AlbanieAllemagneAngleterreArméniePays basqueBiélorussieBulgarieCatalogneCroatieDanemarkEspagneEstonieFinlandeFranceGalicePays de GallesGéorgieGrèceHongrieIrlandeIslandeItalieEmpire romainLettonieLithuanieMacédoineMalteNorvègePays-BasPolognePortugalRoumanieRussieSerbieSlovaquieSlovénieSuèdeTchéquieUkraïne
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura

[Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Fuerteventura] [Gran Canaria] [La Gomera] [La Palma] [Lanzarote] [Teneriffa] [El Hierro] [Pagina d’inizio] [Canarie] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale
Tefía è un piccolo villaggio agricolo nel nord-est del dell’isola di Fuerteventura; dal 1970, l’agricoltura sta vivendo una forte diminuzione della popolazione e non più conta poco più di 200 abitanti. Molti residenti hanno lasciato per la capitale dell’isola, Puerto del Rosario, che è anche il capoluogo del comune.

Tefía è meglio conosciuto per il museo del La Alcogida perpetuare le tradizioni rurali dell’isola. La cappella di S. Agostino, patrono del paese, è anche di grande interesse.

PosizionePosizione

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Il Tefía mulino (autore Rick Eisenmenger). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Tefía si trova nel mezzo di una vasta pianura nel nord-ovest dell’isola. Questa pianura è delimitata, all’est, dalla catena montagnosa formata dallo Pico de la Fortaleza («Picco della Fortezza»), lo Morro de Facay (Collina di Facay) e la Montañeta de Martinez (monte di Martínez).

Sud domina montagna Bermeja si compone di rosso pietra pomice materiale utilizzato tradizionalmente per gli angoli e diversi tipi di edifici, come può essere visto su varie case della località. A ovest si trova una vasta pianura dominata da un mulino gofio che ha la particolarità di avere sei ali, mentre la maggior parte dei mulini dell’isola possiedono solo quattro.

Tefía si trova 21 km a ovest di Puerto del Rosario, la strada FV-10 e la strada FV-207. La città di La Oliva si trova a 14 km a nord est di Tefía e Betancuria 19 km a sud.

VisiteVisite

CappellaLa cappella di Sant’Agostino (Ermita de San Agustín)
La cappella di Sant’Agostino fu costruita nel 1713; il primo edificio, finanziato dalla gente del posto, era piuttosto piccola, ma ristrutturazioni ed ampliamenti successivi hanno portato alla cappella che vediamo oggi. La cappella è circondato da un antemurale nicchie forniti.

Il patrono del paese, Sant’Agostino, si festeggia il 28 agosto.

Mulino a ventoIl mulino di Tefía (Molino de Tefía)
I mulini «maschile» (molinos) e mulini «femminili» (molinas), spinto dal vento, sono state introdotte per la isola di Fuerteventura alla fine del XVIII secolo e conosciuto uno sviluppo notevole grazie all’abbondanza di grani anni precipitazioni e la presenza di venti molto consistenti e molto forti maggior parte dell’anno. I mulini a vento sono stati sostituiti in parte mortai, mulini manuali e ruote di trazione animale (tahonas), anche se tutti questi dispositivi hanno continuato ad essere utilizzati fino a poco tempo in abitazioni rurali, quando la quantità di grano da frantumare era scarsa.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Meccanismo di un mulino di sesso maschile (molino). Clicca per ingrandire l'immagine.Il mulino di sesso maschile (molino) è un rastremata muratura in pietra dell’edificio, argilla e calce che ha due o tre livelli. A livello inferiore sono depositati gli utensili del mugnaio; il livello medio è memorizzato grano prima fresatura e farina dopo la fresatura; il livello superiore è il meccanismo di macinazione. La parte superiore del mulino è coperta da un tetto di legno che ha la particolarità di essere girevole, potendo essere girato tramite un attrezzo per orientare le ali nella direzione del vento.

Mentre ci sono macine sei ali, la maggior parte hanno solo quattro ali. Quando posto dal vento, le ali ruotare l’ingranaggio che a sua volta, fa ruotare un ingranaggio che aziona la rotazione della macina mobile sopra la macina fissa, provocando la macinazione grano. Il grano viene versato in una tramoggia da dove cade in una grondaia che conduce alle macine. Farina cade in un contenitore in fase centrale, dove viene immagazzinato in sacchi. I grani più comuni sull’isola erano frumento e orzo, e, in misura minore, avena, segale, e anche i ceci e piselli. Quando i fagioli sono arrostiti prima che il risultato della routine si chiama gofio.

