AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

L'isola di Symi in Mare Egeo

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Grecia] [Via Gallica]

RubricheRubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

FotografieFotografie

L'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
L’isola di Symi
L'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.Port de Gialos sull'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.Symi Syme o Simi, (Σύμη) è una delle isole greche più pittoresche e le tradizionali, di cui la maggior parte delle vie è scale. È un’isola charmante e molto pacifica la cui attività principale è la pesca, nonostante una frequenza turistica sempre più importante.

L'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.

SituazioneSituazione

Immagine satellitare dell'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.L’isola di Symi è situata al nord del Rodi, a 41 chilometri del porto di Mandraki per barca (meno di 2 ore), ed a 425 chilometri del Pireo. La barca di Rodi porta ogni giorno un gruppo di turisti, ma questi ripartono in generale la sera stessa.

È molto vicina alle coste turche della Asia minore, ad una quindicina di chilometri.

Coordinate: latitudine: 36.616217 (36° 36 ’ 58.4„) N; longitudine: 27.837467 (27° 50 ’ 14.9„) E

VisiteVisite

La città di Symi
L'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.Il capoluogo dell’isola è un miracolo d’armonia e di bellezza. Questo villaggio in anfiteatro sopra il mare comprende due parti: la zona del porto, Gialós, dinamico e colorato, e la città alta, Chorió, sulla collina.

L'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.La capitale ha conservato le sue belle case tradizionali di fattura neoclassico italiana, ai colori pastello bianchi, gialli, ocre… e tetti di piastrelle. Sono classificate dal ministero greco della cultura: in questo modo nessun’opera muraria sgraziata viene a rompere questo montaggio splendido.

La città è protetta da una commissione archeologica.

Il porto di Gialos
Il porto di Gialos sull'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.Il porto di Gialos si situa in fondo ad una baia profonda.

Una torre dell’orologio (1884) si erge sul lato del nord del porto, dove arrivano le traversate marittime.

Il porto di Gialos sull'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.

La maggior parte delle case neoclassici di Gialós, caratterizzate da facciate al frontone, data del xixo secolo ed è a volte restata disabitata durante molti decenni. Ma oggi sono gradualmente restaurate, in particolare da insulari espatriati che desiderano possedere nella loro isola d’origine una residenza secondaria, o trasformate in residenze di vacanze, piccoli hotel di stile, locande e depositi. Rulli graziosi neri e bianchi lastricano i posti e le viuzze.

Polo turistico dell’isola, il porto di Gialos raccoglie la maggior parte dei commerci, ristoranti ed hotel.

A Gialós si trova anche uno degli ultimi cantieri navali dell’isola.

L'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.L'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.Port de Gialos sull'isola di Symi al crepuscolo. Clicca per ingrandire l'immagine.
La città alta (Horio)
Chiesa della città alta dell'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.Si può montare alla città alta con una scala di 500 marce (Kali Strata, che parte dallo Platia tis Skala), inquadrata di residenze neoclassici del xviiio e xixo secolo, che conduce del porto di Gialos alle altezze di Chorio; al termine questo di scalata, ci si può riposare sotto la vite a spalliera di per quanto riguarda piccolo museo.

La vecchia città circondava il castello ed è soltanto recentemente che si è estesa in direzione del porto.

Il vecchio borgo di Chorió forma un labirinto di viuzze calme e chiare, bordate di case modeste. Con la loro architettura asimmetrica, più vecchie ancora che quelle di Gialos, le belle case di Chorió, ai colori pastello su fondo di verde (bougainvillea, cipresso), ricordano quelle delle Cicladi, ma le loro porte e le loro finestre sono spesso decorate di elementi decorativi neoclassici e gli interni conservano belle lavorazioni del legno scolpite. A lungo abbandonate, alcune fra esse sono state restaurate.

Fra gli edifici più interessanti di Chorió, citiamo la farmacia del xixo secolo, la casa rinforzata di Chatziagapitos, le chiese, decorate di mosaici di rulli, e soprattutto Kastro, costruisce con blocchi vecchi. Contiene la più bella chiesa del villaggio, Mégala Panaghia, decorata di begli affreschi e di icone.

