AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, premete su questo legame per fare apparire i frammenti.
Ricerca personalizzata

La vecchia città di Palma di Maiorca - Il sud-est

[Argomento precedente] [Argomento sopra] [Argomento seguente] [Minorca] [Maiorca] [Ibiza] [Formentera] [Cabrera] [Accoglienza] [Site Home] [Via Gallica]
Rubriche[Foto] [Presentazione] [Situazione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale

SituazioneSituazione

VisiteVisite

Can Dameto de la Quartera
La Can Dameto de la Quartera è al numero 4 Carrer de la Samaritana. Questo palazzo è stato costruito in stile gotico. La facciata è caratterizzata da archi a sesto acuto e resti di finestre ad arco gemelle separate da una colonna. Un doccione mostra i limiti del vecchio edificio. Un ulteriore piano con tenda è stato aggiunto nel XVIII secolo. Il patio conserva ancora la colonna ottagonale tardo gotico, questo patio è stato trasformato nel XVII secolo. Il balcone originale è stato rimosso durante le trasformazioni nel XIX secolo ed è stato trasformato in un corridoio coperto.

Questa casa era di proprietà della famiglia del Vallespir di la citta di Inca. Nel XVIII secolo, fu venduto alla famiglia Dameto. Da quella data la casa sarà conosciuta come Can Dameto. Più tardi, tuttavia, “de la Quartera„ verrà aggiunto al nome, con riferimento alla piazza adiacente, Plaça de Sa Quartera.

MonasteroIl monastero francescano
Andare al Monastero Francescano.
Can March
Il patio Can March è al 5 Carrer del Convent de Sant Francesc.

La parte anteriore della Can March ha quattro piani. La sua porta è semicircolare, più larga nella parte inferiore per permettere il passaggio dei veicoli. Al primo piano ci sono balconi, mentre la terrazza è attrezzata con archi ogivali.

L'ingresso comprende due separati da un grande arco e coperto con spazi travi in legno. Sulla sinistra sono altre due sezioni coperti. Pilastri archi sono in stile toscano. Un arco si apre sul cortile. A destra della scala cortile che ruota in senso antiorario è.

Nella parte inferiore del cantiere, sotto le scale, c'è un altro arco, circondato da un recinto di legno, e un altro arco a sinistra. A fianco di essa si apre un piccolo portale gotico.

Nel XVII secolo, la casa era di proprietà di Villalonga, poi nella prima metà del XVIII secolo, appartenne a Pere Jeroni Nét Armengol. Cognome morì nel 1817 alla morte di Antoni Nét Escofet.

Nel 1846 la casa è stata acquistata da Miquel Font Muntaner, motivo per cui questo patio è noto come Ca'n Nét o Ca'n Font.

L'edificio ha attraversato numerose trasformazioni nei secoli XIX e XX, in particolare quelle realizzate dall'architetto Guillem Reynés, che ha usato i tradizionali patii codice di Maiorca.

PatioCan Cera
Il Can Cera si trova al numero 8 della Carrer del Convent de Sant Francesc, nel cuore della città vecchia, vicino alla cattedrale, tra la Piazza di Santa Eulalia e Piazza di San Francesco.

Con oltre 700 anni di esistenza, il Can Cera è una delle più antiche residenze di Palma : la sua origine è precedente alla conquista di Maiorca da Jaume I (1232), arrivato sull'isola in compagnia di catalani e Aragonese.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Il patio Can Cera - Clicca per ingrandire l'immagineConosciamo tutti i proprietari di questa casa in quanto la riconquista. Jaume I dato piena proprietà Rolland Layno. Ha poi passò successivamente Francesc Desportell fino 1351, poi le famiglie Desbach, Reixach, Amer e Mayol, fino a quando la famiglia Palou de Comassema nella seconda metà del XVIII secolo ne fece la sua residenza principale. Questo è il motivo Can Cera è anche conosciuto come Can Comassema.

