AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Split in Croazia - la cattedrale Saint-Domnius

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d'inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Il posto della cattedrale di Split (autore Office Tourisme Split). Clicca per ingrandire l'immagine.La cattedrale Santo Doimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La cattedrale Santo Doimo (Katedrala Svetog Dujma) di Split è la sede dello archidiocèse di Split-Makarska.

È una delle più piccole cattedrali al mondo: la cattedrale di Split era all'origine il mausoleo dell'imperatore romano Diocleziano; questo mausoleo fu convertito in chiesa soltanto al VIIe secolo; più tardi, a partire dal XIIe secolo, gli aggiunsero un campanile e, al xviio, la cattedrale fu aumentata dalla costruzione di un'abside dove si trova il chœur.

SituazioneSituazione

Il museo etnografico e la cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il campanile della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.La cattedrale Santo Doimo si trova all'interno delle pareti del palazzo di Diocleziano sul lato è del Péristyle, vicino al posto dove si incrociava le due vie principali del palazzo, il cardo ed il decumanus.

Il posto situato di fronte alla cattedrale Santo Doimo nella vecchia città di Split, che si nomina oggi il Péristyle (Peristil), si nominava precedentemente posto Santo Doimo (Pločata Svetog Dujma).

VisiteVisite

La cattedrale Santo Doimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il piano della cattedrale di Split da parte di Ernest Hébrard. Clicca per ingrandire l'immagine.È in 650 che il mausoleo di Diocleziano fu trasformato in chiesa da Jean de Ravenne (Johannes de Ravenna) venuto in Dalmazia a riorganizzare la Comunità cristiana rifugiata nel Palais di Diocleziano a Spalatum dopo la caduta di Salona in 614. La nuova chiesa fu inizialmente dedicata a Nostra Signora dell'assunzione. Allo scopo di eliminare gli idoli païennes, il tempio di Jupiter, gli fu trasformato in battistero.

Jean Ier di Ravenne (in croato Ivan Ravenjanin) fu nominato l'arcivescovo de Split dopo un interregno di undici anni. Da Salone, fece trasportare nella chiesa le reliquie dei martiri santi degli abitanti di Salone, Doimo santo (Sveti Dujam) e santo Anastase (Sveti Anastazije); presto la chiesa cattedrale fu dedicata a Doimo santo, proprietario santo della città; il sarcofago imperiale di Diocleziano fu mosso in una dei giri del palazzo. Un tipo di vengeance posthume contro l'ex-imperatore che era stato uno del più selvaggio i persecutori dei cristiani e che aveva fatto decapitare Doimo nell'anno 304. Jean de Ravenne morì a Split verso 680.

La forma originale del mausoleo - un octogone superato di una cupola e circondato da una arcade di 24 colonne corinzie - è stata quasi interamente preservata: tuttavia, la costruzione di un campanile da partire dal XIIe secolo portò la distruzione del portico e, al xviio secolo, un chœur fu aggiunto del lato è del mausoleo.

La barriera
Il cavalletto della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Leone del portico della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Si penetra nella cattedrale con un'arcata conservata da due leoni romans; questi leoni portano sulla loro parte posteriore un insieme hétéroclite di personaggi, di cui Maria Lascaris, il coniuge d'origine greca del re dell'Ungheria Bela IV, che si rifugiò, dinanzi all'invasione del Tatars, in una fortezza situata vicino a Klis.

L'entrata è soprattutto notevole con la sua porta pesante di legno di quercia e di annegare di cui le due foglie scolpite rappresentano 28 scene della vita del Christ, in uno stile bizantino ingenuo - vicino ai fumetti d'oggi - comprensibile dalle popolazioni illetterate dell'epoca. Le 14 scatole della stoffa per tendine di sinistra illustrano la vita del Christ della sua nascita alla résurrection di Lazare; le 14 scatole della stoffa per tendine di destra coprono la passione e l'aumento. Le scatole sono separate da ornamenti ricchi di legno. All'origine, le foglie erano di colore rosso ed i personaggi dorati.

