AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

I cavalieri di Rodi

[Argomento ascendente] [Pagina d’inizio] [Grecia] [Via Gallica]

RubricheRubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

FotografieFotografie

Cavalieri di Rodi - Franciabigio, ritratto di un cavaliere di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Statuto
Cavalieri di Rodi - ordine sovrano di Malta. Clicca per ingrandire l'immagine.Cavalieri di Rodi - cavalieri di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Cavalieri di Rodi - Armoiries di San Giovanni
Ordre Souverain Militaire ed Hospitalier di San Giovanni di Gerusalemme, di Rodi e di Malta beneficia dall’origine dell’indipendenza rispetto agli altri stati, ai sensi degli atti pontefici, come pure del diritto universalmente riconosciuto di avere un colloquio ed impegnare forze armate, cosa che costituisce la base della sovranità internazionale dell’ordine. L’ordine era assimilabile ad una repubblica marina all’uguale di Genova o Venezia.

I membri dell’ordine erano divisi in tre classi:

  • i cavalieri, che portano il vestito rosso a croce bianca; fra i cavalieri apparivano i cavalieri di giustizia (titolo acquisito dalla presentazione almeno di 16 zone di nobiltà) ed i cavalieri di grazia (titolo ottenuto dal solo merito). Per necessità, l’ordine ospedaliero diventò anche un ordine militare ed i suoi cavalieri armati erano di nascita nobile, derivati da famiglie nobili cattoliche.
  • i fratelli che fungono da armi, infermieri ausiliari dei cavalieri ospedalieri; d’origine plebea, fungendoli da armi erano incaricati allo stesso tempo dei lavori della guerra e delle cure all’infermeria.
  • i fratelli di fede (cappellani), che erano i sacerdoti dell’ordine.

I membri dell’ordine formavano una Comunità sottoposta alla regola di santo augustiniano. I fratelli prestavano giuramento di povertà, di fede e di castità, e giuravano di aiutare alla difesa di Gerusalemme.

Cavalieri di Rodi - Fra'Pierre Gérard. Clicca per ingrandire l'immagine.Fra’Pierre Gérard, il loro primo capo, era chiamato rettore; più tardi, i dirigenti dell’ordine presero il titolo di grandi padroni, eletti a vita.

A partire dal capitolo di Montpellier, tenuto nel 1327 dal grande Hélion principale di Villeneuve, e dall’impianto a Rodi, i cavalieri furono distribuiti in sette nazioni o “lingue„: la Provenza, Alvernia, la Francia, le Aragona-Navarra, l’Italia, l’Inghilterra (includendo la Scozia e l’Irlanda) e la Germania, quest’ultimo includendo tutti gli stati d’Europa centrale. Dal 1492, un’ottava lingua sorse della separazione tra le Aragona-Navarra ed il Castiglia-Leon-Portogallo.

Ogni lingua comprendeva le chiese del priorato e le grandi chiese del priorato, i baliati e Commanderies. L’insieme si suddivide in ventidue grandi-chiesa del priorato ed in diciannove baliati, la totalità comprendendo circa sei cento commanderies.

Queste commanderies erano costituite da terre offerte o legate all’ordine da donatori generosi, ed affidate in comando a comandanti che avevano l’obbligo di accogliere e curare i pellegrini e pazienti bisognosi in dipendenze sistemate in locande e dispensari. I redditi prodotti dagli sfruttamenti garantivano l’intervista dei settori, i vantaggi sono raccolti per il tesoro generale dell’ordine.

