AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Baška Voda in Croazia

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d'inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Scudo di Baska Voda. Clicca per ingrandire l'immagine.Baška Voda è una piccola città costiera della Croazia, di circa 3000 abitanti.

Questo vecchio porto di pesca è diventato soprattutto una destinazione turistica, in particolare dalla costruzione nel 1968 della strada nazionale croata (Magistrala). È la importante stazione, in termini di numerosi turisti, di riviera di Makarska.

Baška Voda è anche un municipio che comprende cinque villaggi: Bast, Baska Voda, Bratus, Krvavica et Promajna. Il municipio fa parte della contea di Split-Dalmazia, cioè la Dalmazia centrale.

Baška Voda al piede del Biokovo. Clicca per ingrandire l'immagine.Bâška Voda beneficia di attrazioni turistiche importanti: oltre alle sue spiagge ed il suo porto, che dà accesso alle isole molto vicine a Brač e a Hvar, possiede una parte posteriore paese propizio alle escursioni nella natura preservata del parco naturale del Biokovo.

Il suo clima è più i piacevoli: i principali venti della regione sono la bora, il sirocco (il vento del sud) ed il mistral. La bora, il vento del Nord-est, soffia in colpi di vento tempestosi del Nord-est e rinfresca l'aria ambientale, che rende la temperatura più piacevole, e migliora la visibilità.

I promotori del turismo locale gradiscono citare un grande medico, il dott. Anđelo Antun Frari, che, in 1840, descriveva Baška Voda come:

“… un luogo dove tutto respira la vita e la forza, dove anche morendoli ressuscitent. „
EtimologiaEtimologia
Il toponyme di Baška Voda ha probabilmente un'origine mitologica che proverrebbe da Biston, il fondatore mitico della tribù bellicosa thrace del Bistones. Biston era il figlio di are, il dio greco della guerra (marzo per i Romani), e della dea Kallirrhoè (καλλί-ρρόη, “alla bella corrente„), protettiva delle acque. Simboli di queste divinités sono visibili vicino alla fonte di Baška Voda.

Voda significa “acqua„ in croato.

In italiano, Baška Voda si nominava del resto Porto Bestonio.

SituazioneSituazione

Baska Voda al piede del Biokovo (autore Ostrovski Vladimir di Kiev). Clicca per ingrandire l'immagine.Baška Voda e Brela. Clicca per ingrandire l'immagine.
Baška Voda è situato nella parte occidentale molto del turistico “Riviera de Makarska„ a 9,5 km al Nord-ovest della città di Makarska in Dalmazia centrale.

La città si trova sul litorale dell'Adriatico, al piede del supporto San Elia (Sveti Ilija) (1640 m) nel massiccio maestoso del Biokovo.

Baška Voda si trova a 50 km al Sud-Est della città di Split, ed a 170 km al Nord-ovest di quella di Dubrovnik.

Coordinate geografiche:

latitudine 43° 21 ' N; longitudine 16° 57 ' E.

Biokovo che predomina Baška Voda. Clicca per ingrandire l'immagine.

VisiteVisite

Piano di Baska Voda. Clicca per ingrandire l'immagine.Port (autore Ostrovski Vladimir di Kiev). Clicca per ingrandire l'immagine.Il monte San Elia sopra Baška Voda. Clicca per ingrandire l'immagine.
La costa al nord di Baška Voda. Clicca per ingrandire l'immagine.Baška Voda e Brela. Clicca per ingrandire l'immagine.Baška Voda visto dal mare. Clicca per ingrandire l'immagine.
La chiesa San Lorenzo (Crkva Sveti Lovro)
Chiesa San Lorenzo (autore Ostrovski Vladimir di Kiev). Clicca per ingrandire l'immagine.La chiesa San Lorenzo (Crkva Svetog Lovre) è una chiesa di stile barocco tardivo costruita in 1750; occupa probabilmente la posizione di costruzioni religiose più vecchie.

Il giorno di San Lorenzo - il 10 ottobre - si tiene a Baška Voda un festival “di klapa„, i bordi del bordo di mare della regione di Makarska.

