AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

Le fortificazioni di Dubrovnik in Croazia - Fortificazioni marittime

[Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

SituazioneSituazione

Al sud della città, i rifugi del lato del mare, si estendono dal forte Bokar all’ovest alla fortezza San Giovanni al sud, ed alla fortezza Ravelin del lato della terra.
Viste da fortezza Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine.Viste dal mare. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).

VisiteVisite

Lo scopo di questi rifugi era di aiutare a difendere la città di attacchi dal mare, particolarmente quelle della repubblica di Venezia, che si considerava spesso come una minaccia alla sicurezza di Ragusa.
. Clicca per ingrandire l'immagine.Viste da fortezza Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
I rifugi marittimi, che si ergono direttamente sopra le rocce, sono meno spessi che del lato delle terre: queste pareti hanno da 1,5 a 5 metri di spessore secondo la loro posizione e la loro importanza strategica.
. Clicca per ingrandire l'immagine.Viste dal mare. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Viste da fortezza Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine.
Le pareti sono punteggiate di giri rettangolari, di guardiole e di canonnières (ne ce n’erano 120 per proteggere la città dei assaillants).
Viste dal mare. Clicca per ingrandire l'immagine.Fortificazioni marittime viste dalla barca di Cavtat. Clicca per ingrandire l'immagine.Forte bokar visto da fortezza Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Sulla sinistra, si borda la parte più vecchia della città, all’architettura disordinata; si nota a quale punto le case e le viuzze vi sono embricate in un labirinto tortueux, lontano dalla geometria della parte del nord. È qui, in ciò che era una isola rocciosa, che fu fondata qualsiasi prima città, quella che ha preceduto l’arrivo dei Romani, che possedeva già rifugi potenti al IXe secolo.
Per quanto riguarda il mare, osservando sulla balaustra, si scorge la statua omnipresente di Biagio santo, che monta la guardia.
Roccaforte San Stefano. Clicca per ingrandire l'immagine.
Al sud, prende forma la isola di Lokrum.
Viste da fortezza Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine.Viste da fortezza Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine.Viste dal mare. Clicca per ingrandire l'immagine.
La torre Puncjela
Giro Puncijela. Clicca per ingrandire l'immagine.Il primo giro che si incontra, dopo la porta di pila, è il giro Puncjela che offre una bella vista, a destra, sulla fortezza San Lorenzo.

Il suo nome di Puncjela proviene dall’italiano “pulzelle„, vergini, poiché il giro è vicino del monastero di clarisses Sainte Claire dove erano istruite le giovani donne di Ragusa.

La costruzione di questo giro rettangolare fu intrapresa in 1305, ma non completata prima di 1350. In 1463, fu rafforzata dalla costruzione di una parete spessa esterna e di una cortina inferiore.

Nella parte superiore del giro si trova una piccola cappella incurvata, ricordare della vecchia chiesa San Biagio che era situata a questo posto prima della costruzione di questa parte dei rifugi.

Viste da fortezza Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La torre Puncijela e Fort Bokar. Clicca per ingrandire l'immagine.Giro Puncijela. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La torre Kalarinja
Situato oggi in ritiro del forte Bokar, il giro Kalarinja deve il suo nome al primo porto di Ragusa, il piccolo porto Kalarinja, che proteggeva.
Forte Bokar visto dalla fortezza Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Viste da fortezza Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Port Kalarinja. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Forte Bokar (Tvrđava Bokar)
Forte Bokar. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).La seconda fortificazione è forte Bokar (XVe secolo) situato sotto il giro Kalarinja. Si considera forte Bokar, spesso chiamato “Zvjezdan„, come un esempio fra i più bei d’architettura di fortificazione armoniosa e funzionale. Tondo e massiccio, con belle corniches in pietre, il forte è stato costruito secondo i piani di Michelozzo Di Bartolomeo tra 1461 e 1570, mentre i muri sono stati ricostruiti (da 1461 a 1463).

Il forte riposa in parte su una roccia separata della terra ferma, e collegata a questa da volte. L’interno di molto comprende casemates per cannoni ed un deposito di munizioni.

Forte bokar. Clicca per ingrandire l'immagine.Forte Bokar visto dalla roccia Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine.Forte bokar. Clicca per ingrandire l'immagine.
Forte Bokar costituisce uno dei quattro punti forti del recinto, con la fortezza San Giovanni, la fortezza Ravelin e la fortezza Minčeta.
Fortificazioni marittime. Clicca per ingrandire l'immagine.Viste da fortezza Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Forte Bokar visto dalla fortezza Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Situato all’estremità occidentale della città, forte Bokar era destinato, con la fortezza Lorenzo che gli fa faccia, alla difesa dell’entrata rinforzata occidentale della città, il ponte ed il canale della porta di pila.
Fort Bokar e Forteresse Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Fort Bokar e Forteresse Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Forte bokar. Clicca per ingrandire l'immagine.
Come la maggior parte dei rifugi, forte Bokar prese il suo aspetto attuale soltanto dopo il sisma di 1667. Le diverse tabelle visibili nei musei della città danno un’idea del suo aspetto precedente.
Forte Bokar visto dall'square Brsalje. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Forte Bokar visto dal giro Puncijela. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Viste da fortezza Lorenzo. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Numerosi cannoni d’epoca ancora vi sono conservati.