Questi bas-reliefs sono un'opera, datata di 1214, di un sculpteur e pittore locale, Andrija Buvina; sono considerate come uno dei gioielli della scultura medioevale romane, e sono fra le opere più vecchie della cattedrale.

Le sculture éraflées e raschiato nelle parti basse - che sono protette da un vetro - ma sono molto in buono stato nelle parti superiori.

La cupola
L'interno della cattedrale di Split (autore Office Tourisme Split). Clicca per ingrandire l'immagine.L'interno - abbastanza ristretto - della cattedrale è di piano circolare e coperchiato di una cupola che riposa su otto colonne a capitali corinzii. Questa cupola, che simbolizza la natura divina dell'imperatore, doveva all'origine essere decorata di mosaici dorati.

L'interno è stato purgato della sua decorazione païenne, ma cela sempre bas-reliefs di Diocleziano e del suo coniuge Prisca su una lista situata alla base della cupola. Il resto della decorazione testimonia la successione degli stili attraverso i secoli: un miscuglio d'arte roman, di sculture goticos e di Renaissance e vernici barocche.

Il quadro di comando (Propovjedaonica)
La prima opera che si incontra sulla sinistra - percorrendo l'interno della cattedrale nel senso orario - è un quadro di comando monumentale di pietra pienamente decorata, effettuata nello stile roman tardivo (XIIIe-XIVe secolo). È un quadro di comando esagonale chiuso da una arcade cieco formata di doppie colonne di marmo multicolore con capitali finemente lavorati. Il quadro di comando riposa su sei colonne slanciate ai capitali che mescolano fogliami, serpenti ed animali sconosciuti.
Il Autel Santo Doimo (Oltar Svetog Dujma)
Proseguendo nel senso orario attorno alla chiesa, il monumento seguente è il altare di Doimo santo, situato nella cappella del nord. È un altare barocco realizzato in 1766 e -1767 dal sculpteur ed il produttore di altare ben noto di Venezia, Giovanni Maria Morlaiter (1699-1781). Il altare si compone di un sarcofago e di un reliquiario sostenuto da figure femminili allegoriche della fede e della costanza. Lo antependium dello altare mostra in bas-relief la martire del primo vescovo di Salone, decapitato in 304. Il limite massimo della cappella è occupato da una serie di otto vernici di scene della vita del vergine (il sig. Capogrosso, XVIIe secolo).
La cappella Santo Anatasio (Kapela Svetog Staša)
Santo Anastase ai lati di Doimo santo - cattedrale di Split (autore Damien Roué). Clicca per ingrandire l'immagine.Il altare Santo Anatasio (Oltar Svetog Anastazija) si trova nella cappella del Nord-est; è dedicato a santo Anastase (sveti Anastazije ou sveti Staš), un cristiano contemporaneo di Doimo, come lui da Diocleziano e, come lui, proprietario santo di Split. Anastase era un commerciante di panno di Aquilée, nei pressi dell'attuale Venezia, che si era stabilito a Salone; aveva dipinge un incrocio sulla porta del suo negozio, e, poiché il cristianesimo era vietato allora, fu fermato ed annegato, essendo gettato nel fiume Jadro con un meule di pietra attorno al collo.

Il sarcofago di santo Anastase, cattedrale di Split (autore SpeedyGonsales). Clicca per ingrandire l'immagine.Il autel, messo sotto una piattaforma drapé di pietra magnificamente in scolpito, comporta un sarcofago che conserva i ossements del santo. Sulla parte anteriore, il sarcofago porta un bas-relief crudelmente realistico, “il Flagellation del Christ„, che mostra Gesù montato e brutalizzato da persecutori particolarmente rustres; sopra, gisant di santo Anastase conserva vicino a lui un meule di pietra che appare la sua martire.

