La città di Mostar

Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]

[Inizio] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Via Gallica]

Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Scudo della città di Mostar. Clicca per ingrandire l'immagine.Mostar è la più grande città e la città capitale dell’Erzegovina, la parte sud della Bosnia Erzegovina.

Situazione di Mostar. Clicca per ingrandire l'immagine.Nella ripartizione amministrativa complicata della Bosnia Erzegovina, Mostar fa parte della Federazione della Bosnia Erzegovina, nel cantone d’Erzegovina-Neretva di cui è il capoluogo. La sua popolazione è ritenuta a un po’più di 70.000 abitanti, dopo le perdite subite in occasione della guerra della Bosnia (2 000 morti e 26.000 abitanti esiliati).

Vecchio ponte visto dalla moschea Koski. Clicca per ingrandire l'immagine.Mostar è considerata come uno dei tesori dell’architettura ottomana medioevale in Europa.

La sua “zona del vecchio ponte della vecchia città di Mostar„ è iscritta sulla lista del patrimonio mondiale dell’Unesco.

EtimologiaEtimologia
Mostar tira il suo nome “del mostari„, i custodi che montavano la guardia del ponte sulla Neretva e che facevano pagare un diritto di passaggio.

Nel 1452, un documento cita la città - allora in possesso di Ragusa - come “duetto castelli Al deposizione delle uova di Neretua„.

Nel 1468, questo posto strategico passò sotto la sovranità ottomana. Fino al 1477, la località si definiva “Köprühisar„, Pont-du-Château, “di köprü„ (ponte) e “hisar„ (castello). Il ponte, ancora in legno ma già strategico, infatti era protetto da giri situati da una parte e dall’altra.

In serbo cirillico, Mostar si scrive Мостар.

SituazioneSituazione

Carta dei dintorni di Mostar. Clicca per ingrandire l'immagine.La città di Mostar è situata circa a 100 km al sud di Sarajevo, capitale della Bosnia, circa a 40 km al nord della frontiera tra la Bosnia Erzegovina e la Croazia, ed a 50 km di Neum, la sola città costiera della Bosnia Erzegovina situata sul mare adriatico.
Mostar si trova nella valle inscatolata del fiume Neretva, rannicchiata contro la massa chiara del monte Velež, che la spinge a stringersi su essa stessa, passaggio stretto nel cuore della valle fertile del Neretva basso ed all’ombra imponente dei contrafforti meridionali del massiccio dello Prenj.

Panorama del vecchio ponte (autore Luigi Guarino). Clicca per ingrandire l'immagine.

Mostar vista d'aereo. Clicca per ingrandire l'immagine.

VisiteVisite

La città di Mostar
Pianta di Mostar. Clicca per ingrandire l'immagine.La città di Mostar è in realtà costituita da due città: sulla riva occidentale del Neretva, una città moderna ed attiva, in grande maggioranza croata e cattolica, e, all’est, una città vecchia, girata verso il passato, a maggioranza bosniaca e musulmana. Nonostante un decreto della cima che rappresenta europea in Bosnia nel febbraio 2004, che unifica teoricamente le due città, le due Comunità non si mescolano, una minoranza serba ortodossa svolgendo il ruolo d’arbitro.

Boulevard che separa le due città. Clicca per ingrandire l'immagine.Le due città sono separate da “Bulevar Narodne Revolucije„ (boulevard della rivoluzione nazionale), il lungo viale di Mostar. È questo boulevard, ma piuttosto un viale, che segnava la linea di demarcazione in occasione del conflitto del 1992-1995; mostra ancora le tracce delle distruzioni terribili. L’assenza di pannelli di segnaletica che si riferiscono di all’altra parte della città è abbastanza rivelatrice di questa lacerazione.

La città moderna, all’ovest, non presenta molto interesse turistico: il turismo si concentra sulla vecchia zona otomano della parte orientale, che è stata parzialmente ricostruita.

La Mostar orientale
Vecchia città di Mostar. Clicca per ingrandire l'immagine.La parte orientale di Mostar è situata tra “Bulevar„ e lo statale che collega Sarajevo alla costa croata e che borda i contrafforti del monte Velež; è questa montagna che ha limitato lo sviluppo di Mostar verso l’est. Tra queste due strade, la parte orientale è attraversata dalla Neretva; la zona è si è sviluppato tutto in lunghezza tra Neretva ed il monte Velež. È su questo monte Velež che i musulmani hanno iscritto in lettere giganti: “Tito volimo ti„ (“Tito lo amiamo„).

