AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

L'ospedale dei cavalieri a Rodi

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Pagina d’inizio] [Grecia] [Via Gallica]

RubricheRubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Facciata dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.L’ospedale dei cavalieri di San Giovanni (Nossokomío lpotón) (XVe secolo) è uno delle costruzioni più interessanti della vecchia città ed uno dei gioielli di Rodi.

SituazioneSituazione

Il vecchio ospedale dei cavalieri è situato in fondo della via dei cavalieri, parte il sud, sul posto Moussiou (posto del museo).

VisiteVisite

Storia dell’ospedale
I cavalieri non avevano dimenticato la vocazione iniziale ospedaliera del loro ordine: costruirono uno delle costruzioni più imponenti di Rodi per fungere da ospedale.

La costruzione di questo bel ed imponendo costruzione fu decisa da Antoine Fluvian de La Rivière (grande padrone da 1421 a 1437), ma i lavori cominciarono soltanto tre anni dopo la sua morte, nel 1440, sotto il magistero di Jean Bonpart de Lastic (grande padrone da 1437 a 1454), e furono completati soltanto nel 1489 da Pierre di Aubusson (grande padrone da 1478 a 1505).

Nel 1522, i pazienti dell’ospedale vennero in aiuto ai cavalieri a rifiutare l’invasione del sultano Suleiman.

Sopra la porta d’entrata, l’inverso del lato del letto della volta della grande sala dell’ospedale forma un rilevante; è decorato di una targa in marmo: due angeli portano le armi di Fluvian. La fiamma di marmo sotto gli angeli li spiega che grande dott. Fluvian destinò 10000 fiorini alla costruzione dell’edificio; i caratteri gotici della dedica sono difficili da leggere, poiché il piombo che li riempiva è stato recuperato dai Turchi.
Porta d'entrata dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Facciata dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Armi di Antoine Fluvian sulla facciata dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
L'ospedale dei cavalieri a Rodi verso il 1911. Clicca per ingrandire l'immagine.L'ospedale dei cavalieri a Rodi verso il 1911. Clicca per ingrandire l'immagine.
L'ospedale dei cavalieri a Rodi verso il 1911 vista dalla porta bizantina. Clicca per ingrandire l'immagine.L'ospedale dei cavalieri a Rodi verso il 1911 vista dalla porta Bysantine. Clicca per ingrandire l'immagine.L'ospedale dei cavalieri a Rodi verso il 1911. Clicca per ingrandire l'immagine.
Danneggiati al xixo secolo, gli italiani restaurarono il grande ospedale dal 1913 al 1918 e lo trasformarono in museo archeologico.

Durante la seconda guerra mondiale, l’ospedale dei cavalieri fu toccato da un bombardamento inglese, ed il refettorio distrutto.

Destinazione
I feriti ritornando dei combattimenti, soprattutto contro gli ottomani vi erano messi ed ordinati. Questo primo ospedale usufruisce di una grande reputazione; i cavalieri di San Giovanni erano effettivamente conosciuti per la qualità della loro medicina e la loro igiene: la conoscenza medica degli ospedalieri, si era molto arricchita al contatto della medicina araba durante i due secoli passati in terra santa. A Rodi, misero in pratica le loro nuove conoscenze, che innovano e che anticipano molto spesso sui loro tempi. I letti erano individuali - contrariamente all’impiego in Europa dove i pazienti occupavano un pagliericcio a due - e chiusi di tende spesse per permettere un buono riposo. Il paziente riceveva un panno cambiato tre volte alla settimana, una copertura, un pelisse e pantofole. La distribuzione di pane bianco non era dettata da un gusto di lusso, come lo è a volte preteso, ma con criteri di dietetica, come l’utilizzo di terrecotte in denaro, che presentavano vantaggi per l’asepsi.

I chirurghi dell’ordine operano da parte dei due pazienti. Importanti misure preventive sono applicate contro le infezioni e le epidemie. Alla loro entrata nell’ospedale, i pazienti devono prendere un bagno per ridurre i rischi di contagio. Esistono camere dove alcuni pazienti si trovano isolati dalle altre. L’ordine può decretare consegne rigorose di quarantina in occasione della propagazione della peste e del colera. Ogni grande padrone perfeziona le regole decise dal suo predecessore. Tutto è dettagliato, dal numero dei medici, fino al numero di panni di cotone. Ogni lingua deve spedire diverse medicine. I pazienti cristiani devono confessarsi e consegnare il loro testamento al priore. L’ordine costruisce ospedali moderni fuori di Rodi, come a Corinto, Saint-Samson e Négrepont.

Grande sala dei pazienti dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Architettura
L’ospedale dei cavalieri è costruito attorno ad una vasta corte interna circondata di due serie di gallerie sovrapposte che comportano volte di testate che riposano su basi scolpite di romanico.

Si accede alla corte interna le cui sette arcate sopportano una galleria incurvata di testate. Depositi occupavano le sale del piano terra; chiuse al pubblico, queste sale fungono da deposito alle antichità non ancora classificate.

Corte dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Corte dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Volte dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Una scala conduce al piano dove si trovava l’ospedale propriamente detto, diretto dal bailli della lingua della Francia.
Arcate dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Arcate dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Arcate dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
In mezzo alla galleria, a sinistra, in cima della scala, si apre la grande sala dei pazienti. È divisa in due navate per una fila di sette pilastri ottagonali decorati dello scudo del Grand Dott. Pierre di Aubusson e di diversi grandi padroni o dignitari.
Arcate dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Porta della sala pazienti dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Fornita di porte di cedro e coperta di un limite massimo dello stesso legno, la grande sala dei pazienti riparava 32 letti collettivi e poteva ricevere un centinaio di pazienti.
Grande sala dei pazienti dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Limite massimo della grande sala dei pazienti dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Grande sala dei pazienti dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Grande sala dei pazienti dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Vi si sono riunito lapidi funerarie di cavalieri che provengono dalla chiesa San Giovanni.

Di fronte all’entrata della grande sala, si può osservare l’arco di testa, delicatamente scolpito, della piccola volta sporgente all’esterno, sopra il portico.

Le piccole porte sulla parete che si scorge dietro l’arcata centrale davano accesso alle cellule dove si installavano i pazienti colpiti da malattie contagiose.

Porta interna in legno di cedro dell'ospedale dei cavalieri a Rodi (Collection Château di Versailles). Clicca per ingrandire l'immagine.Cellula dei contagiosi dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.
Arcate dell'ospedale dei cavalieri a Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Le altre parti della galleria del primo piano erano sistemate per l’intendenza e “la farmacia„ dell’ospedale. I fratelli che servono e cavalieri assegnati al servizio dei pazienti (appartenevano soprattutto alla lingua della Francia) vi disponevano di piccole cellule individuali oggi sistemate in sale d’esposizione di parti archeologiche.
Le altre sale del piano erano il refettorio, vasta parte la cui volta è rafforzata da due archi, chiamata così sala delle due absidi, la cucina ed un piccolo giardino sospeso.

InformazioniInformazioni pratiche

Ore di visitaOre di visita
Visite tutti i giorni eccetto lunedì, d’8:30 a 14:30.

Entrata pagante: 3 €.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Il museo archeologico di Rodi
Argomenti vicini
Il palazzo dei Grandi Maestri a Rodi
Via dei Cavalieri di Rodi
L'ospedale dei cavalieri a Rodi
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva della città medioevale di Rodi
Immagine satellitare della città medioevale di Rodi
Collachium a Rodi
Le fortificazioni di Rodi

Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.