AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei Gesuiti

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine.La zona degli Gesuiti è uno del più vecchio di Dubrovnik e conserva, ad eccezione del posto del quadrato, un piano anarchico ereditato del medioevo e delle viuzze strette e tortueuses, tagliate da passaggi coperti e lastricate di piccoli rulli. Era, all’epoca della repubblica di Ragusa, piuttosto la zona dei palazzi aristocratici, con i loro giardini ed i loro corsi interne.

Già, del vivo di Ignazio di Loyola, in 1552, il padre jésuite Nicolas Bobadilla, S.J., uno dei primi lavoratori di ignazio santo, è stato invitato a Ragusa per predicare. Più tardi, i Gesuiti vennero regolarmente all’invito dell’arcivescovo di Ragusa, inizialmente come missionari, quindi come insegnanti.

Per i Gesuiti si è molto rapidamente manifestata la necessità di stabilire un collegio a Ragusa - un’istituzione per l’insegnamento e l’istruzione della gioventù. In 1634, quando il Jésuite ragusain, il padre Marin Gundulić (1596 - 1647), lasciò eredità ricche e lo attribuì alla fondazione di un collegio dei Gesuiti a Ragusa (Collegium Ragusinum), occorse trovare una posizione adeguata per la sua costruzione in una città allora sovrappopolata, prima del grande tremito di terra.

In 1653, il padre Giovanni Canauli fu nominato rettore della Comunità jésuite di Ragusa. Stabilisce un piano per la posizione del collegio e della chiesa nello spirito dell’urbanismo barocco, cosa che richiedeva la distruzione della cappella della santa La Croix e di una ventina di case rovinate. Poiche’il rettore ed il grande Consiglio, come pure le autorità ecclesiastici, aveva accettato il piano di Canauli in 1658, il nuovo rettore dei Gesuiti, il padre Orsat Ranjina, indigeno di Ragusa, iniziò a comperare case e località di costruzione per il nuovo collegio e la chiesa. I lavori di costruzione sono cominciati in 1662, su base dei disegni del padre jésuite Serafin. Purtroppo, l’impresa di costruzione è stata temporaneamente ostacolata dal tremito di terra dévastateur che ha avuto luogo il 6 aprile dell’anno 1667.

VisiteVisite

La chiesa dei Gesuiti Ignazio di Loyola (Jesuitska Crkva Svetoga Ignacija)
Da place du Marché (posto Gundulić), si accede alla chiesa dedicata ad Ignazio di Loyola (Sveti Ignacije Loyolski) con la via Andrović e la via vicino i Gesuiti (Ulica uz Jezuite), quindi scalando una scala barocca monumentale che emerge sul quadrato della chiesa, il posto Ruđer Bošković (Poljana Ruđera Boškovića), dedicata a Roger Boskovitch, Jésuite ed illustra matematico, ex allievo del collegio dei Gesuiti di Ragusa.
Scala degli jesuites, uz jezuite. Clicca per ingrandire l'immagine.Scalinata la scala degli Gesuiti. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Scalinata la scala degli Gesuiti. Clicca per ingrandire l'immagine.
Rue Strossmayer. Clicca per ingrandire l'immagine.Rue Strossmayer. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Venendo dal museo del mercato al grano, si può seguire Ulica Od Rupa molto diritto; la via diventa Ulica Strossmayerova, borda l’alta parete del convento Santa Caterina quindi della chiesa Santo-ignazio e giunge in mezzo alla scala monumentale. Montare i mercati a destra per arrivare sul quadrato della chiesa.
Chiesa Santo-ignazio vista dai rifugi della porta di pila. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La chiesa dedicata ad Ignazio di Loyola, fondatore della Compagnia del Gesù, è stata costruita dopo il sisma di 1667, verso la fine della xviia e l’inizio del xviiio secolo, secondo i piani elaborati dall’architetto famoso e pittore Andrea Pozzo (1642-1709); questo padre jésuite romano si è ispirato in parte della chiesa Santo-ignazio di Roma, la chiesa del Gesù, che è la chiesa-madre della Compagnia del Gesù (Societas Jesu, ridotto in S.J. o S.I.). Tuttavia, la concezione di Pozzo interamente non è stata mai realizzata, poiché la costruzione della chiesa si è estesa su una lunga durata: cominciata il 23 aprile 1699 dalla posa della prima pietra, fu completata soltanto in 1725 dalla benedizione solenne della chiesa.