La Provenza, più ex delle lingue, possiede due grandi chiese del priorato, Saint-gilles e Tolosa, che raccolgono più di sessanta commanderies alla fine del xviiio secolo. Alvernia possiede la grande chiesa del priorato di Bourganeuf che conta sessanta commanderies. La lingua della Francia comprende le grandi chiese del priorato della Francia, di Aquitania e di Champagne, il cui insieme riunisce un centinaio di commanderies. Fuori della Francia, si registra la lingua dell’Italia, con le grandi chiese del priorato di Roma, Lombardia, Veneto, Pisa, Messina, Capoue e Milano; la lingua di Aragona, con le grandi chiese del priorato di Catalogna e Navarra; la lingua dell’Inghilterra, con le grandi chiese del priorato della Scozia e d’Irlanda; la lingua della Germania con le grandi chiese del priorato di Ungheria, Boemia, Polonia, Danimarca e la Svezia; la lingua di Castiglia con le grandi chiese del priorato di Castille, Léon, Portogallo, Galizia e Andalusia.

Quest’organizzazione dell’instaurazione dell’ordine con le lingue trascina una nuova gerarchia dei carichi e delle funzioni:

  • il grande comandante, anche chiamato grande precettore, viene dopo il grande padrone, che sostituisce in caso d’assenza o di malattia. Questo titolo è attribuito dopo la creazione delle lingue, al pilastro della lingua di Provenza.
  • il grande maresciallo si incarica degli affari militari. Questa funzione ritorna al pilastro della lingua di Alvernia.
  • il grande ospedaliero è il soprintendente delle cure da dare ai pazienti. Questo carico è affidato al pilastro della lingua della Francia.
  • il negoziante di tessuti di lana, incaricato dell’abbigliamento, vede il suo titolo andare al pilastro della lingua della Spagna.
  • il titolo dell’ammiraglio soprintendente della marina di guerra dell’ordine va al pilastro della lingua dell’Italia.
  • il titolo di turcoplier, che comanda le truppe ausiliarie di cavalleria leggera, è attribuito al pilastro della lingua dell’Inghilterra.
  • il carico di grande bailli, che ha giurisdizione sulle fortificazioni, ritorna alla lingua della Germania.
  • il titolo di grande cancelliere, che firma gli atti del Consiglio, è attribuito al pilastro della lingua di Castiglia.

L’ordine conta anche altri ufficiali civili e militari, come il grande cavaliere, incaricato di fare regnare la legge nell’ambito degli ospedalieri. Il bouteiller riscuote le imposte. Viene in seguito il comandante dei cavalieri e dei castellani. Di questa gerarchia complessa, esiste ancora oggi i principali carichi che dirigono l’ordine (grande comandante, grande cancelliere, grande ospedaliero e ricevitore del tesoro comune) e formano il sovrano Consiglio„

Lingua di ProvenzaLingua di AlverniaLingua della FranciaLingua di Aragona
Cavalieri di Rodi - scudo della lingua di ProvenzaCavalieri di Rodi - scudo della lingua di AlverniaCavalieri di Rodi - scudo della lingua della FranciaCavalieri di Rodi - scudo della lingua di Aragona
Lingua dell’ItaliaLingua dell’InghilterraLingua della GermaniaLingua di Castiglia
Cavalieri di Rodi - scudo della lingua dell'ItaliaCavalieri di Rodi - scudo della lingua dell'InghilterraCavalieri di Rodi - scudo della lingua della GermaniaCavalieri di Rodi - scudo della lingua di Castiglia
L’ordine resta oggi molto gerarchizzato; un grande eletto principale a vita è assistito da un sovrano Consiglio. L’organizzazione “in lingue„ che sono scomparse, i membri hanno costituito associazioni nazionali da 1864. L’ordine è organizzato in cinque grandi chiese del priorato e di molte associazioni nazionali; ha un colloquio con relazioni diplomatiche con il vaticano e vari paesi.
Vestiti
Cavalieri di Rodi - vestito di cavalieri di San Giovanni. Clicca per ingrandire l'immagine.Cavalieri di Rodi - La Croix dei cavalieri. Clicca per ingrandire l'immagine.I cavalieri portano una grande cappa nera sulla quale è applicata una croce di Malta. Il grande principale porta il titolo del principe ed occupa una fila sacerdote equivalente a quello di cardinale.

