AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere della loggia

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d'inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

SituazioneSituazione

Piazza de la Loge. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il posto della Loggia (Luža), così nominata per il loggia che si erge accanto al palazzo famoso Sponza, è il posto sul quale si conclude Stradun e da cui una porta conduce al vecchio porto di Dubrovnik. Si organizza attorno alla colonna di Orlando.

VisiteVisite

Il posto della Loggia (Luža)
Il posto della Loggia, lastricata di grandi bandiere levigate dai secoli, faceva precedentemente ufficio di posto del mercato. Funge oggi da decorazione al festival d'estate ed è inquadrata da edifici splendidi.
La colonna di Orlando (Orlandov stup)
Colonna di Orlando. Clicca per ingrandire l'immagine.La colonna di Orlando (Orlandov stup) si erge al centro del posto della Loggia tra il palazzo Sponza e la chiesa San Biagio.

Questa scultura stupefacente è stata effettuata in 1418 dal padrone ragusain Antun Dubrovčanin.

È una colonna in pietra con ornamenti scolpiti, che rappresenta un cavaliere medioevale, al sorriso tipicamente gotico, il viso inquadrato di circuiti, e che porta l'armatura, la spada e lo schermo; in cima della colonna galleggia una bandiera bianca colpita dalla parola Libertas.

Colonna di Orlando. Clicca per ingrandire l'immagine.Secondo la leggenda, la scultura rappresenterebbe il paladin Orlando, l'eroe di Roncevaux e nipote di Charlemagne, che avrebbe consegnato Dubrovnik, circondata da pirati pericolosi arabi al VIIIe secolo; in riconoscimento, i cittadini gli avrebbero dedicato questa colonna commemorativa. Ma si tratta più probabilmente di un eroe locale che avrebbe rifiutato un attacco dei Turchi.

In ogni caso, la colonna è il simbolo della libertà e dell'indipendenza della repubblica di Ragusa: era fornita durante i festeggiamenti della bandiera della repubblica, mentre suo piédestal fungeva da palco, da cui ci si rivolgeva alla popolazione per rendere pubbliche le proclamazioni del governo e di altre informazioni.

Più praticamente, il avant-bras della statua di Orlando fungeva da norma di misura utilizzata dai commercianti della città: la lunghezza del avant-bras (51,2 cm) “era piegata ragusaine„ e, sulla base della colonna, tacche nella pietra riproducevano quest'auna e permettevano di misurare i tessuti.

Ogni anno, la cerimonia solenne d'inaugurazione del festival d'estate di Dubrovnik e di messa in atto dello stendardo della libertà “Libertas„ si svolge dinanzi alla colonna di Orlando.

Il palazzo Sponza (Palača Sponza)
Il palazzo Sponza (palača Sponza) è situato all'estremità di mise, sul lato del nord del posto della Loggia, a sinistra del giro dell'orologio. È uno degli edifici rari a avere resistito al tremito di terra di 1667, che permette di immaginare i palazzi somptueux dell'epoca che precede la catastrofe. Il palazzo Sponza - del latino pondera, pesare - è il monumento più vecchio, ed uno dei più bei, di Dubrovnik. Grazie al loro senso degli affari, gli abitanti di Ragusa hanno costruito questo palazzo luxueux, con la sua facciata impressionante, come dimostrazione della loro ricchezza e della loro cultura.

La sua costruzione risale al XVIe secolo, tra 1516 e 1522, ma la corte interna è precedente alla facciata e data del XIVe secolo; ha preso il posto di una vecchia via medioevale.

Sul piano architetturale, il palazzo giustappone gli elementi di uno stile gotico tardivo (piano terra e 1o piano) e di stile Renaissance (ò piano), secondo il progetto dell'architetto di talento e l'ingegnere principale della repubblica di Ragusa, Paskoje Miličević.

