AlbanieAllemagneAngleterreArméniePays basqueBiélorussieBulgarieCatalogneCroatieDanemarkEspagneEstonieFinlandeFranceGalicePays de GallesGéorgieGrèceHongrieIrlandeIslandeItalieEmpire romainLettonieLithuanieMacédoineMalteNorvègePays-BasPolognePortugalRoumanieRussieSerbieSlovaquieSlovénieSuèdeTchéquieUkraïne
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

Il villaggio e il mulino di Tiscamanita a Fuerteventura

[Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Fuerteventura] [Gran Canaria] [La Gomera] [La Palma] [Lanzarote] [Teneriffa] [El Hierro] [Pagina d’inizio] [Canarie] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
Il villaggio di Tiscamanita a Fuerteventura. Mulino. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Tiscamanita è un piccolo villaggio agricolo di circa 500 abitanti, a sud dell’isola di Fuerteventura. Tiscamanita fa parte del comune di Tuineje.

Il villaggio di Tiscamanita a Fuerteventura. fattoria in rovina (autore Luca Guzzo). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).All’inizio del XX secolo il borgo poteva competere con la sua popolazione Tuineje; ma oggi molte aziende agricole dei villaggi vecchi vengono abbandonati e rapidamente cadendo a pezzi.

PosizionePosizione

Tiscamanita è situato a 4 km al nord est di Tuineje sulla strada FV-20 che collega Tuineje a Antigua (a 9 km al nord est); Pájara si trova ad 11 km all’ovest.

Il villaggio di Tiscamanita a Fuerteventura. La Caldera de Gairía (autore Og Mac ind). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).A est del paese si trova il vulcano di Caldera de Gairía, una delle ultime strutture vulcaniche dell’isola di Fuerteventura; è un vulcano stromboliana, con un’altezza di 461 metri. Questo recente attività vulcanica ha creato una zona arida in molto particolare ambiente biologico.

La cenere vulcanica dal vulcano sono stati a lungo sfruttati, tra cui il «tecnica agricola cultivo enarenado » («La cultura insabbiato») dove i campi sono coperti di pozzolana a preservare il suolo da evaporazione dell’acqua dai potenti venti della regione. carriere pozzolana hanno lasciato crepe profonde nei fianchi del vulcano, ma la Caldera de Gairía è ora protetto come monumento naturale.

Nonostante il suo spopolamento, Tiscamanita rimane uno dei centri agricoli di tutta l’isola. Nel fondovalle relativamente umide delle gole (calanchi) sono i cereali coltivate in campi irrigati dalle turbine eoliche che pompano le acque sotterranee da una maggiore profondità.

VisiteVisite

CappellaLa cappella di San Marco Evangelista (Ermita de San Marcos Evangelista)
Il villaggio di Tiscamanita a Fuerteventura. Cappella di San Marco (autore gmbgreg). Clicca per ingrandire l'immagine in Panoramio (nuova unghia).Cappella di San Marco è al margine meridionale del villaggio di Tiscamanita, Calle San Marcos s / n.

La Ermita de San Marcos fu fondata dai Francescani alla fine del XVII secolo; registrazione - posto sopra l’arco del portale - mostra la data 1699. L’influenza dei Francescani si riflette nella sobrietà non privo di grazia del palazzo, e il muro merlato che circonda l’edificio. La semplice facciata ha preso la sua forma attuale nel 1750; è fiancheggiata da due torri di dimensioni disuguali. La cappella è coperto da un tetto di tegole rosse.

ReceptionIl Centro d’Interpretazione dei Mulini (Centro de Interpretación de los Molinos)
Il villaggio di Tiscamanita a Fuerteventura. Mulino. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il Centro di Interpretazione dei Mulini Tiscamanita è installata in un mulino a vento e le sue dipendenze (casa del mugnaio) risalente al XIX secolo, ma accuratamente restaurato. Questo museo etnografico presenta la storia del mulino, i diversi tipi di mulini, la costruzione di mulini, coltivazioni di cereali e la produzione di «gofio» a Fuerteventura, fin dai tempi pre-ispanici ai giorni nostri.

