AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Split in Croazia - il palazzo di Dioclétien

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Il palazzo di Diocleziano (Dioklecijanova palača) fu costruito tra la fine del IIIe secolo e l’inizio del IVe secolo dopo J. - C. dall’imperatore romano Diocleziano. Il palazzo costituisce il cuore storico della città di Split in Croazia.

Il palazzo di Diocleziano rappresenta il più bello esempio d’architettura romana della costa orientale dell’Adriatico. Nel novembre 1979, fu iscritto dall’Unesco sull’elenco del patrimonio mondiale.

SituazioneSituazione

La parete del nord del palazzo di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il palazzo di Diocleziano fu costruito su una baia della costa sud di una penisola situata a 6 km della capitale della Dalmazia romana, Salona.

Il palazzo occupa, al giorno d’oggi, la metà orientale della vecchia città di Split che si è sviluppato attorno alle sue pareti.

Il palazzo di Diocleziano visto del cielo (autore Office Tourisme Split). Clicca per ingrandire l'immagine.

VisiteVisite

Il palazzo che si fece costruire l’imperatore Diocleziano era una sintesi riuscita tra una fortezza légionnaire Romano (castrum) ed una villa luxueuse patrizia. Il palazzo è infatti una costruzione massiccia protetta da rifugi solidi ed organizzata come un campo romano ritagliato in quattro quadranti dalle due arterie abituali principali incrociate ad angolo diritto.

Il palazzo di Diocleziano costituiva una vera piccola città rinforzata poiché, oltre all’appartamento privati dell’imperatore ed il caserne della guardia imperiale, comportava alloggi per i servi, thermes, una biblioteca ed almeno un tempio, dedicato a Jupiter.

Ricostituzione del palazzo di Diocleziano da parte di Ernest Hébrard. Clicca per ingrandire l'immagine.Il palazzo forma un trapèze immenso, con una lunghezza di circa 215 m sulle sue facciate est ed ovest, ed una larghezza di 175 m per la facciata del nord e di 181 m per la facciata sud. È costruito su un terreno carsico tipico della regione, descendant in discesa morbida verso la costa, ed occupa una superficie de plus di 38.000 m².

La parete del nord del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).I rifugi misuravano da 15 a 20 m d’altezza, con uno spessore medio di 2,10 m, che si attenuano a 1,15 m nella parte superiore. Erano bucati di quattro porte: la porta d’oro al nord, la porta di Argento all’est, la porta di ferro all’ovest e la porta di bronzo al sud. Le pareti e le porte erano difese non da meno di sedici giri: quattro giri quadrati agli angoli, altri due giri quadrati più piccoli su ogni muro terrestre e due giri octogonales che difendono le porte terrestri; solo la facciata marittima al sud non possedeva giri di difesa. Tre dei giri d’angolo sono ancora visibili - almeno parzialmente - oggi; il quarto, all’angolo sudoccidentale, fu distrutto verso 1550 dopo essere stata scalzata dal mare.

Eccetto le porte, la parte bassa del recinto non comportava alcun’apertura, mentre sulla parte alta apparivano, sulla pendenza sud, un cavalletto monumentale visibile al giorno d’oggi ancora e, sui tre altri lati, quelli girati verso la terra chiudono, dei corridoi alle grandi arcades.

L’interno del palazzo era organizzato secondo un piano in incrocio, servito per due vie perpendicolari: il decumanus, una via trasversale collegando la porta dell’est a quella dell’ovest, ed il cardo, che collega la porta del nord al péristyle. Si trova una corte interna in mezzo ad ogni lato del palazzo, alla quale si accede con le porte gigantesche. La corte più imponente è ovviamente la corte sud, il péristyle superbe, situato all’incrocio del decumanus e del cardo e che dà accesso agli appartamenti dell’imperatore.

La parte del nord del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La parte del nord del palazzo comportava gli alloggi dei soldati e dei servi, come pure dei depositi e dei seminari di abiti dove lavorarono condannati cristiani. La parte sud riparava gli appartamenti imperiali ed i thermes, ed i luoghi del cérémonial imperiale e religioso: il péristyle ed il tempio.

L'acquedotto che alimenta Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Lo stile di costruzione del palazzo era quello delle ville romane dell’epoca, un miscuglio di massoneria di pietra - soprattutto della pietra eccellente di Brač o quella di Trogir, di marmo dell’Italia per i rivestimenti, di colonne di granito riportate dell’Egitto, d’tuf calcareo dei fiumi vicini (Jadro) e di mattone prodotto a Salona, con tetti di piastrelle. Il palazzo ed i suoi dintorni erano abitati da una popolazione da 8.000 a 10.000 persone.

