AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Kotor

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d'inizio] [Montenegro] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Armi della città di Kotor. Clicca per ingrandire l'immagine.Golfo di Kotor. Clicca per ingrandire l'immagine.Kotor è una città commerciale e portuale vecchia del mare adriatico, situato all'estremità sud della baia di Kotor a Montenegro.

La città di Kotor, con il suo importante patrimonio culturale e la sua situazione unica, è stata iscritta nel 1979 al patrimonio culturale e naturale mondiale dell'Unesco. È a seguito del terremoto verificato il 15 aprile 1979 che l'Unesco ha deciso di fare entrare nella città e la località sulla lista dei monumenti e località classificati.

Kotor è anche un comune di Montenegro; i villaggi di Risan, Perast, Dobrota, Orahovac e Dub fanno parte del comune di Kotor.

EtimologiaEtimologia
Sotto l'impero bizantino, Kotor portava il nome “di Dekaderon„, “Dekateron„ o “Dekatera„, del greco “katareo„, ricco in fonti d'acqua calda, che è evoluta “in Kotor„.

In latino, Kotor era nominato dai Romani: Acruvium (o Ascrivium o Ascruvium). I greci lo nominavano Ασκρηβιον, Askrèvion. All'epoca della sovranità veneziana, portava il nome italiano di Càttaro.

In montenegrino o in serbo cirillico, Kotor si scrive Котор.

SituazioneSituazione

Situazione di Kotor. Clicca per ingrandire l'immagine.La città di Kotor è un porto del mare adriatico situato nella parte più arretrata del golfo di Kotor (Kotorski Zaliv), che si trova in fondo alla baia delle bocche di Kotor (Boka Kotorska) nella sua parte sud.

La città è allegata tra il mare e gli ultimi massicci montagnosi calcarei delle Alpi Dinariques, molto brusco, di Lovćen e di Orjen (1 894 m).

La baia di Kotor è una delle parti più in ritiro del mare adriatico; è a volte chiamata “il fiordo più meridionale dell'Europa„, ma gli specialisti considerano che si tratta in realtà del canyon sommerso di un fiume.

Kotor è a 15 km all'ovest di Podgorica, la capitale di Montenegro, ed a 90 km al Sud-Est di Dubrovnik in Croazia.

Golfo di Kotor. Clicca per ingrandire l'immagine.Kotor. Clicca per ingrandire l'immagine.

VisiteVisite

La città chiusa
Visitare la città chiusa di Kotor.
Le fortificazioni di Kotor
Visitare le fortificazioni di Kotor.
La Port de Kotor
Port de Kotor. Clicca per ingrandire l'immagine.Port de Kotor. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

StoriaStoria
I tempi preistorici
La storia del popolamento delle bocche di Kotor comincia ad un'epoca molto vecchia: nelle grotte delle montagne circostanti sono stati trovati diversi attrezzi e delle terraglie, che indicano una presenza umana fin dall'era neolitico, come lo mostra anche i disegni sulle pareti della grotta Lipca.
L'antichità
I primi abitanti della regione Illyriens, fu attirato, fin dal IIIe secolo prima di J. - C., dal porto naturale di Kotor che offre un riparo facile.

Illyriens fu seguito dai greci ed i Romani. L'impero romano iniziò a conquistare la regione di Kotor al IIIe secolo prima di J. - C.

Kotor fu citato per la prima volta in 168 prima di J. - C. sotto il nome “di Acruvium„. Al 1 secolo dopo J. - C., la città è citata da Pline Ancien sotto il nome “di Ascrivium„, e, al IIe secolo, da Ptolémée come “Askruyon„ (̉Ασκρούϊον).

Sotto l'impero romano la città fu inizialmente collegata alla provincia di Dalmazia. L'imperatore Diocleziano la collegò, verso la fine del IIIe secolo, alla provincia recentemente formata di Praevalitana.

L'impero bizantino (476 - 1184)
Dopo la caduta dell'impero romano in 476 dopo J. - C., Kotor appartenne all'impero bizantino.

