AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Split in Croazia - il museo etnografico

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Il museo Etnografico (Etnografski muzej) di Split presenta un’ampia gamma del patrimonio tradizionale della Dalmazia: costumi, gioielli, armi e mobili vecchi.

SituazioneSituazione

Museo etnografico e cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Fondato nel 1910, il museo etnografico ha occupato diversi luoghi, il cui penultimo era il vecchio hotel di città di Split, prima di traslocare, nel 2005, all’interno delle pareti del palazzo di Diocleziano.

Il museo Etnografico di Split è oggi situato nella parte sudorientale di ciò che era il palazzo, anche dove si trovavano al IVe secolo la sala a mangiare (triclinium) appartamenti privati dell’ex-imperatore. Il vecchio convento santa Chiara (Santa Chiara), del XIVe secolo, si trovava precedentemente a questa posizione; fu mosso al di fuori delle pareti in 1883.

Il museo comprende anche la chiesa San Andrea, costruita dall’imperatore rigoroso il grande alla posizione dell’una delle sei camere da letto del palazzo (cubiculuma) situata nella parte occidentale degli appartamenti imperiali. Il nome della via Severova, dove si trova il museo, ricorda quest’episodio.

Questa zona che si trova al di là dell’hall del palazzo di Diocleziano, fu uno delle zone più povere di Split, dove costruzioni locative rovinate si sostengono sulle pareti del palazzo, di fronte al mare. Conserva un’aria di desolazione, a miglia della zona turistica dello Péristyle - tuttavia molto vicino - dove si legano i turisti. Questa zona fu il luogo di riunione privilegiato delle prostituées e dei tossicodipendenti di Split, ed è sempre chiamata dagli abitanti “kenjara„ (“il foro a merde„).

VisiteVisite

Carta della Croazia per Mercator. Clicca per ingrandire l'immagine.Il museo presenta gli oggetti tradizionali di vari corpi di lavori dell’Adriatico e della regione dinarique: terraglie, tricot, scultura su legno, vannerie, fabbricazione di scarpe. Si può anche vedere diversi strumenti, gioielli in denaro, armi, ed una raccolta di casse che erano utilizzate per conservare gli oggetti di valore.
La raccolta di costumi tradizionali Dalmate
Costumi dalmates al museo etnografico di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il museo etnografico di Split presenta una raccolta interessante dei costumi più tipici della Dalmazia.

Il costume femminile dell’Adriatico è composto da una camicia di tessuto, bianco e breve, di una gonna di lana con pieghe molto dense; la forma vecchia della gonna è tenuta da cinghie, e più recenti da un panciotto cucito: questo tipo di gonne a pieghe con un piccolo panciotto è un fenomeno della Renaissance del XVe secolo. La gonna a cinghie nei costumi tradizionali dell’Adriatico, soprattutto delle isole adriatiques del sud, era quasi la norma. La comparsa della decorazione sul petto e le impugnature di camicia con ricamo bianco o pizzo invece di un bordo in seta, più vecchia, è un fenomeno generale.

Alcuni costumi si distinguono con il loro ricamo: Ravni Kotari, Knin, Vrlika, Imotski, Poljica. Alcuni sono decorati di un ricamo bianco caratteristico: costume di Sinj, l’entroterra dalmate; altri di pizzo: costumi di Primosten, di Novigrad o di Pag.

Il vestito è terminato la cinghia di seta o di lana legata attorno alla dimensione.

Costumi dalmates al museo etnografico di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Un certo tipo di costumi femminili urbani si sviluppò al xixo secolo nelle più grandi borgate, non soltanto dell’Adriatico, ma anche dell’entroterra, Zagora dalmate. Lo strato d’inverno diventò il principale abito di cima, e la camicia non fu soltanto un plastron decorativo del petto. Questi costumi urbani erano diversi anche con i loro tessuti molto preziosi e con molti accessori: il passementeries, i piccoli cappelli, le gamme ed altri dettagli di modo. I gioielli in denaro cederono il posto ai gioielli in oro.

Generalmente, le donne del litorale legavano i loro peli in due trecce, e le sistemavano in corona decorata di nastri intrecciati, o li coprivano con, generalmente, sciarpe bianche, quadrate o sotto forma di lunghi rettangoli.

Si trovano di rado i calzini in lana e le scarpe che erano state, per molto tempo, le scarpe di lavoro tradizionali, ma che cederono il posto ai calzini di cotone ed alle scarpe a talloni bassi, fatte di cuoio morbido e generalmente di cuoio rosso.

