AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

La storia moderna di Rodi

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Argomento seguente] [Pagina d’inizio] [Grecia] [Via Gallica]

RubricheRubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Il Rodi collegato all’Italia
Prefettura di Rodi. Clicca per ingrandire l'immagine.Il Rodi restò sotto la sovranità ottomana fino al 1912, data nella quale fu conquistata dagli italiani durante la prima guerra mondiale.

Nel settembre 1911, l’Italia dichiarò guerra all’impero otomano allo scopo di conquistare le tre province che i Turchi possedevano ancora in Africa, che sono oggi conosciute sotto il nome di Libia. La conquista della Libia si rivelò più difficile del prevista, e, allo scopo di forzare l’impero otomano a chiedere la pace, l’Italia, che aveva una supremazia navale totale, scaricò a Rodi e, in alcuni giorni, occupò l’isola. Gli italiani occuparono anche l’isola di Cos e dieci altre isole: quest’isole che erano conosciute poiché Sporades del sud fu rieletto Dodecanese, il loro nome attuale. Il possesso del Dodecanese da parte dell’Italia fu riconosciuto dal trattato di Lausanne del luglio 1913.

L’eredità dell’Italia fascista è soprattutto visibile nella città nuova. Quest’architettura arte decorazioni è caratterizzata da edifici di forme semplici agli angoli arrotondati. Gli italiani hanno lasciato molto più costruzioni in 30 anni che i loro predecessori quasi in quattro secoli: si devono loro in particolare il restauro o la ricostruzione di un certo numero di costruzioni medioevali, ma anche la rete stradale dell’isola, fra cui due principali le strade.

Importanti lavori archeologici, scavi e restauri sono stati intrapresi dagli italiani, in particolare l’emissione dell’acropoli e la ricostruzione del palazzo dei grandi padroni che si possono ancora ammirare attualmente.

Gli italiani predominarono l’isola fino al 1943, sostituiti dai tedeschi alla caduta di Mussolini. La guerra prese fine a Rodi soltanto nel maggio 1945.

L’isola fu in seguito diretta dagli inglesi della fine della seconda guerra mondiale fino al 1948.

Il Rodi rimesso alla Grecia
Nel marzo 1948, il Trattato di Parigi mette un termine all’occupazione straniera, ed il Rodi, come tutto il Dodecanese, è finalmente collegato al regno della Grecia, diventato repubblica nel 1973.

I britannici la rimetteranno alla Grecia nel 1949, anno dove si conclude la guerra civile greca.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
La storia di Rodi nell'antichità
La storia di Rodi nell'impero bizantino
La storia di Rodi al tempo dei cavalieri
La storia di Rodi sotto il giogo otomano
La storia moderna di Rodi
Rodi in letteratura
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva del Rodi
Informazioni turistiche su Rodi
La geografia di Rodi
La storia di Rodi
La città di Rodi, Rodi
La costa occidentale di Rodi
La costa orientale di Rodi
La costa meridionale di Rodi
La flora e la fauna di Rodi

Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ] [ Argomento seguente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.