AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La storia di Rodi nell'antichità

[Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Grecia] [Via Gallica]

RubricheRubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Rodi all’epoca mycénienne
(- 1600 a -1150)
Il Rodi è invaso verso il 1400 prima di J. - C. dai Achei che vi stabiliscono allora la civilizzazione micenea. Gli scritti vecchi dicono che la città di Lindos ha fornito sette navi ai Achei che partivano per Troia.
Rodi all’epoca minoica
(- 1600 a -1150)
Rodi è in seguito nella zona d’influenza della civilizzazione della Creta minoica.
Rodi all’epoca dorienne
(- 1100 a -334)
Parte in oro, Helios allo avers, rosa all'inverso, 350-340 prima di JC. Clicca per ingrandire l'immagine.Parte di Rodi, Lindus. Clicca per ingrandire l'immagine.
Colonizzazione doriana (- 1100)
Tempio di Athéna Lindia a Lindos. Clicca per ingrandire l'immagine.Al IIe millenario, verso 1.100 prima di J. - C., Doriani si afferrò dell’isola sotto la condotta di Tlépolème Héraclide, e vi fondarono tre città: Camiros bianca all’ovest, Ialyssos al nord sui Mare Egeo e Lindos all’est sulla costa mediterranea dell’isola. Tutti e tre sono citati da Omero (poeta, fine del VIIIe secolo) nel catalogo dei vasi (Iliade, II, 653-656):
“Quelli di Lindos, di Iélyse e della Camire bianca„.

Doriens ne fa il centro di un commercio marittimo fiorente le cui colonie sono disperse in tutto il bacino egeo; l’isola conosce allora un periodo di prosperità.

Camiros è la prima da colpire la sua valuta.

Il hexapole del Doride (verso -1000)
Tempio di Athéna Lindia a Lindos. Clicca per ingrandire l'immagine.Secondo Erodoto, verso -1000 prima di J. - C., le tre città di Camiros, di Ialyssos e di Lindos formarono, con quelle di Cos, Cnide ed Halicarnasse (sulla costa di decomposizione), Hexapole Dorienne.

A partire dal VIIIe secolo prima di J. - C., il commercio e la produzione artistica si sviluppano a Rodi, che ha un colloquio con relazioni con, da un lato il Vicino-Oriente, e dall’altro con l’attico e la Creta. Rodi sembra essere una delle prime regioni del Hellade ad avere adottato l’alfabeto.

Al VIIe secolo prima di J. - C., le tre città facevano commercio con il Medio Oriente e l’Egitto, costruivano colonie nelle isole vicine, sulle coste della Asia minore ed anche in Italia (a Napoli).
Il periodo classico (- 500)
Molti secoli della storia dell’isola restano oscuri.

Vita secolo prima di J. - C. governo dei tiranni; il tiranno Cleobulo, uno dei sette saggi della Grecia.

Località di Camiros. Clicca per ingrandire l'immagine.Alla fine della vita secolo ed all’inizio del Ve secolo prima di J. - C., Camiros è sotto la dipendenza del persiano. La città riacquista la sua autonomia alla fine delle guerre Médiques, prima di raggiungere come tutta l’isola, la lega di Délos.

Al Ve secolo prima di J. - C., le tre città facevano parte della lega di Délos, una confederazione di stati greci con Atene alla sua testa (471-411). Le tre città si liberarono da Atene in 412 prima di J. - C.

In 411 prima di J. - C., i sandali alla schiava, partiti di Cnide, scaricano a Camiros con 94 navi. Secondo Tucidide, si afferrano rapidamente della città, che non è rinforzata e forzano i cittadini a cambiare campo

Durante tutto il secolo seguente, l’isola fu implicata nelle guerre interne greche. Il partito democratico erano favorevole agli ateniesi, il partito aristocratico ai sandali alla schiava, come nel resto della Grecia; da 412 a 370, ci furono cinque rivoluzioni. Alla fine, Rhodiens prendono una parte attiva alla sommossa degli insulari contro Atene, denominata guerra sociale (357-355); i principi di si decompongono vi incoraggiano; ciò che non impedì presto agli aristocratici rhodiens di sollecitare l’aiuto di Atene contro la decomposizione.

La fondazione della città di Rodi (- 408)
Acropoli di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Navigatori abili, Rhodiens fondarono numerose colonie: Gagae e Corydalla in Lycie, Soli in Cilicie, congelarono in Sicilia, Sybaris, Siris, Salapia, Parthenope in Italia, Rhode (pestasti) in Spagna, senza dimenticare i loro contatori delle Isole Baleari.

Tuttavia ebbero soltanto un ruolo secondario fino al momento in cui, in 408 prima di J. - C., le tre città doriennes decisero congiuntamente, pur conservando la loro autonomia, di fondare un nuovo centro all’estremità nordorientale dell’isola che sarebbe la sua capitale: la città di Rodi, che non andava ritardare a soppiantarli.

