AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Kos - La città greco-romana

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Grecia] [Via Gallica]

ArgomentiRubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina a cura

Introduzione

PanoramicaGeneralità
Decumano, il centro benessere e il Ninfeo della città di Kos (autore reini68). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).L’antica città di Kos (πόλη της Κω) è stata fondata nel 366 aC, alla fine nord-orientale dell’isola di Kos , "vicino a Cape Skandarion" (Akra Skandárion) dicono i testi antichi. E ’stato - secondo Strabone - le più belle città costiere del mondo antico. Strabo ha scritto:
"La città di Kos non è grande, ma è molto meglio di costruzione di ogni altra città, e sembra meraviglioso per tutti coloro che la spacciano per le loro navi."

Il 23 aprile 1933 Kos è stata colpita da un catastrofico terremoto - magnitudo 6,6 della scala Richter - che durò solo 27 secondi, ma rase al suolo la città e provocato la morte di 170 persone. Questo disastro è, tuttavia, una conseguenza positiva: ben presto emerso che la maggior parte delle case medievali del quartiere del porto sono stati costruiti direttamente sulle fondamenta di antichi templi e mercati. Ciò ha portato a scavi estensivi, che è stato esteso anche alla periferia di Kos archeologi italiani non hanno dovuto scavare molto prima di aver individuato altre due aree con i resti più importanti della città antica.

Altre antiche rovine greco-romane sono nelle vicinanze della città di Kos, il famoso Asclepieion trova in cima ad una collina a circa 3 km a sud ovest della città.

VisiteVisite

La città greco-romana di Kos - Piano della città di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.La nuova città di Kos è stata fondata nel 366 aC, è stato organizzato secondo il sistema di una migliore pianificazione urbana e l’architetto Ippodamo planner che, secondo le parole di Aristotele, ha inventato la divisione della città in blocchi . Questo sistema ha portato pianta regolare strada, con una griglia di vie parallele si intersecano ad angolo retto, la creazione di isole di costruzione (insulae).

I blocchi da costruzione (insulae) Kos aveva una larghezza di 31-33 metri e una lunghezza di circa 62 m nel settore nord della città e 120 m al sud. Le strade erano 4 e 4,50 m di larghezza, mentre la corsia centrale, che ha portato alla Asclepieion e la zona rurale erano 33 m di larghezza.

I Romani costruirono un acquedotto da colline a sud di Kos per alimentare le terme della città: c’erano almeno tre bagni, di cui uno situato accanto al porto. La città è stato fornito con l’acqua da un sistema di tubi di argilla, mentre il drenaggio è stato eseguito attraverso canali di scolo scavati nella roccia sotto il pavimento delle strade.

Le strutture di base della città di Kos sono stati lasciati come in epoca paleocristiana (VI secolo aC).

Dopo il terremoto del 1933, che distrusse l’intera città di Kos , gli archeologi risorto parte della città greco-romana. Kos è ora costellato di siti archeologici come crepe si aprono nella città. Gli scavi archeologici sono stati suddivisi in zone: la zona orientale , la zona centrale e la e zona ovest .

Il piano di Ippocrate
La città greco-romana di Kos - Il piano di Ippocrate a Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.A sud del Castello dei Cavalieri Ospitalieri di San Giovanni è - collegato al castello da un ponte - Piazza Sycamore (πλατεία του πλατάνου) deve il suo nome al celebre piano denominato "Piano Ippocrate" (πλάτανος του Ιπποκράτη) che è al centro.

La città greco-romana di Kos - Il piano di Ippocrate a Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.Secondo la leggenda, questo è il famoso medico Ippocrate (460-370 aC), che si era piantato per insegnare ai suoi discepoli all’ombra del suo fogliame. Ippocrate credeva in effetti, come i greci di oggi, l’ombra del piano è più sicuro rispetto a quelli di tutti gli alberi questo albero avrebbe quasi 2400 anni. In realtà, questo piano impressionante è molto più recente: 500 anni al massimo, che è - nel migliore dei casi - un discendente del piano di Ippocrate. Il "Piano di Ippocrate" è comunque uno degli alberi più antichi platani d’Europa.

