AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La città di Herceg-Novi

[Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Montenegro] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Herceg-Novi nel corso della storia, ha appartenuto a numerosi conquistatori; sono quest’influenze multiple che hanno creato questo miscuglio molto particolare di stili architetturali che offre oggi la città.
EtimologiaEtimologia
Scudo di Herceg-NoviIl nome della città di Herceg-Novi, come il nome dell’Erzegovina (Hercegovina), è un riferimento a Stjepan Vukčić Kosača che, nel 1448, separò la parte del sud-est della Bosnia per formare una regione autonoma che nominò Erzegovina; si attribuì il titolo di duca di Saint-Sava (herceg od Svetog Sava) (Herceg signifie “duc„, comme Herzog en allemand). Sotto il suo regno ex Castelnuovo conobbe una grande prosperità.

Novi viene di ciò che Herceg-Novi è una delle città di fondazione più recenti della costa adriatica (novi significa “nuovo„).

All’epoca veneziana, Herceg-Novi si nominava Castelnuovo di Cataro.

In serbo cirillico Herceg-Novi si scrive Херцег Нови, in greco Νεοκαστρον, Neòkastron, in latino Castrum Novum.

SituazioneSituazione

Situazione di Herceg-Novi. Clicca per ingrandire l'immagine.Herceg-Novi vista dalla fortezza. Clicca per ingrandire l'immagine.Herceg Novi è una città costiera di Montenegro situata ad un posto strategico, all’entrata delle bocche di Kotor ed al piede del monte Orjen. La città si trova ad alcuni chilometri della frontiera croata e non lontano da quella dell’Erzegovina in Bosnia-Erzegovina è vicino.

VisiteVisite

Il monastero di Savina (Manastir Savina)
Il monastero ortodosso di Savina, è dedicato a Sava santo Nemanja (Sveti Sava), il fondatore e primo arcivescovo della chiesa ortodossa serba nel 1219, e più popolare dei santi della Serbia.

Il monastero fu fondato al XVIe secolo; il monastero attuale data della fine del xviio secolo (anni 1690), quando monaci, che fuggono la distruzione del loro monastero vicino a Trebinje, in Erzegovina, vennero a portare i loro tesori.

È in questo monastero che il principe-poeta Petar II Njegoš ricevé la sua prima istruzione.

Il monastero si compone di due chiese dedicate al vergine, di un chiostro e di una volta:

  • la piccola chiesa dell’assunzione del vergine, del XVe secolo, forse alla posizione di una chiesa più vecchia del XIe secolo. È considerata per i suoi affreschi gotici.
  • la grande chiesa dell’assunzione del vergine, del xviiio secolo, costruita da 1777 a 1799 dall’architetto famoso Nicolas Foretić di Korčula. Questa grande chiesa è famosa per lo iconostase sontuoso dott. del Siméon Lazović ed suo figlio Alexis, di Bijelo Polje.
  • la piccola volta Saint-Sava, del XVe secolo.

Il monastero conserva parti uniche che sono sfuggite al saccheggio. Fra questi tesori, sempre in possesso del monastero, appaiono in particolare un calice di 1650, un vangelo datando di 1685, una miniatura in denaro del monastero di Tvrdoš di 1615, di cui erano originari i monaci fondatori ed una croce in cristallo e denaro del XIIIe secolo che avrebbe appartenuto a Sava santo, un ritratto notevole del zar della Russia Pierre Grand.

L’insieme monastico Saint-Sava costituisce uno bello esempio di miscugli architetturali dove domina l’architettura barocca. I suoi lavori in ferro battuto del xviio secolo sono anche considerati.

Il monastero di Savina si trova a tre chilometri all’est di Herceg-Novi in mezzo a giardini mediterranei lussureggianti che sono sospeso sulle bocche di Kotor, sulle pendenze della piccola collina di Savina che gli ha dato il suo nome.

La chiesa Saint-Michel-Archange (Crkva Arhangela Svetog Mihaila)
La chiesa Saint-Michel-Archange. Clicca per ingrandire l'immagine.La chiesa Saint-Michel-Archange. Clicca per ingrandire l'immagine.La chiesa ortodossa Saint-Michel-Archange serbo si trova sul posto Herceg Stjepan che è il principale della vecchia città; questo posto è conosciuto comunemente sotto il nome di posto Belavista.

La chiesa, dedicata all’arcangelo Michel, è uno dei gioielli dell’architettura della baia di Kotor; costruita nel 1900, associa tre stili: bizantino, barocco e gotico.

Il giro dell’orologio (Sahat Kula)
Il giro dell'orologio. Clicca per ingrandire l'immagine.Il giro dell’orologio fu costruito nel 1667, epoca dove Herceg-Novi era sotto la sovranità turca, per ordine del sultano Mahmud.

Il giro, situato al centro della città in cima di scale monumentali, supera una porta che garantisce il passaggio dalla parte bassa della città verso la sua parte alta.

Il giro Kanli (Kanli Kula)
Il giro Kanli è una fortezza del periodo ottomano (XVIe secolo). Il giro fungeva da prigione, da cui il suo nome turco che significa “giro sanguinante„.
La fortezza spagnola (Tvrtava Španjola)
Španjola è una fortezza del Rinascimento, costruito durante la sovranità ottomana al XVe e XVIe secolo; il suo nome viene di ciò che gli spagnoli hanno partecipato alla sua costruzione nel corso del solo anno dove tolsero Herceg-Novi ai Turchi.
Si trova anche a Herceg-Novi il roccaforte forte stagno, il forte del mare, del re bosniaco Tvrtko, fondatore della città.

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

StoriaStoria
Herceg-Novi fu fondato nel 1382, ma conquistato dai Turchi nel 1482. I Turchi la controllarono durante due secoli, fino al 1687 (eccetto per un breve periodo, da 1538 a 1539.

Nel 1687, Jérôme Cornaro, governatore générale della Dalmazia, in nome della repubblica di Venezia, fece piegare la resistenza turca dopo si riunisce molto duro.

Alla caduta della repubblica di Venezia, Castelnuovo fu sotto la sovranità austriaca fino al 1806, quindi della Russia fino al 1807 e infine dei francesi fino al 1813. Durante l’anno 1814, la città appartenne brevemente al governo provvisorio di Montenegro e della baia di Kotor. Nel 1815, il congresso di Vienna la attribuì, come tutta la Dalmazia, all’impero austriaco.

Incisione di Kotor verso il 1700, da parte di Pierre Mortier. Clicca per ingrandire l'immagine.Castelnuovo ed il golfo di Kotor - incisione su rame da Pierre Mortier (inizio del xviiio secolo).

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Il villaggio di Baošići
Argomenti vicini
La città di Herceg-Novi
La città di Kotor
La città di Tivat
La città di Budva
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva di Montenegro
Informazioni turistiche su Montenegro
La parte meridionale di Montenegro
Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.