La chiesa San Nicola (Crkva Sveti Nikola)
Chiesa San Nicola (autore Ostrovski Vladimir di Kiev). Clicca per ingrandire l'immagine.La chiesa San Nicola (Crkva Svetog Nikole) fu terminata e dedicata in 1889 per sostituire la chiesa San Lorenzo diventata troppo piccola per accogliere la popolazione sempre più numerosa Baška Voda. È una chiesa di stile neo-roman dedicato a Nicolas santo, il proprietario santo della città. La chiesa possiede molto un bello campanile.

La chiesa è il teatro di feste religiose come la processione del venerdì santo e la festa del San Nicola - il 6 dicembre.

Un centinaio di anni dopo la sua costruzione, la chiesa San Nicola fu interamente rinnovata e ricevuta di vitraux preziosi, opere di Josip Botteri Dini (1987), e delle tabelle del cammino di La Croix realizzate da Josip Biffel (1989).

Il quadrato della chiesa ripara un monumento dedicato al Bienheureux cardinale Alojzije Stepinac (1898-1960), martire croata del regime socialo-comunista “iugoslavo„; è un'opera di Domagoj Kaan (2009).

La chiesa San Rocco (Crkva Sveti Roko)
La chiesa San Rocco data del XVe secolo.
Le rovine di Gradina
Oggetti archeologici trovati a Gradina. Clicca per ingrandire l'immagine.La ragione principale della colonizzazione della regione di Baška Voda fu la presenza di una fonte d'acqua potabile (voda significa acqua), situata sulle altezze di Gradina, al centro della località attuale. Il possesso di questa fonte dava luogo a numerosi conflitti oppositori varie tribù: la colonia dut essere rinforzato, con rifugi di pietre secche, per proteggere la fonte.

Le vestigia di questa colonia sono ancora visibili e scoperte archeologiche importanti hanno potuto esservifatte. Si tratta in particolare di località di sepoltura di scrutinio, di lampade, di gioielli, di parti di valuta all'effigie di Alexandre Sévère Aurélien (221-235 dopo J. - C.) e di lapidi che portano i nomi di tredici dei primi abitanti di Baška Voda; la più bella commemora un giovane ragazzo chiamato Ursinus, morto in un naufragio tra 100 e 150 dopo J. - C.

Il Porto
Precedentemente villaggio di pescatori e di marinai, Baška Voda è diventato una città turistica ed il porto, un porto turistico; molte barche di pesca sono state convertite in barche d'escursione verso le isole vicine a Brač e a Hvar.
Il porto. Clicca per ingrandire l'immagine.Il porto. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Port. Clicca per ingrandire l'immagine.
Port. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Port. Clicca per ingrandire l'immagine.Port. Clicca per ingrandire l'immagine.
La statua di San Nicola
Statua di Nicolas santo. Clicca per ingrandire l'immagine.All'entrata del porto, la statua in bronzo di Nicolas santo accoglie i viaggiatori che vengono dal mare. San Nicola, proprietario santo dei marinai e dei viaggiatori, è anche il protettore della città di Baška Voda.

La statua è un'opera di Mladen Mikulin (1998).

Statua di Nicolas santo (autore Ostrovski Vladimir di Kiev). Clicca per ingrandire l'immagine.

Le spiagge
La spiaggia di Baška Voda. Clicca per ingrandire l'immagine.La spiaggia. Clicca per ingrandire l'immagine.La passeggiata costiera al sud di Baška Voda. Clicca per ingrandire l'immagine.
Randonnées a Baška Voda
Piano dei dintorni di Baska Voda. Clicca per ingrandire l'immagine.Vedere gli itinerari di escursioni alla pagina Riviera de Makarska.
Il villaggio di Bast
Il piccolo villaggio di Bast è situato a 2 km all'est di Baška Voda; Bast è nidificato al piede del supporto San Elia attorno ad una fonte d'acqua dolce. Il toponyme di Bast proverrebbe da Biston (vedere alla rubrica etimologia).

Questo villaggio è all'origine dell'repeuplement di Baška Voda: alla fine del xviio secolo, dopo l'espulsione degli ottomani (1684), i suoi abitanti lasciarono le pendenze della montagna e scesero sulla costa.