Fin dall'alto medioevo, sotto il regno di Justinien, in reazione alla tempesta delle grandi migrazioni e dopo l'espulsione dei goti della regione, le prime fortificazioni di Kotor furono costruite; una fortezza fu costruita che era sospeso su della città.

In 840, la città fu saccheggiata e saccheggiata da una flotta di pirati grani saraceni, che vengono da Sicilia e da Creta.

Sotto la sovranità bizantina, la città portava il nome “di Dekaderon„. L'imperatore bizantino Costantino VII Porphyrogénète al Xe secolo, scritto nel suo libro “de administrando imperio„: “Il nome della città, Decatera, significa nella lingua Romani “restretto e circondato„, perché la baia è tagliata nelle terre come una lingua su 15 o 20 miglia, e la città si trova alla fine„.

Una seconda città si è probabilmente sviluppata sulle altezze di Kotor attorno alla fortezza poiché Costantino Porphyrogénète fanno allusione “ad una Kotor bassa„.

Kotor fu una delle città-Stato dalmates più influenti nel corso di questo periodo; diventò il centro della baia che porta il suo nome. La lingua dalmate vi fu parlata fino al XIe secolo.

Nel 1002, i bulgari saccheggiarono la città. L'anno successivo, Kotor fu ceduto alla Serbia dal zar bulgaro Samuil. Ma, i cittadini della città si rivoltarono con l'aiuto della repubblica vicina di Ragusa, e, dopo alcuni tempi la potenza dell'impero bizantino vi fu restaurata.

I periodi bulgari e serbi (1185 - 1371)
Nel 1185, il grande sovrano della Serbia, Stefan Nemanja, fondatore della dinastia reale serba Nemanjic, conquistò Kotor. Kotor diventò vassale della Serbia, ma come città libera, che riesce a che preserva l'integrità delle sue istituzioni repubblicane, come il diritto di concludere trattati e dichiarare guerra.

Kotor era sede episcopale, e, nel corso del XIIIe secolo, monasteri domenicani e francescani furono fondati per ricambiare Bogomilisme.

Nel 1241, in occasione dell'invasione dei mongoli in Europa, una degli eserciti dell'orda sotto la direzione di Kaidan, un fratello di Gengis Khan, assediò Kotor e lo incendiò, ma la città si rettificò rapidamente.

Da 1185 a 1371, Kotor fu un importante centro di commercio e d'artigianato del regno serbo medioevale, specializzato nel commercio marittimo. Kotor aveva un colloquio con contatti con l'Europa occidentale; la sua flotta mercantile prosperò che fa concorrenza con quelle dei parenti repubbliche di Ragusa e di Venezia. Per questo periodo, Kotor conobbe importanti progressi economici e culturali.

Tuttavia, nel 1371, la dinastia serba del Nemanjic scomparì, e con essa cessò la sovranità serba a Kotor.

Il periodo dell'indipendenza (1371 - 1420)
Dopo del 1371, e durante un mezzo secolo, Kotor fu una repubblica patrizia indipendente, ma che faceva fedeltà a monarchi stranieri: da 1371 a 1384, al re dell'Ungheria e di Croazia, Louis Ier Grand; da 1384 a 1391, al re della Bosnia, Tvrtko Ier.

Da 1391 a 1420, Kotor fu completamente indipendente, diretta da un eletto nobile, il rettore.

Tuttavia, dopo la sconfitta degli eserciti serbi alla battaglia di Kosovo nel 1389, e la caduta della Serbia sotto il giogo dell'impero otomano, la conquista turca di Kotor diventavano sempre più minacciando.

La sovranità veneziana (1420-1797)
Dinanzi alla minaccia d'invasione da parte dell'impero otomano, il grande Consiglio di Kotor prese la decisione, nel 1420, di mettere volontariamente la città sotto la protezione della repubblica di Venezia.

Durante quasi tutta la durata della sovranità veneziana di Kotor, la città è stata un luogo di confronto con l'impero otomano: questo periodo può essere considerato come la più drammatica della storia della città. I Turchi infatti sono stati molto costanti nella loro volontà di prendere Kotor, il cui possesso avrebbe permesso loro di controllare tutte le bocche di Kotor. Tuttavia, nonostante tentativi ripetuti, la città non è stata mai conquistata, contrariamente a Risan ed a Herceg Novi.