L’approvvigionamento di acqua del palazzo - in particolare dei Thermes - era garantito da un acquedotto, soprattutto sotterraneo, che porta l’acqua della fonte del fiume Jadro, distante di una decina di km, vicino a Salona; si ritiene che il flusso dell’acquedotto fosse di 13 m³ /s. si può vedere le vestigia di quest’acquedotto - restaurato al xixo secolo - lungo la strada di Split a Salona.

La ricostituzione del palazzo
Piano del palazzo di Diocleziano da parte di Ernest Hébrard (orientamento nord-sud). Clicca per ingrandire l'immagine.È difficile immaginare a che ha potuto somigliare il palazzo di Diocleziano all’epoca del suo massimo, a causa dei secoli di aggiunte e di trasformazioni che ha subito; gli abitanti del palazzo hanno cambiato secondo le loro necessità l’aspetto primitivo delle costruzioni imperiali, delle pareti di recinto e dei giri di difesa: si valuta a 900 il numero di alloggi sistemati all’interno delle pareti del palazzo dal medioevo, queste costruzioni medioevali, questi depositi e questi uffici essendo stati costruiti soprattutto con pietre e colonne recuperate degli edifici originali del palazzo di Diocleziano. Solo alcuni monumenti, tale la cattedrale, che era all’origine il mausoleo di Diocleziano, ed il battistero, che era precedentemente il tempio di Jupiter, sono stati quasi conservati nella loro forma d’origine.

Illustrazione del lavoro di Robert Adam. Clicca per ingrandire l'immagine.Anche la struttura romana del palazzo è difficilmente riconoscibile. Restano poche cose degli appartamenti imperiali nella parte sud del palazzo, ma ci si può fare un’idea del piano di quest’appartamenti visitando le sale sotterranee del palazzo, la cui disposizione è lo specchio di quello dei piani superiori; queste sale sono state chiarite in parte dei détritus che vi erano stati accumulati durante secoli. Inoltre dopo la seconda guerra mondiale, le costruzioni vetuste che nascondevano i muri del nord e sono del palazzo furono demolite per rivelare il loro aspetto d’origine.

I primi tentativi di conoscenza del palazzo di Diocleziano furono quelle dell’architetto scozzese Robert Adam (1728-1792) e dell’architetto francese Charles-Louis Clérisseau (1721-1820) al xviiio secolo; restarono a Split durante cinque settimane in 1757 per studiare il palazzo. Robert Adam pubblicò i risultati delle loro ricerche nel suo lavoro “Ruins of the palace of the Emperor Diocletian at Spalato in Dalmatia„.

Queste conoscenze furono approfondite più tardi dai lavori dell’austriaco Georg Niemann e del francese Ernest Hébrard, effettuati all’inizio del xxo secolo. Ernest Hébrard pubblicò i suoi lavori nel suo lavoro del 1912 “Spalato, Palais di Diocleziano„. Dagli anni 1950, scavi più sistematici e lavori più importanti sono stati intrapresi in attesa di studiare nell’insieme questo complesso architetturale unico nel suo tipo.

La porta del Nord o porta d’oro (Zlatna vrata)
La porta d’oro (portò Aurea) situata sulla parete del nord del palazzo di Diocleziano era più importante delle quattro porte del palazzo poiché era quella che scoprivano in primo gli ospiti dell’ex-imperatore che vengono dalla capitale della provincia romana di Dalmatia, Salona. Oggi ancora, è la porta più impressionante poiché si può prendere dell’arretramento per ammirarlo; le costruzioni anarchiche che occultavano la parete del nord furono demolite dopo la seconda guerra mondiale.
Porte di Or del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine.La parete del nord del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La parete del nord del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine.
La porta d’oro era stata concepita come una porta molto pienamente decorata, in particolare di statue dei Romani tétrarques, a cominciare da parte di Diocleziano e quella del suo “coempereur„ Maximien; i posti adatti del piano inferiore riparavano le statue dei loro due successori: i césars, Galère e Constance-Cloro. In cima della parete, si vede la base di quattro basi dove dovevano ergersi le statue dei tétrarques. La ricchezza della sua decorazione scolpita, banchi di comando, capitali, posti adatti, ne fa la più notevole delle quattro porte.
Porte di Or del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Porte di Or del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Porte di Or del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Porte di Or del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La porta d’oro (Zlatna Vrata) era anche una porta d’importanza strategica per difendere il palazzo contro nemici che vengono dalle terre. Era una porta rettangolare difesa da due giri octogonales; questi giri sono oggi scomparsi, ma si indovina ancora la posizione; si scorge così chiaramente la disposizione di finestre oggi murate. La portò Aurea fu murato al XIVe secolo da timore degli attacchi turci; del lato interno, la porta d’oro è raddoppiata di un tipo di saltatore, una piccola corte rinforzata che migliorava la difesa del palazzo; anche fu condannata al medioevo. La porta d’oro fu riscoperta soltanto al xixo secolo.
Disegno della porta d'oro del palazzo di Diocleziano da parte di Ernest Hébrard. Clicca per ingrandire l'immagine.Ricostituzione della porta d'oro del palazzo di Diocleziano da parte di Ernest Hébrard. Clicca per ingrandire l'immagine.La porta d'oro ricostituita del palazzo di Diocleziano (autore Kaiser87). Clicca per ingrandire l'immagine.
Alla vita secolo, una volta fu costruita sopra la porta d’oro - al livello del cammino di tondo - la cappella San Martino; santo Martin era il protettore dei soldati e venerato nel mondo vecchio all’epoca dell’imperatore Justinien (527 - 565); dopo il christianisation, la porta d’oro gli fu dedicata. Questa volta minuscola alla cappella in culla fu varie volte cambiata; è stata restaurata e contiene una vergine superbe un chancel e nero préroman del XIe secolo in pietra, decorato di ragioni geometriche e di entrelacs (pleter); questa balaustra di altare porta un’iscrizione dedicata a Martin santo e Bienheureuse Marie vergine. Si può anche vedere un’architrave di porta con un’iscrizione del sacerdote Dominica.
Cardo e Decumanus
In ogni città romana, o campo militare romano, si trovava una via chiamata il cardo (“il perno„) orientata nella direzione dei punti cardinali sud e del nord. Il palazzo di Diocleziano non sfugge a questa norma: il cardo era l’arteria che collegava il Péristyle del palazzo alla porta d’oro, al nord; è occupata al giorno d’oggi da Rue Diocleziano (Ulica Dioklecijanova).

