AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere del nord

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Seguendo la mise verso l’est, si tagliano sulla sinistra, del lato del nord, viuzze, segnate di piccoli ristoranti, di bar o di piccoli negozi diversi, si fanno scale pittoresche che partono all’attacco della pendenza in direzione dei rifugi terrestri.

VisiteVisite

La via Prijeko
Quando si avanza sul Stradun in direzione del porto, si scoprono alla propria sinistra molte viuzze perpendicolari al Stradun e molto ripide, che scalano verso i recinti al nord della città. Precedentemente, è in questa zona che abitavano i commercianti. Dopo il grande sisma, il suo piano fu interamente rivisto in modo geometrico, mentre la parte sud della città conservava il suo disegno tortueux. Spingendo le porte ed osservando le facciate, si osserva l’uniformazione della zona in blocchi uguali di case barocche, ai balconi a volte pienamente decorati.

Rue Prijeko. Clicca per ingrandire l'immagine.La via Prijeko forma l’asse principale della parte più recente della vecchia città, che corrisponde al vecchio villaggio croato. Dopo la riunione delle due parti della città, questa zona riparava soprattutto i commercianti. Interamente ridefinita dopo il sisma di 1667, la zona fu in seguito occupata dai borghesi ricchi. Gli architetti hanno allora definito la larghezza delle vie e dei blocchi, come pure il loro piano in damier che scende verso la mise. Ogni casa è costruita secondo lo stesso modello (pozzo al piano terra, cucina all’ultimo piano) e sostituisce, in generale, quattro residenze medioevali. Spingendo le porte, si osserva spesso il pozzo situato sotto la scala (come al n° 8).

Tutta la zona è costruita su una rete di canalizzazioni elaborata che portava l’acqua nei pozzi privati dei più ricchi. Il piano terra serve anche al magazzinaggio. Le parti di ricezione e di vita sono sistemate nei primi piani, mentre la cucina si trova sempre all’ultimo piano per evitare gli odori.

Se i stores dei ristoranti tratti al massimo lo permettono, si possono ammirare la bellezza delle facciate (n° 12,17 e 24), le finestre o i banchi di comando dei balconi (n° 13,12 e 14). Al n° 24, un piede di vite noueux parte all’attacco della facciata: è vecchio di 200 anni! Verso la destra, le viuzze che montano in direzione dei rifugi sposano il rilievo accidentato e diventano scale a volte molto rigide, punteggiate di piante lussureggianti (ficus, philodendron…) e di figlio a biancheria.

La zona è oggi invasa da un grande numero di ristoranti ai terrazzi animati.

La via Medovica (Ulica celestina Medovića)
Dal giro Minceta, proseguire in seguito lungo i rifugi fino all’estremità e ritornare verso la sinistra per lspod Minčete che diventa ulica Celestina Medovića e raggiunge la misero vicino alla porta di pila.
Ispod mincete. Clicca per ingrandire l'immagine.Rue Celestina Medovića. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La via di Sigurata (Ulica Od Sigurate)
La via di Sigurata (Ulica Od Sigurate) conduce alla chiesa Sigurata.

La chiesa Sigurata - il suo nome è il derivato popolare “di Transfiguratio Domini„ - è citata per la prima volta in 1281 sui documenti vecchi, ma la sua costruzione ne non è meno precedente al XIe-XIIe secoli. Appartiene ad un gruppo di costruzioni préromanes nella Dalmazia meridionale, caratterizzate da una nef incurvata in culle con cupola all’incrocio ed un’abside rettangolare. Dopo il sisma di 1667, al centro préroman sono aggiunte delle nefs laterali.

Ulica Od Sigurate. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La via Palmoticeva (Ulica Palmotićeva)
Ulica Palmotićeva. Clicca per ingrandire l'immagine.
La via Kuniceva (Ulica Kunićeva)
Ulica Kunićeva. Clicca per ingrandire l'immagine.Ulica Kunićeva. Clicca per ingrandire l'immagine.
La via Zamanjina (Ulica Zamanjina)
Ulica Zamanjina. Clicca per ingrandire l'immagine.
La via Boskoviceva (Ulica Boškovićeva)
Ulica boskoviceva. Clicca per ingrandire l'immagine.
La via agli ebrei (Ulica Žudioska)
Gli ebrei arrivarono numero a Dubrovnik dopo la reconquista spagnola, l’inizio dell’inquisizione e l’espulsione degli ebrei della Spagna; tollerati dalle autorità ragusaines che apprezzavano i loro talenti di commercianti e soprattutto di banchieri, gli ebrei li erano però oggetto di una segregazione. La via agli ebrei (Ulica Žudioska), del suo nome vecchio veneziano “via del ghetto„, era in realtà un ghetto dove gli ebrei erano limitati, con porte ad ogni estremità che si chiudeva la notte.

La sinagoga (sinagoga), di rito sépharade, fu fondata al XVIe secolo (1548), all’interno di una casa ebrea, per accogliere questa Comunità in pieno aumento. È la più vecchia sinagoga dell’Europa dopo quella di Praga, e ripara il museo ebreo che conserva oggetti rari incoronati, come una torah del XIVe secolo. L’edificio attuale, tipico delle case di Ragusa, la cui costruzione risale al XIVe secolo, è stato ricostruisce in 1655. Di quest’epoca datano la decorazione delle parti ed i mobili barocchi. Nel santuario è conservata la galleria-rete riservata alle donne. La sinagoga e tutto il ghetto furono salvati dal sisma di 1667.

Benché la Comunità ebrea sia oggi molto poco numerosa (una ventina di membri), la sinagoga esiste sempre, ma esiste soprattutto grazie ai regali dei turisti ebrei americani versati dai vapori di crociera.

Visita: Ulica Žudioska 5 (sulla sinistra di mise, appena prima di place de la Loge).

Di metà aprile a fine ottobre: normalmente tutti i giorni, eccetto il fine settimana, di 10:00 a 20:00; fuori stagione, di 10:00 a 15:00

Entrata pagante: 15 kunas.

Rue aux ebrei. Clicca per ingrandire l'immagine.Rue aux ebrei. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Sinagoga, via agli ebrei. Clicca per ingrandire l'immagine.
La via Kovacka
Rue Kovacka. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La via dei gioiellieri (Ulica Zlatarska)
Tutto di la mise, prima del palazzo Sponza, girare a sinistra in questa viuzza stretta che conduce alla cappella San Nicola.
Ulica zlatarska. Clicca per ingrandire l'immagine.Rue Zlatarska. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Vie Zlatarska e Prijeko. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La cappella San Nicola (Crkva Sveti Nikole)
Volta San Nicola. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La piccola cappella dei marinai, la cappella San Nicola (Sveti Nikole), è di stile roman tardivo del XIe secolo. Ricostruita al XVIe secolo, è decorata di una porta barocca del xviio secolo.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Carta interattiva della città chiusa di Dubrovnik in Croazia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei Francescani
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere del nord
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei domenicani
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere della loggia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere della cattedrale
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere dei Gesuiti
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia - Quartiere sud
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva della città di Dubrovnik in Croazia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia
Le fortificazioni di Dubrovnik in Croazia
La città moderna di Dubrovnik in Croazia
L'isola di Lokrum in Croazia
Le isole Elaphites in Croazia
Il villaggio di Zaton in Croazia
Il villaggio di Trsteno in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.