AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Dubrovnik in Croazia

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Scudo. Clicca per ingrandire l'immagine.Appollaiato su una roccia, cinta di alti rifugi bagnati dall’Adriatico, Dubrovnik, l’ex Ragusa, è considerato come uno dei gioielli del patrimonio architetturale mondiale. Lord Byron non la qualificava come “perla dell’Adriatico„? Viuzze strette all’ombra bienfaisante dove ballano i figli a biancheria, kaléidoscope dei parasoli dei caffè, piccoli posti fioriti ai selciati delicatamente lucidati gli conferisce un’atmosfera molto mediterranea.
Dubrovnik vista della barca di Lokrum. Clicca per ingrandire l'immagine.Dubrovnik vista dalla barca di Cavtat. Clicca per ingrandire l'immagine.
Dubrovnik vista dalla barca di Cavtat. Clicca per ingrandire l'immagine.Dubrovnik vista dalla barca di Cavtat. Clicca per ingrandire l'immagine.
EtimologiaEtimologia
Il nome della città di Dubrovnik viene dalla parola croata dubrava che designa “le querce verdi„.

SituazioneSituazione

Carta turistica. Clicca per ingrandire l'immagine.Dubrovnik vista dal supporto Santo Sergio. Clicca per ingrandire l'immagine.Al sud estremo della Dalmazia, e dunque della Croazia, il piccolo porto di Dubrovnik, situato in una fessura superbe e che bagna in mezzo alle rocce ocracee e della vegetazione mediterranea, occupa una banda stretta litorale, al piede dei primi contrafforti delle Alpi dinariques, a meno di 5 km a volo d’uccello della Bosnia-Herzegovina, ad alcuni chilometri soltanto delle frontiere del Monténégro.

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

StoriaStoria
Le origini
I Romani investirono inizialmente la città greca di Épidaure (attuale Cavtat) per sviluppare un contatore ricco mercantile. Ma un tremito di terra e le invasioni barbare ne cacciarono gli abitanti. In 614, si installarono su una isola ripida, distinto della terra chiude con una braccio stretta di mare. Il villaggio, chiamato Ragusium, si aumenta e si rinforzò di rifugi. Per difendersi contro gli Arabi, si mise sotto la protezione di Bisanzio. Nello stesso tempo, nella montagna Dubrava, un piccolo villaggio croato, Dubrovnik, occupavano la riva continentale, di fronte alla isola. Le due Comunità riempirono la braccio di mare al XIe secolo (l’attuale mise o Stradun) non per fare più che una sola città, a partire dal XIIe secolo.

Poco a poco, il nuovo insieme diventò soprattutto croato, pur restando un contatore commerciale dinamico. Situato in un sito privilegiato, primo porto sulla strada marittima dell’ovest protetto da una linea di isole, Dubrovnik è un punto strategico dalle sue origini.

L’influenza di Venezia
La sovranità veneziana. Clicca per ingrandire l'immagine.Tra il Xe e XIIe secoli, la città fu occupata dagli Arabi, i veneziani ed i Normanni in 1081, prima che Ragusium passi finalmente sotto la tutela dell’impero bizantino. Nonostante questa, la città-Stato firmò numerosi trattati di mutua assistenza con potenze vicine.

A partire dal XIIe secolo, Dubrovnik, ancora nominata Ragusa, possiede un’organizzazione politica e sociale molto strutturata. È rappresentata da un rettore eletto dai cittadini e governata da due consigli. Il primo trattato di commercio concluso Dubrovnik data di 1148.

Al suo ritorno di crociata in 1192, Richard Cœur di leone sarà salvato della tempesta davanti Dubrovnik. ii fecero allora un desiderio ed una donazione per la costruzione della cattedrale. Il traffico marittimo crescente durante e dopo le crociate al XIIe e XIIIe secoli ha fortemente contribuito alla prosperità di centri mercantili marittimi del Mediterraneo e dell’Adriatico ed in particolare di Dubrovnik.

Dopo la presa di Costantinopoli con i veneziani in 1204, Ragusa passa, in 1205, sotto il taglio di Venezia, allora qualsiasi repubblica. Ma Ragusains, marini e mercantili intraprendendo, riesce poco a poco a ridurre il giogo veneziano legando trattati con la maggior parte dei loro vicini.