Inoltre la via trasversale della città romana, il decumanus, orientata dell’est verso l’ovest, collegava la porta di Argento e la porta di ferro, e divideva il palazzo tra le zone luxueux imperiali al sud e le zone di servizio al nord; è oggi occupata da Rue Krešimir (Ulica Krešimirova). Il cardo ed il decumanus erano all’origine delimitati di arcades.

La porta dell’Est o porta di Argento (Srebrna vrata)
La porta di Argento del palazzo di Diocleziano (auteur Samuli Lintula). Clicca per ingrandire l'immagine.La porta di Argento (portò Argentea) è aperta in mezzo al rifugio è del palazzo di Diocleziano; conduce al Péristyle attraversando “la pianura del re Tomislav„ (Poljana Kralja Tomislava) situata dinanzi al mausoleo.

Il rifugio dell'est del Palais di Diocleziano a Split (autore Kpmst7). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Si può ancora vedere questo rifugio dell’est su tutta la propria lunghezza (215 m) risalendo la via Hrvoje (Hrvojeva Ulica) che borda l’attuale mercato alla frutta. In compenso, i due giri enormi octogonales che inquadravano la porta di Argento sono scomparsi al xviiio secolo. All’epoca cristiana, la porta dell’est fu dedicata a Apollinaire santo.

La torre del nord-est del Palais di Diocleziano a Split (autore Kpmst7). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).La torre sudorientale del Palais di Diocleziano a Split (autore Kpmst7). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Questo rifugio dell’est conserva ancora i suoi due giri d’angolo quadrati:
  • La torre quadrato del Nord-est fu trasformato in abitazioni al xviiio secolo; conserva soltanto il primo piano d’origine; fa fronte alla roccaforte Contarini.
  • La torre all’angolo sudorientale è conservato nella sua totalità, tra cui le sue finestre, anche se quelle dei piani sono state murate, ma restano chiaramente visibili. La torre comportava quattro livelli, sia di più un giro del Nord-est. Al medioevo, gli arcivescovi de Split avevano incorporato questo giro al loro palazzo episcopale.
La porta di Argento del palazzo di Diocleziano (autore Hedwig Storch). Clicca per ingrandire l'immagine.La porta di Argento del palazzo di Diocleziano (autore Office Tourisme Split). Clicca per ingrandire l'immagine.In occasione del periodo medioevale disturbato, quando si temevano gli attacchi turci, la porta di Argento (Srebrna Vrata) fu murata; una piccola porta, un po’al nord della porta di Argento, fu aperta nel rifugio al xviiio secolo, dopo la scomparsa della minaccia turca. La porta di Argento non fu riaperta e ricostruita soltanto tra il 1932 ed il 1934.
La porta dell’Ovest o porta di ferro (Željezna vrata)
La torre del nord-ovest del Palais di Diocleziano a Split (autore Kpmst7). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Porte di Fer del Palais di Diocleziano a Split (autore Ikrokar). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).La porta di ferro (portò Ferrea) sulla facciata occidentale del palazzo diventò, a partire dal XVIe secolo, la più importante delle quattro porte d’origine quando il sobborgo veneziano si sviluppò all’ovest del palazzo. Questa porta costituiva allora il punto di passaggio tra la vecchia città situata all’interno delle pareti del palazzo e le nuove abitazioni esterne; oggi la porta di ferro emerge su Piazza Nationale.

