AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Binissalem a Maiorca

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Minorca] [Maiorca] [Ibiza] [Formentera] [Cabrera] [Pagina d'inizio] [Baleari] [Via Gallica]
Rubriche[Foto] [Presentazione] [Situazione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
Binissalem è un piccolo centro agricolo - prevalentemente rurale - dell'ovest della pianura di Maiorca, anche se la città è amministrativamente parte della contea di Raiguer. La città conta circa 7.500 abitanti, “Binissalamers„ che hanno mantenuto il loro modo di vita tradizionale, dal momento che la città è stata poco colpita dal turismo (la spiaggia più vicina dista 30 km). Tuttavia molte persone stanno lavorando per Palma, una distanza di soli 25 km.
EtimologiaEtimologia e toponomastica
La città di Binissalem a Maiorca - Scudo della città Il nome Binissalem proviene dall'arabo “Bin Selim„ (“il figlio di Selim„) ; questo nome è fissata dal XVI secolo. Del XIII al XVI secolo, la città fu chiamata Robines, che designa il centro di Binissalem (vedi oggi Nostra Signora di Robines).

Il patrono di Binissalem è San Giacomo, celebrato il 25 luglio ; lo scudo della città indossa una conchiglia di San Giacomo.

In spagnolo castigliano, Binissalem è scritto Binisalem.

SituazioneSituazione

La città di Binissalem a Maiorca - Situazione di  Binissalem a Maiorca (autore Joan M. Boras). Clicca per ingrandire l'immagine.
La città di Binissalem è situata nel centro dell'isola, sulla strada che collega i due principali colonie romane di Maiorca, Pollentia al nord-est e Palmera al sud-ovest. Binissalem è sulla strada Ma-13A raddoppiato oggi l'autostrada Ma-13 ; la città è un po 'lontano dal flusso di traffico che collega Palma (26 km) a Alcúdia (33 km), che gli conferisce una certa tranquillità. Binissalem dista solo 7,5 km di Inca, la capitale del Raiguer.

Il comune di Binissalem fiancheggia i comuni di Alaro, di Consell di Inca, di Lloseta e di Sencelles.

La regione di Binissalem, é situata ai piedi della Serra de Tramuntana, è piuttosto piatta e bassa (139 m in media) ; la vetta più alta è il Penyal des Bous (roccia dei buoi) tra Alaro e Binissalem, con 408 m di altitudine.

VisiteVisite

La città di Binissalem a Maiorca - La pietra di Binissalem. Clicca per ingrandire l'immagine.Binissalem goduto di grande prosperità del XVII secolo fino all'inizio del XIX secolo, grazie alla sua produzione di vino ; questa volta la città conserva un gran numero di individui e ricchi proprietari terrieri fece costruire in città, oltre ai palazzi che possedevano i suoi hotel di terra. Queste case sono costruite con pietra bianca della regione Binissalem (Pedra de Binissalem), le cui carriere di calcare erano quasi anche considerate che la sua vigna.

Binissalem è la città di Maiorca ha il maggior numero di palazzi, dopo la capitale, Palma. Questi palazzi si trovano nel centro della città - ora restaurato - attorno alla chiesa parrocchiale imponente di Nostra Signora di Robines, fatta anche della stessa pietra bianca. A volte gli edifici accanto a più moderni, rompendo lo stile architettonico del centro della città.

Il più noto di questi sono i palazzi Can Gelabert de la Portella e Can Sabater. Ma gli altri sono la pena dare un'occhiata : Ca n'Antic, Can Beltran, Can Corneta, Can Bugle, Can n'Enric Sureda, Can Ferrer, Can Garover, Can Garriga (con una lunga facciata barocca), Cal General Morante (portico barocco con colonne ottagonali) Can Marc (facciata barocca) Can Novell, Can Tiró de ses Bolles, che ha una facciata di stile manierista…

Posto merita una visita anche di Pou Bo (buona fonte) con il suo antico pozzo, che era in origine il centro del paese, citato in documenti risalenti al 1341 e la bellissima porta della Cas Capità Bissó.

Per il patrimonio architettonico, il centro storico di Binissalem è stato dichiarato nel 1983, sito di interesse storico ed artistico, dandogli una protezione speciale.

ChiesaLa Chiesa di Nostra Signora di Robines (Església de Nostra Senyora de Robines / Iglesia de Nuestra Señora de Robines)
La città di Binissalem a Maiorca - Madonna di Binissalem (autore Pla). Clicca per ingrandire l'immagine.La costruzione della prima chiesa di Nostra Signora di Robines risale al XIII secolo (1248) ; è stato costruito - come spesso - un ex moschea ; la chiesa fu trasformata alla fine del XVI secolo e l'inizio del XVII secolo, pur mantenendo il suo stile gotico. Il suo campanile, stile neogotico, è stata completata nel 1908 ; questa torre è il simbolo della città di Binissalem, visibile lontano dalla pianura. Nostra Senyora de Robines deve il suo nome al vecchio nome del paese, Robines.

