AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

Il palazzo dei Grandi Maestri a Rodi

[Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Grecia] [Via Gallica]

RubricheRubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

FotografieFotografie

Corte del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Corte del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Galleria del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Corte interna del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Corte interna del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Scala della grande hall del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Sala del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Sala del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Vista dalla zona turca del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Visto dal porto del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Il palazzo dei grandi maestri (Paláti Megálou Magístrou) o palazzo dei cavalieri, allo stesso tempo palazzo e fortezza, costruisce al punto più sù della città medioevale, predomina la città ed il porto con la sua massa imponente.

SituazioneSituazione

In cima della via dei cavalieri, dopo l’ultima arcata, si arriva sul posto del palazzo dei grandi maestri (XIVe secolo), situato al nord-ovest del Collachium.

VisiteVisite

ArchitetturaL’architettura del palazzo
Muri del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Il palazzo, costruito al XIVe secolo all’angolo nordoccidentale dei rifugi che rafforzava, somiglia più ad una fortezza che ad un vero palazzo, e merita bene la sua denominazione “di Castello„. La sua architettura è di stile gotico provenzale, che ricorda il palazzo dei papi ad Avignone.

Fortezza rettangolare di 75 m su 80 m, dentro anche della cittadella (Collachium), comprende infatti canali, un muro dentellato e segnato di giri quadrati, ed un maschio. La fortezza deve avere presentato un aspetto massiccio ed impressionante.

Sotto il palazzo si trovavano inoltre tre piani di depositi dove si depositavano prodotti alimentari e munizioni, cosa che ne faceva una fortezza capace di resistere a molte sedi.

L’entrata del palazzo
Corte interna del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.L’entrata principale è situata nella sua parte sud, sul posto Kleovoulou in cima della via dei cavalieri.

Quest’entrata maestosa è fiancheggiata di due alti giri semicircolari (sotto forma di ferro di cavallo), dentati ed a caditoie, simili a quelle della porta del mare. L’entrata dà accesso ad una grande hall.

Porta principale del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Entrata del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Porta principale del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
La Corte interna
Corte interna del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Il palazzo dei cavalieri si ordina attorno ad una corte interna ad arcate.

Questa corte interna di 50 m di lunghezza su 40 m di ampio è decorata di bandiere geometriche in marmo; è delimitata, nella sua parte del nord, da dieci sili che permettevano di fornire i difensori in cereali durante le sedi.

Corte del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Corte interna del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Corte interna del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).
Questi posti adatti riparano oggi statue di imperatori romani che provengono da scavi realizzati dagli italiani all’inizio del xxo secolo allo Odéon dell’isola di Cos.
Statue del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Corte interna del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Una scala esterna situata all’est conduce alla loggia del nord del piano.
Corte interna del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Arcate del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Corte interna del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
La volta
Volta del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Volta del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
La grande hall
Corte del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Grande hall del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Sala a destra della grande hall del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Sala a destra della grande hall del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Statua di Laocoon del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Si può vedere, che predomina l’hall, un modello della statua splendida del Laocoon, capo d’opera della scultura rhodienne: immortala la morte del troiano Laocoon e dei suoi figli, Antiphantes e Thymbraeus strangolati da serpenti di mare, e rappresenta l’angoscia dell’essere umano di fronte alle forze incontrollabili della natura. L’originale di questa statua dell’Iersecolo prima di J. - C. si trova al vaticano a Roma.

Laocoon era il figlio del re Priam di Troia, che tentò di informare i suoi compatrioti troiani contro il cavallo di Troia offerto alla città dai greci. Nel Énéide, Virgilio attribuisce a Laocoon la frase famosa

Equo ne credite, Teucri/Quidquid id est, timeo Danaos et dona ferentes„.
Grande scala del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Nella grande hall, una scala conduce al piano dove si visita una serie di grandi sale.
Le sale interne
Le sale del piano, decorate di mobili italiani, riparano una serie di mosaici d’epoca hellénistique e bizantina che proviene dalle isole del Dodecanese: osservate la caccia ai cervi.
Mosaico dei delfini del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Mosaico dei delfini del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Una raccolta di mobili di stile occidentale del XVIe secolo e del xviio secolo è anche presentata.
Sala del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Sala del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Sala del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Sedi del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Ospedalieri riunendosi a Rodi dopo del 1307. Clicca per ingrandire l'immagine.Sedi del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Corridoio del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Camino del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Sala del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Camino al palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Sala del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Corridoio del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Corridoio del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Limite massimo del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
La sala delle nove muse
Dentro, la sala delle nove muse cela un mosaico dell’epoca hellénistique che rappresenta i busti delle nove muse.
La sala dei colonnati
Sala dei colonnati del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Sala dei colonnati del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.La sala dei colonnati, il cui limite massimo è sostenuto da due grandi arcate a due colonne, fungeva forse da sala di deliberazioni al consiglio dell’ordine; contiene di superbie mosaïques del Ve secolo.
Sala dei colonnati del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Sala dei colonnati del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Limite massimo della sala dei colonnati del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
La sala della medusa
Mosaico della medusa del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.La sala della medusa ripara un mosaico della fine dell’epoca hellénistique che rappresenta il gorgone mitologico con la sua capigliatura di serpenti. Vasi cinesi ed islamici sono anche presentati in questa sala.
Sala della medusa del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Sala della medusa del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Sala della medusa del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Vaso orientale del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Le esposizioni archeologiche
Grande hall del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Due esposizioni sono presentate nel recinto del palazzo: la prima, dedicata alla Rodi vecchia, riunisce una raccolta impressionante derivata dagli scavi archeologici e la seconda, Rodi medioevale, li porta via nella vita quotidiana al medioevo.