Si tratta di un grande albero - la specie Platano Orientale (Platanus orientalis) - il cui cavo tronco ha una circonferenza di 12 metri, ma gli anni hanno provato molti e deve essere sostenuta da una complessa struttura in metallo non crollare.

Sito archeologico di orientale
Sud del piano di Ippocrate è il sito archeologico di Oriente e questa è un’area di scavo di circa 30.000 mq nella zona, che si trova intorno al porto di Kos, tra Akti Miaouli (Ακτη Μιαουλη), la Via Nauclère (Οδός Ναυκλήρου) e Boulevard Ippocrate (Λεωφόρος Ιπποκράτους), questo sito archeologico è anche conosciuto come gli scavi dell’antica agorà.

La città greco-romana di Kos - Piano dell'Agorà di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.Questo complesso monumentale iniziato nella zona del porto, battuta sul muro di fortificazione, e si è concluso a livello dell’arteria centrale della città, che era di circa 33 metri di larghezza e ha portato alla Asclepion . Il sito è stato poi occupato dal vecchio borgo medievale chiamato Lango. Durante il terremoto del 23 aprile 1933, l’area che subisce i danni più gravi, tra cui il Servizio Archeologica Italiana effettuato scavi di profondità tra il 1934 e il 1942, rivelando gran parte della città antica, in particolare antichità ellenistica e tardo. La zona del porto compresa santuari ed edifici pubblici: il doppio tempio di Afrodite , il tempio di Eracle , il santuario di una divinità sconosciuta, stoa porto , la basilica porta con il battistero, e un gran parte del tessuto urbano della città e parte del muro con torri fortificate.

Lo studio dei monumenti rivelato tre fasi di costruzione, che copre il periodo compreso tra la fine del IV secolo aC al inizi del III secolo fino al 469 o 554 dC, quando il agora fu distrutta da un terremoto.

Il terremoto in 142 anni ha causato ingenti danni alla zona dell’agorà e di grandi riparazioni e lavori di ricostruzione è stata avviata subito dopo il terremoto. In seguito alla completa distruzione delle mura della città, la parete nord del complesso è stato ristrutturato, con il santuario di Afrodite a portata di mano, e ad est, creando un complesso architettonico che ha suscitato l’ammirazione dei visitatori , specialmente quelli che sono arrivati ​​attraverso la porta. A seguito di tali modifiche, la parte settentrionale dell’agorà del II secolo dC è stato anche un luogo di culto.

La Stoa di Port
La città greco-romana di Kos - Le rovine della Stoa della città antico porto di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Ciò che viene chiamato il portico (stoa) porto è stato costruito in battuta contro il molo del porto, nel IV secolo aC o terzo. Possiamo distinguere due fasi di costruzione: in origine conteneva 31 camere, di fronte che era un doppio colonnato del colonnato dorico che si compone di 16 colonne esterne composite. Questo colonnato imponente doppio era di 50 m di lunghezza. Tutto ciò che rimane in loco di questa prima fase è la parte inferiore delle pareti, mentre le parti di colonnati épistyles sono stati individuati sul sito archeologico.

La città greco-romana di Kos - Le rovine della Stoa della città antico porto di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.In epoca romana, la stoa è stato gravemente danneggiato alla fine del III secolo dC, probabilmente a causa di un terremoto, che ha richiesto grandi riparazioni e modifiche. Il nuovo edificio era di due piani con archi e colonne doriche sono stati sostituiti da colonne monolitiche di marmo cipollino corinzio, l’uso di colonne di marmo cipollino l’isola di Evia è tipico del periodo dell’imperatore Adriano.

La stoa è stata distrutta da un altro terremoto, l’anno 469 dC, e sulle sue rovine la basilica porta e battistero sono stati costruiti nel V o VI secolo. Il portico ci sono otto colonne corinzie.

