AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

Il villaggio di Škrip, isola di Brač in Croazia

[Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d'inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Škrip è un piccolo villaggio pittoresco appena di 200 abitanti situato sull'isola di Brač in Croazia.

Il villaggio appartiene amministrativamente al comune di Supetar nella contea di Split-Dalmazia.

Škrip è la più vecchia località dell'isola, la sua storia risalendo a oltre 5000 anni, all'epoca illiricone, bene prima della colonizzazione romana. Škrip conserva la memoria dell'isola grazie al suo museo dell'isola di Brač.

EtimologiaEtimologia
Il toponyme Škrip (pronunciare “chkripe„) proviene dalla parola latina scrupus, che significa “pietra aguzza„ (Cf scrupulus, “scrupule„, piccola pietra maldestra nel sandalo), per riferimento agli avanzi d'estrazione delle carriere di Rasohe che fornirono la pietra del palazzo di Diocleziano a Split.

All'epoca veneziana, Skrip si nominava in italiano Scripea.

SituazioneSituazione

La costa vista dal villaggio di Škrip. Clicca per ingrandire l'immagine.Škrip si appollaia sulle colline in mezzo ad un caos pietroso nella parte centrale della costa del nord dell'isola di Brač.

Il villaggio di Škrip visto da Donji Humac. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio si situa ad un'altitudine di 250 m circa a 3,5 km del mare. Trasforma in di fronte ai massimi del Mosor vicino a Split, l'altro lato del canale di Brač.

Skrip è a 12 km del porto di Supetar accessibile per traversata marittima da Split.

Si può arrivare a Škrip con una strada pittoresca che scende verso il villaggio da Nerežišća ed il piatto di Vidova Gora; curvando tra i tumulus di pietra ed i murets, questa strada offerta dei punti di vista spettacolari sul canale di Brač e le montagne di riviera di Makarska.

Del cimitero del villaggio si può contemplare un'ampia valle che si estende di Postira e Splitska all'interno delle terre.

La vista sulla valle dal palazzo Radojković. Clicca per ingrandire l'immagine.

VisiteVisite

La via principale di Škrip (auteur Honza Beran). Clicca per ingrandire l'immagine.La vista sulla valle da Škrip. Clicca per ingrandire l'immagine.Škrip è la colonia ex dell'isola di Brač, nella quale tre strati di popolamento (illirica, Romano e croato) hanno lasciato la traccia visibile della loro presenza. Muri illiricones vecchie, sarcofagi, giri e chiese, sono diffusi in questo villaggio all'aspetto rurale trascurato.

Il villaggio è particolarmente fiero dei suoi castelli-forte di cui un riparano un museo notevole insulare.

Le rovine Illiricones
Muro illiricone. Clicca per ingrandire l'immagine.Le fortificazioni illiricones furono costruite per difendere l'isola di Brač contro la penetrazione greca (IVe ed IIIe secolo prima di J. - C.), che fu effettivamente stabilita. Ma anche queste pareti massicce non hanno potuto nulla contro un nemico molto più potente, le legioni romane, nel corso dei secoli seguenti.

I muri illiricones sono visibili vicino alla base occidentale del giro di Radojković. Di là, si estendono circa su 25 metri verso il nord dove si trovava la porta enorme principale. Quindi i muri girano verso l'est, dove si trovava una piccola porta, la cui memoria è ancora conservata nel nome di Vroca (vratca, la piccola porta). Il seguito del muro si estende verso il sud, lungo la via del villaggio, fino alla scogliera di Kuka (l'uncino, la scogliera brusca). Sul lato sud si trova la scogliera che funge da parete naturale di protezione.

Questi muri, che si riconoscono alla dimensione massiccia blocchi di pietra, sono stati costruiti sul modello greco di una parete cyclopéen, cosa che fece pensare durante un tempo che fossero l'opera di una colonia greca, ma delle ricerche archeologiche recenti hanno mostrato che si tratta di costruzioni illiricones: Illiricos si ispirava ai metodi di costruzione dei greci.

Le rovine romane
Il periodo romano a Škrip si estende del IIIe secolo prima di J. - C. al Ve secolo dopo J. - C., e le tracce lasciate in Škrip dai Romani sono molto più importanti e più visibili di quelle dello Illiricos.