La parte orientale è più piccola della parte occidentale, ma è più vecchio: vi si trovano, al Sud-Est, la zona storica otomano, la vecchia città turca (Stari grad).

È nel 1468 che Mostar passò sotto la sovranità ottomana e che l’urbanizzazione turca della zona cominciò. Secondo la regola orientale non scritta, la città fu organizzata in due zone distinte: carsija, la zona artigianale e commerciale della colonia, e mahala, la zona residenziale; in questa zona residenziale le case ottomane, appese di sghimbescio alle scogliere ripide del Neretva, organizzano i loro terrazzi.

Costruzione ne rovina. Clicca per ingrandire l'immagine.Via Onescukova. Clicca per ingrandire l'immagine.Costruzione danneggiata. Clicca per ingrandire l'immagine.
Neretva
La città di Mostar si è inizialmente costruita attorno alla Neretva; il fiume, di un colore verde smeraldo unico al mondo, attraversa la vecchia città in un piccolo canyon roccioso, ad una ventina di metri sotto il vecchio ponte.

Ivo Andrić scrittore bosniaco che ha ricevuto premio Nobel di letteratura, la ha descritta così:

“Si riverbera come un riflesso dorato, petulante in un vetro di Žilavka, vino di Mostar. Vive, come incaricata di forza e di sapore morbido, nelle vostre pesche e le vostre ciliege… Con questa luce, Neretva è il vostro corso di acqua più luminoso, dà al karst spogliato dei monti circostanti una dimensione sovrannaturale. „
Il ponte torto (Kriva cuprija)
Ponte torto (auteur Rocco Dell'asterix). Clicca per ingrandire l'immagine.Prima della costruzione famosa del vecchio ponte da parte dell’architetto Hajrudin, un altro architetto otomano, Kethoda Cejvan, testa su una più piccola scala un concetto completamente nuovo di costruzione di ponti; fino allora quest’architetto era conosciuto soltanto per la costruzione di moschee. Questo ponte fu costruito nel 1558 - otto anni di - a 150 m della posizione futura del vecchio ponte. Questa miniatura molto simile “al Stari Most„ esiste ancora oggi: è il ponte torto (Kriva Cuprija) che scavalca il piccolo fiume Radobolja, un affluente di destra del fiume Neretva, appena prima che si getti nella Neretva.

Il ponte torto, o ponte curvato, è un ponte in pietra sotto forma d’arcata di piccola dimensione. L’arcata è un semicerchio perfetto di 8,56 m di larghezza e di 4,15 metri d’altezza. La facciata e la volta sono costruite con blocchi di pietra regolari che sono stati integrati allo strato orizzontale tutto lungo la volta. Lo spazio tra la volta, la parete frontale e la carreggiata è riempito di pietre rotte. La carreggiata del ponte e le strade d’accesso sono lastricate di rulli come per una via importante della città. L’aumento del ponte dei due lati è facilitato da marce in pietra. Il più vecchio ponte ad un’sola arcata di pietra a Mostar.

Il 16 dicembre 1999, inondazioni drammatiche ebbero luogo a Mostar: le acque del Neretva e del Radobolia sommersero insieme il ponte torto, ma questo ponte sembrò inizialmente resistere. Il 22 dicembre, un crollo imprevisto dello scantinato causò danni seri e, il 31 dicembre, il ponte si crollò. Ha da estate ricostruisce in modo più o meno felice alla stessa epoca del vecchio ponte.

Il ponte Lucki (Lucki Most)
Il ponte Lucki è situato a valle del vecchio ponte ed offre bei punti di vista su quest’ultimo. Il ponte è stato costruito nel 1913 durante il periodo austro--ungherese. All’epoca della sua costruzione era il lungo ponte a portata unica: supera Neretva su una lunghezza de plus di 72 metri. Come tutti gli altri ponti non è stato salvato dalla guerra della Bosnia, e fu anche il primo ponte a essere distrutto dall’artiglieria iugoslava. Ma fu l’ultimo ad essere ricostruisce 13 anni più tardi, analogamente al ponte originale.
Ponte Lucki. Clicca per ingrandire l'immagine.Ponte Lucki. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il vecchio ponte (Stari Most)
Salto nella Neretva dal vecchio ponte (autore Michael Bueker). Clicca per ingrandire l'immagine.Il vecchio ponte (Stari Most) collega da secoli le due parti di Mostar: permette di passare da una riva all’altra del fiume Neretva. Simbolicamente, è anche considerato come il ponte tra l’oriente e l’occidente, non soltanto tra il mondo della cristianità ed il mondo dell’islam ma anche tra i cattolici croati ed ortodossi serbi.