Rovine del Tempio di Afrodite
Questo tempio doppio di ordine corinzio, è stato dedicato alla dea Afrodite nella sua funzione di mare dea, Afrodite Pontia, e la sua funzione, come la dea dell’amore Afrodite Pandemos volgari. Tempio resta solo il Propilei e due frammenti di colonne.
La città greco-romana di Kos - Le rovine del tempio di Afrodite per l'antica città di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La città greco-romana di Kos - Mosaico tempio di Afrodite di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La città greco-romana di Kos - Le rovine del tempio di Afrodite per l'antica città di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Rovine del Tempio di Eracle
Domina il centro del portico (stoa) è stato il tempio di Eracle (Ercole) - III secolo aC - un portico con sei colonne corinzie. Il tempio era riccamente decorato con motivi floreali e geometrici, mentre l’abaco dei capitelli delle colonne erano decorate con figure di Eros alato.

La parte anteriore della camera sul cortile è stato trasformato in ninfeo. Ogni lato della stanza erano coperti voci semi-cilindriche volte, costruito in opera cementizia (cemento) e intonacate con configurazioni a meandri curve. I due archi laterali hanno portato al portico dell’agorà, e la volta del mezzo agorà. Elementi architettonici propileo sopravvissuti sono ora raccolti nella parte occidentale delle scale. I resti del tempio di Eracle sono alcune colonne corinzie.

Il tempio di Ercole era forse dedicato al culto dell’imperatore, una supposizione che è rafforzata dalla scoperta qui di una parte di una statua colossale - circa 3 m - un personaggio maschile. In questo modo, gli abitanti di Kos voluto esprimere la loro gratitudine all’imperatore Antonino Pio (86-161 dC), che ha contribuito a riparare i danni causati dal terremoto del 142 dC - C..

Le fortificazioni della città antica
La città greco-romana di Kos - Le rovine delle fortificazioni della città di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.L’antica città di Kos è stato protetto immediatamente dopo la sua fondazione nel 366 aC da una cinta muraria circolare 1-1,5 km di diametro e 3 km di circonferenza. Questa camera era di 5 m di spessore e 2,5 m di altezza era costituito da due pareti di blocchi grezzi di pietra con un macerie riempimento tra le due pareti. La parete è stata rafforzata da torri semicircolari e poligonali, cinque dei quali sono stati scoperti fino ad oggi. Scale ha dato accesso ad una passerella e un’altra strada, 6 m di larghezza, correva lungo la parte interna del muro.

La custodia protegge la zona residenziale e l’ agorà , e gli edifici necessari al funzionamento del porto, così come i templi - che si affacciava sul porto - erano al di fuori del muro.

La città greco-romana di Kos - Ricostituzione della torre quadrata delle fortificazioni. Clicca per ingrandire l'immagine.Il lato nord del muro descritto una linea a zig-zag che ha seguito la costa a distanza. Gran parte della parte settentrionale del muro è stato scoperto nella zona del porto durante gli scavi dopo il terremoto del 1933. Il muro è il meglio conservato sul lato est, su una lunghezza di 80 m ed una scala che porta alla passerella è visibile come le tracce di una torre di difesa rettangolare proteggere la porta. In un secondo momento, la torre è stata sostituita da una torre semicircolare.

La città greco-romana di Kos - Le fortificazioni ricostruite l'antica città di Kos (autore bazylek100). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).L’originale torre quadrata, le cui fondamenta era stata conservata solo, è stata ricostruita nel 1930 da archeologi italiani.

L’Antica Agorà
La città greco-romana di Kos - Piano dell'Agorà dell'antica città di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.L’agorà del porto risale al periodo ellenistico nel IV secolo aC, ed è stato un ottimo posto sul mercato - circa 180 m da 80 m - costruito accanto al porto facilitare gli scambi. L’agorà era anche il centro politico della città antica, che si trova vicino al porto stoa e templi di Afrodite ed Eracle.

La città greco-romana di Kos - Le rovine del agorà dell'antica città di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.L’agorà è stato utilizzato come una posizione in una piccola chiesa del XV secolo, la Chiesa di San Costantino (Agios Konstantinos).

