pollentia aveva una porta che si trovava a sud del teatro sulla baia di Alcúdia. Come in tutti i cimiteri romani della città sono stati vietati nel perimetro della città ed erano in periferia.

Pollentia conobbe un nuovo sviluppo urbano durante il regno dell'imperatore Augusto (63 aC - 14 dC) - a cavallo del primo secolo aC e il I secolo dC - e probabilmente ha raggiunto una superficie di oltre 16 ettari. È stata elevata al rango di una colonia di diritto romano, “colonia civium romanorum„ e divenne la capitale della provincia romana di Balearica.

La città raggiunse il suo apice durante l'Impero Romano, il primo e il secondo secolo dC ; ma nel terzo quarto del III secolo, un incendio devastò la città ; un muro fortificato è stato costruito intorno alla zona residenziale di Sa Portella. Il declino di Pollentia è continuato durante il impero romano nel IV secolo e soprattutto nel V secolo dopo l'invasione dei Vandali nel 426 dC, che hanno saccheggiata e distrutta la città di Pollentia e Maiorca a far parte del Regno di Vandal Nord Africa fino al 534 dC ; durante questo periodo la popolazione cattolica di Maiorca soffre persecuzione da parte dei Vandali seguaci dell'eresia arienne.

Da 534, i Bizantini conquistarono le isole Baleari ; Maiorca fu annessa all'impero bizantino ; Pollentia non era più nel sesto secolo, una necropoli.

Nel X secolo, i Mori occuparono le Isole Baleari, nel 902 dC, e ha creato una colonia chiamata Al-Qudya (“la collina„), nei pressi dell'antica città romana di Pollentia, hanno chiamato Bullansa, caduto nel dimenticatoio.

Scavi
Dalla fine del XVI secolo, uno storico e matematico maiorchino, Padre Joan Binimelis, proposto - nella sua Storia di Maiorca (Història de Mallorca, 1593) - l'antica città di Pollentia giaceva sotto i campi che circondano la cappella di Santa Ana al sud di Alcúdia. Durante i secoli XVII, XVIII e XIX, sono stati condotti scavi, anche se con qualche irregolarità. Nel XVII secolo, un bel busto dell'imperatore Augusto, il capo velato, è stato scoperto per caso ; molte iscrizioni latine, e molte monete romane sono state trovate anche in queste zone. Nonostante questi risultati, gli studiosi hanno discusso Mallorca, soprattutto nel XIX secolo, sia Pollentia era situato a Alcúdia e Puerto Pollensa - dodici chilometri a ovest di Alcúdia - dove sono stati trovati anche reperti di epoca romana e che ha mantenuto il nome di Pollentia. Un frammento di un'iscrizione trovata sul sito di Alcúdia nel 1887 sembrò situare Pollentia.

Le rovine della città romana di Pollentia in Maiorca - Can Domenech, la sede della Fondazione Bryant (autore Homyr) - Clicca per ingrandire l'immagine in Panoramio (nuova unghia)Non è stato fino al 1923 che iniziarono lavori di scavo rigorosa e sistematica sotto la direzione del professor Gabriel Llabrés Quintana, 1923-1927 e suo figlio, 1930-1936. Tra gli oggetti di bronzo che sono state scoperte fosse una norma romana di un giovane universitario (Collegium Iuvenum) del secondo o terzo secolo dC, un Esculapio (Asclepio), e una testa di cavallo ; questi oggetti sono ora in mostra al Museo Archeologico Nazionale (Museo Nacional Arqueológico) a Madrid. Gli scavi concentrati sul Camp d'en França tra i mandorleti, dove dovrebbe essere il forum della città e dintorni negozi (tabernae).

Nel 1952, una fondazione statunitense, Fundación Hispanoamericana Bryant, ha acquisito il terreno che si trova intorno al teatro romano ; dal 1953, la zona mineraria del teatro è stata condotta in modo sistematico. Dal 1957-1962 gli scavi spostati a nord nella zona di Sa Portella, che è stato portato alla luce una zona residenziale della città romana. La Fondazione Bryant ha finanziato la ricerca archeologica di Pollentia fino al 1997. Nel 1956, la Fondazione Bryant ha acquistato una villa a Alcúdia, la Can Domènech, per fare un (Centro Arqueológico Hispano-Americano de las Islas Baleares) centro archeologico ; la Can Domènech è ora la sede del Consorzio della città romana di Pollentia (Consorci de la Ciutat Romana de Pol·lèntia), Carrer Major, 9 ; non può essere visitato.

Gli scavi continuano Pollentia ogni anno durante l'estate, soprattutto sui mesi del forum ; essi sono, dal 2000, finanziate dal Consorzio.

InformazioniInformazioni pratiche

Orario di visitaOrario di visita
Le rovine della città romana di Pollentia a Maiorca - Piano della visita - Clicca per ingrandire l'immagine
L'ingresso al sito archeologico di Pollentia è di fronte alla chiesa di San Giacomo, Avinguda dels Prínceps d'Espanya, s / n.

Un percorso concreto collega i tre siti di scavo Sa Portella, Forum e teatro.

Ore estate (da maggio a settembre) : dal martedì alla Domenica, dalle ore 9:30 alle ore 20 ; lunedì e festivi chiuso.

Orario invernale (da ottobre ad aprile) : martedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 16 ; Sabato e Domenica, dalle ore 10 alle ore 14 ; chiuso il lunedì e giorni chiusi.

Quota di iscrizione : € 3. Il prezzo del biglietto include la visita Museo Monografico di Pollentia.

Telefono : 00 34 971 184 211

Il Museo Monografico di Pollentia si trova Carrer Sant Jaume, 30, nei pressi della chiesa di San Giacomo.

Dovrebbe essere trasferito al Can Domènech dove era il Museo della Fondazione Bryant nel 1980.

Telefono : 00 34 971 547 002

Altri temiAltri temi

Filiazione dell'argomento
Isole Baleari > Maiorca > Contea di Raiguer > Alcúdia > Città romana di Pollentia
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
La città di Alcúdia a Maiorca - Le rovine romane di Pollentia
Il villaggio di Port d'Alcúdia a Maiorca
Argomenti più ampi
Accoglienza
La città di Alcúdia a Maiorca
La città di Selva a Maiorca
La città di Campanet a Maiorca
La città di Búger a Maiorca
La città di Sa Pobla a Maiorca
La città di Inca a Maiorca
La città di Binissalem a Maiorca
La città di Alaró a Maiorca
Argomento sopra ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, premete su questo legame per fare apparire i frammenti.