Il mulino Tefía risale al 1930, anche se il suo meccanismo è precedente, dal momento che apparteneva al mulino di Rafael «el cantero» (Raffaello il vettore) del comune di La Oliva. Dal 1994 il mulino è stato dichiarato di interesse culturale (Bien de Interés Cultural, BIC) nella categoria dei artistico monumento storico.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. mulino maschile (molino). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. mulino maschile (molino). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. femmina Moulin (Molina). Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Museo etnograficoIl museo della Alcogida (Ecomuseo de la Alcogida)
Il museo La Alcogida un museo all’aperto etnografico che ricrea la vita rurale tradizionale dell’isola di Fuerteventura, nel XIX e all’inizio del ventesimo secolo. Il museo è ospitato nelle case della frazione di La Alcogida situata a circa 1 km a sud ovest del villaggio di Tefía sulla strada FV-207, in direzione Betancuria.

Le persone che hanno vissuto in questo luogo tradizionalmente era dedica a allevamento di bovini e coltivazione del grano. Queste attività economiche hanno lasciato il segno sul paesaggio che è stato condizionato nel tempo alla cultura e ad approfittare delle risorse idriche.

Il paese deve il suo nome alla vicinanza di un «alcogida», vale a dire, un campo per la raccolta dell’acqua piovana; L’acqua viene trasportato in vari serbatoi. L’aridità del terreno e la bassa piovosità annua costretto gli abitanti a sviluppare un complesso sistema di raccolta delle acque: fossati, serbatoi, filtri, tubi e pozzi, gli elementi che sono integrati nel paesaggio La Alcogida. Il museo conserva gli abitanti del luogo hanno dato nome a questa zona, perché tutto è a terra per raccogliere l’acqua piovana che correva nei fossi nelle vicinanze.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. il Piano Il museo Alcogida. Clicca per ingrandire l'immagine.La frazione di La Alcogida è stato in parte abitata fino al 1970 ed era in rovina. Perché il resort è composto da un insieme di abitazioni rappresentativi di architettura tradizionale domestica di Fuerteventura, il borgo è stato restaurato nel 1990 da parte del Capitolo Insulare (Cabildo Insular) per diventare un museo etnografico; le case in rovina sono stati restaurati secondo l’architettura tradizionale e materiali originali. Il tour include la scoperta di sette case e villette in genere majoreras ma diverso architettonici: dal momento che la maggior parte delle case di famiglie benestanti elaborati a modesti edifici che richiamano l’umile contadino di Fuerteventura e la durezza della vita rurale. Ogni casa conserva il nome dei suoi antichi proprietari. Così si può vedere la casa del signor Jacinto, la signora Herminia, quella del sig Teodosio Ramos, o quelli di Herreras e Cabreras, le famiglie, in alcuni casi, hanno vissuto lì fino al 1970.

In questo museo viene ricreato vita tradizionale quotidiana dell’isola, con case arredate di contadini, annessi (forni, mulino trazione animale (tahona), fienili, stalle, fienili, ecc), animali domestici (capre, polli , mucche, asini majorero, e quello che è stato per secoli il compagno di lavoro degli abitanti: il dromedario), utensili domestici e agricoli, e le attività che facevano parte delle faccende quotidiane degli abitanti. Artigiani installati in alcune delle case per rendere il visitatore dell’artigianato: ceramiche, pizzi, ricami e vimini di palma o di vimini, formaggi e gofio. Il paese ha anche una propria coltivazione di piante delle Canarie. Si può assistere alla macinazione del grano attraverso la tahona, azionato da un piccolo culo un po ’triste, e tre volte alla settimana, un panettiere arriva pane speciale cuocere con anice in una piccola forni per il pane (horno de pan).

Visita il Ecomuseo La Alcogida:

Orario: tutti i giorni, eccetto il sabato e lunedì dalle 10 ore alle 18 ore.

Ingresso: 5 €.

Telefono: 00 34 928 175 434

C’è un negozio di souvenir (a casa del sig Jacinto) dove è possibile acquistare prodotti artigianali realizzati in loco, e un piccolo bar.

