AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

L'isola di Kos in Mare Egeo - nell'impero bizantino

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Grecia] [Via Gallica]

RubricheRubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Alla fine del IIIe secolo dopo J. - C., l’impero romano fu condiviso in due dall’imperatore Diocleziano, e, in 395, alla morte di Teodosio I, fu definitivamente diviso in impero romano d’occidente ed impero romano d’oriente. L’isola di Kos, come tutta la Grecia, farà ormai parte dell’impero d’oriente; lo resterà durante otto secoli

L’impero romano era diventato cristiano sotto il regno di Costantino il grande (306 - 337 dopo J. - C.) che fondò la città di Costantinopoli nel sito della vecchia città di Bisanzio. In quest’impero bizantino in pieno aumento, Kos diventò la sede di un vescovado e contò una popolazione di 160.000 abitanti.

In 469, gli edifici splendidi della città greco-romana e dello Asclépiéion furono rigorosamente danneggiati da un terremoto, quindi da un altro in 554.

All’inizio del Ve secolo e fino all’inizio del VIIe secolo, l’isola fu attaccata da orde barbare (goti, vandali, bulgari, avari ecc.). Nella seconda metà del VIIe secolo, furono gli Arabi che saccheggiarono l’isola.

Nonostante i saccheggi e le distruzioni causate dai sismi, le vestigia archeologiche che datano di quest’epoca paléochrétienne sono impressionanti. I monumenti più importanti dell’epoca sono, senza dubbio, le numerose grandi basiliche le cui rovine sono state scoperte in numerose zone attorno all’isola di Kos. La maggior parte fra esse è decorata di mosaici impressionanti, prodotti dai seminari locali rieletti per la loro qualità artistica. Inoltre, lungo le coste dell’isola (nelle località attuali di Kefalos, Kardamena e Mastihari), grandi colonie di popolamento sono state scoperte; comprendevano edifici spaziosi e vie. Questa prosperità prese fine con le incursioni arabe che forzarono la maggior parte degli abitanti a rifugiarsi all’interno dell’isola.

All’inizio del XIIe secolo, Kos fece parte delle regioni rivendicate dalla repubblica di Venezia. Nel 1204, dopo la conquista di Costantinopoli da parte degli incrociati, Kos e le altre isole del Dodecanese cessarono di fare parte dell’impero bizantino.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
L'isola di Kos in Mare Egeo - nell'antichità greca
L'isola di Kos in Mare Egeo - nell'impero romano
L'isola di Kos in Mare Egeo - nell'impero bizantino
L'isola di Kos in Mare Egeo - ai tempi dei cavalieri
L'isola di Kos in Mare Egeo - sotto il giogo otomano
L'isola di Kos in Mare Egeo - sotto la sovranità italiana
L'isola di Kos in Mare Egeo - all'epoca moderno
Argomenti più ampi
Inizio
L'isola di Kos - carta interattiva
La città di Kos o Cos, Kos
Il sito di Kos Asclepion, Kos
La città di Asfendiou, Kos
La città di Pyli, Kos
La città di Antimahia o Antimachia, Kos
La città di Kardamena, Kos
La città di Kéfalos, Kos
L'isola di Kos in Mare Egeo - la storia dell'isola

Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.