Ricostituzione della porta di ferro del palazzo di Diocleziano da parte di Ernest Hébrard. Clicca per ingrandire l'immagine.A partire da quest’epoca, la porta di ferro (Željezna vrata) fu sepellita sotto case goticos e della Renaissance, come pure il cavalletto del muro dell’ovest che diventò quasi méconnaissable; la porta conservò tuttavia il suo saltatore di sicurezza a doppia entrata. Le guardie mettevano sopra la porta esterna. La porta di ferro era dedicata a Théodore santo (sveti Teodor), il protettore dell’esercito bizantino; all’interno del corpo di guardia della porta si trova la chiesa Santo-Théodore (Nostra Signora del campanile) che data Xe secolo.

Al medioevo, la porta dell’ovest fu la sola, con la porta di bronzo situata sul porto, a non essere murata.

La torre quadrato del Nord-ovest esiste ancora, mentre quella del sud-ovest è stata demolita dopo essere stata scalzata dal mare.

Il Péristyle (Peristil)
Il péristyle del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il Péristyle è la corte centrale che si trova nel cuore del palazzo di Diocleziano. Il péristyle si trova all’estremità del cardo che viene dalla porta d’oro, immediatamente dopo il suo centro con il decumanus. È su questa corte che convergeva tutta la circolazione in provenienza dalle quattro porte del palazzo che si poteva vedere dal péristyle; le due vie erano allora quasi così ampie come il péristyle stesso.

Il péristyle del palazzo di Diocleziano (autore Hedwig Storch). Clicca per ingrandire l'immagine.Il péristyle è una corte rettangolare di 27 m di lunghezza e 13,5 m di ampio che è delimitato di colonnati a arcades su tre da parte sua (péristyle viene dalle parole greche περί “intorno„ e στύλος “colonna„). Queste colonne, di stile corinzio ed alte di 5,25 m, sono in granito rosso dell’Egitto per dodici fra esse, ed in marmo per gli altri.

Il péristyle (Peristil) è delimitato dalle facciate di tre monumenti: il portico dell’hall monumentale degli appartamenti dell’imperatore al sud, il portico del mausoleo all’est, ed il tempio di Jupiter all’ovest.

L'hall del palazzo di Diocleziano (acquarello di Rudolf von Alt, 1841). Clicca per ingrandire l'immagine.Del lato sud il péristyle dà accesso con alcune marce all’hall degli appartamenti imperiali. Il péristyle assume la forma di un portico (prothyron) monumentale che precede l’hall del palazzo; questo portico d’entrata è costituito da quattro colonne di granito rosso superate di capitali corinzii che sostengono un fronton ed un architrave, di cui si pensa che sopportasse una quadriga. Il portico era decorato di tre statue di cui un rappresentavano l’imperatore Diocleziano, l’un’altro dio Jupiter, mentre il terzo resto incognita.

Il Péristyle del palazzo di Diocleziano (autore Office Tourisme Split). Clicca per ingrandire l'immagine.L’accesso al portico dalla corte si faceva con due volate di marce che conducono alle aperture laterali, mentre lo spazio tra le colonne centrali era sbarrato da una balaustra, che danno al portico l’aspetto di un’tribuna da cui l’imperatore Diocleziano si rivolgeva al popolo in occasione delle celebrazioni. Si può immaginare Diocleziano, certamente fiancheggiato di conserva e vêtu di una toga di seta pienamente decorata, ed i suoi argomenti che si prosternano dinanzi all’descendant autoproclamato di Jupiter.

Sotto il portico una scala scendeva verso una porta incurvata che dà accesso allo scantinato dell’hall, ed oltre alla porta di bronzo apribile sulla baia.

Alla Renaissance (XVIe secolo), due piccole volte furono aggiunte negli intercolunni laterali del portico d’entrata. Una (Nostra Signora-de-la-Ceinture (Gospa od Pojasa), 1544) ripara oggi una piccola galleria d’arte e l’altra (Nostra Signora-de-la-Conception (Gospa od Začeća), 1650) un servizio di guide di turismo.

Il péristyle del palazzo di Diocleziano (acquarello di Rudolf von Alt, 1841). Clicca per ingrandire l'immagine.Il péristyle del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il colonnato occidentale del péristyle separa il esplanade del mausoleo di Diocleziano (che è oggi la cattedrale).

Un sphinx del Palais di Diocleziano (autore Adam Jones). Clicca per ingrandire l'immagine.Il colonnato ripara un sphinx splendido in basalto nero riportato da Diocleziano della sua campagna vittoriosa dell’Egitto, in 297-298 dopo J. - C., come molti elementi architetturali integrati alle varie parti del palazzo. Questo sphinx data del regno di Thoutmosis III (1505 -1450 prima di J. - C.); tiene tra le sue gambe un vaso sacrificale.