Vecchio ponte nel 2008 (autore BathoryPéter). Clicca per ingrandire l'immagine.Il vecchio ponte è anche stato da partire dagli anni 1960 fino alla fine degli anni 1980, una destinazione turistica popolare.

È di tradizione per i giovani uomini della città di saltare del ponte nella Neretva. Poiché Neretva è molto fredda, è un’impresa molto rischiosa alla quale solo i tuffatori più qualificati e meglio formati si rischiano. Questa pratica risale quando il ponte è stato costruito. Il vecchio ponte accoglie come in passato il campionato tradizionale d’immersione il cui locale è la casetta Cardak situata all’uscita occidentale del ponte.

Dal medioevo un ponte in legno sospeso a catene esisteva a questo posto strategico di Mostar che collega il sud ed il nord dell’Erzegovina. Il vecchio ponte alla stabilità incerta: “era fatto di legno ed appeso su catene„, scritto il geografo otomano Katip Çelebi, e “oscillava finché la gente lo attraversava soltanto con una paura mortale„.

Questo vecchio ponte medioevale fu ricostruisce da parte del sultano Fatih Mehmed tra 1468 e 1481, ma poiché l’importanza economica ed amministrativa di Mostar cresceva nel corso degli anni 1550-1560, la sostituzione del ponte precario in legno con un ponte più sicuro si impose.

Mostar. Clicca per ingrandire l'immagine.Vecchio ponte visto dal minareto (autore Ramirez Hun). Clicca per ingrandire l'immagine.La costruzione di un nuovo ponte fu ordinata nel 1557 dal sultano Suleiman I lo splendido.

È il bey Mehmed Karadjoz che fu responsabile della ragioneria della costruzione finanziata sui fondi del sultano; il ponte avrebbe costato 300.000 drams (monete d’argento).

La realizzazione, essa, fu affidato all’architetto Mimar Hajrudin (ou Mimar Hayreddin), un allievo del grande architetto Mimar Sinan, padre dell’architettura ottomana classica, autore della moschea di Karadjoz bey a Mostar.

Il ponte fu concepito come un ponte ad un’sola arcata. La sua costruzione durò da 1557 a 1566: secondo un’iscrizione in otomano visibile sul ponte prima della sua recente distruzione, quest’ultimo fu terminato nell’anno 974 dell’egira, cioè tra il 19 luglio 1566 e il 7 luglio 1567.

La piccola storia racconta che Hajrudin non avrebbe mai visto il ponte completato: temendo di avere la testa tagliata se il ponte crollasse, si fugge prima che si ritirassero le armature.

Vecchio ponte visto dalle rive del Neretva (autore Fer Filol). Clicca per ingrandire l'immagine.Fin dal suo completamento “il vecchio„ ponte era il ponte ad arcata più grande costruisce nel mondo ed è rapidamente diventato una meraviglia del suo tempo. Il scrittore-viaggiatore famoso Evliya Çelebi scrisse al XVIIe secolo che il ponte
“è come un arcobaleno volato fino al cielo, che si estende da una scogliera all’altra. … Io, povero e schiavo misero di dio, ho viaggiato da parte di sedici paese, ma non ho mai visto un ponte così alto. È gettato di una roccia fino anche a su che il cielo. „

Vecchio ponte nel 1974 (ville_mostar_040_ (autore Jean-Pierre Bazard jpbazard). Clicca per ingrandire l'immagine.Il ponte è costituito da un’arcata unica molto pura in dosso, da 28,7 m di portata libera, 4 m di larghezza e 30 m di lunghezza; ammonta a 21 m sopra il livello del Neretva in estate. L’arcata del ponte è stata fatta di pietra locale di colore molto bianco conosciuto sotto il nome di pietra di tenelija.

Stari Most è considerato come il capolavoro dell’ingegneria civile dell’epoca ottomana nei balcani. La tecnica utilizzata gli conferiva una grande solidità: il ponte dà l’impressione di essere stato fatto con un solo blocco di pietra; a ciò una ragione: i blocchi sono soltanto mantenuti da spille di ferro sigillate al piombo. La solidità di questo lavoro era così come resisté quando, durante la seconda guerra mondiale, carri armati tedeschi lo attraversarono.