La sua facciata imponente barocca molto riuscita, che predomina il posto Bošković, presente tutte le caratteristiche della Contro-riforma (forme piegate, colonne, pilastres, frontons, modelli e corniches interni). Presenta anche una bella barriera ed una cupola dello stesso stile.

Il campanile della chiesa ripara la più vecchia campana di Dubrovnik, fonduta in 1355 da parte di Vivencije ed il suo figlio Viator.

Chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine.Facciata della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine.
Facciata della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine.Facciata della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Facciata della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La decorazione del chœur illustra qualsiasi tanto stile barocco, con il sua profusion di modelli e di corniches lavorate che guidano lo sguardo verso la cappella dell’abside del altare maggiore ed i suoi affreschi opulentes murali che appaiono le scene della vita dell’Ignazio di Loyola, il fondatore della Compagnia del Gesù.

Quest’affreschi in trompe l’oeil, molto rappresentative dello stile pittorico jésuite, sono l’opera di Gaetano Garcia, pittore barocco siciliano d’origine spagnola, che li ha dipinti tra 1735 e 1737, secondo disegni di Andrea Pozzo.

La cappella rappresenta Ignazio di Loyola nella gloria celeste, nel cuore di nuvole e di angioletti mescolati. Nella parte inferiore ci sono tre affreschi:

  • la tabella centrale mostra ignazio santo, che tiene il libro delle costituzioni della Compagnia del Gesù, circondato da quattro donne - allegorie dei quattro continenti dove i Gesuiti lavoravano al xviiio secolo (l’Australia è dunque esclusa);
  • la tabella di sinistra: Ignazio santo che invia François-Xavier santo alle missioni;
  • la tabella di destra: Ignazio santo accessibile nella società Saint-François-Borgia.
Coro della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Coro della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine.Coro della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Nef. Clicca per ingrandire l'immagine.Vitrail. Clicca per ingrandire l'immagine.
La chiesa possiede quattro autels collaterali. Il primo precedente a sinistra rappresenta la morte di François santo Xavier sull’isola di Sancian. L’argomento della tabella sul altare collaterale precedente a destra è anche una morte felice, quella di Joseph santo. Nelle tabelle dei autels posteriori si vede la presentazione di piccola Marie al tempio (a destra) ed il santo augustiniano (a sinistra).

Le altre vernici rappresentando le figure giovani santi del Stanislas e Jean Berchmans, come pure le decorazioni della chiesa, sono state realizzate nel periodo 1894 a 1895 dal fratello Antonio Moscheni, S.J., ed il suo assistente.

La chiesa conserva una delle raccolte più preziose di oggetti liturgici in denaro di stile barocco romano.

Il pittore veneziano Bartolomeo Litterini (1669 - 1748) è l’autore dei tre retables della chiesa: santo augustiniano, comparsa di Marie al tempio e la morte di Joseph santo.

Nef della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine.Nef della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Nef della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Nef della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Nef della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Nef della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Nef della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Nef della chiesa Santo-ignazio. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Grotte di Notre Dame di Lurdes. Clicca per ingrandire l'immagine.Alla destra dell’entrata principale della chiesa, la cappella contiene una presentazione di Marie bambino al tempio (un tema abbastanza raro) ed un grotte di Notre Dame di Lurdes, una delle prime grottes in Europa costruite all’interno di una chiesa, in 1885. Il primo produttore era il fratello Fulgenzio Malagoli, ma la forma attuale è l’opera dell’sculpteur croato Lojzika Ulman. Questa volta ricorda che il culto del vergine è essenziale per i Gesuiti.