In 1272 fu pubblicato lo statuto di codifica “Liber statutorum civitatis ragusii„.

La repubblica di Dubrovnik
Trattato di pace di Zadar. Clicca per ingrandire l'immagine.In 1358, il trattato di Zadar mette fine all’influenza di Venezia su Dubrovnik, che si proclama presto repubblica indipendente, sotto la canna delle grandi famiglie aristocratiche. Il suo territorio si estende di Cavtat e del Konavle, all’est, alla penisola di Pelješac, all’ovest, come pure alle isole di Mljet e di Lastovo. Durante quest’età d’oro, gli aristocratici si costruiscono di palazzi splendidi e delle residenze secondarie lungo la costa. La città chiusa conto allora 6000 abitanti (per 3500 oggi).
Dubrovnik alla fine del xviio secolo. Clicca per ingrandire l'immagine.Estensione del territorio della repubblica di Ragusa. Clicca per ingrandire l'immagine.Nel corso del XIVe e XVe secoli, Dubrovnik, Venezia ed Ancona diventarono i centri più importanti dell’Adriatico. Grazie ad accordi e conquiste, il territorio di Dubrovnik si estese da Klek al nord a Sutorina all’entrata della baia di Boka. Includeva anche le isole di Mljet, Lastovo, Elaphites e Lokrum. Fin dal XVe secolo, le autorità organizzarono un traffico particolarmente efficace con l’entroterra.
Statuti della città di Ragusa. Clicca per ingrandire l'immagine.Copertura degli statuti della città di Ragusa. Clicca per ingrandire l'immagine.Lo statuto legale della repubblica di Dubrovnik fu interamente stabilito al XVIe secolo, cosa che implicava un’elezione autonoma del rettore e dei consulenti, una valuta, e la bandiera dove appariva il proprietario della città, Biagio santo, una legislatura indipendente, come pure il diritto di installare consolati all’estero. Sostenendosi sull’ordine sociale aristocratico, il potere supremo era investito “dal grande consiglio„, composto da membri delle grandi famiglie.
Per conservare la sua potenza, Dubrovnik si occupa delle sue relazioni con i Turchi che, dopo la battaglia di Mohács (1526), diventano sempre più che minaccia. Alla pressione della politica espansionistica particolarmente violenta dei Turchi, la repubblica di Dubrovnik accettò in 1525 di pagare un omaggio annuale all’autorità turca, ma ottenne in cambio il diritto di vendere liberamente con tutto l’impero turco. È così, senza esercito ma con una diplomazia particolarmente efficace, che la piccola repubblica riesce a sedersi la sua sovranità, senza prendere parte al conflitto inferiore ed evitando la tutela della Spagna e del vaticano. La sola vera competizione rimaneva la repubblica di Venezia.
L’economia marittima è alla base di questa prosperità, i vasi sempre più numerosi attraversando il Mediterraneo, il Mar Nero e gli oceani per vendere con i porti inglesi, tedeschi, indiani o americani. Da 1580 a 1600, Dubrovnik, città marittima, era alla testa di una flotta potente composta da due cento grandi velieri battenti bandiera su tutti i mari del mondo. Questa flotta mercantile solca i mari, al servizio del commercio di minerale metallifero di piombo, di denaro, di sale e di orfèvrerie, prodotta nei dintorni.
Nave ragusain. Clicca per ingrandire l'immagine.Cantieri navali della repubblica di Ragusa. Clicca per ingrandire l'immagine.
Ragusa tra la prima metà del xviio secolo. Clicca per ingrandire l'immagine.Questo successo materiale, combinato ad una sensazione di sicurezza e di libertà, è all’origine del modo di vita humaniste che si sviluppa a Dubrovnik allora, che stimola gli spiriti creativi. La città raggiunge allora il suo più sù livello di sviluppo urbano ed architetturale, che si è mantenuto fino ad oggi.

XVe e XVIe secoli sono così stati le più alte epoche della storia culturale di Dubrovnik, segnate dalla celebrità molto di grandi autori. Come il grande autore comico Marin Držić, una stirpe che continua fino al poeta più famoso del xviio secolo: Ivan Gundulić. Quest’epoca ha anche conosciuto eminenti pittori e scienziati come Lovro Dobriečević, Nikola Božidarević e Vlaho Bukovac, il matematico ed astronomo Marin Getaldić, i medici Didak Pir e Đuro Baljivi, l’economista Beno Kotruljević, il musicista che ha composto il prime symphonies in Croazia, Luka Šorkočević, o lo scienziato croato universalmente riconosciuto, Ruđer Bošković.