Il altare di santo Anastase fu realizzato dott. dal Giorgio Dalmate (Juraj Matejev Dalmatinac) in 1448, cioè circa venti anni dopo il altare di Doimo santo realizzato da Bonino; Giorgio Dalmate conservò il concetto e la forma dell'opera di Bonino. Per la qualità eccezionale della scultura, in equilibrio con gli elementi decorativi, e l'abilità artistica di Juraj Dalmatinac, il bas-relief “della Flagellation del Christ„ è considerato come una delle più belle opere sculpturales di stile gotico tardivo e Renaissance del suo tempo, ed uno dei vertici dell'arte croata.

La cappella Santo Doimo (Kapela Svetog Dujma)
Continuando nel senso orario, si incontra, dopo essere passato il padrone-autel, la cappella Santo Doimo situata nell'angolo sudorientale della cattedrale.

Questa volta ripara un secondo altare dedicato a Doimo santo; quest'altare del XVe secolo si compone di un vecchio sarcofago paleocristiano, che funge da base, superato di un secondo sarcofago che ha conservato precedentemente i ossements di Doimo santo, inizialmente sepolto a Salone, quindi trasferito qui al IXe secolo; questo secondo sarcofago è superato di un gisant del santo e martire.

Il vecchio sarcofago paleocristiano porta un bas-relief che rappresenta un uomo con cani da caccia. Il secondo sarcofago e gisant sono l'opera dell'sculpteur principale milanais Bonino, realizzata in 1427 nello stile gotico tardivo. Bonino da Milano, morto a Šibenik in 1429, è anche l'autore della barriera della cattedrale San Giocomo de Šibenik e della colonna di Orlando a Dubrovnik.

La cappella sopra il altare è decorata di pitture murali - d'ispirazione gotico - del pittore locale Dujam Marinov Vušković (XVe secolo).

Il altare maggiore (Glavni Oltar)
Il altare maggiore della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il altare maggiore della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il altare maggiore si trova tra le due volte goticos santo-Anastase e Santo Doimo, sotto un'arcata che conduce all'chœur. Questo altare maggiore di stile barocco presenta una paio di angeli delicati dorati che sostengono ciò che sembra essere un carrello superato di chérubins; questo serbatoio presenta vernici, su ciascuna delle sue facce, che illustrano le vite di Jérôme santo, François santo e Catherine santa di Siena.

L'arcata che supera il altare maggiore possiede un limite massimo ricco a scatole decorato di dieci vernici sul tema della vecchia volontà, realizzate in 1639 dal padrone veneziano dell'epoca barocca, Matej Pončun (Matteo Ponzoni del suo nome italiano d'origine, 1586-1663).

Il Chœur
La cattedrale di Split, la notte (autore Office Tourisme Split). Clicca per ingrandire l'immagine.La cattedrale Santo Doimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Al xviio secolo, una sala rettangolare fu costruita sul lato è - dietro il altare maggiore - della piccola cattedrale Santo Doimo per aumentarlo e riparare il chœur; la parete orientale fu demolita per riunire le due sale. Quest'aggiunta appare ancora oggi come una parte riportata sul octogone al geometrico l'armoniosa del mausoleo d'origine. Per accedere all'chœur, si deve dunque passare sui lati del padrone-autel.

Questo chœur barocco del xviio secolo è fornito di stalle in legno molto più vecchie: queste stalle di stile roman furono scolpite all'inizio del XIIIe secolo; vi si osservano numerosi dettagli - dei entrelacs geometrici o delle ragioni figurative di animali e di piante - che traducono l'influenza dello stile roman lombard, ma anche della decorazione bizantina ed anche islamica. Queste stalle finemente scolpite sono più vecchie di Dalmazia.

Il tesoro della cattedrale (Riznica)
Il tesoro della cattedrale di Split si trova al primo piano della sacristie, un edificio costruisce al Sud-Est del vecchio mausoleo; ci si accede dal chœur con una volata di marce sulla destra.