Lo stile gotico Renaissance è visibile non soltanto nelle arcades, ma anche nelle finestre che si aprono su la mise. La sua facciata, particolarmente notevole, combina gli stili gotico (vene, strati di trifoglio, finestre in testata al primo piano) e Renaissance (colonne e frontons al ò piano) ed arcades ispirate dei tempi vecchi al piano terra. La sua bellezza dipende sia dalle sue proporzioni che dal lavoro delicato dei sarti di pietra.

Il palazzo comporta lunga e stretta corte interna rettangolare a doppia galleria, comparabile a due chiostri sovrapposti circondati dei loro due piani di arcades.

Il palazzo illustra l'originalità e la specificità dell'architettura ragusaine, che consiste in una combinazione riuscita del potenziale espressivo di diversi stili riuniti nell'architettura armoniosa di questo palazzo che sembra decorato di pizzi in pietra. Sono i fratelli Andrijić, derivati dalla famiglia famosa di muratori sarti di pietre di Korčula, che hanno effettuato i lavori di dimensione delle pietre.

Palazzo Sponza. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Palazzo Sponza. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il primo ruolo storico del palazzo Sponza fu di riparare la dogana (divona, dell'italiano dogana) di Ragusa, che controllava le merci che commercianti importavano dal mondo intero. Ma il suo impiego ha variato nei secoli, il palazzo diventando rapidamente un deposito gigantesco. Un'ala era riservata all'hotel della valuta che la repubblica aveva creato al XIVe secolo e che funzionò fino alla caduta della repubblica di Ragusa. Il palazzo non ha più un'utilità commerciale o amministrativa dalla fine del xixo secolo.

La corte del palazzo, bordata di arcades, era il centro commerciale più animato della città e l'appuntamento degli uomini di affari della repubblica. L'iscrizione sulla cappella “FALLERE NOSTRA VETANT E FALLI PONDERÒ MEQUE PONDERO CUM MERCES PONDERAT IPSE DEUS„ ricorda ai commercianti non di truffare in affari.

Il palazzo diventò successivamente il luogo di riunione degli eruditi.

Oggi, il palazzo Sponza ripara gli archivi della città-stato di Dubrovnik (Povijesni arhiv), vero tesoro nazionale. Quest'archivi conservano i importanti documenti che testimoniano la lunga storia di Dubrovnik e della sua regione, dei secoli lontani (alcuni che risalgono a 1022) ed all'epoca moderno.

In fondo alla corte interna si trova il meccanismo originale del giro dell'orologio della città, mentre sulla sinistra sono esposti di vecchi piani e fotografie di Dubrovnik come pure archivi preziosi (carta della fondazione della città, 1358; libro dei conti del tesoro della repubblica di Ragusa, 1757-1808). Ci si può procurare facsimili di lettere dei re ed altri grandi personaggi famosi.

Il palazzo Sponza ripara anche gli originali dei jacquemarts di bronzo del giro dell'orologio, le statue che decorano il giro essendo soltanto copie.

All'entrata, sulla sinistra, una sala è dedicata ad uno che commuove memoriale che evoca i giovani combattenti croati che pagarono della loro vita la difesa di Dubrovnik durante la sede del 1991-1992.

Il palazzo Sponza accoglie inoltre, alla lunghezza delle stagioni, dei concerti di musica e lo celebra festival delle libertà in estate.

Visita: in estate, tutti i giorni di 10:00 a 22:00

Entrata pagante: 20 kunas.

Corte interna del palazzo Sponza. Clicca per ingrandire l'immagine.Palazzo Sponza. Clicca per ingrandire l'immagine.
La Loggia dell'orologio (Luža zvonara)
Il loggia, o mette (luža), è situata tra il palazzo Sponza ed il giro dell'orologio, e chiude l'estremità è mise.

Questo vecchio beffroi, costruito in 1463 e completamente restaurato nel 1952, ripara le campane che servivano a dare l'allarme in caso di sinistri (incendio ecc.) o a convocare le sessioni del Consiglio della repubblica.