Quartieri Habitation
La città greco-romana di Kos - Le zone residenziali della città di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La popolazione della città durante il periodo ellenistico è stata di circa 300 famiglie (3.000 persone, contando gli schiavi). Ogni isola (insula) potrebbe contenere quattro case a due piani, ciascuno dei quali copre una superficie di 410 m². La dimensione insolitamente grande delle case indica che sono stati progettati per soddisfare le esigenze di un mercato in città, come le città vicine di Alicarnasso e Rodi .

La città greco-romana di Kos - Ricostruzione di una casa nella città di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.Nella (insula) numero island 1, cinque fasi residenziali sono stati identificati, risalente alla fondazione della città fino all’inizio dell’era cristiana. Nella sua parte nord-occidentale, una casa ellenistica è stato indagato, il cui piano è più case ellenistica Priene in Anatolia e Tracia Abdera. Questo studio ha rivelato la divisione trifunzionale della casa in tre aree: una zona residenziale, un cortile e uno spazio dedicato all’attività economica. Sul lato nord vi era una fila di tre negozi, tra cui l’ingresso si affaccia sulla strada. Poi c’è stata la casa stessa, organizzato su due piani e una superficie totale di 150 m² (75 m² su ogni piano). C’erano tre sale al piano terra: una sala riunioni (Andron) con i livelli, con anticamera vicino all’ingresso, una camera per gli ospiti (Xenonas) con reception e lounge famiglia (oikos), dove c’era un caminetto (Hestia). Gli ultimi due pezzi condiviso un vestibolo coperto (prostas). Al piano superiore erano le camere da letto e nei quartieri della padrona di casa (gynaikonites).

Nella parte meridionale dell’isola una grande porta di una casa in periodo paleocristiano è stato trovato in buone condizioni.

Sito archeologico di Centro
Uscendo dal lato ovest dell’agorà e seguendo Vasileos Pavlou Avenue (οδός Βασίλειος Παύλου) a sud verso la zona Serraglio (harem) e viale Grigoriou, si arriva al sito archeologico il cui centro principali monumenti si trovano l’altare di Dioniso e la Casa romana (Casa Romana).
Altare di Dioniso
La città greco-romana di Kos - L'altare di Dioniso (autore bazylek100). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Sulla sinistra Pavlou Avenue sono le rovine del Tempio ellenistico e l’altare di Dioniso (III secolo aC)

L’altare di Dioniso è un buon esempio di un altare a forma di Π del periodo ellenistico. La parte meglio conservata è del II secolo aC, un periodo di crescita per Kos, come attestato da numerosi resti architettonici. Si ritiene che l’altare fu commissionato dal re di Pergamo in Anatolia, una città alleata di Kos . Il monumento è stato distrutto nel terremoto del 142 aC. Dopo il terremoto, la gente del posto ha iniziato gradualmente a ripristinare il tempio e l’altare.

Più tardi, durante il periodo bizantino , l’altare è stato abbandonato, e quando i Cavalieri dell’Ordine di San Giovanni , conquistarono l’ isola di Kos , hanno usato alcuni elementi architettonici per la costruzione del castello Neratzia . Il fregio dell’altare, risalente al II secolo aC, è ora conservata all’interno del castello. Esso raffigura scene di guerra e una truppa di Dioniso Amazzoni, menadi e satiri con.

Roman House (Casa Romana)
Casa Romana(Κάζα Ρομάνα) si trova all’angolo delle vie Vasileos Pavlou e Grigoriou sempre Pémptou. Nella città di Kos, la "Casa Romana" occupato un importante: era infatti sul lato sud della strada principale che attraversa la città da est a ovest, il decumano massimo, vicino alle terme centrale (le terme ovest ), e a breve distanza dall’estremità meridionale del mercato antiquario ( agorà ) di Kos.

Casa Romana è una residenza romana che è stato portato alla luce dopo il devastante terremoto che ha colpito l’ isola di Kos 23 Aprile 1933. Le rovine sono state scavate tra il 1934 e il 1936 dal archeologo italiano Luciano Laurenzi, che ha chiamato l’edificio "Casa Romana", il nome con cui è conosciuto fino ad oggi. Dopo il completamento dello scavo, il residence è stato in gran parte ricostruito 1938-1940, secondo gli standard del tempo, con una struttura in cemento armato.