Il castello
Coronando la collina, “il castello dei cavalieri„ è stato costruito dai cavalieri ospedalieri sulla posizione di un forte bizantino. Offre una bella vista sulla città e sul mare.

Nel 1309, i cavalieri scaricarono nell’isola e costruirono questo castello su una collina che predomina il porto da un lato ed una valle fertile dell’altra. Il castello fu rafforzato dal Grand Dott. Émery di Amboise nel 1507 dall’aggiunta di una roccaforte circolare.

Fu rigorosamente danneggiato durante la seconda guerra mondiale, e la sua entrata e la parte superiore del castello sono scomparse.

Il porto è invisibile dall’ampio ed i cavalieri conservavano una flotta di navi leggere per le loro spedizioni. Un piccolo arsenale costruiva e riparava queste navi, e, così, gli abitanti di Symi t la reputazione di carpentieri di marina fino all’inizio del xxo secolo.

Vista sul castello dell'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.Rovine del castello dell'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.Rovine del castello dell'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Chiesa nel castello dell'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.I blasoni dei Grands Dott. Zacosta e Milly che decoravano la parte superiore del castello sono stati smantellati durante la guerra ed incorporati nelle pareti della chiesa che si trova nelle rovine del castello.

Blasoni del castello. Clicca per ingrandire l'immagine.

Il villaggio di Panormitis
Vedere il villaggio di Panormitis.
La baia ed il villaggio di Emporios
Villaggio di Emporios sull'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.Molto in una bella località, il porto di Emborios, vecchio porto commerciale dell’isola, invita al relax ed ai piaceri della balneazione.

Situato a 4 km all’ovest di Symi (1 h 30 AR a piedi da un cammino grazioso costiero o in barca-taxi da Symi (di 10:00 a 14:00, di 16:00 a 18:00).

Coordinate: latitudine: 36.622692 (36° 37 ’ 21.7„) N; longitudine: 27.814293 (27° 48 ’ 51.4„) E

Il porto di pesca e la spiaggia di Pedi
Molto animata in estate, la spiaggia di sabbia attigua al porto è piacevole.

Situato 2 km all’est di Symi-ville, accessibile per barca da Symi.

Altre spiagge
Dal porto di Gialos, in passeggiate rafraîchissantes in mare, barche servono spesso le spiagge di ciotoli di Agios Georgios nidiata al piede di una scogliera di 300 metri, di Nanou drizzata di cipresso o di Agia Marina.

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

StoriaStoria
Symi nell’antichità
Nell’antichità, l’isola di Symi era chiamata Aigli e Metapontis.

Nello Iliade di Omero, l’isola è il settore del re Nireus che ha combattuto nella guerra di Troia del lato dei greci. Tucidide racconta un episodio della guerra di Peloponneso: la battaglia di Symi che si è svolta vicino all’isola a gennaio 411 prima di J. - C. e nella quale un numero non precisato di barche spartane ha messo in sconfitta un squadrone di navi ateniesi.

Nell’antichità, Symi era considerato per la qualità delle sue barche. Gli artigiani costruirono Argo per Jason e suo Argonautes.

Symi nell’impero romano quindi bizantino
L’isola di Symi farà in seguito parte dell’impero romano quindi dell’impero bizantino. Dimenticata fino al XIVe secolo, l’isola tuttavia è occupata senza interruzione come ne attestano le rovine archeologiche ed in particolare le cittadelle, prove dell’importanza strategica dell’isola.
Symi ai tempi dei cavalieri di San Giovanni
Nel 1373, l’isola di Symi è conquistata dai cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme. Questi fornirono la loro flotta dei barche a vela fabbricati a Symi perché erano considerati per la loro rapidità. La costruzione di barche ed il commercio valsero all’isola una certa prosperità.
Symi sotto il giogo otomano
Nel 1522, l’isola di Symi passò alle mani dell’impero otomano. Symi evitò una conquista con la forza accettando di pagare un omaggio sotto forma di spugne. Ai sensi di quest’accordo, beneficiò di diversi privilegi: ottenne in particolare lo statuto di porto franco ed il diritto per i suoi pescatori di spugne di lavorare liberamente nelle acque turche.