Ad esempio, nel 1539, uno dei migliori ammiragli della flotta turca, Barberousse Hayruddin, fece la sede della città con 70 navi e 30.000 soldati, ma fu forzato, dopo quattro giorni di sede, di battere in pensione. Nel 1571, la flotta turca sotto l'ordine di Ali Pacha Muezzin-Zadeh, che sarà più tardi battuto a Lepanto, assediò Kotor dal 9 al 16 agosto, ma senza successo.

In occasione della battaglia navale principale con l'impero otomano, la battaglia di Lepanto del 7 ottobre 1571, quando la flotta combinata degli stati cristiani messi in rovina la flotta turca, un vaso di Kotor, “Saint-Tryphon„, prese parte alla battaglia con i suoi 200 marinai sotto l'ordine del capitano Jérôme Bizanti, un nobile di Kotor.

Sede di Kotor. Clicca per ingrandire l'immagine.Tuttavia, la sede più grave fu quello di 1657: Mehmed Pacha alla testa di 5000 soldati turchi, assediò Kotor durò due mesi, ma non riuscì a prendere la città. Molti cristiani ortodossi trovarono rifugio a Kotor, e l'amministrazione veneziana della città permise loro di utilizzare la chiesa Saint-Luc per le loro cerimonie ortodosse.

Ma i Turchi non furono la sola minaccia che pesò sulla città: soffrì tutto tanto per catastrofi naturali come epidemie e terremoti. Ad esempio, gli anni 1422,1427,1457,1467 e 1572 trasferiscono la città in preda alla peste. Inoltre, fu sottoposta a terremoti nel 1537 e 1563, e distrutta dal terremoto del 6 aprile 1667: il sisma distrusse i due terzi degli edifici, abbatté la facciata ed il campanile della cattedrale Saint-Tryphon ed il palazzo del rettore (Providurova Palata), ed uccise il governatore di Venezia, Foscarini Alvise, con tutta la sua famiglia.

Kotor fu governato da uno Provéditeur (Providur), governatore nominato da Venezia, durante quasi quattro secoli di Kotor, fino al 1797. La città faceva parte della provincia veneziana dell'Albania, ad eccezione dei periodi di sovranità ottomana dell'Albania tra 1538 e 1571 e tra 1657 e 1699. Questi quattro secoli hanno dato alla città una struttura urbana ed un'architettura tipicamente veneziana che segna ancora il suo aspetto. La sovranità veneziana ha anche lasciato un'impressione profonda sulle sue abitudini: l'italiano era la lingua utilizzata in tutti gli atti pubblici e gli insegnamenti, in particolare dalla classe potente nobile e dalla classe ascendente dei commercianti e dei capitani marini. È anche a quest'epoca che la differenza dei costumi e delle tradizioni degli abitanti della baia di Kotor (Bokelji) di con quelli dei montenegrini (Crnogorci) è diventata più visibile. Con una flotta di circa 300 navi, Kotor era una potenza marittima importante.

Vista delle bocche di Kotor (XVIe secolo).
Bocche di Kotor, incisione del XVIe secolo. Clicca per ingrandire l'immagine.
Il periodo napoléonienne (1797-1814)
Dopo il trattato di Campo Formio nel 1797, Kotor e la sua regione passarono sotto la sovranità della monarchia austriaca Habsbourg.

Nel 1805, alla fine del trattato di Presbourg, fu attribuita al regno dell'Italia, vassallo del primo impero francese di Napoleone.

Nel 1806, le truppe napoléoniennes si avanzarono in direzione fin da bocche di Kotor. Un esercito montenegrino condotto da Petar Ier Njegoš, rafforzata da molti battaglioni russi e dalla flotta del viceammiraglio russo Dimitri Seniavine, li rifiutò fino a Dubrovnik. Ma, poco dopo, il zar russo Alessandro I chiese ai montenegrini di riassegnare Kotor agli austriaci.

