AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La vecchia città di Palma di Maiorca - Il nord-ovest

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Minorca] [Maiorca] [Ibiza] [Formentera] [Cabrera] [Pagina d'inizio] [Baleari] [Via Gallica]
Rubriche[Foto] [Presentazione] [Situazione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione generalePresentazione generale

SituazioneSituazione

VisiteVisite

SpazioLa Grande Piazza (Plaça Major)
Il nord-ovest del centro storico di Palma di Maiorca - Mistificazione mistica sulla Plaça Major. Clicca per ingrandire l'immagine.Il nord-ovest del centro storico di Palma di Maiorca - Mistificazione mistica sulla Plaça Major. Clicca per ingrandire l'immagine.Il Quartiere della Plaça Major è sede di molti edifici modernisti. Introdotto nel Baleari dagli architetti catalani, questo movimento architettonico ha acquisito slancio a Palma all'inizio del XX secolo.

La Plaza Mayor è anche il regno di animatori e fornitori che disperdono all'avvicinarsi della polizia.

MuseoIl museo d'arte spagnola contemporanea (Museu d'Art Espanyol Contemporani / Museo de Arte Español Contemporáneo)
Il nord-ovest del centro storico di Palma di Maiorca - Museo d'Arte Contemporanea. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il nord-ovest del centro storico di Palma di Maiorca - Museo d'Arte Contemporanea. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il museo d'arte spagnola contemporanea (Collection March) si trova nel centro storico di Palma, in uno stile regionale palazzo, che ha avuto origine nel XVII secolo. L'edificio era in origine una piccola locanda conosciuta come “Gallard Canyar„. È stato ricostruito e ampliato con l'aggiunta di un secondo terzo adiacente di proprietà del XVIII secolo, e poi è stato convertito due volte nel corso del XIX secolo : la prima volta a metà del secolo, di modernizzarlo, la seconda volta di 1897, quando la proprietà è stato tagliato da diversi metri di facciata di ampliare la strada di San Michele (Carrer de Sant Miquel).
L'edificio fu acquistato nel 1916 dal banchiere Joan Ordinas March, quando decise di lasciare la sua città natale, Santa Margalida, di venire a stabilirsi a Palma. Joan March chiese all'architetto Guillermo Reynes i Font (1877-1918) per ripristinare Gallard Canyar a fare la sua residenza nella capitale. L'architetto vive anche in un secondo progetto : la costruzione di uno svago Villa Sa Torre Cega, sulla costa di Capdepera, la cui moglie del banchiere, Melis Elionor Servera, è nato.
Il nord-ovest del centro storico di Palma di Maiorca - Scale del museo d'arte contemporanea. Clicca per ingrandire l'immagine.Il nord-ovest del centro storico di Palma di Maiorca - Scale del museo d'arte contemporanea. Clicca per ingrandire l'immagine.Il nord-ovest del centro storico di Palma di Maiorca - Scale del museo d'arte contemporanea. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il nord-ovest del centro storico di Palma di Maiorca - Museo d'Arte Contemporanea. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il nord-ovest del centro storico di Palma di Maiorca - Museo d'Arte Contemporanea. Clicca per ingrandire l'immagine.La ristrutturazione, che è stata completata nel 1917, volto a trasformare i piani superiori in residenza per la famiglia, e il piano terra in uffici per le attività dell'istituzione finanziaria Joan March. Ma non è stato fino al 1926 che l'edificio divenne la sede ufficiale della Banca March.

L'edificio fu poi oggetto di altre modifiche, la più importante nel 1990, quando divenne la sede della collezione d'arte contemporanea spagnola di Fondazione Joan March (Fundación Juan March). Questa trasformazione ha toccato l'intero edificio, con l'eccezione del cortile, con le sue scale, le camere al piano terra che ancora contengono uffici, facciate e tetti.