La Loggia è costruita sopra il passaggio incurvato di testate che conduce all'uscita della città; sotto alla Loggia, si vede la porta interna della città, che conduce del posto della Loggia alla porta di Ploče ed al porto della città.

L'ammiraglio che comandava gli eserciti di Dubrovnik metteva nell'edificio adiacente.

La torre dell'orologio (Gradski Svonik)
Giro dell'orologio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Giro orologio, jacquemart. Clicca per ingrandire l'immagine.Sul lato orientale di place de la Loge, il giro dell'orologio, alto di 31 m, azienda agricola la prospettiva di mise; la sua posizione eccezionale ne fa uno dei principali simboli della vecchia città di Dubrovnik. La sua forma slanciata è propria allo stile gotico rinascita

La torre dell'orologio data di 1444. Fu costruita dai costruttori ragusains Utišenović, Grubačević e Radmanović. È il horloger Luka Mihočin, figlio dell'ammiraglio, che fabbricò la targa metallica dell'orologio, l'ago del ciclo lunare sotto e due figurine in legno che suonavano l'ora. Queste figurine in legno sono state più tardi sostituite da due soldati di bronzo, “Maro et Baro„, chiamati familiarmente Zelenci (i verdi), a causa del loro colore vert-de-gris dovuto all'ossidazione. Questi due jacquemarts in bronzo, che colpiscono le ore ed il demi-heures nel giro, è copie: le statue ed i meccanismi originali, colati da un padrone anonimo in 1476, sono visibili al palazzo Sponza.

In compenso la campana enorme di due tonnellate è autentica: questa nuova campana fu fusa in 1508 famoso dott. dall'Ivan Krstitelj Rabljanin (Jean di Arbe, o, del suo nome in italiano, Magister Johannes Baptista Arbensis della Tolle), fondatore di cannoni ragusain, che fuse anche lo celebra cannone “la lucertola„ della fortezza San Lorenzo.

Giro dell'orologio. Clicca per ingrandire l'immagine.Giro dell'orologio. Clicca per ingrandire l'immagine.Giro orologio. Clicca per ingrandire l'immagine.
La torre era stato molto scosso - senza essere distrutta - dai vari tremiti di terra che conobbe Dubrovnik; tendeva enormemente e rischiava di crollarsi. Inoltre, per ragioni di sicurezza, fu innanzitutto accorciata all'inizio del xxo secolo (1906), quindi interamente demolita e ricostruita all'identico nel 1929, riprendendo perfettamente i piani del giro d'origine. Fu danneggiata nel 1979 in occasione del tremito di terra, e consolidata nel 1988.
Giro dell'orologio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Giro dell'orologio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Giro dell'orologio. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il palazzo del grande Consiglio - hotel di città (Vijećnica)
Vecchio hotel di città. Clicca per ingrandire l'immagine.Il grande edificio che fa l'angolo del posto Luža e dell'ampia via Pred Dvorom è un edificio che ha precedentemente riparato il consiglio comunale della città e che si è trasformata in caffè all'inizio del xxo secolo. Gradska Kavana (caffè della città) è maggiormente di un caffè. Occorre attraversare la sua vasta sala alla decorazione bella epoca, prolungata da un'véranda che fa fronte al vecchio porto. Il grande terrazzo dello Gradska Kavana, appuntamento degli abitanti di Dubrovnik alle prime ore della mattina, straripa sulla Luža.

Il palazzo fu costruito in 1303, distrutto da un incendio in 1817 ed interamente ricostruisce in 1863-1864 in uno stile neo-Renaissance lombarde, secondo i piani di Antonio Vecchietti.

La piccola fontana di Onofrio (Mala Onofrijeva fontana)
Gentile la piccola fontana di Onofrio (mala Onofrijeva fontana) fa il pendente alla grande fontana, più massiccia, che decora l'altra estremità di mise; situata sul lato è del Luža, è in parte messa in un posto adatto sistemato sulla facciata del grande Consiglio.
Piccola fontana di Onofrio. Clicca per ingrandire l'immagine.Piccola fontana di Onofrio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Questa piccola fontana fu costruita in occasione della fine dei lavori di costruzione della rete d'acqua, in 1438, ed apparteneva allo stesso sistema d'approvvigionamento di acqua della grande. Era destinata ad alimentare in acqua il mercato che si teneva precedentemente sul posto della Loggia.