Nel corso degli anni, con diversi proprietari, Can Cera ha subito molte aggiunte e numerose ristrutturazioni, gli stili artistici di ogni epoca. La ristrutturazione più importante fu la metà del XVII secolo, quando, come in molte case della zona, sotto l'influenza degli architetti del Rinascimento italiano, cortili famosi sono stati creati, dando queste case una personalità molto attraente, ma sempre in grande austerità.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Il patio Can Cera - Clicca per ingrandire l'immagineIntorno a 1822, Can Cera è stato acquistato dalla famiglia Aguiló, una famiglia conosciuta come la “Cera„ (cera) che si è proprietari profonde. Aguiló la famiglia in gran parte mantenuto la facciata e la distribuzione originale, la voce tradizionale cortile, ma l'arredamento ei mobili possibile apprezzare i sapori eclettici e sontuosi del tempo : camere ampie, soffitti alti cassettoni, balconi e sontuosa più decorato. Il patio, anche se rimaneggiata nel XIX secolo, ha ancora le sue strutture originali, e notiamo i due archi grandi pale composto di arenaria, e l'elegante scalone lato, sotto il quale, sul lato sinistro mantenuto un arco gotico, testimonianza del passato medievale della casa. La casa dispone di un salone di mobili elisabettiano e arredamento colorato e caldo, in particolare una sala da pranzo in stile Art Nouveau, legno rivestito e ceramica La Roqueta. Uno spazio unico e protetto sono le scuderie, che erano comuni nelle case benestanti Palma, ma la maggior parte di loro sono scomparse.

Da quel giorno, i seguenti proprietari hanno mantenuto Can Cera come uno dei migliori esempi del XIX secolo.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Il patio Can Cera - Clicca per ingrandire l'immagineIl Can Cera è stata trasformata in un hotel di lusso di dodici camere, di cui sette suite con un ristorante. Le camere sono spaziose, confortevoli, silenziose, confortevoli e decorazione molto raffinata. Tutte le camere sono diverse, nonostante il loro stile simile, con ampi letti, tipiche di Maiorca, alcuni mobili antichi combinati con altri, un design moderno e cabina armadio e ampie camere e bagni moderni.

Telefono : 00 34 971 715 012

Sito sul web : www.cancerahotel.com

PatioCal Comte de la Cova
Cal Comte de la Cova, al n ° 3, Carrer del Sol è una casa di origine medievale, risalente al XIV secolo.

Fu nel XVI secolo di proprietà di Francesc Desclapés. Nel XVII secolo, Cal Comte de la Cova apparteneva alla famiglia Villalonga, prima Don Francesc de Villalonga i Fortuny, quale re Filippo IV aveva concesso il titolo di conte de la Cova, che ha dato il nome al la casa. A quel tempo l'edificio ha subito alcuni lavori di ristrutturazione e dei contributi di stile tardo rinascimentale. Nel corso del tempo, passò nelle mani di diversi proprietari. Nel XX secolo, appartiene alla famiglia Bosch, un periodo che ha portato anche lavori di ristrutturazione.

Il patio si distingue per la sua monumentalità e dei suoi elementi medievali ancora conservati. All'ingresso vediamo il soffitto a cassettoni in legno policromo secolo XIV, mudejar, nel cortile, scalone in stile tardo-gotico, che è stato restaurato pochi anni fa, conserva ancora i pannelli con intreccio originale.

Negli ultimi anni, la Scuola del Turismo ha la sua sede nel Cal conte de la Cova.

