AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Split in Croazia - il museo della marina

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d'inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Il museo della marina di Split o, del suo nome completo, il museo marittimo e storico del litorale croato (Pomorski i povijesni muzej Hrvatskog primorja), illustra il passato animato della costa dalmate attraverso i secoli.

SituazioneSituazione

Modello del museo marittimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Il museo della marina si trova sulla collina di riossidazione all'interno della fortezza di riossidazione costruita dai veneziani al XVIe secolo.

Il museo è soltanto a 10 minuti del centro turistico di Split, il palazzo di Diocleziano, ma le vie che vi montano, bordando il mercato alla frutta e verdura sulla destra, sono molto che prova. Tuttavia, se si è in macchina, ci si può parcheggiare all'interno della fortezza che sembra fungere da parcheggio selvaggio per i residenti.

Il museo stesso occupa il piano terra di un palazzo - costruito dalla monarchia austriaca nell'ambiente del xixo secolo su un terrazzo all'interno della fortezza; quest'edificio fu la residenza dei governatori ungheresi, e, più tardi, di Gabriele di Annunzio.

VisiteVisite

Il museo marittimo croato presenta una raccolta interessante di attrezzature marine, di attrezzature di navigazione, di modelli ridotti di barche di tutte le epoche, di armi e di uniformi di marina, e di illustrazioni.

Il museo è diviso in due parti: le storie marittime civili e militari della Croazia.

Le sale della marina mercantile
Raccolta di anfore al museo marittimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Le prime sale d'esposizione, che comprendono più di 500 parti, mostrano l'evoluzione dei velieri dall'epoca classica fino all'età del vapore. Il viaggio comincia nel primo periodo classico con una raccolta di parti archeologiche marine, in particolare un recipiente enorme in ceramica probabilmente utilizzato per conservare il pesce vivo: “un dolium„ (in latino), o “pithos„ (in greco), che data del 1 o del IIe secolo prima di J. - C., scoperto nell'acqua poco profonda di Kaštela alcuni anni fa.

La costa dalmate ha una lunga tradizione che risale ai greci e, più tardi, allo Illiricos, ma la maggior parte delle parti data dai 200 ai 300 anni.

La tradizione marittima risalita puramente croata, a oltre 1.000 anni e si manifesta attraverso tabelle religiose, acquarelli di velieri ed un certo numero di modelli di barche che datano dalla xviia al xixo secolo. Si scopre una bella raccolta di polene di navi dell'isola di Korčula del xixo secolo, e degli strumenti di navigazione come octants, sextants, bussole magnetiche e binocoli.

Si vede anche ritratti di capitani, come pure il giornale del capitano della spedizione scientifica Novara, che fece il giro della sfera tra 1857 e 1859.

Sala della marina mercantile del museo marittimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Sala della marina mercantile del museo marittimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Modello di un trois-mâts al museo marittimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.
La vita quotidiana dei pescatori croati è rappresentata da una raccolta di barche di pesca tradizionali dalmates e degli strumenti utilizzati nell'industria della pesca, tanto nei fiumi e che in mare: una gajeta, barca di pesca metà-pontata ad un palo della Dalmazia centrale, di 1857; una trupica, barca a fondo piatto del fiume Neretva.
Sala della marina mercantile del museo marittimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Sala della marina mercantile del museo marittimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Sala della marina mercantile del museo marittimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.
Tabelle storiche
Marko Martinović che insegna i junior di Pierre il grande„ (autore sconosciuto, 1711).

Marko Martinović (1663-1716) fu un esperto famoso nautico di Perast - oggi al Monténégro - così famoso per le sue conoscenze che il senato di Venezia, su richiesta del tsar Pierre il grande, inviò a Perast, in 1698, diciassette boyards russi per esserviistruitvi nella navigazione per organizzare la flotta russa al loro ritorno in Russia.

La battaglia di Durazzo (Drača)
Marko Martinović che insegna i junior. Clicca per ingrandire l'immagine.Battaglia di Durazzo. Clicca per ingrandire l'immagine.Ritratto. Clicca per ingrandire l'immagine.
Incisioni su Cuivre di Pierre Mortier (Amsterdam, 1704)
Novigrado (Novigrad) et Cataro (Kotor)SplitZara (Zadar)
Incisione Novigrad e Kotor. Clicca per ingrandire l'immagine.Incisione di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Incisione di Zadar. Clicca per ingrandire l'immagine.
Carta della Dalmazia orientale da parte di P. Santini (1789)Tabella dei padiglioni
Carta vecchia della Dalmazia orientale. Clicca per ingrandire l'immagine.Tabella dei padiglioni di marina. Clicca per ingrandire l'immagine.
Le sale della marina di guerra
Proiettore di marina al museo marittimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.Queste sale sono dedicate alle navi di guerra della costa adriatica, che illustra la sua storia dall'antichità, attraverso battaglie determinanti come la battaglia di Lepanto in 1571, la battaglia di vite in 1811, “il combattimento di vite„ in 1866. I modelli comprendono la liburna illiricone, la birema romana, la nave dei pirati di Omiš, il galère di Hvar, come pure il piccolo galère di Dubrovnik e le navi austro--ungheresi “Sankt Georg„ e “Viribus Unitis„.

Cannoni di marina al museo marittimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.La seconda guerra mondiale è rappresentata con modelli ridotti di barche di pesca armate ed una raccolta preziosa di vecchie armi bianche ed armi da fuoco. Una parte delle armi della raccolta di armi del museo fu utilizzata nel corso della guerra d'indipendenza croata (1991-1995), ma restituita dopo la guerra.