La città greco-romana di Kos - L'atrio nord della Casa della città romana antica di Kos (autore Elisa Triolo). Clicca per ingrandire l'immagine.Casa Romana era stata costruita sulle rovine di precedenti edifici del periodo ellenistico. Le pareti appartenenti a questa costruzione prima ancora visibili sulle porzioni inferiori dei lati esterni dell’edificio. Nel II secolo aC, molto probabilmente dopo il terremoto distruttivo di 142, Casa Romana ha acquisito le caratteristiche che vediamo oggi tutti gli edifici sono stati raccolti i periodi precedenti e ricostruito in modo da formare una lussuosa residenza che occupa un intero edificio di blocco (insula). Questa residenza divenne proprietà di una famiglia appartenente alla ricca aristocrazia del dell’isola di Kos . E ’coperto una superficie totale di 2300 mq e contenente più di 37 parti, che è la più grande villa romana in Grecia. Casa Romana dà un’idea di eleganza spaziosa che i ricchi di Kos possa aspirare.

La città greco-romana di Kos - L'atrio della casa romana di Kos (autore greekstifado - Yanni). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Quello che vediamo oggi è la villa del III secolo dC: una casa patrizia di grandi dimensioni - come quelle di Pompei - organizzata intorno a tre aree distinte definite da tre cortili o atri:

  • L’atrio è incluso un atrio singola con un pavimento coperto di mosaici raffiguranti un leone che assale una capra e un leone che attacca un cervo, una stanza adiacente era un mosaico di animali marini.
  • Atrio ovest di Kos Casa Romana - Ninfa, su un mostro marino (autore reini68). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).L’atrio del West è stato circondato da un peristilio Rhodian tipo e aveva le pareti rivestite in marmo, ha incluso nel suo centro una conca circondata da un mosaico raffigurante i delfini e un mare-ninfa cavallo testa di un mostro marino di cavallo.
  • L’atrio del nord, il più grande, aveva il peristilio più magnifica: un colonnato doppio colonnato di sostegno di un balcone.

La città greco-romana di Kos - Il balcone dell'atrio della casa romana a nord di Kos (autore Triolo Else). Clicca per ingrandire l'immagine.Questa combinazione di vasche di marmo e l’acqua era che la casa rimane fresco all’interno anche durante le giornate più calde. Camere per l’accoglienza degli ospiti sono stati disposti intorno a questi corsi, i pavimenti erano coperti con lastre di marmo o mosaici sontuosi, e le pareti erano coperte di lastre di marmo, un segno di grande ricchezza.

Un elemento importante nella decorazione della residenza era un piccolo gruppo di statue, risalente al secondo secolo aC, e ora in mostra al Museo Archeologico di Kos . Sculture, inclusi i temi suggerito la creazione di un mondo artificiale costruito nel naturale (metà ninfe seduta nuda su una roccia, un satiro, Cupido, Afrodite, ecc.), Sono stati utilizzati per la decorazione della residenza peristilio; hanno dato il loro proprietario l’aura di un collezionista d’arte, proclamando il suo elevato status sociale.

Spazi privati ​​non sono fronzoli, anche se il loro progetto non tiene conto degli elementi di una ostentazione fiammeggiante. Queste sono le zone ad ovest del peristilio, intorno ad un salone che si apriva sul portico, era camere private decorate con murales motivi vegetali, o, nel caso di un’altra stanza, rappresentazione di Cupido. Infine, il residence dispone di altre parti di funzione di servizio, come il gioco, nella parte nord-est della casa, che era le vasche lavanderia con marmo e scolpito in un sistema di drenaggio, o parti la costa occidentale, che sono stati dotati di un forno.