Questo sphinx è uno delle due sole rescapés degli undici sphinx riportate dell’Egitto da Diocleziano; il secondo - che gli faceva faccia dell’altro lato dell’entrata del mausoleo - è stato trasferito dinanzi al tempio di Jupiter. Tutti gli altri sono stati decapitati dai cristiani venuti a rifugiarsi nel palazzo al momento della distruzione di Salona.

Il caffè Luxor inserito nel péristyle del palazzo di Diocleziano (autore Beyond Silence). Clicca per ingrandire l'immagine.Sul lato occidentale il péristyle delimitava la zona incoronata dei tempi di Jupiter, di Venere e di Cybèle.

All’Renaissance, il palazzo dello Grisogono-Cipci, attribuito a Nicolas Florentin (Nikola Firentinac/niccolò di giovanni Fiorentino, 1418-1506), fu armoniosamente integrato alla arcade occidentale del péristyle. Oggi il piano terra è occupato da un caffè storico nominato Luxor - restaurato nel 2006; la sua facciata Renaissance data della fine del XVe secolo, ma, dentro, si identificano bene le fondazioni circolari del piccolo altare di Venere scoperte in occasione di un rinnovamento del caffè.

Il mausoleo (Mauzolej)
Ricostituzione del mausoleo del palazzo di Diocleziano da parte di Ernest Hébrard. Clicca per ingrandire l'immagine.La cattedrale Santo Doimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il mausoleo di Diocleziano si trova all’est dell’péristyle il cui arcade è forma la facciata del mausoleo. Il mausoleo presenta all’esterno una forma octogonale di 7,60 m di parte; è circondato di un cavalletto di 24 colonne che portano capitali corinzii, ed egli è coperto da un tetto di piastrelle. Quasi tutto il portico d’entrata d’origine è scomparso, in seguito alla costruzione del campanile della cattedrale tra XIIIe secolo ed il xviio secolo.

Ricostituzione del mausoleo del palazzo di Diocleziano da parte di Ernest Hébrard. Clicca per ingrandire l'immagine.Le pareti di circa 3 m di spessore riparano una camera circolare di 13 m di diametro e di un’altezza di 21 m nel suo centro; è coperchiata di una cupola emisferica precedentemente rivestita di mosaici. Una lista delimita la base della cupola; è decorata di medaglioni intatti che rappresentano i busti di Diocleziano e dell’imperatrice Prisca, portati da amori, come pure scene di caccia.

Il suolo della camera era lastricato all’origine di marmo nero e bianco. Sotto il mausoleo si trova una cripta incurvata.

Il mausoleo è il monumento meglio mantenuto del palazzo di Diocleziano, soprattutto grazie alla sua trasformazione ulteriore in chiesa cattedrale di Split ed al suo restauro tra 1880 e 1885.

Il tempio di Jupiter (Jupiterov Hram)
Ricostituzione del mausoleo del palazzo di Diocleziano da parte di Ernest Hébrard. Clicca per ingrandire l'immagine.Una corte (téménos) di circa 44 m di lunghezza situata all’ovest dell’péristyle, tra il decumanus e gli appartamenti privati dell’imperatore, era riservata alle costruzioni religiose; trasformava in di fronte al mausoleo, l’altro lato del péristyle. Diocleziano che si pretendeva il descendant di Jupiter, vi fece costruire un piccolo tempio classico dedicato al padre dei dei dei vecchi Romani.

L'entrata del Temple di Jupiter a Split (autore ISAWNYU). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Il tempio di Jupiter era una costruzione rettangolare costruita su un podium, con quattro colonne di stile corinzio che formano un portico; non resta nulla del portico e delle sue colonne, ma la parte chiusa del tempio (cella) è bene conservata. La sua entrata è girata verso il Péristyle all’est; la porta d’entrata è pienamente scolpita: in mezzo ad un fogliame dei bambini raccolgono uve mentre uccelli ondeggiano attorno a loro. Due banchi di comando a volute sopportano un corniche corinzio decorata di mascarons che rappresenta due tritoni, Helios, Ercole (Héraclès), Apollo, una testa umana non identificata, due vittorie (Nike) alate ed un’aquila.

Temple di Jupiter del Palais di Diocleziano (auteur Ratomir Wilkowski). Clicca per ingrandire l'immagine.La camera del tempio è coperta da una volta in culla rivestita molto elaborata, fatta di tre file di bandiere accuratamente regolate, e scolpite per formare un limite massimo a scatole: la decorazione è scolpita di teste umane e di rosettes.

All’entrata del tempio, uno dei sphinx riportati dell’Egitto da Diocleziano monta la guardia. Questo sphinx - purtroppo danneggiato - è il gemello di quello che si erge all’entrata del mausoleo; gli faceva faccia precedentemente, prima di essere trasportato dinanzi al tempio di Jupiter.

