AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere della cattedrale

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

VisiteVisite

La cattedrale dell’assunzione del vergine (Katedrala Uznesenja Marijina)
La cattedrale dell’assunzione del vergine (Katedrala Uznesenja Marijina), che gli abitanti di Dubrovnik chiamano “grande Madone„ (Velika Gospa), si erge al centro di place Marin Drzic, a prossimità immediata del palazzo del rettore e del palazzo episcopale.

La sua cupola verde e blu è sospeso su i tetti delle case vecchie e costituisce, con i rifugi, il primo riferimento visivo di Dubrovnik.

Cattedrale vista dai rifugi del nord. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Cattedrale dell'assunzione. Clicca per ingrandire l'immagine.Cattedrale dell'assunzione. Clicca per ingrandire l'immagine.
Vestigia chiesa bysantine. Clicca per ingrandire l'immagine.Sulla posizione della cattedrale, molte chiese si sono succedute.

Scavi. Clicca per ingrandire l'immagine.Il 15 aprile 1979, un nuovo sisma ha danneggiato la cattedrale, lézardant le pareti, la cupola e la facciata; la riparazione della cattedrale, dopo questo sisma, ha richiesto il consolidamento delle sue fondazioni, e, nel corso degli scavi, i archéologues hanno scoperto sotto il nef, ad alcuni metri di profondità, le pareti e le fondazioni di una basilica bizantina, di 30 m di lunghezza su 15 m di ampio, a tre nefs con tre absidi. I archéologues situano la data approssimativa della sua costruzione al VIIe secolo. Sulle proprie pareti vecchie si sono trovati bei affreschi che datano del IXe secolo. Queste vestigia preziose sono state conservate e rese accessibili agli ospiti.

Prima della cattedrale attuale, una prima cattedrale di stile roman occupò questa posizione fino al sisma del 6 aprile 1667 durante il quale fu completamente distrutta. Questa cattedrale di stile roman, che adottava il piano di una basilica, era stata costruita tra XIIe e XIVe secoli, poiche’i lavori si sono dispiegati su più di un secolo.

Secondo le cronache di Dubrovnik e le cronache inglesi, la nave del re dell’Inghilterra Richard Ier, “Richard Cœur di leone„, al suo ritorno del IIIe crociata in 1192, fece naufragio in una tempesta terribile vicino all’isola di Lokrum, di fronte a Dubrovnik. Trovò rifugio sull’isola, e, avente miraculeusement sopravvissuto a questo naufragio, fece desiderio, in segno di ringraziamento al vergine, di offrire alla città di Dubrovnik una somma considerevole di ducats per la costruzione di una grande chiesa votive.

La vecchia cattedrale era una del più bella e delle chiese più ricche europee della sua epoca, con cinque barriere somptueux sulla facciata, una grande cupola e dei capolavori di sculture in pietra.

Dopo essere stata scossa dal sisma di 1520, la cattedrale romane fur distrutta da quello di 1667. La sola parte che era sopravvissuta al sisma era un battistero distinto, costruito al XIVe secolo, in pietra rossa e bianca. Questi vestigia roman furono rase dall’occupante austriaco in mezzo al xixo secolo.

Dopo il tremito di terra catastrofica, le autorità di Ragusa decisero di ispirarsi a ciò che era realizzato a Roma secondo le norme architetturali dell’epoca, cioè in stile barocco. Uno dei figli di Ragusa più informati, Stjepan Gradić, che erano rettore della biblioteca del vaticano, ottenne aiuto per la sua città indigena sinistrata presso i governi europei, e fece venire a Ragusa, tramite il papa, i migliori architetti italiani, che hanno contribuito con i loro progetti ed i loro consigli alla ricostruzione della città distrutta.

Stjepan Gradić fece impegnare l’architetto famoso italiano Andrea Buffalini di Urbino il cui progetto di nuova cattedrale sarà realizzato dal produttore italiano Paolo Andreotti. Quest’ultimo cominciò la costruzione della nuova cattedrale in 1673. I lavori durarono molti decenni con la collaborazione di numerosi padroni, come P.A. Bazzi ed il padre Tommaso Napoli; i completamenti furono effettuati in 1713 dal padrone locale Ilija Katičić.

Cattedrale assunzione. Clicca per ingrandire l'immagine.Cattedrale dell'assunzione. Clicca per ingrandire l'immagine.Cattedrale vista dal palazzo del rettore. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La cattedrale illustra lo stile barocco della fine della xviia - inizio del xviiio secolo, e ricorda le chiese di Roma. Coperchiata di una cupola bucata di finestre, decorata di frontons, di corniches e di colonne che danno ritmo alla facciata, di balaustre punteggiate di statue di santi, presenta una decorazione ricca esterna che contrasta con la semplicità dell’interno.

La cattedrale dell’assunzione è forse la più bella chiesa barocca di Dalmazia.

Cattedrale assunzione. Clicca per ingrandire l'immagine.Cupola della cattedrale. Clicca per ingrandire l'immagine.Statua sulla cattedrale. Clicca per ingrandire l'immagine.
L’interno della cattedrale, costruita sotto forma d’incrocio, stupisce dalla sua sobrietà e dalla sua chiarezza che fanno quasi dimenticare i retables pesanti barocchi in pietra e marmo.