Fu costruita dallo stesso Onofrio oltre insidiò, con decorazioni del sculpteur milanais Pietro di Martino, “Petar Martinov„ in croato. Di forma octogonale, presenta su ogni faccia un pannello scolpito, ed è decorata di una colonna di stile barocco. La piccola fontana costituisce un vero gioiello dell'arte concisa a Dubrovnik.

Piccola fontana onofrio. Clicca per ingrandire l'immagine.Piccola fontana di onofrio. Clicca per ingrandire l'immagine.Piccola fontana di onofrio. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il palazzo del rettore (Knežev Dvor)
Sulla Pred Dvorom, il quadrato del tribunale, il tribunale del rettore (Knežev Dvor) fiancheggia l'edificio del teatro Marin Držić e del Conseil comunale, il cui piano terra è occupato da molto al modo caffè Gradska Kavana.
Secondo le cronache di Dubrovnik, l'edificio che occupava la posizione del palazzo del rettore alla fine del medioevo era una fortezza più piccola del palazzo attuale. Questo “castrum„ fu trasformato “in palatium„ fin dal XIVe secolo. Quest'edificio fu completamente distrutto in 1435 nell'esplosione dei depositi di polvere che vi si depositavano.

Il palazzo attuale risalita, all'origine, al XVe secolo, ma riflette la storia animata della città-stato di Ragusa riunendo in modo armonioso degli elementi di tre stili diversi e dei suoi vari committenti: un palazzo gotico, alla partenza, e ricostruzioni ulteriori in stili Renaissance e barocco, poiché è stato oggetto di molte campagne di costruzione, al gradimento di catastrofi successive:

  • La costruzione del nuovo palazzo del rettore fu affidata, venti anni più tardi, dalle autorità di Ragusa, all'ingegnere ed architetto napoletano Onofrio di Giordano oltre insidiò, il réalisateur del sistema d'adduzione d'acqua di Dubrovnik. Questo nuovo palazzo, costruito sulle rovine del vecchio e concepito in uno stile gotico molto raffinato, fu terminato in mezzo al XVe secolo; non aveva mentre un solo piano.
  • Il nuovo palazzo fu nuovamente seriamente danneggiato da un'esplosione in 1463, soprattutto la sua facciata occidentale. La città lo fece ricostruire in parte nello stile Renaissance, sotto la direzione del produttore florentin Salvio di Michele, con la collaborazione di molti produttori locali.
  • Il palazzo è ancora scosso dal tremito di terra di 1667; il suo restauro da parte del costruttore Jerolim Škarpa de Korčula, in 1739, aggiunse parti di stile barocco, come l'atrio.
Palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.L'aspetto attuale del palazzo data di queste diverse ricostruzioni del XVe secolo: è una costruzione formata di quattro corpi di edifici che delimitano una corte quadrata. La corte con i suoi cavalletti e gallerie alte, con il sue loggia e le sue tre scale fuori-opera riflette le diverse tappe di costruzione. Il cavalletto della facciata precedente è pienamente decorato: le ragioni e le figure allegoriche sono l'opera di sculpteurs locali e stranieri fra i più apprezzati che, nel corso del XVe secolo, hanno lavorato a Ragusa.

La costruzione, elegante e piuttosto sobria, conserva un aspetto gotico, nonostante il arcades Renaissance del suo portico e la scala a balaustra barocca che, nella corte, condotto al piano. Oltre a Onofrio oltre insidiò, Michelozzo Michelozzi e Juraj Dalmatinac, i principali costruttori di Dubrovnik, come pure di una mezza dozzina di architetti locali contribuirono al lavoro.