Per il periodo romano dei centri di vita si stabilirono lungo la costa, mentre nell'interno delle terre persisteva una tradizione preistorica poco influenzata dai Romani. L'era della pace romana, “Pax Romana„, e le risorse specifiche offerte da Brač, in particolare le carriere di pietra eccellente, contribuirono alla formazione di colonie lungo la costa. Non si sono scoperte tracce di grandi colonie che avrebbero avuto uno statuto ed il carattere di un municipio: si trattava soprattutto di piccole colonie sviluppate nella vicinanza delle carriere, delle viti o degli oliveti. I mazzi di edifici formati attorno ai settori agricoli erano conosciuti sotto il nome “di villa rustica„. Vestigia “di villae rusticae„ romane sono state scoperte a Bol sopra Rat, a Bunje vicino a Novo Selo, a Povlja ed a Žalu.

La storia romana locale ricorda la prossimità delle carriere storiche di Rasohe, di Stražišće e di piatta, situata tra Škrip e Splitska, dove tracce d'estrazione della pietra sono ancora visibili. L'estrazione della pietra era importante per tutta la provincia romana di Dalmazia, e basta sottolineare l'importanza delle carriere di Brač per la costruzione del palazzo di Diocleziano a Split. Gli architetti romani organizzarono l'estrazione della pietra, in particolare in occasione dell'espansione di Salona. Le carriere sono state sfruttate prima del periodo di Diocleziano, come lo conferma un'iscrizione del IIe secolo dopo J. - C. trovata nei dintorni di Škrip; l'iscrizione cita un direttore di teatro (Centurio Quintus Silvius curagens theatri), che è occupato alla costruzione del teatro di Salona. Ma è la costruzione del palazzo di Diocleziano a Split che diede il segnale dello sfruttamento massiccio e dell'arrivo di una nuova popolazione di sarti di pietra. Dalle carriere, la pietra era trasportata fino al porto di Split, quindi verso Salone (oggi Solin) e Split, dove l'imperatore Diocleziano costruiva il suo palazzo monumentale.

La carriera di Rasohe conserva il bas-relief più importante dell'antichità su Brač: rappresenta Ercole scolpito direttamente nella roccia. Il bas-relief è stato probabilmente realizzato alla fine del IIIe secolo o all'inizio del IVe secolo, quando la pietra era estratta per il palazzo. Alcune altre rappresentazioni dell'eroe e alcune autels votifs dedicate ad Ercole (Héraclès) sono stati trovati, poiché i soldati ed i sarti di pietra révéraient il culto di Ercole per la sua forza fisica. Autels votifs delle divinités orientali Mithra e Baal sono stati anche scoperti; testimoniano la presenza sull'isola di soldati e di sarti di pietra venuti da tutto l'impero, in particolare dal Medio Oriente.

Il serbatoio romano. Clicca per ingrandire l'immagine.I monumenti romani sono stati trovati in abbondanza a Škrip: si può citare “lo stagno„ (lokva), un serbatoio con una scala in pietra, scavata nella roccia vicino all'entrata del cimitero. C'erano altri serbatoi nei dintorni di Škrip, come pure pozzi d'acqua di fonte. È completamente spiegabile se si conserva allo spirito che c'erano centinaia di schiavi che lavoravano nelle carriere vicine.

I caporeparto degli schiavi ed i nobili della Škrip romana stabilirono santuari alle divinités païennes di Jupiter, Héraclès, Mitra, mercurio e Liber; in Škrip, costruirono sarcofagi di pietra ed altre tombe per le loro famiglie e per essi stessi.

Sarcofagi vicino al giro Radojković. Clicca per ingrandire l'immagine.Škrip enorgueillit di possedersi il più grande cimitero dell'antichità romana che esiste ancora sull'isola. È di questo cimitero che provengono centinaia di bas-reliefs e di frammenti, conservato soprattutto nel museo locale, il museo dell'isola di Brač. I archéologues pensano che appena al di sotto di questo cimitero si trovino i resti di un tempio romano.

