AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

L'antica città di Rodi

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Grecia] [Via Gallica]

ArgomentiRubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina a cura

FotoFoto

Tempio di Apollo a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Stadio antico di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Teatro Antico di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.

Introduzione

PanoramicaGeneralità
La collina Agios Stephanos (Monte Smith)
Mappa della città antica di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.La collina Santo Stefano (Agios Stephanos), denominato Monte San Stefano dagli italiani, che domina la città moderna e la città medievale , è il sito dell’antica Rodi ellenistica. L’acropoli della città si trovava sul versante orientale della collina.

Questa collina è anche chiamato Monte Smith ha nominato oggi l’ammiraglio inglese Sir Sidney Smith, che, a queste altezze (111 m), è stato costruito nel 1802 come punto di osservazione per monitorare i movimenti della flotta di Napoleone durante la la campagna d’Egitto, mentre la flotta inglese a guardare la zona intorno al Mar di Marmara.

La collina di Santo Stefano scende a strapiombo nel mare, lasciando solo una piccola sporgenza per il passaggio di una strada incassata.

La collina offre una vista mozzafiato, soprattutto al tramonto, sulla costa, l’ isola di Symi e il mare alla costa turca a circa 20 km di distanza.

VisiteVisite

Città ellenistico
Tramonto sulla città antica di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Secondo recenti scavi, l’antica città di Rodi aveva due cittadelle: una acropoli sulla collina di Aghios Stephanos (stadio, teatro, templi di Zeus e Atena Polia e Pythée Apollo o Helios) e una acropoli dove ora è il Palazzo dei Cavalieri o Collachium (tempio di Afrodite e Dioniso tempio).

La città è stata costruita nel 408 aC, secondo i piani di Ippodamo di Mileto scacchiera tracciate con il gesso, si estendeva dalla punta settentrionale dell’isola presso il sito della città attuale dei Cavalieri e Smith va a dove sorgeva l’acropoli.

L’Acropoli
Tempio di Apollo a Rodi Pithios. Clicca per ingrandire l'immagine.L’Acropoli (Akropoli) ha dominato la parte occidentale e più alta della città. Non è stato arricchito o addizionato come la maggior parte dell’antica acropoli. Si trattava di una zona monumentale con grandi Santuari, templi, edifici pubblici e luoghi di culto. Gli edifici sono stati costruiti su terrazze rinforzate da possenti mura. L’architettura ellenistica in combinazione con la bellezza naturale del artificiose. Diversi edifici risalgono al periodo tardo ellenistico e ellenistica (III secolo aC e il secondo). L’Acropoli, la città antica estesa fino alla punta settentrionale dell’isola e ad est per il futuro della città dei Cavalieri .

Gli scavi sono stati condotti dalla Scuola Archeologica Italiana sotto il dominio dell’isola dagli italiani tra il 1912 e il 1945. Dal 1946, il Servizio Archeologico greco prese il sopravvento. Tutto il sito non è stato scavato. Qualsiasi costruzione contemporanea è stata vietata in un’area di 12.500 m² per consentire la prosecuzione degli scavi e la scoperta dei resti della magnifica città antica di Rodi. Fu dopo il 1946 che il servizio archeologico greco ha svolto lavori di restauro in prossimità del tempio di Apollo Pizio che hanno subito notevoli danni durante i bombardamenti nella seconda guerra mondiale e l’installazione di artiglieria in questo posto. Durante gli anni ’60 e ’70, il lato occidentale del tempio in fase di restauri. Nel 1996, sono stati effettuati lavori di ristrutturazione al Nymphaia tempio.

In un uliveto a est sono il tempio restaurato di Apollo, lo stadio del III secolo aC e il teatro.

Il Tempio di Apollo
L’accesso al tempio di Apollo (Naos Apolonos) da un’ampia scalinata in stile dorico, il tempio fu dedicato ad Apollo, protettore della città. Situato a nord dell’acropoli era un tempio colonnato (portico con colonne su tutti e quattro i lati). Le quattro colonne e architrave tenda di grandi dimensioni ancora visibili in loco una buona indicazione del suo carattere monumentale. E ’stato lì che gli abitanti di Rodi conservato testi delle loro trattati con altri Stati. Il tempio è collegato alla stoa.