La città greco-romana di Kos - L'atrio della casa romana di Kos (autore Elsa Triolo). Clicca per ingrandire l'immagine."Casa Romana" è stato distrutto da un potente terremoto, forse quello di 465 dC, che segnò la fine del mondo antico, non è mai stata abitata di nuovo, ad eccezione della sua parte meridionale - che non è stata inclusa in un edificio restaurato dagli italiani. Questa parte della residenza incluso aree di modeste dimensioni che non avevano alcun carattere di lusso, che riflettono i cambiamenti sociali avvenuti.

Durante la seconda guerra mondiale, Casa Romana è stato utilizzato come ospedale per gli italiani potevano ancora vedere il rosso attraversa dipinta sulla parte esterna per scoraggiare i bombardamenti anglo-americani.

Il restauro del 1930 aveva già cominciato a deteriorarsi e la Casa Romana è stato chiuso al pubblico 2005-2009 per i lavori di ristrutturazione.

Orari di apertura: tutti i giorni tranne il lunedì, dalle 8 h 30-15 h.

Ingresso a pagamento: € 3.

Telefono: 00 30 22420 23234

Casa Romana è segnalato come "Kos casa ristrutturata, del III secolo dC".

Sito archeologico di occidentale
La città greco-romana di Kos - Il decumano della città romana di Cos (autore Elsa Triolo). Clicca per ingrandire l'immagine. Il sito archeologico di ovest è di 500 metri a sud del porto di Mandraki , ciò si ottiene prendendo Pavlou Avenue e poi girare a destra su viale E. Grigoriou - Vale a dire, il viale del Patriarca Gregorio V(Λεωφόρος Πατριάρχου Γρηγορίου Πέμπτου). Questa zona ad accesso aperto - ancora in fase di scavo - comprende gran parte della città antica costruita intorno a due strade romane tradizionale città romana: l’asse cardinale, il cardo, incrociate ad angolo retto dal decumanus maximus . Decumanus è ancora visibile sul lato destro della strada Grigoriou: era una larghezza pavimentata di 10,5 metri, con ampi marciapiedi, che è stato allineato con portici, si può notare le tracce sul marciapiede da parte le ruote dei carri romani.

La città greco-romana di Kos - Sentenza Galleria di Parigi, in una casa del sito archeologico di Kos occidentali (autore JD554). Clicca per ingrandire l'immagine. Questa vasta area comprende i resti della maggior parte degli edifici che sono stati trovati in una città romana: le latrine pubbliche ricostruite dagli archeologi - che abbiamo prima preso un Ninfeo - di case romane che sono state ornate da sontuosi mosaici e murales, terme romane , un odeon , una palestra e un stadio . Sotto le due piste principali era un sistema complesso di servizi igienico-sanitari di drenaggio garantendo della città.

A destra del Ninfeo è - sotto una copertura di protezione - un mosaico raffigurante il "Giudizio di Paride" Parigi doveva decidere quale delle tre dee Atena, Era e Afrodite era la più bella: Pâris pensato che fosse Afrodite.

Le rovine di un battistero del periodo bizantino si trova anche in questa zona, a sud di viale Gregorio V, vicino al Odeon .

Il Santuario delle Ninfe
La città greco-romana di Kos - Il Ninfeo della città di Kos (autore Tedmek). Clicca per ingrandire l'immagine. A est del cardo della città antica è un elegante edificio ristrutturato risalente al III secolo aC. Il monumento è circondato da undici colonne di marmo bianco, con tre nicchie e una piscina di fronte a ciascuno di essi.

La città greco-romana di Kos - Il Ninfeo (o latrina) della città di Kos (autore greekstifado - Yanni). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Quando questo edificio è stato scoperto, la sua eleganza ha portato gli archeologi alla conclusione che si trattava di un Ninfeo, vale a dire, un santuario dedicato alle ninfe. Un Ninfeo, in antichità greche (νυμφαιον) e romana (ninfeo), è stato un monumento dedicato alle ninfe, in particolare sulle fonti ninfe. Questi monumenti sono stati messi in grotte naturali, che la tradizione considerata la casa delle ninfe locali, queste grotte erano a volte costruiti in modo da fornire un approvvigionamento di acqua. Grotte artificiali poi sostituito grotte naturali.