Le opere d'arte comprendono vernici di navi di guerra dipinte dagli artisti austriaci Alexander Kircher (1867-1939) e Johann Seits (1887-1967).

Siluri al museo marittimo di Split. Clicca per ingrandire l'immagine.L'ultima sezione della galleria comprende una raccolta unica di siluri, fra cui più vecchio il siluro mai fabbricato nel mondo. Il principio del siluro, infatti, fu inventato, fin da 1860, da un ufficiale croato della marina austro--ungherese, Ivan Blaž Lupis (Giovanni Biagio Luppis von Rammer, 1813-1875), originario di Rijeka (allora denominata Fiume).

In 1864, Lupis presentò all'ingegnere britannico, Robert Whitehead, il suo progetto di salvacoste (risparmiatore della costa), un'arma fluttuante tratta da funi dalla terra, e stipulò un contratto con lui per perfezionare quest'invenzione. Il primo prototipo funzionale fu realizzato in 1866 da Whitehead che dirigeva una fonderia metallurgica a Rijeka. Whitehead creò più tardi, in 1870, “un vero„ siluro autopropulsée e gli diede il nome di siluro (il nome italiano del pesce torpille, o cancella elettrico). Robert Whitehead sviluppò e commercializzò la nuova arma subacquea nella prima fabbrica mondiale di siluri. Il successo fu tale che la società prese in 1876 il nome di siluro.

L'esposizione all'aperto
L'esposizione all'aperto si trova nella corte della fortezza riossidazione. Presenta una raccolta di armi da fuoco che datano della seconda guerra mondiale, dei cannoni di molto e di numerose altre armi, come pure due barche vecchie.

La prima barca è una barca di pesca, costruita nel 1937, che fu trasformata in pattugliere della marina iugoslava, il PC “Streljko„, durante la seconda guerra mondiale. “Streljko„ è conservato quasi così come era tra gli ultimi giorni della guerra.

Dell'altra barca, Bakar, solo la prua è presentato. Bakar fu uno delle navi più famose dei primi giorni dell'Jugoslavia socialista. Fu armato di cannoni e partecipò ai combattimenti nel 1943 quando i partigiani attaccarono Omiš.

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

StoriaStoria
La storia del museo risale alla sua fondazione nel 1926 come museo nazionale “dell'Jugoslavia„.

La fortezza di riossidazione merita anche la visita: è uno delle più belle vestigia delle fortificazioni del mezzo del xviio secolo in Dalmazia. Fu costruita in risposta ai tentativi ripetuti dei Turchi ottomani di afferrarsi di Split. Split subisce un primo attacco in 1645; vedendo lo sviluppo dell'artiglieria, i cittadini di Split chiesero alla repubblica di Venezia - che predominava la regione a quest'epoca - di costruire una fortezza sulla collina riossidazione, poiché questo posto sarebbe stato perfetti per attaccare e distruggere Split.

La costruzione della fortezza cominciò in 1648, sotto attacchi costanti dei Turchi, e si completò in 1657. Il 21 giugno, i Turchi lanciarono un attacco massiccio che la gente di Split, meno numeroso, riuscì a rifiutare soltanto con il rinforzo soldati veneziani, e volontari di Trogir, di Makarska e di Hvar. Il giorno dopo, i Turchi tentarono nuovamente di afferrarsi della fortezza, ma furono cacciati il giorno stesso.

La sovranità turca scomparì lentamente della regione all'inizio del xviiio secolo, ma la fortezza di riossidazione conservò il suo ruolo militare fino al 1990 data alla quale fu rimessa all'amministrazione civile di Split.

InformazioniInformazioni pratiche

Generalità
Ore di visitaOre di visita
Museo marittimo croato di Split (Hrvatski Pomorski muzej Split)

Indirizzo: Tvrđava gripe, Glagoljaša 18, HR-21000 Split

Orari di visita (suonare all'entrata…) :

  • della dal 5 settembre al 15 giugno; del lunedì al venerdì, di 9:00 a 14:30; il giovedì, di 9:00 a 14:30 e di 17:30 a 20:00; il sabato, di 9:00 a 13:00
  • della dal 15 giugno al 15 settembre; del lunedì al venerdì, di 9:00 a 14:30 e di 17:30 a 21:00; il sabato, di 9:00 a 14:30.
  • chiuso le domeniche.

Tariffa d'entrata: 10 kunas.

Telefono: 00.385 (0) 21.347.346

Sito Internet (soltanto in croato): www.hpms.hr

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell'argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Carta interattiva della città di Split in Croazia
La città di Split in Croazia - il palazzo di Dioclétien
La città di Split in Croazia - la cattedrale Saint-Domnius
La città di Split in Croazia - la vecchia città
La città di Split in Croazia - le penisole di Marjan
La città di Split in Croazia - il museo etnografico
Carta interattiva della vecchia città di Split in Croazia
La città di Split in Croazia - il museo della marina
La città di Split in Croazia - opuscolo Services (PDF)
La città di Split in Croazia - opuscolo carta Passe-partout (PDF)
Argomenti più ampi
Inizio
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo la Dalmazia centrale (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo Zagora dalmate (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo isole (PDF)
La città di Split in Croazia
Il fiume Cetina in Croazia
La città di Omiš in Croazia
Riviera di Makarska in Croazia
Il parco naturale del Biokovo in Croazia
L'isola di Brač in Croazia
L'isola di Hvar in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.