All'interno, l'altare è pale d'altare barocche con il XVII secolo. L'organo fu costruito nel 1854 da Antoni Portell ; a destra del cancello, nella  Capella de la Purissima, è una scultura in legno policromo del Mare de Déu Morta (la Madre di Dio morta).

CasaLa Casa Can Sabater
La Can Sabater è una dimora risalente al XV secolo e ristrutturato nel XVIII secolo, che fu poi la seconda casa di un medico e scrittore famoso catalano Llorenç Villalonga (1897-1980). Lo scrittore, un sostenitore della Falange, ha trascorso le estati lì e ha trascorso la guerra civile ; questo è dove scrisse uno dei suoi romanzi più famosi “Bearn o La sala de les nines„. Nel 1996, il palazzo, ben conservato, è stata acquisita da parte del Consiglio di Maiorca e trasformato in un museo Llorenç Villalonga (Casa Museu Llorenç Villalonga).

Visita la Can Sabater per scoprire la vita quotidiana di una delle case dei maestri, con forno a legna, serbatoi vino del XVIII secolo, la cantina per la pigiatura delle uve, ai piedi delle scuderie… ; i mobili dalla famiglia Villalonga. I concerti si tengono nel giardino in estate.

Indirizzo : Carrer de Bonaire, 25

Orari : dal lunedì al sabato, dalle ore 10 alle ore 14 ; aperto anche dalle 16 alle 18, il martedì e giovedi.

Quota di iscrizione : gratuita

Telefono : 00 34 971 886 014

Sito sul web : www.cmvillalonga.org

CasaLa casa Can Gelabert de la Portella
La Can Gelabert è una tipica casa di Maiorca con un patio e sale affrescate in stile pompeiano. Lo scrittore maiorchino Llorenç Moyà Gilabert (1916-1980), è nato e vissuto in questa casa. L'edificio, in gran parte convertito tra i secoli XVII e XIX secolo, rimane un imponente arco gotico.

L'edificio appartiene oggi al comune e ospita una sala per esposizioni temporanee, un centro benessere e una biblioteca. Il patio è diventata un parco giochi per bambini.

Casal de Cultura Can Gelabert

Indirizzo : Carrer de la Portella s / n

Orario : lunedì a venerdì, dalle 15 alle 21 ; sabato dalle 17 alle 19:45.

Quota di iscrizione : gratuita

Telefono : 00 34 971 886 531

CantinaCantina Ferrer (Celler Ferrer)
Diverse cantine di Binissalem - ed altri villaggi circostanti - possono essere visitati, con o senza appuntamento. È la cantina più visitato José Ferrer, fondata da José Ferrer nel 1931, le viti sono ancora gestito dalla famiglia Ferrer. I suoi vini sono considerati tra i migliori in Mallorca.

La bodega Franja Roja della famiglia Ferrer si trova alle porte sud di Binissalem, Carrer del Conquistador, 103, vicino alla strada per Palma di Alcúdia.

Orari di apertura : lunedì al venerdì, dalle 9 alle ore 19 ; Sabato 10 alle ore 14

Potrete assaggiare prima di acquistare (8-10 € bottiglia per i vini ordinari).

Per il tour, è meglio chiamare in anticipo. Telefono : 00 34 971 511 050

Prezzo della visita : 5,50 €

Sito sul Web : www.vinosferrer.com

ConoscenzaStoria, geografia, arte, tradizioni, flora…

StoriaStoria
Al momento della distribuzione della terra, dopo la riconquista, i fermi mori di Robines, Beni Salam, Beni Rasjell e altri sono stati assegnati al visconte di Béarn. Il paese prende il nome prima Robines ma Beni Salam ha guadagnato importanza e ha dato il suo nome alla località.
EconomiaEconomia
ViticolturaViticoltura
La regione di Binissalem ha ottime condizioni per la coltivazione della vite ; si trova su un altopiano ad un'altitudine compresa tra 125 me 300 m, ed è protetto contro il freddo in inverno e venti settentrionali umidi dalla Serra d'Alfàbia. I suoli sono leggeri e povera di nutrienti, con strati di calcare sulla terra battuta, che contribuisce alla conservazione delle acque sotterranee. Il clima è un clima marittimo mediterraneo, con estati calde e brevi inverni miti. Il calore eccessivo in estate è il principale volto coltivatori problema. Le piogge si verifica principalmente in autunno sotto forma di temporali.

La cultura della vite è iniziato al tempo dell'impero romano ; nel primo secolo dC, Plinio i vini di Maiorca paragonato ai migliori vini d'Italia. Durante l'occupazione musulmana, e nonostante il divieto del Corano, la coltura della vite ha continuato, e quando il re Jaume I conquistò l'isola nel 1230, il Moro Beni Abet gli ha dato uve di ottima qualità. Nella produzione del vino XIV secolo era già considerevole.