Oggi, i suoi spazi somptueux fungono da decorazione alla manifestazione culturale del festival d’estate di Dubrovnik.

Statua di Biagio santo sul forte Bokar. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Forte Bokar visto dal giro Puncijela. Clicca per ingrandire l'immagine.Forte Bokar. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La torre Santa Maria (Sveta Marija)
Giro Santa Maria. Clicca per ingrandire l'immagine.
Le roccaforti
Si incontra inizialmente la roccaforte Mrtvo Zvono, seguita da quelli di margherita santa (Sveta Margarita), Etienne santo (Sveti Stjepan) e risparmiatore santo (Sveti Spasitelj).
Viste dal mare. Clicca per ingrandire l'immagine.Viste dal mare. Clicca per ingrandire l'immagine.
La roccaforte della campana morta (Tvrđava Mrtvo Zvono)
La prima roccaforte che si incontra è la roccaforte Mrtvo Zvono, del XVIe secolo, così chiamato roccaforte San Pietro (Tvrđava Svetog petra).

La roccaforte della campana morta deve il suo nome alla campana della chiesa vicina Saint Lorenzo, che suonava soltanto per i funerali.

Roccaforte San Pietro. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Rifugi marittimi. Clicca per ingrandire l'immagine.Roccaforte San Pietro. Clicca per ingrandire l'immagine.
La torre della stella (Zvijezda)
Giro della stella. Clicca per ingrandire l'immagine.
La roccaforte santa margherita (Sveta Margarita)
Roccaforte margherita santa. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Roccaforte margherita santa. Clicca per ingrandire l'immagine.
Roccaforte margherita santa. Clicca per ingrandire l'immagine.Roccaforte margherita santa. Clicca per ingrandire l'immagine.Rue Od Margarite dietro la roccaforte santa margherita. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La roccaforte San Stefano (Sveti Stjepan)
Roccaforte San Stefano. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Roccaforte San Stefano. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Roccaforte San Stefano. Clicca per ingrandire l'immagine.
La roccaforte San Salvatore (Sveti Spasitelj)
Roccaforte San Salvatore. Clicca per ingrandire l'immagine.
La fortezza San Giovanni (Tvrđava Sveti ivan)
All’opposto della fortezza della Ravelin, al nord della baia, la fortezza San Giovanni, sostenuta dal giro San Luca, proteggeva il vecchio porto al Sud-Est contro i pirati ed altre barche ostili che vengono dal mare.

Con i marciapiedi di sbarco delle merci, le due porte che conducono nella città ed il arcades sotto le quali si costruivano le navi, il vecchio porto era infatti la parte più vulnerabile della città, dove, inoltre, i rifugi erano i meno elevati.

Fortezza vista dalla barca per Lokrum. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Fortezza San Giovanni. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Fortezza San Giovanni. Clicca per ingrandire l'immagine.
Per una nazione di marinai, era particolarmente vitale proteggere il porto e l’accesso ai cantieri navali. È ciò che spiega l’importanza della fortezza San Giovanni e la complessità del dispositivo che lo associa al giro San Luca di fronte, ed all’ampio frangiflutti (che rallentava anche l’approccio del nemico e lo esponeva al TIR dei cannoni). La fortezza San Giovanni era la principale fortificazione della difesa del porto ed una delle fortificazioni più importanti della difesa della città.
Fortezza San Giovanni. Clicca per ingrandire l'immagine.La diga Kaše vista dalla fortezza San Giovanni. Clicca per ingrandire l'immagine.Fortezza San Giovanni. Clicca per ingrandire l'immagine.
La fortezza San Giovanni, precedentemente chiamata giro della talpa (Tvrđava Mulo), fu costruita in quattro tappe tra 1346 e 1557. Il primo giro è stato costruito su questa posizione in mezzo al XIVe secolo, e fa oggi parte integrante della fortezza - i suoi contorni sono ancora visibili nella parete occidentale della fortezza. Ma la fortezza è stata modificata più volte nel corso del XVe e XVIe secoli, poiché si può vedere sul trittico dipinge da parte del pittore Nikola Božidarević, visibile al monastero domenicano. Durante molti decenni, la fortezza sarà allargata, aumentata, ricostruita, prima di sposare al XVIe secolo la sua forma semicircolare attuale ed il suo passo monumentale che gli conferiscono tutti i suoi elementi.
Fortezza San Giovanni. Clicca per ingrandire l'immagine.Fortezza San Giovanni. Clicca per ingrandire l'immagine.Fortezza San Giovanni. Clicca per ingrandire l'immagine.
Sempre prudente al segno inferiore del pericolo, gli abitanti di Ragusa hanno preso la pratica di chiudere interamente l’entrata nel porto la notte con catene pesanti tese tra la fortezza San Giovanni e la diga Kaše.

