AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Omiš in Croazia

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d'inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Scudo della città di Omiš (autore Frank Murmann). Clicca per ingrandire l'immagine.Port. Clicca per ingrandire l'immagine.Omiš è una città portuale della Dalmazia centrale in Croazia. Conta quasi 6.600 abitanti. Ma Omiš è anche un comune, di circa 15.500 abitanti, che fa parte della contea di Split-Dalmazia.

Il picco San Pietro che è sospeso su omesso (autore Hedwig Storch). Clicca per ingrandire l'immagine.Questa piccola città pittoresca deve la sua celebrità a pirati che imperversarono in suoi parages del Xe secolo alla prima metà del XVe secolo. Omiš si trova alla bocca del fiume Cetina, dove i pirati trovavano rifugio; è predominata da una montagna spogliata dove costruirono due fortezze da cui potevano sorvegliare il traffico marittimo nel canale di Brač.

Il ristorante Ćaća ad omesso. Clicca per ingrandire l'immagine.Oggi, Omiš è soprattutto una stazione balneare che conosce - come riviera di Omiš - uno sviluppo discreto del turismo.

Il marciapiede di partenza dei barca-taxi ad omesso (autore OnkelJohn). Clicca per ingrandire l'immagine.Questo turismo è imperniato sulle escursioni lungo la valle del fiume Cetina o la visita delle isole dalmates, dei festival di bordi tradizionali “a capella„ (klapa) e la celebrazione della tradizione di pirateria fra cui la città enorgueillit senza vergogne.

EtimologiaEtimologia
Si pensa che il toponyme di Omiš derivi dalla parola slava Holm o Hum, traduzione di una parola illirico Onaion o greco Oneon, che significa “collina„. Sotto l'impero romano, la città era nominata in latino Oneum o Onaeum.

A partire dalla fine del XVe secolo, quando la città cadde al potere della repubblica di Venezia, fu conosciuta sotto il nome italiano di Almissa.

Per un francese, il nome di Omiš si pronuncia “omiche„.

SituazioneSituazione

L'estuario dell'Cetina ad omesso (autore Zoran Knez). Clicca per ingrandire l'immagine.Omiš è situato nel cuore della Dalmazia, a 25 km al Sud-Est di capitale, Split, sulla strada nazionale D8. La città si estende del comune di Duća, all'ovest, fino al comune di Brela, all'est.

Il porto di Omiš si trova sulla costa adriatica alla bocca del fiume Cetina.

Le porte della Cetina vicino ad omesso. Clicca per ingrandire l'immagine.

VisiteVisite

La riva sinistra della Cetina ad omesso. Clicca per ingrandire l'immagine.Omessi vista dall'citadelle. Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).La siluetta del massiccio del Mosor predomina la città di Omiš; viuzze ripide scalano all'attacco di questo stimolo impressionante, coronato dalle rovine di due fortezze.

All'epoca della sovranità veneziana, Omiš - a causa della sua posizione strategica - era una città militare e marittima protetta da pareti su tre lati, essendo il lato del nord protetto dalle montagne. Queste pareti sono state soprattutto distrutte a partire dal xixo secolo, ma delle vestigia di rifugi sono ancora visibili ad alcuni posti.

La fortezza di Mirabella
La prima di queste fortezze fu la fortezza di Mirabella, anche nominata Peovica, costruita al XIIIe secolo sotto i duchi Kačić che regnavano sui pirati di Omiš. Questa fortezza - situata ad un'altezza di 245 m - era molto importante per i pirati, perché da questo posto potevano sorvegliare una vasta zona della terra e del mare: da Peovica, si può infatti osservare la totalità della città di Omiš, il canale di Brač, le isole di Brač, di Hvar e di Šolta, Poljica media e la bocca del fiume Cetina.
La fortezza della vecchia città (Stari Grad)
La fortezza di Stari Grad ad Omis. Clicca per ingrandire l'immagine.La fortezza di Stari Grad ad Omis (autore Hedwig Storch). Clicca per ingrandire l'immagine.La seconda fortezza è la fortezza Fortica o fortezza della vecchia città (Stari Grad), situata sopra la città; data del XVe secolo e fu costruita soprattutto per difendere la città contro gli attacchi degli ottomani.