La produzione è aumentata di nuovo nella seconda metà del XIX secolo, dopo la vigna francese fu devastato nel 1862 dalla fillossera americano, e che la Francia doveva importare vino dalla Spagna e Italia per soddisfare la sua domanda interna. L'esportazione di vino Maiorca ha raggiunto il picco nel 1890 con 300.000 ettolitri ; ci sono stati circa 27.000 ettari di vigneti in Mallorca. Ma nel 1891, la fillossera raggiunse l'isola di Maiorca, distrusse le vigne e fu una delle principali cause dell'emigrazione tra il 1891 e il 1895. Durante la prima metà del XX secolo, la superficie totale vigneti varia tra 5000 e 8500 ha, con l'introduzione di viti americane resistenti alla fillossera, che porta innesti varietà europee. La cultura della vite aveva lasciato il posto a una cultura di mandorla.

La città di Binissalem a Maiorca - Mappa della Strada del Vino. Clicca per ingrandire l'immagine.La viticoltura trovato vigore nella seconda metà del XX secolo con la domanda turistica per i vini di qualità. Nel 1991, la regione è stata la prima regione Binissalem Maiorca per ottenere la Denominazione di Origine (“Denominació d'origen„) prima del “D. O. Pla i Llevant„ della zona di Porreres. La “D. O. Binissalem„ copre il comune di Binissalem, con una superficie di 400 ettari di vigneti, ma anche copre i comuni di Santa Maria del Camí, Sencelles, Consell e Santa Eugenia.

L'uva rossa locale, Manto Negro, rappresenta circa il 50% di uve rosse coltivate, gli altri sono il Cabernet Sauvignon, il Callet, il Tempranillo, il Monastrell, il Syrah e il Merlot. L'uva bianca locale, il Moll (noto anche come il Prensal Blanc) rappresenta circa il 70% di uve bianche piantate, gli altri sono il Macabeo, il Parellada, il Chardonnay e il Moscatel.

TradizioneTradizioni
La Festa della Vendemmia (Festa del Vermar o Sa Vermada si tiene l'ultima Domenica di Settembre. Un tipico Binissalem piatto, la “Fideus des Vermar„ - uno stufato a base di carne di agnello, pasta, olio d'oliva e vino rosso e così via. - È preparato per questa occasione ; partito dà luogo a danze, sfilate e alcuni libagioni…

InformazioniInformazioni pratiche

TrenoTrasporti ferroviari
La stazione di Binissalem è servita da frequenti servizi da Palma a Inca, continuando a Sa Pobla e Manacor.

Allo stesso modo, gli autobus che collegano Palma a Inca si fermano ad Binissalem, a due stazioni della Carretera de Palma.

MercatoMercato
Il mercato settimanale si svolge il venerdì mattina.
HotelHotel
Albergo di Scott
Anche se Binissalem non è una destinazione turistica, la città ha uno dei migliori boutique hotel di Maiorca : hotel di Scott.
L'hotel Scott's è situato al centro di Binissalem, piazza della Chiesa, in un antico palazzo fatiscente, risalente al 1783, che è stato restaurato nel 1995. L'Hotel di Scott è un'oasi di lusso. Le 18 camere dispongono di un ambiente raffinato e decorate individualmente, biancheria da letto eccellente, piuma d'oca cuscini e tappeti persiani ; l'hotel dispone di una piccola piscina e un cortile fiorito romano.

Indirizzo : Plaça de l'Església, 12

Telefono : 00 34 626 486 644 (nel 2013, hotel di Scott era in vendita e accettava più prenotazioni).

Sito sul web : www.scottshotel.com

Altri temiAltri temi

Filiazione dell'argomento
Isole Baleari > Maiorca > Contea del Raiguer > Binissalem
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
La città di Alcúdia a Maiorca
La città di Selva a Maiorca
La città di Campanet a Maiorca
La città di Búger a Maiorca
La città di Sa Pobla a Maiorca
La città di Inca a Maiorca
La città di Binissalem a Maiorca
La città di Alaró a Maiorca
Argomenti più ampi
Inizio
Mappa interattiva dell'isola di Maiorca
L'isola di Maiorca - Brochure OET
L'isola di Maiorca - Brochure delle escursioni
L'isola di Maiorca - Brochure delle strade dell'artigianato
L'isola di Maiorca - Brochure gastronomia
L'isola di Maiorca - Mappa di transito
L'isola di Maiorca nelle isole Baleari - Storia
La contea di Palma di Maiorca
La contea della Serra de Tramuntana a Maiorca
La contea del Raiguer a Maiorca
La contea della Pianura di Maiorca (Pla de Mallorca / Llanura de Mallorca)
La contea del Levante (Llevant) a Maiorca
La contea del Mezzogiorno (Migjorn) a Maiorca
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.