Bast possiede una chiesa del XVe secolo, la chiesa San Rocco di stile gotico, ed una chiesa di stile barocco tardivo, la chiesa dell'assunzione di Marie vergine, che data di 1636.

Il villaggio di Promajna
Il villaggio di Promajna si trova a 4 km al Sud-Est di Baška Voda. Il villaggio è predominato dal campanile della chiesa di tutti i santi che data del 1999.
Biokovo che predomina Baška Voda. Clicca per ingrandire l'immagine.Il villaggio di Promajna. Clicca per ingrandire l'immagine.Tra Baška Voda e Promajna. Clicca per ingrandire l'immagine.

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

StoriaStoria
Tabula peutingeriana. Clicca per ingrandire l'immagine.Nell'antichità si trova, alla posizione di Baška Voda, la località di Aronia: la tavola di Peutinger cita l'esistenza di una città chiamata Aronia a questo posto. La tavola di Peutinger (Tabula Peutingeriana) è una copia del XIIIe secolo di una vecchia carta romana dove appaiono le strade e le città principali dell'impero romano.

Nell'antichità tardiva, della fine del IVe al VIIe secolo, la località di Gradina è scossa dalle aperture dei popoli barbari di Avars.

Al VIIe secolo, gli slavi si afferrano della località e questa cessa di esistere.

Nel corso del millennio seguente nessuna traccia di vita organizzata esiste lungo la costa. È probabile che solo pastori vi vengono, che portano le greggi a bere alla fonte.

Alla fine al xviio secolo, quando la minaccia dei pirati prende fine e dopo che gli ottomani sono cacciati (1684), la popolazione torna sulla costa e stabilisce gradualmente una nuova colonia, Baška Voda.

Baška Voda è citato per la prima volta in 1688, sotto il nome “di Basca„, sulla carta geografica di Vincenzo Coronelli, come piccolo villaggio vivo dell'agricoltura e della pesca.

InformazioniInformazioni pratiche

Tempo e previsioni
L'Ufficio di turismo
Indirizzo: Obala sv. Nikole 31, HR-21320 Baška Voda

Telefono: 00.385.620 713

Escursioni in mare
Escursioni in mare, tipicamente a destinazione dell'isola di Hvar (Jelsa) e dell'isola di Brač (ciotola), sono organizzate alla partenza di Baška Voda.
Escursione in mare. Clicca per ingrandire l'immagine.Escursione in mare. Clicca per ingrandire l'immagine.
HotelHotel
RistorantiRistoranti
“Il peka„ del Biokovo
Peka del Biokovo. Clicca per ingrandire l'immagine.Carni diverse con patate cucinate sotto “il peka„, un coperchio di ferro sotto forma di campana, che si copre di braises.

Si mettono in una stufa speciale i pezzi di carne di vitello, d'agnello e di pollo, delle salsiccie del paese e delle patate pelate. Fornisce l'insieme con pezzi di prosciutto dalmate, della cipolla tagliata in dischi e delle foglie di lauro; si copre la totalità con “il peka„, che si copre di braises e si fa cucinare la carne durante un'ora e metà. Il piatto è servito con un'insalata verde.

Ingredienti (per 6 persone): ½ kg di carne d'agnello, ½ di pollo di fattoria, ½ kg di carne di vitello, 3 paia di salsiccie del paese, 200 g di patate pelate, ½ di cavolo, 1 cipolla, sale e pepe, 1 dl di brodo di bue.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell'argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
La città di Brela in Croazia
La città di Baška Voda in Croazia
La città di Makarska in Croazia
Argomenti più ampi
Inizio
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo la Dalmazia centrale (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo Zagora dalmate (PDF)
La contea di Split-Dalmazia in Croazia - opuscolo isole (PDF)
La città di Split in Croazia
Il fiume Cetina in Croazia
La città di Omiš in Croazia
Riviera di Makarska in Croazia
Il parco naturale del Biokovo in Croazia
L'isola di Brač in Croazia
L'isola di Hvar in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.