Il vecchio ponte aveva così resistito durante secoli a tutti i conflitti, ed il principale pericolo che lo minacciava era l’erosione dovuta all’umidità.

Due giri rinforzati proteggevano il ponte: il giro Halebija sulla riva diritta ed il giro tararono sulla sponda sinistra.
Durante la guerra di Bosnia-Erzegovina, nel 1993, i croati e bosniaci si affrontarono durante un po’meno di un anno a Mostar. Il vecchio ponte era utilizzato dai bosniaci per passare da rive all’altro del Neretva; quindi le forze del Consiglio di difesa croata (Hrvatsko Vijeće Obrane ou HVO) della Bosnia Erzegovina decisero la sua distruzione - il ponte era anche il simbolo della sovranità ottomana scorsa. Dopo 427 anni d’esistenza, il vecchio ponte fu distrutto da tiri d’artiglieria il 9 novembre 1993; più di sessanta granate toccarono il ponte prima che crollasse.
Ponte sospeso provvisorio (autore Npatm). Clicca per ingrandire l'immagine.Dopo la fine della guerra della Bosnia, un ponte provvisorio, sotto forma di ponte sospeso a cavo, è stato installato. Questo ponte ha servito fino all’inizio effettivo della ricostruzione della copia fedele da “Stari Most„.
Ponte in ricostruzione nel 2001 (auteur Donar Reiskoffer). Clicca per ingrandire l'immagine.La decisione di ricostruire il vecchio ponte fu presa da 1995 sotto l’egida dell’Unesco.

La scelta fu fatta di una ricostruzione così simile come possibile al ponte originale di 1566, utilizzando le stesse tecniche ottomane del XVIe secolo e gli stessi materiali. Alcune pietre del vecchio ponte, recuperate nel fiume da tuffatori dell’esercito ungherese, sono state utilizzate, in particolare per il rivestimento del ponte. Ma la maggior parte da 1088 blocchi installati hanno dovuto retaillés nella stessa pietra di tenelija e di miljevina che proviene dalle stesse carriere locali, per riprodurre il ponte all’identico.

Dopo per anni di studi e di lavori, la ricostruzione cominciò il 7 giugno 2001. L’inaugurazione del nuovo ponte ebbe luogo il 22 luglio 2004, e la sua messa in servizio il giorno dopo. I lavori avevano costato 15 milioni di euro.

Stari Most e la sua zona nella vecchia città di Mostar è stata classificata al patrimonio mondiale dell’Unesco nel 2005.

Vecchio ponte visto dalla moschea Koski. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Vecchio ponte visto dalla moschea Koski. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Vecchio ponte visto dalla moschea Koski. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il giro Halebinovka (Kula Halebinovka)
Giro Halebinovka. Clicca per ingrandire l'immagine.Il vecchio ponte è fiancheggiato di due giri quadrangolari di difesa: il giro Halebija ed il giro tararono.

Il giro Halebinovka o Halebija (del nome del capitano Halebija che ricostruì completamente il giro da partire dalla fine del xviio secolo) si alza sulla riva diritta. La parte inferiore del giro Halebinovka funse da prigione mentre i piani superiori furono utilizzati come posti d’osservazione.

Fu anche nominata giro Celovina, del nome di Mustafa Čelić, governatore della Bosnia da 1714 a 1716, che fece lavori d’ingrandimento.

Il giro tarò (Kula tarò)
Il giro tarò è situato sulla sponda sinistra. Fu costruita nel 1676 e fungeva da depositi di munizioni; è il motivo per cui le sue pareti hanno 3 m di spessore. Conservò questa funzione fino all’occupazione austro--ungherese nel 1878.
Il giro Herceguša (Kula Herceguša)
Il giro Herceguša è situato sulla sponda sinistra del Neretva accanto al giro tarò.

Fu costruita dal duca (herceg in croato) Stjepan Vukčić-Kosača nella prima metà del XVe secolo per proteggere il ponte sulla Neretva, ad un’epoca dove il ponte era ancora il ponte in legno sospeso a catene.

Il museo del vecchio ponte (Muzej Stari Most)
Il museo del vecchio ponte occupa il giro tarò e presenta in particolare la storia della ricostruzione del vecchio ponte.

Il museo è aperto di 10:00 a 18:00 chiuso il lunedì.

La moschea Koski Mehmed Pacha (Koski Mehmed-Pašina džamija)
Moschea Koski Mehmed Pacha vista dal vecchio ponte. Clicca per ingrandire l'immagine.La moschea di Koski Mehmed Pacha è situata sui bordi del Neretva, a cento metri circa a monte del vecchio ponte, tra Mala Tepa e Kujundžiluk.

