AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Kos - La città italiana

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Grecia] [Via Gallica]

ArgomentiRubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina a cura

Introduzione

PanoramicaGeneralità
Alla fine della guerra italo-turca del 1911 e il 1912, l’Italia occupò le colonie turche in Nord Africa e il Dodecaneso . Questa occupazione sarebbe stata temporanea, e molti abitanti del Dodecaneso voleva una unione con la Grecia. Tuttavia, l’annessione del Dodecaneso Italia è stata formalizzata dal Trattato di Losanna nel 1923.
EtimologiaEtimologia
L’isola e la città di Cos si chiamano in italiano Coo.

VisiteVisite

La presenza italiana in Kos per tre decenni ha lasciato un importante patrimonio architettonico, che ha solo di recente iniziato ad essere apprezzato. Gli italiani costruito un gran numero di edifici di nuova costruzione completamente creando nuove forme di pianificazione razionalista - architettura fascista con elementi che sottolineano il ruolo dello Stato metropolitano come fattore di modernizzazione.

Inoltre, la città di Kos è unica tra le altre città Isole del Dodecanneso che conosceva l’occupazione italiana, perché doveva essere quasi interamente ricostruita dopo il devastante terremoto del 23 aprile 1933, ha dato alla distruzione autorità italiane hanno la possibilità di una ristrutturazione della città di Kos, una nuova città nella moderna pianificazione urbana è stata costruita. La città è stata divisa in tre zone di costruzione in base a criteri di classe sociale: il nord, centro e sud. Il settore settentrionale è stato diviso in piccole case per le classi lavoratrici della città (scatola popolari), la zona centrale consisteva principalmente di case a due piani con negozi al via per la classe media urbana in città (Palazzine). Infine, il settore ha accolto con favore le case coltivato dei coloni italiani (villini).

Gli edifici costruiti prima del terremoto (Municipio, Ospedale Generale "Ippocrate" , Palazzo del Governo , ecc.) differiscono da quelli costruiti dopo il terremoto ( Casa del Fascio , Mercato Comunale , Museo Archeologico , Casa Balilla, ecc .), in termini di stile: i primi sono squisiti esempi di eclettismo mentre i secondi contengono elementi del razionalismo e dell’architettura fascista.

La città ha anche nuovi integrazione siti archeologici antichi Kos , che si trovano sotto le macerie, e che è venuto per essere cercato.

La Casa del fascio (Casa del Fascio)
La città italiana di Cos - La Casa del Fascio o Panhellénion Kos. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia). La "Casa del Fascio" (Larghezza House) è stato costruito nel governo fascista italiano per servire l’ufficio locale del Partito Nazionale Fascista. La Casa del Fascio è stato progettato nel 1933 e costruito nel 1935, è stato concepito come uno strumento di propaganda, che si trova sulla piazza centrale di Kos, ora Piazza della Libertà (Platia Eleftherias / πλατεία Ελευθερίας), si è dovuto un balcone dove i relatori - ai piedi di una torre imponente - potrebbero arringa le folle. Accanto c’era un cinema.

Casa del Fascio è un tipico edificio modernista fascista architettura razionalista.

Oggi, il "Panhellénion" (Panellenion) è un complesso che ospita un ristorante e un cinema ancora probabilmente serve un altro propaganda.

Il Palazzo del Governo (Palazzo del Governo)
La città italiana di Cos - Palazzo del Governatore (autore Nickophoto). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Il Palazzo del Governo (Palazzo del Governo) si trova tra Piazza Sycamore (Piazza del Platano) e Miaouli Promenade (Akti Miaouli), vicino al Castello dei Cavalieri . E ’stato costruito negli anni 1927-1928 sui piani dell’architetto italiano Fausto Di Fiorestano.