Una lapide romana al museo di Brač. Clicca per ingrandire l'immagine.Per i Romani, Škrip era il più grande seminario di fabbricazione di sarcofagi attorno all'Adriatico orientale. Lungo il villaggio sono diffusi dei sarcofagi completati o incompiuti, o dei frammenti di sarcofagi utilizzati a fini diversi tra i secoli che seguirono. Alcuni sarcofagi si trovano vicino alla parete sud del castello rinforzato di Cerinić. Il coperchio di un sarcofago si trova accanto alla parete orientale del castello; il secondo sarcofago è incastrato nella parete del giardino, sul lato diritto della via che borda la parete del nord del castello. Un altro sarcofago si trova attraverso la via nel giardino. Alcune tombe sono scavate nella roccia, come quella che si trova nel giardino sul lato sud del posto, dove, accanto alla tomba di un uomo adulto, si trova una più piccola tomba destinata ad un bambino.

Molti sarcofagi furono completamente distrutti; in altri casi, la gente utilizzò le loro cavità per conservare l'olio, ed i coperchi furono utilizzati come abbeveratoi. Molti sarcofagi, senza il loro fondo, furono utilizzati per inquadrare porte come, ad esempio, sulla piccola chiesa San Michele che si può vedere sulla collina vicina sopra frode, al Sud-Est di Škrip.

Il più grande e più bello mausoleo è incastrato sopra la base massiccia delle pareti illiricos, al fondo del giro di Radojković. Questo mausoleo romano ben conservato data dell'inizio del IIIe secolo dopo J. - C. Fu costruito quasi alla stessa epoca del palazzo di Diocleziano a Split; ha in comune con quest'ultimo alcuni elementi architetturali.

Il palazzo Radojković. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il mausoleo riposa direttamente sulle vecchie pareti illiricos. Si tratta di una camera funeraria di forma quadrata, con una volta in culla, fatta di blocchi di pietre tagliate disposte regolarmente, con due grandi arcate incurvate in pietra sopra la cripta. L'entrata della camera funeraria si trova sul lato orientale. Sotto la scala in legno c'era una piccola apertura che ha funto da uscita per le persone che avevano sigillato il mausoleo dell'interno.

Si tratta probabilmente del mausoleo di qualche Romano nobile. Ma, secondo la leggenda locale, questo mausoleo sarebbe stato l'ultimo luogo di riposo di due nobili romane, il coniuge dell'imperatore romano Diocleziano, Priscilla, e la sua figlia Valeria, che come cristiane sarebbero state nascoste a Škrip a causa delle loro credenze religiose e vi sarebbero morte.

La chiesa Sant'Elena (Crkva Svete Jelene)
La chiesa Sant'Elena. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La chiesa parrocchiale Sant'Elena (Župna Crkva Svete Jelene) si trova sul posto principale di Škrip.

La chiesa Sant'Elena è il monumento più recente di Škrip: la costruzione della costruzione barocca fu cominciata tra la seconda metà del xviiio secolo, in 1768, e completata all'inizio del xixo secolo. La chiesa Sant'Elena possiede la facciata barocca più armoniosa dell'isola di Brač.

L'interno della chiesa cela un esempio raro di uno bello altare dorato e due tabelle di altare originali di valore, opere dell'eminente pittore maniériste veneziano, Palma il giovane (Jacopo di Antonio Negretti, dice Palma egli Giovane, 1544-1628), alzano del Titien e del Tintoret: “il battesimo del Christ„ e “Marie con i santi„. Altre due opere del pittore sono state volate nel 1974 e non trovate: “Santo Roch e Claire santa„ e “santo Jérôme e santo augustiniano„.

La tradizione popolare vorrebbe che Sant'Elena, la madre dell'imperatore Constantin, proverrebbe da Brač, ma è un argomento di discussione tra molti villaggi (Selca, Škrip).

L'imperatore romano costanza 1, si sarebbe persa in questa regione mentre cacciava, ed avrebbe incontrato la bella Elena, una giovane donna semplice. Il padre della giovane donna, un pastore locale, avrebbe dato rifugio all'imperatore nella sua modesta rimane e Elena avrebbe riparato i suoi abiti strappati dall'erranza attraverso il legno. Costanza ne sarebbe caduta innamorata e lo avrebbe immediatamente preso con lui. Il loro figlio diventerà il futuro imperatore Constantin. Alla fine della sua vita, Elena avrebbe ricercato e trovato a Gerusalemme l'incrocio sul quale Gesù crucifié; per questa ragione, la nomina Sant'Elena della Santa Croce (Sveta Jelena Križarica).