Fu completata di costruire nel 1618 dal Pacha Mehmed Koski, segretario del grande visir Lala Pacha Sokulluvić.

Moschea Koski Mehmed Pacha (autore Alistair Young). Clicca per ingrandire l'immagine.Moschea Koski Mehmed Pacha. Clicca per ingrandire l'immagine.Interno della moschea Koski Mehmed Pacha. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Interno della moschea Koski Mehmed Pacha. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Interno della moschea Koski Mehmed Pacha. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Interno della moschea Koski Mehmed Pacha. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Questa moschea è di forma quadrata (12 x 12 m), con un tamburo ottagonale; è superata di una cupola coperta di piombo. È dotata di una corte piacevole e di una fontana alle abluzioni al tetto di pietra e circondata di sei colonne di pietra collegate da archi.

Il suo minareto è stabilito a 5 m della riva, appena sopra Neretva; si può montare in cima del minareto dall’interno della moschea ed ammirare la vista sulla valle del Neretva.

Minareto della moschea Koski Mehmed Pacha. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Moschea Koski Mehmed Pacha. Clicca per ingrandire l'immagine.Fontana della moschea Koski Mehmed Pacha. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
La casa turca/casa Bišćević (Bišćević Kuća)
Casa Bišćević. Clicca per ingrandire l'immagine.La casa Bišćević (Bišćević Kuća) è una delle più belle case ottomane del xviio secolo, costruita nel 1635.

La casa Bišćević è una delle case rare di mahalla turche autentiche, con la sua corte di rulli e le sue gallerie di legno; è un vero porto di pace con la sua fontana e le sue tartarughe d’acqua.

Visita di 9:00 a 17:00

Tariffa d’entrata: 8 km.

Balcone della casa Bišćević. Clicca per ingrandire l'immagine.Balcone della casa Bišćević. Clicca per ingrandire l'immagine.
Casa Bišćević. Clicca per ingrandire l'immagine.Casa Bišćević. Clicca per ingrandire l'immagine.
Casa Bišćević. Clicca per ingrandire l'immagine.Casa Bišćević. Clicca per ingrandire l'immagine.
Casa Bišćević. Clicca per ingrandire l'immagine.Casa Bišćević. Clicca per ingrandire l'immagine.Casa Bišćević. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il vecchio bazar (Kujundžiluk)
Il bazar si trovava al centro di Mostar che si estendeva dei due lati del fiume, essendo le due parti collegate dal ponte. A partire di là partiva un labirinto di vie che formavano i mahalas. Questo sistema è stato considerevolmente modificato per il periodo austro--ungherese con la costruzione di nuove zone secondo i principi europei d’urbanizzazione e dei nuovi ponti sul fiume.

Il vecchio bazar di Kujundžiluk è situato sulla sponda sinistra del fiume, al nord del vecchio ponte. Tira il suo nome degli orafi (kujundzije) che lavoravano l’oro ed i cui bulini erano numerosi nella zona sotto la sovranità ottomana. Gli orafi - e di altri artigiani come i sarti (terzije), conciatori (tabaci), chaudronniers, dinandiers, sellai e tessitori - svolsero un ruolo importante nello sviluppo di Mostar all’epoca ottomana.

Oggi le sue viuzze in discesa lastricate di rulli rotondi ed i suoi bulini tradizionali ai cappucci di pietra accolgono soprattutto i negozi dove si vendono pitture autentiche, incisioni su rame o di sculture in bronzo del Stari Most o di granate (il simbolo naturale dell’Erzegovina), o anche famose “il stećci„ in miniatura (un stećak è una lapide medioevale pre-ottomana).

Vecchio bazar. Clicca per ingrandire l'immagine.Vecchio bazar. Clicca per ingrandire l'immagine.Consolato turco, via Mala Tepa. Clicca per ingrandire l'immagine.
La moschea Karađoz Mehmed bey (Karađozbegova džamija)
Nel 1558, il considerevole otomano locale, Karađoz Mehmed bey, fratello del grande visir Haydar Pacha, fecero costruire, nella città di Mostar in espansione rapida, la moschea più monumentale e più armoniosa dell’Erzegovina e una scuola coranica con la sua biblioteca, una minestra popolare per i poveri, un caravansérail per i viaggiatori e infine ponti, a vari posti del settore di Mostar.