La città italiana di Cos - Il capitano del porto di Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.Si tratta di un edificio in stile modernista arabo utilizzato in Eritrea e Libia italiana, con una caratteristica torre dell’orologio. Posto al piano, l’angolo di fronte al Neratzia castello , sono le scale della cerimonia palazzo, un pavimento a mosaico incorpora le braccia della Casa di Savoia, re d’Italia. All’interno l’edificio è un cortile, arioso dalla brezza marina, e dominata da balconi.

Durante l’occupazione italiana Palazzo del Governo sede l’amministrazione dell’isola e il Palazzo di Giustizia (Palazzo di Giustizia). E ’stato un importante simbolo dell’autorità fascista con la scritta "Legum servito omnes sumus" (Siamo tutti schiavi della legge), proclamando il dominio del diritto inciso nella parte posteriore del palazzo si affaccia sul posto Piano di Ippocrate.

Oggi, l’ex case palazzo del governo il municipio della città di Kos, il sotto-prefettura di Kos, il Palazzo di giustizia e polizia di Kos.

L’Auberge Gelsomino (Albergo Gelsomino)
La città italiana di Kos - Kos Albergo Gelsomino (autore Nickophoto). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).L’ostello Gelsomino (Albergo Gelsomino) è un edificio del periodo italiano, costruito nel 1929, che oggi ospita l’Ufficio del Turismo della città di Kos .

La città italiana di Kos - Kos Albergo Gelsomino (autore Nickophoto). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).

Il mercato comunale
La città italiana di Cos - Il mercato comunale coperto Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.Il mercato comunale è stato costruito dopo il terremoto del 1933.
La città italiana di Cos - Il mercato comunale coperto Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.La città italiana di Cos - Il mercato comunale coperto Kos. Clicca per ingrandire l'immagine.La città italiana di Cos - Il mercato comunale coperto Kos. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Ippocrate Hospital (Ospedale Ippocrate)
La città italiana di Cos - La statua di Ippocrate di Kos (autore Tedmek). Clicca per ingrandire l'immagine.Ospedale "Ippocrate" (Ospedale Ippocrate) è un edificio del 1928, prima del terremoto del 1933. Si trova sulla Boulevard Ippocrate (Λεωφόρος Ιπποκράτους).

La città italiana di Kos - Kos Ippocrate Hospital (autore Attilio711). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).

La Chiesa di Santa Paraskevi (Agia Paraskevi)
La chiesa di Agia Paraskevi (Αγία Παρασκευή) è stato costruito nel 1932 e il 1933 in uno stile bizantino contrassegnato come appartenente ad affermare il mondo greco dell’isola ora occupato dagli italiani.
La Chiesa di Agia Paraskevi a Kos. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La Chiesa di Agia Paraskevi a Kos. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La Chiesa di Agia Paraskevi a Kos. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Il Museo Archeologico
La città italiana di Cos - Il Museo Archeologico di Kos (autore Tedmek). Clicca per ingrandire l'immagine.Il Museo Archeologico di Kos è stata costruita nel 1936, durante l’italiano per raccogliere le scoperte fatte in seguito al catastrofico terremoto del 23 aprile 1933. Durante i lavori di compensazione, archeologi italiani scoperti, riparato e cercato un certo numero di monumenti antichi della città di Kos.

Si tratta di un piccolo museo, ma relativamente grande per una città come Kos. Il Museo Archeologico di Kos si trova in un bellissimo edificio a due piani con tre ingressi sormontati da archi. Esso comprende tre sale espositive disposte intorno ad un atrio (cortile).

La città italiana di Cos - L'atrio del Museo Archeologico di Kos (autore Greekstifado-Yanni). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Il museo non ha le opere eccezionali, ma un’interessante collezione di sculture di età ellenistica e romana (IV secolo aC al III secolo dC), mosaici, ceramiche, basso rilievi di tombe, altari, offerte votive e statuette, provenienti principalmente da case romane della città, l’ Odeon romano di Pyli (il santuario di Demetra), così come altri siti su isola.

Mosaico di Hermes (II secolo dC), proviene dalla casa di Europa , ha il dio Ermes seduto su una roccia.