Il grande tremito di terra, quindi Napoleone
XVIe secolo è quello delle grandi scoperte, dell’apertura di nuove strade marittime e della concorrenza delle potenze rivales. Il dinamismo dei navigatori ragusains avrebbe forse permesso alla città di resistere se un tremito di terra di una violenza rara non fosse precipitato il suo declino, il 6 agosto 1667. Più di 5000 abitanti periscono sotto gli avanzi della città distrutta. Anche le navi all’ancora nel porto sono distrutte. Costruzioni romans, goticos o Renaissance, non resta quasi nulla. Solo i rifugi, il palazzo Sponza ed alcuni frammenti permettono di immaginare i tesori évanouis. Tutto sarà ricostruisce, nello stile barocco. La città sarà riconsiderata, ma non troverà mai completamente la sua potenza scorsa.

Dubrovnik all'inizio del xixo secolo. Clicca per ingrandire l'immagine.Dubrovnik deve allora battersi per la sua ricostruzione ed il mantenimento della sua sovranità. I vasi navigano finalmente sotto bandiera neutrale fino all’arrivo delle truppe napoléoniennes e la caduta della repubblica di Dubrovnik in 1808. È il annexion della Dalmazia da parte di Napoleone, in 1806, che mette una fine ufficiale alla repubblica.

È in 1815, al congresso di Vienna, che la città è collegata alla Dalmazia ed alla Croazia, di cui condivide il destino politico da allora. L’impero austro--ungherese estende la sua sovranità, da 1815 al 1918. Dubrovnik non è soltanto una piccola città di provincia.

La guerra d’indipendenza
Danni dei bombardamenti comunisti del 1991 ed il 1992. Clicca per ingrandire l'immagine.In seguito alla dichiarazione d’indipendenza della repubblica della Croazia ed all’attacco serbo che vi rispose, Dubrovnik fu attaccata nell’ottobre 1991 dagli eserciti comunisti serbi e monténégrine che cercavano di distruggere la totalità del territorio ed acquisire un accesso privilegiato sul mare adriatico. La regione di Dubrovnik fu occupata e devastata. La città stessa fu interamente circondata durante otto mesi, bombardata varie volte e distrutta parzialmente in occasione di attacchi, inizio dicembre 1991. La Comunità internazionale e numerosi intellettuali indignés del trattamento riservato a tale patrimonio, impunemente.

Molto danneggiata dal conflitto armato, la città è stato rapidamente oggetto di un grande programma di restauro coordinato dall’Unesco. Ha fortunatamente potuto essere ricostruita, e, oggi, è difficile trovare tracce visibili del suo passato penoso. L’eredità culturale e storica è globalmente protetta e conservata, alla grande gioia dei turisti che iniziano a riscoprire una regione ed una località, particolarmente ricche e sorprendenti.

Mise bombardata nel 1991. Clicca per ingrandire l'immagine.Grande fontana di Onofrio bombardato nel 1991. Clicca per ingrandire l'immagine.Colonna di Orlando nel 1991. Clicca per ingrandire l'immagine.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Carta interattiva della città di Dubrovnik in Croazia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia
Le fortificazioni di Dubrovnik in Croazia
La città moderna di Dubrovnik in Croazia
L'isola di Lokrum in Croazia
Le isole Elaphites in Croazia
Il villaggio di Zaton in Croazia
Il villaggio di Trsteno in Croazia
Argomenti vicini
La città di Ploče in Croazia
La città di Metković in Croazia
La città di Slivno in Croazia
L'isola di Korčula in Croazia
L'isola di Lastovo in Croazia
Le penisole di Pelješac in Croazia
L'isola di Mljet in Croazia
La città di Dubrovnik in Croazia
Il comune del Konavle in Croazia
Argomenti più ampi
Inizio
La contea di Šibenik-Knin in Croazia
La contea di Split-Dalmazia in Croazia
La contea di Dubrovnik-Neretva in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.