La moschea del bey Karadjoz fu completata nel 1557; è l’opera dell’architetto otomano Mimar Koca Sinan. È superata di una grande cupola e possiede un alto minareto; ciò ne fa la più grande moschea della regione; una fontana (sadrvan) si trovava nella corte, dinanzi alla moschea. Questa corte dà accesso alla médersa (medressa) che si può vedere anche dal viale maresciallo Tito (Maršala Tita).

La Mostar occidentale
La Croix che predominano la città dell'ovest (autore Mostarac). Clicca per ingrandire l'immagine.È per il periodo dell’occupazione austro--ungherese (1878-1918) che la parte occidentale di Mostar si è trasformata con l’apertura di ampi viali e la costruzione di edifici amministrativi o residenziali moderni come il municipio, l’istituto universitario o la zona attorno al posto rondò. Del posto rondò partono sei viali, propizi alla passeggiata, bordate di platani e calce.

Sul monte uhm che domina Mostar all’ovest si erge una croce cattolica, di 10 m di cima, illuminata la notte.

La cattedrale cattolica
La chiesa cattedrale Santo-François è situata tra le due braccia del piccolo fiume Radobolja, affluente del Neretva. Fu costruita nel 1847, quando Mostar diventò la sede del vescovado cattolico di Mostar-Duvno, contemporaneamente al monastero francescano adiacente. Il convento contiene 50.000 libri rari da 1554 ai nostri giorni ed una raccolta di pittura dei padroni italiani del XVIe e xviii secoli.

La cattedrale fu distrutta nel 1992, come pure il monastero ed il palazzo episcopale, da bombardamenti dell’artiglieria serba. La sua ricostruzione - in calcestruzzo - e quella del monastero sono in corso di completamento. È stata tuttavia inaugurata nel 2001 e può essere visitata.

Il suo campanile molto elevato e molto slanciato sembra fare concorrenza con i minareti delle moschee situate sull’altra riva.

La cattedrale ortodossa (Crkva Saborna)
Cartolina della cattedrale ortodossa. Clicca per ingrandire l'immagine.Dal 1767 Mostar era la sede del metropolitano ortodosso; la cattedrale ortodossa serba di Mostar, o cattedrale della Trinità santa, fu costruita da 1863 a 1873. Era una chiesa sotto forma di croce con cupola. Fu distrutta nel giugno 1992 dalle forze croate di Bosnia-Erzegovina e non era stata ricostruita nel 2011.
La sinagoga (Sinagoga)
La sinagoga, che data dell’inizio del xxo secolo, era situata nella zona di Brankovac ad un centinaio di metri del vecchio ponte. Seriamente danneggiata durante la seconda guerra mondiale, la sinagoga è stata trasformata, nel 1952, in un teatro di burattini…

InformazioniInformazioni pratiche

Generalità
Ufficio di turismo
Telefono: 00.387 36 580275
Trasporti
Carta della regione di Mostar. Clicca per ingrandire l'immagine.Per quanto riguarda la rete stradale, Mostar si trova sulla strada principale M che collega Sarajevo alla costa croata.

Mostar è collegata dalla ferrovia alla capitale, Sarajevo, ed a Ploče sulla costa croata, con due treni di passeggeri al giorno tra Sarajevo e Ploče. Questa linea ferroviaria è stata costruita quando Bosnia-Erzegovina era allegato alla Austria-Ungheria. Il posto è situato all’est della città di Mostar.

Mostar possiede anche un aeroporto internazionale situato circa a 6 km al sud del centro città.

Tempo e previsioni

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Carta interattiva della città di Mostar
Il villaggio di Počitelj
Argomenti vicini
La città di Mostar
La città di Neum
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva della Bosnia Erzegovina
La geografia della Bosnia Erzegovina
Informazioni turistiche sulla Bosnia Erzegovina
L'Erzegovina
[Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Bosnia] [Erzegovina] [Pagina d’inizio] [Bosnia ed Erzegovina] [Via Gallica]
Ricercare su questo Sito :
Cercare sulla Tela :
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
AlbanieAllemagneAngleterreArméniePays basqueBiélorussieBulgarieCatalogneCroatieDanemarkEspagneEstonieFinlandeFranceGalicePays de GallesGéorgieGrèceHongrieIrlandeIslandeItalieEmpire romainLettonieLithuanieMacédoineMalteNorvègePays-BasPolognePortugalRoumanieRussieSerbieSlovaquieSlovénieSuèdeTchéquieUkraïne
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.