Cavalieri di Rodi - Écusson di San Giovanni

Valuta
Cavalieri di Rodi - blasone. Clicca per ingrandire l'immagine.Tuitio Fidei ed Obsequium Pauperum„, “difesa della fede ed assistenza ai poveri„.
La lingua di Alvernia
Cavalieri di Rodi - scudo della lingua di AlverniaCavalieri di Rodi - Portrait di Jean Bonpart de Lastic da parte di Alexandre Genêt. Clicca per ingrandire l'immagine.Della fine del XIVe secolo all’inizio del XVIe secolo, quattro grandi padroni dell’ospedale furono, direttamente o indirettamente, derivati “dalla lingua di Alvernia„, una delle otto “lingue„ (o “province„) che compongono l’ordine. Furono Philibert di Naillac (nato a Bridiers o al vuoto, non si sa troppo) da 1396 a 1421; Jean de Lastic, da 1437 a 1454; Pierre di Aubusson, da 1476 a 1503; e, infine, Guy de Blanchefort, nipote del precedente, nel 1512-1513.
Cavalieri di Rodi - Armoiries di Pierre di Aubusson. Clicca per ingrandire l'immagine.Il più grande di loro, senza domanda possibile, fu Pierre di Aubusson. Non è una fortificazione di Rodi o delle altre isole del Dodecanese dove non si trovano le proprie innumerevoli “firme„, concretate dall’apposizione della sua arme.

Cavalieri di Rodi - Armoiries di Pierre di Aubusson. Clicca per ingrandire l'immagine.

L’ordine a Gerusalemme
(da 1099 a 1187)
L’ordine cattolico di San Giovanni, fondato nel 1070 a Gerusalemme aveva una vocazione ospedaliera, dedicato a ricevere i pellegrini, fornire alle loro necessità e curarle nelle loro malattie. Era storicamente protettivo di un ospedale costruito a Gerusalemme prima della prima crociata.

La conquista di Gerusalemme, nel 1099, in occasione della crociata dei baroni diretta da Goffredo di Buglione condusse alla fondazione del regno latino di Gerusalemme, che garantisce l’accesso alla tomba di Cristo.

L’ordine degli ospedalieri, o cavalieri dell’ospedale, di San Giovanni-de-Jérusalem, a dire il vero, vede la luce nel 1113, approvata dal papa Pasquale II.

L’afflusso di pellegrini diventa tale, di quanto per garantire la loro sicurezza una parte dei fratelli ospedalieri diventa monaci soldati, incaricati di difenderli dalle armi contro gli attacchi dei musulmani. Nel 1121, sulla proposta di Raymond del Puy, secondo grande padrone, l’ordine diventarono un ordine allo stesso tempo ospedaliero e militare.

Tra 1142 e 1144, l’ordine acquisì cinque fortezze nella contea di Tripoli, fra cui Krak famoso dei cavalieri, che diventò un simbolo della sua potenza.

L’ordine ad Acri
(da 1187 a 1291)
Cavalieri di Rodi - sede d'acro, Mathieu di clermont difendendo le pareti nel 1291. Clicca per ingrandire l'immagine.Dopo la caduta di Gerusalemme davanti Saladino nel 1187, l’ordine degli ospedalieri di San Giovanni-de-Jérusalem si installò a San Giovanni d’acro.

Nel 1291, Jean de Villiers che è allora grande padrone dell’ordine è ferito durante la caduta di San Giovanni d’Acri: si ritira con gli ospedalieri a Limassol (Cipro) e vi installa l’ordine; vi morirà nel 1293.