La sconfitta delle truppe russe alla battaglia di Friedland, il 14 giugno 1807, condusse “alla pace di Tilsitt„ dal 7 al 9 luglio 1807, del trattato con il quale il zar della Russia cedeva Kotor a Napoleone. Il 25 luglio, l'ammiraglio Seniavine ricevé, per decreto imperiale, l'ordine di rimettere Kotor ai francesi. Lo sgombro delle forze terrestri e navali russe era completato il 14 agosto 1807.

Dopo del 1810, Kotor fu allegato al primo impero francese sotto il nome di province Illyriennes.

Per Kotor, l'occupazione francese fu molto indesiderabile, poiché la città viveva soprattutto del commercio con l'estero: il passaggio della città sotto il controllo della Francia significava dell'impossibilità di vendere, in questi tempi di guerra tra la Francia e l'Inghilterra, che, “maestra dei mari„ organizzavano il blocco dei porti dell'Adriatico, e facevano marina di Kotor un bottino potenziale della marina inglese.

Nel settembre 1813, l'esercito montenegrino di Petar Njegoš, sostenuta dalla Russia e l'Inghilterra, liberò la baia di Kotor dell'occupante francese. L'unione di Montenegro e della regione di Kotor fu proclamata.

La città di Kotor stessa fu presa dagli inglesi in occasione di un attacco audace sulla baia diretta dal Commodore John Harper, comandante dello sloop di 18 cannoni, “Saracen„. A causa della mancanza di vento, gli abitanti della costa trasportarono la nave con funi. L'equipaggio “del Saracen„ dura in seguito trasportare i 18 cannoni sopra la fortezza San Giovanni che predomina Kotor. Furono rafforzati dal capitano William Hoste con la sua nave di 38 cannoni, “il baccante„. La guarnigione francese non ebbe altre scelte che di rendersi, ciò che fece il 5 gennaio 1814.

Tuttavia, nel 1814, il zar Alessandro I chiese ai montenegrini di restituire agli austriaci la regione di Kotor. Il 1° maggio 1814, i montenegrini abbandonarono quest'accesso al mare così difficilmente acquisito.

Al congresso di Vienna, nel 1815, la baia di Kotor fu ufficialmente attribuita all'Austria, e l'indipendenza di Montenegro non fu riconosciuta.

La sovranità austriaca (1814-1918)
Nel quadro dell'impero austro--ungherese, Kotor, ancora chiamata del suo nome italiano “Cattaro„, faceva parte del regno di Dalmazia.

L'Austria intraprese una ricostruzione principale del porto militare della baia di Kotor, allo scopo di proteggere la marina imperiale di un eventuale attacco russo.

Durante i 105 anni della sovranità austriaca, da 1814 al 1918, Kotor ed i suoi dintorni conobbero numerose sommosse della popolazione locale. Un tentativo di imporre la coscrizione obbligatoria nel 1869 portò due sommosse da parte degli abitanti ortodossi delle montagne Krivošije, un piatto di montagna sul massimo occidentale del monte Orjen. La sommossa fu repressa dal corpo di spedizione austriaco basato a Kotor, ma il governo della Austria-Ungheria fu forzato di abbandonare - temporaneamente - il progetto di coscrizione universale. Il progetto di coscrizione fu nuovamente presentato nel 1881, che conduce ad una nuova sommossa della popolazione ortodossa.

Il xixo secolo fu il secolo dell'aumento dei nazionalismi, e l'impero austro--ungherese dut affrontare un aumento dell'identità nazionale slava. Numerose istituzioni serbi sono create a Kotor. Nel 1874, fu creata a Kotor la prima diocesi della chiesa ortodossa serba, e, nel 1909, inaugurata la chiesa ortodossa San Nicola.

Disegno di Kotor nel 1840. Clicca per ingrandire l'immagine.
La prima guerra mondiale (1914-1918)
Durante la prima guerra mondiale, Kotor fu una delle tre principali basi della marina austro--ungherese ed il porto di immatricolazione del Ve galleggia austriaca, composta di navi da guerra e di incrociatori leggeri. La baia di Kotor fu il teatro di molte battaglie istigate tra Montenegro e la Austria-Ungheria.

