AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

L'isola di Hvar in Croazia

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Pagina d’inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Carta dell'isola di Hvar. Clicca per ingrandire l'immagine.L’isola di Hvar è più lunga delle isole dell’Adriatico (68 km), ma soltanto il quarto con la sua superficie (quasi 300 km²): l’isola è infatti tutta in lunghezza di è in ovest, espositore il suo lato al mezzogiorno, cosa che, aggiunto a suo grande ensoleillement (2700 ore all’anno), ne fa una destinazione turistica molto ricercata - ed un po’elitaria -, come pure una regione che produce un vino rosso di qualità.

L’isola croata di Hvar si trova al largo della Dalmazia centrale ed appartiene alla contea di Split-Dalmazia. L’isola comprende quattro comuni: Hvar al sud-ovest, Jelsa al Nord-ovest, Stari Grad al nord e Sućuraj all’est. Una quinta località d’interesse turistico è Vrboska, che fa parte del comune di Jelsa. La città di Hvar è la capitale; raccoglie 3700 abitanti sui 11500 abitanti dell’isola. In compenso, l’accesso all’isola di Hvar si fa soprattutto con il porto di Stari Grad dove accostano la maggior parte delle traversate marittime in provenienza da Split.

EtimologiaEtimologia
L’isola di Hvar tira il suo nome di quello della prima colonia greca fondata in 384 prima di J. - C. da coloni greci che vengono dall’isola di marmo di Paros, alla posizione dell’attuale Stari Grad; diedero alla colonia il nome “di Pharos„ (Φαροσ) probabilmente per riferimento in nome della loro metropoli.

Sotto l’impero romano, l’isola fu conosciuta come “Pharia„ e più tardi come “Fara„.

Quando gli slavi croati presero il controllo della regione, all’inizio del medioevo, sostituirono la consonante “f„, si assentano del loro alfabeto, con la consonante “hv„ del vecchio alfabeto croato: il nome dell’isola diventò Hvar. Nel dialetto locale croato, l’isola è nominata Hvor o foro.

Sotto la sovranità della repubblica di Venezia, a partire dalla fine del XIIIe secolo, il nome italiano dell’isola fu mercanteggiò (Liesena in veneziano); questo nome italiano ha tuttavia un’origine slava: “lesna„, che significa “legno„, essendo l’isola fortemente boscosa.

SituazioneSituazione

L’isola di Hvar si trova nel sud del mare adriatico, al largo della costa dalmate, ad una cinquantina di chilometri al sud di Split. La punta orientale dell’isola è soltanto a 6 km del continente. Hvar si trova all’incrocio vie di navigazione marittime dell’Adriatico.

Fa parte di un gruppo di isole che appartengono alle contee di Split-Dalmazia e di Dubrovnik-Neretva: al nord, Hvar è separato dell’isola di Brač dal canale di Hvar (Hvarski Kanal), al sud-ovest si trova l’isola di vite, separata dal canale di vite (Viški Kanal), ed al sud l’isola di Korčula separata dal canale di Korčula (Korčulanski Kanal); mentre le penisole di Pelješac sono separate di Hvar dal canale del Neretva (Neretljanski Kanal).

Vicino all’isola di Hvar si trovano due piccole isole: Šćedro al sud di Hvar, separata dal canale di Šćedro (Šćedorski Kanal) e Zečevo al largo della costa del nord. Di fronte alla città di Hvar, al sud-ovest, si trova l’arcipelago delle isole Pakleni.

VisiteVisite

La costa Del nord
Tutta la costa del nord dell’isola di Hvar è sparsa di baie, come la grande baia di Stari Grad, e di fessure con piccole spiagge che offrono buoni inumidimenti per imbarcazioni da diporto.
La costa del nord dell'isola di Hvar. Clicca per ingrandire l'immagine.La costa del nord dell'isola di Hvar. Clicca per ingrandire l'immagine.
La costa Sud
La costa sud dell'isola di Hvar vicino a Sveta Nedjelja (auteur Vid Pogacnik). Clicca per ingrandire l'immagine.Situata al piede del massimo roccioso che separa l’isola in due, la costa sud dell’isola di Hvar è caratterizzata dalle sue viti che producono vini eccellenti, rossi e bianchi. Questa vigna ha mancato scomparire in occasione dell’epidemia d’phylloxéra della fine del xixo secolo, ma è stato gradualmente ricostituito in vite autoctona Plavac Mali (“piccolo blu„), Zlatan Plavac e la vite quasi nera birre belghe, soprattutto attorno ai villaggi di Zavala (apprezzato per il suo vino bianco, il bogdanjuša, che può ricordare xérès) o di Ivan Dolac (fra i migliori vini rossi della Croazia, di colore rosso-rubino molto scuro, con un mazzo sviluppato, ed avente del corpo).