PatioCal Marquès del Palmer
Al No. 7 della Carrer de Sol, la Cal Marques del Palmer è uno dei più notevoli Palma case signorili. È stato costruito nel 1556 dal capitano Pere Abri-Descatlar, aiutante Filippo II. L'imponente facciata rinascimentale mostra un esempio unico di pietra murale, ora annerito con l'età. Pur conservando elementi del cortile rinascimentale, patio ha subito modifiche successive apportate nel corso dei secoli XVIII e XIX. Al piano superiore la decorazione rinascimentale delle finestre riduce il muro gotico austero. La galleria superiore, ospitato tendalino classico, è una replica di quello di Sa Llotja.
PatioCan Bisquerra de Gabelli
Al n ° 12 Carrer de Sol, la CanBisquerra de Gabelli è un sedicesimo secolo, ma il patio e ringhiere di ferro che adornano la scalinata risalente al XVII secolo.
ChiesaLa chiesa del monte-Sion (Església de Monti Sion / Iglesia de Monte Sion)
Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La chiesa del Monte Sion - Clicca per ingrandire l'immagineLa chiesa del Monte Sion si trova nella via omonima al numero 22 Carrer de Monti-Sion, che è un bell'esempio di stile barocco.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La chiesa del Monte Sion - Clicca per ingrandire l'immagineNel 1561, i Gesuiti arrivarono a Maiorca sotto la guida di Padre Jeroni Nadal. I gesuiti occuparono quella che era stata la precedente Estudi general Lul·Lia, dove un tempo sorgeva la Grande Sinagoga. Nel 1571, Bartomeu Coch iniziò la costruzione della nuova chiesa, finanziato da Ramon de Veri.

L'edificio è a navata unica con una testa quadrata e sei cappelle per lato. Nella prima cappella a sinistra è la tomba di San Alonso Rodriguez, che era il pastore di questa chiesa per molti anni, fino alla sua morte nel 1617.

Date Il portico del 1683. La pala d'altare del XV secolo è dovuto alla scuola di Maiorca.

CasaCasa dei Bambini (La Casa de la Criança)
Al n ° 13 Carrer de Monti-Sion è La Casa de la Criança, un edificio del XVI secolo (1510), che era come le altre case su questa strada, di proprietà di Canon Antoní Genovard. Antoní Genovard donato la casa e ha creato la Casa Pia de la Criança, un'istituzione dedicata all'educazione delle ragazze della nobiltà, La Criança era, dopo la sua fondazione, guidata da suor Isabel Cifre.

Il patio è un ottimo esempio di tipologia medievale, anche se trasformato notato dalla sua corte, e due archi gotici sostenuti da pilastri ottagonali. Sulle pareti si possono vedere i resti di alcune vecchie finestre bifore. Al centro, un antico pozzo con un collare di calcare. Su uno dei lati del cortile, si trovano i resti di una scala medievale, così come le sezioni del vecchio raccordo costruito in pietra arenaria. L'antica cappella ha una bella pala d'altare rinascimentale restaurato pochi anni fa.

PatioCan Muntaner
La Can Muntaner si trova al numero 11 Carrer de Sant Alonso. Questa casa è datata XVIII - inizi del XIX secolo, anche se il primo sembra patio. Vi si accede attraverso un portale, forma originariamente semicircolare e appiattito, una combinazione di calcare e arenaria. All'ingresso, coperta da un soffitto con travi a vista, notiamo l'arco appiattito che conduce alla zona dove il patio dovrebbe essere aperta. La scala lato, in basso, conduce ai piani superiori dell'edificio.
Can Lladó
La Can Lladó si trova a 4 Carrer del Vent. Si tratta di un edificio medievale che appartenne alla famiglia Balaguer del Raco, in Puigpunyent. Lo storico Jaume Lladó i Ferragut è stata acquisita nel 1928. Attualmente è di proprietà della sua famiglia. L'insieme conserva la struttura intima di cortili medievali. L'ingresso comunica con il cortile da un cancello con un architrave calcare. Fondamentalmente il lato scale due sezioni è.
PatioCan Dusai
La Can Dusai è il numero 3 della Carrer de Can Dusai.

La Can Dusai è una casa del XVI secolo. Il grande arco ribassato, sostenuto da pilastri, mostra l'architettura dei cortili del XVII secolo. Anche se è stato restaurato nel XX secolo, si indovina, nella scala, il suo aspetto originario. Dal XVII secolo, è di proprietà di Duzay una famiglia dalla Sardegna. Lo stemma di questa famiglia si vede sotto i portici del cortile.