La leggenda dice che nei 1537, in occasione di un attacco da parte dei Turchi, difensori di Omiš impressionarono i assaillants con i loro grida e colpi al punto che i Turchi sopravvalutarono il numero di difensori e si fuggirono.

La chiesa San Pietro (Crkva Svetog petra)
La chiesa pre-romane San Pietro (Crkva Svetog petra na Priku u Omišu) è situata sulla riva diritta del fiume Cetina, nella zona di Priko. Una questa costruzione del Xe secolo, ad una sola nef, una cupola ed un'abside; è uno dei monumenti più preziosi di Dalmazia che datano di quest'epoca, la sola chiesa a cupola datando Xe secolo. È citata in documenti fin dall'anno 1074, sotto il regno del re Slavac. Al xviiio secolo, a partire da 1750, funse da seminario per i sacerdoti glagolitiques.
La chiesa San Michele (Crkva Svetog Mihovila)
La facciata della chiesa San Michele di Omiš. Clicca per ingrandire l'immagine.La chiesa San Michele è la chiesa parrocchiale dell'una delle due parrocchie di Omiš, situata nelle vecchie zone della città. È una costruzione soprattutto di stile barocco precoce - con elementi goticos e Renaissance - costruito all'inizio del xviio secolo, a partire da 1604, per sostituire una chiesa medioevale diventata troppo piccola.

In un posto adatto, sopra la sua barriera di stile maniériste, si trova una statua di Michel santo Archange. Sulle pareti della chiesa si trovano emblemi di nobili veneziani e lo scudo della città di Omiš. Il campanile data del xviiio secolo: la sua costruzione cominciò in 1720 e fu completata in 1724.

L'interno della chiesa cela molti oggetti di arti preziose: il più prezioso ed il più famoso di quattro retables è “la discesa dello spirito santo„. Questi retables sono l'opera della scuola di Palma il giovane. Il crocifisso sul altare della santa La Croix è l'opera dell'sculpteur Juraj Petrović; i autels di Nostra Signora e di San Michele sono stati realizzati dal sculpteur Ivan Rendić.

Il fiume Cetina (Rijeka Cetina)
Andare al fiume Cetina.
Il fiume Cetina vicino ad omesso. Clicca per ingrandire l'immagine.Il fiume Cetina vicino ad omesso. Clicca per ingrandire l'immagine.Capanne di pescatori sulla Cetina vicino ad omesso. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

StoriaStoria
La regione attorno a Omiš fu inizialmente popolata dallo Illiricos. Sotto l'impero romano si trovava in questa regione molte piccole colonie, di cui Oneum, che era situata sul territorio dell'attuale Omiš. Dopo la caduta dell'impero romano d'occidente, la città conobbe una breve sovranità bizantina.

Omiš cadde in seguito alle mani degli slavi del Neretva che la controllarono fino al XIVe secolo. Al XIIe e XIIIe secoli, la città fu diretta dai principi Kačić, che erano alla testa dei pirati temibili di Omiš, fra i più pericolosi pirata del Mediterraneo.

I pirati di Omiš utilizzavano navi a rami molto efficienti, chiamate “frecce di Omiš„ (sagittas). Queste navi erano concepite per l'attacco e la pensione rapida nella bocca del fiume Cetina; una delle caratteristiche più importanti “delle frecce di omesso„ era un debole legame d'acqua; i pirati costruirono una parete subacquea nel letto del fiume Cetina, vicino all'estuario. Questa parete subacquea (Mostina) non era visibile e comportava soltanto una sola apertura, che era adattata alle navi dei pirati, ma causava il fallimento delle navi ostili se provassero a proseguire i pirati. Sulla riva sinistra del fiume Cetina si trovava un piccolo forte (Gomilica), oggi ne rovina, il cui ruolo era associato al Mostina.