Dal 1° al 3 febbraio 1918, ebbe luogo nella baia di Kotor un sollevamento degli equipaggi di 40 navi della marina austro--ungherese - circa 6.000 marinai croati, sloveni, ceci ed ungheresi. Le truppe della monarchia austro--ungherese schiacciarono la ribellione: circa 800 marinai furono fermati ed i capi dell'insurrezione sommariamente effettuati.

Il periodo del regno dell'Jugoslavia (1918-1941)
Nel 1918, dopo la sconfitta della Austria-Ungheri'in occasione della prima guerra mondiale, la città di Kotor, con tutto Montenegro, fu integrata al regno dei serbi, croati e sloveni, che diventarono, dal 1929, il regno dell'Jugoslavia. La città, fino allora chiamata Cattaro, prese ufficialmente il nome di Kotor.

Fino al 1922, le bocche di Kotor furono una zona indipendente con la sua capitale a Kotor, e nel 1922 fecero parte della regione zeta, quindi zeta Banovina dopo del 1929. La regione di Herceg-Novi fece, essa, parte della Croazia fino al 1945.

La seconda guerra mondiale (1941-1944)
Targa commemorativa. Clicca per ingrandire l'immagine.Dopo la capitolazione del regno dell'Jugoslavia e lo smembramento dello Stato iugoslavo nel 1941, la città di Kotor e la sua regione (en italien, Provincia di Cattaro) furono allegate dall'Italia fascista, come pure altre città della costa adriatica di Montenegro. Tutte queste regioni fecero parte “del Gouvernorat di Dalmazia„ (in italiano, Governatorato di Dalmazia).

Dopo l'8 settembre 1943, Kotor fu occupato dai tedeschi ed integrato ad un tipo di mini-stato serbo-montenegrino.

La città fu presa il 21 novembre 1944. Questa data, 21.XI.1944, è inciso nella pietra sopra la porta principale della vecchia città.

Il periodo dell'Jugoslavia socialo-comunista (1945-1990)
Dopo del 1945, Kotor fece parte della repubblica socialista di Montenegro, riunito all'Jugoslavia, ora comunista, di Tito.

Le bocche di Kotor costituirono una delle principali basi navali militari iugoslave. Gli arsenali sono tuttavia per la maggior parte in inattività, ma dei tunnel scavati nella roccia vicino all'entrata delle bocche, sulla riva sud, possono sempre essere osservati. Si trattava di ripari di protezioni per le navi militari.

Il 15 aprile 1979, un sisma potente si produsse sulla costa di Montenegro; ci furono circa cento vittime. La metà della vecchia città fu distrutta e la cattedrale Saint-Tryphon fu danneggiata.

Montenegro indipendente
Negli anni 1990, Kotor fece parte della terza Jugoslavia, Serbia e Montenegro. Dopo lo scoppio della questa terza Jugoslavia Kotor ha seguito il destino di Montenegro, e, dal maggio 2006, fa parte integrante della repubblica di Montenegro.

Con la dissoluzione dell'esercito dopo la dichiarazione d'indipendenza di Montenegro nel 2006, tutte le attrezzature militari sono state abbandonate.

LeggendeLeggende
Molte leggende sono state diffuse sulla fondazione di Kotor. Una di esse racconta che la fata greca Alkima, che viveva allora sulla scogliera che predomina la città, aveva consigliato agli arrivi non di costruire la città al vertice della montagna, come alcuni la avevano decisa. Ecco ciò che dice loro: “Dovete fare costa la vostra casa, poiché non c'è vita senza acqua. Nella montagna non c'è né porto per un vaso né stalla per un cavallo„.

InformazioniInformazioni pratiche

Generalità
Benché Montenegro non faccia parte di Euroland, né anche dell'Unione europea, molti commercianti accettino gli euro.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell'argomento
Argomenti più dettagliate
Carta interattiva della città di Kotor
La città chiusa di Kotor
Le fortificazioni di Kotor
Il villaggio di Risan
Il villaggio di Perast
Le bocche di Kotor
Argomenti vicini
La città di Herceg-Novi
La città di Kotor
La città di Tivat
La città di Budva
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva di Montenegro
Informazioni turistiche su Montenegro
La parte meridionale di Montenegro
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.