AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Kos - La città ottomana

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Grecia] [Via Gallica]

ArgomentiRubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina a cura

Introduzione

PanoramicaGeneralità
5 Gennaio 1523, dopo la caduta di Rodi , i Cavalieri di San Giovanni aveva messo l’ isola di Kos forze del Sultano Solimano il Magnifico ha iniziato una lunga occupazione ottomana di 390 anni. Kos è diventata una provincia (kaymakamlığı) del Rodi ottomano. Come Rodi, ea differenza di altre isole Dodecaneso , Kos ha subito pesanti tasse sotto il giogo ottomano. Kos dominazione turca conclusa nel 1912 dopo la guerra italo-turca, quando l’Italia invase il Nord Africa e delle isole del Dodecaneso ottomano.

Durante i 390 anni di occupazione turca, l’isola ha subito una immigrazione musulmana che rimane oggi una vasta popolazione di un migliaio di persone, infatti, dopo essere passati sotto la dominazione italiana, l’isola di Kos non è stata interessato ai "trasferimenti di popolazione" tra Grecia e Turchia ai sensi del Trattato di Losanna nel 1923.

EtimologiaEtimologia
Sotto il dominio ottomano, l’isola della città di Kos è chiamato Istankoy negli europei turchi trascritte Stankou il nome.

VisiteVisite

Durante l’occupazione ottomana della città di Kos aveva tutte le caratteristiche delle città chiamata città bazar: il tsarsi (piazza del mercato) è stato situato in centro sul piano quadrato . Al di fuori delle mura medievali, la città fu divisa in distretti (Mahalle) con diversi quartieri musulmani , un quarto ebreo e un quartiere cristiano .

Oggi, tracce della dominazione ottomana a Kos sono ancora visibili tra i più importanti monumenti del passato sono musulmani nota Kos: moschea Defterdar sulla piazza principale della città (Eleftherias posto), la Moschea di Pasha Gazi Hassan e fontana del XVIII secolo, entrambi situati sulla Piazza Sycamore, l’ Anatolia turca e ottomana città vecchia Haluvazia.

Piazza del Piano (πλατεία του πλατάνου)
Piazza del Piano (Platia sempre Platanou) deve il suo nome al "Piano di Ippocrate" Mentre secolari, ma non abbastanza per il famoso medico ha incaricato i suoi discepoli alla sua ombra.

Una fontana con iscrizioni in lingua araba è stata posta accanto all’albero dal vecchio governatore turco Gazi Hassan; queste iscrizioni indicano che questa è la fontana "Acqua di Ippocrate."

Questo piano è molto popolare con i turisti, è stata teatro di tragici eventi: 25 Marzo 1821, il popolo greco insorsero contro gli abitanti occupanti turchi di Kos radunato intorno per elevare il loro arcivescovo, che officiava nella diretta autorità del Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli. La gente di payèrent Kos caro prezzo la loro rally 11 Lug 1821, i turchi impiccato per rappresaglia, 90 Patriots, tra cui un gran numero di sacerdoti, sotto l’albero di Ippocrate. Secondo una dichiarazione scritta del viaggiatore francese Turchi Pouqueville decapitato totale di 900 Kos cristiani.

Patriarca Gregorio V di Costantinopoli è stato anche impiccato a Istanbul, e il suo corpo gettato nel Bosforo, un Kos strada perpetua la sua memoria, Avenue Patriarca Gregorio V(Λεωφόρος Πατριάρχου Γρηγορίου Πέμπτου), comunemente noto viale Grigoriou.

Kos Town - La città ottomana - Posizionare il piano di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.Kos Town - La città ottomana - Posizionare il piano di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.Kos Town - La città ottomana - Posizionare il piano di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il Pascià Gazi Hassan Moschea
Kos Town - La città ottomana - La moschea di Gazi Hassan Pasha Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.Kos Town - La città ottomana - La Moschea del Pasha Gazi Hassan (autore bazylek100). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).La moschea Loggia (Τζαμί της Λότζιας), chiamata anche Gazi Hassan Pasha Mosque (Τζαμί του Γαζή Χασάν Πασά) si trova vicino a Piazza Sycamore. Questa moschea è stata costruita nel XVIII secolo, nel 1786, con il sostegno del pascià (ammiraglio) Gazi Hassan (Gazi Hasan Paşa), governatore di Kos. E ’chiamata anche la Moschea Loggia a causa della galleria coperta visibile sul lato nord.

Materiali di resti romani sono stati utilizzati per la costruzione di questa moschea imponente si ritiene che la moschea è stata costruita sui resti della basilica bizantina San Giorgio. La moschea ha due piani e un minareto impressionante, e ha un carattere monumentale, e una delle sue caratteristiche notevoli è la doppia fila di finestre tipiche di arte islamica.