I pirati di Omiš (Omiški gusari) si attaccavano alle galères papales ed alle navi potenti mercantili della repubblica di Venezia, di Ragusa, di Kotor o di Split… Cela condusse a guerre frequenti condotte contro i pirati, e spesso alla conclusione di accordi di pace con pagamento di omaggi ai pirati. Tuttavia, qualsiasi pace con i pirati era di breve periodo.

In 1221, i pirati portarono via una vittoria contro una flotta di incrociati che si reca in Palestina all'appello del papa Honorius III. Ma, in 1286-1287, i veneziani superarono i principi Kačić, cosa che mise fine alla loro sovranità su Omiš, allora conosciuta sotto il nome italiano di Almissa. Dopo la caduta dei principi Kačić, la pirateria continuerà ma non sarà mai così virulenta come sotto il loro regno.

In 1444, Omiš riconobbe l'autorità di Venezia. La regione, come i suoi dintorni, fu il luogo di combattimenti incessants tra Turchi, veneziani, ungheresi, croati ed altri popoli cristiani. In 1498, una prima invasione turca si concluse con la loro sconfitta ma, in 1537, Omiš cadde tra le loro mani: i Turchi occuparono la città a in 1684.

La città ritornò in seguito sotto la sovranità di Venezia a in 1797, data nella quale Omiš passò alle mani austriaci, quindi sotto il controllo dell'impero francese napoléonien, quindi, in 1815, nuovamente sotto quello dell'impero austro--ungherese a nel 1918. Per questo periodo, la città perse della sua importanza strategica e si impoverisce.

Con gli inizi dell'industria e del turismo all'inizio del xxo secolo, Omiš riprese il suo sviluppo.

“République de Poljica (Poljička republika)„
“La repubblica di Poljica„ fu una Comunità autonoma che esisté, dalla fine del medioevo fino all'epoca moderna, vicino alla città di Omiš. Il nome di Poljica viene dalla parola “polje„ che significa “pianura„ in croato, per riferimento alle pianure carsiche caratteristiche di questo territorio.

Questa Comunità di dodici villaggi era organizzata come “una repubblica di contadini„ i cui abitanti obbedivano soltanto alle loro leggi. I territori “della repubblica di Poljica„ si trovavano soprattutto nella curva sudorientale fatta dal fiume Cetina prima della sua bocca a Omiš, nelle valli del Mosor e nella banda costiera fertile tra Omiš e Stobreč.

I montagnards bellicosi di Poljica diventarono molto presto gli alleati dei pirati di Omiš, che poterono così incalzare il commercio marittimo dei loro vicini, senza timore di un attacco improvviso per via terrestre.

In 1444, “la repubblica di Poljica„ accettò il suzeraineté di Venezia contemporaneamente a Omiš, pur conservando la sua libertà interna. Dopo la caduta della repubblica di Venezia in 1797, Poljica fu ripreso dall'Austria. L'anno successivo, essa incorso l'inimicizia di Napoleone per l'aiuto che aveva fornito agli Russes; fu invasa dalle truppe francesi che saccheggiarono i suoi villaggi, massacrarono i suoi abitanti e finalmente lo hanno privarono della sua indipendenza. Dopo l'era napoléonienne, Poljica fu assorbito dall'impero austro--ungherese.

Poljica passò in seguito al regno dell'Jugoslavia, e, nel 1912, la regione fu ricostituita come uno solo comune di Poljica. Tuttavia, nel 1945, “la repubblica di Poljica„ fu divisa nuovamente tra molti municipi, e lo rimane fino ai nostri giorni: i suoi villaggi fanno parte dei comuni di Podbablje e di Omiš.

InformazioniInformazioni pratiche

Tempo e previsioni

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell'argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo la Dalmazia centrale (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo Zagora dalmate (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo isole (PDF)
La città di Split in Croazia
Il fiume Cetina in Croazia
La città di Omiš in Croazia
Riviera di Makarska in Croazia
Il parco naturale del Biokovo in Croazia
L'isola di Brač in Croazia
L'isola di Hvar in Croazia
Argomenti più ampi
Inizio
La contea di Šibenik-Knin in Croazia
La contea di Split-Dalmazia in Croazia
La contea di Dubrovnik-Neretva in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.