AlbaniaGermaniaInghilterraArmeniaPaese bascoBielorussiaBulgariaCatalognaCroaziaDanimarcaSpagnaEstoniaFinlandiaFranciaGaliziaGallesGeorgiaGreciaUngheriaIrlandaIslandaItaliaImpero romanoLettoniaLituaniaMacedoniaMaltaNorvegiaPaesi BassiPoloniaPortogalloRomaniaRussiaSerbiaSlovacchiaSloveniaSveziaCechiaUcraina
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.
Ricerca personalizzata

Il villaggio di Sumartin, isola di Brač in Croazia

[Argomento precedente] [Argomento ascendente] [Pagina d’inizio] [Croazia] [Via Gallica]
Rubriche[Fotografie] [Presentazione] [Posizione] [Visite] [Cultura] [Informazioni pratiche] [Altri temi]Pagina pubblicata

PresentazionePresentazione

Presentazione genericaGeneralità
Il porto. Clicca per ingrandire l'immagine.Sumartin è un piccolo porto, di circa 600 abitanti, situato alla punta è dell’isola di Brač in Croazia.

Il villaggio è la località più recente dell’isola; fu fondato in 1646 da profughi di Makarska che fuggono le invasioni turche. È il motivo per cui gli abitanti di Sumartin e dei suoi dintorni parlano il dialetto chtokavien (štokavski), il principale dialetto croato, mentre il resto dell’isola parla il dialetto tchakavien (čakavski), il dialetto parlato nel nord della Croazia. Il villaggio a lungo è stato anche isolato, a causa di cattive comunicazioni con il resto dell’isola, ed ha sviluppato una mentalità e modi vestimentari leggermente diversa.

Sumartin è un luogo di villeggiatura relativamente calma e pacifica, che si anima soltanto all’arrivo della traversata marittima di Makarska.

Il villaggio di Sumartin appartiene amministrativamente al comune di Selca nella contea di Split-Dalmazia.

EtimologiaEtimologia
In un passato lontano (1320), la baia di Sumartin si nominava Sitno, secondo la pianta “siti„, il giunco marittimo (Joncus maritimus) che jonche il suolo umido dei dintorni.

Più tardi, la località si nominò Vrh Brača (lo è di Brać), dove vrh significa l’est, a causa della sua situazione sull’isola di Brać.

Il nome di San Martino fu dato alla chiesa del villaggio dai primi abitanti, in omaggio a Martin santo di Tours. Alla fine del xixo secolo, il nome di Sumartin fu dato al villaggio da imitazione di altre località dell’isola, come Supetar (San Pietro) o Sutivan (San Giovanni).

All’epoca veneziana, Sumartin si nominava San Martino in italiano.

SituazioneSituazione

L'entrata del porto. Clicca per ingrandire l'immagine in Fotolia (nuova unghia).Sumartin è situato in fondo ad una delle baie della costa sudorientale dell’isola di Brać, a riviera di Makarska.

Il porto è protetto dei venti del nord dal capo Sumartin (Rt Sumartin).

Il capo Sumartin. Clicca per ingrandire l'immagine.

VisiteVisite

La chiesa San Martino
La chiesa San Martino d’origine fu costruita in 1747 dal poeta famoso dalmate, il fratello Andrija Kačić Miošić, quando fu nominato abbot del monastero.

La chiesa parrocchiale attuale è stata costruita dal 1911 al 1913 e dedicata a Martin santo prima della prima guerra mondiale. I autels di marmo sono stati realizzati e decorati di mosaici da P. Bilinic nel 1912. Le tombe attorno alla chiesa ricordano la peste disastrosa di 1783-1784 che fece perire una grande parte della popolazione.

Il campanile della chiesa fu distrutto nel 1944 nel bombardamento della città con anglo-américains; la chiesa fu ricostruita ed aumentata nel 1955.

Il monastero Francescano
Il monastero francescano (autore Ante Perkovic). Clicca per ingrandire l'immagine.Francescani arrivò a Sumartin in 1645; la loro Comunità diventò molto attiva a partire da 1738 ed ottenne lo statuto di monastero. In 1747, il fratello e poeta Andrija Kačić Miošić furono eletti abbot di Sumartin ed intrapresero la costruzione di un nuovo monastero.

La chiesa San Martino (autore Kelovy). Clicca per ingrandire l'immagine.Il monastero, mascherato da una vegetazione spessa, con i suoi giardini modesti ed orti, individua un’atmosfera piacevole; il suo museo possiede una raccolta interessante di libri rari, scritti a mano ed opere d’arte dei xviio e xviiio secolo (scuola veneziana), in particolare “un’ultima cena„ dell’inizio del barocco (seconda metà del xviio secolo).