La cappella del Santo Spirito (Crkva Svetog Duha)
Le volte del Santo Spirito e San Giovanni. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Nel cimitero di Škrip si trovano due volte: a sinistra la cappella del Santo Spirito (Sveti Duh), a destra la cappella San Giovanni (Sveti Ivan). La più interessante è la cappella del Santo Spirito poiché è stata costruita a tre epoche distinte: la sua costruzione è cominciata sotto l'impero romano sulle fondazioni di una basilica vecchia; è continuata quando i cristiani si fuggirono di Salone (Salona romana) al VIIe secolo; fu completata all'epoca romane (XIe e XIIe secoli). È uno dei più begli esempi dell'architettura préromane della Croazia.

La cappella del Santo Spirito adotta la forma di una basilica a tre nefs. Il nefs laterali sono stati aggiunti al XVIe secolo e la cappella quadrata, un secolo più tardi.

Vista dal cimitero di Škrip. Clicca per ingrandire l'immagine.La cappella del Santo Spirito fu la prima chiesa parrocchiale del villaggio. Fra le tombe all'interno della volta, la più importante è quella di Cerinić. Di fronte alla cappella si trovano alcune vecchie tombe croate, le cui lapidi sono incise di timoni, di falso, di haches, di zappe, di spade o di schermi: sono probabilmente simboli che indicano la professione dei defunti.

La cappella del Santo Spirito. Clicca per ingrandire l'immagine.Dietro il cimitero, sul bordo della scogliera dove è elaborato un incrocio di pietra, si apre un panorama splendido, con punti di vista interessanti sull'interno dell'isola di Brač.

Il castello di Cerinić (Cerinićev Kaštel)
Il castello di Cerinić è il più grande castello rinforzato sull'isola di Brač. Il castello fu costruito da 1570 a 1618 da questo stesso Cerinić che possedeva il castello molto di Splitska.
Il castello Cerinić. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il castello Cerinić. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
I rifugi massicci del castello, con le loro mortali, erano protetti da due giri: una situata al Nord-ovest, l'altro al Sud-Est; i due giri molto sono oggi danneggiati.
Il muro è del castello Cerinić. Clicca per ingrandire l'immagine.Il muro è del castello Cerinić. Clicca per ingrandire l'immagine.La corte del castello Cerinić. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Le pareti contengono una corte modesta nella quale vicino alle pareti sud ed occidentali si trovavano le zone d'abitazione dei padroni, mentre vicino al muro del nord si trovavano gli edifici di sfruttamento. Nella parte occidentale della corte si trovava il giardino con un frutteto.

La parete del nord del castello è bucata e decorata di un biforium (doppia finestra divisa per una colonna) che offriva una vista sul canale di Brač.

La corte del castello Cerinić. Clicca per ingrandire l'immagine.Il muro del nord del castello Cerinić. Clicca per ingrandire l'immagine.Il muro del nord del castello Cerinić. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Il palazzo ed il giro di Radojković (Kula Radojkovića)
La torre Radojković. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'alto giro quadrato di Radojković fu stabilito al XVIe secolo, durante le guerre che opponevano la repubblica di Venezia all'impero otomano. Vi si distinguono tre strati di costruzione che mostrano tre diversi strati etnici. Le fondazioni sono pareti cyclopéens blocchi all'ingrosso di pietra tagliati irregolarmente; datano di 1500 anni prima di J. - C. e sono costruzioni illiricones. Sopra si trova la parte romana nella quale è incastrato un mausoleo romano. La parte superiore del giro è costruita in uno stile rustico, con pietre di piccola dimensione fino al vertice; l'utilizzo di pietre di piccola dimensione, che sono state probabilmente trovate in abbondanza nei dintorni, fa pensare che il giro sia costruito abbastanza rapidamente a causa di un pericolo che si avvicinava.
La torre Radojković (autore Roksoslav). Clicca per ingrandire l'immagine.Su tutti i lati, verso l'alto del giro, sono integrati delle finestre messe sopra banchi di comando di protezione. In tutte le pareti si trovano mortali, ed il giro è circondato di una corte chiusa da un muro. La torre di Radojković funse da giro di guet e di difesa per il periodo disturbato delle incursioni turche, in occasione dell'invasione turca della parte continentale della Dalmazia.
La torre Radojković. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il palazzo Radojković. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il tetto di lauzes costruite del palazzo Radojković (autore K Korlevic). Clicca per ingrandire l'immagine.
Il museo dell'isola di Brač (Muzej Otoka Brača)
Il palazzo Radojković. Clicca per ingrandire l'immagine.Il museo dell'isola di Brač è alloggiato nel vecchio palazzo Radojković. Questo museo regionale, creato nel 1979, comprende una raccolta archeologica e concisa, ed una raccolta etnografico di numerosi attrezzi ed altri elementi della cultura materiale e spiritosa degli abitanti di Brač.
L'entrata del museo di Brač. Clicca per ingrandire l'immagine.Targa commemorativa all'entrata del museo dell'isola di Brač. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La vista dal palazzo Radojković. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La vista dal palazzo Radojković. Clicca per ingrandire l'immagine.La vista sulla valle dal palazzo Radojković. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il museo archeologico presenta i risultati degli scavi condotti nella grotte preistorico locale di Kopačina a Donji Humac, come pure in rovine romane.