Il tesoro conserva, in busti-reliquiario in denaro, le reliquie dei tre martiri santi e proprietari di Split: il grande reliquiario di Doimo santo (sveti Duje) e quelli di santo Anastase (sveti Anastazije) e di Rainier santo o Arnerius (sveti Rajnerije ou Arnir), l'arcivescovo de Split che lapidé a morte in 1180 dalla famiglia di pirati del Neretva, Kačić.

Il tesoro possiede anche una raccolta di oggetti d'arte incoronati che datano dell'alto medioevo al xixo secolo: oggetti liturgici, messali scritti a mano, abiti sacerdotaux preziosi e una tabella di stile roman del XIIIe secolo “la vergine ed il bambino„.

Fra i manoscritti, le parti più preziose sono il évangéliaire di Split (Splitski Evanđelistar), un manoscritto della vita secolo, il cartulaire di Supetar (Cartularium) del XIe secolo, e “una storia Salonitaine„ (Historia Salonitana), storia del popolo di Salone e cronaca della chiesa di Split, un manoscritto pienamente decorato scrive al XIIIe secolo dallo archidiacre di Split, Thomas (Toma Arciđakon). Historia Salonitana è una delle importanti fonti storiche del medioevo per lo studio della storia di Split e dell'insieme della Dalmazia.

La cripta Santa Lucia (Kripta Svete Lucije)
La cripta Santa Lucia della cattedrale di Split (auteur Marcin Szala). Clicca per ingrandire l'immagine.La cripta Santa Lucia è situata sotto la cattedrale di Split e presenta lo stesso piano circolare della chiesa. La cripta è dedicata a Santa Lucia di Syracuse (sveta Lucija), una delle ultime vittime delle persecuzioni cristiane sotto il regno di Diocleziano, verso 304 dopo J. - C.

Santa Lucia, olio di Domenico Beccafumi, 1521. Clicca per ingrandire l'immagine.Secondo il martyrologe, questa giovane cristiana, ragazza famiglia di un nobile e molto ricca di Syracuse, avrebbe dedicato la sua vita a dio, ma la sua madre lo aveva promesso ad un giovane uomo; quest'ultimo che ha la notizia del suo desiderio di castità e che vede la dote sfuggirle, denunciò Lucia alle autorità romane mentre le persecuzioni contro i cristiani facevano collera. Lucia si sarebbe strappata gli occhi di disperazione e li avrebbe inviati a suo fiancé su un piatto; dopo lunga tortura, i persecutori dei cristiani gli avrebbero inserito una spada nella gola (Santa Lucia è a volte invocata contro i mali di gola…). Per miracolo, Marie vergine gli avrebbe reso più bei occhi; è il motivo per cui Santa Lucia è la protettiva dei ciechi; è celebrata il 13 dicembre, data nella quale l'ora di stendere del sole ricomincia ad aumentare, la durata del giorno continuando a diminuire al 25 dicembre.

È anche la ragione per la quale la cripta - simbolo della obscurité - del vecchio mausoleo di Diocleziano - il persecutore dei cristiani come Santa Lucia - fu dedicata a questa santa. Nella cripta, una fonte miracolosa è presunta rendere la vista; il 13 dicembre è una festa importante nella tradizione cristiana locale: la cripta è aperta al pubblico, una messa è detta, la fonte d'acqua è benedetta, e ciascuno può portare via poco dell'acqua benedetta.

Campanile (Zvonik)
Il campanile della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il campanile della cattedrale - emblema della città di Split - è situato tra la chiesa ed il Péristyle: la sua costruzione, cominciata al XIIIe secolo, richiese la demolizione del portico d'origine del mausoleo di Diocleziano. Questa costruzione di sei piani, all'origine di stile roman tardivo, durò oltre 300 anni e non si completò prima del XVIe secolo; i piani superiori, aggiunti più tardi, erano in stile gothico-Renaissance.