Tempio di Apollo, distrutto da un terremoto, è stato parzialmente restaurato.

Acropoli della città antica di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Tempio di Apollo a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Tempio di Apollo a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Templi di Zeus e Athena
Sulla Acropoli si possono vedere anche alcuni resti di templi di Atena Polia e Zeus Polieus.
La Stoa e il Tempio Nymphaia
Oggi solo la base della "STOA" è conservato. Doveva avere un imponente facciata visibile dalla città e porzioni inferiori.

Il Nymphaia tempio, parte scavato nella roccia, si trova a sud-est del muro stoa. E ’costituito da quattro parti interconnesse. Il tetto della sezione centrale ha una grande apertura. Statuette sono stati alloggiati in cavità all’interno delle pareti e abbiamo trovato offerte di nicchie. Il sito è in comunicazione con gli acquedotti sotterranei.

Il Teatro Antico
Teatro Antico di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Odeon Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Nord-ovest dello stadio è stato un piccolo Odeion (teatro) del marmo, II secolo aC per ospitare circa 800 spettatori. La forma rettangolare è originale. Si supponga che è stato utilizzato per eventi musicali o per partecipare a retorica lezioni date da famosi altoparlanti locali.
Teatro Antico di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Se dobbiamo credere a Diodoro Siculo, era che il piccolo teatro, un altro, molto più grande, in piedi vicino al porto, luogo Symi .

Quasi interamente ricostruita dagli italiani prima dell’ultima guerra, solo il piano di fondo è autentico.

Oggi, come nell’antichità, giocano concerti e spettacoli musicali e teatrali.

Stadio Antico
L’antico stadio (Stadio Arheo), del secondo secolo aC, si trova a sud-est della collina e orientata nord-sud, misurava 190 metri di lunghezza per 35 di larghezza.

Lavori di scavo e ricostruzione sono stati effettuati dagli italiani. La sua lunghezza è di 600 piedi (o 210 metri). Autentici pezzi di ricambio originali sono Sphendone (estremità arrotondata con il polo di rotazione), le proedries (sedi di funzionari), alcuni del sistema di sedute di livello inferiore e per gli atleti partenze.

La fase dell'antica Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Stadio antico di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Stadio della città antica di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Stadio della città antica di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Una palestra è situata ad est dello stadio. Una parte del lato occidentale era stato scoperto in passato, e recentemente è a nord est all’angolo che è stato scoperto in una casa più tardi. E ’stato un grande edificio quadrato, misura circa 200 m di larghezza. Conteneva molte opere d’arte.
Antico cimitero
L’antico cimitero di Agios Ioannes si trova vicino alla città antica.
Parco di Rodini
A sud della città, a 3 km, Parco di Rodini (Parko Rodiniou), incantevole giardino botanico fresca e verde può rilassarsi e rinfrescarsi all’ombra dei cipressi molti.

Una festa del vino si svolge in estate, da luglio a settembre.

Nell’antichità, la scuola di retorica seduto nel Parco Rodini.

Dorian è un cimitero situato a pochi metri.

InformazioniInformazioni pratiche

Generalità
L’Acropoli è raggiungibile a piedi in 30 minuti dal centro storico e il porto. Siamo in grado di uscire dalla città, lungo le pareti laterali occidentali, le strade e Agios Friderikis Ioannou, poi girare a destra in via Diagoridon: dopo poche centinaia di metri, un sentiero sulla sinistra conduce alle rovine sulla collina di Agios Stefanos.

È inoltre possibile prendere l’autobus n ° 5 porto di Mandraki , che continuerà a parco Rhodini.

Orario di visitaOrario di visita
Libero accesso.

Altri temiAltri temi

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Carta interattiva della città di Rodi, Rodi
L'antica città di Rodi
Il Porto di Mandraki a Rodi
Il porto commerciale di Rodi
Il Porto di Acandia Rodi
La città medievale di Rodi
Il quartiere ebraico di Rodi
Il quartiere turco di Rodi
La moderna città di Rodi
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva del Rodi
Informazioni turistiche su Rodi
La geografia di Rodi
La storia di Rodi
La città di Rodi, Rodi
La costa occidentale di Rodi
La costa orientale di Rodi
La costa meridionale di Rodi
La flora e la fauna di Rodi

Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.