Kos Town - La città ottomana - Gazi Hassan Pasha Mosque a Kos (autore Marcel Louwes). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).La moschea è chiusa e inutilizzata Loggia, che porta ancora le cicatrici dei bombardamenti durante la guerra, in particolare nel traforo delle finestre superiori. Il piano terra è occupato da diversi negozi.

Kos Town - La città ottomana - La fontana della moschea di Gazi Hassan Pasha Kos (Waldviertler autore). Clicca per ingrandire l'immagine.Kos Town - La città ottomana - Fontana della moschea di Gazi Hassan Pasha a Kos (autore Elisa Triolo). Clicca per ingrandire l'immagine.Vicino alla moschea è un parco dove c’era un cimitero musulmano, come evidenziato da due tombe rimanenti, risalente al XVIII secolo. Oltre al piano di Ippocrate è la fontana della moschea, una fontana esagonale ottomano e coperto, costruito in marmo bianco di materiali antichi reimpiegati come un sarcofago per lavabo e corinzio. Fino a quando il terremoto del 1933, era vicino alla moschea della Loggia, il giudice canonico (Mahkemey Şeriye-i).

Kos Town - La città ottomana - La Moschea di Gazi Hassan Pasha vista dal bastione Carretto. Clicca per ingrandire l'immagine.Kos Town - La città ottomana - Il minareto della moschea di Gazi Hassan Pasha Kos (autore JD554). Clicca per ingrandire l'immagine.Kos Town - La città ottomana - La Moschea del Pascià Gazi Hassan Kos (autore Karelj). Clicca per ingrandire l'immagine.
Moschea di Defterdar
Kos Town - La città ottomana - Kos Defterdar moschea. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia). La moschea di Gran Tesoriere o moschea Defterdar si trova sulla piazza principale Eleftherias.

Kos Town - La città ottomana - La fontana delle Kos Defterdar moschea. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Si tratta di una moschea a due piani costruito nel fine del XVIII secolo dal Gran Tesoriere Ibrahim Efendi (Ibrahim Efendi Defterdar Hacı). La moschea è una moschea Defterdar imponente ma elegante, proporzioni armoniose, ed è lo stesso stile e circa lo stesso periodo la Moschea di Gazi Hassan Pasha . La prossima è il tradizionale fontana per le abluzioni rituali.

Kos Town - La città ottomana - il minareto della moschea Defterdar Kos (autore bazylek100). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Il Haci Ibrahim Efendi era Defterdar dell’Impero Ottomano più volte durante il regno di Murad III e Mehmed III. Il Defterdar (letteralmente il contenuto del ruolo delle imposte) era l’equivalente della Soprintendenza delle Finanze sotto la monarchia francese. Qualificatore Hacı nel suo nome significa che aveva fatto il pellegrinaggio alla Mecca (l’equivalente di hadji in arabo).

Quartieri turchi
A ovest del quartiere cristiano della Aspa era Kontopodi quartiere, il più grande quartiere musulmano, che si estendeva dal porto di Mandraki e l’angolo sud-ovest della città, la piazza Costantino Paleologo (Platia Palaiologou Konstantinou / Πλατεία Παλαιολόγου Κωνσταντίνου). Il quartiere si estende da entrambi i lati di una stretta strada pedonale che va dal retro del mercato coperto situato sulla piazza della Libertà (Platia Eleftherias / Πλατεία Ελευθερίας) a Diagoras Square (Platia Diagoras / Πλατεία Διαγόρα). Questa strada pedonale è denominato First Street Ifestou, poi divenne Apellou Street.

Kos Town - La città ottomana - Minareto sulla Platia Diagoras (autore bazylek100). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Questa zona comprendeva la porta musulmano moschea (distrutta dal terremoto del 1933), la moschea Atik, una moschea è stato ristrutturato nel XIX secolo situato Eleftherios Venizelos Avenue (Leoforos Venizelou Eleftheriou,Λεωφόρος Ελευθέριος Βενιζέλου), e una vecchia moschea risalente al XVIII secolo, che si trova Diagoras Square, dove è ancora un minareto si affaccia sulla zona archeologica di ponente .

Su la strada pedonale di Diagoras può vedere una fontana ottomana asciugata con una scritta e si trova all’incrocio del viale pedonale Venizelos, ma è spesso mascherato dalle bancarelle di ninnoli. Un’altra fontana sporge dalla parete di un salone di parrucchiere all’angolo della strada Christodoulou (Οδός Χριστοδούλου) e Passanikolaki strada, vicino alla moschea Atik, una moschea senza minareto, ma ancora in servizio.

La Kontopodi distretto è stato a lungo considerato disdicevole, ma mentre tutte le case fatiscenti della città crollata durante il terremoto del 1933, le case Kontopodi robusti, costruiti in pietra, è sopravvissuto. Oggi la zona è piena di negozi di souvenir e caffè, ma guardando in alto si può vedere iscrizioni turche e arabe sulle pietre.