Altri due tempi rotondi di dimensione inferiore, o semplici autels, i tempi di Venere e di Cybèle, furono scoperti in occasione di scavi negli anni 1960; resta soltanto le fondazioni.

Il tempio di Jupiter fu trasformato in battistero della cattedrale all’inizio del medioevo (fine del IXe secolo).

Di fronte al mausoleo di Diocleziano, si trova una viuzza stretta oscura, il vicolo cieco San Giovanni (Kraj Svetog Ivana), aperto nella arcade occidentale del péristyle, che scende verso il tempio di Jupiter.

Gli orari di visita variano; è meglio informarsi alla cattedrale; normalmente d’8:30 a 20:00; tariffa: 5 kunas.

I Thermes
Thermes si situavano da ambo le parti dell’hall, gli uni tra il tempio di Jupiter e l’ovest degli appartamenti privati dell’imperatore dove si trovavano le camere da letto, e gli altri tra la zona del mausoleo e lo sono appartamenti imperiali dove si trovava la sala a mangiare.
L’hall
L'hall del Palais di Diocleziano a Split (auteir Isa Valor). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).L’hall era l’anticamera degli appartamenti imperiali dove gli ospiti aspettavano di essere messo in presenza dell’ex-imperatore. Era un edificio di forma quadrata situato immediatamente dietro il portico d’entrata al sud del Péristyle. Dentro, l’hall si presentava come un grande rotonde, di 12 m di diametro e di 17 m d’altezza, che era inizialmente coperta di una cupola, oggi scomparsa, ed interamente decorata di mosaici e di marmi.

L'hall del palazzo di Diocleziano (autore Roberta F.). Clicca per ingrandire l'immagine.La massoneria delle pareti è tipicamente romana, con un’alternativa di pietra e di mattone. Quattro posti adatti semicircolari aprono da ambo le parti delle entrate del nord e sud della parte, che era illuminata all’origine da piccole finestre alte. Negli angoli, all’interno delle pareti spesse, scale in spirale conducevano a livelli superiori ed inferiori. Il livello in scantinato dell’hall era fornito d’accesso sui suoi quattro lati, verso i thermes est ed ovest, il péristyle e gli scantinati degli appartamenti. Nell’asse dell’péristyle, una porta condotto dell’hall a ciò che era una sala centrale che serve gli appartamenti imperiali.

Gli appartamenti imperiali
Ricostituzione della facciata sud del Palais di Diocleziano a Split da parte di Ernest Hébrard. Clicca per ingrandire l'immagine.Gli appartamenti imperiali si trovavano nella parte sud del palazzo, su 40 m di larghezza dietro la facciata marittima che misurava 181 m di lunghezza.

Dal Péristyle, si penetrava negli appartamenti con il portico; dopo avere attraversato l’hall, si raggiungeva l’hall principale del palazzo. Questa hall principale si trovava nell’estensione della porta sud dell’hall; era una grande parte rettangolare nella continuità architetturale del péristyle. Questa parte, illuminata da finestre alte, collegava l’hall al nord alla lunga galleria della facciata sud, il solo accesso agli appartamenti privati.

Alla sinistra dell’hall centrale, nella metà è appartamenti, si trovava una parte immensa octogonale fornita di posti adatti: la sala da mangiare principale, lo triclinium, di una parola latina i cui Romani designavano il divano che utilizzavano per mangiare in una posizione semiallungata. La sala da mangiare comportava così tre altre sale più piccole. Quest’ala degli appartamenti di Diocleziano ripara ormai il museo etnografico.

Alla destra dell’hall si trovava la più grande sala del palazzo, la sala di ricezione, o sala d’udienza. La sala di ricezione era di forma rettangolare; le sue volte in incrocio riposavano su sei pilastri massicci. Ci si accedeva con tre porte che danno sulla galleria. Dopo la sala di ricezione si trovavano gli appartamenti propriamente privati dell’ex-imperatore, situati nell’angolo sudoccidentale del palazzo; era un insieme di quattordici piccole parti di forme diverse, di cui sei camere da letto (cubiculuma).

Non resta praticamente nulla degli appartamenti imperiali, tanto le costruzioni ulteriori li hanno alterati, ma la loro superficie e la loro disposizione corrispondevano a quelle delle sale sotterranee.

Le cantine del palazzo di Diocleziano (Podrumi Dioklecijanove Palače)
Le cantine del palazzo di Diocleziano (autore Alecconnell). Clicca per ingrandire l'immagine.Gli appartamenti di Diocleziano riposavano su un entresol che compensava la pendenza del terreno sul quale era costruito il palazzo; esisteva soltanto sotto la parte sud del palazzo dove si trovavano gli appartamenti imperiali. Quest’entresol era all’epoca al livello del mare; era costituito da un insieme di cantine (podrumi) incurvate di un’altezza che può raggiungere 8 m.