Per secoli, il gofio era l’alimento base degli abitanti dell’isola, i Mahos indigeni poi dopo il Normanno e conquista spagnola, i Majoreros. Il gofio - come Mahos se stessi - è di origine berbera. Si tratta di una farina tostata cereali, ricchi di proteine, vitamine e minerali essenziali per il consumo umano; il gofio è mangiato in molte forme. L’importanza vitale di gofio per la sopravvivenza umana durante la carestia ha fatto - e fa ancora - il cibo iconico delle isole Canarie e la loro cultura popolare.

Il villaggio di Tiscamanita a Fuerteventura. Mulino. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Aborigeni riuniti cereali selvatici come orzo e frumento, che arrostivano quindi schiacciavano in mortai di pietra scavate a forma di nave, e macinare in mulini a mano sono costituiti da due pietre girando uno su un’altra. coloni spagnoli hanno ripreso l’uso di mulini a mano Mahos senza molto miglioramento, e utilizzati - oltre a orzo e frumento - segale e mais, cereali quando questo originario del Sud America è stata introdotta nel Europa. Uno di questi mulini a mano può essere visto nella cucina del Centro Interpretazione; i visitatori possono provare se stesso per macinare una manciata di grano così come gli aborigeni.

In seguito, abbiamo usato il «tahona» una macina verticale eretta e trainati da cavalli circolarmente, buoi o anche un gruppo di uomini; il «tahona» è stato generalmente situato in uno stesso involucro contadina. Grano fresatura e la fabbricazione di gofio spesso costituivano un evento sociale.

Il villaggio di Tiscamanita a Fuerteventura. Mulino. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Alla fine dei mulini a vento settecenteschi apparso nel paesaggio di Fuerteventura, sfruttando gli alisei che soffiano quasi costantemente sull’isola. I primi mulini a vento sono stati introdotti dalla Castiglia, sul modello dei giganti contro cui hanno combattuto don Chisciotte. Questi cosiddetti Mulini «maschio» (molinos) erano solidi edifici in muratura di pietra e argilla, bianche, con una forma di cono circolare, coronato da una vite di legno, che è stato trasformato da una barra per guidare le lame vento. Il «molino» contiene due o tre livelli sul livello inferiore vengono utensili utilizzati dal mugnaio memorizzato; al piano intermedio, farina o gofio sia raccolto, mentre il piano superiore ospita il meccanismo di rettifica, una macchina di legno e ferro.

Il villaggio di Tiscamanita a Fuerteventura. Mulino. Clicca per ingrandire l'immagine.A partire dalla seconda metà del XIX secolo, questi mulini «maschio» dividono il paesaggio dell’isola con i mulini a vento «femmina», i «molinas» fragile e certamente un uso più pratico, inventato da Isídoro Ortega Sánchez (1843-1923 ), nativo di Santa Cruz de La Palma. Il «molina» ha il vantaggio sul «molino» che tutti manipolazione dei cereali e dei processi di fresatura vengono eseguite su un unico piano, eliminando la necessità di andare su e giù per il mugnaio bilancia, carichi di borse pesanti grani. Nella interpretazione centrare un modello per comprendere la differenza tra i due tipi di mole, che sono diffusi sull’isola. Un campione può essere visto «molina» su Tefía, tra gli altri.

Nel XX secolo, i mulini anche coabitato con l’estrazione di acqua vento, localmente chiamato «chicagos» a causa della loro popolarità negli Stati Uniti, nonostante la loro origine europea. Mulini a vento a poco a poco sostituito i mulini a mano e tahonas; contadini preferivano portare il grano, miglio e orzo al mugnaio, che ha raccolto la sua parte di grano e altri prodotti agricoli fino al XX secolo, quando diffuso era il pagamento in contanti.

Le ali di mulini a vento girato nel cielo di Fuerteventura fino a cambiamenti economici in pensione spinta nella seconda metà del XX secolo, quando il lavoro di mugnaio scomparì quasi completamente dell’isola.

Il villaggio di Tiscamanita a Fuerteventura. Mulino. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Accanto al museo, una magnifica copia mulino di «maschio» attende l’arrivo di visitatori. Si può scoprire dall’interno e - se il vento è favorevole - vederlo lavorare. Se si ha la possibilità di parlare con il mugnaio che spiegherà la fresatura e le belle parole che utilizza: il grano passa dalla tramoggia al secchio, e poi distanziati tremore ritmico che stampa il movimento bacheca cade tra le macine e perde la sua consistenza nel morso delle scanalature; il gofio o farina cade dal trogolo nella borsa che attende al piano di sotto, avvolgendo la costruzione di un aroma intenso.