I Turchi comperavano così regolarmente i velieri rapidi costruiti a Symi.

Se la sua partecipazione alla rivoluzione di 1821 gli costò alcuni dei suoi privilegi, Symi lo continuò però a prosperare, come ne testimoniano le grandi costruzioni neoclassici che conferiscono al capoluogo il suo carattere particolare.

In mezzo al xixo secolo, è al suo zenit come ne testimoniano i manieri neoclassici costruiti a questo periodo e che coprono le pendenze della città di Symi. Symi si coprì di case sontuose e numero dei suoi abitanti comperò terreni in Asia minore.

Symi all’epoca moderno
Il declino dell’isola si innescò soltanto con la comparsa della navigazione a vapore, che fece diminuire la domanda per i velieri di legno.

Nel corso del xxo secolo, l’isola, con il resto del Dodecanese, cambia più volte mani: nel 1912 comincia un’occupazione italiana trasformata in annessione nel 1923, che chiuse agli insulari l’accesso alle loro proprietà della Asia minore.

Énosis (unione) con la Grecia nel 1948.

GeografiaGeografia
Vista aerea dell'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.Carta dell'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.L’isola di Symi è un’isola continentale montagnosa di cui il culmine, il monte Vigla, raggiunge 616 m, il cui interno è attraversato di piccole valli, ed il cui litorale vede alternare scogliere e fessure.

L’interno dell’isola, un piatto boscoso con panorama spettacolari, può visitarsi in automobile o in moto con la strada di Symi a Panormitis.

La sua superficie totale è di 58,1 km ² e la lunghezza del suo litorale è di 85 km.

La sua popolazione è di 2.560 abitanti (nel 2001) per una densità di 44,06 habitants/km ².

L’isola è circondata da numerose piccole isole ed isole molto vicine: Nymos, Chondros, Plati, Ghi, Koupi, Megalonisi, Karavalonisi, Marmaras, Pano Nero, Seskli, Strogglios,…

ClimaClima
In primavera, quindi a settembre e ad ottobre, l’isola di Symi è idilliaca. Luglio e agosto attirano le folle ed il porto può diventare molto caldo e molto umido.
ReligioniReligioni
L’isola di Symi è molto religiosa: non ci si conta lontano da tre cento altari, volte e chiese.

Una roccia vi è chiamata “roccia di Giorgio santo„, il santo avendo, secondo la leggenda, aperto la roccia. Giorgio santo fu perseguitato come cristiano sotto gli imperatori romani Diocleziano e massima.

MitiMiti
Nella mitologia greca, la bella isola di Symi è il luogo di nascita delle carità (assimilate alle tre grazie dai Romani, sono dee che personificano la vita) e tira il suo nome di uno dei coniugi di Poséidon: la ninfa Syme.

InformazioniInformazioni pratiche

Generalità
Tempo e previsioni
Carta stradale dell'isola di Symi. Clicca per ingrandire l'immagine.L’isola di Symi (Σύμη) fa parte dell’arcipelago del Dodecanese, nel sud dei Mare Egeo (mare Mediterraneo), di cui è una delle dodici isole principali.

L’isola di Symi è divisa località distinte:

  • Gialos è il porto principale.
  • Chorio letteralmente “villaggio„, è il villaggio della cima.
  • Pedi Bay è la valle al di sotto di Chorio, al sud di Gialos.
  • Nimborios comprende la baia ed il paesello al nord di Gialos.

C’è un paesello a Marathounda ed un importante monastero a Panormitis.

La città principale, anche chiamata Symi, è situata sulla costa nordorientale e raccoglie la maggioranza dei 2.560 abitanti dell’isola che vivono soprattutto una pesca, del commercio e del turismo, la popolazione dell’isola decuplica allora in alta stagione e si vede contare più di 25.000 abitanti.

Coordinate: 36.5987 (36° 35 ′ 55 ″) N; 27.8327 (27° 49 ′ 58 ″) E

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Il villagio di Panormitis Symi
Argomenti vicini
L'isola di Kos, o Cos, in Mare Egeo
L'isola di Symi in Mare Egeo
Il Rodi in Mare Egeo
Argomenti più ampi
Inizio
Il Dodecanese in Mare Egeo

Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.