Queste cantine sono particolarmente interessanti poiché non sono cambiate dalla creazione del palazzo: la loro disposizione permette di immaginare la configurazione interna degli appartamenti imperiali che si trovavano appena sopra, poiché i due piani al suolo ne erano simili.

Si entrava nel podrum con la porta di bronzo; un ampio corridoio conduceva verso il nord fino ad una scala imponente che conduce allo péristyle, passando sotto il portico del palazzo. Era dal péristyle che penetrava la luce del giorno. Percorrendo al giorno d’oggi questa pista centrale, si può osservare in dettaglio i modi di costruzione, il lavoro di massoneria, l’armonia delle volte e lo spessore incredibile delle pareti.

Corridoio dello scantinato del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Un altro corridoio, perpendicolare al corridoio centrale si estendevano di è in ovest, da ambo le parti della porta di bronzo, lungo la facciata sud; questo corridoio, nominato cryptoportique (cryptoporticus) corrispondeva al cavalletto degli appartamenti imperiali, situato sopra, dove si immagina Diocleziano che si cammina per respirare la brezza di mare. La grande sala incurvata, all’estremità occidentale di questo corridoio, si trovava sotto la sala d’udienza di Diocleziano; mentre all’estremità orientale del corridoio il gruppo cruciforme di sale si trovava sotto la sala a mangiare o triclinium.

Il podrum era il centro logistico del palazzo, dove il personale di servizio cucinava i pasti per Diocleziano ed i suoi ospiti e avere un colloquio giorno per giorno l’attrezzatura con palazzo; si suppone che queste sale sotterranee riparassero anche gli alloggi di questi schiavi.

Secondo l’imperatore bizantino Constantin Porphyrogénète VII (905-959), Diocleziano utilizzò anche queste cantine come prigione dove “deteneva crudelmente i santi che tourmentait„.

Gli scantinati del Palais di Diocleziano a Split (autore LenDog64). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Al medioevo, dopo la caduta dell’impero romano, il palazzo di Diocleziano fu trasformato in abitazioni; si procedé ad importanti demolizioni e si utilizzarono gli scantinati come scarico pubblico per gettare i gravats. Il limite massimo fu bucato di orifizi con i quali gli abitanti del palazzo gettavano i loro rifiuti e rifiuti. Lo scantinato fu così poco a poco riempito di rifiuti fino all’altezza delle volte.

Il primo ad interessarsi allo scantinato del palazzo fu l’architetto scozzese Robert Adam, al xviiio secolo. Nonostante l’interesse che molti archéologues prestarono più tardi allo scantinato, lo schiarimento e gli scavi cominciarono soltanto nel 1956. I archéologues durano individuare tonnellate di avanzi accumulati durante più di un millennio per rivelare l’armonia delle volte e lo spessore stupefacente delle pareti.

Al giorno d’oggi, lo scantinato è diventato in parte un museo informe dove sono accumulate sculture e colonne del vecchio palazzo. Nella parte si è, che corrisponde alla sala da mangiare del piano superiore, può vedere una vecchia tavola romana di marmo, sotto forma di metà-ellisse. La parte centrale è diventata un centro d’artigianato riempito di commercianti ed artigiani che vendono gioielli, carte, ed altre memorie di Split.

La porta del Sud o porta di bronzo (Mjedena vrata)
La parete del sud del Palais di Diocleziano a Split. Clicca per ingrandire l'immagine.La porta di bronzo (portò Aenea) si apriva nella facciata sud del palazzo direttamente sul débarcadère di Spalatum: era con questa porta che le navi mercantili che accostavano nel porto fornivano in merci diverse il palazzo di Diocleziano. La porta non permetteva di accedere al palazzo, ma soltanto nello scantinato: le merci erano depositate nelle cantine sotto gli appartamenti imperiali. La porta di bronzo (Mjedena Vrata) era una porta funzionale, molto più piccola degli altri, e senza decorazione.

Solo la facciata somptueuse sud, quella degli appartamenti imperiali, non erano difese da giri ma occupate da una lunga galleria elegante di 42 arcades delimitate da 44 colonne; la monotonia di questa galleria, situata a 9 m del suolo, era rotta da tre loggias - due alle estremità ed una al mezzo - di cui si possono ancora vedere le colonne. Altre due arcades intermedi si distinguono con una più grande larghezza: corrispondono alle aperture delle due grandi sale principali del livello superiore degli appartamenti imperiali, la sala d’udienza all’ovest e la sala da mangiare all’est.

La porta del sud del Palais di Diocleziano a Split (autore Kpmst7). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Al medioevo, in occasione della trasformazione progressiva del palazzo in abitazioni, i vuoti furono murati e di piccole finestre inserite al posto. Al xixo secolo, negozi - sempre presenti - furono costruiti al piede della parete dall’architetto tedesco Keller, al posto delle costruzioni medioevali.