Consideriamo ora che l’edificio era in realtà un lusso pubblico orinatoio o latrina.

La Casa del Ratto di Europa
La città greco-romana di Kos - Mosaico rimozione Europa a Kos (autore JD554). Clicca per ingrandire l'immagine.Grigoriou lungo il viale a ovest, si può vedere sulla destra - nord del decumano - rifugi di legno: proteggono le rovine della "Casa d’Europa". Questo monumento deve il suo nome al mosaico raffigurante notevole il rapimento di Europa (Ευρώπη) da parte del dio Zeus (Ζευς) sotto le spoglie di un toro Europa si blocca il collo nudo e fianco dell’animale. Mosaico adorna il pavimento di una piccola stanza sul lato sinistro del campo.

Molte statue sono stati trovati tra le rovine di questa casa la cui costruzione originale risale alla fine del III secolo e gli inizi del II secolo aC, che tra queste statuette quelli di Esculapio / Asclepio (Ασκληπιός) di Diana / Artemis (Άρτεμις) e Salus / Igea (Igea,Υγιεία), come si può vedere nel Museo Archeologico di Kos .

L’Odeon
Il viale di cipressi che conduce al Odeon di Kos (autore reini68). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Sul lato sinistro del viale Gregorio V - di fronte alla palestra , e ad ovest della Casa Romana - è l’Odeon di Kos, un viale di cipressi conduce breve dal viale al Grigoriou Odeon (Ωδείο).

La città greco-romana di Kos - L'Odeon nell'antica città di Kos (autore Tedmek). Clicca per ingrandire l'immagine.Odeons erano il teatro musicale che è stato utilizzato per spettacoli di musica e poesia. L’Odeon di Kos data del periodo romano, fu costruita nel II secolo dC. E ’piccola, ma molto bella.

L’Odeon è orientato nord-sud, con l’auditorium (i "koilon" greci o la "cavea" Romani) che si trova a sud e l’orchestra e il palco a nord. Il "koilon" potrebbe ospitare un pubblico di 750 persone: è incluso un diazoma inferiore quattordici file di sedili di marmo - di cui solo nove sono stati restaurati nel 1999 - per i notabili, e diazoma primi cinque passi per pietra di granito spettatori ordinari diazoma due sono stati separati da un pianerottolo, quattro scale diviso la diazoma inferiore.

Galleria sotto le gradinate della Odeon di Kos (autore reini68). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Il "koilon" è stato coperto da un tetto a volta sostenuto da quattro mura e rafforzata da pilastri. Sotto le gradinate erano due gallerie semicircolari e varie stanze più piccole - forse - laboratori in cui è stata scoperta la famosa statua di Ippocrate, che è ora al Museo Archeologico di Kos .

La città greco-romana di Kos - L'Odeon nell'antica città di Kos (autore Edvardas Vaišvila). Clicca per ingrandire l'immagine.La scena era irregolare forma pentagonale con un proscenio (boccascena) e le ali, e dietro il rettangolo scena. L’orchestra era circolare, con un diametro di 5 metri, e decorato con intarsi in marmo. Due ingressi, decorate con splendidi pavimenti a mosaico sono stati scoperti alle estremità del palco. Diverse statue, che si trova in nicchie, archi decorati.

L’Odeon è anche la sede del gerousia (gerousia,Γερουσία), o del Senato, i Kos pubblica amministrazione, che non avevano il potere politico, ma che hanno visto gli onori di aggiudicazione per i cittadini di spicco della isola di Kos.

La città greco-romana di Kos - L'Odeon nell'antica città di Kos (autore Michal Osmenda). Clicca per ingrandire l'immagine.Il terremoto di 142 anni ha causato un grave danno allo Odeon, il tetto è crollato, le riparazioni sono state effettuate durante il regno di Antonino Pio (138-161 dC - C.). Le rovine del Odeon sono stati rinvenuti negli scavi condotti nel 1929 da archeologi italiani. Il teatro è stato restaurato dagli italiani nel 1934.

L’ingresso alla Odeon è gratuito.