IlCentro di Interpretazione dei Mulini è stato aperto alla fine del 1997; è parte della Rete dei Musei Fuerteventura, a seconda Patrimonio Storico Dipartimento sulla storia delle isole (Patrimonio Histórico del Cabildo Insular). Forma un insieme etnografico e storico con il Centro d’Artigianato del Mulino d’Antigua (Centro de Artesanía Molino de Antigua), il museo del grano di La Oliva (Museo del Grano) ed il eco-museo di La Alcogida (Ecomuseo de La Alcogida) di Tefía. Questi mulini sono collegate dalla «Strada dei Mulini» («Ruta de los Molinos»).

Visita il Centro de Interpretación de los Molinos di Tiscamanita :

Se riusciamo a Tuineje su strada FV-20, svoltare a sinistra, poi a destra, dietro il bar Tío pepe.

Orari: Aperto dal martedì al sabato, dalle 10 ore alle 18 ore.

Telefono: 00 34 928 164 275

Prezzo: 2 €.

Il Centro dispone di molti oggetti e pannelli informativi sulla storia del mulino; guida gratuita è disponibile in diverse lingue.

Dopo la visita, il personale del Centro offre ai visitatori una caramella a base di gofio - terra nel centro Mill - olio e zucchero. È anche possibile acquistare gofio.

FabbricaLa fabbrica di prodotti CanaryAloe
Quando si lascia Tiscamanita dalla strada FV-20 in direzione Tuineje, vediamo, dopo 800 metri, la sala principale della fabbrica Avisa, circondata da campi di aloe. L’azienda, fondata nel 1989, è il più antico produttore europeo di prodotti cosmetici a base di aloe vera (Aloe vera); i suoi prodotti (shampoo, gel, creme …) sono venduti con il marchio CanaryAloe.

Il villaggio di Tiscamanita a Fuerteventura. Champ aloe vera (Aloe vera) (Nikodem Nijaki autore). Clicca per ingrandire l'immagine.In Fuerteventura, i campi di aloe si trovano intorno al villaggio di Tiscamanita è un importante zona di produzione. In Lanzarote ci sono più grandi piantagioni vicino a Teguise e Arrieta. Il settore è in forte espansione ed il aloe vera è sulla buona strada per diventare una grande industria. Al fine di ottenere un prodotto più puro possibile alcune piantagioni in Fuerteventura producono organicamente, e deliberatamente evitano l’uso di pesticidi e fertilizzanti chimici.

Dopo tre o quattro anni, le foglie esterne della pianta può essere raccolto. Vengono poi sbucciate manualmente; la carne gelatinosa della pianta ha poi essere filtrato solo; poi, in forma di gel, serve come base per medicamenti o cosmetici. Nella medicina popolare, aloe vera è stata a lungo usata come rimedio: la pianta è usata esternamente contro le scottature, irritazioni e piccoli tagli.

Indirizzo: Carretera General de Sur, Km 30, Tiscamanita

Ore: lunedì a venerdì, ore 8 alle ore 18.

Telefono: 00 34 928 164 240

Sito sulla «Tela»: www.aloetiscamanita.com

Prodotti Ordina: ventas@aloetiscamanita.com

È possibile acquistare i prodotti direttamente sul cortile della fabbrica.

Informazioni praticheInformazioni pratiche

MeteorologiaMeteo e previsioni

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Canarie > Fuerteventura > Tuineje > Tiscamanita
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Il villaggio e il mulino di Tiscamanita a Fuerteventura
Il villaggio di Las Playitas e il faro di La Entallada a Fuerteventura
Il villaggio di Gran Tarajal a Fuerteventura
Il villaggio di Tarajalejo a Fuerteventura
Argomenti più ampi
Accoglienza
Carta interattiva dell'isola di Fuerteventura
La città di La Oliva a Fuerteventura
La città di Puerto del Rosario a Fuerteventura
La città d'Antigua a Fuerteventura
La città di Tuineje a Fuerteventura
La città di Pájara a Fuerteventura
La città di Betancuria a Fuerteventura
La flora e la fauna dell'isola di Fuerteventura
L'isola di Fuerteventura - Opuscolo dell'UT

[Argomento ascendente] [Argomento seguente]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.