Fra gli oggetti più interessanti dell'epoca romana, si osservano due bas-reliefs di Ercole, un divinité venerata per la propria forza, soprattutto presso i sarti di pietra ed i soldati romani.

Una parte di un bas-relief paleocristiano, che rappresenta un agnello sotto l'incrocio, serviva a chiudere una corte.

Al piano terra del museo, in cima dei mercati di legno, si trova il mausoleo romano sopra del quale fu stabilito il giro difensivo del palazzo.

Arte della pietra al museo di Brač. Clicca per ingrandire l'immagine.Arte della pietra al museo di Brač. Clicca per ingrandire l'immagine.
Bas-relief di Ercole. Clicca per ingrandire l'immagine.Bas-relief che rappresenta Ercole. Clicca per ingrandire l'immagine.Bas-relief paleocristiano che rappresenta un agnello. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il museo etnografico occupa una parte del piano terra ed il piano superiore; è dedicato alla vita nell'isola di Brač. In un angolo, si notano le macchine da lucidare e tendere l'oro in filo per il lavoro in filigrana, tipica della gioielleria croata. Si osserva anche la cassa di giovane sposa (xixo secolo): portando nella sua dote, significava il suo renoncement a qualsiasi altra eredità familiare.

Vicino all'entrata del museo si trova la polena dell'uno delle navi dell'eremo di Blaca che guadagnò una battaglia disuguale contro una corvette inglese nel porto di Split.

La polena di una nave dell'eremo di Blaca al Musée di Brač. Clicca per ingrandire l'immagine.Cassaforte al museo di Brač. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il museo di Brač un po'uno bric-à-brac è comunque fatto di bric e di broc.
Utensili agricoli al museo di Brač. Clicca per ingrandire l'immagine.Bilancia agricola al museo di Brač. Clicca per ingrandire l'immagine.Una stampa di stampa. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il museo etnografico. Clicca per ingrandire l'immagine.Il museo etnografico. Clicca per ingrandire l'immagine.Utensili domestici al museo di Brač. Clicca per ingrandire l'immagine.
Museo dell'isola di Brač

Škrip HR-21423 Nerežišća

Orari d'apertura: il museo è aperto in estate, da 9 alle 19, ed alla domanda il resto dell'anno (in caso di chiusura, rivolgersi alla casa congiunta).

Telefono: 00.385 (0) 21 637092.

Tariffa d'entrata: 12 kunas.

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

StoriaStoria
EconomiaEconomia
I villageois di Škrip conducono una vita calma data ritmo dalle stagioni. Le loro vigne ed i loro ulivi, i loro asini e le loro pecore sono le loro prime preoccupazioni.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell'argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Il villaggio di Škrip, isola di Brač in Croazia
Il villaggio di Splitska, isola di Brač in Croazia
Il villaggio di Mirca, isola di Brač in Croazia
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva dell'isola di Brać in Croazia
La città di Supetar, isola di Brač in Croazia
La città di Postira, isola di Brač in Croazia
La città di Pučišća, isola di Brač in Croazia
La città di Selca, isola di Brač in Croazia
La città di Bol, isola di Brač in Croazia
La città di Nerežišća, isola di Brač in Croazia
La città di Milna, isola di Brač in Croazia
La città di Sutivan, isola di Brač in Croazia
Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.