Costumi dalmates al museo etnografico di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il costume maschile dell’Adriatico conserva due tipi d’abbigliamento fino alla fine del xixo secolo. Il primo tipo è collegato al costume tradizionale dell’entroterra immediato (costume detto di tipo dinarique), ed il seconda è il costume mediterraneo abituale; le differenze ovvie tra i due tipi sono il tipo di pantaloni ed il berretto:

  • nel tipo mediterraneo - o levantin tipo - il pantalone è molto ampio, ma breve, e spoglia il polpaccio; il berretto è blu e lavorato a maglia sotto forma di tubo.
  • nel tipo dinarique, le gambe del pantalone sono lunghe e strettamente strette; il berretto è di colore molto rosso e rotondo, spesso ridotto allo stato di simbolo; è fatto di tessuto comperato (coha).

I costumi sono arricchiti di ricami e di ornamenti, dalle circuiti di cinghia in metallo lavorato fino ai temperini all’impugnatura lavorata, appesi da una catena alla dimensione. Più opulents corrispondono spesso ai villaggi dell’entroterra dalmate.

La raccolta di armi tradizionali Dalmate
Armi dalmates al museo etnografico di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Le armi vecchie dei territori dinariques nella seconda metà dalla xixa ed all’inizio del xxo secolo erano ancora d’origine turca, gli ottomani avendo occupato queste regioni in tempi più vecchi. Le armi, per la maggior parte, erano fabbricate da corporazioni stabilite in centri di armi di cui i più conosciuti erano a Travnnik, Foča, Sarajevo, Herceg-Novi, Kotor, Risno, Užice, Prizren e Skoplje.

Armi dalmates al museo etnografico di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Le armi bianche (hladno) più spesso utilizzate erano i yataga’n (jatagani), che sono coltelli a lama lunga, diritta o incurvata, ed all’impugnatura avente quillons della guardia sotto forma di ali di farfalla. Il bordo della lama è del lato interno. Secondo la forma della lama del yataga’n si distinguono quelli a lama incurvata (krivci) e quelli a lama diritta (pravci). Il yataga’n diventò l’arma nazionale, soprattutto nei territori dinariques ed in Bosnia-Herzegovina dove l’esercito ottomano la aveva utilizzata abbondantemente ai xviio e xviiio secolo. Lo attaccava alla cinghia con una paio di pistole ed un piccolo coltello.

Eccetto i yataga’n, la parte principale delle armi bianche era i coltelli (noževi) - aventi una lama a un solo bordo - ed i pugnali (bodeži) - avente una lama a due bordi.

I yataga’n, i coltelli ed i pugnali avevano maniche fatte di materiali che dipendono dalla qualità dell’arma: legno, latta argentata o rame.

Armi dalmates al museo etnografico di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il secondo gruppo di armi molto importante è quello delle armi da fuoco (vatreno), che comprende:

  • Le pistole (pištolji), nominate comunemente kubure; li dividevano generalmente in pistole a silice ed in pistole a capsula; le pistole a silice erano più numerose. Una particolarità frequente è che lo scatto era più vecchio della pistola stessa, cosa che mostri che gli scatti erano molto apprezzati e trasferiti di più vecchie pistole verso più i recenti. C’erano molti tipi di pistole: ledenice, cellne, merdžanke, lisanke, pećenke e di altri tipi ancora; i centri di fabbricazione erano le bocche di Kotor (Boka Kotorska), l’Albania, il Kosovo e la Macedonia. Le pistole erano abituali in queste regioni e facevano, con i yataga’n ed i coltelli, parte dell’attrezzatura normale dei guerrieri.
  • I cannoni (puške) tirano la loro origine generalmente del xixo secolo; esistono molti tipi: roga, šišana, karabin, džeferdar, karanfilka et lombardska. Ci è come per le pistole, i cannoni a silice e quelli a capsula. Tutti i cannoni avevano cannoni molto lunghi, eccetto i fucili che erano cannoni a cannone breve, ma allargato sotto forma di tromblon; dispiegano utilizzati nei combattimenti corpo a corpo, perché non avevano una lunga portata.

Gli accessori indispensabili delle armi da fuoco erano il gambo per la riempitura della polvere, la fiaschetta della polvere, il cartouchière ed il vaso a grasso; esistevano anche casi (uložnice), fatti di cuoio, per il porto delle pistole (kuburluci).