La parete del sud del palazzo di Diocleziano (autore J.P. Néri). Clicca per ingrandire l'immagine.All’epoca cristiana, la porta di bronzo fu dedicata a Julien santo.

Se si vuole cominciare la visita del palazzo con la porta del sud, occorre scoprirla tra i numeri 22 e 23 di rivettò; marce scendono verso lo scantinato del palazzo, mentre si pensa che all’origine la porta fosse al livello del mare che leccava certamente il muro sud del palazzo. Finestre nella parete del palazzo, lungo la via Severova, offrono un punto di vista ideale per osservare l’animazione di rivettò.

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

PersonaggiPersonaggi
L’imperatore Diocleziano
Busto di Diocleziano (autore Jebulon). Clicca per ingrandire l'immagine.Diocleziano sorse verso 244 dopo J. - C. in una famiglia modesta che abita vicino a Salona, la capitale della provincia romana di Dalmatia. Si impegnò nell’esercito romano e scala poco a poco i livelli; diventò comandante della cavalleria dell’imperatore Carus. Dopo la morte di Carus e del suo figlio Numérien durante una campagna in persiano, in 284, Diocleziano fu proclamato imperatore.

Valuta di bronzo all'effigie di Diocleziano. Clicca per ingrandire l'immagine.Dopo la sua adesione al potere, Diocleziano mise fine, in 286, alla crisi politica del terzo secolo nominando coempereur un altro ufficiale - che era suo subalterne - Maximien Ercole; condivise ancora il suo potere nominando, in 293, due césars, Galère e Constance-Cloro. Ogni coempereur di questo Tétrarchie, regnò su un quarto dell’impero.

A partire da 294, Diocleziano comandò, agli architetti Filotas e Zotikos - i cui nomi sono incisi in greco sulle pareti del palazzo - la costruzione di un palazzo immenso sulla sua costa indigena. In 305, a Nicomédie (oggi İzmit, in Turchia), tenne la sua promessa di lasciare il potere dopo 21 anni di regno e si ritirò nel suo palazzo splendido quasi completato (già la pensione a 60 anni…).

Alcuni anni più tardi, un gruppo di senatori romani venne al palazzo di Diocleziano, e chiesero al vecchio imperatore di ritornare a Roma per aiutarli a risolvere i problemi politici crescenti dell’impero; Diocleziano rifiutò e, che mostra loro il suo giardino, dice loro che non poteva abbandonare il suo bello giardino che aveva creato delle sue mani.

Diocleziano morì il 3 dicembre 311; il suo coniuge Prisca lo seguì nella tomba (il mausoleo di Diocleziano) in 315. Il corpo di Diocleziano avrebbe riposato nel mausoleo durante 170 anni prima che il suo sarcofago sia trasportato in una dei giri del palazzo; si perse la traccia al XIe secolo.

StoriaStoria
Dopo la morte di Diocleziano, nel corso dei decenni che seguirono, molti dirigenti romani utilizzarono il palazzo come pensione, e l’imperatore penultimo romano d’occidente, Julius Nepos, vi visse dopo essere stato invertito in 475; il palazzo funse anche da edificio per l’amministrazione dell’impero. Tuttavia, verso la fine della vita secolo, era caduto nell’abbandono.

All’inizio del VIIe secolo, in 615, funse da rifugio per gli abitanti di Salona, quando Avars e gli slavi attaccarono e distrussero la capitale della Dalmazia.

I sovrani successivi, imperatori bizantini, i re croati, re hungaro-croati, e, più tardi, i veneziani costruirono edifici all’interno e all’esterno del palazzo, modificandolo così tanto che perse il suo carattere romano.

Nel 1926, data nella quale la habitazione medioevale o moderna costruisce nel palazzo esisteva ancora, la popolazione muros intra era di 3.200 abitanti. ALLORA, la zona del palazzo non era la parte della città più invidiabile per vivervi: era chiamata “il get„ (il ghetto) ed abbandonata ai poveri; diventò sinonimo di cattivi costumi e di affari louches.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Carta interattiva della città di Split in Croazia
La città di Split in Croazia - il palazzo di Dioclétien
La città di Split in Croazia - la cattedrale Saint-Domnius
La città di Split in Croazia - la vecchia città
La città di Split in Croazia - le penisole di Marjan
La città di Split in Croazia - il museo etnografico
Carta interattiva della vecchia città di Split in Croazia
La città di Split in Croazia - il museo della marina
La città di Split in Croazia - opuscolo Services (PDF)
La città di Split in Croazia - opuscolo carta Passe-partout (PDF)
Argomenti più ampi
Inizio
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo la Dalmazia centrale (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo Zagora dalmate (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo isole (PDF)
La città di Split in Croazia
Il fiume Cetina in Croazia
La città di Omiš in Croazia
Riviera di Makarska in Croazia
Il parco naturale del Biokovo in Croazia
L'isola di Brač in Croazia
L'isola di Hvar in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.