La città italiana di Cos - Mosaici del Museo Archeologico (autore bazylek100). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Dopo il punto di ingresso, si entra nel museo attraverso un anticamera che conduce direttamente nell’atrio del palazzo. Sul pavimento del cortile è una delle parti principali del museo: un bel mosaico colorato che rappresenta l’arrivo del dio Asclepio sull’isola di Kos. Il mosaico raffigura una figura maschile che rappresenta Asclepio, dio della medicina, lo sbarco da una nave da una passerella stretta, a terra, un uomo che porta un cesto su un bastone, accoglie con favore l’arrivo del dio (forse il dio Pan ). Nell’angolo a sinistra è una figura seduta, vestita di una tunica bianca, il medico Ippocrate.

Questo mosaico è datato al periodo romano del III secolo dC, è stato scoperto in una casa romana nella città di Kos.

Intorno l’atrio e negli autosaloni, abbiamo scoperto diverse statue:

La città italiana di Kos - Statua di Ippocrate nel Museo Archeologico di Kos (autore Bazylek100). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).La statua è la più famosa statua dovrebbe rappresentare Ippocrate (Ιπποκράτης). C’è una statua più grande della vita che rappresenta un uomo barbuto che indossa una toga, questa statua è stata scoperta nelle rovine del Odeon di Kos si dice che sono i lavoratori che hanno scoperto che la statua denominata Ippocrate, ma può essere un medico famoso nella linea di euforbia. La statua è stato datato al IV secolo aC.

La città italiana di Cos - Statua acefala di Esculapio (autore Alokhorst). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).La statua senza testa del dio Asclepio (Ασκληπιός), il romano Esculapio, in possesso di un bastone attorno al quale è avvolto un serpente (un attributo tipico del dio) con Télesphore (Τελεσφόρος), il dio della convalescenza, seduta ai suoi piedi. La statua è datata dal II secolo aC e viene dalla casa del mosaico di Europa .

Una statua di Artemide (Άρτεμις), la Diana cacciatrice dei Romani, il cui arco è rotto, con il suo cane da caccia.

Una statua di Igea (Υγιεία), la Salus romana, figlia del dio della medicina, Asclepio, dea della salute, la pulizia e l’igiene. Hygeia offre un serpente uovo di Asclepio.

Realizzata una statua raffigurante il dio Dioniso (Διόνυσος), il Bacco dei Romani, piuttosto effeminato, tenendo nella mano destra un bicchiere di vino e vuota appoggiata sulla spalla di un giovane ubriaco con il suo entourage. La sua mano sinistra poggia su una vite che è arroccato il dio Pan, con i piedi fessi e corna caratteristiche corti, e suonando il suo flauto, ai piedi di Dioniso è un piccolo Eros, la personificazione dell’amore , accarezzare una pantera. La statua risale al II-III secolo.

La città italiana di Kos - Statua di Artemide nel Museo Archeologico di Kos (autore Tedmek). Clicca per ingrandire l'immagine.La città italiana di Kos - Statua di Igea nel Museo Archeologico di Kos (autore Tedmek). Clicca per ingrandire l'immagine.La città italiana di Kos - Statua di Dioniso nel Museo Archeologico di Kos (autore Tedmek). Clicca per ingrandire l'immagine.
La città italiana di Kos - Testa di Hermes presso il Museo Archeologico (autore Tedmek). Clicca per ingrandire l'immagine.La città italiana di Kos - Statua di Hermes nel Museo Archeologico di Kos (autore Tedmek). Clicca per ingrandire l'immagine.La statua del dio messaggero Hermes (Ερμής), il Mercurio dei Romani, e si sedette accarezzare un agnello, con i sandali alati ai piedi.

Una statua di Demetra (Δήμητρα), le romane Cerere, dea dell’agricoltura. La statua risale al IV secolo aC o terzo.

Una statua della dea Tyche (Τύχη), dea romana Fortuna, la dea della ricchezza e della prosperità.