CasettaLa casa n° 1
Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. La casa No. 1. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La casa n° 1, Casa de Señor Jacinto, è diviso in due parti, una a nord, che corrispondeva alla zona giorno con dipendenze esposte a sud. Le porte della altro blocco, per gli animali, cucinare e «tahona» (mulino azionato da un asino) sono orientati a nord e ad ovest. Il patio centrale è chiusa ad est da una parete dotato di un vestibolo aperto a ovest.

L’alloggiamento è costruito interamente in pietra calcarea e cavità a vista sono sigillati con macerie e sterco.

Il rivestimento in portiere di cavoli lascia a scoperto alcune pietre di dimensione lavorate che decorano gli angoli e le cornici delle porte e finestre. Le pareti esterne di annessi cucina e stalle in cui si può vedere il taglio bordi in pietra di medie dimensioni rimangono nudi. Queste dipendenze hanno piccole finestre come un aerazione e lucernari in legno.

Il sistema di copertura è la stessa per quasi tutte le dipendenze: finito far fronte a granchio e confini completati da lastre di pietra servire da grondaie per proteggere la finitura. La stanza più ad ovest ha un tetto piano e travi disposti trasversalmente alla sua dimensione più piccola.

Altre caratteristiche interessanti di questa casa sono il forno per il pane sostenuto la parete sud-ovest del «tahona». A est, approfittando del vento dominante, c’è una piccola area in cui pratica di trebbiatura durante la raccolta, su un terreno pietre piatte prime. Nello stesso luogo apprezziamo la costruzione di un magazzino di paglia.

CasettaLa casa n° 2
La casa n° 2, Casa de Señora Herminia y Señor Donato un piccolo involucro di campagna alla sua funzione di base; anche se la sua architettura è la casa di queste famiglie povere. Si compone di tre lati stanze principali a fianco e due piccoli annessi costruiti contro l’Occidente.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Il Alcogida, sala da pranzo della casa # 2. Clicca per ingrandire l'immagine.Le pareti di pietra e fango sono montati in pietra lavorata sugli angoli e telai di porte e finestre. Essi sono parzialmente rivestiti con una miscela di calce e sabbia per le camere da letto, lasciando apparire un po ’grossa pietra. Dipendenze capannone e la cucina sono in pietra a secco senza raccordo.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. La Alcogida, camera da letto della casa # 2. Clicca per ingrandire l'immagine.I tetti variano a seconda stanza. Il braccio più a ovest, il risultato di una successiva estensione ha un tetto piano e travi di legno sulle pareti, rispettando la linea trasversale del pezzo. L’ostacolo è l’elemento che viene inserito tra le travi di rafforzare strato torta. camere comunicanti usano anche la canna e in questo caso, il tetto è in cappuccio, decorato con una sporgenza lastre di pietra che protegge la torta.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida La cucina della casa # 2. Clicca per ingrandire l'immagine.Il tetto della cucina, leggermente inclinata, facilita il flusso di acqua. I tronchi di tamerici sono utilizzati (tarajal) per travi e steli albero di tabacco (mimo) e tamerici (tarajal) (piante locali) tra ogni spazio.

La povertà di questa casa è evidente. Nella piccola cucina, la panchina di pietra serve fatta in casa di tre pietre su cui poggia il calderone.

La casa è chiusa a sud da un piccolo muretto a secco, la creazione di un patio coperto, dove vengono coltivate le erbe (menta, coriandolo, basilico, ecc) e piante da fiore (geranio, ecc).

L’orto, situato dinanzi alla casa, prodotto le verdure per nutrire tutta la famiglia agli, cipolle, ravanello, pisello, mais, et cetera.

CasettaLa casa n° 3
Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. La casa Alcogida # 3. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La casa n° 3, Casa de Señor Facundo, è composto da due blocchi rettangolari. Il più grande nel sud, ha cinque camere di cui tre per l’edilizia abitativa. Nord e ad ovest, due parti contrapposte sono utilizzati rispettivamente come stabile e come fienile. L’altro blocco, più piccolo, braccio singolo, sede di una cucina la cui apertura facce delle camere.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. La casa Alcogida # 3. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Questo habitat tradizionale ha la particolarità di avere alcun rivestimento esterno. allora si può apprezzare i materiali ei vuoti sono pieni di sassi. Gli angoli sono di colore rosso pietra vulcanica, estratta montagna Bermeja, e alcuni altri sono più leggeri di colore arenaria.

Usiamo anche la pietra per rendere sostenere archi sulla parte superiore delle porte. Lo spazio tra l’architrave e l’arco è pieno di macerie.