Per raggiungere Zavala dal débarcadère della traversata marittima di Stari Grad, si può prendere la direzione di Vrbanj e visitare passando il villaggio grazioso di Pitve (tragitto di 14 km); dalla città di Hvar, seguire la strada costiera passando da parte di Sveta Nedjelja e Ivan Dolac (tragitto da 31 km).

La costa Est
La parte orientale dell’isola di Hvar è una lingua interminabile di terra rurale e selvaggia. L’est dell’isola è molto poco sviluppato sul piano turistico; tuttavia, il piccolo porto di San Giorgio (Sućuraj), all’estremità orientale, permette di riacquistare il continente a Drvenik al sud di riviera di Makarska, con collegamenti traversata marittima abbastanza frequenti.
Gavine nel canale di Hvar. Clicca per ingrandire l'immagine.Gavine nel canale di Hvar. Clicca per ingrandire l'immagine.Gavine nel canale di Hvar. Clicca per ingrandire l'immagine.

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

StoriaStoria
Nell’era storica, i primi abitanti dell’isola di Hvar furono Illiricos. Al IVe secolo prima di J. - C. (384), i greci vecchi stabilirono una colonia, Pharos, al posto dove si trova attualmente la città di Stari Grad. L’isola cadde in seguito, verso 219 prima di J. - C., in possesso dell’impero romano. Dopo la caduta dell’impero romano d’occidente, l’isola passò sotto la sovranità di Bisanzio.

Nel corso dell’alto medioevo (VIIe e VIIIe secoli), tribù slave si afferrarono dell’isola. I secoli seguenti furono segnati da litigi incessantes tra Bisanzio, Venezia ed i sovrani hungaro-croati sul controllo di Hvar. Al XIe secolo, l’isola raggiunse il regno croato di Petar Kresimir IV. Al XIVe secolo (1331), i veneziani presero l’isola sotto la loro protezione contro le minacce dei pirati di Omiš. Secondo il Trattato di Zadar di 1358, l’isola fu rimessa al regno dell’Ungheria, ma in 1390 fu diretta dal re bosniaco Stjepan Tvrtko Ier.

In 1420, la repubblica di Venezia stabilisce durevolmente la sua sovranità sull’isola di Hvar, fino alla caduta di Venezia in 1797. Durante questo periodo, la città di Hvar fu il principale porto di Venezia sulla costa orientale dell’Adriatico. L’isola diventò prosperosa grazie alla pesca ed alla coltura del rosmarino, della lavanda e dell’ulivo. Tuttavia, XVIe secolo vive sollevamenti della plèbe contro l’aristocrazia assoggettata a Venezia: i più gravi di queste sommosse ebbero luogo tra 1510 e 1514, sotto la direzione di Matija Ivanić, ma furono schiacciati dai veneziani. In 1571, i Turchi ottomani devastarono l’isola: le città di Hvar, di Stari Grad e di Vrboska furono distrutte e rasate.

In 1797, alla caduta della repubblica di Venezia, Hvar fu allegato dalla monarchia del Habsbourg in seguito al trattato di Campo-Formio. Ma le truppe napoléoniennes se ne afferrarono in 1806, e l’isola restò brevemente sotto l’occupazione francese a in 1814. In 1815, l’isola tornò all’impero austro--ungherese, conformemente al Trattato di Vienna, e conobbe una certa prosperità che prese fine con l’epidemia d’phylloxéra che colpì la vigna ed il declino della marina a vela.