La città di Rodi fu costruita su un piano regolare di Ippodamo di miglio, l’architetto delle pareti del Pireo, uno dei più grandi architetti dell’epoca. La sua forma era quella di un anfiteatro che si alza del mare verso l’acropoli sise al sud-ovest, con vie ampie ed un sistema di sgombro delle acque ancora utilizzato al giorno d’oggi; in cima, un teatro; in fondo, due porti eccellenti.

Rodi nell’impero di Alessandro il grande
(- 334)
In 334 prima di J. - C., Rodi è integrata all’impero di Alessandro il grande (336-323).

Alla morte di Alessandro, in 323 prima di J. - C., i cittadini di Rodi si rivoltarono contro i macedoni e li cacciarono.

Rodi ebbe un colloquio allora con rapporti commerciali stretti con il regno delle Ptolémées installato in Egitto.

In 305 prima di J. - C., il re di Macedonia Antigonos I Monophtalmos (“la guercio„) (306-301) affida a suo figlio Démétrios I Poliorcète (“l’acquirente di città„) (re in 294) l’ordine di una flotta enorme e lancia una spedizione contro l’Egitto de Ptolémée I. Rhodiens rifiutano di partecipare a questa spedizione. L’invasione si conclude con un fallimento, Démétrios I non riesce a forzare le difese egiziane e deve rinunciare. Prova allora a distruggere Rodi che ha rifiutato di aiutare suo padre. Rhodiens combatterono con coraggio; Camiros rifiuta gli attacchi, ma la sede di Rodi durerà un anno (305-304) e si completerà in 304 prima di J. - C. con un trattato di pace; Démétrios deve abbandonare la sede dell’isola.

Non soltanto la flotta di commercio e di guerra di Rodi diventò una delle principali del Mediterraneo, ma trovarono nelle costruzioni navali e la fabbricazione delle armi ed armi da guerra delle industrie lucrative. Estesero la loro sovranità sulla costa vicina di Asia minore, denominata Pérée, e sulle isole di Kasos, Karpathos, Telos, Chalcé.

Rodi nel grembo ateniese (- 300)
Rhodiens finiscono, verso 300 J davanti. - C, per rientrare definitivamente nel grembo ateniese. La prosperità ed il potere politico di Rodi furono al loro massimo al IIIe ed al IIe secolo prima di J. - C.

Diventata rapidamente potente e prosperosa grazie al suo commercio, Rodi diventa un grande centro politico, commerciale, intellettuale e religioso:

  • il suo governo sembra essere stato abbastanza abilmente ponderato; due pritani annuali esercitavano il potere esecutivo, assistiti da navarques o ammiragli; un senato (Boulh) preparava le decisioni presentate in seguito all’approvazione dell’assemblea del popolo.
  • la sua scuola di retorica, rieletta in tutti vecchi, è frequentata da oratori famosi romani e greci. Eschine che lascia Atene, vi aprì una scuola il cui successo fu considerevole e persistente; all’epoca romana ancora, si veniva a studiare la retorica a Rodi; Panaetius, Stratoclès, Andronicus, Eudemus, Hiéronyme, Pisandre, Simmias, Aristide sont des Rhodiens; Posidonius Apollonius (vedere Apollonios di Rodi) risiedé a lungo a Rodi.
  • Rodi diventa il primo scalo commerciale tra l’Egitto, la Fenicia e la Grecia. Batte la sua valuta. Rhodiens sono, al IIIe secolo prima di J. - C., i marinai più famosi del mondo ellenico; fondono un tipo di diritto commerciale e marittimo di cui fanno ammettere le regole.
  • coltiva le arti e le lettere, e particolarmente famoso per la scultura e l’arte pittorica, che si imbelliscono di edifici, di santuari e di sculture. Rodi raggiunse il suo massimo in questo settore con le pitture di Protogénès (al IVe secolo prima di J. - C.) e con le sculture di Charès (al IIIe secolo prima di J. - C.), autore del colosso famoso (v. 303-291 prima di J. - C.). Al IIe secolo prima di J. - C., i scultori di Rodi terminarono la statua famosa del Laocoon ed i suoi figli.
  • incoraggia l’atletica leggera.

Tuttavia, la ricchezza ed il lusso non cancellavano le vecchie qualità di patriottismo, di fatica e di serietà.

Colosso di Rodi, incisione del 17o secolo. Clicca per ingrandire l'immagine.Rodi diventa famosa per il suo colosso di Rodi (304-292), opera di Charès de Lindos, designata come una delle sette meraviglie del mondo. La meraviglia resta verticalmente soltanto una sessantina di anni; in 226 prima di J. - C., un terremoto violento la getta al suolo. Gli avanzi restano sul posto nove secoli, fino al giorno dove gli Arabi li trasportano sulla costa della Asia minore e li vendono.

Se il colosso è in rovina, la città non la è meno, e numerose città amiche inviano aiuto per ricostruirla; la politica estera prudenta condotta da Rodi risulta pagante.

Apollonios di Rodi
Appolonius di Rodi, francobollo Grecia. Clicca per ingrandire l'immagine.Apollonios di Rodi, in greco Απολλώνιος, (Alessandria, 295-215 prima di J. - C.), poeta e grammatico greco.