La semplicità e la moderazione della repubblica di Ragusa, precedentemente così ricca, sono comprese in questa costruzione, apparentemente troppo modesta, per un'istituzione così importante della repubblica. Questo non è stupefacente, poiché è precisamente quest'equilibrio armonioso, senza troppo lusso, che è caratteristico di tutte le sfere della vita di Ragusa.

Dopo la caduta della repubblica di Ragusa, il palazzo è stato saccheggiato dall'autorità occupante, oggetti di grande valore facendo parte del patrimonio culturale di Dubrovnik, précieusement conservati e raccolti durante secoli, sono stati celati o distrutti.

Al tempo della repubblica di Ragusa, il palazzo riparava gli appartamenti ed uffici del rettore, la sala del piccolo Consiglio, i saloni per ricezioni ed udienze ufficiali, uffici amministrativi, una sala delle guardie, un deposito di armi ed un deposito d'esplosivo, come pure un carcere.
Il rettore, che apparteneva sempre ad una famiglia patrizia della città, era eletto per soltanto un mese, rinnovabile una sola cappella al periodo di due anni.

Questo rappresentante della città - che non aveva realmente di potere - doveva emménager nel palazzo e restarvi limitato durante tutta la durata della sua mandature, per non essere distratto dal suo compito. Per evitare che sia corrotto o influenzato, aveva il diritto di lasciare il palazzo soltanto nel quadro dell'esercizio della sua funzione o rendersi alla cattedrale, per Natale e Saint Biagio! Era autorizzato a seguire le altre celebrazioni dai banchi di pietra della galleria esterna del piano terra.

L'iscrizione notevole che si trova sopra l'entrata del palazzo “Obliti privatorum publica curate„ (“avendo dimenticato i vostri affari privati, dedicate agli affari pubblici„) era là per ricordargli.

Oltre alle sue numerose attività di capo dello Stato, il rettore riceveva ogni sera in grande pompa, nel corso di una cerimonia speciale, la chiave delle due porte della città che si era chiusa per la notte, affinché nessuno non possa introdursi nella città; le chiavi gli erano affidate fino alla mattina dove li rimetteva, secondo il cérémonial inverso, perché le porte della città possano essere aperte. Questa tradizione si è mantenuta fino alla caduta della repubblica.

Palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Si penetra nel palazzo con la bella galleria esterna a arcades della facciata occidentale; questa galleria data della fine del XVe secolo, e presenta colonne goticos i cui capitali sono notevoli per la loro decorazione Renaissance. Questi capitali datano della campagna di ricostruzione che fece in seguito all'esplosione di 1463. Sono pienamente scolpiti di scene molto vive, come, su quello di estrema destra, la scena che rappresenta Esculape che fa il commercio delle sue medicine. Due capitali originali di Onofrio inquadrano l'entrata principale: uno rappresenta la giustizia ed una coppia di leoni, l'altra il rettore che fa giustizia dinanzi ai cittadini della città.

Sotto la galleria incurvata di testate, lunghe fasi di pietra corrono lungo la parete: i considerevoli si sedevano per assistere alle grandi celebrazioni pubbliche.