Il vecchio quartiere ebraico del Call Major
Vai al Call Major.
Maghen DavidIl vecchio quartiere ebraico Portella
Andare al quartiere ebraico della Almudaina.
Il vecchio quartiere ebraico di Callet o Call Menor
Vai a Call Menor.
Can Pasqual
Alla No. 4 Carrer de la Portella, il Can Pasqual ha elementi di secoli XVI, XVII e XVIII. Il patio è stato ristrutturato fine del XIX secolo, quando fu introdotto un'ampia scalinata in stile delle finestre neo-gotico del XIX secolo.
Ca la Gran Cristiana
Ca la Gran Cristiana, che si trova al n ° 5 Carrer de la Portella è l'edificio in origine gotica trasformata dal primo conte di Ayamans (XVI secolo). È stato a casa per le famiglie Togores (XVI secolo) e Villalonga (XVI secolo). Cresta sulla parte anteriore del settimo conte di Ayamans. Ca la Gran Cristiana chiamato Doña Catalina Zaforteza i Togores, emblematico di carlismo a Maiorca e proprietario di questo palazzo nel XIX secolo. Lei era conosciuto come una grande cristiana ed era conosciuto con il soprannome di "Grande Cristina".

Secondo la leggenda, il cavaliere Coch ucciso un drago al cancello, ha offerto la sua fidanzata, la figlia di questa casa.

L'edificio fu acquistato nel 1968 dal Museo di Maiorca, dove divenne la sede.

MuseoIl Museo Storico di Maiorca (Museu Històric de Mallorca)
Il Museo Storico di Maiorca ha tre sezioni : Archeologia, Belle Arti e Etnografia. Solo le prime due sezioni si trovano nel Ca la Gran Cristiana, la sezione etnografia è Muro.

Tutta la storia di Maiorca è tracciata in questo museo con collezioni eccezionali.

Gli oggetti preistorici rinvenuti sull'isola sono numerosi, ma presentato in un abbastanza educativo.

Il museo comprende anche una piccola sezione dedicata ai resti di epoca musulmana : sotto l'occupazione musulmana dell'VIII secolo a 1229, Palma è stato chiamato Madina Mayurga. È stato il XII secolo una delle più importanti città di al-Andalus. Questa volta ancora solo il dell'Almudaina, i bagni arabi e l'arco del Almudaina. Al piano terra del museo sono esposti capitelli, artesonados soffitti e ceramiche di questo periodo.

Divisione di Belle Arti presenta un'ottima selezione di pittura gotica di Maiorca dei secoli XIV e XV. Le opere della prima metà del XIV secolo, mostrano chiaramente l'influenza italiana : tra i suoi artisti più antiche domina privilegi maestri, influenzato dalle miniature senesi, che possiamo vedere una pala d'altare di San Quiterie.

Dal 1349, data della annessione di Maiorca da parte del Regno d'Aragona, torna alla scuola di pittura catalana : la "Crocifissione" Ramón Destorrents, interessante nella sua composizione e le espressioni facciali, l'influenza di altri pittori. In camera 2 esposto il “Annunciazione", "Santa Lucia„ e “Sainte Madeleine„ il padrone del vescovo Galiana (fine XIV secolo). Francesc Arriva, uno dei più prestigiosi nei primi pittori del XV secolo, è rappresentato da un “San Giorgio„, colpendo il bene del grande profondità e l'esecuzione del paesaggio. Notiamo anche la pala di San Onufre da predelle master (XV secolo). Nelle sale dedicate ai secoli XVI, XVII e XVIII, vediamo San Michele e San Giovanni di Juan de Juanes.

Visita :

Indirizzo : Carrer de la Portella, 5

Ore : 10 :00 alle 14 e dalle 17 alle 19, Domenica 10 alle ore 14, chiuso il lunedì e festivi.

Ingresso : € 2,50 ; ingresso gratuito il Sabato pomeriggio e la Domenica mattina.

Telefono : 00 34 971 717 540

PatioCan Espanya-Serra
Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Il Can-Serra Espanya - Clicca per ingrandire l'immagineLa Can Espanya-Serra al numero 8 Carrer de la Portella, è stato costruito nel XIX secolo sul sito di un edificio medievale. Notiamo la sua scala neo-gotico, che imita molte scale medievali che sono poi incontrati in città.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Il Can-Serra Espanya - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia) Nel XIV secolo, la casa apparteneva alla famiglia Oleza. Nel XVIII secolo, era di proprietà di Don Serra Ferragut y Bonaventura (1728-1784), cronista della città e uno dei più importanti studiosi del suo tempo. Infine i Serra legarono legami con la famiglia Espanya. Nel corso del XX secolo, l'edificio serviva come una locanda.