L’ordine a Cipro
(da 1291 a 1306)
Durante alcuni anni, i cavalieri sono rifugiati a Cipro sotto la protezione del Lusignan.
L’ordine a Rodi
(da 1306 a 1522)
Cavalieri di Rodi - immagineCavalieri di Rodi - francobollo Italia. Clicca per ingrandire l'immagine.Cavalieri di Rodi - convocazione dei cavalieri a Rodi da parte del Grand Dott. Fabrizio del Carretto. Clicca per ingrandire l'immagine.
Cavalieri di Rodi - ritratto di fologhe di Villaret. Clicca per ingrandire l'immagine.Approfittando della decomposizione dell’impero bizantino, fologhe di Villiers, nipote di Guillaume de Villaret proseguì il progetto di suo zio e guadagnò Rodi nel 1308.

I cavalieri riacquistarono l’isola al Génois e si stabilirono.

L’ordine vi installa la sua sovranità ed organizza l’amministrazione dei suoi beni in Europa, da parte del gruppo delle commanderies e chiese del priorato, in sette, quindi otto, regioni denominate nazioni o “lingue„.

A Rodi stessa, all’inizio del XIVe secolo, i cavalieri sono raccolti “in lingue„. I membri dell’ordine che raggiungevano Rodi di tutte le parti dell’Europa e le istituzioni dell’ordine si raccolsero fino all’inizio del XIVe secolo secondo le loro lingue d’origine. Ogni “lingua„ si riuniva in una casa o “locanda„ riservata al suo gruppo.

Ogni “nazione„ era costituita da cavalieri, da fratelli che servono e da giovani di studio collegati alle chiese ed ospedali dell’ordine.

Cavalieri di Rodi - scudi dei grandi i principali a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.L’ordine era governato dal grande padrone (principe di Rodi) e da parte del Consiglio, batteva valuta e aveva un colloquio con relazioni diplomatiche con gli altri stati. Gli altri carichi dell’ordine erano attribuiti ai rappresentanti delle varie lingue: la sede dell’ordine, il convento, era composta da religioso di molte nazionalità.

L’ordine dispone di un potere mai raggiunto nell’ordine religioso: possedere un territorio proprio e restare sovrani.

Ai primi tempi della presenza dell’ordine a Rodi, essendo i francesi più numerosi, la lingua scritta era il francese; verso la prima metà del XVe secolo, egli ivi avere uno spostamento verso il latino, e, dopo del 1454, anche verso l’italiano. La lingua parlata al XVe secolo era probabilmente “un lingua franca„ che comporta contributi di italo-veneziano.

Cavalieri di Rodi - palazzo dei grandi i principali a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Durante i due secoli del periodo rhodienne, gli ospedalieri possono, grazie alle loro importanti risorse, proseguire senza sosta la loro missione originale, allo stesso tempo nell’ambito delle lingue, dove ospedali, dispensari e lazarets sono creati e si sviluppano, e nell’isola in cui l’immensità degli edifici, ancora visibili oggi, testimonia l’importanza dei loro impianti di medicina, di chirurgia e di farmacia.

Cavalieri di Rodi - Corte interna del palazzo dei grandi padroni. Clicca per ingrandire l'immagine.Se Rodi è innegabilmente il luogo privilegiato per ammirare le vestigia lasciate dall’ordine di San Giovanni, altre costruzioni rimangono ancora sulla maggioranza delle isole del Dodecanese. Fortezze e cittadelle infatti sono state costruite o semplicemente restaurate generalmente allo scopo di opporre una prima diga agli ottomani sulle isole di Nisyros, Tilos, Kalymnos, Kastellorizo o Kos. A Naxos anche, la più grande isola delle Cicladi, si trova Église Sant’Antonio-Ermite costruita al XVe secolo dai cavalieri.