Il nord-ovest del centro storico di Palma di Maiorca - Museo d'Arte Contemporanea. Clicca per ingrandire l'immagine.Il nord-ovest del centro storico di Palma di Maiorca - Museo d'Arte Contemporanea. Clicca per ingrandire l'immagine.Questo ricco museo d'arte ospita una mostra permanente della collezione di Joan March composta da oltre 70 dipinti di 52 artisti spagnoli contemporanei come Salvador Dalì, Pablo Picasso, Joan Mirò, Juan Gris e altri artisti meno noti come Antonio López o Eduardo Chilida. Il museo dispone anche di una sala dedicata alla mostra di opere grafiche di Pablo Picasso. Il tour offre un interessante approccio all'arte in Spagna nel XX secolo dal surrealismo all'avvento delle nuove tendenze. Mostre temporanee delle tendenze attuali sono organizzate regolarmente.
Visita :

Museu d'Art Contemporani Espanyol - Fondazione Joan March

Carrer Sant Miquel, 11 (2 minuti a piedi dalla Plaça Major)

Telefono : 00 34 971 713 515

Sito sul web : www.march.es/arte/palma/

Aperto da lunedì a venerdì, dalle 10 alle 18:30 ; sabato dalle 10:30 alle 14. Chiuso domenica e festivi.

Ingresso gratuito.

La Fondazione Caixa (Fundacion Caixa)
La Plaça Weyler è dominata dal Gran Hotel, splendido edificio decorato la facciata di vetro, ferro e legno battuto. Questa bella villa, Lluis Domènech i Montaner lavoro ha appena subito un importante restauro che ha recuperato le sue forme stravaganti.

Il Gran Hotel includono Caixa fondazione che organizza mostre temporanee, oltre alla mostra permanente del pittore Anglada Camarassa.

Visita martedì al sabato, dalle ore 10 alle ore 21, domenica e festivi dalle ore 10 alle ore 14.

Prezzo : Ingresso gratuito.

Indirizzo : Gran Hotel - Plaza Weyler, 7

Telefono : 00 34 971 178 500

Patio Can Montaner o Can Morell de les Caputxines
Il Can Montaner, chiamato anche Can Morell de les Caputxines si trova al numero 11 Carrer de Caputxines.

Date questo palazzo gotico del XVI secolo, ma fu ricostruita nel XVII secolo e ristrutturato nel XVIII secolo, cancellando tutte le tracce che potrebbero tradire le sue origini medievali.

La porta principale, con un arco ribassato e un originale concavo, e uno stile barocco balcone nella parte superiore sono le caratteristiche della facciata principale. Il balcone è stato decorato con stemmi in centro che rappresenta la corona del marchese de Reguer e non è più visibile oggi. Nel portico si può vedere pilastri ottagonali. L'ingresso ha un soffitto con travi a vista e un arco basso che conduce al patio. Le voci più importanti nel patio sono lo scalone monumentale sulla destra, accessibile attraverso un altro arco, ed i capitelli delle colonne che rappresentano gli stemmi delle famiglie Amar e Muntaner.

Can Garau d'Aixartell
Can Garau d'Aixartell si trova in Carrer de Can Campaner al numero 1.

La casa Can Garau d'Aixartell appartiene allo stile medievale : bifore che si aprono su una delle facciate testimoniano. Nel XVI secolo, la casa apparteneva a Don Miquel Garau, le cui braccia visualizzata sopra la finestra dello studio. Miquel Garau sposato Margalida Aixartell : è proprio questa unione che ha il nome della casa.

Il patio è il risultato di eventuali interventi architettonici nel corso del tempo. Sui capitelli delle colonne, si vedono le braccia della famiglia Rossinyol.

PatioCan Ferrandell
La Can Ferrandell si trova in Carrer de Sant Jaume, al numero 3.