Armi dalmates al museo etnografico di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.La decorazione delle armi era molto variata: o, ai posti previsti per la decorazione, i metalli erano corrosi all’acido o, si inchiodava un filo d’oro, di denaro o di rame in intagli preparati. Gli ornamenti erano sotto forma di linee ondulées, di circuiti o di ragioni vegetali. Si sapevano smaltare, argentare, dorare o incruster piccoli abbagliamenti di pietre preziose e semi-précieuses. Le parti di legno erano decorate d’intarsiatura, di filo d’oro, di denaro o di rame, o di piccole targhe in rame piegate.

Gli abiti maschili comportavano le parti adeguate al porto delle armi. La parte indispensabile era la cinghia (pripašnjača), un’ampia cinghia di cuoio decorata del lato precedente da piccoli grani di piombo (pulica) la cinghia proteggeva il ventre basso delle ferite e possedeva numerose tasche e divisioni, dove si potevano mettere le pistole, i coltelli ed i yataga’n. Lo portava su una camicia, ma si trovava al sotto abiti della cima. Alcune copie erano pienamente decorate. Un’altra parte obbligatoria degli abiti del guerriero era il panciotto di panno, coperto del lato precedente da targhe di denaro (toke), destinate a proteggere il petto. Gli orafi principali (kujundžije) fabbricavano le targhe di denaro, e tutti gli altri accessori delle armi da fuoco; i maniscalchi principali (sarači) preparavano le parti di cuoio.

Le ricostituzioni di habitazioni Dalmate
Macchina da scrivere AEG piacevole Modell 4. Clicca per ingrandire l'immagine.Il museo etnografico presenta anche la ricostituzione di interni del xixo secolo e dell’inizio del xxo secolo: un ufficio ed una camera, con esposizione di sedi, di sgabelli e di casse in legno scolpito che illustrano perfettamente il grado di perfezionamento dell’artigianato tradizionale dalmate.

La camera da letto popolare (kamara) era fornita di mobili che appartenevano già agli interni borghesi; mostravano lo stato di fortuna della casa. Tali camere da letto costituivano una parte della dote (dotò) quasi di qualsiasi giovane donna da sposare.

La camera da letto ricostituita si compone di un letto coniugale, di un armadio e di un’commode a cinque cassetti. Questi mobili provengono da una casa della zona vecchia di Dobri, situato al nord della vecchia città di Split. Vi si sono aggiunto altre parti di mobili dell’epoca: una tavola di lato del letto (kantunal), un parrucchiere (komo) a specchio (ogledalo), una cassapanca (baul); gli accessori di camera più tipici sono il bacino (kain) e la brocca (broka) di toeletta. Si trovavano di solito sulla parete un incrocio, immagini sante e fotografie di famiglia. Le lanterne di rame (lukijerne), che servirono all’inizio per l’illuminazione, restò a lungo come decorazione d’interno.

Camera da letto popolare al museo etnografico di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Camera da letto popolare al museo etnografico di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Camera da letto popolare al museo etnografico di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.

InformazioniInformazioni pratiche

Generalità
Museo etnografico e cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Museo etnografico (Etnografski Muzej)

Orari d’apertura:

  • in giugno: del martedì al venerdì, di 9:00 a 18:00; il sabato, di 9:00 a 13:00
  • da luglio a metà settembre: del lunedì al venerdì, di 9:00 a 19:00; il sabato, di 9:00 a 13:00
  • da metà settembre a maggio: del lunedì al venerdì, di 9:00 a 16:00; il sabato di 9:00 a 13:00
  • chiuso la domenica ed i giorni festivi.

Indirizzo: Severova 1, HR-21000 Split

Telefono: 00.385 (0) 21.344.164/343.108

Sito Internet: www.etnografski-muzej-split.hr

Tariffa d’entrata: 10 kunas.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Carta interattiva della città di Split in Croazia
La città di Split in Croazia - il palazzo di Dioclétien
La città di Split in Croazia - la cattedrale Saint-Domnius
La città di Split in Croazia - la vecchia città
La città di Split in Croazia - le penisole di Marjan
La città di Split in Croazia - il museo etnografico
Carta interattiva della vecchia città di Split in Croazia
La città di Split in Croazia - il museo della marina
La città di Split in Croazia - opuscolo Services (PDF)
La città di Split in Croazia - opuscolo carta Passe-partout (PDF)
Argomenti più ampi
Inizio
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo la Dalmazia centrale (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo Zagora dalmate (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo isole (PDF)
La città di Split in Croazia
Il fiume Cetina in Croazia
La città di Omiš in Croazia
Riviera di Makarska in Croazia
Il parco naturale del Biokovo in Croazia
L'isola di Brač in Croazia
L'isola di Hvar in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.