Un altro quartiere musulmano era orafi di quartiere, Haluvazià, situate ad ovest del distretto e tra Kontopodi Rue Erodoto (οδός Ηροδότου) e il sud-ovest del porto. Lungo la costa sono stati i exohes, alte case quadrati circondati da giardini, abitate da ricchi residenti dell ’isola a metà del XIX secolo. L’obiettivo di tutti i ricchi del secolo diciannovesimo Kos è stato quello di acquisire un negozio a tsarsi e exohe su questa costa.

La piccola area di Stavrou era un’estensione della Chora, lato sud. Un mausoleo di pietra quadrata, sormontata dal sarcofago di pietra del Pascià Gazi Hassan esiste all’incrocio tra Boulevard Ippocrate (Leoforos Ippokratous / Λεωφόρος Ιπποκράτους) e Street Metropolis (Odos Mitropoleos / Οδός Μητροπόλεως). Si ritiene che Tekke (monastero di dervisci) era anche lì. Infine, all’interno del sito archeologico di ovest , posizione dei bagni a nord è stato abbandonato bagno turco risalente alla seconda metà del XIX secolo.

Nella direzione del Asclepieion quartiere Kermedé, abitato in gran parte da musulmani di origine turca, mantenne la sua faccia pulita con le tipiche case in legno.

Bagno turco
Proseguendo sulla strada a Place Appelou Diagoras, che si trova ad ovest della piazza, via Nissirou. Numero 3 della strada è l’Anatolia turca durante il periodo ottomano, questo edificio era la casa di un locale pascià, i cui discendenti migrato a Smirne nel 1950. Un piccolo bagno turco all’interno della casa è stato utilizzato come area hammam fino al 1970. Dopo di che è diventato un bordello prima di cadere completamente in rovina. Dal 1992, nuovi inquilini hanno ripristinato i pavimenti originali e soffitti di cedro dipinti e in bagno turco piccolo, un ristorante e bar chic e costoso.
Il quartiere ebraico
Secondo lo storico ebreo Flavio Giuseppe, una comunità ebraica è stata fiorente a Kos, dopo la distruzione del Secondo Tempio da parte delle legioni romane di Tito e la dispersione degli ebrei di Palestina.

Quando il Cavalieri Ospitalieri di San Giovanni conquistato Kos nel 1315, cacciarono gli ebrei dell’isola, sotto il decreto del Gran Maestro Pierre d’Aubusson nel 1502. Ebrei tornarono a Kos dopo il 1522, dopo l’occupazione ottomana. Kos ebrei prosperavano poi scambi di prodotti tessili e l’esportazione di uva passa.

Nel 1747, Eliezer Tarsia ha sostenuto la costruzione di una piccola sinagoga che fu distrutta dal terremoto del 1933. Subito dopo il terremoto, una nuova sinagoga, di stile modernista, è stato costruito vicino al porto, ai bisogni religiosi dei 140 membri della comunità ebraica.

Durante la Seconda Guerra Mondiale le truppe tedesche ha preso il controllo dell’isola nel mese di ottobre 1943, il nazionalsocialista tedesco ebrei deportati da poche decine di Kos nei campi di sterminio.

Oggi, l’edificio della sinagoga ospita il Centro Culturale del Comune di Kos (4 Diakou Alexandrou Street).

Il quartiere cristiano
Il quartiere cristiano, di nome Aspa si trovava dove ora sorge la parrocchia di Agia Paraskevi .

Storia e tradizioniArti Storia, letteratura, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli, ...

StoriaStoria
Vai alla pagina La storia di Kos sotto il giogo ottomano .

InformazioniInformazioni pratiche

RistorantiRistoranti
Arap
Il ristorante Arap trova a 2 km a sud della città di Kos, dopo Kermetes quartiere, sulla strada per l’ Asclepion .

Greco-turca cucina a prezzi contenuti (circa € 10).

Telefono: 00 30 224 202 8442

Altri temiAltri temi

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
La città di Kos o Cos - Mappa interattiva
La città di Kos - La città greco-romana
La città di Kos - La città bizantina
La città di Kos - La città medievale
La città di Kos, Kos - Castello Neratzia
La città di Kos - La città ottomana
La città di Kos - La città italiana
Il villaggio di Platani, Kos
Il villaggio e terme di Empros, Kos
Argomenti più ampi
Inizio
L'isola di Kos - carta interattiva
La città di Kos o Cos, Kos
Il sito di Kos Asclepion, Kos
La città di Asfendiou, Kos
La città di Pyli, Kos
La città di Antimahia o Antimachia, Kos
La città di Kardamena, Kos
La città di Kéfalos, Kos
L'isola di Kos in Mare Egeo - la storia dell'isola

Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.