Prima del diciottesimo secolo, la Can Ferrandell era il palazzo del Gual-Moix. Nel 1790, era di proprietà di Josep Ferrandell, marchese de la Cova, campo correlato (Possessió) de Son Ferrandell a Valldemossa. Nel 1805, sua nipote, Francesca de Villalonga i Ferrandell, ha dato la casa il nome di Can Ferrandell. Nel 1788 sposò il militare Ramón González Maroto, ed è per questo motivo che la casa è talvolta chiamato Can Maroto.

L'interno dispone di una sala che risale al 1723, in cui ci sono colonne di marmo rosso di stile ionico, che sostengono archi ribassati e volte a coprire i quattro bordi, nonché la scala è qui, che si trova in la sala e non nel patio all'aperto. Patio Piazza, ristrutturata, conserva lo scudo di Ferrandell.

Nel 1954, la Can Ferrandell in fase di lavoro che deve essere convertito in un albergo, l'Hotel Born.

PatioCan Rullan
La Can Rullan è numero 4 del Carrer Sant Jaume.

La Can Rullan è l'ex palazzo del Marchese de Reguer, è stato costruito nel 1833 su progetto del maestro dell'architetto Bartomeu Ferra. È stato progettato come una villa in stile neo-gotico con un patio, e influenzato molte case in stile medievale a Palma e l'architettura gotico catalano. La Can Rullan era di proprietà dei Conti di San Simón, e la residenza della famiglia Reguer-Rullan.

Accesso al patio con l'ingresso con soffitto coperto. Il portale è tenuto il scudo di San Simón, che è rappresentato anche sui capitelli delle colonne. Nel patio, è possibile vedere archi ribassati, scale con ringhiere e pannelli traforati, e tutta una ricca ornamentazione ispirato dagli stili antichi, in particolare il bestiario medievale.

Dal 1990, Can Rullan è la sede della Fondazione Barceló.

La Fondazione Barcelo (Fundació Barceló / Fundacion Barcelo)
La Fondazione Barcelo occupa la Can Rullan, una bella villa di Maiorca della fine del XIX secolo.

Questa fondazione è stata creata dalla famiglia Barceló Oliver e la sua attività è diretta verso l'istruzione, la formazione e la ricerca in arte da un punto di vista didattico. Ospita una collezione di dipinti di Maiorca del XIX secolo e della prima metà del XX secolo.

Visita tutto l'anno (escluso agosto), dalle ore 9:30 alle ore 13:30 e dalle 16:30 alle 20.

Prezzo : Ingresso gratuito.

Carrer Sant Jaume, 4

Telefono : 00 34 971 722 467

PatioCan Iraola
La Can Iraola si trova in Carrer de la Gavarrera al numero 4.

Si tratta di una casa e di un patio di origine medievale, modificata nel XVII secolo e soprattutto nel XIX secolo, quando divenne proprietà della famiglia di origine basca, Iraola. Con il cancello esterno, con archi, si entra percorso di input, dimensioni ridotte, mantenendo il ritmo dei cortili più antichi. Travi poggiano su mensole di pietra che, con l'arco a sesto acuto, fanno riferimento al suo passato medievale, le case gotiche del quattordicesimo al quindicesimo secolo.

PatioCan Castelló
La Can Castello è al numero 12 della Carrer de la Concepció.

La casa è stata nel 1685 di proprietà del commerciante Onofré Barceló. Nel 1724, passò nelle mani del governatore genovese Carlo Fonticelli, che ha effettuato una ristrutturazione della casa e patio, con una chiara influenza italiana. Più tardi, lei è di proprietà francese Francesc Ascher, sposato con Francesca Fonticelli i Socíes. Nel corso del tempo, la casa ha cambiato le mani. Nel XIX secolo, passò nelle mani di Bartolomeu Castelló i sarda, erede Rosa Ascher i Fonticelli.

Il patio è un elegante set di archi e volte appiattiti, che si basano su colonne di marmo rosso di stile ionico. La scala, originariamente in due parti, è stato esteso nel corso di una trasformazione nel XIX secolo. L'aspetto modernista della facciata è il risultato di una ristrutturazione dell'architetto Jaume Alenyà nel 1909. Alla fine del cortile, c'è un giardino.