CasaCasa-Museo Joaquim Torrents Lladó (Casa-museu Joaquim Torrents-Lladó) - Can Morey-Sant Martí
Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Can Morey Sant Marti - Clicca per ingrandire l'immagineIl sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Can Morey-Sant Martí - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)La Can Morey-Sant Martí, che si trova al numero 9 Carrer de la Portella, ospita il Museo del pittore catalano Joaquim Torrents-Lladó (1946-1993). La casa era, all'inizio del XX secolo, di proprietà di Antoni Marques Luigi. I suoi eredi vendettero la proprietà a Joaquim Torrents-Lladó nel 1973 ha installato lì la sua residenza e laboratorio. L'architrave del portale si apre verso l'entrata, che ha un pavimento di piastrelle e un soffitto a cassettoni. Un portico ad archi conduce a patio. A sinistra si trova un muro di pietra di origine medievale, sormontata da una galleria gotica. La scala conduce al piano superiore, i mobili del XIX secolo, che espone le opere del museo.

Il museo espone oltre 120 opere dell'artista catalano J. Torrents-Lladó (1946-1993), tra cui molti ritratti e paesaggi.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Can Morey-Sant Martí - Clicca per ingrandire l'immagineIl sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Can Morey-Sant Martí - Clicca per ingrandire l'immagineVisita :

Programma : 15 giugno - 15 settembre, tutti i giorni tranne Domenica e lunedì dalle 11 alle 19, Sabato 10 alle ore 14, dal 15 settembre al 15 giugno tutti i giorni tranne Domenica e lunedì, 11 alle 18, Sabato 10 alle ore 14.

Ingresso : 4 €.

Telefono : 00 34 971 729 835

Sito sul web : www.jtorrentsllado.com

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Can Morey-Sant Martí - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Can Morey-Sant Martí - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Can Morey-Sant Martí - Clicca per ingrandire l'immagine
PatioCal Marques de la Torre
La costruzione del Cal Marques de la Torre, che si trova al n ° 14 Carrer de la Portella, è stato ordinato nel 1696 da Don Francesc Truyols i Font de la Roqueta in termini di Navarra ingegnere militare Martín Gil de Gainza, che è venuto a Maiorca a lavorare sulla costruzione delle mura, il muro che chiude il giudice è una parte delle mura medievali. Questo particolare hotel è rinascimentale (fine del XVII secolo).

L'hotel deve il suo nome al titolo di marchese de la Torre che l'arciduca Carlo, pretendente alla corona spagnola durante la guerra di successione aveva concesso Don Nicolau Truyols i Dameto.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Cal Marques de la Torre - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Cal Marques de la Torre - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Cal Marques de la Torre - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)
La scala a chiocciola è stata aggiunta nel XIX secolo, si trova accanto alla cresta di Truyols.

Cal Marquès de la Torre è ora occupata dal Collegio degli Architetti delle Isole Baleari.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Cal Marques de la Torre - Clicca per ingrandire l'immagineIl sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Le scale di Cal Marques de la Torre - Clicca per ingrandire l'immagineIl sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Le scale di Cal Marques de la Torre - Clicca per ingrandire l'immagine
Bagni Arabi (Banys Àrabs / Baños Árabes)
Bagni arabi di Palma è l'unico edificio ancora intatto che riflette la presenza musulmana in Palma de Maiorca, allora chiamata Madina Mayurga, e una delle poche vestigia di questa volta delle Isole Baleari.

Non siamo riusciti a determinare con precisione l'età di questi bagni, ma la maggior parte degli storici concordano sul fatto che il X secolo dC sarebbe quindi più probabile. Per contro è certo che questo edificio è stato costruito da elementi più anziani, ad esempio capitelli di epoche precedenti (romane o bizantine).