L'interno del campanile della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Purtroppo, il campanile crollò verso la fine del xixo secolo e dût essere ricostruisce tra tra 1890 e 1906. I piani superiori furono ricostruiti in stile néoroman. La maggior parte delle sculture romanes originali è scomparsa; tuttavia si possono ancora ammirare - al primo livello, da una parte e dall'altra - i bas-reliefs della Annunciazione e della Nativité, con la vergine riparata da una tenda; datano della costruzione d'origine al XIIIe secolo e sono attribuiti dott. al Radovan che lavorava a Trogir a quest'epoca.

I bas-reliefs meno raffinati rappresentante santo Anastase, Doimo santo e San Pietro, porta la firma dott. di Otto, un sculpteur d'origine nordica; la scena di caccia nell'arcata della cappella del campanile è anche attribuita a questo sculpteur.

Il campanile della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il campanile della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il campanile della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
L'altezza del campanile è di 60 metri; dal vertice si può approfittare di una vista panoramica su Split e, bene oltre, sulle isole di Šolta e di Brač, la collina di Marjan, il massiccio del Mosor all'est, e quello di Kozjak all'ovest. Si può anche tentare di distinguere il perimetro ed il piano romano del palazzo di Diocleziano fra il fouillis delle costruzioni ulteriori.
L'interno del campanile della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.L'interno del campanile della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.L'interno del campanile della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.
La cappella San Rocco (Crkvica Svetog Roka)
Al nord del péristyle si trova una piccola cappella Renaissance, costruita a partire da 1516, la cappella San Rocco (Crkvica Svetog Roka); alloggia al giorno d'oggi il centro d'informazione turistica.
Il battistero (Krstionica)
La cappella in culla del battistero della cattedrale di Split (autore ISAWNYU). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).Il battistero della cattedrale di Split si trova - rispetto alla chiesa - dell'altro lato del Péristyle. Si tratta dell'ex Temple di Jupiter del Palais di Diocleziano; il tempio romano fu trasformato in battistero verso VIIe secolo, dopo l'arrivo dei cristiani rifugiati di Salone. La cripta situata sotto il pavimento del tempio (podium) fu trasformata in una volta minuscola dedicata a Thomas santo.

Il battistero San Giovanni non ha conservato il portico del tempio d'origine, ma ne ha conservato il corpo (cella) e, in particolare, la sua volta notevole in culla a scatole. Al XIe secolo, questa volta era stata superata di un campanile roman, che comprende tre piani, ma questo campanile fu demolito verso 1840 secondo la tendenza neoclassico dell'epoca. All'inizio del xxo secolo, nel 1907, si sono abbattute alcune case, situate sui lati occidentali e sud, per liberare l'edificio; tuttavia esiste costruzioni sostenute contro il tempio nell'angolo del nord-ovest.

Il bas-relief del re Zvonimir. Clicca per ingrandire l'immagine.Una bandiera della fonte battesimale della cattedrale di Split (auteur Ratomir Wilkowski). Clicca per ingrandire l'immagine.Dentro, nuova fonte battesimale fu costruita al XIIe secolo; questa fonte battesimale ha la forma di un incrocio ed una dimensione imponente, poiché, agli inizi del cristianesimo, il battesimo si dava con immersione totale. Sono stati realizzati con bandiere di marmo recuperate di una balaustra di un altare più vecchio, datato del XIe secolo. Queste bandiere sono scolpite di bas-reliefs; uno dei bas-reliefs rappresenta un pentagramme superato di un'intrecciatura di vimine (pleter), ma il più interessante è quello della bandiera di parte anteriore: rappresenta il re croato medioevale sedute su un trono e ristagnando un personaggio che si pensa di rappresentare un demone o un nemico païen. Lo stile dello bas-relief suggerisce un periodo d'esecuzione che potrebbe corrispondere al re Dmitar Zvonimir.