Una statua di Ade (Άδης), dio degli inferi.

Una statua di Afrodite.

Alcune statue di donne, il periodo ellenistico (III secolo aC al II secolo), che indossano il caratteristico abbigliamento di Kos.

La città italiana di Kos - Statua di Demetra nel Museo Archeologico di Kos (autore Tedmek). Clicca per ingrandire l'immagine.La città italiana di Kos - Statua di Tyche nel Museo Archeologico di Kos (autore Tedmek). Clicca per ingrandire l'immagine.La città italiana di Kos - Statua di Ade Museo Archeologico di Kos (autore Tedmek). Clicca per ingrandire l'immagine.
Una tabella di supporto (trapézophore) è il tormento del satiro Marsia (Μαρσύας), un uomo nudo vecchio appeso ad un albero con le mani legate, in attesa di essere punito da Apollo. Marsia aveva sfidato il dio Apollo in una gara musicale e, dopo aver perso, è stato condannato a essere scorticato vivo e la sua pelle si voltò ulteriormente (Marsia svolto un canna a forma di strumento ha anche una specie di cornamusa , Apollo suonava la cetra). Questo "trapezophoron" è datato al periodo ellenistico (II secolo aC), ma è in realtà una copia di un originale più vecchio.
Il primo piano è riservato alle collezioni dei musei archeologici di ceramica. Collezione di ceramiche preistoriche e oggetti metallici di uso quotidiano, scoperto sul Seragia collina, il sito delle Kos dell’età del bronzo (ventesimo XII secolo aC), e la sito neolitico della grotta Aspri Petra ("pietra bianca") e di altri siti archeologici. La collezione è chiuso al pubblico.

La grande collezione di ceramiche dal periodo geometrico al periodo ellenistico (VIII secolo al I secolo aC), anche chiuso al pubblico.

Molti dei pavimenti a mosaico che devono essere esposti al primo piano del Museo sono attualmente in Kos Rodi, perché gli italiani nel 1930, ci sono stati trasportati per decorare il famoso Palazzo del Gran Maestro .

Museo Archeologico di Kos

Luogo Kazouli (Πλατεία Καζούλη) accanto ai Eleftherias Località (Πλατεία Ελευθερίας).

Telefono: 00 30 22420 28326

Orari: da Martedì a Domenica, dalle ore 8 alle ore 14 30. Il tour può essere fatto in 20-30 minuti.

Biglietto d’ingresso: 3 € (adulti), € 2 (anziani e studenti), gratuito per i bambini 16 e sotto.

Il museo è stato chiuso nel 2012 per restauro.

Storia e tradizioniArti Storia, letteratura, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli, ...

StoriaStoria
Vai alla pagina La storia di Kos sotto il dominio italiano .

InformazioniInformazioni pratiche

RistorantiRistoranti
Avanti Restaurant
Ristorante italiano, situato nella parte inferiore del Tritone Hotel, di fronte alla spiaggia, vicino alla ex Palazzo del Governo . Pasta, pizze cotte a legna, pesce, frutti di mare ...

4 rue Vasileos Georgiou

Telefono: 00 30 22420 20040

Aperto per colazione, pranzo e cena.

Altri temiAltri temi

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
La città di Kos o Cos - Mappa interattiva
La città di Kos - La città greco-romana
La città di Kos - La città bizantina
La città di Kos - La città medievale
La città di Kos, Kos - Castello Neratzia
La città di Kos - La città ottomana
La città di Kos - La città italiana
Il villaggio di Platani, Kos
Il villaggio e terme di Empros, Kos
Argomenti più ampi
Inizio
L'isola di Kos - carta interattiva
La città di Kos o Cos, Kos
Il sito di Kos Asclepion, Kos
La città di Asfendiou, Kos
La città di Pyli, Kos
La città di Antimahia o Antimachia, Kos
La città di Kardamena, Kos
La città di Kéfalos, Kos
L'isola di Kos in Mare Egeo - la storia dell'isola

Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.