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

StoriaStoria
Porta principale del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Corte interna del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Costruzione del palazzo
Il grande Hélion principale di Villeneuve del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Il palazzo fu costruito alla fine del VIIe secolo dai bizantini come piazzaforte della città nel sito di un vecchio tempio dedicato a Helios, dio del sole. L’edificio sarà modificato nel corso del tempo a che i cavalieri di San Giovanni ne facciano la residenza del grande padrone dell’ordine (dal 1309). Il palazzo del grande padrone sembra essere stato completato nella sua prima forma sotto Hélion di Villeneuve, ma, come tanti edifici dell’isola, fu aumentato e modificato sotto Pierre di Aubusson e Fabrizio del Carretto.

Il palazzo visibile oggi è la ricostruzione da parte dei fascisti italiani di quello costruito al XIVe secolo dal grande Hélion principale di Villeneuve.

Destinazione del palazzo
Il palazzo fu la residenza del grande padrone di San Giovanni ed il centro amministrativo e politico del loro Stato da 1309 a 1522, prima di in essere cacciato dagli ottomani e di trasferire la sua sede a Malta. È qui che hanno risieduto diciannove grandi maestri.

Il palazzo faceva anche ufficio di ultimo rifugio per la popolazione in caso del pericolo, e poteva sostenere una lunga sede grazie ai suoi depositi riempiti di prodotti alimentari e di munizioni.

Distruzione del palazzo sotto l’occupazione turca
Dopo la conquista dell’isola da parte dell’impero otomano (1522), il palazzo fu trasformato dai Turchi in deposito, in prigione ed in casa per i custodi.

Al xixo secolo, il palazzo improvviso colpo su colpo due catastrofi:

  • nel 1851, fu danneggiato da un terremoto;
  • il 6 novembre 1856, fu quasi interamente distrutto dall’esplosione di una polveriera (dimenticata negli scantinati dai Turchi della guarnigione) fu colpito dal fulmine; la chiesa San Giovanni-Baptiste (allora trasformata in moschea principale), dove si trovavano le tombe dei grandi maestri, fu anche distrutto, sola esistendo il suo giro quadrato di cui l’orologio bruscamente fermato segnava l’ora della catastrofe. Pietre furono proiettate in tutta la città e nel mare a oltre giro Saint-Michel.
Ricostruzione del palazzo da parte degli italiani
Armi del governatore Cesare de Vecchi al palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Dal 1937, Benito Mussolini desiderando ridare una certa dimensione alla città di Rodi, il governatore italiano Cesare Maria de Vecchi intraprese di ricostruire il palazzo dei grandi maestri per trasformarlo in residenza d’estate ad uso dei dirigenti dell’Italia fascista e del re dell’Italia, Victor-Emmanuel III. L’esterno fu ricostruisce con molte cure erudite, l’interno con la preoccupazione di fare la dimostrazione dello splendore fascista; il palazzo è ironicamente diventato un monumento all’occupazione italiana piuttosto che il memoriale dei suoi costruttori originali.

Dedica a Mussolini del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Le autorità greche hanno lasciato, bene in evidenza all’entrata del palazzo dei cavalieri, una superbia targa di marmo precisando le condizioni di restauro di questo palazzo sotto l’egida del re Victor-Emmanuel III, “imperatore dell’Etiopia„, e “del DuceBenito Mussolini.

Cesare de Vecchi fece affiggere le sue armi sul palazzo.

Il restauro, secondo piani originali miracolosamente conservati, fu completato nel 1939; resta nell’umore italiano dell’epoca.

LetteraturaLetteratura
Ciò che dicono le rondini - Théophile Gautier (1811-1872)
Quella: “Ecco il mio indirizzo:
Rodi, palazzo dei cavalieri;
Ogni inverno, la mia tenda si erge
Al capitale dei pilastri neri. „

InformazioniInformazioni pratiche

Generalità
Posto Kleovoulou (Plateia) GR. - 851 00 Ródos (Nissí Ródos)

Telefono: 00 30 22410 23.255/22410 23.359

Il palazzo dei grandi i principali è il terzo monumento greco più visitato.

Ore di visitaOre di visita
Entrata secondaria del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Il palazzo dei grandi i principali è aperto tutti i giorni eccetto il lunedì, d’8:30 a 19:30 da agosto a settembre e d’8:30 a 14:30 da ottobre a luglio.

Una sezione del museo è dedicata alla città di Rodi al medioevo, ma è aperta soltanto tra 12:30 e 14:30.

Tariffa d’entrata: 6 €.

Porta in riparazione del palazzo grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.In seguito alla caduta di una parte delle caditoie nel 2008, l’entrata principale è in riparazione; l’entrata delle visite si fa sulla sinistra del palazzo vicino alla porta dei cannoni.
Porta in riparazione del palazzo grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Entrata secondaria del palazzo dei grandi padroni a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Il palazzo dei grandi padroni a Rodi vista da porta dei cannoni. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Il palazzo dei Grandi Maestri a Rodi
Via dei Cavalieri di Rodi
L'ospedale dei cavalieri a Rodi
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva della città medioevale di Rodi
Immagine satellitare della città medioevale di Rodi
Collachium a Rodi
Le fortificazioni di Rodi

Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.