Capitale del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Capitale del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Capitale del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.
La corte splendida interna del palazzo, o atrio, è uno spazio semplice ed armonioso che mescola elementi goticos, Renaissance e barocchi. Il arcades Renaissance presenti su tre dei quattro lati danno una certa maestà al posto, mentre sul quarto lato, una scala barocca conduce ad una balaustra superbe dello stesso stile (campagna di ricostruzione secondo 1667). L'atrio è uno dei capolavori di Onofrio.
Atrio del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Atrio del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Atrio del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.
Sotto le arcate della scala si trova una piccola fontana gotico del XVe secolo.
Atrio del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Atrio del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Palazzo del rettore, fontana. Clicca per ingrandire l'immagine.
L'atrio è decorato del busto dell'uno dei figli più meritevoli di Ragusa, il navigatore Miho Pracat (Michaeli Prazzato); questo busto è stato effettuato in 1638 dott. da Pier Paolo Jacometti, sculteur e fondatore italiano di Recanati, dopo un decreto della repubblica. È il solo omaggio ad un semplice cittadino che è stato mai reso dalla repubblica di Ragusa durante tutta la sua lunga storia, questo cittadino ricco e mécène che ha legato la totalità della sua fortuna alla città-stato.
Atrio, palazzo rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Atrio, palazzo rettore. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Busto di Miho Pracat. Clicca per ingrandire l'immagine.
Questa corte interna fungeva precedentemente da posto pubblico, attorno ad una fontana oggi scomparsa, dove si incrociavano i cittadini venuti per pratiche amministrative e le famiglie dei criminali imprigionati nella prigione, venute a visitare i prigionieri.
Atrio del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Palazzo rettore. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Sulla destra della corte, si possono infatti vedere i vecchi cachots; i prigionieri delle cellule che danno sull'atrio erano i più favoriti poiché, all'epoca, i prigionieri dovevano essere forniti dai loro parenti per potere sopravvivere, e queste cellule facilitavano in gran parte il contatto con l'esterno. La cellula “del drago„, così nominata secondo il disegno di un drago inciso a destra dell'entrata, faceva parte di un blocco di cellule situate alla parte posteriore e riservate ai criminali incalliti. Il mezzanine riparava il custode della prigione ed il porte-clés.
Cachot del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Cachot del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.
Di fronte alla prigione, a sinistra dell'entrata, si trovano i vecchi uffici dell'amministrazione dove Ragusains veniva a ritirare i documenti, atti notarili, ecc., conservati nei grandi armadi murali alle porte di legno dipinge, del periodo rococo.
Atrio del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Atrio del palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.
Al primo piano del palazzo si trovavano gli appartamenti privati e l'ufficio del rettore, la sala del Consiglio secondario, le sale di ricezione, come pure la volta.
Palazzo rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Palazzo rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Palazzo rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.
Palazzo rettore. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Palazzo rettore. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Scala, palazzo rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.
Nell'ufficio del rettore, si osserva, fra gli oggetti interessanti, il gabinetto raro napoletano barocco, composto da una folla di piccole tabelle su vetro (fine xviio secolo).

Ogni sera, dopo la chiusura delle porte della città, si venivano cérémonieusement a rimettere al rettore le chiavi delle due porte della città, che conservava in quest'ufficio fino al giorno dopo mattina.

Palazzo rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Palazzo rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.Palazzo rettore. Clicca per ingrandire l'immagine.
Osservare anche: le finestre, tipiche dell'epoca, fatte “di fondi di bottiglia„ sonati di piombo, e le mani di pietra che tengono le pendenze di legno, lungo le scale che scalano al piano, come pure una piccola cappella barocca, elevata dopo il tremito di terra, sotto la galleria del primo livello.
Palazzo del rettore, striscia. Clicca per ingrandire l'immagine.Palazzo del rettore, finestra. Clicca per ingrandire l'immagine.
Le sale del palazzo del rettore riparano oggi il museo di storia della città (Historijski muzej) che presenta una raccolta di mobili, di tabelle e di oggetti di decorazione che testimoniano l'arte di vivere ragusain.

Vi si trovano, accanto ai mobili di stile diverse epoche, numerosi ritratti di aristocratici e di considerevoli ragusains, tabelle di grandi pittori del XVe e XVIe secoli (Annibale Carraci, le Tintoret, giorgio Barbarelli dit Giorgione, paris Bordone, Mihajlo Hamzić…), come pure una raccolta numismatica di parti di valuta utilizzate a Dubrovnik tra XIVe e xixi secoli, le chiavi autentiche della porta della città, di numerosi costumi e mobili d'epoca, i sigilli, la arme, le fotocopie del codice di Dubrovnik e dei verbali della repubblica, gli oggetti della farmacia ex Domus Christi del XVe secolo ecc.