L’isola appartenne brevemente al regno dell’Italia dal 1918 al 1921, quindi fece parte del regno dell’Jugoslavia.

Nel 1941, Hvar fece parte dello Stato indipendente da Croazia (Nezavisna Država Hrvatska ou NDH) d’impugnatura Pavelić, quindi fu occupato dagli italiani nel 1943. Dopo il 1945, l’isola appartenne alla repubblica popolare della Croazia, una repubblica costitutiva dell’Jugoslavia comunista.

Dal 1991, Hvar fa parte della Croazia indipendente.

GeografiaGeografia
L’isola di Hvar è più lunga delle isole della Dalmazia, con una lunghezza di 68 km, e, nella zona più ampia, una larghezza di 10,5 km; il suo litorale ha 254 km di lunghezza e la sua superficie è di 300 km². Il punto culminant dell’isola è il supporto San Nicola (Sveti Nikola) con un’altitudine di 628 m.

In mezzo all’isola si estende un lungo massimo montagnoso, orientato est-ovest, con il vertice San Nicola; al nord si trova la pianura fertile di bicicletta Polje.

EconomiaEconomia
Campi di lavanda sull'isola di Hvar (auteur Romeo Ibrisevic). Clicca per ingrandire l'immagine.Viti sulla costa sud dell'isola di Hvar (autore Danilo Tic). Clicca per ingrandire l'immagine.Il turismo è ormai la principale attività economica dell’isola.

Campi di lavanda sull'isola di Hvar (autore Col Ford). Clicca per ingrandire l'immagine.Tuttavia attività tradizionali esistono: la viticoltura che produce fino a 50.000 ettolitri di vino all’anno; la coltura della lavanda per la produzione di oli aromatici e di saponi;  la pesca, precedentemente importante, non svolge soltanto un ruolo marginale.

InformazioniInformazioni pratiche

Generalità
I trasporti marittimi
Orari delle traversate marittime per l'isola di Hvar. Clicca per ingrandire l'immagine.Stari Grad è il principale porto marittimo dell’isola di Hvar: la maggior parte dei viaggiatori arriva a Hvar con i car-ferries in provenienza da Split.

Tuttavia, se ci si rende a Hvar dalla regione di Dubrovnik, il più rapido ed il più economico è di prendere la traversata marittima a Drvenik, a 28 km al sud di Makarska ed a 128 km al Nord-ovest di Dubrovnik, per raggiungere il porto di Sućuraj alla punta orientale dell’isola di Hvar. Da 3 a 4 incroci al giorno in inverno; da 10 a 15 incroci al giorno in estate; da 25 a 35 min di tempo d’incrocio.

Hvar si trova anche sulla linea di navigazione costiera di Rijeka a Dubrovnik.

Due a tre traversate marittime quotidiane collegano Split al porto di Hvar. In estate, oltre a queste traversate marittime, una nave rapida per pedoni collega Split a Hvar, via Milna sull’isola di Brač. Una nave rapida collega anche Jelsa a Split, via ciotola sull’isola di Brač.

I trasporti stradali
L’ovest dell’isola dispone di una buona rete di strade: Hvar e Stari Grad sono collegati da una strada moderna che supera la catena di montagne mediana con un tunnel recentemente costruito. La rete delle strade è, in compenso, abbastanza cattiva nella parte orientale, a partire da Sućuraj. La strada che collega la città di Hvar, all’ovest, e Sućuraj, all’estremità è dell’isola, è lunga di 84 km.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
La città di Hvar, isola di Hvar in Croazia
La città di Stari Grad, isola di Hvar in Croazia
La città di Jelsa, isola di Hvar in Croazia
Argomenti vicini
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo la Dalmazia centrale (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo Zagora dalmate (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo isole (PDF)
La città di Split in Croazia
Il fiume Cetina in Croazia
La città di Omiš in Croazia
Riviera di Makarska in Croazia
Il parco naturale del Biokovo in Croazia
L'isola di Brač in Croazia
L'isola di Hvar in Croazia
Argomenti più ampi
Inizio
La contea di Šibenik-Knin in Croazia
La contea di Split-Dalmazia in Croazia
La contea di Dubrovnik-Neretva in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.