PatioCan Forteza del Sitjar
La Can Forteza del Sitjar è al numero 24 Carrer de la Concepció. Questo è un patio che è la tipologia tradizionale del XVII secolo. Nel XVI secolo, appartenne alla famiglia Safortesa, e nel 1685 divenne proprietà di Pere Antoni Quint-Safortesa. Secondo le stime di allora, la casa ha un valore di 1.800 lliures.

L'ingresso è caratterizzato da un soffitto, e l'insieme dei quattro archi ribassati poggianti su otto colonne semi-allegati di arenaria. Attraverso il patio, ci sono interessanti elementi decorativi come carasses, d'acanto e distintivi sui capitelli delle colonne foglie.

Attualmente è la sede del Collegio Suore Trinitarie : il resto dell'edificio ha subito alcune importanti trasformazioni per adattarsi a questo uso scolastico.

ChiesaLa Chiesa Parrocchiale di San Giacomo (Església de Sant Jaume / Iglesia de San Jaime)
PatioCal Comte de San Simón
Cal Comte de San Simón si trova in Carrer de Sant Jaume, al numero 7.

Questo palazzo fu costruito nella metà del XIX secolo, tra il 1854 e il 1856 in termini di Miquel Ferrà i Font, come la residenza di Luis de San Simón i Orlandis, conte di San Simón. La casa è stata costruita sulle fondamenta di una vecchia casa appartenente alla famiglia Orlandis XVII secolo, eredi di una nobile famiglia del nativo trecentesca di Pisa, e fuggì a Majorca alla fine del XV secolo, fuggendo i Fiorentini. Nel 1803, Josepa Orlandis de Cornelles sposò Louis de Saint-Simon, Comte francese installato a Maiorca nel 1795, fuggendo la Francia rivoluzionaria, e padre di Luís de San Simón i Orlandis.

Lo stile neo-rinascimentale all'esterno, ha una tradizione unica nel patio di Maiorca, e riflette una forte influenza francese. L'elegante finestra palladiana, colonne scanalate dello stile ionico, lasciando il posto a una scala imperiale, in marmo bianco. Sul balcone centrale si può vedere il scudo di San Simón.

Nel 1872 l'arciduca Luis Salvador afferma che "la casa è costruita di rosso e nero Mallorca marmo, soprattutto Artà e Binissalem. "

Can Tacon
La Can Tacón si trova al numero 11 Carrer de Sant Jaume.

Nel XVI secolo, la casa era di proprietà della famiglia Gual-Desmur. Nel XIX secolo, il Can Tacón apparteneva al Capitano Generale di Maiorca, Miquel Tacón i Rosique, che era duca dell'Unione di Cuba tra il 1843 e il 1847, da cui deriva il suo nome. La casa, di origine gotica, conserva elementi strutturali decorativi di epoche diverse, in particolare le sette bifore gotiche, archi appiattiti Rinascimento e altri elementi del XIX e XX secolo.

Altri temi

Filiazione dell'argomento
Isole Baleari > Maiorca > Contea di Palma > Palma > Centro Storico > Nord-ovest
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Cliccabile cartina del centro storico di Palma di Maiorca
La vecchia città di Palma di Maiorca - Il nord-ovest
La vecchia città di Palma di Maiorca - Il nord-est
La vecchia città di Palma di Maiorca - Il sud-est
La vecchia città di Palma di Maiorca - Il sud-ovest
La vecchia città di Palma di Maiorca - Ovest del Born
Argomenti più ampi
Inizio
Mappa interattiva della città di Palma di Maiorca
La vecchia città di Palma di Maiorca ed i suoi pati
La città di Palma a Maiorca - Il castello di Bellver
Il villaggio di Can Pastilla a Maiorca
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.