I cavalieri abbandonarono Rodi il 1° gennaio 1523, al termine di una sede memorabile di sei mesi conduce per Solimano il Magnifico personalmente, capo Turchi ottomani. Fatto quasi unico negli annali dell’impero otomano, il sultano, stupito dal coraggio ed il modo di vita austera degli ospedalieri, lasciò loro la vedova e li autorizzò a lasciare l’isola portando via ciò che voglia…

I grandi padroni dell’ordine a Rodi
Fologhe di Villaret

(1305-1319)

Cavalieri di Rodi - francobollo, fologhe di Villaret. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di fologhe di VillaretCavalieri di Rodi - francobollo, armi di fologhe di villaret. Clicca per ingrandire l'immagine.
Hélion di Villeneuve

(1319-1346)

Cavalieri di Rodi - francobollo, Hélion di Villeneuve. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi d’Hélion di VilleneuveCavalieri di Rodi - francobollo, armi d'helion di villeneuve. Clicca per ingrandire l'immagine.
Dieudonné de Gozon

(1346-1353)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Dieudonné di Gozon. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Dieudonné di GozonCavalieri di Rodi - francobollo, armi di dieudonne di gozon. Clicca per ingrandire l'immagine.
Pierre de Corneillan

(1353-1355)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Pierre de Corneillan. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Pierre de CorneillanCavalieri di Rodi - francobollo, armi di pietra di corneillan. Clicca per ingrandire l'immagine.
Roger di pini

(1355-1365)

Cavalieri di Rodi - francobollo, Roger di pini. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Roger di piniCavalieri di Rodi - francobollo, armi di Roger di pini. Clicca per ingrandire l'immagine.
Raymond Bérenger

(1365-1374)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Raymond Bérenger. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Raymond BérengerCavalieri di Rodi - francobollo, armi di raymond berenger. Clicca per ingrandire l'immagine.
Robert de Juillac

(1374-1376)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Robert de Juillac. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Robert de JuillacCavalieri di Rodi - francobollo, armi di Robert di juillac. Clicca per ingrandire l'immagine.
Jean Fernandez de Hérédia

(1376-1396)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Jean Fernandez de Hérédia. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Jean Fernandez de HérédiaCavalieri di Rodi - francobollo, armi di Jean Fernandez di heredia. Clicca per ingrandire l'immagine.
Philibert de Naillac

(1396-1421)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Philibert di Naillac. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Philibert di NaillacCavalieri di Rodi - francobollo, armi di philibert di naillac. Clicca per ingrandire l'immagine.
Antoine Fluvian del fiume

(1421-1437)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Antoine Fluvian del fiume. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Antoine Fluvian del fiumeCavalieri di Rodi - francobollo, armi di Antoine fluvian del fiume. Clicca per ingrandire l'immagine.
Jean de Lastic

(1437-1454)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Jean de Lastic. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Jean de LasticCavalieri di Rodi - francobollo, armi di Jean di lastic. Clicca per ingrandire l'immagine.
Jacques de Milly

(1454-1461)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Jacques de Milly. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Jacques de MillyCavalieri di Rodi - francobollo, armi di Jacques di milly. Clicca per ingrandire l'immagine.
Raimondo Zacosta

(1464-1467)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Raimondo Zacosta. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Raimondo ZacostaCavalieri di Rodi - francobollo, armi di Raimondo zacosta. Clicca per ingrandire l'immagine.
Giovanni Battista Orsini

(1467-1476)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Giovanni Battista Orsini. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Giovanni Battista OrsiniCavalieri di Rodi - francobollo, armi di Giovanni battista orsini. Clicca per ingrandire l'immagine.
Pierre di Aubusson

(1476-1503)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Pierre di Aubusson. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Pierre di AubussonCavalieri di Rodi - francobollo, armi di Pierre di Aubusson. Clicca per ingrandire l'immagine.
Émery di Amboise

(1503-1512)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Émery di Amboise. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Émery di AmboiseCavalieri di Rodi - francobollo, armi di emery di Amboise. Clicca per ingrandire l'immagine.
Guy de Blanchefort

(1512-1513)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Guy de Blanchefort. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Guy de BlanchefortCavalieri di Rodi - francobollo, armi di Guy di blanchefort. Clicca per ingrandire l'immagine.
Fabrizio del Carretto