I tetti sono piatti e piovana viene scaricata, per alcuni, la terrazza attraverso un tubo di legno e altri doni per la parte posteriore della casa, nello stesso modo. Sulla più piccola lunghezza sono travi intervallati dove il fasciame è fissato con le bacchette per tenere la torta.

Nel nord, la casa dispone di un piccolo parco giochi e uno spazio per riporre le balle di fieno. Questa è una costruzione troncoconico, solitamente di orzo paglia all’esterno e cava internamente per immagazzinare prodotti come grano, quindi isolare dall’umidità e creando uno spazio chiuso, asciutto e ventilato per entrambi i prodotti di inattività.

CasettaLa casa n° 4
Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida casa # 4. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La casa n° 4, Casa de Señor Teodosio Ramos, si trova nel centro del paese d’Alcogida è un più completo sia funzionale e architettonicamente. È una costruzione di grande composto di due parti collegate da un cortile. A est, si va fuori di una porta di legno incorniciata di una grande parete, mentre il ferro nel sud, una piccola griglia è preso in prestito forgiato a lasciare.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida casa # 4. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Gli annessi utilizzati come abitazioni sono esposte a sud. Le altre sale sono utilizzati per scopi economici.

Tutti gli ornamenti sono realizzare in pietra e terracotta, i telai di porte e finestre vengono lavorati in pietra calcarea vulcanica.

La parte più notevole della casa è coperto di calce e sabbia, lasciando alcune pareti in pietra, e negli angoli e stipiti di porte e finestre.

Le pareti esterne della «tahona» (mulino alimentato da bovini) e quelle del cortile e stalla per essere rivestimento libero.

Sui sistemi chaperone tetto alternativi e tetti piani. Per consolidare la torta nei tetti piani sottotetto, è usato nelle camere da letto della canna. Per l’anno stabile con assi di legno e legno tamerici (tarajal) per «tahona».

Questo alloggio è dotato serbatoi, uno all’interno ed uno nel cortile. Essi sono coperti con una struttura in muratura arco sopra che si basano su lastre di pietra. Il serbatoio del patio raccoglie l’acqua che scorre dal tetto e la seconda cisterna dotata di uno schermo filtro è al di fuori del tribunale, nella parte posteriore della casa. Questo è breve e recupera l’acqua che scorre intorno. Questi vengono incanalate e quando il serbatoio è pieno sfocia nel patio.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, sala da pranzo della casa # 4. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, camera da letto della casa # 4. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, camera da letto della casa # 4. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, cucina casalinga 4. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, cucina casalinga 4. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, acqua filtrata da casa No 4. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La casa dispone di dipendenze direttamente connessi all’attività economica che si era sviluppato nella zona. Queste dipendenze sono il loft di paglia e la fattoria e una penna e «tahona» (all’interno mulino guidata da asini).

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, dromedario. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il fienile ospitava gli animali con il più grande valore di mercato, come bovini, cammelli, asini, muli, ecc …

Gli annessi al piano terra e sottotetto sono state usate come magazzini. Al piano di sotto, macchine per l’agricoltura sono stati tenuti, strumenti, e così via. La mansarda isolato per le colture dei negozi (formaggio, fichi e fichi d’india, pesce essiccato e così via).

Questa casa ha una «tahona» dipendenza che molte case non hanno avuto e che spesso appartenevano ed è stato utilizzato da più eredi.

La casa è inoltre dotata di una fornace di calce.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, Tahona casa # 4. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, trazione ass. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, Tahona casa # 4. Clicca per ingrandire l'immagine.
CasettaLa casa n° 5
Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, cortile della casa 5. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La casa n° 5, Casa de los Herrera, gli artigiani, una casa è più complesso nella struttura. Si compone di due case, una a forma di «L», rivolto a sud, e un altro, più grandi, a forma di «U» rivolto verso di esso.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, forno per il pane in casa 5. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Le pareti della costruzione sono fatte di pietra e angoli di fango e di pietra, ad eccezione del lato sud della casa. Il resto del rivestimento è parzialmente rivestita con calce e sabbia, rivelando alcuni grandi pietre squadrate sulle pareti e stipiti.

Ci sono due tipi di coperture, piatta e chaperone finito la torta, fango e gesso. L’accompagnatore è a sua volta diviso in due parti: le due parti si basano sulla trave di colmo e di raccordo; entrambi i lati basano sugli ingranaggi, vale a dire, essi sono posti in parallelo alla cresta.