Dettaglio interessante: sopra i due personaggi corre una ragione a volute piegate conosciuta sotto il nome di pluteus (plutej); è una ragione tipica dell'epoca romane croata che è stata in seguito adottata come simbolo nazionale: si può vedere questa ragione sulle bande delle casquettes dei poliziotti croati.

La statua di Jean-battista santo del battistero della cattedrale di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Un sarcofago nel battistero della cattedrale di Split (autore oneafrikan). Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia).All'interno del battistero sono conservati due sarcofagi dove sono stati sepolti gli arcivescovi de Split Jean de Ravenne (ivan Ravenjanin, † 680), il fondatore della diocesi nella nuova città, e Lorenzo Dalmate (Lovro Dalmatinac) (1059-1099), consigliere del re Zvonimir, che era alla testa della chiesa di Split all'epoca dei sovrani nazionali croati. Il sarcofago di Jean de Ravenne è decorato di un fiore di lys in rilievo.

Appena dietro la fonte battesimale si trova una statua che rappresenta un Jean-battista santo étique; questa grande statua in bronzo è un'opera tardiva di Ivan Meštrović realizzata nel 1954.

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

PersonaggiPersonaggi
Santo Doimo (Sveti Duje)
Bas-relief di Doimo santo. Clicca per ingrandire l'immagine.Doimo è sorto ad Antiochia in Siria. Essendosi stabilito a Salone (Salona), la capitale della provincia romana di Dalmatia, oggi vicino lo la città di Solin nel sobborgo di Split; Doimo vi diventò sacerdote e fu nominato vescovo in 384, il primo vescovo della città.

Verso 303, temendo che il potere quasi divino degli imperatori romani sia scalzato dall'influenza dei cristiani - che rifiutavano di sacrificare al culto dei païens della religione ufficiale - l'imperatore Diocleziano iniziò una campagna di persecuzioni contro loro. Il vescovo Doimo e sette altri cristiani furono torturati, e Doimo decapitato, nel amphithéâtre di Salone, il 10 aprile 304. Il suo corpo fu sepolto nel cimitero del nord della città.

Quando gli abitanti di Salone durano fuggirono la loro città, in 614, dinanzi all'invasione dello Avars e degli slavi, si installarono a Split e proclamarono Doimo proprietario santo della città (Sveti Duje ou Sveti Dujam). La cattedrale gli fu dedicata. Il 7 maggio è il giorno della sua festa e dà luogo alla più grande celebrazione della città, con messa all'aperto e processioni.

InformazioniInformazioni pratiche

Generalità
Ore di visitaOre di visita
Orari di visita della cattedrale: in luglio ed in agosto, tutti i giorni d'8:00 a 20:00; da settembre a giugno, da 8:00 a 12:00 e da 16:30 a 19:00 tariffa d'entrata: 5 kunas; tesoro della cattedrale: 5 kunas. Tuta corretta imposta…

Orari di visita del campanile: da maggio a settembre, di 9:00 a 19:00; da ottobre ad aprile, di 9:00 a 12:00 tariffa: 5 kunas.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell'argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Carta interattiva della città di Split in Croazia
La città di Split in Croazia - il palazzo di Dioclétien
La città di Split in Croazia - la cattedrale Saint-Domnius
La città di Split in Croazia - la vecchia città
La città di Split in Croazia - le penisole di Marjan
La città di Split in Croazia - il museo etnografico
Carta interattiva della vecchia città di Split in Croazia
La città di Split in Croazia - il museo della marina
La città di Split in Croazia - opuscolo Services (PDF)
La città di Split in Croazia - opuscolo carta Passe-partout (PDF)
Argomenti più ampi
Inizio
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo la Dalmazia centrale (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo Zagora dalmate (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo isole (PDF)
La città di Split in Croazia
Il fiume Cetina in Croazia
La città di Omiš in Croazia
Riviera di Makarska in Croazia
Il parco naturale del Biokovo in Croazia
L'isola di Brač in Croazia
L'isola di Hvar in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.