All’esterno, una targa testimonia che nel 1944 il monastero fu requisito dai tedeschi per fungere da ospedale ed i moines furono forzati di lasciarlo.

La chiesa San Nicola (Crkva Svetog Nikole)
La chiesa paleocristiana San Nicola (Sveti Nikola) costruita sul vertice dell’altezza Kruska offre una vista spettacolare sul paesaggio circostante ed il mare.
Le spiagge
Il capo Sumartin (auteur Honza Beran). Clicca per ingrandire l'immagine.Nei dintorni immediati di Sumartin si trovano alcune fessure calme ed intime (Rasotica, Zukovik, Radonja, Studena, Zvirje et Spilice) con spiagge di sabbia e di ghiaia.
Il Porto
L'entrata del porto. Clicca per ingrandire l'immagine.L'entrata del porto. Clicca per ingrandire l'immagine.L'entrata del porto. Clicca per ingrandire l'immagine.

Storia e tradizioniStoria, letteratura, arti, tradizioni, leggende, religioni, miti, simboli…

StoriaStoria
Il territorio dell’attuale località di Sumartin apparteneva al XIIe e XIIIe secoli all’importante abbazia di Povlja.

Il villaggio di Sumartin fu fondato l’11 novembre 1646 da parte di profughi in provenienza dall’entroterra di Makarska, di Bosnia e d’Erzegovina che fugge dinanzi alla proiezione dei Turchi ottomani (epoca della Guerre di Creta tra veneziani e turchi). I profughi erano condotti dai moines francescanos già stabiliti vicino a questa baia chiamata Sitno. I nuovi arrivi non poterono ottenere terre da coltivare, già tutte occupate, e durano girarsi verso la pesca, la navigazione e la costruzione navale.

PersonaggiPersonaggi
Il più famoso degli emigranti di Sumartin verso gli Stati Uniti è certamente Mario Puratić. Quest’ultimo inventò nel 1955 “il blocco Puratic„ o “power block„ che facilita il lavoro dei pescatori per sollevare le reti da pesca. Mario Puratić ricevé negli Stati Uniti il prezzo dell’inventore dell’anno nel 1975.
EconomiaEconomia
Le principali attività economiche di Sumartin sono l’agricoltura, la viticoltura, l’olivicoltura, la pesca ed il turismo, ancora poco sviluppato.

Il cantiere navale di Sumartin è uno degli ultimi in Adriatico da continuare la costruzione tradizionale di navi in legno.

InformazioniInformazioni pratiche

Tempo e previsioni
Trasporti
Il porto (autore Kelovy). Clicca per ingrandire l'immagine.Grazie al suo porto di traversate marittime, Sumartin è, oltre a Supetar ed a ciotola, una delle tre porte d’accesso marittimo all’isola di Brać.

Jadrolinija (www.jadrolinija.hr) garantisce 5 passaggi al giorno tra Makarska e Sumartin in luglio ed agosto; 4 passaggi in giugno e settembre; 50 min d’incrocio.

Telefono: 00.385 (0) 21.648.224

Orari delle traversate marittime Makarska-Sumartin. Clicca per ingrandire l'immagine.

HotelHotel
RistorantiRistoranti
Grazie all’importante flotta peschereccia di Sumartin, i ristoranti locali possono servire da pesce fresco tutti i giorni. Altre specialità locali sono la carne d’agnello, i formaggi, il miele ed il vino.

Altri argomentiAltri argomenti

Filiazione dell’argomento
Argomenti più dettagliate
Argomenti vicini
Il villaggio di Novo Selo, isola di Brač in Croazia
Il villaggio di Povlja, isola di Brač in Croazia
Il villaggio di Sumartin, isola di Brač in Croazia
Argomenti più ampi
Inizio
Carta interattiva dell'isola di Brać in Croazia
La città di Supetar, isola di Brač in Croazia
La città di Postira, isola di Brač in Croazia
La città di Pučišća, isola di Brač in Croazia
La città di Selca, isola di Brač in Croazia
La città di Bol, isola di Brač in Croazia
La città di Nerežišća, isola di Brač in Croazia
La città di Milna, isola di Brač in Croazia
La città di Sutivan, isola di Brač in Croazia
Argomento precedente ] [ Argomento ascendente ]
Raccomandare questa pagina :
Raccomandare questo sito :
Ricerca personalizzata
Se avete raggiunto questo quadro direttamente, clicca su questo legame per rivelare i menu.