Palazzo del rettore, sedia ha facchini. Clicca per ingrandire l'immagine.
Nell'atrio del palazzo, che possiede un'acustica straordinaria, si danno regolarmente concerti di musica di camera nel quadro del festival d'estate di Dubrovnik.

Visita: Knežev Dvor (palazzo del rettore), Pred Dvorom, 3.

Aperto del lunedì al sabato, di 9:00 a 13:00, l'inverno; tutti i giorni, di 9:00 a 19:00, da aprile ad ottobre.

Entrata pagante: 35 kunas.

La chiesa San Biagio (Crkva Svetog Vlaha)
In fondo al posto della Loggia, di fronte al palazzo Sponza, si erge la chiesa dedicata a Biagio santo (Sveti Vlaho), proprietario e protettore della città di Ragusa. È così situata all'intersezione delle due principali vie pubbliche, dove le raccolte di gente si tengono: la mise e Pred Dvorom.

Questa bella costruzione all'architettura barocca exubérante dell'inizio del xviiio secolo decide con la sobrietà adottata lungo la mise. La chiesa San Biagio è altrettanto interessante vedere di giorno che di notte, quando la luce illumina i suoi vitraux con l'interno.

È stata costruita da 1706 a 1715 dall'architetto veneziano Marino Gropelli alla posizione di una vecchia chiesa romane della XIVe secolo dedicata allo stesso santo, ma distrutta da un grande incendio in 1706.

La chiesa San Biagio è di piano rettangolare in incrocio greco, ispirato di quello della chiesa San Maurizio a Venezia, ed è predominata da una cupola superbe centrale di forma ovale. Presenta uno scantinato a bossage, una scala imponente a balaustre ed una facciata barocca pienamente decorata di quattro grandi colonne corinzie, di un cavalletto exubérant e di statue variate.

Chiesa San Biagio. Clicca per ingrandire l'immagine.Chiesa San Biagio. Clicca per ingrandire l'immagine.Chiesa San Biagio. Clicca per ingrandire l'immagine.
Chiesa San Biagio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).L'interno caloroso della chiesa rivela un breve nef ed un altare opulent sovraccaricato di sculture, di bande, di festoni e di biancheria di altare a ricami tradizionali rosso vivo. Gli ornamenti interni abbondano: marmo, angioletti, dorature, sculture e bas-reliefs fanno concorrenza di bellezza.

Tuttavia, il tesoro della chiesa è una statua di Biagio santo che trono sul padrone-autel. Questa statua, di stile gotico, in denaro dorato, data del XVe secolo; è l'opera di un orafo locale e fu offerta dall'confrérie degli orafi. Sola fece uscire miraculeusement intatta dell'incendio di 1706 che distrusse la prima chiesa San Biagio.

La statua rappresenta il proprietario santo della città che tiene nella sua mano sinistra un modello della città prima del grande sisma di 1667 che distrusse quasi interamente Ragusa; costituisce dunque una prova interessante storica di un'epoca di cui resta soltanto poche vestigia: le costruzioni distrutte nel sisma sono chiaramente visibili.

Visita d'8:00 a 17:00 in settimana, e d'8:00 a 12:00 la domenica.

Chiesa San Biagio. Clicca per ingrandire l'immagine.La chiesa San Biagio ripara così due statue di pietra, rappresentante Biagio santo e Jérôme santo, opere dell'sculpteur originario di Brač, Nikola Lazanić, della fine del XVIe secolo; si trovavano all'origine nella vecchia chiesa San Biagio del XIVe secolo.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell'argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Carta interattiva della città chiusa di Dubrovnik in Croazia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei Francescani
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere del nord
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei domenicani
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere della loggia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere della cattedrale
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei Gesuiti
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere sud
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva della città di Dubrovnik in Croazia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia
Le fortificazioni di Dubrovnik in Croazia
La città moderna di Dubrovnik in Croazia
L'isola di Lokrum in Croazia
Le isole Elaphites in Croazia
Il villaggio di Zaton in Croazia
Il villaggio di Trsteno in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.