(1513-1521)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Fabrizio del Carretto. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Fabrizio del CarrettoCavalieri di Rodi - francobollo, armi di Fabrizio del carretto. Clicca per ingrandire l'immagine.
Philippe Villiers dell’Isle-Adam

(1521-1534)

Cavalieri di Rodi - Timbre, Philippe Villiers dell'Isle-Adam. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Philippe Villiers dell’Isle-AdamCavalieri di Rodi - francobollo, armi di Philippe villiers dell'isle-Adam. Clicca per ingrandire l'immagine.
L’ordine a Malta
(da 1530 a 1798)
Cavalieri di Rodi - francobollo, battaglia navale di Lepanto. Clicca per ingrandire l'immagine.I cavalieri dell’ordine erreranno sui mari per sette anni, che si rifugiano in Creta, quindi in Sicilia, e non trovarono quartieri generali prima del 1530, quando l’isola di Malta fu data loro da Carlo V, in collegio elettorale del suo regno del Deux-Siciles.

Cavalieri di Rodi - immagineI cavalieri saranno di conseguenza conosciuti sotto il nome usuale di cavalieri di Malta.

Resi padroni dell’isola, i cavalieri di Malta diressero una difesa fantastica dell’isola contro la flotta d’invasione ottomana nel 1565, che rifiutarono dopo mesi di lotta accanita; La Valletta si illustrò.

L’ordine fu allora celebrato in tutta l’Europa come risparmiatore della cristianità. Tuttavia, aspettandosi un ritorno imminente dei Turchi, i cavalieri costruirono la città rinforzata della Valletta, nominata nell’onore del grande padrone dell’epoca, Jean Parisot della Valletta. Più tardi, i cavalieri di Malta si illustrarono nuovamente alla vittoria di Lepanto nel 1571.

L’ordine tenterà di mantenersi a Malta fino alla rivoluzione francese.

L’ordine all’epoca moderno
I cavalieri conservarono l’isola di Malta fino al 1798, epoca alla quale Bonaparte, che va in Egitto, tolse loro l’isola, ottenne l’abdicazione dell’ultimo grande padrone (Hompesch) e mise così fine all’esistenza politica dell’ordine.

Il zar della Russia Paolo I, che se ne era dichiarato il protettore ne fu eletto grande padrone, sebbene non essendo cattolico.

L’ordine all’epoca moderno
L’ordine apparì nella storia europea fino al xixo secolo. La sede fu trasferita a Trieste nel 1798, a Catane nel 1801, a Ferrara nel 1826, ed a Roma nel 1834.

Ci fu nel 1850 un tentativo per ricostituire l’ordine sotto la protezione del papa: doveva risiedere in si rintana-Santo, e dedicarsi, come all’origine, all’ospitalità, ma questi progetti sono restati senza realizzazione, fino al 1878, data nella quale ha trovato la sua vocazione umanitaria iniziale.

Al giorno d’oggi, l’ordine è ritornato alla sua vocazione ospedaliera prima, e le sue opere umanitarie dimostrano la sua attività intensa presso i poveri ed i pazienti. Dispone di ospedali, di centri pronto soccorso e di attrezzature destinate alle cure dei feriti e dei profughi. Fornisce un aiuto di emergenza in occasione di conflitti o di catastrofi naturali (ad esempio in occasione dei tsunami del 2004 in Sud-est asiatico) e dispone di ospedali in tutto il mondo che si investono anche in lavori di ricerca.

L’ordine di Malta è oggi un’ONG, riconosciuta dalle Nazioni Unite, presso di cui dispone di una sede d’osservatore permanente.

Legami
Un articolo di Philippe Conrad sulla storia dei cavalieri di San Giovanni.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Argomenti più ampi
Inizio
La storia di Rodi nell'antichità
La storia di Rodi nell'impero bizantino
La storia di Rodi al tempo dei cavalieri
La storia di Rodi sotto il giogo otomano
La storia moderna di Rodi
Rodi in letteratura

Argomento ascendente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.