Oggi molto ripara tre musei: l’acquario, un museo etnografico ed il museo marittimo.

Fortezza San Giovanni. Clicca per ingrandire l'immagine.Fortezza San Giovanni. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Fortezza vista dalla barca per Lokrum. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Il museo marittimo (Pomorski muzej)
Il museo della marina occupa i piani della fortezza San Giovanni; è un museo etnografico e marittimo, nel quale quattro sezioni sono dedicate al periodo della repubblica marittima, all’età del vapore, alla seconda guerra mondiale ed alle tecniche di navigazione a vela.

Al primo piano, il fondo spiega la storia e la dimensione della marina della repubblica di Ragusa, che spiega la colonizzazione progressiva della costa adriatica, che dura l’antichità ed il medioevo, fino al massimo della città, al XVIe secolo.

Più attraente, il secondo piano presenta la storia della marina mercantile ragusaine al xixo e xxo secolo, attraverso modelli splendidi degli ultimi grandi velieri, di cui quelle di galeoni e di galéasses, barche a vela ed a rami che hanno fatto la notorietà della flotta di Ragusa, ed anche di navi a vapori e dei primi vapori della flotta austro--ungherese del xixo secolo.
Museo marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.Museo marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.Museo marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.
Museo marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.Modello, gingillato marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.Modello, gingillato marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.
Si scopre il quotidiano del bordo tramite oggetti usuali, tali di belle casse di marinaio in legno dipinge, una farmacia portatile di bordo ed una folla di strumenti di navigazione.
Cassa di capitano, gingillata marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.Attrezzi di carpentiere, gingillata marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.Barometro, gingillata marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.
Tabelle, gingillata marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.Tabelle, gingillata marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.Tabelle, gingillata marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.
Carta, gingillata marittima. Clicca per ingrandire l'immagine.Carta, gingillata marittima. Clicca per ingrandire l'immagine.
Entrata del museo marittimo. Clicca per ingrandire l'immagine.Museo marittimo (Pomorski muzej)

Fortezza San Giovanni (accesso con la viuzza di fronte alla cattedrale).

Visita di giugno a settembre, tutti i giorni di 9:00 a 18:00; in inverno, da ottobre ad aprile, tutti i giorni eccetto domenica di 9:00 a 14:00

Entrata pagante: 35 kunas.

L’acquario (Akvarij)
Oltre alle specie della flora e della fauna acquatiche del mare adriatico (orate, bar, mérous…) distribuito in 34 acquari, questo spazio, situato al piano terra della fortezza San Giovanni, permette di scoprire le sue volte impressionanti.

Al piano terra della fortezza San Giovanni (accesso da parte di Kneze Damjana Jude). La visita si effettua in una freschezza delle più apprezzabili in estate!

Visita: da maggio ad ottobre, di 9:00 a 19:00 (di 9:00 a 21:00 in estate); da novembre ad aprile, da 9:00 a 13:00 sicuro domenica e giorni festivi.

Entrata pagante: 35 kunas.

La torre San Domenico
Giro San Domenico. Clicca per ingrandire l'immagine.
La torre San Luca (Tvrđava Sveti Luka)
Dell’altro lato, all’est, il porto è protetto dal giro San Luca (Sveti Luka), una dei più vecchi giri della città che sono conservati, che datano del XIIIe secolo.

Prima della costruzione della diga Kaše, la catena pesante che chiudeva ogni sera l’entrata del porto era tesa tra la fortezza San Giovanni e Tour San Luca.

Dopo il giro San Luca, si trova la porta di Ploče, e, dell’altro lato della passerella, la fortezza del Ravelin.

Vecchio porto. Clicca per ingrandire l'immagine.Giro San Luca. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).

InformazioniInformazioni pratiche

Generalità
HotelHotel
RistorantiRistoranti
Il caffè Buža
Caffè Buža. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Il caffè Buža è un piccolo caffè installato sulle rocce fuori dei rifugi marittimi. Ci si accede da rue de Marguerite (Ulica od Margarite) dietro la roccaforte santa margherita, passando per un foro (buža signifie “le trou„) nelle fortificazioni della città.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Le fortificazioni di Dubrovnik in Croazia - Fortificazioni marittime
Le fortificazioni di Dubrovnik in Croazia - il porto
Le fortificazioni di Dubrovnik in Croazia - Fortificazioni dell'ovest
Le fortificazioni di Dubrovnik in Croazia - Fortificazioni del nord
Le fortificazioni di Dubrovnik in Croazia - Fortificazioni dell'est
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva della città di Dubrovnik in Croazia
La città chiusa di Dubrovnik in Croazia
Le fortificazioni di Dubrovnik in Croazia
La città moderna di Dubrovnik in Croazia
L'isola di Lokrum in Croazia
Le isole Elaphites in Croazia
Il villaggio di Zaton in Croazia
Il villaggio di Trsteno in Croazia
Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.