La cattedrale cela numerose tabelle di grande valore artistico, fra le quali dominano le opere dei pittori italiani (Padovani, J. Palma il giovane, G.G. Savoldo, Parmigianino, Bordone e di altri), ma dove si trovano anche alcune tabelle di pittori locali e fiamminghe.

Nel chœur, sobrement messo in valore, il polyptyque “dell’assunzione del vergine„ dipinge in 1552, attribuito al Titien, supera il padrone-autel.

Sui lati: santi Biagio e Lazare, santi Nicola e Antonio l’abbate.

Visita: d’8:00 a 17:30; la domenica di 11:00 a 17:30.

Cattedrale assunzione. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Cattedrale assunzione. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Cattedrale assunzione. Clicca per ingrandire l'immagine.Cattedrale assunzione, il titien, assunzione del vergine. Clicca per ingrandire l'immagine.
Cattedrale assunzione. Clicca per ingrandire l'immagine.Cattedrale assunzione. Clicca per ingrandire l'immagine.Cattedrale assunzione. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il tesoro della cattedrale (Riznica Katedrale)
Il tesoro della cattedrale è conservato in una volta barocca di Gropelli, chiusa da tre chiavi enormi affidate, all’epoca della repubblica di Ragusa, a tre personalità distinte: la prima era affidata all’arcivescovo, il secondo al rettore della cattedrale, ed il terzo al segretario della repubblica. Per aprire il tesoro, si dovevano utilizzare le tre chiavi. Oggi, la terza chiave è affidata all’istituto della protezione del patrimonio culturale di Dubrovnik.

La vecchia cattedrale romane di Ragusa possedeva, prima del sisma in 1667, uno dei tesori di chiesa più ricchi in Europa. In occasione del sisma, una grande parte di reliquie e di oggetti di valore è stata distrutta, e che si è riusciti a salvare si trova oggi conservato nel tesoro della cattedrale.

La sala del tesoro presenta, in una decorazione barocca exubérant sovraccaricata di dorature e di angioletti joufflus, numerosi reliquiari (138), oggetti incoronati fabbricati per la maggior parte da artigiani della città e molte vernici di un valore artistico straordinario.

Gli oggetti più preziosi del tesoro della cattedrale sono le reliquie del proprietario santo della città: il cranio, una braccio ed una gamba di Biagio santo, conservate in reliquiari preziosi di stile bizantino (XIIe secolo), in denaro ed in oro, enchâssés di pietre preziose e di smalti dipinti, con dettagli in filigrana straordinari, opere degli artigiani ragusains del XIe e XIIe secoli. Sono questi reliquiari che si portano in processione il giorno della festa di Biagio santo.

Oltre a questi reliquiari si osserva un incrocio meraviglioso in denaro dell’orafo ragusain Jeronim Matov del XVIe secolo, Madone graziosa attribuita a Raphaël (a destra), una icona Romano-bizantina del vergine al bambino (XIIIe secolo).

Visita: aperto tutti i giorni, d’8:00 a 20:00; la domenica, di 11:00 a 17:30.

Il tesoro presenta anche un grande bacino di toeletta, con la sua brocca, in denaro dorato, che rappresenta la flora e la fauna di Ragusa (un’opera di W. Jamnitzer, verso 1550).

Entrata a sinistra del altare maggiore della cattedrale.

Kneza Damjana jude 1

Entrata pagante: 10 kunas.

L’arcivescovado
Sul lato è del Piazza Marin Držić, il vecchio palazzo della famiglia Sorkočević, di stile Renaissance, di fronte alla cattedrale, ha resistito al tremito di terra di 1667, come la maggior parte delle case della zona di Pustjerna, le cui viuzze spesso sono del resto incurvate. L’edificio alloggia oggi il palazzo episcopale.
Piazza Marin Držić (Poljana Marina Držića)
Porta posto drzic. Clicca per ingrandire l'immagine.Aprendo sulla esplanade della cattedrale, una porta bucata nei muri dà accesso al porto ed all’arsenale.

Sulla facciata di una volta abbandonata, si osserva la cornice della vecchia barriera préroman alle ragioni di entrelacs, vestigia rare a Dubrovnik (XIe secolo).

La chiesa Nostra Signora de Karmen (Gospa Od Karmena)
La chiesa Nostra Signora de Karmen è una costruzione barocca (1628-1636). Una delle vernici, attribuito a C. Regio, rappresenta la residenza d’estate della famiglia Sorkočević sulle penisole di Lapad.
Notre Dame de Karmen. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Notre Dame de Karmen. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Notre Dame de Karmen. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Notre Dame de Karmen. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Notre Dame de Karmen. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Il palazzo Skočibuha
La via Restičeva conduce al palazzo Renaissance della famiglia Skočibuha (Bizzaro-Ohmučević, costruita da Josip e Ivan Andrijić in 1549-1553, secondo i piani di Antoine di Padova), la più bella costruzione privata costruisce prima del sisma di 1667, che è stato preservato. Si trova anche in questa via il palazzo gotico Zamanjina.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Carta interattiva della città chiusa di Dubrovnik in Croazia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei Francescani
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere del nord
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei domenicani
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere della loggia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere della cattedrale
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei Gesuiti
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere sud
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva della città di Dubrovnik in Croazia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia
Le fortificazioni di Dubrovnik in Croazia
La città moderna di Dubrovnik in Croazia
L'isola di Lokrum in Croazia
Le isole Elaphites in Croazia
Il villaggio di Zaton in Croazia
Il villaggio di Trsteno in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.