Questi bagni dovrebbero essere parte del palazzo o fortezza, appartenente a un ricco arabo notevole della medina, e dovrebbe essere sostenuto questo edificio. Sono identici a quelli che sono stati utilizzati in alcune città musulmane, centri benessere, sale riunioni e piacere, copiate dai Romani.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Entrata dei bagni arabi - Clicca per ingrandire l'immagineSi entra attraverso una porta les Bains con un ferro di cavallo a forma di arco attraverso la parete spessa. Solo due stanze, la sala principale per il bagno caldo e una stanza attigua sono stati conservati.

Camera bagni caldi, caldarium, è un pezzo di piazza coperta con una cupola sostenuta da dodici colonne. La cupola in mattoni a forma di mezza luna, è stato trafitto da aperture 25 o oculi - la maggior parte ancora sigillati - progettato per arieggiare la stanza e la luce diffusa. Arches ferro di cavallo-dome si basano su colonne con capitelli di forme rudimentali e irregolari, recuperati da edifici romani.

Il pavimento del calidarium era formata da due anni pavimentazione con aperture lasciate che i vapori di fuga della casa, riscaldando l'atmosfera e il sistema di pavimentazione (ipocausto). Per intensificare l'azione di alcuni impianti, hanno gettato acqua calda dal piano superiore, l'acqua trasformata in vapore intenso e denso. Ci sono ancora tracce di tubi casa e acqua calda e vapore.

Uno stretto corridoio conduce ad una stanza attigua con volta a botte, che doveva essere l'acqua calda stanza, o tequila. È normalmente sarebbe anche un frigidarium.

Questi bagni hanno continuato a essere utilizzato dopo la Riconquista da cristiani ed ebrei.

Prima del XIX secolo, il giardino e il bagno erano parte della Can Serra.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - bagni arabi - Clicca per ingrandire l'immagineIl sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - bagni arabi - Clicca per ingrandire l'immagineIl sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - bagni arabi - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)
L'edificio dei Bagni è costruito, in quello che era l'orto Can Fontirroig, ora trasformata in spazio verde con palme, piante e cactus.
Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Giardini delle Terme arabe - Clicca per ingrandire l'immagineIl sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Giardini delle Terme arabe - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Giardini delle Terme arabe - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)
Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Alocasia nei giardini delle terme arabe - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)Visita :

Indirizzo : Bagni Arabi (Banys Àrabs) si trovano in un dedalo di vicoli, al n ° 7 Carrer de Can Serra, a est della Cattedrale ed al nord del Parco del Mare (Parc del Mar), in quello che era il quartiere di Madina Mayurga (o Medina Majurka).

Orari : da aprile a novembre, dalle ore 09:30 alle ore 19 ; da dicembre a marzo, dalle 09:30 alle 17:30.

Quota di iscrizione : € 2 (un po 'caro per pochi minuti di visita).

Telefono : 00 34 971 721 549

ChiesaLa Chiesa del Buon-Aiuto (Església dels Socors / Iglesia del Socorro)
La Chiesa di Nostra Signora del Buon Aiuto fu costruito nel XV secolo. Il suo campanile è attribuita a Francisco de Herrera. La cupola è Plateresque.
CappellaLa Cappella della Santa Casa del Tempio (Casa Sagrada del Temple)
Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Casa Sagrada del Temple - Clicca per ingrandire l'immagineIl sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Casa Sagrada del Temple - Clicca per ingrandire l'immagineÈ la più antica cappella di Maiorca e si trova nella fortezza del Tempio.
Il Museo Diocesano
ChiesaLa Chiesa di San Girolamo (Església de Sant Jeroni)
Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Chiesa di San Girolamo - Clicca per ingrandire l'immagineLa chiesa di San Girolamo è il numero 1 Carrer de la Porta del Mar. La chiesa è stato costruito tra il 1651 e il 1669. Ha una sola navata divisa in quattro sezioni, con cinque cappelle rettangolari irregolari.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Chiesa di San Girolamo - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)