La Spa West
I bagni ad ovest della città di Kos (autore reini68). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Dalla casa del rapimento di Europa sezione della linea principale della città romana, il decumanus maximus, è ben visibile ed è parallelo al viale Grigoriou. Questa strada lastricata romana conduce al di là delle rovine di una basilica cristiana, i bagni a ovest, i resti riconoscibili di una stanza a cupola che copriva un vasto mosaico. Le terme di ponente sono stati alimentati dalla fonte Vourina, lodato da Teocrito.
La città greco-romana di Kos - Le Terme di occidentale antica città di Kos (autore Elisa Triolo). Clicca per ingrandire l'immagine.La città greco-romana di Kos - Le Terme di occidentale antica città di Kos (autore Elisa Triolo). Clicca per ingrandire l'immagine.La città greco-romana di Kos - Le Terme di occidentale antica città di Kos (autore Elisa Triolo). Clicca per ingrandire l'immagine.
La Palestra
La città greco-romana di Kos - La palestra della città di Kos (autore Palatinatian). Clicca per ingrandire l'immagine.Il sito archeologico comprende una palestra a ovest - o, più precisamente, un palaestra - periodo ellenistico, a destra del viale Grigoriou e vicino al palco che è stato separato da una strada stretta. Un portico, costituito da una fila di 17 colonne doriche restaurato, offre uno spettacolo impressionante, il portico della palestra in origine aveva 24 colonne.

La palestra era conosciuta come la "Xysto"(Ξυστό) per l’abitudine degli atleti raschiamento (xisoun) i loro corpi per pulire l’olio fuoriesce prima che guidano o di partenza del gare. C’era una pozza d’acqua nel mezzo della palestra dove gli atleti potevano lavare, le terme erano adiacenti a nord per la stessa ragione.

Stadio Antico
Le rovine del vecchio stadio - 200 m di lunghezza per 120 m di larghezza - sono stati scoperti nei bagni a sud-ovest a nord lungo la Tsaldari, il ben conservato resti di un aphesis (cancello di partenza gare) sono ancora visibili.  Strada a Tsaldari nord-est, si arriva alle terme da nord.
Il Nord Spa
I bagni sono stati scoperti a nord lungo la strada il 31 marzo (Martiou)(οδός 31ης Μαρτίου) greco-romane terme che risalgono tra il IV secolo e il III secolo aC.
La Spa Port
La città greco-romana di Kos - Le rovine delle Terme di porto di Kos (autore JD554). Clicca per ingrandire l'immagine.Porta I bagni erano composto da una camera circolare con portici, le rovine del porto Terme situato all’angolo di Omero Street (οδός Ομήρου) e via Erodoto (οδός Ηροδότου).

Storia e tradizioniArti Storia, letteratura, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli, ...

StoriaStoria
Vai alla pagina Storia di Kos, in Grecia antica .

Vai alla pagina Kos Storia sotto l’impero romano .

PersonaggiPersonaggi
Ippocrate, il "padre della medicina", nacque nel 460 aC a Kos e avrebbe studiato medicina sotto la guida del "Padre di Fisica" Democrito. Avendo viaggiato molto in Grecia, Ippocrate poi trascorso gran parte della sua vita a Kos dove ha praticato e insegnato la medicina.

Altri temiAltri temi

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
La città di Kos o Cos - Mappa interattiva
La città di Kos - La città greco-romana
La città di Kos - La città bizantina
La città di Kos - La città medievale
La città di Kos, Kos - Castello Neratzia
La città di Kos - La città ottomana
La città di Kos - La città italiana
Il villaggio di Platani, Kos
Il villaggio e terme di Empros, Kos
Argomenti più ampi
Inizio
L'isola di Kos - carta interattiva
La città di Kos o Cos, Kos
Il sito di Kos Asclepion, Kos
La città di Asfendiou, Kos
La città di Pyli, Kos
La città di Antimahia o Antimachia, Kos
La città di Kardamena, Kos
La città di Kéfalos, Kos
L'isola di Kos in Mare Egeo - la storia dell'isola

Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.