Discepolo di Callimaque di Cyrène, compone una lunga epopea, Argonautiques, che si allontana degli insegnamenti del suo padrone e mira ad avvicinarsi alla semplicità omerica. Respinto da Callimaque, si esilia a Rodi dove fonde una scuola di retorica. Allo stesso tempo, lavora di nuovo la sua poesia. Rientrato ad Alessandria, conosce il successo e Tolomeo V Épiphane lo nomina direttore della biblioteca di Alessandria, in successione di Ératosthène. Argonautiques erano molto apprezzati dei Romani, e sono stati una fonte d’ispirazione in particolare per Valerius Flaccus.

Rodi nell’impero romano
Valuta di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Asia minore verso 188 prima di J. - C.. Clicca per ingrandire l'immagine.
La prosperità di Rodi fu raggiunta al IIe secolo prima dell’era cristiana; era stata dovuta in parte all’alleanza egiziana e fu confermata inizialmente dall’alleanza romana, anche conclusa contro Séleucides ed i macedoni: alla fine del IIe secolo prima di J. - C., l’impero romano inizia ad estendersi all’Est del Mediterraneo; Rhodiens fedeli ai loro principi, assumono un atteggiamento amichevole a loro riguardo.

Dracma rhodienne. Clicca per ingrandire l'immagine.Al tempo delle conquiste della repubblica romana in oriente, la superiorità marittima e commerciale nei mari della Grecia apparteneva, senza contestazione, a Rodi, combinata dei nuovi padroni del mondo. Il monnayage di Rodi prese uno sviluppo enorme ed ebbe durante due secoli circa la circolazione più ampia e più generale. Le parti rhodiennes di quest’età sono molto comuni, hanno per tipo, da un lato la testa, vista di faccia e cancellata, del sole, dio protettivo dell’isola ed autore mitico dei suoi primi abitanti, dell’altro, il simbolo parlando della rosa.

Rodi vive un’epoca fiorente, la sua valuta ha corso ovunque, il suo codice del commercio marittimo fa la legge sui mari. Ma l’alleanza con Roma contribuisce, come per altre parti del mondo, all’indebolimento progressivo dell’isola, che, a partire dal IIe secolo dopo J. - C., diventa una provincia romana. I Romani, al IIe secolo prima di J. - C., fanno di Délos un porto franco, che fa concorrenza ai Rhodiens.

In 189 prima di J. - C., i Romani, vincitori di Antiochus, diedero Rhodiens alla decomposizione. Ma questi, che si preoccupano dei progressi di Roma, vollero, equilibrare la sua influenza e quella dei re di Pergame che assisteva, intendersi con i re di Macedonia. Dopo la caduta di persiana, il senato romano riprese loro la decomposizione, che lascia loro soltanto Pérée, le penisole sise di fronte all’isola. Nella guerra contro Mithridate, gli insulari rimasero fedeli all’alleanza romana.

In 164 prima di J. - C., Rodi firma un trattato d’alleanza con Roma. Il commercio marittimo dell’isola sarà molto allora fiorente fino all’invasione romana dell’Iersecolo dopo J. - C.

In 48 prima di J. - C., Rhodiens presero infatti partito per César contro pompata, generale ed uomo politico romano, e contro il senato romano, e fu la causa della loro rovina.

In 43 prima di J. - C., un altro generale romano, Cassius, uno degli assassini di César, li demolì in battaglia navale, invade Rodi, massacrò gli alleati di César, si afferrò dei tesori della città e rase i tempi. Questa battaglia ruppe il potere di Rodi, ma la città mantenne ancora a lungo il suo prestigio come sede della conoscenza.

Rodi non si dipese mai da questo disastro. Le sue scuole conservarono tuttavia la loro reputazione. Tibère al tempo della sua disgrazia, risiedé nell’isola. Questa fu infine privata della sua autonomia da Claude che lo incorporò alla provincia dell’Asia (44) liberata nuovamente, essa fu definitivamente allegato da Vespasien, in 70 dopo J. - C. sotto Costantino, essa fu collegato alla provincia delle isole e fu il capoluogo.

In occasione della divisione dell’impero romano, in 395 dopo J. - C., Rodi e le altre isole “dello Provincia Insularum„ sono collegate all’impero bizantino.

Il christianisation di Rodi
Nell’anno 57 dopo J. - C., Paul (all’origine Saül) di tarso, che diventerà più tardi Saint Paul, visita Rodi e vi predica il vangelo.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Il colosso di Rodi
Argomenti vicini
La storia di Rodi nell'antichità
La storia di Rodi nell'impero bizantino
La storia di Rodi al tempo dei cavalieri
La storia di Rodi sotto il giogo otomano
La storia moderna di Rodi
Rodi in letteratura
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva del Rodi
Informazioni turistiche su Rodi
La geografia di Rodi
La storia di Rodi
La città di Rodi, Rodi
La costa occidentale di Rodi
La costa orientale di Rodi
La costa meridionale di Rodi
La flora e la fauna di Rodi

Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.