ChiesaLa Chiesa di Santa Chiara (Església de Santa Clara)
Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - Il monastero di Santa Clara (autore Marcus Roberts) - Clicca per ingrandire l'immagine in Flickr (nuova unghia)Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Chiesa di Santa Chiara - Clicca per ingrandire l'immagineIl primo riferimento al Monastero di Santa Chiara Palma risale al XIII secolo, sotto il regno di re Giacomo I d'Aragona. Nel 1256 Papa Alessandro IV ha dato il permesso per la creazione di un nuovo monastero a Palma, richiesto dalla clarissa suor Caterina, badessa del Monastero di Santa Maria de Tarragona, che ha voluto inviare un gruppo di suore, sull'isola di Maiorca di fondare un nuovo monastero. Alessandro IV ha inviato una lettera ai francescani di Maiorca, in cui ha incaricato di assistere in ogni momento i nuovi Clarisse prima di stabilirsi nella capitale di Maiorca. Il 13 gennaio 1260, il suore si trasferirono nel centro della capitale, su un terreno donato per la costruzione del loro monastero. L'edificio fu costruito sui resti di origine musulmana.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Chiesa di Santa Chiara - Clicca per ingrandire l'immagineCatalina Berenguer Guillermina e sua sorella appartenevano alla nobiltà, e questo ha permesso il monastero di crescere rapidamente. Nel corso dei secoli, il monastero è stato ristrutturato e ampliato, come prova di queste espansioni può ancora vedere portali accecati, ad arco, di costruzioni civili come la casa di famiglia Monzon. Nel XVII secolo, sono state apportate modifiche significative per sostituire la parte gotica post-rinascimentale e quasi barocco. Nell'anno 1837, le Suore Francescane del Convento dell'Immacolata Concezione di Olivier andato al monastero di Santa Chiara. Nel 2007, il processo è stato avviato per ripristinare completamente il monastero.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Chiesa di Santa Chiara - Clicca per ingrandire l'immagineLa chiesa attuale è la terza chiesa costruita per il convento. Date Il cancello del 1671 ed è l'architrave. Sono modellati Le gambe steli decorati con motivi vegetali, le orecchie e le facce. Il cornicione è un cornicione sormontato da un timpano spezzato al centro del frontone, un medaglione con un rilievo raffigurante l'immagine di S. Chiara. Sul lato sinistro della facciata è una torre quadrata costruita nel muro con tre corpi sporgenti.

La sala capitolare è del XVI secolo. Le quattro cappelle a sinistra sono di forma rettangolare con un soffitto a volta, quelli di destra hanno diversi piani e un soffitto a botte.

Sopra l'altare è una statua dell'Immacolata Concezione, e fondamentalmente, una statua di S. Chiara d'Assisi.

I corridoi del chiostro contengono le tombe gotiche di badesse.

Can Caldés
Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Can Caldès - Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia)La Can Caldes, al numero 3 nel Carrer d'en Caldés è una casa medioevale che è stato trasformazioni eclettici nel corso del XIX secolo e il restauro modernista agli inizi del XX secolo. Conserva i resti di una galleria gotica del XIV secolo con archi, il portale esterna decorata con punte di diamante.

Il sud-est del centro storico di Palma di Maiorca - La Can Caldès - Clicca per ingrandire l'immagine

Altri temiAltri temi

Filiazione dell'argomento
Isole Baleari > Maiorca > Contea di Palma > Palma > Centro storico > Nord-est
Argomenti più dettagliate
La vecchia città di Palma di Maiorca - Il Monastero Francescano
La vecchia città di Palma di Maiorca - I vecchi quartieri ebraici
Argomenti vicini
Cliccabile cartina del centro storico di Palma di Maiorca
La vecchia città di Palma di Maiorca - Il nord-ovest
La vecchia città di Palma di Maiorca - Il nord-est
La vecchia città di Palma di Maiorca - Il sud-est
La vecchia città di Palma di Maiorca - Il sud-ovest
La vecchia città di Palma di Maiorca - Ovest del Born
Argomenti più ampi
Accoglienza
Mappa interattiva della città di Palma di Maiorca
La vecchia città di Palma di Maiorca ed i suoi pati
La città di Palma a Maiorca - Il castello di Bellver
Il villaggio di Can Pastilla a Maiorca
Argomento precedente ] [ Argomento sopra ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, premete su questo legame per fare apparire i frammenti.