La chiesa Santo-ignazio contiene anche le tombe di molti vescovi di Dubrovnik: Mgr. Antonio Giurice († 1842), Mgr. Tomasso Jederlinich († 1855), Mgr. Matija Vodopić († 1893).

Il collegio dei Gesuiti
Il collegio dei Gesuiti, Collegium Ragusinum. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Sul posto Boskovitch, a sinistra della chiesa Santo-ignazio, si trova il grande edificio del collegio famoso dei Gesuiti, stabilimento prestigioso a che hanno partecipato, come allievi, i più grandi spiriti della repubblica di Ragusa.

I Gesuiti non hanno potuto stabilire un collegio a Ragusa (Collegium Ragusinum) soltanto in 1658, vicino ad un secolo dopo l’arrivo in 1560 del primo Jésuite a Ragusa, il padre Nicolás Bobadilla, S.J., uno dei primi lavoratori di ignazio santo. La costruzione del collegio, secondo i piani dei Gesuiti Ranjina e Canauli, è cominciata in 1662, ma fu ritardata dal sisma di 1667.

L’entrata principale presenta un bas-relief che porta un’iscrizione di 1481.

Le autorità della repubblica di Ragusa, coscienti della necessità di istruire la gioventù nell’era di crisi economica generale che la città ha incontrato dopo il tremito di terra catastrofica di 1667 e le circostanze politiche difficili che sono prevalse al corso i decenni seguenti, hanno affidato quest’istruzione agli Gesuiti, che riconoscono l’eccellenza del loro insegnamento.

A seguito dell’abolizione degli Gesuiti in 1773, il collegio è diventato la proprietà della diocesi di Ragusa che ha affidato l’istruzione della gioventù a sacerdoti ragusains. Più tardi, l’insegnamento è stato ripreso dai padri Piaristes (in italiano, Scolopi) che hanno garantito questo servizio a in 1868. In occasione dell’arrivo degli eserciti francesi, in 1806, seguiti dagli eserciti austriaci in 1814, l’edificio del collegio è stato trasformato in ospedale militare. Questa situazione è restata invariata a nel 1940, quando l’edificio è stato rimesso alla diocesi di Dubrovnik che vi ha trasferito il seminario. Al giorno d’oggi, l’istituto universitario classico “Ruđer Bošković„ è installato nei locali del collegio.

La scala degli Gesuiti (Scalinata)
Questa scala impressionante conduce al quadrato della chiesa Santo-ignazio dal posto del mercato, prendendo in prestito la via vicino i Gesuiti.

“Scalinata„ è una scala di stile barocco, alle volate successive di marce in arco di cerchio, concepito in 1738 dall’architetto romano Pietro Passalacqua di Messina. L’opera è un réminiscence delle scale famose che montano alla chiesa Trinità del Monti dalla Piazza di Spagna a Roma.

Scalinata la scala degli Gesuiti. Clicca per ingrandire l'immagine.Scalinata la scala degli Gesuiti. Clicca per ingrandire l'immagine.Scalinata la scala degli Gesuiti. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il convento Santa Caterina (Samostan Svete Katarine)
La scuola di musica è alloggiata nel vecchio convento Santa Caterina.

Le fondazioni e la cripta della chiesa di Saint-Pierre-le-Grand, la prima cattedrale di Ragusa, è stata scoperta sotto questa chiesa.

La via di margherita (Ulica Od Margarite)
Rue de Sainte Marguerite. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Giardino dietro i rifugi. Clicca per ingrandire l'immagine.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Carta interattiva della città chiusa di Dubrovnik in Croazia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei Francescani
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere del nord
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei domenicani
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere della loggia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere della cattedrale
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei Gesuiti
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere sud
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva della città di Dubrovnik in Croazia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia
Le fortificazioni di Dubrovnik in Croazia
La città moderna di Dubrovnik in Croazia
L'isola di Lokrum in Croazia
Le isole Elaphites in Croazia
Il villaggio di Zaton in Croazia
Il villaggio di Trsteno in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.