Per migliorare il livello di torta, è utilizzato in alcune assi di legno annessi (incastrate), altri sono coperti di canne e quando le dipendenze hanno agito come «taro» (magazzino del grano e formaggio), ha rafforzato la con tamerice in legno (tarajal).

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Il Alcogida, fare il pane (autore Frank Vincentz). Clicca per ingrandire l'immagine.Le cavità sono riempite con pietre tagliate a forma e architravi con traversine di legno. Solo la sala principale «la sala», che si trova a ovest, che aveva fotogrammi della porta e la finestra in pietra arenaria chiara.

La maggior parte nord-ovest ha un piano irregolare. Le sue pareti non formano ogni angolo e trovato depressioni create per servire armadi e piccola finestra-aperture, rivelando che si trattava di un «taro».

In un piccolo recinto vicino alla casa, si possono vedere i resti di una vecchia piantagione di fichi d’india e agavi, resti delle diverse fasi economiche di Fuerteventura. Durante la seconda metà del XIX secolo, subito dopo la guerra civile, l’isola ha cresciuto grazie allo sfruttamento di cocciniglia e agave.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida casa 5. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, casa laboratorio 5. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Alcogida, casa formaggio 5. Clicca per ingrandire l'immagine.
CasettaLa casa n° 6
Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. La Alcogida, casa n ° 6. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La casa n° 6 Casa de los Cabrera, artigiani, è una casa costruita a forma di «L», con il nord, la parte più importante e le dipendenze a sud per le camere e la sala. Nell’ala ovest, più piccolo, è per la cottura.

Le camere situate in un angolo della casa hanno un piano terra e un attico.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Il Alcogida, forno per il pane della casa n ° 6. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Le pareti sono in pietra e fango. Bordi e cornici sono lavorate in pietra calcarea vulcanica, così come gli archi, architravi e certe porte. Al di là delle pareti della cucina, tutti gli altri sono parzialmente rivestiti con malta di calce e miscela di sabbia, lasciando scoperti i bordi delle cornici in pietra e porte.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Il Alcogida, laboratorio di tessitura della casa n ° 6. Clicca per ingrandire l'immagine.La copertura è piana e parti delle travi tra i quali sono stati collocati canne poggiano direttamente sulle pareti laterali e sostengono il coperchio torta. La cucina e il sottotetto hanno un tetto chaperone che protegge la torta finitura utilizzando un canale di scolo in pietra lavorato dimensioni rossa.

Per accedere al sottotetto, si prende in prestito una scala in pietra vulcanica esterno che si basa su un muro in cui è incorporato un serbatoio per filtrare l’acqua piovana.

Di fronte alla casa c’è un muro di pietra la creazione di un piccolo cortile che definisce la tomba di famiglia.

Vicino alla casa, a ovest, al di là del campo, una vasca di pietra quadrato coperto con malta di calce rimane aperta.

Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Il Alcogida, laboratorio di ceramica della casa n ° 6. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Il Alcogida, paglia casa laboratorio 6. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Il Alcogida, laboratorio di tessitura della casa n ° 6. Clicca per ingrandire l'immagine.
CasettaLa casa n° 7
La casa n° 7 Casa de los Molina.
Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. La Alcogida, casa n ° 7. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. La Alcogida, casa n ° 7. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il villaggio di Tefía a Fuerteventura. Il Alcogida, forno per il pane in casa n ° 7. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).

Informazioni praticheInformazioni pratiche

MeteorologiaMeteo e previsioni

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Canarie > Fuerteventura > La Oliva > Tefía
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Il villaggio di Tefía a Fuerteventura
Il villaggio di Tetir a Fuerteventura
Il villaggio di Casillas del Ángel a Fuerteventura
Il villaggio di La Ampuyenta a Fuerteventura
Il villaggio di Llanos de la Concepción a Fuerteventura
Il villaggio di Puertito de Los Molinos a Fuerteventura
Argomenti più ampi
Accoglienza
Carta interattiva dell'isola di Fuerteventura
La città di La Oliva a Fuerteventura
La città di Puerto del Rosario a Fuerteventura
La città d'Antigua a Fuerteventura
La città di Tuineje a Fuerteventura
La città di Pájara a Fuerteventura
La città di Betancuria a Fuerteventura
La flora e la fauna dell'isola di Fuerteventura
L'isola di Fuerteventura - Opuscolo dell'UT

[Argomento ascendente] [Argomento seguente]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.